mercoledì 25 maggio 2016

EDUARDO : IL RITORNO A CASA DI GENNARINO JOVINE

                                     L'arte della Commedia



 EDUARDO : IL RITORNO A CASA DI GENNARINO JOVINE
                                   da ''Napoli Milionaria'', atto II, il ritorno dalla guerra

                                          *
Eduardo scrisse ''Napoli Milionaria'' nel 1945, alla fine della II guerra mondiale.
Attraverso la storia della famiglia Jovine, egli raccontò, nel primo atto, ciò che era accaduto a Napoli dal 1942 alla fine del 1943, mentre nel secondo e nel terzo atto gli avvenimenti che si erano, e ancora si stavano verificando nell'immediato dopoguerra.
A riempire il ''vuoto'' cosi creatosi, Eduardo inserisce il monologo di Gennarino Jovine, che proveremo a rileggere nei suoi vari contenuti.

Gennarino esordisce dicendo:
'' Io me truvavo 'a parte 'o Reclusorio... Turnavo 'a Frattamaggiore addò era iuto a piglia' diece chile 'e mele e quattro chile 'e pane... Quattuordici chilometri cu quattuordice chile ncopp' 'e spalle... Nun te dico 'a fatica...  Basta! ''

A fine 1943 la città era affamata. Per trovare dei viveri era necessario girare per le campagne e Gennarino era stato a Frattamaggiore, un paese a 14 km da Napoli, dove si era caricato sulle spalle  14 chili tra pane e mele. Sempre a piedi era arrivato a Napoli, nella zona di Piazza Carlo III, nelle vicinanze dell'Albergo dei Poveri, che i napoletani chiamavano Reclusorio da quando, nel 1937, era diventato sede del Tribunale dei Minorenni e dal relativo Istituto di Rieducazione per minori.
''Pe' miezo 'a via se spargette 'a voce ca ci doveva essere il bombardamento dal mare... «Fuìte! 'O ricovero» «Bumbardano 'a mare!» «So' 'e ccurazzate americane!» «Iatevenne 'o ricovero». 
Io pensavo a te, pensavo 'e figlie... Comme ce ievo 'o ricovero? Bombardate a' do' vulite vuie... 'A mare, 'a cielo, 'a terra, 'a sotto terra... Io arrivo 'a casa e me menaie... sempe ch' 'e quattuordice chile ncopp' 'e spalle... E chi 'e llassava... ''

Siamo al 23 settembre 1943 quando una nuova misura repressiva adottata dal colonnello Walter Schöll prevedeva lo sgombero (entro le ore 20 dello stesso giorno) di tutta la fascia costiera cittadina sino ad una distanza di 300 metri dal mare; in pratica circa 240.000 cittadini furono costretti ad abbandonare in poche ore le proprie case per consentire la creazione di una "zona militare di sicurezza" che sembrava preludere alla distruzione del porto.

'' P' 'a strada se sparava 'a tutte parte... Ma ch'era l'inferno? 'A copp' 'e ccase... 'a dint' 'e puteche... 'a sotto 'e fugnature... Gente ca fuieva... 'E mmitragliatrice... 'E tedesche... 'E muorte nterra... Mmiezo a chillo fuie fuie... avette na vuttata... E cadette io, 'o pane e 'e mele! Sbattette cu 'a capa nterra, m'arapette tutto chesto...  Me ricordo sulo chesta mano chiena 'e sango...  Sentenno sempe spara', perdette 'e senze...  Chi sa chelli mmele chi s' 'e mangiaie... ''

Eduardo accenna alle Quattro Giornate di Napoli. Un manifesto del prefetto aveva intimato la chiamata al servizio di lavoro obbligatorio per tutti i maschi di età compresa fra i diciotto e i trentatré anni, in pratica una deportazione forzata nei campi di lavoro in Germania. Al comando avevano risposto solo 150 persone contro i 30.000 previsti, per cui fu affisso un altro proclama che minacciava la fucilazione per gli inadempienti.
Gennarino Jovine racconta di non essersi reso conto in un primo momento di essere stato catturato dai tedeschi :

''Quanno po' accuminciaie a capi', diciamo, che mi tornava il sentimento, me sentevo astrignuto, affucato, e sentevo voce 'e gente ca alluccava... Io me vulevo movere, ma nun putevo... 'E ggamme capivo ch' 'e ttenevo... ma nun m' 'e ssentevo...   Forse stongo sott' 'e mmacerie 'e nu ricovero, cu ata gente ncuollo...

Solo in un secondo momento si rende conto di trovarsi nel vagone di un treno merci, dove i tedeschi erano soliti ammassare i deportati. Un viaggio infernale verso un luogo sconosciuto senza cibo e senza acqua, dove era difficile anche respirare :

''Nu rummore 'e treno ca s'avvicinava... 'O sentevo 'a luntano... E po' cchiù forte... E stu ricovero curreva, curreva... Io allora nzerraie ll'uocchie pe' sèntere meglio... Dico: «Ma allora è treno?» Io sentevo 'o rummore d' 'e rrote... Era treno! Nu poco 'e luce ca traseva e asceva... Pe' quantu riempo? E chi 'o ssape... Po' nu silenzio... E a poco a poco me sentevo sempe cchiu libero... Sempe cchiù spazio ca me putevo movere... Sempe cchiù luce... Sempe cchiu aria ca putevo respira'... Gente ca se muveva... Ca scenneva 'a dint' 'o treno. E appriesso a loro scennette pur'io... Addo' stevo? A quale paese? E chi 'o ssape! ''

Nel campo di concentramento :

''Me mmedecàieno 'a ferita dint' 'a nfermaria da campo e, doppo nu paro 'e iuorne, nu sergente tedesco vulette sape' 'a me io che mestiere sapevo fare... Io, cu na paura ncuorpo, penzaie subito, dicette : «Ccà mo si dico ca faccio 'o tranviere, chisto dice..: - Qua tram non ce ne sono... Voi siete inutile... - Paraparapà... E ti saluto..''

Il rapporto con il sergente tedesco :

''Me quadraie nu poco e dicette: - Faccio il manovale... Alzo le pietre...  E n'aggio aizàte prete, Ama'... Senza magna', senza vévere, sotto 'e bumbardamente... L'avett' 'a riusci' simpatico pecché veneva a parla' sempe cu me... Io nun 'o capevo e dicevo sempe ca si... E accussì se ne passaieno tre mise...''

Eduardo immagina la sofferenza e il trattamento inumano che avevano subito tutti i prigionieri dei campi di concentramento e fa dire a Gennarino:
''Po' me ne scappaie nzieme a ciert'ati napulitane... Ce cumbinaime... 
S'avutaie uno, dicette. - «P'ammore 'a Madonna, chille ce sparano». 
«E ce sparano, - dicette io - Meglio la morte!» 
Nun era vita Ama'...''

Furono molti i prigionieri in fuga e molti anche i militari italiani allo sbando dopo l'armistizio dell'8 dicembre che andavano a unirsi ai partigiani o cercavano di ritornare alla loro casa, come Gennarino Jovine:  
E accussì, 'e notte, paise pe' paise...  O ncopp' 'a na carretta... O ncopp' 'a nu staffone 'e treno... O a ppede... Aggio cammenato cchiu io... Che sacrileggio, Ama'... Paise distrutte, creature sperze, fucilazione... E quanta muorte... 'E lloro e 'e nuoste... E quante n'aggio viste...  'E muorte so' tutte eguale...

Ha avuto molto tempo per riflettere Gennarino. Il monologo si chiude con una commossa considerazione, che diventa quasi una preghiera nel momento in cui la condivide con la moglie:

''Ama'... E io so' turnato 'e n'ata manera, 'o ssa'? Tu te ricuorde quann'io turnaie 'a ll'ata guerra, ca ghievo truvanno chi m'accedeva? Nevrastenico, m'appiccecavo cu tuttu quante...  Ma sta vota, no! Chesta, Ama', nun è guerra, è n'ata cosa... È na cosa ca nun putimmo capi' nuie... Io tengo cinquantaduie anne, ma sulamente mo me sent'ommo overamente.  'A sta guerra ccà se torna buone... Ca nun se vo' fa' male a nisciuno...  
     Nun facimmo male, Ama'... Nun facimmo male...''  

Nessun commento:

Posta un commento