giovedì 12 settembre 2013

L’amico ’e papà di Eduardo Scarpetta. Terzo Atto

L'ARTE DELLA COMMEDIA
 


ATTO TERZO


 

Medesima scena degli atti precedenti.



SCENA PRIMA



Liborio, Ciccillo e Felice con bamboccio.



CICCILLO

: Signore, ve giuro che m’è proprio figlio, ma comme, ve l’ha ditto pure la nutriccia abbascio a lo palazzo.

FELICE

: Tu non crederti di parlare con Liborio, non crederti di parlare co nu ciuccio qualunque! Voi altri state tutti di accordo pe mbroglià a stu ntontero!

LIBORIO

: Io te ringrazio tanto tanto!

FELICE

: Scusa Libò, agge pacienza. (A Ciccillo:) Guardami in faccia, dentro agli occhi e rispondi... Non guardà ncielo ca te dongo nu punio sotto a li mole! Chistu ccà è proprio figlio a te?

CICCILLO

: Sissignore, ma comme ve dicevo na buscia?

LIBORIO

: Tu capisce o na ca so’ marito e mugliera?

FELICE

: Libò statte zitto, tu me faje compassione.

LIBORIO

: Tu me faje pietà Felì!

FELICE

: Dunque tu dici che chisto è figlieto e pecché pò l’haje lasciato sulla poltrona? Respunne, non te mbruglià.

CICCILLO

: Siccome aiere arrivaje la nutriccia, nce lo voleva fà vedé a muglierema e so’ venuto ccà de pressa, credenno de truvarla, la criatura steva stretta nfasciata e io p’allascarla nu poco l’aveva posta ncoppa a chella poltrona, pe tramente facevo chesto, site venuto vuje e io credennome che me menavene n’ata vota pe la fenesta, pe la paura m’aggio annascosto sotto chillu tavolino.

FELICE

: Questa è la verità?

CICCILLO

: Sissignore.

LIBORIO

: Ma Felì scuse, te de chi lo vuò fà essere figlio stu piccerillo?

FELICE

: Libò statte zitto, tu sì nu povero infelice!

LIBORIO

: E tu nu povero disgraziato!

FELICE

: Lo giurate?

CICCILLO

: Ve lo giuro ca chisto m’è figlio.


SCENA SECONDA



Luisella e detti.



LUISELLA

: Neh Ciccì, tu staje ccà, lo guaglione addò sta?

CICCILLO

: Lo vì llà, lo tene chillu signore mbraccio.

LUISELLA

: E pecché lo tene isso? Pusate ccà. (Se lo prende.) Peppeniello, Peppeniello de mammà toja! Uh! Comme s’è fatto bello! (Lo bacia.)

CICCILLO

: Signò ve site fatto capace?

LUISELLA

: Pecché ched’è?

CICCILLO

: Chillu signore lo voleva j a menà dinto la Nunziata.

LUISELLA

: La Nunziata!... Neh, comme ve vene ncapo! Vuje pecché nce avite pigliato a perseguità a nuje! Peppeniello mio all’Annunziata!

FELICE

: (Vuò vedé ca io abbusco da chesta!). Ho sbagliato, me credevo che era lu figlio de la mogliera de chillo.

LUISELLA

: La mogliera de chi?

FELICE

: Ho sbagliato, ho sbagliato!

LIBORIO

(a Ciccillo): Intanto abbiamo combinato che tu resterai in casa mia come servitore. Si contento Felì?

FELICE

: La mugliera resta?

LIBORIO

: Si capisce.

FELICE

: Allora va bene, quanno resta la mogliera...

CICCILLO

: Sì, ma nce resta pure lo marito... signò io ve ringrazio tanto tanto e ve bacio la mano. (Esegue.)

LIBORIO

: Sì, ma stu piccerillo non lo voglio vedé ccà.

CICCILLO

: Non signore, chillo mò se lo porta la nutriccia.

LUISELLA

: Sì, quanno lo faccio vedé a la signora e la signorina e pò se ne va, permettete. (Via a destra.)

CICCILLO

: Dateme lu permesso pure a me. (Con gioia:) Mò so’ servitore pure io dinto a sta casa. Che piacere! (P.p.)

FELICE

: Pss, pss.

CICCILLO

: A me?

FELICE

: Sì, a te. Ti debbo domandare na cosa. Libò permetti?

LIBORIO

: Io non pozzo sentì?

FELICE

: Non può sentì. (Liborio si allontana.) M’haje ditto poco prima che vedennome a me, pe paura te sì nascosto sotto a chillu tavolino?

CICCILLO

: Sissignore.

FELICE

: Dunque haje veduta la mogliera de Liborio che è venuta dinto a sta cammera ed ha chiamato nu giovinotto che steva llà. (Indica a dritta.)

CICCILLO

: Ma vedite signò, io... non me voglio ncuietà?

FELICE

: Non t’inquieterai, l’haje visto?

CICCILLO

: Sissignore.

FELICE

: Allora haje ntiso che ha ditto venite quanno non c’è maritemo?

CICCILLO

: Sissignore.

FELICE

: Che l’ha vasato la mano?

CICCILLO

: Gnorsì.

FELICE

: Bravo.

CICCILLO

: Mò me ne pozzo j?

FELICE

: No, mò t’haje da stà. Siedi a quella sedia e aspetta 5 minute. (Indica la sedia in fondo.)

CICCILLO

: Ma...

FELICE

: Assettate! (Lo fa sedere per forza, poi passeggia la scena con sussiego e dice a Liborio:) Siedi.

LIBORIO

: (Quacche auto guaio!). (Siede.)

FELICE

(siede): Liborio, amico mio, tu devi lasciare subito questa casa e se non lo fai, domani la gente te ridarria nfaccia, tu devi abbandonare tua moglie e per sempre. Capisco che queste parole non ti possono fare piacere perché sono io e sono diventato un pezzo di gelo! Tu sei vecchio, hai una figlia, se vuoi lavare la macchia nel sangue, andrai a morire in un carcere e tua figlia resterebbe in mezzo ad una strada, povera figlia tua, abbandonata, vedendosi nella miseria, correrebbe anche lei in braccia della vergogna e del disonore!

LIBORIO

: Uh! Mamma mia!

FELICE

: Ma allontanandoti da tua moglie, vivrai questi altri pochi giorni felici con tua figlia e non avvelenati dal disonore!

LIBORIO

: Ma che è succiesso?

FELICE

: Che è succiesso? Ma come non ti sei accorto di niente?

LIBORIO

: No.

FELICE

: Che bontà! La bontà di quest’uomo mi fà piangere! (Piange con lazzi.)

LIBORIO

: Non chiagnere che tu sì brutto quanno chiagne. Ma se pò appurà ch’è stato?

FELICE

(si alza e con precauzione va a vedere alle porte se viene nessuno).

CICCILLO

: Signò, me ne pozzo j?

FELICE

(gli dà uno schiaffo): T’aggio ditto t’haje da stà lloco.

CICCILLO

: E me date nu schiaffo.

FELICE

: E si parle n’haje n’ato. (Prende Liborio perla mano.) Tua moglie, d. Angiolina, fà l’ammore cu nu giovinotto!

LIBORIO

: Lievete da lloco, non nce fà vommecà.

FELICE

: Zitto, stupido!... Na mez’ora fa mugliereta è asciuta da chella cammera e ha chiamato dinto a chell’ata cammera nu giovinotto che steva annascuso e ha ditto: jatevenne, ca si ve vede Liborio io songo arrovinata, venite dimane a mieziuorno quanno Liborio non nce sta e pò tanta parole amorose e isso l’ha vasato la mano e non solo l’aggio ntiso io, ma chillo che steva annascuso sotto a chillu tavolino.

LIBORIO

(va a prendere Ciccillo e lo porta avanti): è vero quanto ha detto D. Felice? dimme la verità si no te ne caccio.

CICCILLO

: Signò ca io non me voglio ncuietà.

LIBORIO

: Non aver paura. E vero?

CICCILLO

: Sissignore.

LIBORIO

: Basta! Vattenne dinto e non dì niente!

CICCILLO

: A chi! Io m’appilo la vocca! (Via.)

LIBORIO

(passeggia e Felice gli va dietro ballando): Ah! Infame! ah! Spergiura!... (A Felice:) Tu che vuò da me? Tu che vuò?

FELICE

: Come, io corro appriesso a te.

LIBORIO

: E baje abballanno?

FELICE

: Io non c’arrivo co lu passo.

LIBORIO

: E lievete da priesso a me. Traditrice! Ingannarmi in questo barbaro modo!

FELICE

: Liborio, tu hai accompagnato mio nonno quando era cieco!

LIBORIO

(grida): Non me rompere la capo tu e nonneto! Io sto cu chisti guaje e chillo se ne vene co lo nonno!

FELICE

: Tu, te ne’verrai con me, ti porterò a Casoria e llà non ti mancherà un asilo.

LIBORIO

: Sì, dinto a na pagliara, dinto a nu pertuso qualunque.

FELICE

: Tu te ne verrai in casa mia e llà non ti mancherà niente.

LIBORIO

: Grazie, grazie amico mio! (Lo bacia.) E mia figlia Marietta?

FELICE

: Te la porterai con te.

LIBORIO

: Sì, me la porterò con me e me ne voglio andare subito, perché questa casa brucia, brucia.

FELICE

: Già... (Poi a due:) Brucia, brucia!...

LIBORIO

: Mò sa che faccio? Chiamo a figliema e le dico che la voglio portà a fà na cammenata e tutte e tre nce ne jammo a Casoria.

FELICE

: Bravo, senza dà sospetto.

LIBORIO

: Quell’infame non la voglio vedé più!

FELICE

: Và chiamma a figlieta.

LIBORIO

: Aspetta. (Suona il campanello.)


SCENA TERZA



Pasquale e detti, poi Marietta.



PASQUALE

: Comandate?

LIBORIO

: Dì a mia figlia che venisse ccà nu momento.

PASQUALE

: Sissignore. (Via seconda porta a dritta.)

FELICE

: Libò, io mò sa che faccio, m’abbio io nnanze e t’aspetto dinto a lu cafè de Testa d’Oro, tu vieni con tua figlia e nce ne jammo.

LIBORIO

: Sì, non ce voglio restà manco n’atu momento dinto a sta casa, tengo la vocca amara come lo fele, guarda... (Caccia la lingua.)

FELICE

: E io... (Caccia la lingua.) Parimmo duje cane!

PASQUALE

: La signorina ha ditto ca mò vene.

FELICE

: Andate nella mia stanza e prendetemi la balice e l’ombrello.

PASQUALE

: Signori, ve ne jate?

FELICE

: Sì.

PASQUALE

: Uh! Quanto me dispiace!

FELICE

: Vattenne, che tu n’haje piacere! (Lo spinge, Pasquale via.) È meglio che me ne vaco, pecché si mugliereta esce ccà, potrei commettere qualche bestialità, io ti voglio troppo bene.

PASQUALE

(con balice ed ombrello): Ecco la balice e l’ombrello.

FELICE

Grazie. (Pasquale via.) Libò hai ntiso? Io t’aspetto a lu cafè de Testa d’Oro. (Col fazzoletto si asciuga le lagrime.) Vieni presto, non me fà stà mpensiero, che nce vuò fà, l’uomo dev’essere forte per affrontare le sventure, coraggio, non te piglià collera, che io te porto con me a Casoria, llà te faccio pazzià co li vozzolose! (Alza gli occhi al cielo e via.)

LIBORIO

: Disonorarmi così barbaramente, lei, che era tanto buona ed affezionata con me, ma io non me pozzo arrivà a fà persuaso comme ha truvato uno che s’ha puosto a fà l’ammore cu essa!

MARIETTA

: Papà, m’avite mannato a chiammà, che volite?

LIBORIO

: Sì, figlia mia, viestete che ti voglio portà a fà na cammenata, è na bella jurnata.

MARIETTA

: Uh! Papà comme v’è venuto ncapo stammatina, vuje non m’avite voluto portà maje.

LIBORIO

: E perciò aggio ditto, chella povera figliola non esce maje, le voglio fà piglià nu poco d’aria.

MARIETTA

: Chesta è proprio na novità, e addò jammo neh papà?

LIBORIO

: A Casoria.

MARIETTA

: A Casoria?! E che ghiammo a fà a Casoria?

LIBORIO

: (Uh! Aggio ditto a Casoria!). Già, che ncejammo a fà a Casoria? Ti porterò in campagna.

MARIETTA

: Veramente!... Uh! Che piacere!... Allora ha da venì pure mammà?

LIBORIO

: No, mammà non viene.

MARIETTA

: Mammà non vene? Allora non vengo manco io.

LIBORIO

: Tu devi venire, perché devi ubbidire a tuo padre. (Grida.)

MARIETTA

: E pecché mammà non ha da venì?

LIBORIO

: Perché così voglio e basta cattera! (Grida come sopra.)


SCENA QUARTA



Angiolina e detti

.


ANGIOLINA

: Neh, che so’ sti strille? (Liborio freme per la rabbia.)

MARIETTA

: Che saccio, papà ha fatto l’uocchie de pazzo.

ANGIOLINA

: E perché?

MARIETTA

: Me vò purtà ncampagna a me sola, a vuje non ve vò portà.

ANGIOLINA

: Uh! E pecché non me vuò purtà?

LIBORIO

: Perché non siete più degna di venire con me, perché non siete più degna di portare il mio nome.

ANGIOLINA

(tragica): Signore spiegatevi!

LIBORIO

: Ah! Volete una spiegazione? (A Marietta:) Vattenne dinto tu.

MARIETTA

: Ma...

LIBORIO

: Vattenne dinto, t’aggio ditto! (Grida.)

MARIETTA

: Eh!... (Via.)

LIBORIO

(passeggia rabbioso poi si appoggia alla spalliera di una sedia): Volete una spiegazione dopo tutto quello che mi avete fatto, volete una spiegazione dopo di avermi coperto di dissonore e di obbrobrio! Io esco da questa casa per non ritornarci mai più, voi resterete sola, libera e potete fare tutto quello che vi pare e piace ma per poco, sì, per poco! Mia figlia non ha voluto venire con me col buono, ma ci verrà colla forza. Io per voi non esisto più, per voi Liborio è morto! (L’afferra per le mani.) Io vi guardo, vi fisso negli occhi e in voi non veggo più Angiolina., non veggio più mia moglie...

ANGIOLINA

: E chi vedi?

LIBORIO

: Chi vedo?... Margherita Gouttier!!!...

ANGIOLINA

(con grido): Ah! No! Io non sono Gouttier, ma sono Lucrezia la madre dei Gracchi! (Cade svenuta su di una sedia.)


SCENA QUINTA



Marietta e detti.



MARIETTA

(corrrendo): Uh! Mammà ch’è stato? Mammà?...

ANGIOLINA

(rinvenendo): Figlia mia andiamo, quest’uomo è pazzo.

LIBORIO

: Pazzo! Io lo fui quando me mettiste co la capa miezo a li matarazzi. (Afferra Angiolina con rabbia.)

ANGIOLINA

: Ah! Ca tu me faje male.

LIBORIO

: Chi era quel giovinotto che tu hai fatto uscire da quella stanza e gli hai detto:jatevenne che si ve vede Liborio songo arrovinata, venite dimane a mieziuorno quanno non nce sta Liborio e pò t’ha vasato la mano. (Gridando:) Chi era?!

ANGIOLINA

: Ah! Forse D. Ernesto?

LIBORIO

: D. Ernesto il tuo innamorato?

ANGIOLINA

: Lo nnammurato mio? Ah, ah, ah!... (Ride.)

MARIETTA

: Lo nnammurato de mammà? Ah, ah, ah!... (Ride.)

LIBORIO

: E ched’è sta risa?

ANGIOLINA

: Chillo è nu giovinotto che da nu mese me sta preganno che lo facesse parlà cu te, pecché se vò spusà a Marietta...

LIBORIO

: Uh! Mamma mia!

ANGIOLINA

: E siccome tu sì stato tanto ammuinato pe D. Felice, aiere quanno venette le dicette che non era lo momento de parlà a Liborio e che fosse venuto ogge.

LIBORIO

: Possibile!... non m’ingannate?

MARIETTA

: Sissignore papà, anzi chillo sta dinto lo cafè de rimpetto, mò le faccio segno che sagliesse. (Via a sinistra.)

LIBORIO

: (Feliciello me n’ha combinata n’ata!) Ma perché poi te vasaie la mano?

ANGIOLINA

: Pecché io le dicette che nce penzavo io pe fà capace a te e isso ringraziannome me vasaie la mano.

LIBORIO

: M’avevano ditto che era lo nnammurato tujo.

ANGIOLINA

: E tu l’hai creduto, crudele!

LIBORIO

: (Mò accomminciammo cu chesta mò!)

ANGIOLINA

: Tu sai che ti voglio bene, tanto bene, ero capace di tradirti!

LIBORIO

: E io chesto dicevo, comme l’aveva potuto trova n’ommo, che se metteva a fà l’ammore cu te.

ANGIOLINA

. Perché, tutti me lo dicono che io sono na simpaticona.


SCENA SESTA



Marietta e detti, poi Ernesto.



MARIETTA

: Papà, Ernesto sta saglienno, appena l’aggio fatto segno è corruto. (Va in fondo e guarda.)

LIBORIO

: Aspetta, è corruto, l’aggio fatto segno; ma chi è stu D. Ernesto?

ANGIOLINA

: È nu bravo giovine, tene 2 magazzine di gioiellerie, tene na zia ricca che quanno more lassa tutto a isso, falle contente.

LIBORIO

: Basta, mò vediamo.

MARIETTA

Eccolo ccà.

ERNESTO

: è permesso?

LIBORIO

: Avanti, avanti, senza complimenti.

ERNESTO

: Grazie.

LIBORIO

: Dunque Voi siete?

ERNESTO

: Ernesto Roselli, figlio del fu Vincenzo, avvocato.

LIBORIO

: Ah! voi siete il figlio dell’avvocato Roselli?

ERNESTO

: L’avete conosciuto?

LIBORIO

: Sì, molti anni dietro.

ERNESTO

: Ne ho proprio piacere.

LIBORIO

: E volete sposare mia figlia?

ERNESTO

: Sissignore, ho parlato anche con la vostra signora.

LIBORIO

: Eh, ma aviveva parlà primma con me.

ERNESTO

: Ve lo dico adesso, ed è l’istesso. Le mie intenzioni sono dirette, tengo 2 magazzini di gioiellerie, tengo una zia ricca che a morta sua eredito tutte le sue ricchezze e posso renderla felice.

LIBORIO

: Sì, me persuade. (E chisto è nu buono affare!... uh! mò che nce penzo, Feliciello me sta aspettanno a lo cafè de Testa d’Oro!...) D. Ernè, io acconsento a questo matrimonio; ma però debbo prima prendere informazioni sul vostro conto e poi...

ERNESTO

: è troppo giusto.

LIBORIO

: Capite, sono padre... oh! ma mò m’avite da fà nu piacere, avite da venì nu momento con me al caffè di Testa d’Oro, per mettere in chiaro un equivoco che aveva preso un’amico mio.

ERNESTO

: Scusate e che c’entro io con l’equivoco de l’amico vostro.

LIBORIO

: C’entrate sicuro, pecché chillo se credeva che vuje faciveve l’ammore con mia moglie...

ERNESTO

: Uh!... (Ride.)

ANGIOLINA

: Capite, io sono maritata.

ERNESTO

: Lo sò signora mia... (E chi lo voleva passà stu guaio!) (Liborio va vicino alla consolle per mettersi il cappello, Ernesto salutando:) Signora... (Poi a Marietta:) Marietta mia, sì contenta? (L’abbraccia.)

MARIETTA

: Sì, Ernesto mio.

LIBORIO

(si volta e lo vede): Embè?

ERNESTO

: Scusate.

LIBORIO

: Vi ho pregato che debbo prima informarmi e vuje abbracciate, non sta! (Viano.)

ANGIOLINA

: Mò può stà cuntenta?

MARIETTA

: Oh! sì, mammà mia cara cara! (L’abbraccia.) Intanto papà se credeva che Ernesto veneva pe vuje.

ANGIOLINA

: Chillo sarrà stato D. Feliciello che m’ha combinato stu servizio.

MARIETTA

: Da che è venuto chillo dinto a sta casa s’è perduta la pace.


SCENA SETTIMA



Ciccillo, Luisella e dette.



CICCILLO

(con bamboccio): Signò, Peppeniello se ne va, le volite dà nu vaso?

ANGIOLINA

: Uh! Sì, sì! (Lo bacia.)

MARIETTA

(lo bacia anche lei): Quant’è aggraziato!

CICCILLO

: Dateme lo permesso che lo porto alla nutriccia che sta aspettanno.

LUISELLA

: Guè, raccomannancello sà, dance li mesate e dincello che lo mese che trase me lo portasse a vedé.

CICCILLO

: Va buono. Signori permettete. (Via col bambino.)

LUISELLA

: Signori, jammo a vedé da coppo a la fenesta.

MARIETTA

: Sì, sì, jammo. (Viano.)

ANGIOLINA

: Ah! Quanto pagherei per fare io un bambino come quello! (Via.)


SCENA OTTAVA



Pasquale e Totonno.



PASQUALE

(di dentro): V’aggio ditto che lo signore non ce sta...

TOTONNO

(c.s.): Non me ne importa, io voglio parlà co la mugliera. (Spinge a Pasquale.)

PASQUALE

: (Chisto è proprio nu facchino!) Ma D. Liborio non ce sta.

TOTONNO

: Ma la mugliera ce sta?

PASQUALE

: Sissignore.

TOTONNO

: E chiammammella.

PASQUALE

: Mò ve la vaco a chiammà. (Vì che se passa!) (Via a dritta.)

TOTONNO

: Aggia vedé sta mugliera chi è... e l’aggia dicere tutte cose. Aveva capità justo a sorema stu viecchio farenella, isso s’ammoinaie cuntannole tanta chiacchiere, che se la voleva spusà e pò doppo quatte lettere che l’ha mannato sorema, chillo risponne de chesta manera: «Io sono ammogliato, non rispondo ad una donna della vostra qualità, non venite in casa mia altrimenti vado a ricorrere alla questura». E pe chi aveva pigliata a sorema?... l’aggia rompere e cannelle de li gamme! (Caccia da sotto lo scialle il mazzarello.) Mò parlo co la mugliera e si nun lo vatte essa nnanze a me, lo vatto io nnanze a essa, così s’imparano questi vecchi vizios!...


SCENA NONA



Angiolina, Pasquale e detto.



ANGIOLINA

(uscendo): Ma chi mi vuole?

PASQUALE

: Sta signora ccà. (Via per il fondo.)

ANGIOLINA

: Favorite, accomodatevi.

TOTONNO

: Grazie. Vuje site la mugliera de D. Liborio Ciaramella?

ANGIOLINA

: A servirvi.

TOTONNO

: (Me n’aveva d’addonà, chillo è ciaramella, chesta è na grancascia!). Io so’ Totonno Capozzella e abito alla strada S. Maria Ognibene n. 21, dicite a lo marito vuosto che non ghiesse ngannanno li figliole ca se fanno l’affare lloro!

ANGIOLINA

: A chi ha ngannato?

TOTONNO

: A sorema! Proprio a sorema! Già, a sorema d’isso non ce ne preme, pecché chillo non fà specie a nisciuno, su lo cu vuje s’ha potuto arremmedià.

ANGIOLINA

: Come!

TOTONNO

: Ma m’è dispiaciuto de la burla che l’ha fatta dicennole che non era nzurato.

ANGIOLINA

: Liborio!

TOTONNO

: Liborio sì, Liborio sì, cuntannole tanta chiacchiere, che se la voleva spusà.

ANGIOLINA

: Uh! Faccia mia! Comme isso è stato capace de fà chesto?

TOTONNO

: Signò, vuje l’avite da vattere e si nun lo vattite vuje, lo vatto io.

ANGIOLINA

: Vattere, io le voglio scippà l’uocchie!

TOTONNO

: Sentite. Na sera doje compagne de sorema furono invitate da li nnammurate lloro a ghì a lo teatro e se vulettero purtà a forza pure a Bettina. Doppo lo teatro volettere fà na cena e ghiettene tutte e 5 a na trattoria a lo vico rotto S. Carlo, pe tramente stevene cenanno se ne venette lo marito vuosto e siccome era amico de 2 nnammurate, l’invitarono a cena nzieme cu lloro, isso s’assettaje dicenno che non voleva niente, ma po se mangiaje dudece mazze d’acce e se vevette da tre litri di vino. Doppo cenato e duje nnammurate de li compagne de sorema se pigliarono alloro doje pe sotto a lo vraccio e isso D. Liborio, se vulette purtà sotto lo vraccio sujo a sorema e pe la strada le facette na dichiarazione amorosa, lle promettette che la matina veneva a combinà lo matrimonio, la mattina nun se vedette e né c’è venuto cchiù, sorema p’assicurarse si diceva a la verità, le scrivette na lettera e non rispunnette, doppo quatte lettere che l’ha scritto, stammatina riceva sta risposto: Io non rispondo ad una donna della vostra qualità, sono ammogliato, non venite in casa mia, altrimenti vado a ricorrere alla questura. Io l’aggia rompere li gamme cu stu mazzariello! (Lo mostra.)

ANGIOLINA

: Bello giò, astipate lo mazzariello!

TOTONNO

: Si avesse ditto, scusate, abbiate pazienza, chella sera io stavo mbriaco, meno male, ma scrivere de chella manera non m’ha fatto vedé cchiù. No, signò, vuje m’avite dà soddisfazione sinò me la piglio io.

ANGIOLINA

: (E quanno ha avuto da essere... ah! Quanno io e Marietta jettemo a Puortece. Ah! Infame, infame! Lo voglio accuncià io! E me faceva pure lu gelusiello!).


SCENA DECIMA



Liborio, Felice, Ernesto e dette, poi Marietta.



LIBORIO

(di dentro): Pasquale, Pascà.

ANGIOLINA

: Ah! Lo vì ccà, non ve facite vedé, mettiteve dinto a sta stanza ccà. Ve chiammo io quanno è lo mumento. (Indica prima porta a dritta.)

TOTONNO

: Va bene, io traso addò vulite vuje. Signò, ve prevengo che si nun lo vattite vuje, io esco e l’abboffo comme a nu vaccariello.

ANGIOLINA

: Trasitevenne e lassate fà a me. (Totonno entra.)

LIBORIO

: Tutto è chiarito, tutto è spiegato.

FELICE

: Scusate, ho sbagliato.

ANGIOLINA

: (L’infame eccolo qua!).

LIBORIO

: Ngiulì ched’è, nun saccio comme te veco!

ANGIOLINA

: Niente, niente, me fà male nu poco la capa.

FELICE

: Signora mia, voi scuserete se ho potuto dubitare della vostra onestà, ma voi capirete quando si vuol bene ad un amico, si vede una cosa per un’altra e... (Vede Angiolina che pensierosa guarda altrove.) (Eh! Sto parlanno io e la fenesta!)

ANGIOLINA

: (Ccà mò nce stanno chiste, non pozzo fà niente... ah! Che bello penziero che m’è venuto). Libò, trase nu momento dinto a sta cammera che nce sta n’amico tujo che te sta aspettanno.

LIBORIO

: E chi è?

ANGIOLINA

: Non lo conosco. M’ha ditto che t’ha da parlà necessariamente.

LIBORIO

: Signori miei permettete nu momento. (Entra.)

MARIETTA

(uscendo): Ah! Ernesto mio.

ERNESTO

: Marietta mia cara, cara.

FELICE

: Bravi, bravi, io vi benedico! (D.d. rumore di legnate.)

LIBORIO

(d.d.): Ah! Mannaggia l’arma de mammeta!

TUTTI

: Che cos’è?!...

ANGIOLINA

: Niente, niente, Sta scherzanno cu chill’amico.

FELICE

: All’arma de lu scherzo!

LIBORIO

(d.d.): Statte, che tu m’arruvine!... (Fuori:) (Ah! puozze passà nu guaio, m’ha struppiato!). (Contorcendosi.)

FELICE

: Libò che è stato?

MARIETTA

: Ched’è papà?

ERNESTO

: Ched’è papà?

ANGIOLINA

: Niente, niente, quanno vene chill’amico scherzano sempre.

LIBORIO

: Sicuro, avimmo scherzato! (Ah! Li rine, mò moro!)


SCENA ULTIMA



Totonno e detti poi Luisella.



TOTONNO

: (Ah! M’aggio cunzolato!).

LIBORIO

(Haje da j sotto a nu trammè!).

TOTONNO

: Dunque signò io me ne vaco, nce simmo ntise, l’indirizzo mio lo sapite, quanno avite bisogno de me mannateme a chiammà ca io subeto ve vengo a servì. (A Liborio:) Signò stateve buono.

LIBORIO

: Addio, addio!

TOTONNO

: (Si viene lo quartiere mio, t’aggia fà na paliata peggio de chesta!).

LIBORIO

: (Aspetta ca mò vengo!).

TOTONNO

: Signori. (Via.)

MARIETTA

: Mammà chisto chi è?

ANGIOLINA

: È lo sarto nuovo che aggio pigliato.

FELICE

: E che è venuto a piglià la misura a Liborio?

ANGIOLINA

(a Liborio): (Pò quanno restammo a sule facimmo li cunte, t’aggia fà lo riesto).

LIBORIO

: (Chesto lo saccio!).

ERNESTO

: (D. Felì, io credo che D. Liborio ha abbuscato veramente).

FELICE

: (Lo credete? Mò nce lo domando io, a me dice tutto!).

LUISELLA

(uscendo): La colezione è pronta.

FELICE

: Oh! Bravo, a tempo a tempo. Signori miei andate avanti, debbo domandare una cosa a Liborio, adesso vi raggiungeremo. (Tutti viano pel fondo.) Liborio, amico mio, tu hai accompagnato mio nonno.

A2

: Quann’era cecato!...

FELICE

: A me devi dire la verità, tu haje abbuscato overamente?

LIBORIO

: Aggio abbuscato overamente, io aggio avuto chesta paliata da lo frate de chella Bettina Capozzella che io ti parlai.

FELICE

: Chillo è lo frate de Bettina Capozzella?!...

LIBORIO

: Chella llà; è tutto pecché? pe sta cancara de lettera (la mostra), vularria proprio sapé chi nce l’ha mannata.

FELICE

: Questa qua? (La guarda.) Ce l’ho mandata io.

LIBORIO

: Tu?!!

FELICE

: Io, sì!

LIBORIO

: Eh! caro amico. E tu si non te ne vaje da dinto a la casa mia, tu overamente me lo faje passà nu guaio!

FELICE

: Ho sbagliato, me credevo de fà bene e aggio fatto male!

LIBORIO

: Qua bene, vattenne, vattenne, non te voglio vedé cchiù! (Con le braccia in alto, via gridando.)

FELICE

: Questo mò è l’istesso cu buje. (Al pubblico) Facciamo il caso che sta commedia non v’è piaciuta, io che ci posso fare? Posso dirvi soltanto signori miei, scusate, ho sbagliato!!

(Cala la tela.)


Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

 

Nessun commento:

Posta un commento