mercoledì 27 gennaio 2016

Tre cazune furtunate - ATTO SECONDO

L'arte della Commedia .

ATTO SECONDO



Una piazza, a sinistra prima quinta portone con palazzina, appresso bottega di generi diversi con mostra di diversi giocattoli e pupe di cartone, con scritto sopra «Generi diversi Liquidazione volontaria». A destra prima quinta Caffè con tavolino e due sedie di Vienna al di fuori, seconda quinta bottega di fruttivendolo con sporte di frutti al di fuori e agrumi con valanzone. Due sedie rustiche.

SCENA PRIMA

Michele seduto vicino al portone da Guardaporta e Retella seduta vicino ai frutti, poi Carmeniello, indi Totonno.

RETELLA: Michè, famme lo favore, dà na voce a sto giovene de caffettiere, me la vò portà sta tazza de cafè si o no, è mez’ora che nce l’aggio mannato a ordinà.

MICHELE: Mò ve servo. (Si alza e va vicino al Caffè.) Giovinò, la fruttaiola sta aspettanno lo ccafè, fa ambressa.

CARMENIELLO (di d.): Lesto.

MICHELE: Vulite niente cchiù?

RETELLA: Niente cchiù, grazie.

MICHELE: Non c’è di che. (Siede al portone.)

CARMENIELLO (con caffè): Ecco servito a D.a Retella!

RETELLA: Io me credeva che te l’avive scordato.

CARMENIELLO: Vuje pazziate, me scurdava de purtà lo ccafè a vuje, è stato pecché pe D.a Retebba s’addà fà sempe la cocoma fresca.

RETELLA: Bravo! Nce haje mise lo senso d’annese?

CARMENIELLO: Uh! sangue de Bacco, me l’aggio levato de mente, mò ve servo. (Via nel caffè, poi torna.)

MICHELE: (Oh, munno munno, e quanto si puorco! Chella mò sei mise fa era no misera mpagliaseggia che tirava a stiento la campata, e mò è negoziante de frutta e se fa dà lo Don, e pecché? Pe no terno de quatteciente lire che pigliaie, tenene la sorte dinto a... li capille... e io, a botte de conoscenze e raccomannazioni, appena appena potette afferrà sto posto de guardaporta. Pacienzia, non c’è che fà, meglio a fà chesto che lo scopatore).

CARMENIELLO (con bottiglia): Ecco quà l’annesse, si lo ccafè lo volite scarfà n’auta vota, io non nce metto niente.

RETELLA: No, no, è buono, non c’è bisogno.

CARMENIELLO: Comme vulite vuje. (Mette l’anice.) Commannate niente cchiù?

RETELLA: Niente cchiù, grazie. (Beve il caffè.)

CARMENIELLO: Sempe a servire. (Via nel caffè.)

TOTONNO (dalla strada a sinistra): Mannaggia all’arma de la mamma a isso e a chillo che le rimmanette li case. Buongiorno Michè.

MICHELE: Salute Totò.

TOTONNO: Vì che piezzo d’assassino, vì che core d’urzo!

RETELLA: Totò, sì ghiuto a parlà co lo patrone de casa de la commara?

TOTONNO: Comme no, io da llà vengo.

RETELLA: E che t’ha ditto?

TOTONNO: Ha ditto che non ne vò sapé niente, che si pe tutt’ogge non have li cientecinquanta lire de li tre mesate che avanza e li 34 lire de li spese che ha fatto, le manno subeto lo sequestro e lo sfratto. Mò aggio ncuntrato a Pulcinella che nce jeva pure isso co la zia ma non ne cacciano niente, non ne cacciano niente.

RETELLA: Vì che gente stanno ncoppa a la terra, vì che nfame!...

TOTONNO: Io pe me l’aggio dato lo consiglio, l’aggio ditto: stanotte, a ora tarda, sfratte la puteca e la cummarella ncoppa, lieve tutte dose, lo puorte dinto a la casa mia, rimmane sulo lo lietto, quanno e dimane che venene l’usciere e li testimone, restano co na vranca de mosche mmano.

RETELLA: Sarria buono caspita! E isso che ha ditto?

TOTONNO: Ha ditto che si lo patrone de casa assolutamente non vò aspettà n’auto ppoco, fà comme l’aggio ditto io. Stanotte leve tutte cose.

RETELLA: Ben fatto!

MICHELE: Ma sentite, io non avarria fatto maje chello che facette isso. Chillo so 300 lire che s’abbuscaje da chillo giovene pe causa de chillo cazone che le dette, se ne vene a Napole, pe se mettere a fà lo zarellaro, s’affitta sta puteca co na cammera e na saletta ncoppa e se mette nu pesone ncuollo de 50 lire a lo mese... pe forza chesto l’aveva da succedere.

TOTONNO: Pover’ommo, non ha tenuto sorte.

MICHELE: Totò, dimme na cosa, chella figliola po’ pecché è rimasta co lloro?

TOTONNO: Pecché non tene a nisciuno. Tene solamente na sora mmaretata ricca, ma non nce ha voluto j, pecché chesta odia lo frate. Intanto stammatina a miezojuorno se fà appunto la causa soja, ma nce sta tutta la speranza che se n’esce libero e franco, l’avvocato ha ditto che primme de tutto chillo che fuje ferito stette buono dinta a diece juorne, e po’ llà nce fuje la legittima difesa.

MICHELE: Neh?

TOTONNO: Sicuro, la pistola la cacciaje primme isso, nce stanno mille testimone.

RETELLA: Povero giovene, si non lo condannassero, n’avarria proprio piacere.

MICHELE: Chillo mò vestuto da scupatore se l’aveva scappata, la notte se lo jettene a pezzecà ncoppa a la locanna.

TOTONNO: Embè, che nce vuò fà. Io stammatina vaco co Pulecenella a lo tribunale. Retè, tu vuò venì?

RETELLA: E comme non veneva?

TOTONNO: Embè va t’accuonce, miettete lo scialle, pecché a n’auto ppoco nce simme.

RETELLA: Vaco, vaco. (Via nella bottega.)

MICHELE: Totò, voglio venì pure io?

TOTONNO: Patrone! E comme faje co lo palazzo?

MICHELE: Nce rimamne muglierema.

TOTONNO: E va buono.

MICHELE: Mò nce lo vago pure a dicere. (Via nel palazzo, Totonno via nella bottega.)

SCENA SECONDA

Carlo e Barone Frolli, poi Carmeniello.

BARONE (dalla sinistra strada al braccio di Carlo): Ma caro D. Carlo, abbiate pazienza, voi avete torto, io ve lo debbo dire... Ma vi pare che un signora, una dama, una nobile come la vostra rispettabilissima Consorte, puo essere trattata militarmente come la trattate voi, si capisce che dovete stare sempre in urto.

CARLO (con portafoglio con cinque biglietti di visita, ed una moneta in tasca e la pezza scozzese): (Sto cancaro de Barone me sta accommincianno a toccà li nierve!). Ma ve pare na cosa regolare che da sei mesi non aggio potuto sapé chi era quell’imbecille che steva cantanno della sera, e essa l’accompagnava a pianoforte?

BARONE: Ma ve l’ha detto tante volte, era un giovine tenore che le steva facendo sentire un pezzo di musica. Credo che non c’era nulla di male.

CARLO: E vedenno a me pecché stutaje lo mozzone de cannela, pecché se ne scappaje pe la fenesta?

BARONE: Ma chi lo sa... forse per vergogna, per essere troppo timido, in quel momento si confuse e se ne scappò. Tra noi altri nobili succede sempe, e pure nessuno ci fa caso. Queste sono inezie, sono piccolezze, nella nobiltà non si ci bada.

CARLO: E io ci bado! Per me non sono affatto inezie, sono insulti. Essa, vedete, Barò, o mi dice chi era quella carogna, come si chiamava e perché scappò dalla finestra, o altrimenti faremo sempre quistioni, non la faccio stà quieta, vì!

BARONE: Ma pensate alla nobiltà della sua famiglia.

CARLO: Che me ne preme a me de la nobiltà soja. Si essa è nobile, io sono stato un militare onesto. Quanno voleva accompagnà li cantante a pianoforte, non s’avesse spusato a me. Voi capite che dopo quel fatto, sempre che ghiesco, lo guardaporte me guarda sott’uocchie e ride, credete che sia na bella cosa? Io allora me calmo quanto aggio saputo chillo chi era e quando mi sarò vendicato!

BARONE: Ma calmatevi, calmatevi.

CARLO: Io quanno penso a chillo fatto, tremmo tutto quanto, che aggià fà?

BARONE: Prendiamo qualche cosa. (Bussa sul tavolino.) Cameriere? (Seggono.)

CARMENIELLO: Comandate.

BARONE: Cognac.

CARMENIELLO: Subito. (Via poi torna.)

CARLO: Piezzo d’animale carognone! Si l’avesse dinta a li mane, me lo magnarria a morze! Ve voglio fà vedé na cosa. (Caccia la pezza di stoffa scozzese.) Guardate.

BARONE: E che cosa è questa?

CARLO: È no piezzo de lo cazone sujo che me rimmanette mmano chella sera, sono mesi che sto giranno costa pezza ncuollo! Chi sa, finché c’è vita c’è speranza. (Il Barone ride.)

CARMENIELLO (con bottiglia e due bicchierini): Ecco servito. (Via.)

BARONE: Bevete un bicchiere di Cognac, questo vi farà bene.

CARLO: Grazie. (Beve.) Io ogne ghiuorno me ne chiavo meza botteglia ncuorpo, appositamente pe me ne scordà; ma è impossibile, è impossibile, lo pensiero va sempre llà.

BARONE (ridendo): Ah, ah, ah, caro Signor Maggiore, vi assicuro che siete un gran bel tipo.

CARLO: No Barò, un bel tipo siete voi. Io vorrei vedere che fareste alla mia posizione?

BARONE: Niente, proprio niente, anzi cercherei di trovare quel giovine per invitarlo a casa e sentire anch’io un pezzo di musica.

CARLO: E voi tenete questo coraggio, io no, io la penso diversamente.

BARONE: Basta, parliamo di cose allegre. Stasera dunque ci divertiremo. La Marchesa ha fatto diversi inviti.

CARLO: Senza dirmi niente, capite, si mette a dare una festa da ballo, senza interpellare prima il marito.

BARONE: E che male ci sta? Voi vedete tutto nero, caro Maggiore, e fatela divertire, pensate che è giovine, questo che cos’è. Ieri sera mi disse che verrà pure la Duchessa Ciberna, il Marchese Rognoni, il Conte Bomba, eh, ci scherzate?

CARLO: Io pe me non li guardo manco nfaccia.

BARONE: E fate male, caro Maggiore, fate malissimo, perché quella non è gente da non essere guardata in faccia, quelli sono nobili che onorano la vostra casa.

CARLO Oh, Barò, voi sapete che me state seccanno bastantemente! Io non ho bisogno dei mobili per farmi onore, io ho dato saggio dell’esser mio, io sono troppo conosciuto! E basta!

BARONE: Vi prego però di non alterarvi con me e non alzare la voce perché io non sono abituato ad essere trattato così! (Si alza.) Io sono il Barone Frolli! Sono un nobile! E quando una persona esce dai limiti, io la lascio e me ne vado! Ecco quello che fò. ( Via per la strada a sinistra.)

CARLO (si alza a guardarlo che va via): E io ringrazio lo Cielo che te ne sì ghiuto, pecché si stive n’auto ppoco ccà, Barone e buono te pigliave a cauce! (Viene avanti.) Voi vedete a me che me succede! La Duchessa Ciberna, il Marchese Rognoni, il Conte Bomba, io non li conosco, non saccio manco chi songo. Se mette ad invità gente senza dirme niente.

SCENA TERZA

Totonno e detto, poi Carmeniello.

TOTONNO (esce e si mette ad accomodare la frutta).

CARLO: Le voglio combinà no piattino stasera che non se lo po’ maje aspettà. Essa ha invitato tutti nobili, embè io pure voglio invità chi me pare e piace, sono il padrone di casa, sangue de Bacco. Nessuno me lo potrà impedire.

TOTONNO (dando la voce): Mela annurche e mela limoncelle, vì che bella cosa! (A Carlo:) Signò, vedite che purtualle, verace de Palermo, nce sta lo zucchero da djnto, li vulite assaggià?

CARLO: No, grazie. (Totonno va al suo posto.) Giovinò siente, viene ccà, te voglio dì na cosa.

TOTONNO (si avvicina): Commannate.

CARLO: Sì nzurato?

TOTONNO: Sissignore, eccellenza, da tre anne.

CARLO: Bravo! E a mogliereta quacche vota la fai divertì? La fai spassà no poco?

TOTONNO: Quanno nce sta lo tiempo, caro signore, pecché nuje avimma penzà a faticà. Quacche sera che vò j a vedé n’opera, me lo dice e io la porto.

TOTONNO: Totonno a servirvi.

CARLO: Totò, io stasera, tengo na festa de ballo a la casa, vuò venì tu e mogliereta?

TOTONNO: Ve pare, eccellenza, è troppo onore, ma nuje po’ non stamme tante provviste, capite?

CARLO: Non fa niente, comme vunite venite, io non nce attacco idea.

TOTONNO: E va bene, eccellenza, quanno vuje site contento, allora è n’auta cosa.

CARLO (prende dal portafoglio un biglietto da visita): Tiene, te presiente co sto biglietto de visita mio.

TOTONNO (lo prende): Grazie, eccellenza.

CARLO: Anze, tiene, ne tengo n’auti quatte; puorte pure quacche amico tujo. (Li dà.)
TOTONNO: Porto la commara e lo compare nuosto.

CARLO: Bravo! E me faje piacere.

TOTONNO: Che bella cosa, mò nce lo vaco a dicere a Retella, permettete... e grazie eccellenza... (Via nella sua bottega.)

CARLO: Mò vedimmo si non le ntosseco la serata. (Mette una moneta nella guantiera e bussa.)

CARMENIELLO: Comandate.

CARLO: Leva quà.

CARMENIELLO: Grazie. (Prende la guantiera per andare.)

CARLO: Aspetta no momento. Dimme na cosa, stasera haje che fà?

CARMENIELLO: Nonsignore, eccellenza, stasera so’ franco.

CARLO: Vienetenne a la casa mia, tengo na festa de ballo.

CARMENIELLO: Forse ve manca lo cammariere?

CARLO: Nonsignore, tu viene come invitato, viene pe te spassà pe abballà!

CARMENIELLO: Ah, aggio capito... ma vedite signò, io faccio l’amore co na stiratrice chiammata Luisella, avarria venì pur’essa, si no chella sulo non me fa venì.

CARLO: E te la puorte, me faje cchiù piacere.

CARMENIELLO: E io ve ringrazio. Nuje po’ signò, cantamme pure, sapimmo paricchie duette napoletane.

CARLO: Bravissimo! Meglio allora. (Rovistando nel portafoglio.) Una cosa me dispiace che non tengo cchiù carte de visita ncuollo.

CARMENIELLO: Embè, io po’ comme faccio pe trasì?

CARLO: A n’auto ppoco te la porto.

CARMENIELLO: Va bene, grazie eccellenza. (Entra.)

CARLO: Sangue de Bacco, voglio fà cose da pazzo, voglio fà rimmanè la gente co la vocca aperta. (Via per la strada a destra.)

SCENA QUARTA

Pulcinella e Rachele, poi Amelia.

RACHELE (con abito diverso da quello del primo atto, e migliore, e scialle): Ah! pozza sculà sperammo a lo Cielo, vì che viecchio puorco! Nce ha fatto saglì fino a lo quinto piano, addò sta de casa, inutilmente. Vì che s’ha fatto afferrà.

PULCINELLA (col pantalone scozzese e lettera scritta in tasca): Ma io lo ssapeva che non ne ricavaveme niente, perciò non nce voleva j. Va bene, dimane marinasse lo sequestro, non le voglio fà trovà mando na cucchiara de lignamme. Stanotte levamme tutte cose e lo portammo dinto a la casa de lo compare, sempre a chello che aveva da essere. Doppo che chillo acconsentiva e avesse rispettato n’auti 15 juorne, non era lo stesso? A n’auti 15 juorne chi me li deve a me 200 Lire fra mesate e spese che ha fatto?

RACHELE: Che c’entra, po’ essere che dinta a sti juorne la puteca jeva meglio.

PULCINELLA: Jatevenne zizì, mannaggia ll’arma de la puteca e quanno male la mettette, chisto è lo quartiere de lo malaurio, dinto a seje mise non aggio vennuto manco no Zerro Zerro. Ccà che saccio, crature non nce ne stanno, e delle poche che passene da ccà, li fanno schiattà a chiagnere, ma non le spennene no soldo. Accattaje 50 pupate, n’avesse vennuta una, niente, stanno tutte llà. Io si sapeva chesto, cca mmiezo non nce veneva, tanta spese non l’avarria fatte: violine, chitarrelle, tammurrielle, carusielle, cumete, io me so’ rovinato. A lo Bazar sotto porta Sciusciella, l’aggio da dà 240 lire de tutte pazzielle che m’ha date, addò li piglio. Mannaggia la sorta mia mamnaggia!

AMELIA (dalla bottega a sinistra): Guè, Rachè, Pulecenè, ve site ritirate finalmente?

RACHELE: Sì, bella mia, mò proprio. (A Pulcinella che si dispera:) Ma che vuò fà, ne vuò piglià na malatia? Quanno non nce stanne denare non nc’è che fà, uno non se po’ menà abbascio! Chi avanza, aspetta.

PULCINELLA: E già, comme la voluto aspettà lo patrone de casa.

RACHELE: E nuje stanotte levammo tutta la rrobba comme haje ditto tu e stateve bene.

PULCINELLA: E chesta pure è na cosa facele a dirse, levamme la rrobba e stateve bene, e quanno l’avimmo levata la rrobba, addò jammo? Chi nce l’affitta n’auta casa?

AMELIA: Pulecenè comme te pierde ambressa de coraggio, lasse fà lo Cielo! Seje mise fa, te ricuorde? Stive cchiù disperato de mò, e pure tutto mzieme t’abbuscaste 300 lire.

PULCINELLA: Che nc’entra, allora fuje pe causa de chillo beneditto cazone che dette a D. Eugenio.

AMELIA: Embè sperammo a lo Cielo che stammatina Eugenio fosse assoluto e isso penzarrà a tutto pe te.

PULCINELLA: Accussì sperammo.

RACHELE: Ammen, ammen, ammen...

PULCINELLA: (Me credeva che passava chillo che venneva ammennole).

AMELIA: Sì, sì, sarrà assoluto, lo come me lo dice, me l’aggio sunnato pure stanotte. Pare che è venuto allegro, contento, e nce la abbrauiato a tutte e tre. Po’ m’aggio fatto n’auto suonno accussì curiuso che non potite credere. Pare che Pulecenella era addeventato ricco, co carrozze, cavalle, massarie, palazze de casa, era proprio no gran signore. Io nzieme co isso jeva dinto a no bello landò, con due magnifici morelli, tutte quante nce guardavene e rimmanevene ncantate... e... andevinate addò jeveme?

RACHELE: Addò jveve?

AMELIA: Jeveme a fà la prima uscita pecché ereme spusate.

RACHELE: Nientemeno.

PULCINELLA: (Vi che auto suonno se va sunnamno chesta!).

AMELIA: Po’ nce simme ritirate e avimmo trovato tanta signori che nce stevene aspettanno... po’, che corrivo... mentre steveme abballammo tutte e duje, tanto bello, me so’ scetata... e me so’ trovata dinta a la cammarella mia afflitta afflitta.

PULCINELLA: So’ suonne, bella mia, so’ suonne.

RACHELE: So’ cose che non ponno succedere!

AMELIA: Sentite, che Pulcinella addeventasse ricco co carrozze, cavalle, massarie... capisco ca è ma cosa difficile, ma non già impossibile però. Riguardo po’ a la seconda cosa, pecché non potarria succedere? Che difficoltà nce sarria a m’essere marito? È no buono giovene, onesto, faticatore, che le manca? Soltanto li mezzi.

PULCINELLA: E haje ditto niente!

AMELIA: E che me ne mporta a me, io sarria contenta, sì, sarria contenta, pecché da piccerella t’aggio voluto sempe bene, e doppotutto chello che avite fatto pe me, doppo d’essere stato seje mise vicino a vuje, sento che non tenarria cchiù lo core de lassarve. Quanno sorema m’ha mannato a dì che me voleva co essa, io non nce aggio voluto j, primme pecché non me voleva fà vedé cchiù Eugenio e po’ pecché m’avarria avuta allontanà da vuje. Io piglio a cosere biancheria, piglio a stirà, insomma voglio sta sempe dinto a la casa vosta. E chesto, no pecché non tengo a nisciuno, ma pecché ve voglio troppo... troppo bene. (Abbraccia Rachele.)

RACHELE (quasi gridando) : (Povera figliola che bello core che tene!...).

PULCINELLA: (Non sapeva che era, m’ha fatto fà no zumpo!).

RACHELE: Signurì, tenite no bello come, benedetta, benedetta!

PULCINELLA: (Quanto è bona! E dire che aggia da stà tanto disperato! Comme me la sposo io, io non tengo manco na lira pe caccià la fede de nascita!). Ma bella mia, io sto discurzo te lo voleva fà da tanto tiempo, pecché pur’io te voglio bene, ma me n’è mancato lo coraggio... che posizione te pozzo dà io.

AMELIA: Chella che m’haje dato fino a mò e so’ contenta.

PULCINELLA: Sì contenta? E allora resta fatto, vedimmo primme che succede co D. Eugenio e po’ combinammo tutte cose. Pe mò jatevenne dinto zi Rachè, arreposateve nu poco, a n’auta mez’ora ascite e ghiammo a lo tribunale, io v’aspetto nnanze a sto cafè.

RACHELE: A n’auta mez’ora?

PULCINELLA: A n’auta mez’ora.

RACHELE: Va bene, jammoncenne, jammoncenne figlia mia.

PULCINELLA: E sperammo che s’avverasse lo primmo e lo secondo suonno.

RACHELE: Ammen, ammen, ammem. (Via con Amelia nella bottega.)

PULCINELLA: E zi zia che benne ammennole. Neh, all’urdemo po’ io che nce perdo? Po’ essere che nzuranneme, la stella mia se cagnasse e se facesse no poco chiara... chi ne sape niente.

SCENA QUINTA

Michele e detto.

MICHELE: Buongiorno Pulecenè.

PULCINELLA: Oh, caro Michele.

MICHELE: Ched’è, non saccio comme te vedo, lo patrone de casa che t’ha ditto?

PULCINELLA: Ha ditto che non vò aspettà manco n’auta jornata, si non lave tutto dello che avanza, a miezojuomo me manna lo sequestro.

MICHELE: Vì che piezzo d’assassino!

PULCINELLA: T’assicuro Michele mio che me veco proprio disperato, va a fenì che me metto a fa pur’io lo guardaporta e non nce penzo cchiù.

MICHELE: Seh, e staje frisco, specialmente si truove no palazzo comme a chisto che p’avè della prubbeca da l’inquiline, nce và la mano de lo Cielo, e po’ mò commanate da chisto, mò commannate da chillo e pe senza niente. Tu che ne vuò sapé, che ne vuò sapé, Pulecenella mio. Io venene cierti momenti che me chiagno la scopa, se faticava, sissignore, ma erano 26 solde a lo juorno sicure e senza pensiero. Stammatina per esempio, non tengo che magnà, non tengo manco ma meza lira. Pe me non me mporta niente, è della povera vecchia de Vavella che sta dinto a lo casotto assettata, chella me fà pena; anze, Pulecenè, io te voleva dicere... tu staje affianco a me de casa, famme lo piacere, quanno è ogge che magnate, mannele mu piattiello dinto, io po’ me bevo l’obbligazione.

PULCINELLA: Ah, ma te pare... e nce vò a dì sti pparole, quanno è ogge che magnammo, lo primmo è lo sujo... abbasta che magnammo.

MICHELE: E ched’è, che nce sta quacche dubbio?

PULCINELLA (forte): Michè vattenne! Tu si sapisse io comme sto combinate. Aiere pe fà la spesa, m’avette da vennere doje cammise e no cuscino de lana.

MICHELE: Tu che dice! E comme, co la poteca aperta?

PULCINELLA: Quà poteca, chella è la poteca de la scajenza, po’ ummeda, chiena de surece, mò faccio nu tiano de colla pe lo vennere, a n’auto ppoco non ne trovo cchiù. Lasseme stà Michè, lasseme stà.

MICHELE: Ma dimme na cosa. Chillo frate cucino tujo, non t’ha mannato niente cchiù?

PULCINELLA: Che addà mannà. Chillo tre mise fa se ne jette in America.

MICHELE: Nzieme co lo patrone sujo lo tenore?

PULCINELLA: No, lo tenore rimmanette a Roma scritturato, isso lo volette lassà, pecché dice che la mesata era poca, e accussì aggio perzo pure a frateme cucino che ogne tanto m’aiutava.

MICHELE: Chlli tre cazune che te mamnaje tu li pigliaste pe niente, e intanto uno sulo te facette abbuscà 300 lire. Chisto che tiene ncuollo, me pare che pure è uno de chille?

PULCINELLA: Già, questo è lo scozzese, questo è in moda, me sta buono è overo?

MICHELE: Caspitò, te sta pittato... (lo guarda di dietro) ma ched’è, mponta a la coscia dritta è de n’auto colore?

PULCINELLA: No, llà nce mancava no piezzo, forse lo tenore avette da essere mozzecato da quacche cane, chella po’ zi Rachele nce mettete na pezza che nce jeva quase a dare.

MICHELE: Che peccato! No bello cazone aveva da essere rutto mponta. E chill’auto comm’è?

PULCINELLA: No, chill’auto è tutto sano, è di doga bianca, chillo è buono pe quacche occasione che se dà pe fà quacche comparenza. Io non me l’aggio miso ancora pe non lo fà sciupà, ma aggio appaura che dimane o doppo dimane me l’aggio da vennere afforza.

MICHELE: Nientemeno! Tanto che staje disperato?

PULCINELLA: Sò arrivato co li spalle nfaccia a lo muro! Mi trovo all’ultimo grado della disperazione!

MICHELE: Ah, poverommo!

SCENA SESTA

Andrea, e detti.

ANDREA (con due panieri che porta nelle due mani con taralli e freselline finti, e con sei freselline vere, dando la voce): Tarallini, freselline, zucchero e butirro, vì che bella cosa! Tengo lo tortaniello, la palatella; a bacchettina, la gallettella, zucchero e butirro. (Esce dalla strada a destra, veste misera.)

PULCINELLA: (È arrivato un’altro proprietario!).

ANDREA: Compagne belle, comme jamme, che se dice?

MICHELE: Che s’adda dicere Ndrè, nce stammo cuntanno li guaje nuoste.

ANDREA: E tenite guaje vuje? Affronta a me tenite guaje? Io non aggio cchiù addò sbattere co la capa. La lucannera avanza quinnece juorne de lietto, e non me vò cchiù rivedere. Lo panettiere addà avè 24 lire e non me vò fà cchiù credenza. Chiste so’ ancora li taralle e le freselline de quatte juorne fa. Compagne, ve lo dico in confidenza, io non tengo cammisa da sotto.

PULCINELLA: E che fa, mò non se porta cchiù la cammisa.

ANDREA: L’autriere me magnaje no soldo de ficosecche, e aiessera, no soldo de rapeste e duje taralle de disti ccà.

PULCINELLA: (Sa che sango addà fa chisto, taralle, ficosecche e rapeste).

ANDREA: Poco primme me senteva sconocchià dinta a li gamme. Mannaggia lo momento che lassaje de fà lo scopatore. Pe causa vosta, vuje nce avite colpa a li guaje mieje!

MICHELE: Nuje? E pecché?

ANDREA: Pecché io pe fà comme a vuje, pe me ne venì a Napole, aggio passate tanta disgrazie.

MICHELE: Ma comme, co li taralle non faje affare?

ANDREA: Faceva affare!... jeva bonariello, cammenava tutta la jorata si, ma la campata asceva; pe causa de na spengolella so’ ghiuto sotto e ncoppa.

MICHELE: Na spengolella! E comme?

ANDREA: Nu mese fa vennette no tarallo a D. Gaitano lo barbiere che sta a Santa Lucia, chillo jette pe agliottere no muorzo e le restaje na spengolella nganne. E che nce fuje nej, n’auto ppoco correva la cavalleria, strille, allucche, la mamma me jeva trovanno pe m’accidere, lo frate me jeva trovanno co lo rasulo ncuollo, e si non era pe no chirurgo che nce la luvaje, overo passavo no brutto guajo, pecché dicevene che io nce l’aveva fatto apposta.

MICHELE: Tu? E pecché?

ANDREA: Eh! mò vene lo posillibus. Avita sapé che io me vrucculiava co la mogliera, jettene all’idea che l’aveva fatto apposta pe fà murì lo marito.

PULCINELLA: (Vedite, chillo sta in chillo stato, se va a vrucullià co la mogliera de chillo!).

MICHELE: Oh, chesta è bella!

ANDREA: No, chesta è brutta! Pecché d’allora in poi non aggio potuto vemneme cchiù no tarallo, appena me vedene, se mettene ad alluccà: Lo vì lloco lo vì, chiste tene li taralle co li spingolelle dinto, e aggio voglia de fà, aggio voglia de dicere, che nisciuno me chiamme cchiù.

PULCINELLA: Vuje vedite la combinazione!

ANDREA: Mò sti taralle e sti frieselline che me so’ rimaste, so tuoste manco na preta, che ne faccio? A uno a la vota me li sto magnanno io, che aggio da fà, quanno songo fernute, me vengo li ppanare, e stateve bene.

PULCINELLA: Posizione burrascosa!... Andrè, permette?

ANDREA: Serviteve. (Prende una fresellina e mangia.)

MICHELE (prendendone un’altra e mangia): Songo co lo ppepe?

ANDREA: Nzogna e pepe, pigliate... (Da la voce.) Taralline, freselline, zucchero e butirro, se squagliene mmocca. (Mangia anche lui.)

PULCINELLA: Me ne so’ accorto. Cheste pe li squaglià nce vò l’acqua vollente.

MICHELE: Basta, Pulecenè, vengo pur’io a lo tribunale pe sentì la causa de chillo giovene, a che ora jate?

PULCINELLA: Npunto miezojuorno.

MICHELE: Allora mò me vaco a fà la barba, po’ me metto no matinè e esco. Aspettateme, sà.

PULCINELLA: Fa ambressa.

MICHELE: Andrè, statte buono. (Via nel palazzo.)

ANDREA: Salute. E co tutta la miseria mia, sto sempe allegro. (Da la voce.) Palatelle, bacchettelle, gallettelle, zucchero e butiro, tengo lo biscotto co l’ammennole, tengo la fresella co lo pepe, comme se sfruculeje la fresellina. Bella cosa.

PULCINELLA: (Vì che coraggio, chiste so’ tuoste e fetene de perimme).

SCENA SETTIMA

Totonno, e detti.

TOTONNO: Guè, compariè, staje ccà, che haje fatto? Che è combinato co lo patrone de casa? (Porta tre biglietti di visita.)

PULCINELLA: Niente, niente, compare mio, è tuosto comme a na preta de mulino!

TOTONNO: Non lo dà audienza, stanotte faje comme t’aggio ditto io. Intanto stasera venite do nuje, so’ stato mmitato a ma festa de ballo che dà no signore, lo quale m’ha dato quatt’aute bigliette, chi sa voleva portà quacche amico. Tiene, chiste so’ tre, tu, la cummara e chella figliola che sta co buje.

PULCINELLA: Cumpà, ma io credo che tu sì pazzo, nuje stamme de chesta manera, do no sequestro che addà venì dimane me ne vaco a la festa de ballo.

TOTONNO: E che fa, nce spassammo no poco, fai sta no poco allegra a chella povera vecchia, llà non è casa de soggezione, è no signore proprio corazzone, nuje simme cinche perzune, mce mettimmo a no pizzo, guardammo, e nce abbuffamme de gelate, dolce e rosolio, quanno nce simme fatte ciuotte ciuotte aizammo ncuollo e nce ne jammo, che dite?

PULCINELLA: Ma addò avimma j?

TOTONNO: Lo vi ccà, chisto è lo nomme sujo, e addò sta de casa, sta scritto ncoppa a li bigliette (Ce li da.) Dunque te vengo a piglià?

PULCINELLA: Comme vuò tu.

TOTONNO: Po’, quanno nce ritirammo, facimmo chillo servizio, levammo la rrobba da la casa.

PULCINELLA: Va buono. Tu a lo tribunale vuò venì?

TOTONNO: Comme non voglio venì. Mò arricetto lo puosto e nce ne jammo. (Prende le sporte di frutti a una alla volta e le porta nella bottega e via. Pulcinella siede alla sedia vicino al portone.)

ANDREA (da la voce): Tengo lo tarallo co li passe, a bacchetta co lo burro, a fresella co lo ppepe, comme se sfreculeje la fresellina, gallettelle, zucchero e butirro.

SCENA OTTAVA

Carlo e detti poi Carmeniello.

CARLO (dalla strada a destra con biglietto di visita, la pezza scozzese, e due carte di 500 lire l’una, va al caffè e bussa): Cameriere?

CARMENIELLO: Comandate.

CARLO: T’aggio portato lo biglietto, anzi mò ci scriviamo pure quattro parole, damme no poco lo calamaro co la penna.

CARMENIELLO: Subito. (Entra poi torna alla bussata.)

CARLO (siede al caffè): Aggio fatta na corsa pe gghì a la casa, sto una zuppa. L’aggio trovata che se steva mmesuranno la vesta pe stasera. Che cos’è neh, perché sei ritornato? No, niente, m’era scordata na cosa.

ANDREA (dando la voce): Tarallime, bacchettelle, freselline!...

CARLO: Po’ m’ha ditto: Senti, Cocco, io stasera ho invitato alcuni amici miei, antichi di famiglia... si canterà... si suonerà... e indovina chi verrà, chi farà parte della festa?..
.
ANDREA (dando la voce): Lo taralle co li passe.

CARLO: Lo taralle do li passe... (Lo guarda.) Il Conte Bomba, e la Duchessa Ciberna, credo che ti fa piacere questa notizia? No! Non mi fa piacere affatto, quella è gente che non si fa col mio carattere, prima di fare degli inviti, dovevate domandare a me, per sapere se acconsentiva o no? Una dama, una signora, per essere buona moglie, sapete che cosa deve tenere?

ANDREA (dando la voce): La fresellina chiena de pepe...

CARLO (guardandolo): La fresellina chiena de pepe... Deve tenere stima e rispetto per il marito. Quando non tiene queste cose, allora non si maritasse. Avimmo fatto n’auti quatte chiacchiere e me ne so’ ghiuto. Mò vedimmo si l’adderizzo.

CARMENIELLO (con occorrente da scrivere): Ecco servito.

CARLO: Bravo! (Scrive sul biglietto.) «Lasciate passare il porgitore con una giovinetta» Tiene. (Lo da.)

CARMENIELLO: Grazie, eccellenza.

CARLO: Chello che t’avviso, non ve mettite scuorno, ballate, divertiteve, senza cerimonie. Tu stasera non sei più un cameriere di caffè, sei un signore, un invitato, un amico mio insomma.

CARMENIELLO: Va bene.

ANDREA (dando la voce): Comme se sfruculea lo taralluccio...

CARLO: Tarallà, me staje sfruculianno lo pasticciotto... voglio vedé si la fernisce!

ANDREA: Scusate, signò, io sto danno la voce.

CARLO: E me pare che putarrisse cammenà nu poco.

ANDREA: Sissignore. (Prendendo i due panieri.) (Statte a vedé che no nioziante non se po’ abbuscà no soldo aunestamente). (Dando la voce e andandosene.) Taralline, freselline zucchero e butirro, viene guaglione che nce azzecca lo bicchieriello. (Via strada a destra.)

CARLO: Vì comme è seccante!

CARMENIELLO: Eccellenza, commannate niente cchiù?

CARLO: Statte buono, nce vedimmo stasera.

CARMENIELLO: Va bene. (Via nel caffè portandosi l’occorrente.)

CARLO: E stata na penzata che nisciuno l’avarria fatta, e lo bello che non have che dicere, non sono nobili e che fa, sono amici miei e basta. (Nell’andarsene guarda il calzone di Pulcinella.) Sangue de Bacco! songh’io o non songh’io... lo colore de chillo cazone me pare tale e quale a la pezza che tengo io. (Caccia il pezzo di roba) sissignore, una cosa... (Passeggia davanti e di dietro a Pulcinella.)

PULCINELLA: (Chisto che vò, me sta guardammo).

CARLO (guarda il calzone poi la pezza): (Perfettamente! eguale!... Fosse chisto lo tenore, l’avesse avuto finalmente dinta a li mmane!... Io però me ne posso accertare. Si la coscia deritta è rotta mponta, allora isso è...). (A Pulcinella:) Buongiorno.

PULCINELLA: Buongiorno, eccellenza, signò.

CARLO: Sto guardando questo pantalone che avete.

PULCINELLA: Ah! Vuje lo cazone guardaveve? Io me credeva che aviveve visto sotto a la seggia mia quacche sorece passà.

CARLO: No, guardava il calzone, come è grazioso che bel disegno.

PULCINELLA (si alza e gli va vicino): Vi piace?

CARLO: Moltissimo! Siete stato proprio di gusto... e poi vi sta a pennello.

PULCINELLA: (Chisto s’è nnammorato de lo cazone mio).

CARLO: Vi sta proprio a perfezione, scusate, vutateve nu poco.

PULCINELLA (dopo pausa): E che vulita fà? Neh signo...

CARLO (forte): Vutateve nu poco!... voglio vedere se vi sta bene anche
da dietro. (Pulcinella si volta.) Senza fare una piega... senza nemmeno un piccolo difetto. (Si cala e guarda la rattoppatura! da un grido Pulcinella fa un salto.) Che!... na pezza de n’auto colore!... (Afferra Puicinella.) Signore, perché ci avete messa quella pezza?

PULCINELLA: Pecché nce mancava e me l’aggio fatto accuncià.

CARLO: L’avete accomodato! Benissimo! e la pezza che nce mancava la tengo io... (La mostra.) Eccola ccà!

PULCINELLA: E che me ne mporta a me?

CARLO: Che ve ne importa?... Vi farò vedere io se ve ne importa. (Sempre gridando:) Voi sei mesi fa avete cantato nella mia casa il pezzo finale della Lucia, e mia moglie vi accompagnava!...

PULCINELLA: Io?... ma che site pazzo!

CARLO: Ah, mi chiamate pazzo! Ve lo negate! Allora vi metterò in confronto con mia moglie. Venite con me. (Lo vuoi trascinare.)

PULCINELLA: Aspettate, addò aggia venì, io non ne saccio niente, chi la conosce sta mogliera vosta, quanno maje aggio cantato sta Lucia, io non saccio cantà manco menechella.

CARLO: Non è vero, voi siete tenore.

PULCINELLA: Quà tenore, io tengo la puteca llà, io faccio lo zarellaro.

CARLO: E allora comme se trova sto cazone ncuollo a vuje, e la pezza che nce manca mmano a me?

PULCINELLA: Pecché sto cazone non è lo mio, me lo dette frateme cucino Alfonso.

CARLO: Vostro cugino? Allora isso è lo tenore?

PULCINELLA: Nonsignore, lo tenore era lo patrone sujo, lo quale dette sto cazone a frateme, e frateme lo dette a me.

CARLO: Possibile!

PULCINELLA: Possibilissimo! Informatevi ccà mmiezo a chi vulite vuje, chesto che cos’è!

CARLO: E sto frate cucino vuosto addò sta?

PULCINELLA: Sta in America, tre mise fa partette.

CARLO: Nzieme do lo tenore?

PULCINELLA: Nonsignore, lo tenore sta a Roma scritturato.

CARLO: A Roma! Ne siete certo?

PULCINELLA: Certissimo, chesta è la lettera che me mannaje frateme primme de partì. (La caccia e ce la da.)

CARLO (agitato legge come un mormorio).

PULCINELLA: E levateve le castagne da vocca!

CARLO: Che castagne... stateve zitto! ... (Legge fra sé come cercasse l’elemosina.)

PULCINELLA: Fate un elemosina ad un povero padre di famiglia.

CARLO: Vi ho pregato che non voglio scherzare!

PULCINELLA: Eccellenza, lo faccio pe ve fà ridere.

CARLO: Non voglio ridere! Ho il veleno ai denti!

PULCINELLA: (Mamma mia, ha fatto lo naso comme a na ficodinia).

CARLO (legge): «Caro Pascariello». Chi è Pascariello?

PULCINELLA: So’ io.

CARLO (legge): «Siccome il mio padrone è stato scritturato a Roma per cinque mesi, colgo questa occasione per lasciarlo, e oggi parto per l’America come Cameriere d’albergo. Tuo Alfonso».

PULCINELLA: Avete visto? (Riprende la lettera.)

CARLO: Sangue de Bacco, e comme se chiamma sto tenore?

PULCINELLA: No lo ssaccio, pecché frateme non me l’ha ditto maje.

CARLO: (Statte, aggio fatto na magnifica penzata... Si chisto me desse sto cazone, io potrei andare a Roma nei teatri di musica, e nell’ora del concerto potarria mannà na persona mia a domandare de chi è, regolarmente chillo lo vede, dice che è lo sujo e così lo potrò conoscere! Benissimo!...).

PULCINELLA: (Chisto certo adda essere pazzo!).

CARLO: Siente, giovinò, a me sto cazone me serve, te lo vuoi vendere?

PULCINELLA: Vedite signo, e no ricordo de frateme.

CARLO: Te lo pago bene!

PULCINELLA: Ma non è pe li denare...

CARLO: Ti dò mille lire!

PULCINELLA: Mille lire! Veramente?

CARLO: Eccole quà. (Prende due carte e le spiega.) Due carte di 500 lire!

PULCINELLA (levandosi il calzone): Ma signò vuje non pazziate?...

CARLO: Non pazzeo sangue de Bacco! jammo tiene!

PULCINELLA (finisce di levarsi il calzone di fretta e ce lo da, si prende le due carte, tenendole spiegate una ad una mano ed una ad un altra gridano in due per la gioia. Carlo va via di corsa colcalzone in mano per la strada a sinistra, e Pulcinella salta per la scena con molta gioia): Uh! Mamma mia, mille lire! e chi se l’aspettava! Mille lire pe no cazone! Ah! Frate mio, puozz’essere beneditto n’auta vota!... mo pago lo patrone de casa, pago lo Bazar e me sposo a della bella guagliona! Ah! Cielo mio te ringrazio!

SCENA NONA

Rachele, Amelia dalla bottega a sinistra Michele dal portone e Totonno e Retella dalla bottega a destra.

RACHELE: Pulecenè, nce simme?

TOTONNO: Compariè, jammoncenne!

MICHELE: Io pure so’ lesto.

PULCINELLA (confuso): Addò avimma j?

TOTONNO: Comme! A lo tribunale!

PULCINELLA: Ah, già!... io sto stunato, aggiate pacienzia... aggio fatte denare, mò acconcio tutte li fatte mieje, jammoncenne. (Prende Amelia a braccetto per andare.)

RETELLA: E ched’è, senza cazone!

RACHELE: Overo, aspetta!... (Pulcinella via con Amelia.)

TOTONNO (gridando): Compariè, compariè...

TUTTI: E pazzo! è pazzo!... (Lo seguono e cala la tela.)

Fine dell’atto secondo




Eduardo De Filippo, l'uomo e L'arte della Commedia
Blog creato da Bruno Esposito
Autore associato: Anna De Vita
Seguici anche su Facebook, siamo già in tanti - Qui: Da Scarpetta ad Eduardo, una famiglia di artisti e L'arte della Commedia.
Grazie per aver visitato il nostro blog.
 

Nessun commento:

Posta un commento