lunedì 13 giugno 2016

TESSERA E RAZIONAMENTO IN NAPOLI MILIONARIA

L'arte della Commedia



TESSERA E RAZIONAMENTO IN NAPOLI MILIONARIA



Il 1° settembre del 1939 la Germania invase la Polonia, dando inizio alla seconda guerra mondiale. L'Italia si preparò ad una economia di guerra che associò al programma di autarchia già messo in atto precedentemente dal governo.
Per i generi di prima necessità furono istituiti dei centri nei quali gli agricoltori erano obbligati a conferire la maggior parte dei loro prodotti, che venivano poi distribuiti alla popolazione sotto il controllo dello Stato. 
Eduardo accenna a questi centri nel primo atto di Napoli Milionaria, quando Gennaro Jovine discute con Errico Settebellizze del rischio che si correva a praticare la borsa nera:


Amalia - ...... 'O sicondo matarazzo è tutto cafè.

Gennaro - (si avvicina al letto, palpeggia il materasso in questione; esclama) Sia fatta 'a vuluntà d' 'a Madonna! Sotto ce sta 'o riesto... Pasta bianca... Olio... Formaggio...  Don Erri', quelle pezze di formaggio che avete portate... se le potete smaltire... Perché la notte non si respira.

Errico : - Don Genna', nu poco 'e pacienza. Io cu sta partita 'e furmaggio aggio passato nu guaio...

Gennaro : - (deciso) Pure si ce avit' 'a perdere quacche cosa... Ma se ne guadagna salute... Sapete, mo 'a sera fa nu poco 'e frischetto e quanno se nzerra 'o vascio non si resiste... Io vi giuro ca 'e vvote, 'e notte, quanno sento l'allarme, dico: meno male, la liberazione!

Errico : - Vi ripeto ... un poco di pazienza.

Gennaro : - (tornando al discorso di prima e mostrando di nuovo il letto) Zucchero, Farina... Nzogna... (grattandosi la nuca preoccupato) Abbiamo fatto il centro dell'ammasso... (E si avvia di nuovo verso il fondo).

I criteri su cui si basava il controllo governativo erano fondamentalmente il razionamento e l'imposizione di un calmiere sui prezzi. 
Il 10 gennaio 1940 il governo decise di fornire a tutti i cittadini  una carta annonaria individuale, dotata di un certo numero di cedole, per acquistare a prezzi calmierati i prodotti che man mano sarebbero stati indicati.
Il  primo prodotto razionato fu il caffè. Ogni consumatore doveva registrare, entro il 27 successivo, la propria carta annonaria presso un fornitore. Raccolte le iscrizioni, il fornitore doveva trasmettere l'elenco all'ente distributore che gli avrebbe consegnato la quantità di caffe richiesta, da distribuire ai clienti il 10 febbraio successivo.
Il razionamento del caffè peggiorò nel corso della guerra. Nel 1942, anno in cui Eduardo ambienta il primo atto di Napoli Milionaria, il caffè veniva mischiato con altri prodotti, i cosiddetti 'surrogati', in particolare orzo e cicoria. Il vero caffè si trovava solo in borsa nera e chi la praticava organizzava spesso una mescita della bevanda nella sua stessa casa. 
Nel vico di Napoli Milionaria si prepara il caffè in casa Jovine ed anche nel basso di donna Vicenza :

Maria R. - (alludendo a donna Vicenza) Chella è na faccia verde, fàveza e mpechèra... Quanno veneva dint' 'o vascio nuosto, mammà lle deva 'a tazza 'e cafè, 'e vvesticciolle vecchie pe' chella scignetella d' 'a figlia, l'uovo frisco... Già, chella mammà addo' vede e addo' ceca... Se mparaie a chillo ca ce porta 'o ccafè a nuie, e ss' 'o ffacette purta' pur'essa... Mo, nun solo s'è miso a vénnere 'o ccafè dint' 'o vascio suio, ca sta poco luntano d' 'o nuosto, ma quanto 'o ffa pava' a ddoie e cinquanta... Meza lira 'e meno.

Gennaro - Il Gran Caffè d'Italia ha fatto concorrenza al Gambrinus.

Maria R. - (non badandogli) E po' va dicenno a tuttu quante ca dint' 'o ccafè ca facimmo nuie, ce sta 'o ssurrogato!


L'Italia entrò in guerra, al fianco della Germania, il 10 giugno del 1940, senza alcuna preparazione nè civile nè militare.
Per i rifornimenti di qualunque genere, la priorità fu data all'esercito, per cui ai civili fu imposto di ridurre al minimo indispensabile i loro consumi privati. Per evitare accaparramenti lo Stato introdusse la tessera annonaria che regolava in particolare la distribuzione dei prodotti alimentari ed il loro prezzo. 
La tessera annonaria stabiliva anche la quantità di cibo che un civile poteva acquistare in un certo periodo di tempo.
Alla fine del 1940 erano stati razionati generi come pasta, farina, riso, granturco, grassi e benzina. 
Ad ottobre, ad esempio, chi aveva la tessera annonaria ricevette 100 grammi di fagioli, 50 gr. di salumi. 80 gr. di carne di maiale, un decilitro di olio, 200 gr. di burro e solo un kg di patate, 100 gr. di sugna e circa un chilo di riso e pasta. Erano scomparsi la carne di manzo e la verdura. Si riceveva una saponetta da 100 gr. ogni due mesi e per chi fumava, tre sigarette al giorno. E si era solo all'inizio. La scarsità dei generi alimentari ed anche di molti altri, fu attribuita  all'assenza dai campi della maggior parte degli uomini validi, aggravata dai continui bombardamenti ai quali Napoli era sottoposta. Inoltre la già scarsa produzione di generi alimentari, veniva in gran parte assorbita dall'esercito, mentre molta di quella destinata ai cittadini veniva dirottata verso il  mercato nero a prezzi altissimi.

Amalia - (gridando) Io nun abbusco niente!

Gennaro - (con lo stesso tono, rifacendola) E allora nuie comme campammo? Famme capi' stu miraculo comme succede. Magnammo cu 'a tessera? Ma a chi 'o vvuo' fa' credere? È in mala fede chi crede na cosa 'e chesta... Magnammo cu 'a tessera... E nun sarnemo già cadaveri scheletriti colore avorio cinese? Io nun abbusco cchiù niente, pecché a ppoco 'a vota levano tutt' 'e tramme 'a miezo... 'O «tre» abulito, 'o «cinche» abulito... 'o «sidice» abulito... (allude ai numeri delle vetture tranviarie) Licenziamenti, aspettative... Stiamo più della metà dei tranvieri a spasso...

Amalia - (ponendogli il problema perché lo risolva lui) E allora che s'ha da fa'?

Gennaro - E si nun me faie parla'. Stevo dicenno che avevo capito na cosa... E mo nun me ricordo. (Resta come assorto; poi d'improvviso) Ah sì... 'A tessera... Dunque... Se con la tessera nun se po' campa'... (Perde di nuovo il filo del suo pensiero; se ne adonta; mormora) Sango d' 'a Marina, io avevo capito... Avevo capito proprio come si deve fare per vivere dignitosamente, senza ricorrere a questo guaio della borsa nera... (Trova il concetto) Ah! Se colla tessera nun se po' campa', allora si deve ricorrere alla borsa nera... Si deve vivere col pericolo che ti arrestano, che vai carcerato... (Non sa più dove parare con le sue argomentazioni; cedendo ad una ineluttabilità, dichiara con un tono umano, comprensivo) Ama', stàmmece attiente... (Si alza e fa per andare).





Eduardo De Filippo, l'uomo e L'arte della Commedia
Blog creato da Bruno Esposito
Autore associato: Anna De Vita
Seguici anche su Facebook, siamo già in tanti - Qui: Eduardo De Filippo e L'arte della Commedia.
Grazie per aver visitato il nostro blog.

Nessun commento:

Posta un commento