martedì 1 dicembre 2015

Tre cazune fortunate - ATTO PRIMO

L'arte della Commedia .



tre cazune furtunate

Commedia in tre atti



Personaggi:

D. Carlo, maggiore in ritiro
Pulcinella
Eugenio
Barone Frollì
Conte Bomba
Totonno
Saverio, scopatore
Andrea, scopatore
Michele, scopatore
Cav. Ciccio
Oscar
Errico, delegato P.S.
Carmeniello, giovane di caffè
Luigi
Due Guardie di P. Sicurezza
Elvira
Rachele
Retella
Erminia
Luisella
Amelia
Un cameriere
Ambrogio, scopatore
Invitati
Scopatori


Dal primo e il secondo atto passano sei mesi, l’azione nel primo atto innanzi Torre del Greco, secondo e terzo atto Napoli, epoca presente.


ATTO PRIMO



La scena rappresenta il cortile di un fondaco verso il principio di Torre del Greco. Grande apertura nel mezzo in fondo che lascia vedere il villaggio con alberi e casine. Una porta a sinistra e una a destra. Appresso alla porta di destra verso la ribalda vi sarà un focolaio rustico con pignatte e tegami sopra. A sinistra appresso alla porta verso il fondo altro simile focolaio con gli stessi utensili, poche sedie rustiche ed un tavolino simile a sinistra.

SCENA PRIMA

Rachele poi Retella.

RACHELE (dalla porta a sinistra): Sto ccà, sto ccà, mò vengo, non avite paura. Vuje vedite a me che me succede! Nuje tenimmo tanta guaje de li nuoste, nce volevene pure chille dell’aute. Chillo aiessera spara no colpo de revolvere a uno a Puortece e po’ se ne fuje ccà isso e la sora, che aveva da fà? ne l’aveva da caccià? Chille sò li figlie de la bonarma de la patrona mia, la Marchesa Compasso, me l’aggio cresciute io se po’ dì. Intanto, loro stanotte se sò cuccate dinta a la cammera nosta, e io e chillo povero Felicieilo nepoteme avimma avuta dormì ccà nterra, all’aria fresca. Ma pe sta jornata hanno da vedé che hanno da fà. Tutte quante sanno che nuje li conoscimme, po’ essere che quaccheduno porta spia a la polizia che stanne ccà e passammo no brutto guajo! Intanto ncoppa a lo fuoco sta sulo l’acqua cauda, nce volarria no poco de carne, e chi nce lo dà? Io non tengo manco sale. Pare brutto a cercà denaro a loro. Ah! mannaggia la miseria mannaggia!...

RETELLA (di dentro nel fondo a destra gridando): Siente, piezze de galiò, stasera non te retirà, pecché si no te faccio la pella, vì. Puozz’essere acciso, puozze nun de subeto, puozze sculà. (Fuori da impagliaseggia con fascio di paglia sotto al braccio e zoccoli porta in tasca un pezzo di pane o un pezzo di formaggio.)

RACHELE: Retè ched’è? Co chi l’haje?

RETELLA: Comme, e non lo ssapite, l’aggio co chillo sforcato, co chillo sfaticato de mariteme! Oh! Mannaggia lo momento che me lo pigliaje! Me poteva rompere na gamma ch’era meglio!... E comme, io povera figliola me vaco stentanno la vita, cammenanno tutta la jornata, che quanno è la sera me sento proprio accisa, e isso sò tre ghiuorne che non vò faticà, non vò scupà, ha ditto che li compagne suoje hanno fatto lo sciopero e non le conviene d’ascì sul’isso. L’aggio trovato dinta a lo cafè chiacchierianno co n’ammorra de magna franche, sò ghiuto pe le dicere: Ma abbuonconto che se fà? Tu manco ogge me daje niente? Chillo m’ha dato no strillo ncapo: Ritirete, lassace parlà, mò me la sconto co ttico!... Piezzo de sbrevugnato!...

RACHELE: Agge pacienzia, commarè, che nce vuò fà, ognuna tenimmo na croce.

RETELLA: E io sta croce non la voglio tenere cchiù, io lo voglio lassà, lo voglio lassà, non me ne fide cchiù. Aiere si non era pe me che m’abbuscaje quinnece solde, steveme diune, capite?

RACHELE: Ma io non me faccio capace, tu primme abuscave li doje lire, li tre lire, e quacche ghiuorno pure li quatte lire, mò comme va che abbusce accussì poco?

RETELLA: Embè, avite visto? Pecché segge de paglia non nce ne stanno, nisciuno n’ausa cchiù, tutte quante s’accattene li segge de Ntonetta.

RACHELE: Li segge de Ntonetta? E che songo?

RETELLA: Sò cierti segge che venene da fore, che saccio da Vienna, e chillo che l’ha mmentate se chiamme Ntonetta, che pozza sculà pur’isso, non hanno cchiù che fa pe nce fà murì de famma a nuje puverielle. Llà, capite, non nce paglia, non c’e sta sta paglia cca, nce sta la paglia fina fatta a rezza che nuje non sapimmo manià. Ma po’ a me non me ne preme, io si seguito a fà la mpagliaseggia, la faccio pecché non me fido de sta senza fà niente. Io me so’ mmaretata, e isso nce ha da penzà, pecché si no nu juorno de chiste, commà, facimmo n’acciso e nu mpiso.

RACHELE: Ma nonsignore, co la maniera s’arriva a tutto.

RETELLA: Io po’, commà, ve voleva dicere na cosa, che le preme a lo nepote vuosto, Felice, de se mettere mmiezo a sti fatte?

RACHELE: Pecché, che è stato?

RETELLA: Aiere me dicette mariteme che l’hanno fatto presidente.

RACHELE: Overo?

RETELLA: Gnorsì.

RACHELE: Me fa maraviglia. Chillo lo Cielo lo ssape comme sta pe tanta guaje che tene; forse se sò serviti d’isso pecché sape scrivere no poco.

RETELLA: E dicitencello che non li secondasse, che li facesse faticà.

RACHELE: Va buono, non nce pensà, chillo mò è ghiuto da lo Sinneco che l’ha mannato a chiammà, quanno se retira nce lo dico.

RETELLA: Vuje vedite a che epoca simme arrivate, pure li scupature se mettene in suggività. Dimane si a primm’ora non esce co la scopa, nce la rompo ncape, mò vedimmo! (Dà una sacca caccia pane e formaggio e mangia.) Cummà ne state servita?

RACHELE: Grazie. Ched’è?



RETELLA: È no poco de case viecchio pruvatelo.

RACHELE: No pocorillo pe l’assaggià, pecché non tengo appetito. (Lo prende.) Mille grazie. (Mangia a grossi bocconi.) È saporito, è ncanestrato de Sicilia.

RETELLA: Gnorsì. (La commara ha ditto che non teneva appetito.) Commà, sentite, io ve voleva sempe addimmannà na cosa. Chill’auto nepote vuosto che ve venette a truvà l’anno passato, non l’aggio visto cchiù, che se n’è fatto?

RACHELE: Ah, Alfonso?

RETELLA: Gnorsì, Alfonso.

RACHELE: E chillo mò sta a Napole, sta a servì co no cantante, no tenore de S. Carlo, e isso ogne tanto nce manne mò cinche lire, mò 10 lire, comme po’ lo povero giovene. Lo mese passato Pulecenella le screvette che io steva malata, e me mannaje vinte lire.

RETELLA: Ah! Bravo!

RACHELE: E si no sarría arrivata, bella mia.

RETELLA: Ah! E diciteme n’auta cosa commà, stanotte pecché site state ccà fore fino a ora tarda?

RACHELE: Fino a ghiuorno, commarella mia, fino a ghiuorno, me sento accisa, me sento tutta dulure!

RETELLA: Ma pecché?

RACHELE: Pecché avimma avuta cedere li duje lettine nuoste a no frate e na sora che nce venettene a trovà.

RETELLA: E se stettene pure a durmì?

RACHELE: E già... pecché non avevene addò j, pecché... Cummarè, io te conto tutte cose, ma pe ccarità, ccà se tratta de nu guajo, de no gruosso guajo!

RETELLA: Non dubitate, chesto che cos’è, m’avite pigliate pe na criatura.

RACHELE (guarda intorno): Chili duje che stanno llà dinto, sò figlie de della signora, addò io sò stata tant’anne fa pe governante, la Marchesa Compasso. Aieressera, lo giovene, avette che dicere co n’amico sujo a Puortece, cacciajene li rivolvere, isso fuje cchiù lesto e lo sparaje!

RETELLA: Vuje che dicite! E l’accedette?

RACHELE: E chi ne sape niente. Là per là, senza perdere tiempo, se menaje dinta a na carrozzella isso e la sora e se ne fujettene ccà! Che poteva fà io, ne li poteva caccià? A dell’ora, spaventate comme stevene, me l’aggio quase crisciute... me facettene na pena che non può credere.

RETELLA: E se capisce. Ma intanto, commara mia, stateve attienta, pecché vuje ve putite ncuità.

RACHELE: E se sape, tu pazzie... Intanto lasseme vedé che stanno facenno. (Alla porta a sinistra guardando.) Signurì, signurì... e ascite nu poco ccà fore, chesto che cos’è, pigliate nu muorzo d’aria... non nce sta nisciuno, non avite appaura.

SCENA SECONDA

Eugenio, e dette.

EUGENIO (pallido): Grazie, grazie, Rachele mia. (Va a guardare in fondo con preoccupazione.) Pe chello che avite fatto ve ne sarraggio grato fino alla morte. Sò no povero disgraziato, no povero infelice, che aggio perzo ogni avvenire, ogni felicità.



RACHELE: Ma nonsignore, pecché dicite chesto, sperammo che lo Cielo ve salvasse.

EUGENIO: No, non po’ essere, è impossibile, quanto cchiù nce penso, cchiù veco che è na rovina pe me.

RACHELE: Ma comme fuje? Comme succedette la disgrazia? Potite parlà, chesta è la commarella mia.

RETELLA: Vostra serva.

EUGENIO: Grazie. L’auto juorno venetteme a Puortece io e l’ultima sora mia, Amelia pe venì a trovà no zio nuosto viecchio che sta malato. Chisto ccà è ricchissimo, ma è avaro all’eccesso. Non tene nisciuno dinto a la casa, tene sulamente nu segretario da tante anne, co lo quale aggio fatto sempe quacche affaruccio d’interesse. Isso annascuso de ziemo me mprestava li quatte e li cinche mila lire a la vota, e io po’ le passava l’interesse. Ereme arrivate a unnece mila lire. Aiere le dicette che me n’avesse dato n’auti sette ed erano justo 18 mila lire. Chisto se mette a fà no chiasso che non potite credere, se mette ad alluccà tu: sì nu scapestrato, nu jucatore, no truffatore! Fortunatamente zi zio steva dormenno e non sentette niente. Io me stette zitto pecché steve llà ncoppa e non poteva risponnere. La sera nce jetteme a fà na cammenata io e Amelia — mentre nce steveme ritiranno verso li nnove — lo ncuntrammo a lu puntone de lo vico, m’accustaje e le dicette. Ma comme, tu staje facenno lo signore co li denare de chillo povero viecchio che sta dinto a no lietto malato de della manera, e po’ chiamme truffatore a me? Mò vaco ncoppe e le dico tutte cose, le dico che tu te piglie li denare suoje da la cascia e li daje co lo nteresse. A sti parole isso caccia na pistola, dicenno: e io sto tiempo non te lo dongo. Sorema se mettette ad allucca... ma vedette avvilito cacciaje pure io lo revolvere e sparaje. Chello che succedette dinto a chillo momento non ve lo saccio dicere. Vedennelo cadè nterra ferito, non facette auto che piglià della povera guagliona, meza svenuta, metterla dinto a ca carrozzella e correre ccà da vuje, unica femmena che nce avite voluto tanto bene.

RACHELE: Vuje vedite che guajo! Che guajo!...



RETELLA: Ma non avite appaura signurì, sperammo che sia cosa de niente... Ah! lo potiveve fà a maritemo, v’avarria fatta na statua d’oro...

EUGENIO: Io, crediteme, non me metto paura pe me, ma pe della povera Amelia che resta sola.

RACHELE: Ma a essa pecché non la mannate da chell’auta sora vosta?
EUGENIO: Elvira?

RACHELE: Gnorsì.

EUGENIO: Chella è na superba, fanatica, che non nce ha potuto maje vedé, e po’ addò sta? Doppo d’avé spusato duje anne fa no maggiore de Fanteria al ritiro, partette, senza farce sapé niente cchiù.

RACHELE: E comme se fa? Addò va della povera piccerella?

EUGENIO: Io esco no momento, torno n’auto ppoco.

RACHELE: E addò jate mò, stateve attiento?

EUGENIO: No, io arrivo ccà vicino, voglio addimmannà a quaccheduno pe sentere ch’è succieso e che se dice de lo fatto — mò torno — ve raccomanno Amelia. (Via pel fondo a sinistra.)

RETELLA: Povero giovane, me fa proprio compassione, si lo putesse aiutà co l’uocchie, lo faciarria co tutto lo core! A li vote uno se trova dinta a no guajo senza sapé comme... Commà, permettete, io me vaco ad arricettà no poco chella cammarella mia, che stammatina l’aggio rimasta miettece fuoco e fuje.

RACHELE: Fa li fatte tuoje, bella mia.

RETELLA (alla ribalda): Io po’ dico accussì, succedene tanta fatte, tanta mmecidie, e a mariteme nisciuno l’accide?... no, ma chillo è servizio che nce lo faccio io senza cortiello e senza revolvere. Na notte de chesta, mentre sta dormenno, le metto doje deta nganne e lo strafoco, mò vedimmo! (Via porta a destra.)

RACHELE: Chesta s’appicceche sempe co lo marito, pare che tanno se spartene, tanno se bassano, e po’ la sera fanno pace.

SCENA TERZA

Carlo, e detta.

CARLO (dal fondo a destra): Bella fé, scuse, damme nu bicchiere d’acqua, non è stato possibile de trovà n’acquaiuolo. (Porta in tasca sei soldi e una pezza scozzese.)



RACHELE: E se capisce, caro signore, da chesti parte acquaiole non nce ne stanno. Mò ve servo io, v’avite da contentà comm’è, pecché ccà non è arrivata ancora l’acqua de Serino, a Puortece sì.

CARLO: Comme è è, dammi a bere, perché ardo dalla sete.

RACHELE: Va bene, anze mò ve ne tiro no cato fresca fresca. Assettateve no poco. (Gli dà una sedia.)

CARLO: Grazie, sei troppo buona.

RACHELE: Ma niente, è dovere. (Via porta a sinistra.)

CARLO (siede): Sangue de Bacco, quello che succede a me, so’ cose de pazze — Da vinte juorne non aggio cchiù che passà. Appena tornato a Napole, doppo duje anne che nce mancava, vado ad abitare con mia moglie al vico freddo a Chiaia, in un elegante red-sciossè mobigliato, con un magnifico salotto che affaccia nel giardino. Dopo 8 giorni verso le nove di sera, me venette ncape de non trasì pe lo palazzo, onde fare una dolce sorpresa a mia moglie. Scavalco la finestra e trovo la camera all’oscuro, trase dinto a n’auta cammera, a lo scuro, trase cchiù dinto, a lo scuro. Finalmente nel salotto nce steva appicciato no mozzone de cerogene, tantillo, cu tanta garselle che tengo, e trovo la perfida donna a pianoforte e no giovinotto che cantava. Ah! Svergognata, traditrice, e mi scagliai. Chillo piezzo d’assassino, stuta lo mozzone, e me fa tuzzà co la capa nfaccia a la sospensione a petrolio che steva mmiezo, essa cadette nterra svenuta, isso scappaje pe la fenesta de lo giardino, io, coraggiosamente l’afferaje pe na ponta de lo cazone, ma la robba essendo di pessima qualità, se stracciaje, e me rimmanette stu piezzo mmano. (Lo caccia e lo fa vedere.) Va trova chi disperato aveva da essere che portava chesta qualità de cazone ncuollo, scozzese! Vedete che farenella! Lo cazone scozzese... moglierema l’aggio tenuta sei giorni dinta a lo bietto senza poté manco parlà. Stammatina finalmente, m’ha ditto, che era un giovine tenore che le steve facenno sentere la romanza al finale della Luna. E pecché stutaje la cannela? Pecché se ne scappaje da la fenesta? E che ne so’ io, non me lo domandare, per carità. So’ stato a diversi teatri, aggio fatto vedé sta pezza, ma nisciuno mi ha saputo a dicere niente. Ma io, sangue de Bacco, l’aggio da trovà, me l’aggio mise ncapo e l’aggio da trovà! Come maggiore di Fanteria in ritiro, non mi posso tenere questo affronto. Io spenderei qualunque somma pe lo puté ncuccià. In tanto moglierema sapenno che io aveva venì ccà a la Torre pe n’affare mio stammatina, mi ha ditto: Cocco — quanne vò quacche cosa me chiamme Cocco — fammi il piacere, nel passare per Portici, va da mio zio e domanda se sa dove si trova Amelia, mia sorella, sono due anni che non la vedo. Di mio fratello Eugenio non ne prendere conto, perché è stato sempre un cattivo soggetto, ha sciupato molto col gioco. Va bene, domanderò solamente di Amelia. So’ ghjuto a lo palazzo, llà steva na folla, dice che ajeressera fuje ferito lo segretario de lo viecchio e non riceveva a nisciuno, tantocchiù che isso pure sta malato. Aggio ditto a lo guardaporta: ma io sono il marito della Marchesina, sua nipote, sono il Maggiore D. Carlo Mitraglia... è inutile, non potete salire. E va te fà squartà tu, lo patrone tujo e lo segretario, e me ne so’ ghiuto. Mò bevo, po’ me metto dinto a lo tram e me ne torno a Napole.

SCENA QUARTA

Rachele e detta, poi Amelia.

RACHELE (con bicchiere d’acqua in un piatto): Ecco servito.

CARLO: Grazie! (Beve.) Ah! Non ne poteva più. (Prende sei soldi e glieli dà.) Teh, prendi.

RACHELE: Ma nonsignore, va pare, no bicchiere d’acqua...

CARLO: Ma che, ma che, sei stata tanto buona.

RACHELE (prende la moneta): Grazie eccellenza — volite niente cchiù?

CARLO: No, grazie, non voglio niente più. (Rachele si volta di spalle per posare il bicchiere, lui dà un colpo di sedia a terra e dice gridando.) Vorrei solamente trovare quell’imbecille! Quella carogna!...

RACHELE: (Puozze sculà, m’ha fatto fà no zumpo!).

CARLO: Pe le fà na cauciata comme dico io. (Gridando:) Ma chissà! chissà! (Via arrabbiato di fretta pel fondo a sinistra.)

RACHELE: Mamma mia, come sta arraggiato, me pare no cane de presa. Va trova chi va trovanno — M’ha dato sei solde pe no bicchiere d’acqua, adda essere no signore ricco.

AMELIA (dalla porta a sinistra): Rachè, Eugenio se po’ sapé addò è ghiuto?

RACHELE: Ha ditto che arrivava fino a ccà vicino e po’ tornava. Ma signurì, non ve state accussì, non ve disperate, lassate fà a lo Cielo.

AMELIA: Tu parle bello, non ve disperate, non state accussì... e pozzo sta diversamente? Stanotte non aggio potuto durmì, aggio chiagnuto sempe. Te pare na bella posizione la mia? Senza mamma, senza patre, senza nisciuno, sulo no frate m’era rimasto, e doppo lo fatto che succedette aieressera, forse lo perdarraggio pure. Chi tengo cchiù? Chi me nimmane? Addò vaco? (Quasi piangendo.)

RACHELE: E brava! Co sti parole che avite ditto me facite capì che mai bene m’avite voluto, e che ve site scordato ntutto e pe tutto de chello che aggio fatto pe vuje. E comme, vuje dicite, chi me rimmane, addò vaco? Ma forse Rachela vosta è morta? Forse della femmena che v’ha conosciuta de sette anne non nce sta cchiù? Nce stongo semp’io che ve facciarraggio da mamma, da sora, da tutto!

AMELIA: Oh, grazie, Rachela mia, co sti parole toje tu me conzuole, ed io t’assicuro, che da oggi in poi, te volarraggio bene comme a na seconna mamma mia. Te ricuorde Rachè, te ricuorde comme steveme allegre, quanno tu stive dinta a la casa nosta. Te ricuorde quanta resate nce faceveme quanno te veneva a trovà Pulecenella nepotete, cantava, pazziava, nce faceva stà tutta la jornata allegramente. Io tanno era proprio na piccerella, e isso, sempe che veneva me portava na pupata, te ricuorde?

RACHELE: Gnorsì, chillo li faceva isso stesso pecché allora maritemo teneva la puteca de Bazar.

AMELIA: Io lo voleva tanto bene e tanto bene che tu non può credere, quanno veneva a la casa io zumpava, abballava pe la contentezza, e senza sapé pecché. Po’, morette mamma, tu te ne iste e fenette tutte cose!

RACHELE: E quanta disgrazie aggio passato d’allora, mariteme jette sotto e ncoppa co la puteca, po’ lo perdette, e mò me trova ccà io e chillo povero Pulecenella, lo quale non tenenno mezzi, non tenenno nisciuna riserva pe tirà nnanze la vita, s’avette da mettere a fà lo scopatore.

AMELIA: Lo scopatore! Mamma mia!...

RACHELE: Embè, cara signorina, che s’aveva da fà, quanno se fatica pe magnà, niente fa scuorno a sto munno.

AMELIA: Oh! chesto è certo.

SCENA QUINTA

Andrea e dette, poi Pulcinella.

ANDREA (in maniche di camicia e calzone logoro, in testa una coppola, con le mani nelle tasche del calzone, e un mozzicone in bocca che fuma a stento, ha una scopa sotto al braccio): Salute siè Rachè.



RACHELE: Bongionno.

ANDREA: Pulecenella non c’è stà?

RACHELE: Nonsignore, ancora s’adda ritirà.

AMELIA: (Chi è disto?).

RACHELE: (È n’amico de Pulecenella).

AMELIA: (Jammonce nuje dinto, non voglio sta ccà fore).

RACHELE: (Dicite buono, abbiateve che mò vengo). (Amelia via porta a sinistra.)

ANDREA: Siè Raché, chi è della bardascia?

RACHELE: È na figlia de na signora addò io so’ stata a servì paricchie anne fa.

ANDREA: E che è venuta a fà ccà?

RACHELE: Te l’aggio da dicere a te? Avimmo da dà cunto a te?

ANDREA: Nonsignore.

RACHELE: Embè, che addimmanne a fà, non me vedeva da tanto tiempo e m’è venuta a trovà. Tu manco sì asciuto a scupà stammatina?

ANDREA: Non sò asciute l’aute, non esco manco io — Abbiamo fatto il sciopere.
RACHELE: Vattenne sciopere, facite chello che avita fà; co chesta miseria co chesta famma che nce sta, e chille pensano a fà lo scioperò — Ah! Pecchesto non tiene la blusa?

ANDREA: Se sape, nce l’avimme levata tutte quante. Si lo Municicolo nce acconda chello che vulimmo, nce la mettimmo n’auta vota, e si no stamme accussì.

RACHELE: E facite na bella cosa — ccà a n’auto poco nce mangiammo ll’uno coll’auto e chille vanno facenno li vagabonde — va, va, jate a faticà, sentite a me, che vuje facite peggio, facite peggio!... (Via porta a sinistra.)

ANDREA: Facimmo peggio? E mò vedimmo. Stammatina lo Sinneco, vedenno li strade sporche s’ha mannato a chiammà subeto a Pulecenella che è il nostro presidento, mò che vene vedimmo che ha combinato.

PULCINELLA (di dentro gridando): Gnorsì, tutto è agghiustato, avvisa a tutte quante che venessene subeto da me.

ANDREA: Ah, lo vì ccà, lo vì, avarrà fatto cose bone.

PULCINELLA (fuori in soprabito nero molto vecchio e sdrucido, il calzone lo stesso, in testa un cappello all’italiana anche vecchio, in mano un finocchietto.) Bongiomo Andrè.

ANDREA: E accussì, Pulecenè, che haje fatto?

PULCINELLA: Aggio aggiustato tutte cose, aggio parlato io co lo Sinneco... e na cosa... l’avimmo attenuto.

ANDREA: Pozzo j a chiammà li compagne?

PULCINELLA: Sì, va, stanno vicino a lo cafè mmiezzo a la piazza. (Andrea via.) Chi maje se poteva credere che io arreduceva a fà lo scupatone. Papà me lo diceva sempe, frisca l’anima soja: Tu non vuò j a la scola? Non te vuò mparà n’arte? E mare a te: Papa, ma io la penna non la saccio tenere mmano, me sporca li dete de gnostia: Non è overo, so’ scuse, tu sì no vagabondo, vuò fà lo magnafranco! Chi non sape tenere la penna mmano, vene n’epoca che tene la scopa!... e accussì è stato. Me n’ha fatto mazziate chill’ommo, non n’ha potuto ricavà maje niente: Na matina me ricordo, pecché non volette j a la scola, me chiudette fore a lo balcone e me dicette: lloco te faccio stà fino a mezanotte, diuno comme a nu cane, e se ne jette. Io m’assettaje nterra e me mettette a guardà li guagliune che pazziavene la palla a lo nove. Verso li seje me venette tale na famma che me senteva svenì, e che pensaie de fà? A una a la vota e chiano chiano me magnaje nu mazzo de pummarolelle e tre melunne che stevene appiso fore a lo balcone — la notte che dolure ncuorpo neh! Cose de pazze! Nce n’aggio dato collera a chillo povero viecchio, e mò ben mi sta. Appriesso a ziemo m’era mparato buono a fà pupate, carrozzelle, palloncine, vaporette, cavallucce, tutte sorte de pazzielle, la morte se lo pigliaje, e stateve bene! Se io avesse na provvidenza de duje, treciento lire, chesto è tutto, me faciarria no capitaluccio, araparria na piccola puteca de Bazar a 49 centeseme, e lassarria sta cancara de scopa, ma sti treciento lire chi me li dà, ca chisto è lo mbruoglio, io non so’ stato capace de m’agghiettà na lira. Quanno frateme cucino Alfonso me manna na cinche lire da Napole, tanno me faccio nu pare de scarpe, si no jarria pure scauzo. L’autriere le scrivette na lettera, cercannele quacche cosa superchia, vedimmo che fà. Intanto sto co na paura ncuorpo pe chilli duje che stanno llà dinto. (Guardando a sinistra.) Chillo se mette a sparà a uno e po’ se ne scappa justo ccà, m’ha fatta fà la nottata chiara chiara.

SCENA SESTA

Retella e detto.

RETELLA: Oh! Carissimo Signor D. Pulecenella, ben tornato.

PULCINELLA: Padrona mia.

RETELLA: Si nce avite da dà quacche comanno, nuje stamme ccà per servirvi.

PULCINELLA: Grazie... Oh! Ma che significa sto parlà caricato, che vò dicere sto D. Pulcinella?

RETELLA: Oh! Perdonate, a voi adesso vi spetta il Don e tutta la riquatratura personale.

PULCINELLA: Uh! Ched’è a riquatratura?



RETELLA: Oggi non siete più chillo Pulcinella de na vota, sapimmo tutto, oggi siete il presidente dei Scopatori!

PULCINELLA: Sà Retè, tu senza che faje caricature, so’ presidente e me ne vanto, tu ntrichete de li fatte tuoje, haje capito?

RETELLA (forte): Aggio capito, sì! e me ntrico pure de li fatte de mariteme che so’ tre ghiuorne che non me da niente, e non fatica pe causa toja!

PULCINELLA: Pe causa mia?

RETELLA: Sì, pe causa toja e de chille sfaticate de li compagne suoje. Ma mò sà che te dico? Facite dello che volite vuje ma lassate sta la casa mia, pecché si no de notte vi... e non ve credite che so’ femmena, pecché io femmena e bona, ve rompo la capa a tutte quante!

PULCINELLA: No tu a me la capa non me la rumpe, sa, pecche io non t’appartengo, e né me ntrico de li fatte vuoste, e lo stesso te risponne pure pe li compagne mieje, tu può disporre sulo de la capa de maritete, l’auti cape l’haje fa stà, rumpancelle, a me che me ne preme!

RETELLA: E va buono, non ve n’incaricate.

SCENA SETTIMA

Andrea, Totonno, Michele, Ambrogio, Saverio, 6 comparse scopatori e detti. Tutti con scope, e in maniche di camicia.

ANDREA: Eccoce ccà nuje.

TOTONNO: Simme leste.

MICHELE: Che se dice? Che hai fatto?

TOTONNO: Haje parlato co lo Sinneco? (Retella passeggia davanti a loro con le mani dietro.)

SAVERIO: Che t’ha ditto?

TOTONNO: Che avite combinato?

PULCINELLA: (Simme arrivate a la Riviera di Chiaia) e si chella non se ferma io non pozzo parlà.

TOTONNO: Gué, a te, che faje ccà? Vattenne dinto!

RETELLA: Voglio sta cca, non aggio da dà cunto a nisciuno! (Si ferma.)

TOTONNO: Retè, t’aggio ditto tanta vote non risponnere accussì, pecché na vota de chesta me faje fa lo pazzo!

RETELLA (gridando) Vattenne! Faje lo pazzo! Mò overo te lo ceco n’uocchio!

TOTONNO: A me?

RETELLA: Sì! A te!

TOTONNO: Ah! sango...

MICHELE: Totò, Totò, va buono, lassela stà, ma comme vuje mò facite sempe n’arte?

SAVERIO: Nuje avimmo da vedé che avimmo da fà, e tu justo mò te vuò appiccecà co mogliereta? Retè e statte zitta tu pure!


TOTONNO: Va buono, stasera parlammo.

RETELLA: Stasera te sciacco!...

ANDREA: Dunque?...

MICHELE: Vuò parlà o no?

PULCINELLA: E mò, falle primme calmà, ccà se tratte de capa sà.

MICHELE: Quà capa?

PULCINELLA: No niente. Dunque, verso l’unnece lo Sinneco m’ha mannato a chiammà, io m’aggio mise sto soprabito ncuollo che teneva astipato da tanto tiempo e nce so’ ghiuto, aggio aspettato fore a la sala cosa de na mez’ora, po’ s’è aperta la porta de la cammera soja e aggio ntiso che ha ditto nfaccia a n’usciere: Fate entrare il Presidente. (Retella ride forte.) È asciuto l’usciere: Presidente, entrate — Eccome ccà — So’ trasuto m’aggio levato lo cappiello e aggio aspettato regolarmente che parlava primme isso. Doppo no poco m’ha guardato e m’ha ditto: Comme te chiamme tu? Pulcinella Cetrulo a servire — Sei tu il Presidente della Società dei Scopatori? Sissignore eccellenza. (Retella ride forte.) Dimme na cosa... quanno... Eh, ma si chella non fernesce de ridere, io non pozzo parlà.

ANDREA: Retè, Retè, agge pacienzia. (Totonno per la rabbia si mette il manico della scopa tra i denti.)

PULCINELLA: Chisto mò se magna a scopa. (Seguita a parlare:) Dimme na cosa, m’hanno ditto che avite composta na canzone ntitolata: I scopatori! È vero? Sissignore Eccellenza. L’Inno dei Scopatori — l’aggio composta io, e la musica nce l’ha mise D. Ignazio lo trombone, quanno non avimmo che fà, la cantammo quacche vota la sera — Bravo, me fa tanto piacere! Chesto però non me preme tanto — io voglio sapé pecché aissera venisteve a pusà li bluse cca ncoppe, e stammatina non site asciute? Io co bella maniera l’aggio ditto: Signurì...

RETELLA: Vulite o pungolo?

MICHELE: Retè, Retè, lassece sentì. (Totonno gli fa una ciera.)

PULCINELLA: L’aggio ditto: Signurì nuje pe tanto non simme asciute pecché si ve ricordate seje mise fa nce promettisteve n’aumento, e po’ non l’avimmo cchiù avuto — nuje nce simme state zitte e avimmo seguitato a faticà. A Napole li scopature hanno na lira e 75 a lo juorno, e so’ tutte viecchie, tutte sicche, tutte malate, nuje po’ che simme giuvene e de bona salute avimmo d’avé vinticinque solde, pecché? Ve pare che sia regolare?... Nuje volimmo faticà sissignore, vulimmo murì pure sotto la fatica, ma pensate che ognuno de nuje tene famiglia, chi tene mamma, chi tene figlie, chi tene mogliere, comme putimmo tirà nnanze co 25 solde a lo juorno, che ne facimmo? Si po’ assolutamente non nce vulite aumentà, nuje ascimmo, scopammo pe fà piacere a vostra eccellenza.

TUTTI: Bravo! Bravo!

PULCINELLA: Eh! io no poco ciuccio songo, ma la lengua mmocca la tengo. Isso ha penzato no poco, po’ m’ha guardato, e quase comme si se fosse impressionato de li pparole meje, tutto nzieme, risoluto, ha tuzzuliato lo campaniello e ha ditto usciere!...

RETELLA (con lo stesso tuono): Datele nfaccia!

MICHELE: Retè... Retè...

TOTONNO: Me staje toccanno li nierve, nce staje sceppanno li mazzate da dinto a li mmane!...

AMBROGIO: Non mporta Totò!

TOTONNO: Mò vedimmo si te staje zitto.

ANDREA: Dunche?

PULCINELLA: Usciere dite al mio segretario che venesse mò proprio ccà — Po’ a me m’ha ditto: veniteve a mettere li bluse, e si ascite subeto, invece di una lira e 25 al giorno, da domani in poi avrete 1 e 30.

TUTTI: 1 e 30!

ANDREA: Chesto è tutto?

TOTONNO: No soldo de cchiù!

MICHELE: E tu haje fatto tanta chiacchiere pe no soldo?

SAVERIO: E avimmo perzo tanto tiempo?

PULCINELLA: Embè, chillo all’ultimo sapite che ha ditto? Si po’ non site contente e non ascite, io ve licenzio a tutte quante, e i scopatori li faccio venire dall’alta Italia — Mò chello che vulita fà facite. Vuje ve vedite arrivà li scupature da Roma, Milano, Torino. Io come presidente ve dico jammo a faticà che è meglio pe nuje.

ANDREA: Totò, che dice?

TOTONNO: Io pe me, a la verità cercarria almeno n’auti quatte solde a lo juorno.

MICHELE: E sieno pure 3 solde.

SAVERIO: Dice buono, chesto che cos’è?

AMBROGIO: Io pe me diciarria de non nce tornà ncoppe.

PULCINELLA: Chello che dico pur’io! Basta ccà non se po’ perdere tiempo, e po’ io aggio accettato, e comme a presidente non credo che me vulite fà scomparì co lo Sinneco — Chi vò j a faticà e se contenta de lo soldo, aizasse la scopa. (Tutti alzano le scope.) Approvato ad unanimità! (A Retella:) Mò me pare che può fenì de ridere.

RETELLA: Voglio ridere fino a dimane!

TOTONNO: E io dimane t’arapo tutto chesto! (Fa il segno alla fronte.)



RETELLA: Io stanotte t’affoco! Non te n’incarricà! Magnafranche! Tu lo presidente, e tutti li compagne tuoje! (Via porta dritta.)

PULCINELLA: È femmena, che nce vuò dicere a chella!... Basta jammoncenne.
TUTTI: Jammoncenne.

ANDREA: Pulecenè, tu nnanze.

PULCINELLA: A duje a duje, e silenzio pe la strada, mò jammo sotto a lo Municipio e tutte quante dicimmo: Viva lo Sinneco!

TUTTI: Viva lo Sinneco!

PULCINELLA: Senza alluccà tanto, pecché l’aumento è stato de nu soldo! (Si mettono le scope sulle spalle come fucili e Pulcinella va avanti fanno per uscire dal fondo a destra, Luigi si trova entrando a ricevere la scopa di Pulcinella sul volto.) Chisto è venuto addurà lo buchè!

SCENA OTTAVA

Luigi, e detti.

LUIGI (con involto di tre calzoni e lettera scritta in tasca): Scusate, aggiate padienzia me sapisseve a dicere si ccà sta de casa no certo Pulcinella Cetrulo?

PULCINELLA: So’ io, che v’aggio da servì?

LUIGI: Site vuje? Proprio vuje?

PULCINELLA: Sissignone, addimmannate a li compagne mieje.

TUTTI: Sissignore, è isso proprio.

LUIGI: Uh! che piacere! Io vengo da Napole, m’ha mannato lo frate cucino vuosto Alfonso.

PULCINELLA: Uh! Alfonso! Bravo! e comme sta? comme sta?

LUIGI: Sta buono ce manna tanto tanto salutanno, e po’ v’aggio da parlà de n’affare importantissimo.

PULCINELLA: N’affare importantissimo? E de che se tratta? Belli figliù, scusate nu momento, sto signore l’ha mannato frateme.

TUTTI: Facite li fatte vuoste. (Tutti si situano in fondo.)

PULCINELLA: Dunche?



LUIGI: Avite sapé che io so’ amico stretto de lo frate vuosto e ajere a lo juorno me dicette che vuje l’avite mannata na lettera cercannole quacche cosa de denare?

PULCINELLA: Sissignore... pecché stongo...

LUIGI: Va bene, io saccio tutte cose, dice che state proprio menato co la nzogna.

PULCINELLA: Io sto arruinato, ogne ghiuorno magno patane, e tengo na zia tanto che se n’ha magnate che s’è fatta accussì. (Fa l’azione.)

LUIGI: Aggio capito s’è fatta na caudara. Lo patrone sujo lo tenore, ajeressera facette l’ultima recita a S. Carlo, e stammatina è partito pe Genova, e regolarmente ha avuta da partì pure lo frate vuosto.

PULCINELLA: E se capisce.

LUIGI: Isso nnanze.

PULCINELLA: E frateme appriesso, comme fosse nu cane.

LUIGI: Primme de partì, m’ha mannato a chiammà a la casa e m’ha consignato pe vuje sto pacchetto e (mette la mano in tasca, Pulcinella si crede che caccia denare mostra allegria) sta lettera.

PULCINELLA (li prende): Grazie tanto — comme ve chiammate?

LUIGI: Luigi.

PULCINELLA: Grazie tanto, D. Luì, a vuje e a isso — me dispiace che v’avite pigliato tutto sto fastidio.

LUIGI: No, che fastidio, aggio creduto de fa no piacere all’amico mio e a buje.

PULCINELLA: Quanto site buono.

LUIGI: Io me ne vado, si vulite niente da Napole.

PULCINELLA: Grazie tanto, si vedite Alfonso me lo salutate e me lo ringraziate.
LUIGI (ridendo): E comme lo vedo, si v’aggio ditto che stammatina è partito pe Genova

PULCINELLA: Ah! Già, allora che v’aggio da dicere, commannate pure a me.

LUIGI: Ma niente, niente, stateve bene.

PULCINELLA: Ma pigliate quacche cosa, vulite na bibbia?

LUIGI: Grazie tanto.

PULCINELLA: Fate passà, sgombrate. (Tutti si scostano e Luigi via.) Signori miei aggiate pacienzia, cinche minute quanto leggo sta lettera che aggio avuta.

ANDREA: Nuje non nce, movimmo da ccà.

PULCINELLA: Povero Alfonso, mò certo m’ha mannato na ventina de lire. Eh, e che ne faccio? Quando piglio e li dongo a lo patrone de casa. (Apre piano piano la lettera l’apre la svolge e non trova niente.) No, nce stanno 21 lire. (Legge compitando come uno che sappia poco leggere:) Caro Fratello. Tu mi hai mandato a cercare qualche cosa di denaro, ma io ti faccio sapere che mi trovo all’ultimo grado della disperazione. I debiti mi sono saliti fino a la gola. Fortunatamente vado a Genova col mio padrone, il quale è stato scritturato là per due mesi, se io restava in Napoli un altro giorno i creditori certo mi facevano la pella, quindi ho dovuto per forza partire con lui. Nel pacchetto che ti consegnerà l’amico Luigi, troverai 3 oggetti che mi furono regalati dal mio padrone e che io non me ne sono servito, appunto per mandarli a te. Tu te li potrai vendere e ne potrai ricavare una moneta. Appena arrivato ti scriverò. Bacioni Zia Rachele e credimi. Tuo Alfonso. S’auniscene le sceppetielle de frateme, io che saccio poco leggere, e comme jammo belle. E che nce starrà dinto a sto pacchetto. (Tastando.) Rrobba morbida, ha ditto che so’ 3 oggetti... fossene oggetti d’oro? E che diavolo faceva tutto sto fangotto. M’avesse voluto fà na sorpresa, nce stessene denare da dinto? (Svolge da un angolo il grosso cartoccio di carta mette la mano e ne caccia un cazone giallo.) No cazone? e che aggio da fà co sto cazone? (Mette di nuovo la mano e ne caccia un altro scozzese, come la pezza che ha fatto vedere il Maggiore.) N’auto cazone? (Lo guarda.) E chisto è rutto pure, a sta coscia nce ne manca no piezzo mponta, io credo che lo tenore avette da essere mozzecato da nu cane. (Mette la mano e caccia il terzo di doga bianco.) N’auto cazone? E che nn’aggio da fà de sti cazune? Chiste se me li vaco a vennere non me danno manco na lira tutte e tre. E bravo Alfonso, m’ha fatto no bello complimento... Aspetta, me vene n’auto pensiero, nce stesse quacche cosa de denare da dinto a li sacche? (Osserva nelle tasche di quello giallo.) Niente, manco na formella. (Osserva nelle tasche dello scozzese.) Niente, manco no mozzone de sicario. (Osserva nelle tasche di quello bianco, nella prima tasca non trova nulla mette la mano nella seconda tasca.) Nce sta na carta liscia liscia... fosse na carta de 50 lire? Darria quacche cosa a lo patrone de casa e farria quatte juorne de bona vita co chella povera vecchia... Eh Cielo mio mò se vede. (Caccia una lettera l’apre e legge:) Vita mia, cuor mio, anima mia!... Arma de mammeta!... na lettera amorosa. (La conserva di nuovo nel calzone bianco.) E bravo Alfonso, ha voluto fà la pazziella co mmico!... m’ha fatto sudà na cammisa, non sapeva che m’aveva mannato. (Tiene tutti e tre i calzoni sul braccio.)

ANDREA: Ma Pulecenè ch’è stato?

TOTONNO: Che è succieso?

MICHELE: Te si mise a vennere rrobe vecchie?

PULCINELLA: Embè che aggia fà, so’ cose che succedono sulo a me, frateme cucino, fa venì a uno de Napole fino a ccà pe me mannà sti tre cazune. (Li mostra.)



TUTTI (ridono): Ah, ah, ah...

TOTONNO: E che ne faje?

MICHELE: So’ biecchie pure.

PULCINELLA: Si chillo giovene stesse ancora ccà, le diciarria: sapite che vulita fà? Pigliateville vuje! Basta, non ne parlammo cchiù. (Getta i calzoni su di una sedia vicino alla porta a sinistra.) Jammoncenne. (Fanno per andare.)

SCENA NONA

Eugenio e detti, poi Amelia e Rachele, indi Errico e Guardie.

EUGENIO (correndo dal fondo a sinistra): Pe ccarità, Pulecenè, salvateme, aggio saputo che vonno perquisì la casa toja, e li guardie stanno venenno da chesta parte.

PULCINELLA: Vuje che dicite! E comme se fà? (I scopatori guardano in fondo a sinistra) aspettate, me vene no pensiero. (Va alla porta a sinistra.) Signurì, signurì, ascite no momento ccà fore.

AMELIA: Che è stato?

RACHELE: Che è succieso?

PULCINELLA: Niente. Vuje signurì, trasite llà, dinta a la casa de Retella.

AMELIA: E pecché?

PULCINELLA: Pecchesto, non perdite tiempo. (La spinge Amelia entra a dritta.) Vuje D. Eugè jate dinto a la cammera mia, spugliateve subeto subeto, li panne vuoste li menate dinto a lo puzzo, e mettiteve sto cazone, sta paglietta, e pigliateve sta scopa mmano. (La paglia la toglie ad una comparsa la scopa gli dà la sua, ed il calzone gli da quello giallo) jate, jateve a vestere subeto subeto.

TOTONNO: Va buono, avimmo capito. (Viano tutti porta a sinistra con Eugenio.)



PULCINELLA: Vuje zì Rachè, stateve dinto e non ve movite.

RACHELE: Ma che è stato?

PULCINELLA: Niente, jatevenne. (La spinge.)

RACHELE: Eh!... eccome ccà. (Via porta a sinistra.)

ERRICO (seguito da due guardie): Buongiorno. La questura è venuta a sapé che chillo tale Eugenio Compasso che sparaje lo colpo de revolvere aissera a Puortece, fuje visto trasì ccà, e stammatina pure è stato visto pe ccà turno. Di, addò sta nascuosto pecché si no te ncujete seriamente.

PULCINELLA: Me ncujeto? E comme me ncujeto? Io non ne saccio niente, chi lo sape, ccà non è venuto nisciuno, hanno pigliato no sbaglio.

ERRICO: Comme, non haje visto no giovinotto co no vestito scuro e no cappelluccio bianco?

PULCINELLA: Nonsignore.

ERRICO: Nonsignore?

PULCINELLA: Nonsignore.

ERRICO: Dinta a la casa toja chi nce sta?

PULCINELLA: Tutte li compagne mieje scupature che poco primme nce simme riunite pe gghi a faticà. (Alla porta a sinistra gridando.) A vuje, guagliù, jammoncenne.

SCENA DECIMA

Eugenio, travestito da scopatore porta 300 lire, tutti i scopatori, e detti.

ANDREA (con la scopa seguito dagli altri con le scope): Simme leste.

MICHELE: Eccoce ccà.

TOTONNO (gridando): Evviva lo Sinneco!

ERRICO: Dinto non nce sta nisciuno cchiù?

PULCINELLA: Nce sta sulo della Cecchiarella de ziema, jate a vedé.

ERRICO (alle due guardie): A buje, venite co me. (Via con le due guardie nella porta a sinistra.)



PULCINELLA (a Eugenio): Scappate, non perdite tiempo.

EUGENIO: Grazie, grazie. Tiene, chesto è tutto dello che tengo (gli da le 300 lire). Te raccommanno della povera sora mia. (Fugge pel fondo a destra.)

PULCINELLA (guarda le carte): Una, doje, tre... tre carte da ciente lire!... Treciento lire pe no cazone! Ah! Frate mio puozz’essere beneditto! A vuje guagliù: Inno dei scopatori. (Si mettono tutti infila alla ribalda, Pulcinella in mezzo, e cantano con le scope sulle spalle, mentre cantano escono Errico e le guardie.)

CORO: Nuje scupature simme
E pronte a faticà
Però, chello che avimme
N’abbasta pe magnà
Lo Sinneco ha ordinato
Che vuole la nettezza
Non vò vedé sporcato
Non vo vedé munnezza.
(Tutti cessano un poco indietro, e escono Errico e le due guardie, passano avanti ai scopatori guardando gli stessi e viano pel fondo.)
Però, si non nce avanza. Si non nce dà na ionta...
Almeno che sta panza
Po’ avere na supponta,
Facimme tutte sciopere
E po’ comme se fa?
La Giunta co lo Sinneco
Se mettene a scupà!
(Tutti si voltano al pubblico per andare via.)



Fine dell’atto primo




Eduardo De Filippo, l'uomo e L'arte della Commedia 
Blog creato da Bruno Esposito 
 Seguici anche su Facebook, siamo già in tanti - Qui: 
Grazie per aver visitato il mio blog.

Nessun commento:

Posta un commento