sabato 12 dicembre 2015

I De Filippo donano il San Ferdinando ai Napoletani.

L'Arte della Commedia
 


I De Filippo donano il teatro San Ferdinando al comune di Napoli, il 3 maggio 1996.

Luca de Filippo ed Isabella Quarantotti hanno donato al Comune di Napoli il settecentesco Teatro San Ferdinando, chiuso da oltre 15 anni. L'atto di donazione è stato firmato questo pomeriggio con il sindaco Antonio Bassolino e prevede che l'amministrazione comunale provveda al restauro del complesso ed alla sua riapertura, alla dotazione di 200 milioni per conto della Quarantotti e di de Filippo nella istituenda Fondazione "Eduardo De Filippo", destinata al recupero ed alla divulgazione del patrimonio teatrale partenopeo classico e moderno, ed il versamento alla stessa Fondazione di una somma di 70 milioni annui, indicizzata, per un periodo di tre anni per consentirne il funzionamento ordinario. Sarà compito del Sindaco e di Luca De Filippo esprimere il gradimento per i personaggi destinati a ricoprire gli incarichi di vertice della Fondazione. Per ripristinare il teatro San Ferdinando, come ha riferito Bassolino, occorrono tre miliardi di lire.

Con l'atto odierno, hanno riferito i contraenti, si conclude un iter durato due anni. "Già da tempo, dal 1984, quando è morto Eduardo De Filippo - ha affermato Luca De Filippo - avevo intenzione di destinare il teatro a luogo che fosse di memoria di un uomo che meritava questo. Ho avuto molte offerte di gestione ed acquisto, ma ho ritenuto, però,che non potessi destinarlo ad altro, se non al ricordo di Eduardo". Il teatro, ha poi sottolineato, non diventerà un museo, ma verrà gestito in modo da poter ospitare spettacoli in sintonia con le attività della fondazione, 
"Sarà - ha detto - una casa per tutti, anche per i nuovi autori" e "mi aspetto che diventi un punto di riferimento, un luogo in cui tutte le forze del teatro napoletano in qualche modo si riuniscano. Il teatro è anche il punto di partenza per risanare quel quartiere e spero che nel tempo riescano a costruire qualcosa che sia importante per tutti i napoletani". 
Il San Ferdinando deve essere, secondo la Quarantotti, un modo che consenta ai napoletani di riscoprire le loro radici e la loro cultura. 
"Se riesce a fare cultura - ha detto - sarà un'operazione importante non solo per Napoli, ma anche per tutta l'Italia". 
Il sindaco Bassolino ha riferito che l'amministrazione comunale farà tutti i passi per accelerare gli adempimenti di sua competenza e per poter ripristinare al più presto il complesso. 
"Il San Ferdinando - ha sottolineato - è importante per il suo valore culturale, civile e sociale, per le iniziative che saranno intraprese dalla Fondazione, per il rilancio di un'intera e grande area".
In questa ottica il sindaco ha annunciato che prossimamente, con i fondi della legge sull'imprenditoria giovanile saranno recuperati lo scalone d'accesso e altre parti dell'ex Albergo dei Poveri (il settecentesco Palazzo Fuga), a qualche centinaia di metri dal teatro. "Il San Ferdinando, l'ex Albergo dei poveri ed il vicino Orto Botanico, costituiscono una delle aree culturali più importanti della città".

Fonte: http://archivio.agi.it/articolo/31f8961cb98858f1235c32bee2a3f5e3_19960503_napoli-de-filippo-dona-teatro-san-ferdinando-al-comune/


Eduardo De Filippo, l'uomo e L'arte della Commedia
Blog creato da Bruno Esposito
Autore associato: Anna De Vita
Seguici anche su Facebook, siamo già in tanti - Qui: Da Scarpetta ad Eduardo, una famiglia di artisti e L'arte della Commedia.
Grazie per aver visitato il nostro blog.


Nessun commento:

Posta un commento