domenica 19 giugno 2016

EDUARDO : IL ''CALMIERE'' DI GENNARO JOVINE

 L'arte della Commedia

   
EDUARDO : IL ''CALMIERE'' DI GENNARO JOVINE
da ''Napoli Milionaria'', 1945, atto primo

La trasposizione televisiva delle opere di Eduardo ha avuto il merito di diffonderle in una gran parte di pubblico che non aveva avuto la possibilità, o l'interesse, di vederle in teatro.
Il lato negativo è stata  la necessità di adattare il testo alle esigenze di un tale tipo di trasmissione, riducendo o eliminando alcune parti del copione.
Nell'edizione televisiva del 1962 di 'Napoli Milionaria', ad esempio, manca la spiegazione che Gennaro Jovine dà del calmiere e che riportiamo di seguito:

GENNARO (Arresta la sua insaponatura e comincia a provar gusto a quanto va dicendo) - E il calmiere? Quello mo' sembra una cosa semplice? E io vi dico che il calmiere è stato e sarà sempre la rovina dell'umanità. Calmiere. Pare bella pure 'a parola. Calmiere. Tu dici: questa è una cosa che ti vuole calmare... Tu qua' calmare? Quella è l'origine di tutti i mali. pecché, quanno tu, governo, miette 'o calmiere, implicitamente alimenti l'astuzia del grossista e del dettagliante... Succede 'o gioco 'e prestigio... (accompagna quest'ultima frase con un gesto come a voler dire: il furto) e il povero consumatore tiene tre vie d'uscita : o se more 'e famma, o va 'a lemmòsena, o va ngalera...

Mormorio di consensi.

GENNARO - Il mio progetto, il mio disegno di legge, se ci avessi voce in capitolo...

(Dal fondo sono entrati Errico Settebellizze e Peppe 'o Cricco di cui Eduardo dà la descrizione) 

ERRICO  (a Gennaro) - Dunque?

GENNARO - E dunque... Il mio disegno di legge... (vuole riepilogare). Si parlava della mancanza dei generi... Io sostenevo che la robba c'è, ma che è il calmiere che la fa squagliare... Vedete... Il calmiere è una cosa complessa... Non basta una spiegazione fatta così semplicemente, per fare due chiacchiere a primma matina... No! Ci vorrebbero mesi e mesi, anni ed anni per sviscerare questa maledetta parola... la qualità e l'applicazione... E forse non basterebbe tutta la carta del mondo e tutto l'inchiostro dell'universo, se poi un uomo volesse scrivere il risultato del trattato...

ERRICO (convinto) - Ma na cosa svelta nun se po' fa?

GENNARO - Un momento. Sto parlando.

PEPPE - Don Genna', io nun tengo pacienza. E quann' 'a gente parla assaie, nun ve pigliate collera, me scoccio e me ne vaco.

GENNARO -  E si te ne vuo' i', vatténne!

ERRICO (a Peppe 'o Cricco) - 'Assànce sèntere. Don Genna', continuate.

GENNARO - Ci vorrebbero, come vi dicevo, anni e anni. Ma io per non farvi perdere tempo e per non scocciare a Peppe 'o Cricco, pur non essendo uomo di lettere e senza ca m'intendo di politica, cercherò di spiegarvi quello che i guai e 'a cattiveria degli uomini hanno spiegato a me, durante la mia tribolata vita di cittadino onesto e soldato della guerra passata, che ha servito la patria con fedeltà ed onore! Tengo 'o cungedo... (Vorrebbe andare a prenderlo per mostrarlo; ma gli altri lo fermano con un gesto come per dire: '' P'ammore 'a Madonna", '' Ve credimmo", " Chi lo mette in dubbio! ") Dunque... Il calmiere... Il calmiere, secondo me, è stato creato ad uso e consumo di certe tale e quale persone... che sol perché sanno tènere 'a penna mmano fanno 'e prufessure, sempe a vantaggio loro e a danno nostro. Danno morale e materiale; quello morale prima e quello materiale dopo... E me spiego. Il calmiere significa praticamente : « siccome tu nun saie campa', levate 'a miezo ca te mpar' io comme se campa! » Ma nun è ca nuie, cioè 'o popolo nun sape campa'... È il loro interesse di dire che il popolo è indolente, è analfabeta, non è maturo... E tanto fanno e tanto diceno, ca se pigliano 'e rrétene mmano e addeventano 'e padrune.

GENNARO - Popolo e prufessure se mettono allora a dispietto. 'E prufessure pigliano provvedimente pe' cunto lloro e 'o popolo piglia pruvvedimente pe' cunto suio. E a poco a poco tu hai l'impressione ca niente t'appartiene, ca 'e strade, 'e palazze, 'e ccase, 'e ciardine, nun è robba toia... Ma ca è tutta proprietà 'e sti prufessure. Ca lloro se ne ponno servi' comme vonno, e tu non si' padrone manco 'e tucca' na preta. 
Po', in queste condizioni, se fa 'a guerra. "Chi ha voluto 'a guerra?" "Il popolo" — diceno 'e prufessure. "Ma chi l'ha dichiarata?" "'E prufessure" — dice 'o popolo. Si 'a guerra se perde l'ha perduta 'o popolo; e si se vence, l'hanno vinciuta 'e prufessure. Voi mo dite : ma che c'entra questo discorso con quello che stavamo dicendo? E c'entra. Perché il calmiere è una delle forme di avvilimento che tiene il popolo in soggezione ed in istato di inferiorità. Il mio disegno di legge sarebbe quello di dare ad ognuno una piccola responsabilità che, messe insieme, diventerebbero una responsabilità sola, in modo che sarebbero divisi in parti uguali, onori e dolori, vantaggi e svantaggi, morte e vita. Senza dire : io sono maturo e tu no!

I presenti approvano.

I presenti hanno ascoltato con attenzione e sembrano convinti. Soltanto...

PEPPE (confessa, candidamente) - Don Genna', io nun aggio capito niente...

GENNARO - E si tu àvisse capito, nun ce truvarnemo accussì nguaiate.

Gennaro ripiglia a insaponarsi il viso.

PEPPE - Don Genna', e per la circolazione delle macchine, data la mancanza d' 'a benzina, avite pensato niente?


GENNARO (scherzoso) - Un altro disegno di legge. Ogni automobile nove autisti: uno al volante ed otto allo spinterògeno.





Eduardo De Filippo, l'uomo e L'arte della Commedia
Blog creato da Bruno Esposito
Autore associato: Anna De Vita
Seguici anche su Facebook, siamo già in tanti - Qui: Da Scarpetta ad Eduardo, una famiglia di artisti e L'arte della Commedia.
Grazie per aver visitato il nostro blog.





Nessun commento:

Posta un commento