martedì 12 settembre 2017

Eduardo De Filippo, Pazzianno c’ ‘o suonno

L'arte della Commedia

Immagine da  "La Stampa


Questa  poesia di Eduardo De  Filippo,  "Pazzinno c’ ‘o suonno, fu scritta nel 1961: circa un  anno dopo la morte della figlia Luisella di 10 anni (5 gennaio 1960). Il dolore è forte e lui sa che il vuoto dentro di se, resterà per sempre. La sua voce, nel silenzio della notte, lui la vuole  ascoltare - Papà! -  ma il sonno spietato, duro, invincibile, prepotente, alla fine vince sempre.

Immagine da  "La Stampa

Pazzianno c’ ‘o suonno

papà!
Sta voce soia,
forte e lintana.
Arriva fino a me,
zitta e vicima.
Papà!
Pè tutt’a casa
‘e notte,
dint’ ‘o scuro
corre p’ ‘e stanze
pè se fa sentì.
Papà!

Ve sarrà capitato pure a vvuie
‘e sta ancora scietato
quanno ‘o suonno pazzèa cu ll’uocchie vuoste
e se mbruscine
pè copp’ ‘a pelle
e nfronte
e ncopp’ ‘e bracce
‘e mmane
p’ ‘e spalle
e p’ ‘e capille…
E vvuie sapite
ca quann’isso pazzèa
sta cchiù scetato e vuie
pè ve piglià.
Comme facite vuie
facc’io c’ ‘o suonno.

M’ ‘o tengo amico,
già.
Pecché sapenne ‘o tipo,
cumm’ è cucciuto,
e cumm’è prepotente,
faccio avvedè
ca saccio ch’ è putente,
ca nun resisto a sti carezze soie…
Ma nun se fa fà scema,
‘o ssape
e aspetta.
Vence semp’ isso,
pecché sempe me piglia a tradimento.
Mentre ‘o suonno pazzèa
tanno
sta voce arriva:
Papà!
E io l’aspetto!

Ma nun vene ogni notte.
Si nun vene,
che pozzo fa?
Suonno, pienzece tu,
pazziàmmo nzieme,
ma senza pressa,
aspetta n’atu ppoco,
sempe tu vince,
‘o ssai,
ma primma o doppo
che male te pò fa?
Cumm’infatti, è venuta…
Forte e luntana,
arriva fino a me
zitta e vicina:
Papà!
Immagine da  "La Stampa"

Immagine da  "La Stampa"

Immagine da  "La Stampa"

Immagine da  "La Stampa"


Immagine da  "La Stampa"

*****

L'arte della Commedia

Curatore Bruno Esposito

Su Facebook

https://www.facebook.com/EduardoDeFilippoLarteDellaCommedia/

Nessun commento:

Posta un commento