venerdì 29 gennaio 2016

AMICIZIA 'E FRATO di Titina De Filippo - Atto Unico

L'arte della Commedia





AMICIZIA 'E FRATO
di TITINA DE FILIPPO
ATTO UNICO


PERSONAGGI
 
NANNINA 
CICCILLO 
CATERINA 
ERRICUCCIO 
FOFÒ 
ROSINA
A Napoli, oggi.

ATTO UNICO

A Posillipo. Camera decentemente mobiliata. In fondo: a sinistra, comune; a destra, balcone. Sedie, un tavolo in mezzo. All'alzarsi del sipario, Caterina è seduta al tavolo lavorando. Ha sulle spalle uno scialletto. E’ sera. La scena sarà illuminata solo dall'abat jour ch'è sul tavolo. S'ode un principio di pioggia. L'orologio batte le dieci. Due porte laterali.

CATERINA (triste, pensosa) 'E ddiece! E Ciccillo pecche nun è venuto ancora? Quanno maie ha tricato tanto, (stringendosi nello scialletto rabbrividendo) Fa friddo... Sto gelata, (chiamando) Nannì...

NANNINA (d.d. un poco sgarbata) Che buò?

CATERINA Nce sta nu poco 'e fuoco p"o mettere dint' a stu braciere? S'è stu tata 'a furnacella.

NANNINA (d.d. sempre con freddezza) Mò t"o porto.

CATERINA (smette il lavoro e si poggia una mano sulla fronte, come per scacciare un pensiero doloroso) Cielo mio...Cielo mio nun me fa' asci pazza... nunme fa' asci pazza, (si alza a va al balcone. Vi si appoggia come stanca, guardando tristemente in istrada attraverso i vetri) E nun vene... e nun... (guardando) Quant'è bella sta luna cummigliata d'acqua. Pare ca s'annasconne 'afaccia. Mandolinata a luna (Bovio, Nardella) E 'a luna pallida, pare 'a regina, Che 'a copp' all'asteco sente 'e ccanzone, Se ne fa lagrime, povera luna, Dmt' a sti notte napulitane. E a mare cadeno Tutte sti llagreme Ca io veco 'e lucere, Veco 'e tremmà. 'A quanta secole, Duie core cantano, Duie core chiagneno, Mare 'e Pusilleco, Guardanne a tè. 'A gente 'e Napule, tornano all'estero, Morene a Napule pe tè vede. Ncoppe Pusilleco 'e manduline Se ntennerisceno, cagneno suono, Pare ca sonano solo p"a luna Ca fa d'argiento pure 11'arena. E cchiù se ntenneno, L'ombre 'e chist'albere, P"o mare 'e Frisio Quann'è l'està. Ah! Quanta ecc. ecc.

NANNINA (terminata la musica esce dalla seconda a sinistra con braciere acceso) Scartate, (sempre ironica) He lassata 'a fatica! Insomma, stasera tu nunconchiude a ffa' niente. Tutto chello catè miette a ffa' tè sfasteria? (colloca il braciere davanti alla sedia dov'era seduta

CATERINA Prende il lavoro lasciato da quest'ultima, lo piega, lo mette nel cestino da lavoro che è sul tavolo, dando delle occhiate sarcastiche a Caterina che ha il capo rivolto alla strada. Pausa) E nun t'assiette? T'aggio purtato 'o ffuoco.

CATERINA (come scuotendosi) Sì, vengo, (quasi battendo i denti, lascia il balcone e siede al posto di prima, mostrando le mani al fuoco)

NANNINA (f.p.a.)

CATERINA (trattenendola, timida) Aspe Nannì, nun me lassa sola stasera. Assettate vicino a me. Stu friddo... sta pioggia... E nun saccio che me mantene nervosa, appaurata comme si m'avess"asuccedere quacche brutta cosa... Nun tène i. (quasi supplichevole) Nun tè ne i.

NANNINA (fredda) Aggio che ffa'.Nun fa' 'a scema. Ch'è stato? 'E che tèmiette appaura? Paura 'a terrà chi ha peccato, (marcato) Chi nun tene 'a cuscienza netta, (con rimprovero)

CATERINA (come ribellandosi all'insinuazione) Nun tè voglio sentì! Nisciuno peccato tengo ncopp"a cu scienza. Nun aggio mai tenuto. Nun tè voglio sentì parla accussì. A tè, a' sora 'e maritemo... quase sorema. (abbattuta, pausa) Ma pecchè, pecchè nun me vuò bene? Pecchè me turture cu sti guardate d'odio, cu sti parole ca spezzano 'o sango, pecchè? (quasi piangendo)

NANNINA (sempre glaciale) Lassarne sta'.

CATERINA Me dispriezze senza ragione.

NANNINA (vorrebbe parlare ma si trattiene)

CATERINA (come ripresa dall'ossessione) E Ciccillo nun vene... E’ tarde! (s'alza nervosa e va di nuovo vicino al balcone)

NANNINA (ironica) Ma è proprio Ciccillo che aspiette? Fraterno? Ah! Ah! (ride nervosa) Povero scemo, (fra l'an goscia e l'ironia) Povero CICCILLO...

CATERINA (torna dal balcone, le va. vicino e le prende il braccio, scuotendolo con rabbia) Che dice? Che dice? Zitta, ferniscela 'e m'insultà. (lasciandola) Tu nun saie niente, tu nun saie niente, (cade accasciata sulla sedia. Si sente suonare il campanello della comune. Nannina fredda, senza guardare Caterina, va adaprire la porta)

NANNINA (d.d.) E trasite, e nun scucciate 'a gente! Si sapevo ch'ivive vuienun v'arapevo.

FOFÒ (esce frettoloso preceduto da Nannina. Grazie della gentilezza. 'A verità siete stata sempre gentile con me. (con ombrellino, chemis e cappello grondante d'acqua) Donna Caterì... (molto premuroso) Ciccillo ce sta?

CATERINA No. Ma pecche? Che vulite 'a isso?

FOFÒ (impacciato) No... vedete, è una cosa piuttosto delicata... Ma anche voi mi potreste aiutare in questo momento. (è nervoso)

CATERINA Ma si nun dicite... Si ve pozzo servì...

FOFÒ Per carità... vuie me favorite sempre. Ecco qua; vuie 'a vedite st'acqua che sta facenno?

CATERINA (un po' seccata) Eh, 'a veco.

FOFÒ Embè, a causa 'e st'acqua, forse forse abuscarraggio.

CATERINA (incredula) E vuie pazziate sempe.

FOFÒ No, no... levanno gli scherzi, io dico seriamente. In due parole: donna Caterì, io p"a strada aggio dato nu pizzeco a na signora. Chella areto teneva 'o marito, 'o quale m'ha secutato fino a ccà... Io so' trasuto dint"o palazzo e isso ha ditto: «He 'a scennere... t'aspetto ccà. Io, figuratevi... nun m'aggio manco fatto terni 'e dicere e...

NANNINA E ve ne site scappato.

FOFÒ Si capisce. Cara donna Nannina, è inutile che fate la sarcastica. Voi non mancate mai di dire qualche cosettina contro di me, quando vi trovate. Llà se trattava 'e na cauceata, e chiun que, 'o posto mio, avarria fatto 'o stesso! Del resto io so' venuto pe parla a Ciccillo, perciò voi è inutile che rispondete in mezzo. Nce sta donna Caterina in vece 'e Ciccillo, e quindi parlo con lei.

NANNINA E va buono, avimmo capito, nun c'è bisogno d"a tira troppo a luongo. (sempre prendendolo in giro)

FOFÒ Io non la tiro a lungo affatto. E’ servito pe ve risponnere.

CATERINA Basta. Aggiate pacienza! Si me vulite dicere 'e che se tratta, pec che io aggio che
fa'.

FOFÒ Avite ragione. Mò ve dico su bito... Però se ne deve andare donna Nannina 'a via 'e
dinto, pecche si no non so' buono a di' niente.

NANNINA (in colera) Ne, ma vuie overo dicite? Embè so' cose 'e pazze! Chillo nun parla si
nun me ne vaco io...

FOFÒ Chillo? (offeso) Nannì, io so' figlio 'e signore, 'o ssapite o no? 'O ssapite che
mammà, papa, stanno tutti bene a casa mia?

NANNINA (ridendo) Ah! E me fa piacere ca stanno bene. Io me credevo ca tenevano dolore 'e
capa.

FOFÒ Mbè... ho capito va... (fa per prendere il cappello)

NANNINA (trattenendolo) Aspettate, nun tacite 'o pesante ca è capace ca vene Ciccillo e se
crede ca ve n'aggio fatt'ìio pecchè ve sfruculiavo.

FOFÒ (a parte) Già, pecche nun è pecchesto...

NANNINA Ecco ccà, mò me ne vaco.(fredda, a Caterina) Quanno vene mariteto e... chill'ato,
avvisarne, ca io sol lecito p"a cena. (via seconda a sinistra)

CATERINA (a Fofò, un poco seccata, come per sbrigarsi subito) Dunque, se pò sapé che vulite?

FOFÒ Donna Caterina mia, io me pare che ve l'ho detto.

CATERINA No, nun m'avite ditto pro prio niente e, scusate, io ve prego 'e ve spiccia nu poco.

FOFÒ Vi ripeto che ho dato un piz zico ad una signora. Nun avevo visto 'o marito ca cammenava cchiù areto, me songo accusiate e mi sono preso il passaggio. Il marito ha visto tutte cose e ha gridato da dietro: «Imbecille! Cu chicride 'e tratta? Nun tè movere che t'aggi"a abbuffa 'a faccia 'e pacchere, vedite.Nun tè movere! » Io, nun appena aggiontiso chesto, aggio pigliato na correràche ho ripreso fiato solo adesso. Isso curreva appriesso, 'a mugliera cchiù areto ca curreva pur'essa c"a vestammane, 'a folla ca guardava, la pioggia ca ce nfunneva, 'o marito è sciuliato ddoie vote. Insomma me pareva na pellicola cinematografica! Infine songo arrivato sotto 'o palazzo vuosto. Nun me pareva overo. Me songo menato p"eggrade, mentre sentevo a isso ca diceva alluccanno: » He 'a scennere carugnò!T'aspetto ccà abbascio! » Aggio tuzzuliato. Mi ha aperto quella gentilezza personificata che è vostra cognata. Ho chiuso la porta ed accomi qua! Ah! (respirando siede)

CATERINA E bravo! E mò che vulite'a Ciccillo?

FOFÒ Che voglio? Donna Caterì,vuie a chesto state? Nun avite capito ancora che voglio
'a Ciccillo?

CATERINA Nun aggio capito ancora.(paziente)

FOFÒ Mi deve salvare. M'ha da aiuta.Ha da i abbascio addu stu energumeno e l'ha da cunvincere che se n'ha da i vuie pazziate? Chillo tene nu bastone mmano 'e chesta posta. Ma che voglio, o veramente ca chillo me manna 'o spitale?!

CATERINA Eh, ma vuie pure, putisseve fa' a meno 'e i nquitanno 'e ferrimene. Mò c'ha da fa'

Ciccillo? Priate a Dio ca vene primma, pecchè nun cesta.

FOFÒ Nemmeno l'amico suio ce sta?Don Erricuccio?

CATERINA (turbata e pensosa) No.

FOFÒ (nervoso) E io comme faccio? E destinato allora che io aggi' 'abbuscà! Io mò nun
me movo 'a ccà. S'ha da stanca 'e fa' 'o piantone ccà sotto.

CATERINA Facile 'o commodo vuosto, ma v'avverto ca Ciccillo nun è 'otipo 'e se mettere mmiezo a sti rotelescarze. E songo proprio io ca c"o cunziglio, 'e nun ve da' audienza.

FOFÒ Brava! Io ve ringrazio, donna Caterì. E ccà, si ve mettile vuie pure contro di me, stateve buono, è meglio ca nun ce vengo cchiù dint' a sta casa.Vostra cognata mi odia... Vuie pure mi abbandonate...

CATERINA Ma caro don Fofò, chi steso' guaie che 'e vulite passa vuie...scusate. Vuie iate
ncuitanno 'a gente, po'late tru vanno a chi ve salva...

FOFÒ Mannaggia stu meledetto vizio che tengo! Quanno veco na femmena... che so... me sento nu prurito pe tutt"e ccarne. E nun me passa si nun me piglio nu passaggio. Del resto po', se nun se n'incarica Ciccillo, io pregherò Erricuccio...

CATERINA (di scatto) Insomma a uno avit"a mettere mmiez"e mbruoglie.

FOFÒ Qua' mbruoglie, donna Caterì? Alla fine po' chillo nun ha da i afa' nu duello cu
chillu signore. Chillo ha da cerca semplicemente 'e pigliarloc"o buono e n"o fa' i.

CATERINA (seccata) Seh seh, tacitechello ca vulite vuie. (si allontana)

FOFÒ (va al balcone, agitato fra sé) Sta ancora Uà. Seh! E chillo mò se move! Seh! E io
mò scengo. 'A mugliera perònun ce sta.

NANNINA (dalla cucina) Avite fernuto? Nun ve dongo cchiù fastidio?...E Caterina addò sta? (vedendola) Ah! StaUà. (fra sé, amara, ironica) E smaniosa.(a Fofo) Dunque, nun rispunnite?

FOFÒ (seduto, pensieroso) Pecche nuntengo che ve risponnere. Ma sentimmo, che site
trasuta pe me dicere ancora quacch'ata insolenzà?

NANNINA (un po' triste) Nonsignore... nun ve ne voglio dicere... m'avit"a cunpatì... so'
mumente 'e nierveca ponno venì a chiunque.

FOFÒ E’ inutile, voi non lo volete dire, ma voi siete cambiata nei miei confronti, da quel giorno che ebbi la sfortunata idea di farvi la proposta di matrimonio. Nun m"o pozzo mai scurdà...che bella figura che facette... che bella risata nfaccia ch'avene pe risposta.

CATERINA (che è sempre un poco agitata, va verso la prima a sinistra, come per andarsene. Si ferma, come per dire qualche cosa ai due che non la badano.Indi, facendo un gesto di noncuranza, va via)

FOFÒ (continuando) E pure mò ncepenzo, e nun me faccio capace pecche me faciste ve
chillo rifiuto.

NANNINA (seduta all'altro lato del tavolo) Pecchè è troppo tarde pe mme. Io tengo ato che penzà che 'o matrimonio. Aggi"a penzà a fraterne, (cora passione) A fraterne ch'è sulo ncopp"a terra, etene sulo a me... E po'... Io nun aggiomai tenuto ntenzione 'e me marita.

FOFÒ E pure vuie me site piaciuta sempe, donna Nannì. Epure mò, vedete, pure mò io sento ca... (di scatto s'alza e va al balcone) Sta ancora Uà. Puozzesculà! E che tè cride ca se move?!

NANNINA Ch'è succieso?

FOFÒ No niente, ho visto se pioveva ancora.

NANNINA E nun sentite che chiove piccio piccio? Dunque, stiveve dicenno?

FOFÒ Sì, ecco qua... (a parte) Vuie vedile si vene chillo cancaro 'e Ciccillo.Io m'aggi"a ritira, si no a' casa stannoc"o penziero. Eccomi a voi donna Nannì. Io stavo dicendo che ho pensato sempre a voi, che vi ho voluto sempre bene, anzi, che vi ho sempre sognato. Comm'è diffìcile (Fiore, Valente) (questa canzonetta dovrà essere cantata con molta semplicità, quasi parlando, e senza alzarsi dal tavolo)

FOFÒ Io ve valesse scegliere Na casa, 'a cchiù modesta, Senza balcone a primmo piano nobile, M'abbastarrìa sultanto na fenesta, Addò nu raggio 'e sole, tutt"e matine, Pe nun ce fa' durmì, Tuzzuliasse 'e llastre pe trasì. Nannì! Nannì Na cosa accussì semplice Nannì! Nannì Che nce vulesse a ffa'.

NANNINA Embè, tu nun può credere, Tu nun può immagina, Na cosa accussì facile Quant'è
difficile.

FOFÒ (quasi ridendo)

NANNINA Comme site rimasto curiuso.

FOFÒ 'O vedete? Fate sempre così:prima me ne fate andare di testa, poi...(di scatto corre al balcone) Nun tè movere sa'! Sentite, io aggio visto cape 'ecalabrese, ma comme a chisto maie.

NANNINA Ma insomma, se pò sape che ve succede ogni tanto?

FOFÒ Niente... Niente... (sempre guardando. Indi con un grido di gioia) Ah! E sta venenno pure Ciccillo. Bene, bravo! Arriva il rinforzo. Adesso caro mio, devi fare altri conti. E mò che scengo lle faccio vede che so' capace 'efa', e nce sta pure ERRICUCCIO.

NANNINA (fredda) 'O ssaccio, chilloè l'ombra soia. (via in cucina)

FOFÒ Faccio sempre cattive figuree nun me voglio rassegna. Ah, le donne!Alla larga! 'E sacc'io, 'e sacc'io... Chi gioca con le donne (Cenisi, Lama) Ed ho sofferto tanto per amare Che non mangiavo e non dormivo più. Passavo i giorni interi a sospirare, Me n'ero sceso a poco a poco giù. E se la febbre non cessava in tanto, Tra un mese sarei andato al camposanto. Chi giuoca con le donne, Non vince la partita, Se non ci perde il senno Ci perde il cor, la vita E la felicità.

CATERINA (dalla prima a sinistra, esce allegra) Sta venenno CICCILLO e ERRICUCCIO
(poi, rivolta a NANNINA) Nannì, può sollecita, (e va ad aprire)

NANNINA (uscendo) E’ tutto pronto.

CICCILLO (dalla comune, giovane sulla trentina. Allegro. Gioviale. Vestito decentemente. Entra levandosi subito il cappotto e il cappello ed abbracciando Caterina) Nuie stammo ccà. Aggio fattotarde? Aggie pacienza Caterì, nun 'o faccio cchiù. (vedendo Fofò) Gué, ccà stapure Fofò. (gli stringe la mano) Fofò (piano a Ciccillo) Finalmentesì venuto, t'aggi"a cerca nu piacere, (premuroso)

CICCILLO (sorridente) Se tratta 'e na stuccata?

FOFÒ No, denari non me ne mancano.

CICCILLO E allora va buono, a n'ato ppoco ne parlammo, (a Caterina) Ag gio fatto na corsa pe venì cchiù am bressa, nun ce cride? E addimmanna a ERRICUCCIO ca steva cu mico.

CATERINA (un po'nervosa) Tè credo, nun aggio bisogno d"o spia a nisciuno. E dimme, tè sì
nfuso? Sta chiuvenno an cora?

CICCILLO Io no, ma ERRICUCCIO qua presente, credo c'ha pigliato nu brutto purpetiello.

FOFÒ Gué, Erricù, tè sì cumbinato proprio allicchetto.

NANNINA E pecchè ve site nfuso 'e chesta manera?

CICCILLO Pecchè è tuosto. Tenevemo un ombrello, e isso nun s'è vuluto arreparà. Pe nun me
fa' nfonnere se n'a sceva 'a sott"ombrello. E accussì ha pi gliato chillo bagno.

CATERINA (con interesse mal celato) E pecche nun ve cagnaie? St'umidoncuollo certo nun ve
pò ffa' bene. (conpassione)

ERRICUCCIO (giovane, sui ventisei anni, un poco pallido. Senza paletot, con il collo avvolto da una sciarpa di lana. La guarda un momento, poi, dominandosi) Grazie, grazie, donna Caterì... maio nun songo abituato a me cagna.Primma 'e truvà a Ciccillo, so' gghiuto spierto, sulo p"o munno. Senza pariente, senza na sora, na mamma ca m'avesse ditto chesta parola vosta: «St'u mido ncuollo certo nun ve pò fa' bene». Maie, maie nisciuno ca se fosse nteressato a me e m'avesse ditto na parola bona... (con commozione crescente) St'at tenzione vosta e de Ciccillo, me fanno suffrì e chiagnere 'e piacere. Me sento n'ato, e soffro... soffro pecche nun pozzo ricambia sti bon'azione comme vurria. (marcato) Soffro... per ricanu scenza. (timido, commosso) No... no... grazie, nun songo abituato a me cagna...

CICCILLO (commosso anche lui, va verso ERRICUCCIO) Viene 'a ccà. Erricù, cumpagno mio, frato mio, viene dint' a sti bracce. Quanno sulo e spierto l'aggio ncuntrato cinche mise fa, me parette 'e vede fraterne ch'è muorto. Aggio pru vato comme na botta ccà. (mostra il cuore) E nun aggio potuto fa' a meno 'e tè ferma, 'e tè chiammà dint"a casa mia, 'e tè da' tutt'affeziona mia e d"a famiglia ca nun tenive cchiù.

NANNINA (che nel frattempo ha fissato con occhi di fuoco Caterina che è affranta sopra una sedia, dice ironica) E gghiammo mò, cu tutto st'ammore, chesto ched'è... me parite duie nnam murate... nun vedile ca Caterina s'è commossa pur'essa? (marcato)

FOFÒ (a Nannina) E comme site amara. Me parite nu scioppe 'e birra.

NANNINA E vuie me parile na mi gnatta.

CICCILLO (asciugandosi ridendo una lacrima, si stacca da ERRICUCCIO e si volge a Caterina, premuroso) Gué, e ched'è? lammo, me, senza malincunia... e chel l'ata 'a vi. (mostra Nannina) 'A suo cera... Tè vedesse na vota c"o pizzo arriso. Sempe sta faccia scuntenta. Tra ll'ati ccose, nun s'è vuluta manco ma retà. Forse 'o marito 'a metteva nu poco 'e sole int'all'uocchie, nu poco 'e dol cezza int' a chelli guardate ca tè fanno gela 'o sango int"e vene. (ride)

NANNINA Voglio vede si 'a fornisce... (ironica) Meglio nu cielo grigio ca nu cielo troppo celeste e chino 'e sole... 'O sole è 'a luce ca rischiara tutta 'a città... e spisso spisso sta città nun è troppo bella. 'O sole, addò posa, tè fa vede chia ramente tutto, (marcato) Mentre nu cielo grigio, vede isso, ma c"o grigio suio cummoglia e niente tè fa vede.

CICCILLO Seh! Mia sorella fa della fi losofia. Brava! Ma mò tè prego d'appa ncchià stu ppoco 'e cena, pecche me vo glio cucca ambressa ambressa. (Nannina via) 'O friddo me sta piglianno. Fofò, tu m'he 'a parla?

FOFÒ Sì è na cosa 'e premura.

CICCILLO Allora nce vedimmo di mane.

FOFÒ No, 'o mese che trase! T'hopregato che è una cosa 'e premura.

CICCILLO Sto pazziammo. (ridendo)Mbè, sa' che buò fa'? Viene cu micodmt"a cammera mia. Mentre tu me diceche vuò, io me cagno, ca sto tutto nfuso.Caten, intanto ca s'apparecchia 'a tavola, io vaco a sentere che vò Fofò 'ame. Certo quacc'ato guaio 'e femmene.(a Fofò ) Iammo, (poi a Caterina) Ve site ,ricurdate 'e fa' 'o brodo p' ERRICUCCIO ca ;se sente poco buono?

CATERINA (fa cenno di sì)

CICCILLO Allora tacite presto, (viano prima a sinistra)

ERRICUCCIO (va verso il balcone e resta a guardare dai vetri. Ha cessato di piovere)

CATERINA (come presa da un pensiero, esita. Indi, decidendosi) Erricù...

ERRICUCCIO (sussulta, cerca di dominarsi. Voltandosi) Caterì...

CATERINA Avimmo truvato 'o let tino vuosto, stammatina, senza guasta. Vuie nun avite
durmito ccà, stanotte. (ansiosa)

ERRICUCCIO (esitante) No, aggio passato 'a notte in allegra compagnia, (ironico)

CATERINA Nun facite accussì. Stammatina, all'alba, me songo affacciata d"e ffeneste d"a cammera mia. V'aggio vi sto appuiato vicino 'o muro, mmiez"a strada, 'o bavero alzato e fumaveve... Pecche nun ve site cuccato?

ERRICUCCIO (viene avanti, lentamente a sedersi) Nun 'o ssaccio, forse nun me sentevo buono,
forse avevo bisogno d'aria... nun 'o ssaccio.

CATERINA Ma doppe, ve site ntiso meglio? (premurosa)

ERRICUCCIO (quasi con voce soffocata) Nun me parlate, nun me parlate accussì... Nun me facite sti dimando, nun me trattate cu maniera... cu dolcezza. Nun me tacite suffrì. Trattateme comme all'ultimo d"a casa. Trattateme malamente, (con esaltazione) Io ve va sarraggio 'e mmane, pecche allora ncopp"a cuscienza nun me pesarrà cchiù niente, e putarraggio respira libe ramente. (stringe la testa fra le mani, par lando sempre con le broccia appoggiate sui ginocchi) Io nun pozzo... io nun pozzo resistere cchiù... Io so' n'ommo fernuto.(ad un tratto, come prendendo una decisione, cava l'orologio, guarda l'ora con ansia. Indi si alza. Correndo va a prendere il cappello che è sulla sedia) Caterì...Io me ne vaco. Io parto. Io nun me sento buono, aggio bisogno 'e cammenà, 'e me ne i luntano. Luntano 'atutto st'affetto, 'a tutto st'ammore. Ciccillo è buono, (commovendosi) E fraterne, comme m'ha chiammato isso, eme perdunarrà. Nce diciarrite sulo stipparole: ERRICUCCIO se n'è gghiuto pecche tè vuleva troppo bene. (marcato) Erumanenno nun sarria stato degno 'e tè.(fa per andare)

CATERINA (è di fronte a lui, sotto l'uscio, impedendogli il cammino. E decisa a parlare) Fermatevi Erricù, addò iate?Vuie nun ve ne putite i 'a dint"a casa. Paricchie cose v"o mpediscono. Calmatevi, vuie nun state buono. Vuie avite bisogno 'e tiempo e costanza, nun pu tite guarì.

ERRICUCCIO (quasi spaventato) Ma che diche? Ma che forse 'a vocca mia ha ditto parole ca nun
avev"a di'? Che, forse involontariamente v'aggio offesa?

CATERINA No... no Erricù. Chello ca vuie teniveve nchiuso, nzerrato dint' a stu core, io l'aggio
capito... io l'aggio indù vinato.

ERRICUCCIO (disperato) Dio mio!

CATERINA No, Erricù, vuie niente ve putite rimprovera... niente. Che colpa è 'a vosta si mentre 'a vocca era nzer rata, 11'uocchie alluccaveno tutt"e sen timente vuoste? Che colpa è 'a vosta si io v'aggio capito? (quasi senza avveder sene, da mesta e semplice, diventa appas sionata e violenta. E tutto lo scoppio di un amore troppo a lungo dominato. E la vittoria dell'amore e dell'onestà. Questa scena va salendo di commozione manmano) E aggio capito, e me so' statazitta. Aggio capito e v'aggio compatito.Che colpa è 'a vosta?

ERRICUCCIO (cercando ancora di nascondere i suoi sentimenti) Ma che avitecapito? Che v'aggio
fatto capì? (come insogno) E che aggio capito?

CATERINA (semplice, accostandosi sempre) Ca me vuò bene e che tè vogliobene... Niente
cchiù 'e chesto, e dopp"echesto niente.

ERRICUCCIO (quasi pazzo d'amore, afferrandole la testa le grida in viso) Mapecche, si me vuò bene, nun sì d"a mia?Pecche sta tarla ca sta dint' a sti ccervelle mele nun 'a pozzo leva? Pecchesta faccia foia 'a tengo sempe presente?Ma nun è sola... nun è sola. Affianco a essa io veco n'ata faccia ca me guarda cu 'o stesso sguardo doce, buono, ca me sorride mentre io 'a sto sputanno nfac cia. Ca me dice frato, quann'io 'o nsulto. Ca me chiamma quann'io me ne sto fuienno. (lasciandola) Ah! Pecche? Pecche sta sempe vicino 'a faccia toia. (quasi come un gemito, abbandona la te sta fra le braccio, sul tavolo) Pecche? Pec che?

CATERINA (con voce fioca) Hai ra gione... Vattenne... Vattenne... Fallo pe Ciccillo. Io so' morta pe tte... so' mona pe tte. (barcolla quasi. S'avvia al balcone, l'apre. Di nuovo la pioggia scende triste e umida. Caterina offre il viso alla ca rezza della tempesta)

ERRICUCCIO (alza la testa come senza comprendere, quasi a sé stesso canta) Riconoscenza (Muralo, Tagliaferri) Compagno 'e scola ca diciste: viene, Staie sulo 'o munno e 'a casa mia sta ccà.Mammeta è morta, paté nun ne tiene, Ma st'amicizia mia tè pò basta. Dimane io parto, addio. Meglio sarrà pe mme. Spieno me ne vogl'ì comme so' nato, Nun tè nfurmà, pecche t'aggio lassato, Si resto ancora nun so' degno 'e tè. (rivolto a Caterina, la quale è sempre addossata al balcone) Femmena amata c"o vulive bene, Tu m'è perduto e tè sì perza tu. Tu m'he tentato e mmiez' a tré catene, M'he nchiuse core, amore e giuventù. E io annanz' a st'ommo tuio Nun saccio cchiù campa. Sta mano ca lle dongo è traditore Senza pecca... Simme nnucente ancora, Ma nule penzammo 'a stessa nfamità. (finita la musica fa per andare, ma si sente il campanello della comune squillare energicamente)

NANNINA (attraversa la scena. Vedendo i due, con sarcasmo) Ah! Vuie state ccà... e nun ve
muviveve pe gghì 'arapì 'a porta, (entra)

CATERINA Resta, t'aggi"a parla.

ROSINA (preceduta da Nannina che leha aperto, esce correndo. Ha una sciarpa avvolta. Ha il viso impaurilo e sembrache qualcuno la insegua) Per carità... Per carità signori, aiutatemi... salvatemi.(siede affranta su una sedia)

NANNINA (cercando di farla riavere) Uh! Mamma mia! Vuie vedite! Tutt"ecumbmazione stasera, (ai due che restano come trasognati) A bbuie, (con sarcasmo) aiutate vuie pure a sta puverella. Erricù,ched'è, state stunato?

ERRICUCCIO (come destandosi da un sogno) Sì, eccome ccà. Ch'è succieso?Chi è sta femmena?

NANNINA Ha tuzzuliato a' porta 'e presso. Aggio apierto e s'è mpezzata ccà dinto,
guardannose areto e sbattenno 'a porta.

ERRICUCCIO È cosa 'e niente. Vaco a piglia nu poco d'etere e subito rin viene. (via prima porta a
destra)

CATERINA (s'accosta un poco agitata a Resina. Gentilmente le solleva il velo. Indi dice, quasi
a sé stessa) Comm'è bella! Pare na Madonna!

ROSINA (con voce debole, riavendosi) Grazie.

NANNINA Signurì... Ma vuie chi site?

ROSINA (con voce sempre/loca) Sono la moglie di quel signore che aspetta giù al portone
l'individuo che... mi ha piz zicata.

CATERINA E NANNINA (insieme) Pizzicata!

ROSINA Sì... che mi ha dato un vol gare e solenne pizzicotto. Mio marito è geloso come un Otello, ed ha giurato di non andar via stasera senza fargli pagare questa volgarità, (sempre con disprezzo)

NANNINA Adesso vi racconto tutto. Vedendo che veniva giù tanta pioggia, mio marito ed io
siamo usciti assieme.

NANNINA Site asciute pecche avite visto 'o male tiempo?

ROSINA Sì... Che volete... è così bello camminare in due sotto lo scrosciare della pioggia,
mentre i piedi son freddi e i cuori brucianti, (con enfasi, sentimentale)

NANNINA (quasi ridendo) Bella cosa,teh...

ROSINA Camminavamo dunque,come sognando. Ad un tratto, mio marito si è fermato per
mettere a registrol'orologio, (con disprezzo) Unica volgarità della sua vita.

NANNINA Sfatte a vede ca chillo nunha da tene manco 'o rilorgio ca vabuono.

ROSINA Io proseguivo un poco più lenta. Sognavo cose dolcissime e sentimentali. Ad un tratto un forte pizzicotto mi ha fatto mandare un grido, e vedo un giovane palparmi sollecito.Odo la voce di mio marito che grida: «Imbecille! Per chi avete presa questa signora? V'insegno io la creanza!» Il giovane ha preso una corsa vertiginosa. Mio marito appresso, io dietro di lui,gridando. Mio marito è caduto duevolte, (tragica) Dio! Che romanzo! Miè sembrato di rivivere una scena del Grand Guignoi!

CATERINA E po'? Che è successo?

ROSINA II giovane ha infilato questo portone, mentre mio marito gli gridava da basso: «He 'a scennere! T'aspetto ccà abbascio.» E rivoltosi al portiere per avere informazioni di questo tale, gli è stato risposto che questa non è abita zione sua e che subito sarebbe sceso. Mio marito mi ha mandata a casa, di cendomi d'aspettarlo lì. Io ho finto d'andar via e, benché questo giovane non meriti la mia pietà, pure ho voluto salvarlo. Per un'altra strada sono tornata qui... Mio marito passeggiava sempre più nervoso e pieno d'acqua. Ho appro fittato d'un momento ch'era voltato di spalle ed ho infilato il portone, colta improvvisamente da una grande paura... Ho fatto i capitoni in corpo.

ERRICUCCIO (con bottiglie) Ecco l'etere. E’ rinvenuta?

NANNINA Si fusseve venuto dimane...

ERRICUCCIO Nun truvavo 'a butti gliella.

NANNINA (a Rosina) Ma chisto giovane, ccà nun ce sta. Almeno ca nunfosse chisto. (mostra 
ERRICUCCIO)


ERRICUCCIO 'E che se tratta?

ROSINA No, non è lui. Era più grasso,molto più grasso e assai sfrangioso.

NANNINA È FOFÒ. 'O vizio 'e i ncuitanno 'e ppovere figliole nun s"o levasa', (a Rasino) Basta,
ma vuie mò chevulite 'a ccà? Pecche site venuta 'a truvàstu signore?

ROSINA Sono venuta per metterlo inguardia contro mio marito, e per impedire che per me,
questa sera, due uomini vadano all'ospedale.

NANNINA E mò comme ve ne scennite? Si 'o marito vuosto ve vede?

ROSINA Farò come quando sono venuta. Aspetterò il momento ch'è voltato di spalle per
poter prendere il largo.

NANNINA Io, si fosse a vuie, nun me ne ncaricasse proprio, e me ne fumasse a' casa. Nun ce
penzate ca na bona cau data, in quest'occasione, è acqua 'e Mag gio.

ROSINA Ah! Ma allora non sarebbe più un romanzo ben complicato, (con entusiasmo)

NANNINA Nu rumanzo? (a parte) Io a chesta nun 'a capisco.

CICCILLO (uscendo con FOFÒ) Dunque, nun ce penzà, ca mò scennimmo tutt' e dduie e
penz'io a calmarlo, (vedendo Rasino) E chi è chella figliola?

FOFÒ (facendo uno scatto) 'A signora ch'aggio pezzecato.

CICCILLO Chell'è?

FOFÒ Chell'è. Ma pecche è sagliuta ccà ncoppe? Stesse 'o marito annascun nuto a
quacche parte?

CICCILLO Nun fa' 'o scemo, viene ccà. (avanzandosi) Mbè, 'e che se tratta? Chi è sta
SIGNORA ?

ROSINA Io... Signore, (vede Fofò) Ah! (lancia un grido) L'uomo fatale! Dio,come è grasso!
Sembra un cuoco! Il mio romanzo si sciupa.

FOFÒ Qua' rumanzo, signò? Vostromarito addò sta? Vuie pecche site sagliuta ccà
ncoppe?

ROSINA Sono salita per mettervi inguardia, per dirvi che mio marito hagiurato di farvi un
paliatone numerouno.

FOFÒ Ah? Veramente? (a parte) Mò parla pure in italiano 'a SIGNORA. SIGNORA
mia, io da qua non mi muovo.

ROSINA E come si fa? Mio marito, poverettto, non può certamente aspettare ancora per
delle ore.

CICCILLO (comico) E sì, nun 'o fa'aspetta cchiù, sembra na scostumatezza.

FOFÒ Ih! Quanto sì scemo tu, pe nun'o fa' aspetta, me piglio io nu paliatone.

CICCILLO Va bene signò, non vi spaventate, mò scendo e cerco d"o convincere io. Lie dico ca tu tiene na malariaca quanno vide a na femmena, e tè piace,si nun tè pigile nu passaggio, tè vene nacunvulsione, sta bene?

FOFÒ Ciccì, tu che vuò dicere?Chillo nun tè crede e abbusche tu peme... Va bene che a
me chesto me fa piacere...

CICCILLO Ah! Ne!

FOFÒ Da una parte, e dall'altra me dispiace. Tu, in ogni modo, pensabuono chello ca
t'esce d"a vocca, e vieneambressa.

CICCILLO No, e tu he 'a venì cu mico.

FOFÒ Io? E che ce vengo a fa' io!

NANNINA Comme che ce la te a fa'?Cercate tutt' e dduie d'arreparà 'o guaio.

ROSINA Ah! Signore, signore, cheavete fatto!

FOFÒ E che è stata colpa mia, bella signora? (molto galante) La colpa è stata delle vostra forme scultorie. Di quel vostro ancheggiare che pareva mi dicesse:«Ma quanno me daie nu pizzeco?!» E poi, se vogliamo, tant'ammuina l'avete fatta voi, con quel grido che avete menato. (a CICCILLO) Pecchè io, capite, passando passando, l'avevo dato chillo pizzeco quasi sfiorandola, senza ca nisciuno se n'addonava. Essa ha alluccato e stateve bene.

CICCILLO Ma è mumento chisto 'epenzà a fa' 'o farenella? Spicciammece, pecchè si no è
capace ca se scoccia d'aspetta e saglie ccà ncoppa.

FOFÒ (che non gli ha dato retta, occupato a corteggiare Rosina) Posso sapereil vostro
nome?

ROSINA Giammai, signore.

FOFÒ E come vi chiamerò nei miei sogni d'amore? Voi non lo volete dire? Non importa.
Ve ne darò uno io: Mariantonia.
ROSINA Cosa dite, signore?

FOFÒ (sempre con entusiasmo) Sì... Mariantonia. Il nome più bello, perché sono uniti
due nomi, Maria e Antonietta, grande regina di Francia.

CICCILLO Tu 'a vuò terni, si o no

FOFÒ No no, m'he 'a fa' fa' mò.

CICCILLO Ca chillo sta spettanno.

FOFÒ E aspetta n'ato ppoco. Mò 'amugliera sta ccà, che me ne mporta.

ROSINA Per carità. Per carità... Nonmi sciupate il romanzo con parole volgari.

FOFÒ Ah! Mariantonia Mariantonia, io t'amo. Mariantonia (Vetroni, Valente) Quando ti guardo o bella, II volto mio s'infiamma. E se ti sto vicino Me se sviluppa 'a fiamma Per tè più non ragiono, Sono uno squilibrato, Da che t'ho conosciuta, Sto sempre disperato Ma perché? Non lo so Dimmi tu, Mariantò, S'adderizza 'o fatto o no Guarda nel cuore triste, Di chi ti adora assai. Stendi la tua manina, Lieveme 'a miez"e guai Non fare la tiranna, Facciamo un po' all'amore, A' faccia 'e chi m'aspetta ccà abbscio pe ore e ore Ma perché ecc. ecc.

NANNINA Quanno 'a vulite fernì, c"o dicite vuie a nnuie! Vedite che sepassa.

FOFÒ Donna Nannì, nule nun stammo facenno niente.

ROSINA II signore mi sussurra delle parole gentili.

NANNINA (a parte) Ih comme sta a sentimentale: Ile piace.

CICCILLO Mbè, vulimmo i? Signò, scennite vuie pure?

ROSINA Oh! E’ impossibile signore, mi volete fare ammazzare? Io sono qua a sua insaputa.

CICCILLO Embè, sapete che vulite fa'? Mò scennimmo, e pe tramente nule le dammo
chiacchiere, vuie ve ne scappatezitto zitto sott"o muro.

FOFÒ (a parte) E 'o stesso faccio pur'io.

ROSINA (salutando le donne) Signore,vi sono infinitamente grata per l'ospitalità.

NANNINA Ve pare, so' cose che capitano.

ROSINA (a CICCILLO) Mi raccomando signore, la mia vita è nelle vostre mani.

CICCILLO Non dubitate che tutto s'aggiusterà.

FOFÒ Siete fra due uomini coraggiosi. (infila il paletot e si avvia assiemea CICCILLOe
Rosina)

CICCILLO Caterì, io mò vego, aspettarne a tavola, (via. Musica ritornello Mariantonia)

NANNINA Ambressa ca 'e maccaruneso' pronti, (via in cucina)

ROSINA Buona sera! Buona sera! (z tréviano)

ERRICUCCIO (appena andati via gli altri, fa per andar via)

CATERINA Addò vaie? Addò puògghì, senza 'e me? Resta... è destino.

ERRICUCCIO (lottando ancora controsé stesso) Lassam'ì... lassam'ì... pensa a CICCILLO.

CATERINA E’ destino che he 'a resta.E destino ca nuie due... chille ca issocchiù vò bene...
l'avimm"a tradì senza vulerlo. Pe destino.

ERRICUCCIO No, nun me cunsiglià 'o minale. Resta comme sempe l'aggio sunnato: bona, onesta e rassegnata, comme l'aggio visto 'a primma vota.

CATERINA (quasi sprezzante) Tu nunme vuò bene! Va'!

ERRICUCCIO (con un grido di passione) Io? Nun me cunusce, nun me cunusce buono. Tu solo, Caterì (Bovio)

CATERINA Tanto tè voglio bene, tanto e tanto Ca i' stessa 'e vvote nun t"o ssaccio di'. E ciento vote me trattengo 'o chiamo, 'O chianto zitto, pe nun fa' sentì.

ERRICUCCIO Caterì, Caterì Ma che m"o ddice a ffa'! Tè voglio bene, Quanno sti tré parole Io nun l'aggi"a sentì, E tu nun me l'he 'a di' Ne ssante, ne miracele nce ponno, Nun ce sta vuto ca me pò scanzà.

CATERINA 'A grazia ca vulesse è n'ora 'e suonno. E dmt' a st'ora nun vurria sunna.

ERRICUCCIO Caterì, Caterì ecc.

A DUE Ma che t"o dico a ffa'! Ecc.

CATERINA (dopo la musica raggiante) Allora rieste? Nun tè ne vaie? Nun me lassarraie maie
cchiù?

ERRICUCCIO (assentisce col capo, in certo e lontano nel pensiero) Sì, ma famm'ì. Mò vengo...mò vengo.

CATERINA (gli bacia la mano riconoscente) Grazie, tu sì 'a vita mia. (Erricuccio entra nella sua camera)

CICCILLO (dalla comune, ridendo) Bè, sentite, è stata serata 'e risate. Nule simmo scise abbascio doppo tré ore 'e storie, simmo iute a vede... e chillo nun ce steva cchiù. Ha ditto 'o guardaporta, ca doppo d'have aspettato cchiù 'e doieore, s'è sfastediato e se n'è gghiuto! 'Obello è stato c"a SIGNORA nun vuleva turnà cchiù a' casa. Ha ditto: «Oh Dio!E se mio marito è andato a casa e nonmi ha trovata, io sono rovinata...» Egghiuto a fernì ca Fofò si è offerto d'accompagnarla fino a casa. Mbè? (guardando intorno) Nule simmo pronte? Egghiamme a mangia, ca me voglio cuccasubito subito, (entra nella seconda con Caterina)

ERRICUCCIO (pausa. La pioggia seguitaa scendere triste con qualche suono in lontananza. Esce ERRICUCCIO circospetto. Hail bavero alzato, il cappello. È pallido. La musica attacca «Riconoscenza», canta amezza voce la terza parte) Riconoscenza E allora addio! Me ne vogl'ì luntano E nun t"o voglio manco fa' sapé, ca sì tè veco, si tè stregno 'a mano, nun tengo 'o core e cado mbraccì a tte E maledetto 'a Dio St'ammore mio sarrà, Si nganno a chi m'ha fatto cchiù 'e nu frato Moro pe tte! Moro pe tte dannato. Ma 'o tradimento nun ce 'o voglio fa'... (terminato di cantare, esce quasi correndo, lasciando la porta aperta)

CICCILLO (d.d.) Mò, mò vach'io, e se l'ha da piglia pe fforza. (esce con tazza di brodo in mano e s'avvicina alla porta di ERRICUCCIO) Erricù... Erricù, viene tè pigile 'o brodo, (ed entra, poi riesce) Nun ce sta, e quanno maie è sciso a chest'ora. E addò è gghiuto? ( vede la comune aperta) 'A porta aperta? Vò dicere ca se n'è gghiuto? E senza dirme niente. Comm' a nu mariuolo? (chiamando) Catari... Nannì...

CATERINA (compare con sguardo interrogativo, seguita da NANNINA)

CICCILLO ERRICUCCIO ... ERRICUCCIO nun ce sta dint"a cammera soia. 'Aporta
sta aperta. Se n'è gghiuto.

CATERINA (con grido mal represso) ERRICUCCIO? Se n'è gghiuto?

CICCILLO Sì... se n'è gghiuto. (quasi commosso) Ma tu pecche he fatto sta faccia bianca... pecche triemme? (amorevolmente le tocca le mani, con tenerezza emeraviglia)

NANNINA (con sorriso diabolico,fredda e sprezzante) Lass"a tremmà.Have ragione 'e se fa' ianca. (marcata) Mò ca nun se pò fa' cchiù rossa.

CATERINA (che fino a questo momentosi sarà repressa, scoppia in singhiozzi mormorando fra sé) Se n'è gghiuto... Se n'ègghiuto.

CICCILLO (con severità a Nannina) Nannì che d'è. Pecche chiagne? (indicando Caterina)

NANNINA Chiagne pecche 'o nnammurato l'ha lassata.

CICCILLO (quasi non credendo a sé stesso) No...

NANNINA (seguitando) E quanno 'apassione è forte, se chiagne senza sen'addunà.

CATERINA (intervenendo contro Nannina con rabbia e dolore) Zitta, serpa chesì! Zitta, nun m'avvelena... Nun m'avvelena cchiù...

CICCILLO (scrutando Caterina, pallido, a Nannina) Parla.

NANNINA (come liberandosi da un gran peso) So' quatto mise ca niente vide, cecato d'ammore e d'amicizia... So'quatto mise che dell'ammore tuio se nefa chello che se ne pò ffa' 'e na cosa canun serve, ca nun conta.

CATERINA (disperata) Nun è overo.

CICCILLO Parla...

NANNINA (seguitando) Cammenanno ncopp' all'amore tuio, scarpesandolo ererennoce ncoppa.

CATERINA No!...

NANNINA (c.s.) E io... so' quatto mise ca veco, veco e me sto zitta. L'aggio desiderato comme se desidera a Dio inpunto 'e morte. Aggio aspettato e meso' stata zitta pecche nisciuna prova tenevo d"o tradimento loro. Mò sì... Èessa stessa ca cunfessa cu nu strillo, cuna parola... E isso stesso ca confessa,fuiennosene 'a sta casa addò tutto teneva... Tutto t"o ddice. Tutto chello casuccede t"o dice. Me sì frate, e a loroduie l'odio.

CATERINA (quasi soffocata) Nun è overo! Che dice, che saie tu? E comme può parla e st'ammore nuosto nnucente? Che ne saie?... Sì... sì... nce simmo valute bene, ma senza pecca. Ncesimmo volute bene d"o stesso ammore forte, ca nun conosce ostacoli. St'aneme noste straziate, niente se fanno rimprovera. Avimmo chiagnuto... avimmo sofferto... e mentre l'uno steva pe cederep"o troppo ammore, chill'ato se n'è fuiuto, scappato p"a paura 'e pecca... 'etradì...

NANNINA (a lui, glaciale) Nun 'a credere.

CATERINA (quasi gridando) E accussì! Nnanz"a Madonna 'o ghiuro! E crideme, crideme Ciccì, nun credere a essaca m'odia, ca nun m'ha male vuluto bene. Ca m'ha accise ciento vote 'oiuorno cu na parola, cu na guardata.(musica) E mò, mò ca tutto 'e saputo, cacciarne 'a sta casa, pecche si nun aggio peccato, io nun songo cchiù d"atoia, nun t'appartengo cchiù. Perdonarne e fammenn'ì... sperza, rnrniez"ofriddo, rnrniezz"a neve... senza arricietto, senza truvà male pace... male...maie... (cade singhiozzando sulla sedia)

CICCILLO (che è seduto con la testa frale mani, alza gli occhi bagnati di pianto. Si guarda intorno, come cercando gli affetti perduti in una sola volta, ma i suoi occhi si inumidiscono ancora. Le sue braccia brancolano ancora nel vuoto, come cercando un appoggio. Indi esprime tutta la sua solitudine, tutto il suo dolore con una parola sola) Niente... Niente cchiù! (scappa via in singhiozzi)

FINE DELLA COMMEDIA
 
 
Eduardo De Filippo, l'uomo e L'arte della Commedia
Blog creato da Bruno Esposito
Autore associato: Anna De Vita
Seguici anche su Facebook, siamo già in tanti - Qui: Da Scarpetta ad Eduardo, una famiglia di artisti e L'arte della Commedia.
Grazie per aver visitato il nostro blog
 
 

Nessun commento:

Posta un commento