sabato 3 agosto 2013

L’amico ’e papà di Eduardo Scarpetta. Secondo Atto

L'ARTE DELLA COMMEDIA


 
ATTO SECONDO

 
Medesima scena del primo atto
.

SCENA PRIMA

Luisella e Ciccillo.

LUISELLA
(introducendo Ciccillo): Trase, trase Ciccì, ccà non ce sta nisciuno, stanno tutte quante dormenno.
CICCILLO
(zoppicando): Ah! Mamma mia, me fa male la gamma che sta non sarrà cosa bona. Luisella mia si non m’aggio rotta la gamma è stato proprio nu miracolo.
LUISELLA
: Ma che t’è succiesso?
CICCILLO
: Aieresera d. Marietta me dicette, che fosse venuto dinto a sta cammera quanno tutte jeveno a mangià e che essa stessa te faceva venì ccà. Io venette, ma tutto nzieme me sentette afferrà pe coppo a lu cuollo da uno chiammannome assassino!
LUISELLA
: E chi era?
CICCILLO
: E chi ne sape niente, diceva che era amico de D. Liborio.
LUISELLA
: Ah! Aggio capito! E comme le venette ncapo?
CICCILLO
: E io che ne saccio; fortuna che la fenesta era vascio, si no me faceva male buono.
LUISELLA
: Povero Ciccillo!... No, ma io mò sa che faccio, dico lo patrone tutte cose, o me da lo permesso de vederte e parlarte, si no aizo ncuollo e me ne vaco. Comme te pare?
CICCILLO
: Brava Luisella! Maje potimmo morì de fame! Dunque io te voleva dì che mò vene la nutriccia co lo piccerillo pe fartelo vedé.
LUISELLA
: Neh! Oh, che piacere!
CICCILLO
: Tiene, cheste so’ 10 lire, lo riesto nce lo miette tu pe accucchià li doje mesate che avanza e quacche cosa pe lu viaggio e nce li daje a la nutriccia.
LUISELLA
: Va buono, damme ccà. (Si prende il denaro.) Oh, come sarà contenta la signorina quanno vede lo piccerillo.
CICCILLO
: Io vaco aspettà la nutriccia a lo purtone de lo vico, appena vene piglio lo guaglione e lo porto ccà.
LUISELLA
: Va, va, fa priesto.
CICCILLO
: Guè, te raccomanno, non fà cchiù la spantecata cu chillo signore d’aiere sà?
LUISELLA
: Và, non avé appaura.
CICCILLO
: Ca si lo trovo miezo a la via, l’aggio da menà na preta mmocca! (Via.)
LUISELLA
: Povero Ciccillo, have ragione! Sì, ma io parlo co lo patrone, o dinto o fore, è possibile che na figliola comme a me ha da sta senza marito, chesto non ce ha da essere, no, no e no! E allora che me so’ mmaretata a fà?... (Guarda a dritta.) Uh! sta venenno lo signore...

SCENA SECONDA

Liborio e detta poi Felice.

LIBORIO
(in veste da camera e berretto simile): Luisè, Feliciello s’è scetato?
LUISELLA
: Nun lo saccio signò.
LIBORIO
: Và dinto a la cammera soja e và vide.
LUISELLA
: Vuje pazziate! Chillo quanno me vede fà l’uocchie de pazzo; io jeva dinto la cammera soja!...
LIBORIO
: Hai ragione... allora và prepara lo cafè.
LUISELLA
: Sissignore. (p.p.)
LIBORIO
: Prepara pure la bottiglia co lo rum.
LUISELLA
: Va bene. (Via.)
LIBORIO
: Ogge le volarria accomencià a parlà circa a lu negozio che volimmo aprì nzieme; ma non saccio da ieri sera che have, sta tutto stralunato, poco mangiaje... e chi ne capisce niente! Ah! Eccolo ccà.
FELICE
(anche lui in veste da camera con berretto accomodato in modo che muovendo la testa si muove come un pupazzo, esce con gli occhi spranati e guarda la finestra).
LIBORIO
: (L’uocchie de pazzo l’ha fatto!). Ben levato caro Feliciello.
FELICE
: Oh! Caro Liborio.
LIBORIO
: Hai dormito bene?
FELICE
: Sì, non tanto male, grazie.
LIBORIO
: Ma che hai? Non saccio comme te veco, aiere stive tanto allegro?
FELICE
: Non ho niente non mi sento tanto bene... Libò, ierisera è sagliuto nisciuno ccà ncoppa?
LIBORIO
: No.
FELICE
: Strille, allucche, niente?
LIBORIO
: No.
FELICE
: è sagliuto quacche guardia ccà ncoppo?
LIBORIO
: Guardia? No!
FELICE
: (E ched’è cadette nu purtuallo!). Forse non se ne saranno incaricate.
LIBORIO
: Ma pecché, ch’è stato?
FELICE
: Liborio! Io ho salvato tua figlia e il tuo onore!
LIBORIO
: Mia figlia!...
FELICE
: (accenna con la testa di sì muovendo il berretto come si è detto).
LIBORIO
: (Uh! Lu pupazziello de Guidotte!). Ma spiegami.
FELICE
(indica una sedia, ne prende un’altra): Siedi. (Seggono.) Ieri sera all’ora di pranzo tua figlia aveva dato l’appuntamento ad un tale dinto a sta cammera all’oscuro.
LIBORIO
: Possibile!... e nc’è venuta?...
FELICE
: No, essa non è venuta, ma è venuto isso però, io che lo sapeva, pecché lo sentette da reto a chillo tavolino l’aspettaje ccà, e fu quanno io ti dissi: andate avanti che io adesso vengo, ti ricordi?
LIBORIO
: Sicuro che me lo ricordo.
FELICE
: Ebbene non appena isso venette, l’afferraje pe lu cuollo e l’aggio menato da coppa la fenesta abbascio!
LIBORIO
: Quà fenesta, quà fenesta?
FELICE
: Quella.
LIBORIO
: Quella!... poteva essere n’ata fenesta!
FELICE
: Perché?
LIBORIO
: E che nce haje fatto, non ce haje fatto niente!
FELICE
: Perché?
LIBORIO
: Perché l’haje fatto scappà cchiù ambressa, chella è cinche parme auta.
FELICE
: Libò, non facimmo ragazzate. (Apre la finestra e guarda con meraviglia.) E che ha fatto chillo, s’è assettato nterra! E tu tieni sta fenesta accussì bascia e non me dice niente?
LIBORIO
: E tu m’aviva dicere che volive vuttà uno da coppa a bascio.
FELICE
: Aggio fatto na nottata chiara chiara... Basta, in tutti i casi ho salvato sempre tua figlia, che se non nce sarria stato io, quell’assassino chissà che avrebbe potuto fare.
LIBORIO
: Ah! Perciò a tavola stive accussì stralunato? Ma chi è chisto, chi è?
FELICE
: Chi è? povero Liborio! Lo vuoi sapere? è l’accordatore di pianoforte.
LIBORIO
: Che!... (Con grido:) Un accordatore! Ah! Perciò veneva che voleva accordà sempre, pe fà l’ammore co figliema! Ah! Ma me la pavarranno! Felì io non sò come ringraziarti di questa bella azione che mi hai fatto.
FELICE
: Io ho fatto il mio dovere amico mio, tu che hai accompagnato mio nonno quanno era cecato, è niente in paragone di quello che tu haje fatto a mio nonno.
LIBORIO
: Infami, birbanti!... e la madre sarà anche d’accordo con loro?
FELICE
: E se capisce.
LIBORIO
: Adesso t’aggia fà vedé che saccio fà. (Alla porta della moglie:) Assassini tutti quanti!... (Curvandosi.)
FELICE
(dalla parte opposta, curvandosi anche lui, gli da un urtone): Che hanno tentato di levà l’onore a stu pover’ommo!
LIBORIO
: Lo ssaje ca mò me menave nterra?...
FELICE
: Agge pacienza Libò, io mò non conchiudo che faccio.
LIBORIO
: Zitto, sta venenno muglierema da chesta parte.
FELICE
: Libò, sii uomo, te raccomanno.

SCENA TERZA

Angiolina e detti.

ANGIOLINA
: Liborio, Feliciello...
LIBORIO
: Psst, pst! (Come starnutando.)
FELICE
: Salute. (Lazzi, poi fa quello che fa Liborio tenendolo abbracciato.)
ANGIOLINA
: Neh, ched’è, ch’è succieso?
LIBORIO
: Non aprite la bocca e rispondete!
ANGIOLINA
: (E comme risponne, co lu naso?).
LIBORIO
: (Lasseme fà mò).
FELICE
: (E tu non haje da dì bestialità).
LIBORIO
: Ditemi la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità!
FELICE
(gli dà un bacio): (Bravo!).
LIBORIO
: è inutile che voi negate, perché ho saputo tutto e mi pare impossibile che voi avete dato mano a questi amori tanto vergognosi!
FELICE
(gli dà un bacio): (Bravo!). (Liborio si volta e lo guarda.) Vai bello, vaje bello, non te pozzo dà niente, te dongo nu vaso.
LIBORIO
: Vergogna pe la faccia vostra e doppia vergogna pe la faccia mia! (Felicelo bacia.) E mò l’haje da fernì co sti vase! Non me vasà cchiù!
FELICE
: (No!).
LIBORIO
: A me... (Batte la mano sul petto trovandosi sotto la mano di Felice che si fa male, lazzi) a me davate ad intendere (a Felice) non me vasa...
FELICE
: (No!).
LIBORIO
: Che quel miserabile veniva per accordare il pianoforte, ed invece sinistri erano i suoi pensieri! (A Felice:) (Come ti pare?).
FELICE
: (Bene, non sembra mai prosa, me sembrano versi).
ANGIOLINA
: (Aggio capito, chisto ha saputo l’affare de Luisella).
LIBORIO
: Dunque che rispondete, oh signora?
ANGIOLINA
: Che aggio da risponnere, sì l’affare de l’accordatore è overo, e quanno lo buò sapé chillo ll’è marito.
LIBORIO
: Che!! marito!!!...
ANGIOLINA
: Sì sì è n’anno che chella povera figliola fa sta vita, perché aveva paura de te e appunto ajere me dicette: che io avessi parlato con te e si non le dive lo permesso, essa aizava ncuollo e se ne jeva.
LIBORIO
: Basta, signora, basta!...
ANGIOLINA
: Ma...
FELICE
: Basta, signora, basta, tenite la faccia de li corna vecchie.
LIBORIO
(balbettando): Pigliateme na seggia...
FELICE
: Uh! Parla cacaglio! Me l’avete fatto addeventà cacaglio! Liborio mio, comme te siente?
LIBORIO
: Me sento tutto lu sango a la parte de la capa, portateme nu poco ncoppa lu lietto.
ANGIOLINA
: Liborio mio! (Piange.) Chi se poteva credere che pe na cosa de niente, se pigliava tanta collera.
FELICE
: A me me piace l’indifferenza de chella, guè me la chiamma na cosa de niente?
ANGIOLINA
: Ce volimmo mettere nu poco de neve ncapo?
FELICE
: Sì, molta neve, dinto a na fascia de cuscino.
ANGIOLINA
(chiama): Pascale, Pascale?...

SCENA QUARTA

Pasquale e detti poi Luisella.

PASQUALE
: Comandate.
ANGIOLINA
: Pascà, va piglia quatto o circo chili de neve, ma fa subeto.
PASQUALE
: Eccome cca. (Via.)
FELICE
: Libò, comme te siente? T’è passato?
LIBORIO
: Portateme nu poco sopra a lo letto.
FELICE
: Povero Liborio, povero amico mio... portammolo sopra a lu letto... Libò, Libò!... (Scuotendo forte la testa:) E risponneme?
LIBORIO
: Guè, ca tu me fai male!
FELICE
: Va, jammo dinto. (Lo prendono per le braccia e lo portano dentro la prima porta a dritta, giunti sotto la porta:) Libò, fusse cecato?
LIBORIO
: Non mé rompere la capa. (Entra con Angiolina.)
FELICE
: Povero Liborio... lasseme correre a ghi a chiammà nu miedeco mò.
LUISELLA
(uscendo): Signori, è overo che a lu patrone ll’è venuto na cosa, aggio visto a Pascale ca è ghiuto a piglià la neve.
FELICE
: Sicuro, chillo pover’ommo sta comme le vene.
LUISELLA
: Uh! povero signore!
FELICE
: Dimme na cosa, tu manco ne saje niente de l’affare de l’accordatore?
LUISELLA
: Comme, lo signore l’ha saputo?
FELICE
: Sì, e so’ stato io che nce l’aggio ditto.
LUISELLA
: Vuje!
FELICE
: A quel pover’uomo ll’è venuto quasi un insulto.
LUISELLA
: N’insulto?
FELICE
: N’insulto sì!
LUISELLA
: Ah!... ched’è tanto a duro se l’ha pigliato.
FELICE
: Guè, chella comme fosse na cosa de niente.
LUISELLA
: Ah! Alla fine che male c’è, quanno non le piace aizo ncuollo e me ne vaco.
FELICE
: Questo poi si vedrà, tu non ci hai tanta colpa, la vera colpevole è la moglie di Liborio.
LUISELLA
: No, scusateme, la signora non nce have colpa, fuje io che lle dicette, o facite chesto o me ne vaco!
FELICE
: Ma cheste so’ faccie che nce può scognà pigne. Ah! Tu fuste che nce diciste: o facite chesto o me ne vaco.
LUISELLA
: Sicuro.
FELICE
: Eh! Già, pecché chillo l’accordatore te deva i soldi.
LUISELLA
: E se capisce.
FELICE
(gridando) Statte zitta! Statte zitta!!... guardate llà, di quella età non se ne prende vergogna! Isso te deva i soldi e tu te li pigliave?
LUISELLA
: Nò, mò li rifiutava!
FELICE
: Statte zitta!! Statte zitta! !... E che te poteva dare quel miserabile!?
LUISELLA
Me deva, chello che puteva.
FELICE
: Statte zitta!! Statte zitta!!... (Entra alla seconda porta a sinistra.)
LUISELLA
: Vuje vedite che se passa! Tanta ammoina pecché so’ mmaretata! E mò proprio me ne voglio j.

SCENA QUINTA

Pasquale e detta poi Felice.

PASQUALE
: Ccà, ccà sta la neve. Neh, lo patrone comme sta?
LUISELLA
: Che saccio, dice che l’è venuto n’insulto pecché ha saputo che l’accordatore è maritemo.
PASQUALE
: Mariteto! Ah! Tu sì mmaretata?
LUISELLA
: Sì, sì, so’ mmaretata e mò proprio, me piglio li rubicelle mie e me ne vaco. (Via.)
PASQUALE
: All’arma de mammeta! E me faceva la semplice, sempe che l’accarezzava diceva che era zetella! (Via alla prima porta a dritta.)
FELICE
: Oh! Lasseme j a chiammà lo miedeco mò.
PASQUALE
(uscendo): Signori, addò jate?
FELICE
: Vaco a chiammà nu miedeco... hai portato la neve?
PASQUALE
: Sissignore.
FELICE
: Va bene. (P.p. poi ritorna.) Me sapisse dicere addò lo pozzo truvà nu miedeco?
PASQUALE
: Jate a lo spitale, jate a lo spitale!
FELICE
: E và tu e l’arma de mammeta, và!
PASQUALE
: No, dico che a lo spitale lo potite truvà nu miedeco.
FELICE
: Ah sicuro... (p.p. poi torna). Dimme na cosa, tu manco ne sapive niente de l’affare de l’accordatore?
PASQUALE
: Signore mio, io mò l’aggio ntiso, non ne sapevo niente, io pò dico a lu patrone, va bene n’haje avuto nu poco de dispiacere, ma tanto, tanto, pò è troppo, tu haje ntiso chesto la piglie e la caccie.
FELICE
: (E già, chella è na cacciottella!).
PASQUALE
: Mò capisco pecché ogne otto juorne steva fore de casa na nottata, jeva a trovà l’amico, jeva a trovà l’accordatore. Avita da dicere che io quacche vota l’aggio fatto quacche carizzo e essa me diceva: Guè, statte sodo ca io so’ zetella, all’arma de la zetella! (Via ridendo.)
FELICE
: Scusate e questo è il plus ultra della depravazione! (Via.)

SCENA SESTA

Liborio, Angiolina e Marietta.

LIBORIO
: è inutile che me date ad intendere chiacchiere, non ve credo.
ANGIOLINA
: Ma comme, nuje te dicevamo na cosa pe n’ata? L’accordatore è lo marito de Luisella e siccome tu dinto a sta casa non volive femmene mmaritate a servì, pe contentà a Marietta che non poteva stà senza vedé a Luisella, te dicette che era zetella, e lo marito l’aggio fatto passà pe l’accordatore.
LIBORIO
: Questa è la verità?
MARIETTA
: Ma sì papà, chesta è la pura verità. Comme ve sentite, ve sentite meglio?
LIBORIO
: Sì, me sento meglio. Dunque non m’ingannate?
MARIETTA
: Ma che ingannà, ve pare, comme avite potuto penzà soltanto che io faceva l’ammore con l’accordatore.
LIBORIO
: Vi posso credere dunque?
MARIETTA
: E datele n’ata vota; ma comme, vuje sapite che ve vulimmo tanto bene, vi giuro che comme vi ha contato lo fatto mammà accussì è.
LIBORIO
: Me lo giurate?
A 2:
Sì, lo giuriamo!
LIBORIO
: (E chillu cancaro de Feliciello ch’ha combinato!). Oh dimme n’ata cosa Mariè, l’accordatore pecché venette dinto a sta cammera all’oscuro?
MARIETTA
: Venette pe parlà cu Luisella, pecché l’aveva dicere na cosa necessaria e io stessa le dicette che fosse venuto a chell’ora, pecché allora steveme a tavola e nce poteva parlà.
LIBORIO
: Ah! Tu le diciste che fosse venuto ccà?
MARIETTA
: Sissignore.
LIBORIO
: Ah! Va buono, mò aggio capito tutte cose!... (All’arma de lo sbaglio c’ha pigliato Feliciello!)

SCENA SETTIMA

Luisella e detti.

LUISELLA
(con involto di panni): Signori, scusate, ve so’ venuta a salutà pecché me ne vaco.
LIBORIO
: Te ne vaje? E addò vaje?
LUISELLA
: Me ne vaco de la casa vosta.
LIBORIO
: E pecché?
MARIETTA
: Pecché v’avite pigliata tanta collera, pecché io era mmaretata, accussì pe non darve cchiù dispiacere vaco a vedé de j a servì a n’ata casa e chi vò a me s’ha da piglià pure a maritemo; nuje alla fine de cunte simmo marito e mogliera con tutte le regole e chi nun lo crede, va alla sezione montecalvanio e l’addimanna lo vice sinneco. Però me credeva che vuje m’avarrissero voluto cchiù bene e v’avarrissero arricordato che tanto io che la signorina avimmo zucato lo stesso latte de mammella mia. Povera mammella mia, mi ricordo quanno me portaje dinto a sta casa che me dicette: Luisè guarda a Mariuccella, chella ha zucato lo stesso latte che hai zucato tu e quanno essa chiagneva, io lasciavo a te e pigliava a essa; mò sti cose nun s’arricordano, nun mporta. (Quasi piangendo:) Me ne vaco, pecché voglio sta aunita cu maritemo, vuje truvateve n’ata femmena sola, accussì restate cchiù contente; pigliateve a na femmena comme a Lucia, che sta a lu piano de coppa che dice che è zitella e pò l’ata sera, miezo a li grade abbracciava e vasava lo cuoco... (Piange mettendo la faccia vicino alla mappata come suonasse la zampogna.)
ANGIOLINA
: Povera figliola, me fa proprio compassione.
MARIETTA
: Papà perdonatela, vuje site tanto buono.
ANGIOLINA
: M’ha fatto fà lo core quanto a nu chiappariello.
LIBORIO
: Viene ccà. (Ma che sta sunanno la zampogna!). Via, non ne parliamo più! Và posa la mappata, quanno vene mariteto fammelo presentà da me, che si me conviene me piglio pure a isso.
LUISELLA
: Oh! Grazie, grazie, signore mio, lassate che ve vaso le mane. (Esegue.) Signò è overo che v’avite pigliata tanta collera e dice che v’è venuto pure na cosa?
LIBORIO
: Sì, ma mò m’è passato tutte cose.
LUISELLA
: M’è dispiaciuto assaje assaje.
MARIETTA
: No, papà aveva pigliato nu sbaglio, se credeva che l’accordatore veneva pe me.
LUISELLA
: Uh! Che ciuccio!
LIBORIO
: Grazie, nu poco de rispetto sempe nce vò! Va vattenne tu e vuje restateve ccà che v’aggio parlà. (Luisella via.) Capite, io me so’ pigliata tanta collera, pecché Felice vedenno na cosa de chesta faceva come dice isso: alzo in collo e me ne vaco e si se ne jeva addio speranze mie. Mò che vene s’ha da fà capì l’equivoco e che tu non c’entri con l’accordatore.
ANGIOLINA
: E se capisce, sinò che figura facimmo.
LIBORIO
(a Marietta): A te pò te raccomanno, cerca di mostrarti grazisa, gentile, che si chillo piglia affezione con te avimmo fatto lo colpo.
MARIETTA
: Ma che colpo neh papà?
LIBORIO
: Chesta non capisce maje niente! Si Felice te sposa noi diventeremo ricchi, straricchi!
MARIETTA
: Ah! Vuje chesto volivene dicere? Papà mio è impossibile, stu penziero ve lo potite levà!
LIBORIO
(sorpreso): Come sarebbe a dire?
MARIETTA
: A me D. Feliciello non mi piace, non lo voglio bene e non lo voglio.
LIBORIO
: Piace a me e basta!
MARIETTA
: Chesta non è na bella ragione, pecché piace a vuje me l’aggia sposà io, mò tutto nziemo stu matrimonio miezo, papà io si m’aggia mmaretà, m’aggia piglià nu giovine a genio mio, si se trattasse de vestito, de nu piatto de mangià, allora spettarria a vuje, ma se tratta de marito e chillo è nu piatto che l’aggia scegliere io. (Via seconda porta a dritta.)
LIBORIO
(alla moglie): E tu staje llà comme a na pastenaca e non dice niente.
ANGIOLINA
: Che debbo dire, che debbo dire. Io me ricordo quanno mammà e papà mio me volevano fà spusà nu capitano ritirato e io risponnette: o Liborio o la morte!
LIBORIO
: E fusse morta!... (Viano.)

SCENA OTTAVA

D. Panfilio, Felice indi Pasquale.

FELICE
(entra dal fondo correndo con Panfilio che lo segue ed entrano nella prima quinta a dritta, poco dopo, sempre correndo, entrano seconda porta a sinistra, indi ritornano, Felice leva il cappello ed il bastone di Panfilio, posandoli sul pianoforte, indi va al tavolino e suona il campanello).
PASQUALE
: Comandate!
FELICE
: (Non tengo coraggio d’addimannà, fosse muorto?!). Che mi dite, guaje, disgrazie, niente?
PANFILIO
: (Ha fatto lo telegramma!).
PASQUALE
: E che disgrazie?
FELICE
: Niente?
PASQUALE
: No.
FELICE
: Liborio addò sta?
PASQUALE
: Lo signore poco prima è asciuto ccà fore co la signora e la signorina.
FELICE
: E asciuto ccà fore?
PASQUALE
: Gnorsì.
FELICE
: Embè jate a vedé addò sta, dicitelo che lo voglio.
PASQUALE
: Mò ve servo. (Va per entrare prima porta a destra.)
FELICE
: Lloco aggio visto, animale! (Pasquale va per entrare seconda porta a sinistra.) Lloco pure, ciuccio!
PASQUALE
: E addò aggia j a vedé?
FELICE
: Và a vedé dinto a chell’ate camere. (Pasquale entra seconda porta a dritta:) Perdonate dottò...
PANFILIO
: Mi fa meraviglia come m’avite fatto correre comme a nu pazzo, dicendomi che si trattava d’insulto.
FELICE
: E un insulto è stato.
PANFILIO
: E va cammenanno pe la casa?
FELICE
: Sarà stato un insulto capriccioso.
PANFILIO
: Voi che dite?...
FELICE
: Parlava pure cacaglio.
PANFILIO
: Volete dire balbuziente.
FELICE
: In italiano si dice cacaglio. Quello dottò, s’ha pigliato molta collera, ve pare na figlia metterse co n’accordatore... pò all’oscuro dinto a sta cammera... se ne jette pe la fenesta...
PANFILIO
Chiste so’ affare che non me riguardano.
FELICE
: Lo pover’ommo ha avuto nu colpo.
PANFILIO
: Basta, adesso vedremo...

SCENA NONA

Pasquale, Liborio e detti.

PASQUALE
: Ecco ccà lo signore. (Via.)
FELICE
(andando incontro a Liborio): Liborio mio, come stai?
LIBORIO
: Sto bene, grazie, è stato nu poco de giramento de testa, ma m’è passato.
FELICE
: Oh! Bravo! N’aggio proprio piacere.
LIBORIO
: E chillo signore chi è?
FELICE
: Come, è lu dottore; sono corso a chiamarlo... il signore è commendatore, e io non veneva ccà cu nu miedeco qualunque... da la matina alla sera non trova requie, lo chiammano tutte quante, io l’aggio trovato alla farmacia a lu portone.
LIBORIO
: Tanto de l’affare che teneva?
PANFILIO
: No, capite, avevo terminato il mio giro di visite e mi stavo riposando un poco in farmacia.
LIBORIO
: Ma perché l’hai incomodato, io sto bene.
FELICE
: No, Libò, fatte osservà.
LIBORIO
: è inutile pecché io me sento buono.
FELICE
: Allora navota che te siente buono. (Al dottore:) Grazie dell’incomodo, arrivederci.
PANFILIO
: Ma...
FELICE
: Certamente lei pure deve aver piacere che un padre di famiglia sta bene e che quest’indisposizione che l’è venuta è stata cosa da niente... arrivederci.
PANFILIO
: Oh! Sì, ho molto piacere che sia stata cosa da niente e che non ha bisogno della mia assistenza, ma... ma... la visita chi me la paga?
FELICE
: E che visita, non avete fatto niente.
PANFILIO
: Mi sono incomodato e basta, caro signore mi spetta la visita.
FELICE
: Questo poi significa profittare della bontà di uno, non avete fatto niente e pretendete la visita.
PANFILIO
: Vi ho detto che mi spetta la visita e mi spetta sangue di Bacco!
FELICE
: Lei senza che si riscalda, qui vi sono signori che non si curano del denaro e pagano qualunque cosa, quanto avite d’avé, mostratemi la tariffa.
PANFILIO
: Mò so’ cocchiere d’affitto mò, tengo la tariffa!
LIBORIO
: (Va buono Felì, dalle quacche cosa e mannannello).
FELICE
: (Sì, è meglio pagarlo, sinò chiste vanno sparlanno). (Prende una lira di bronzo e gliela dà.) Tenite,
PANFILIO
(conta il denaro): Una lira!... questa qua, quando venite a casa per farvi visitare la darete al mio servo.
FELICE
: Ho detto bene io che volete profittare.
PANFILIO
: Non è profitto, mi spetta di dritto la visita e dovete darmi 10 lire.
FELICE
: Ma che dieci lire e dieci lire, me jate contanno! Tu stive jettato dinto a na farmacia senza fà niente, te vengo a chiammà, te porto ccà e te dongo na lira che baje truvanno?!
LIBORIO
: (è fernuto lu rispetto!).
FELICE
: Io nun so’ nu scemo, sono di Casoria e a lu dottore de lu paese mio se nce da quindece solde la visita e tene lu ciuccio, voi non avete ciuccio e na lira dice ch’è poco.
PANFILIO
: E andavate a chiamà lo miedeco co lo ciuccio invece di venire a incomodare me.
FELICE
: Basta levammo tutte li chiacchiere, cheste so’ 5 lire e non ne parlammo cchiù, almeno visitatelo l’amico mio.
PANFILIO
: Mò sta bene, chissà dopo quell’indisposizione, la macchina è restata lesa in qualche parte. (Visita Liborio, prima gli tasta il polso, poi gli fa cacciare la lingua, poi batte sul petto e sui reni mette la testa. Felice fa lazzi.) Ma vi prego, lasciatemi fare.
FELICE
: Statte zitto, t’haje pigliato 5 lire.
PANFILIO
(batte forte sui reni di Liborio).
LIBORIO
: Dottò, che me faccio male.
PANFILIO
: Eh! dovete aver pazienza.
FELICE
: Libò lascialo fà.
LIBORIO
: Dì la verità li 5 lire me ne vuò fà dà ponie dinto a li rine?
PANFILIO
: Appetito ne avete?
LIBORIO
: Sicuro.
PANFILIO
: La bocca come ve la sentite?
LIBORIO
: Bene, bene.
PANFILIO
: La testa vi dasse peso?
LIBORIO
: No, la tengo leggiera.
PANFILIO
: La digestione?
LIBORIO
: La faccio bona.
PANFILIO
(piega le spalle come volesse dire a Felice che non ha niente, poi va a mettersi il cappello, prende il bastone e va verso Felice, questi crede che lo vuol bastonare, lazzi, poi va via piegando le spalle, sorridendo e burlando Felice).
FELICE
: D. Mimì la paparella!
PANFILIO
(ritornando): Vi prego di non insultare i professori che vengono a darvi la salute.
FELICE
: Tu quà salute, va trove quante n’haje mannato a lu camposanto.
PANFILIO
: Se ti trovo abbascio, te spezzo li cannelle de li cosciune! (Via.)
FELICE
: E chisto è nu miedeco de lo mandracchio!
LIBORIO
: Chillo s’ha pigliato collera pecché m’ha trovato buono.
FELICE
: Ma veramente Libò te siente proprio buono?
LIBORIO
: Sì, chella è stata na piccola alterazione, ma poteva succedere peggio; e tutto pecché? Pe n’equivoco che hai pigliato.
FELICE
: N’equivoco?
LIBORIO
: Sicuro, pecché l’accordatore non è lo nnammurato de figliema, è lo marito de Luisella, a me non m’aveva ditto niente, pecché io femmene mmaretate in casa non ne voglio.
FELICE
: E a te chi te l’ha ditto?
LIBORIO
Me l’ha ditto mia moglie, mia figlia e la stessa Luisella che poco prima è venuta ccà chiagnenno che se ne voleva j, anze, aspetta nu momento, mò te lo facciò dì da essa stessa. (Via pel fondo.)

SCENA DECIMA

Pasquale e detto.

PASQUALE
(con lettera): Scusate, lo padrone addò sta? Tengo na lettera pe isso.
FELICE
: Damme ccà che nce la dò io. (Pasquale la dà e via, Felice guarda la soprascritta:) L’istesso carattere de la lettera d’aieri, voglio vedé che dice. (Apre la lettera e legge:) «Signore, vi ho scritto quattro lettere e non mi avete risposto, adesso non vi scrivo più. Rispondete subito a questa mia, o vengo io di persona a domandarvi soddisfazione del modo come mi avete trattata. La vostra Bettina Capozzella». Oh! Sta Capozzella m’ha rotto la capa mo! Mò le rispondo io come merita. (Siede al tavolino e scrive:) «Signora Capozzella. Io sono un uomo onesto e non rispondo ad una donna della vostra qualità! Sono ammogliato, perciò non mi seccate più con le vostre lettere, né vi azzardate di venire in casa mia, altrimenti vado a ricorre alla questura. Liborio Ciaramella». Mò vedimmo si scrive cchiù. (Suona il campanello.) Se non veniva io dinto a sta casa, chillu povero Liborio l’arrovinavano. (Chiude la lettera e scrive l’indirizzo.)
PASQUALE
: Comandate.
FELICE
: Portate questa lettera al suo indirizzo.
PASQUALE
: M’ha da dà risposta?
FELICE
: Consegnatela e tornatevenne.
PASQUALE
: Va bene. (Via.)
FELICE
: Na vota lu putevano mpapucchià, ma mò che nce sto io è n’ata cosa.

SCENA UNDICESIMA

Liborio, Luisella e detto poi Angiolina e Marietta
.

LIBORIO
: Viene ccà Luisé, dì tu stessa a D. Felice l’accordatore chi è?
LUISELLA
: è maritemo Ciccillo.
LIBORIO
(chiama): Angiolina, Marietta... (Le due escono.)
ANGIOLINA
: Libò che buò?
LIBORIO
: L’accordatore chi è?
ANGIOLINA
: Lo marito de Luisella.
LIBORIO
: Mariè, Luisella e Ciccillo che se’?
MARIETTA
: Marito e mugliera.
LIBORIO
: Te sì persuaso?
FELICE
: Sì, sì...
LIBORIO
: Oh! Sia lodato lo cielo! Và Luisè, và prepare lo cafè dinto la cammera de pranzo.
LUISELLA
: Va bene. (Via.)
LIBORIO
: è n’equivoco che hai pigliato! Mò nce pigliammo prima lo cafè e pò nce facimmo na bella cammenata pe lo Chiatamone, haje piacere, e debbo parlarti di un’affare, andiamo. (P.p.)
FELICE
(mettendosi sotto il braccio di Liborio e andando con lui, dice alle donne): Scusate, perdonate, ho sbagliato. (Viano.)
MARIETTA
: Mammà, vuje levatancello da capo a papà che io a D. Felice non me lo sposo, no, no e no!
ANGIOLINA
: Va buono, cchiù tarde se ne parla.
MARIETTA
: Vuje lo sapite che io da nu mese faccio l’ammore cu Ernesto, è nu bello giovane, me vò bene, passa tutta la jurnata dinto a lo cafè de rimpetto a la fenesta mia, m’ha scritto chelli sorte de lettere che fanno chiagnere pure li prete, è ricco, tene duje magazzine de giojellerie, pecché non me l’aggia sposà?
ANGIOLINA
: Chi t’ha ditto chesto, tu saje Liborio comm’è, avimmo aspettà l’occasione che sta de genio pe nce parlà.
MARIETTA
: Vuje lo sapite, chillo aiere voleva venì a parlà cu buje e cu papà, fuje io che facette segno de non venì, pecché papà steva ammoinato pe D. Feliciello.

SCENA DODICESIMA

Ernesto e dette.

ERNESTO
: è permesso?
MARIETTA
: Uh! Isso!
ANGIOLINA
: Comme v’è venuto ncapo de venì ccà ncoppa?
ERNESTO
: Scusate, io non saccio pecché non nce aggia venì, le mie intenzioni sono dirette, Marietta mi piace e me la voglio sposà e perciò sono venuto a parlare col padre.
ANGIOLINA
: E chesto stevamo dicenno; Liborio terrebbe intenzione de farla sposà a n’amico sujo, nu certo D. Felice perciò...
ERNESTO
: Nce sta pure chesto?...
MARIETTA
: Sì, Ernesto mio, ma io ti giuro che a te voglio bene, papà have voglia de fà, have voglia de dicere che io a te m’aggia sposà e quanno me veco propria con l’acqua nganna me mengo dinto a lo puzzo e moro... accussì s’accuietano tutte quante.
ERNESTO
: E sì, accussì piglie nu bagno friddo.
ANGIOLINA
: Statte zitta, ca nu poco a la vota vedimmo de capacità a Liborio.
ERNESTO
: Haje ntiso, nun chiagnere cchiù e pò quanno tenimmo mammà da la parte nosta, l’affare è bello e combinato.
ANGIOLINA
: Fernisce de chiagnere, sinò pateto te vede co l’uocchie russe e facimmo peggio.
ERNESTO
: Non te ne incaricà che papà non trovarrà nisciuna difficoltà, io so’ ricco, tengo due magazzini di gioielliere e a morte de na zia mia che è straricca io eredito tutte cose, anze essa era nemica de farme nzurà, ma aiere appena vedette o ritratto tujo, me dicette: Sì, sta figliola me piace e la zia te la fà spusà. Dunque può stà contenta.
MARIETTA
: Ah! Ernesto mio!...
ANGIOLINA
: Neh! Accuietete, ca mammarella toja penzarrà essa pe te.

SCENA TREDICESIMA

Liborio, Felice poi Ciccillo.

LIBORIO
(di dentro): Ah! Che te pare?
ANGIOLINA
: Uh, venero lloro. (Ad Ernesto:) Annasconniteve ccà. (Lo fa entrare prima porta a dritta, lei via seconda porta a dritta con Marietta.)
LIBORIO
: Caffè moka.
FELICE
: Caffè de monaco.
LIBORIO
: Eh! Caffè de prevete... moka!
FELICE
: Moka.
LIBORIO
: Oh! Adesso ci andremo a fare una bella passeggiata per metterci in appetito, io me vaco a vestì, tu va te piglia lo cappiello che mò nce vedimmo.
FELICE
: Tu dice che m’avive da parlà?
LIBORIO
: Ti parlo per la strada. (Via a dritta.)
FELICE
(burlandolo col braccio): Povero papurchio! (Via a sinistra.)
CICCILLO
(con bamboccio): Chi sa addò sta Luisella, la nutriccia sta abbascio che m’aspetta, vularria subeto farcelo vedé stu piccerillo. (Guardandolo:) Peppiniello... Peppiniello de papà tujo... quanto è bellillo! Tutto de lo pate ha pigliato! Comme l’hanno nfasciato stretta sta criatura, voglio vedé si pozzo allascà nu poco la fascia. (Lo mette sulla poltrona e cerca di accomodare la fascia, guarda a sinistra.) Mamma mia, sta venenno lo pazzo che me menaje da coppa a bascio! (Covre il bamboccio con lo scialle, lasciandolo sulla poltrona e si nasconde sotto il tavolino.)
FELICE
: M’aggio posto lu cappiello, ma che turzo che è chillu Liborio, se crede tutte cose, chella la serva dicette pure che l’accordatore le deva li solde, l’hanno mpapucchiato comme hanno voluto lloro... (Guarda a dritta.) Sta venenno la mogliera de Liborio, voglio sentì che dice. (Si nasconde seconda porta a sinistra.)

SCENA QUATTORDICESIMA

Angiolina, poi Ernesto, indi Liborio.

ANGIOLINA
(guarda attorno, poi apre la porta): D. Ernè ascite.
ERNESTO
: Eccomi quà.
ANGIOLINA
: Jatevenne mò, ca sì ve vede Liborio io songo arruvinata.
ERNESTO
: Mi raccomando a vuje mò.
ANGIOLINA
: State sicuro, che pe parte mia faccio tutto chello che pozzo.
ERNESTO
(p.p. poi ritorna): A chella povera criatura non la facite chiagnere, altrimenti vostro marito potrebbe sospettare.
ANGIOLINA
: Lassate fà a me. Mò jatevenne e tornate ccà dimane verso mezzogiorno, quanno non nce sta Liborio.
ERNESTO
: Quanto, quanto ve voglio bene! (Bacia la mano forte e via.)
ANGIOLINA
: S’ha dda dì che è proprio nu buono giovine! (Via.)
FELICE
: E che voglio vedé cchiù! Ah!... infami, assassini, povero Liborio! povero amico mio, che cosa ne hanno fatto dell’onor tuo! (Il bambino piange. Azione di Felice e Ciccillo da sotto il tavolino, Felice va a vedere, alza lo scialle.) Na criatura!... (Lo prende.) Ah! Mò capisco pecché chillu giovinotto ha ditto: non facite chiagnere a chella povera criatura, è il figlio suo, è il figlio di d. Angiolina, oh! Infamia!
LIBORIO
: Felì, io so’ pronto, volimmo j.
FELICE
: Addò?
LIBORIO
: A lu Chiatamone.
FELICE
: No.
LIBORIO
: E addò vuò j?
FELICE
: A la Nunziata!... (Liborio resta sorpreso, Ciccillo si dispera sotto il tavolo.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

Nessun commento:

Posta un commento