sabato 3 agosto 2013

L’amico ’e papà di Eduardo Scarpetta. Primo Atto

L'ARTE DELLA COMMEDIA


L’amico ’e papà
Da Le Gascon, di Barrière
Commedia in tre atti

 

personaggi
Felice
Liborio
Angiolina, sua moglie
Marietta, loro figlia
Ciccillo
Luisella, sua moglie
Ernesto
Bettina Capozzella
Pasquale, servitore
D. Panfilio, medico

La scena è in Napoli, epoca presente.

 
ATTO PRIMO

 



Camera nobile con tre porte laterali ed una infondo. A sinistra dell’attore prima quinta, finestra. In fondo, a sinistra, un pianoforte, a dritta mensola con orologio. A dritta in mezzo alle due porte un tavolino con lungo tappeto con occorrente da scrivere, campanello e scatola di cerini. A sinistra in mezzo alla porta e finestra una poltrona a bracciuoli, sedie, ecc.


SCENA PRIMA

Pasquale, dalla porta a sinistra, indi Luisella dalla prima porta a dritta.

PASQUALE
(d.d.): Va bene, va bene, non dubitate, sarete servito. (Fuori:) Ah! ca chesto se chiamma proprio farme fà lu ciuccio de carretta, da la matina alla sera vaco nnanze e arreto comme a la sporta de lu tarallaro, si jammo nnanze de chesta menera io aizo ncuollo e me ne vaco.
LUISELLA
: Pascà avvisa lo cucchiere ca pe l’otto la carrozza adda essere pronta.
PASQUALE
: Vide lloco, si non te danno manco lo tiempo de risciatà!... Luisella mia, non me ne fido proprio cchiù, questa non è casa che fa pe me, a la fine de lo mese me ne vaco.
LUISELLA
: Povero Pascale, haje ragione, nce vò pacienza.
PASQUALE
: La pacienza se tene fino a nu certo punto; ma la troppo è troppo, che me vonno fa schiattà na vena mpietto!... Dice che stammatina ha da arrivà n’amico sujo e me sta facenno trottà comme a nu cavallo de carrozza, manco si avesse d’arrivà l’imperatore della Cina, tu lo saje chi è st’amico?
LUISELLA
: No; ajere avette na lettera che l’avvisava che stammatina veneva, e vota e gira e martella, ha ammuinata na casa, ma chi è non se sape.
PASQUALE
: All’arma de la mamma! Io nun so’ nato pe fa sti fatiche e me ne vogl’j, Luisé tu pecché non te ne viene cu me?
LUISELLA
: Me ne vengo cu te? Pascà, ma tu sì pazzo!
PASQUALE
: Ce ne andremo a vivere sotto altro cielo!
LUISELLA
: Haje sbagliato, si te ne vuò j, vattenne tu sulo, io resto cca.
PASQUALE
: Vattenne ca io aggio pazziato, te pare me ne jeva e pò non te vedevo cchiù, a costo de crepà io me resto sempe vicino a te. Ma tu non te ne sì addunata ca io tengo na passione pe te?
LUISELLA
: Famme lo piacere, fattella passà sta passione...
PASQUALE
(dandole un pizzicotto sulla guancia): Ah!... sciasciona mia! (Via.)
LUISELLA
(andando alla porta in fondo): Neh, Pascà, si non te staje quieto cu li mane, va trove qua juorno de chisto nce ncuitammo. (Venendo avanti con la mano sulla guancia:) Vuje vedite che pizzico m’ha dato! Se vò vummechià afforza cu me, e non sape che io so’ mmaretata, chillu povero marito mio quanno me vò vedé quacche vota, s’ha da fingere l’accordatore de pianoforte.

SCENA SECONDA

Marietta e detta.

MARIETTA
: Guè Luisè che me dice? haje visto Ernesto?
LUISELLA
: Gnorsì, l’aggio visto aiere sera e me dicette che stammatina senza meno veneva a parlà cu papà vuosto.
MARIETTA
: Stammatina lo mumento non me pare propizio, chillo papà sta accussì ammuinato pe chillo amico sujo che adda arrivà da Casona.
LUISELLA
: Ma che c’entra l’amico, primma ha da penzà a la figlia soja e pò a l’amice.
MARIETTA
: Pò essere pure che lo trova di buon umore e subito acconsente.
LUISELLA
: Povera signorina mia, io sarrìa proprio contenta.
MARIETTA
: Luisé, io non voglio che tu me chiamme signorina, quanno stammo nnanze a la gente va bene, ma quanno stammo da sola a sola, voglio che me parle con tutta la confidenza possibile, mammeta me dette latte fino all’età de duje anne e io te voglio bene proprio comme a na sora.
LUISELLA
: Io ve ringrazio tanto tanto, ma capite vuje site na signora e io songo na cammarera.
MARIETTA
: Io non te tratto maje comme a na cammarera e tu n’haje avute le prove, lo fatto de mariteto per esempio...

SCENA TERZA

Ciccillo e dette.

CICCILLO
: è permesso?
LUISELLA
: Uh! Lo vì ccà!... Ma comme te vene ncapo de venì ccà ncoppo, tu saje lo patrone nun vò.
CICCILLO
: Guè stammatina non me dì niente, ca so’ venuto cu brutte pensiere. (Vede Marietta.) Buongiorno eccellenza. Signorì... giacché state vuje pure ccà, v’aggia dicere ca tengo lo veleno nfaccia a li diente! Ve pare cosa de niente tené la mogliera e non puterla vedé? Si me songo nzurato, me songo nzurato pe quacche cosa! Aggia fa vedé che songo l’accordatore de pianoforte, mentre io non saccio manco addò sta de casa; e tutto chesto pecché? Pe puté dicere quacche parola a muglierema! A la fine de li cunte io nun songo nu malamente de chiste, songo nu buono giovane, nce songo marito con tutte le regole e ccà stanno li carte de lo matrimonio. (Le caccia e le fa vedere.) Le porto sempe cu me, dunque io aggia fa sta vita de cane, neh, pecche?
MARIETTA
: Ciccì agge pacienza, tu haje ragione, ma lassa passà n’atu poco de tiempo, chillo papà femmene maritate dinto a la casa non ne voleva, io e mammà pe fa venì a Luisella, dicetteme che non teneva a nisciuno, che era na figliola zetella, haje sofferto tanto tiempo, aspetta n’atu poco che chiano chiano cerco di persuaderlo.
CICCILLO
: Signorina mia, io stongo dinto a li mane voste, pensate pure che tenimmo na criatura da la nutriccia... Uh! a proposito de la criatura, Luisè io t’aggio parlà...

SCENA QUARTA

Liborio e detti indi Pasquale.

LIBORIO
(d.d. suonando il campanello): Pascale, Pascale!...
MARIETTA
: La voce de papà!
LUISELLA
: Lo patrone, vattenne!
CICCILLO
: Ma io t’aggia parlà senza meno de n’affare de lo piccerillo nuosto.
LUISELLA
: Vattenne! (Lo spinge, Ciccillo via.)
LIBORIO
(c.s.): Pascale, Pascale!...
PASQUALE
(dal fondo): Eccome ccà. (Entra a sinistra.)
LIBORIO
(c.s.): Ma che sì surdo?
PASQUALE
(d.d.): Signò, io sto faticanno da li sei...
LIBORIO
(c.s.): Statte zitto ca te dongo nu schiaffo!
MARIETTA
: Mamma mia e comme sta!
LIBORIO
(c.s.): Luisella, Luisella!...
LUISELLA
: Pure a me! Eccome ccà. (Entra a sinistra.)
MARIETTA
: Io non capisco pecché tanta premura pe D. Felice che ha d’arrivà.

SCENA QUINTA

Angiolina e detta.

ANGIOLINA
: Mariè ched’è, sento de strillà a Liborio?
MARIETTA
: E vuje nun lo sapite da che avette chella lettera ajere me pare nu pazzo, non ha fatto maje chello che sta facenno mò.
ANGIOLINA
: Isso m’ha ditto che è il figlio de n’amico sujo affezionato, che se volevano assaje bene.
MARIETTA
: Affezionato che sia, ma è troppo chello che fa. A proposito mammà, sapite che Ernesto ajere sera dicette a Luisella che ogge veneva a parlà cu papà...
ANGIOLINA
: è giusto ogge ha scelto che Liborio sta de chella manera?
MARIETTA
: Io pure chesto aggio ditto. Mammà mò sapite che faccio, me vaco affaccià a lo balcone de la cammera mia, chisà lo veco le faccio segno che non venesse. (Via a dritta.)
ANGIOLINA
: Povera ragazza, me ricordo pur’io quanno m’aveva da spusà a Liborio, passaje nu sacco de guaje cu papà e mammà... Eh! L’amore... l’amore!...

SCENA SESTA

Ciccillo e detta
.

CICCILLO
(dalla finestra): Signò...
ANGIOLINA
: Mamma mia! chi è?
CICCILLO
: Signò so’ io!...
ANGIOLINA
: Ma comme te vene ncapo a venì pe la fenesta! M’haje fatto piglià na paura che mò moro.
CICCILLO
: Signò io aggia parlà necessariamente a Luisella!
ANGIOLINA
: E viene pe la porta, vattenne ca si te vede Liborio me faje compromettere. (Lo spinge e chiude la finestra.) Ah! Sta fenesta se ce avarria mettere na ferriata, è tanto vascia che quacche ghiuorno de chisto può entrare qualched’uno e mi può disturbare.

SCENA SETTIMA

Liborio, Pasquale, Luisella e detta.

LIBORIO
: T’aggio ditto tanta vote che io non voglio essere risposto.
PASQUALE
: Io non v’aggio ditto niente.
LIBORIO
: Quando io sto irritato non voglio sentì parlà a nisciuno. (A Pasquale:) Va abbascio a lu palazzo e quanno vene D. Felice me lo viene avvisà.
PASQUALE
: Va bene. (P.p.)
LIBORIO
: Lo cuoco è pronto?
PASQUALE
: Sissignore!
LIBORIO
: La carrozza?
PASQUALE
: È pronta.
LIBORIO
: Và, e fà chello che t’aggio ditto. (Pasquale via.) E tu haje preparato la tavola?
LUISELLA
: Non ancora...
LIBORIO
Comme non ancora? E co che flemma lo dice. (Imitandola:) Non ancora... va prepara la tavola.
LUISELLA
: Signò nce tiempo, justo mò ha d’arrivà st’amico vuosto?
LIBORIO
: Voglio che si prepara mò! (Gridando:) Statte a vedé che dinto a la casa mia non so’ padrone de fa chello che voglio.
LUISELLA
: Va bene, va bene, non v’arraggiate, mò ve servo. (Per andare, poi torna.) Ma scusate chi è chisto che ha da venì?
LIBORIO
: Uh! Chi è chisto che ha da venì? è figlio del mio più caro amico.
LUISELLA
: N’amico vuosto?
LIBORIO
: Eh!
LUISELLA
: Manco si avesse arrivà lu Kedivè!
LIBORIO
: Mò te chiavo nu Kedivè nfaccia! Và fà chello che t’aggio ordinato! Prepara lo servizio d’argento.
LUISELLA
: Sissignore. (Via.)
LIBORIO
: Oh! Come sono contento di vedere il mio caro Feliciello! Chisà come si sarr fatto gruosso! (Guarda Angiolina di cattivo umore.) Angiolì ched’è, non saccio comme te veco? (Angiolina volta le spalle.) Ah, aggio capito, te sì pigliata collera pecché da due o tre giorni non te sto danno cchiù confidenza, ma che vuò che te dico, tengo la capa tanto stralunata pensanno che debbo ricevere il figlio del mio più caro amico morto che io amavo più che un fratello.
ANGIOLINA
: Già, già, pe l’amico, non è chesto e non è chello è che non me vuò bene cchiù, primma me facive tanta ciancetielle, e mo...
LIBORIO
: E mò che? Io ti voglio bene sempre.
ANGIOLINA
: Veramente?
LIBORIO
: Ma sì, ma sì.
ANGIOLINA
: E io pure te voglio bene... ma siente, pe n’amico, gnorsì se fa tutto, ma chello che faje tu è troppo.
LIBORIO
: Ma Angiolina mia, D. Felice che deve arrivare è ricco, lo padre l’ha rimasto mpurpato buono, onde io voglio vedere se posso capacitarlo a metterse in società cu me co lo negozio, sarebbe un bel colpo, p’acconci paricchie fatticielle de li miei e pe levarme li diebete che tengo.
ANGIOLINA
: Comme tenimmo diebete nuje?
LIBORIO
: Eh! Uno malato! Dunque capisci, pecchesto io sto accussì, te prego mò che vene, riceverlo come si deve, usagli tutte le gentilezze possibili.
ANGIOLINA
: Se capice, si no che figura facimmo?
LIBORIO
: Brava. Intanto va a vedere si Luisella ha preparato la tavola.
ANGIOLINA
: Vaco, vaco... (Va fino alla porta di fondo e si volta:) E dimme na cosa, me vuò bene?
LIBORIO
: Sì, te voglio bene.
ANGIOLINA
: Bravo, chillu maretiello mio, zuccariello de Ngiulinella toja! (Caccia la lingua e via.)
LIBORIO
: Uh! e non se vò persuadé ca è vecchia, vò fa sempe la piccerella, io e essa accucchiammo nu secolo e miezo. (Va vicino al tavolino.)

SCENA OTTAVA

Ciccillo e detto.

CICCILLO
(esce dal fondo, saluta levandosi la coppola, siede a pianoforte e accorda).
LIBORIO
: No, no, sta jurnata ve n’avite da j, io ho tanto da fare.
CICCILLO
: Fate i fatti vostri, io l’accordo piano, piano, che non se sente manco.
LIBORIO
: No, stammatina aggio che fa.
CICCILLO
: Ma vedete quanto accordo nu sol-do.
LIBORIO
: Io non ve pozzo fa accordà manco no centesimo e chillo vò accordà nu soldo.
CICCILLO
: Ma lo pianoforte sta scordato assaje.
LIBORIO
: Non ve ne incaricate, lo voglio tené scordato, jatevenne.
CICCILLO
: Ma...
LIBORIO
: Ma avisseve da tenè nu poco de crianza, v’aggio ditto jatevenne e ghiatevenne.
CICCILLO
: Allora vengo più tardi?
LIBORIO
: Non ce venite, ve lo manno a dicere io quanno avita venì.
CICCILLO
: Va bene, come volete, ma vi ripeto che lo pianoforte sta scordato assaje.
LIBORIO
: Non me ne importa niente, stateve buono.
CICCILLO
: Vi riverisco. (Via.)
LIBORIO
: Vuje vedite che me succede, vò accurdà afforza, va a fernì che non ce lo faccio venì cchiù...

SCENA NONA

Pasquale e detto indi Felice.

PASQUALE
: Signò, signò, è arrivato.
LIBORIO
: Chi?
PASQUALE
: L’amico vuosto D. Felice.
LIBORIO
: Allora andiamo ad incontrarlo.
PASQUALE
: Si vedite comme è curiuso!
LIBORIO
: Ah! (Alza il braccio.) Mò te dongo nu schiaffo!
PASQUALE
: Ah, eccolo qua. (Felice entra dal fondo con valigia ed ombrello, mentre Liborio alza una sedia per offrirla a D. Felice, questi crede che Liborio gliela voglia scagliare contro. Getta a terra la valigia e l’ombrello e impaurito fugge pel fondo.)
LIBORIO
: Neh, chillo pecché è fujuto? (Va in fondo.) Favorite, caro D. Felice. (Pasquale alza la valigia e l’ombrello.)
FELICE
: Ma so’ cerimonie che me facite, o me volite vattere?
LIBORIO
: Ma che vattere, vi volevo offrire la sedia, sedete D. Felice vi prego.
FELICE
: Grazie. (Siede.) (Io me credevo che me la voleva menà appriesso).
LIBORIO
(a Pasquale gridando): Posa sta rrobba!
FELICE
(fa un salto sulla sedia): (Mamma mia, mò moro da la paura!). (Pasquale posa la roba a sinistra ed esce.)
LIBORIO
: E bravo il nostro D. Felice, ma rassomigliate tutto a papà vostro, chill’uocchie, li capille, lo naso, tale quale, tale quale... Eh, co papà vuosto nce avimmo voluto bene assaje, nce bene proprio comme a duje frate, che uomo, che cuore...
FELICE
: Che m’avete rammentato, eh quando morì papà piangemmo tanto tempo e poi non piangemmo più.
LIBORIO
: E si capisce.
PASQUALE
: Signò io me ne pozzo j?
LIBORIO
Nossignore, miettete llà, statte lloco pecché si D. Felice vò quacche cosa nce lo vaje a piglià.
FELICE
: Oh, grazie, pe parte mia se ne jesse.
LIBORIO
: Nossignore a da sta ccà. D. Felì senza cerimonie, ve volisseve mangià quacche cosa?
FELICE
: Grazie, primma de venì ccà m’aggio pigliato lo latte e caffè e m‘aggio mangiato tre pagnottine.
LIBORIO
: Volete bere?
FELICE
: Sì, piuttosto accetterei...
LIBORIO
: Parlate, cosa volete?
PASQUALE
: Dicite che volite, comannate...
FELICE
: E si non me facite parlà! Vorrei bere un bicchiere d’acqua.
LIBORIO
: Ma che acqua! Birra.
PASQUALE
: Sarebbe meglio la gassosa.
LIBORIO
: Nossignore, marsala.
PASQUALE
: Oppure moscato.
FELICE
: Io voglio acqua.
LIBORIO
: Acqua veramente?
FELICE
: Sì.
LIBORIO
: Va piglia subito na bottiglia d’acqua gelata.
FELICE
: Non tanto gelata.
PASQUALE
: Va buono, mò nce penzo io. (Esce gridando:) Acqua, acqua, acqua!...
FELICE
: Chillo mò fa correre li pompieri!
LIBORIO
: Pecché?
FELICE
: E non sentite come grida, acqua, acqua!
LIBORIO
: Nossignore, chillo chiamma l’acquajuolo. Caro il nostro D. Felice! Oh contateme nu poco come va che vi siete deciso a darmi questo grande onore.
FELICE
: Per carità. Ecco qua, caro D. Libonio. Mio padre appena morto, cioè dicevo subito morto, voglio dire prima di morire mi disse... nemmeno... basta, durante l’agonia... povero papà... (Piange.)
LIBORIO
: E non piangete.
FELICE
: No, scusate io quando nomino a papà, me l’aggio da fa n’ora de pianto.
LIBORIO
: Nossignore, non ve ne incaricate, cuntateme prima.
FELICE
: Allora va bene, me la faccio stasera.
LIBORIO
: (Eh! comme se jesse a fa na cena!).
FELICE
: Dunque stavo dicendo, egli mi parlava sempre di voi, mi diceva che irene state duje amice scorporate.
LIBORIO
: Eh! Altro che amice, siamo stati fratelli, nce canoscevamo da piccerille, co li pettolelle arreto.
FELICE
: E papà pure teneva la pettolella?
LIBORIO
: Se capisce, jevemo a la scola nzieme. Pò facennoce gruosse isso se nzuraje e io so’ stato a casa sua paricchio tiempo.
FELICE
: Sissignone me lo disse, anzi mi disse che una volta mettisteve negozio assieme.
LIBORIO
: E che negozio! A Lu Conte de Mola, che affare faceveme.
FELICE
: Mi disse pure... che sò... che in quell’occasione le freculiasteve dudece mila lira.
LIBORIO
: Le freculiaie? Si andiede male col negozio e fuiemo costretto a dichiarà fallimento, ma però pagajemo tutti i creditori, vuje ve ne venite ca lo fruculiaie.
FELICE
: Volevo dire che tutte e due fusteve frucoliate.
LIBORIO
: Ah, mò va buono.
PASQUALE
(entrando): Ecco l’acqua.
LIBORIO
: E accossì l’haje portato? spezzato?
PASQUALE
: Uh, che bestia! Nce aveva da mettere nu poco de senzo d’annese...
FELICE
: No, ci vorrei...
PASQUALE
: Nu poco de senzo di arangio?
LIBORIO
: No, sarebbe meglio caffè.
PASQUALE
: No, vaniglia...
LIBORIO
: Cha vaniglia, senzo di limone.
PASQUALE
: Oppure tamarindo...
FELICE
: E veditavello vuje!... Io ci vorrei nu poco de senzo di amarena.
PASQUALE
(grida all’orecchio di Felice): Amarena!
FELICE
: Puozze sculà!
PASQUALE
(va via gridando): Amarena, amarena!
FELICE
: (Chiste me fanno fa la trezza de li vierme!).
PASQUALE
(torna gridando): Amarena! (Lazzi nel mettere l’amarena nell’acqua.)
FELICE
(beve): Grazie... tenevo proprio sete.
PASQUALE
: Comandate altro?
FELICE
: No, grazie. (Pasquale posa il bicchiere e l’amarena.)
PASQUALE
: No, pecché se volete qualche altra cosa...
FELICE
: No, vi ringrazio, non voglio niente.
PASQUALE
: Bravo chillo D. Felice. (Gli fa una carezza.)
FELICE
: Guè, non te piglià tanta confidenza co me sà!
LIBORIO
: Pascà statte a lu posto tujo, miettete llà e non te movere, chisà abbiamo bisogno di te.
PASQUALE
: Va bene. (Si mette a destra, dirimpetto a Felice.)
LIBORIO
: Dunque diteme na cosa D. Felì, adesso siete restato solo, papà è morto...
FELICE
: Embè mò me l’aggio da fa!
LIBORIO
: Che cosa?
FELICE
: N’ora de pianto, vuje m’avite nominato a papàa.
LIBORIO
: Nossignore... me n’ero scurdato. (Pasquale fa segno a Felice di volersene andare.)
FELICE
: Ecco qua D. Libonio... Neh, si a chillo lo volite mannà se ne pò ghì.
LIBORIO
: Nossignore, adda stà llà, pecché si ve serve quacche cosa ve lo bà a piglià.
FELICE
: Adesso ho soltanto una zia... (Pasquale c.s. fa segno) una zia che... neh mannatene a chillo io me mbroglio a parlà.
LIBORIO
: Ma pecché v’ha fatto segno?
FELICE
: No, ma vedo poveriello che starrà stanco.
LIBORIO
: Allora Pascà vattenne e vieni subito si te chiammo.
PASQUALE
: Nossignore, io aggia sta ccà pe servì a D. Felice.
FELICE
: A me non me serve niente, ve ne potete andare.
PASQUALE
: Embè quanno volite accossì... (p.p.)
FELICE:
(Chillo ha fatto segno fino a mò, mò non se ne vò j).
PASQUALE
: D. Felì io me ne vaco, quanno me volite chiammateme.
FELICE
: Va bene. (Pasquale via.) (Chillo l’aggio capito, è ammoinatore, ma non combina niente).
LIBORIO
: Dunque?
FELICE
: Dunque adesso ho soltanto una zia, mò m’ha ditto che se vò mmaretà e me voleva fa stà nzieme cu essa dandomi pranzo, cena, tutte cose, ma io però ho pensato meglio di star solo, almeno faccio quello che voglio e sto senza soggezione. Embè indovinate adesso dove ho deciso di stabilirmi?
LIBORIO
: Dove?
FELICE
: Se voi siete contento però... in casa vostra.
LIBORIO
: In casa mia! Proprio così? (Con gioia.)
FELICE
: Proprio così, ne avete piacere?
LIBORIO
: Ne ho piacere? ma sicuro...
FELICE
: Cosa volete, vi voglio bene, come vi ha voluto bene papà e mi ricordo che una sera mi chiamò vicino al suo letto e mi disse: Siente Felì, Liborio Ciaramella, che siete voi, non era soltanto mio amico, ma era anche amico di mio padre, del tuo nonno! Poveretto era cieco e Liborio l’accompagnava sempre, l’accompagnava a mangiare, l’accompagnava a dormire, l’accompagnava... insomma l’accompagnava a tutte parte, gli portava una grande affezione; dunque figlio mio io debbo morire, tocca a te di contracambiare tanta affezione, quello che Liborio ha fatto a me ed a tuo nonno, tu devi fare a Liborio e io vi assicuro D. Liborio che io perciò sono venuto a stabilirmi in casa vostra per fare qualunque cosa per voi, voi avete accompagnato mio nonno quando era ceco, ebbene io non cerco tesori, non cerco ricchezze, volarria che vuje cecasseve pe v’accompagnà come voi avete accompagnato mio nonno.
LIBORIO
: Io vi ringrazio tanto, tanto del complimento!
FELICE
: Ve volarria fa passà nu guaio per farvi vedere che uomo sono io per contracambiarvi quello che avete fatto a mio nonno.
LIBORIO
: (All’arma de mammeta!). Non c’è bisogno de passà stu guaio, perché sono persuaso della vostra affezione.
FELICE
: No, nu guaio l’avite da passà e sinò come ve la faccio vedé st’affezione
LIBORIO
: Va buono comme dicite vuje... (Lu puozze passà tu lu guaio!)
FELICE
: Bravo! Amico de papà! Dateme nu bacio. (Lo bacia, di dentro campanello.)
LIBORIO
: Pascale, Pascale! (Chiama.)
FELICE
: (Mò vene l’ammoinatore).
PASQUALE
: Signò comannate.
LIBORIO
: Va vide chi è che hanno tuzzoliato. (Pasquale via.) D. Felì io ho fatto preparare due stanze; non sarà una casa degna di voi, ma che aggio da fà, questo posso.
FELICE
: No, quello che vi prego, non facciamo complimenti, si no ve dico francamente io aizo ncuollo e me ne vaco.
LIBORIO
: Che complimenti, è dovere! Llà sta tutto preparato, non dovete che comandare.
FELICE
: Ma vi ho pregato che io non voglio cerimonie.
LIBORIO
: Che cerimonie, quello che è convenuto di fare per voi ho fatto e nient’altro.
FELICE
: D. Libò, vi chieggo nu favore...
LIBORIO
: Parlate.
FELICE
: Vorrei il piacere che voi mi daste del tu.
LIBORIO
: Oh, scusate non conviene...
FELICE
: Allora io aizo ncuollo e me ne vaco.
LIBORIO
: Nossignore. Va bene, vi darò del tu, ma anche voi a me.
FELICE
: Ma non avete capito che io sto dinto a sta casa p’aspettà quanno vuje passate nu guaio...
LIBORIO
: (E dalle dà!...).
FELICE
: Per mostrarvi la mia gratitudine, la mia affezione... io vorrei che sta casa s’incendiasse, mi vorrei gittare nelle fiamme e tirarne tezzone..
LIBORIO
: Aggio capito! (No, chisto nu guaio veramente me lo fà passà!)

SCENA DECIMA

Pasquale e detti.

PASQUALE
(con lettera): Signò nu guaglione ha portata sta lettera pe buje.
LIBORIO
(la prende): La vì lloco, è la solita seccatura! Non me pozzo levà stu guaio da tuorno.
FELICE
: Guaio!...
LIBORIO
: (Uh, che aggio juto a dicere a chisto!) non signore non è guaio, è na cosa da niente.
FELICE
: Pecché si è guaio sto io cca.
LIBORIO
: Vi prego che non è guaio... si tratta... co te pozzo parlà... Pascale?
PASQUALE
: Signò?
LIBORIO
: Va a dicere a lu cuoco che preparasse.
PASQUALE
: Va bene. (A Felice:) Signorì, comannate niente?
FELICE
: Grazie. (Pasquale via.) (Afforza a me vò servì!) Dunque?
LIBORIO
: Liegge primma sta lettera e pò te dico tutto.
FELICE
(legge): «Signore: con questa è la quarta lettera che vi mando e spero che finalmente mi vorrete rispondere. Quella sera che dopo cenato mi accompagnaste a casa, mi avete fatto mille promesse e mille giuramenti; mi diceste che venivate da me per combinare il matrimonio e invece non vi siete fatto più vedere, adesso sono alle strette perché un giovane mi vuole sposare e aspetta una risposta. Ditemi cosa debbo fare. Se volete, questo giovane lo licenzierò e sarò vostra. Sbrigatevi però a rispondermi, perché io non posso più stare in questa crudele incertezza! Vostra aff.ma Bettina Capozzella. Strada S. Maria Ognibene n. 21».
LIBORIO
: Figurate che dinto a nu mese n’aggio ricervuto quatto de sti lettere.
FELICE
: Aggio letto, matrimonio, giuramenti; vuje site nzurato e ghiate facenno sti porcherie?
LIBORIO
: Gnernò, non vaco facenno porcherie, siente e pò rispunne. A la fine de lo mese passato, mia moglie e mia figlia jettene a Puortece a truvà na sora de muglierema e se stettene otto juorne, lasciandomi solo a Napoli. Una sera che non aveva che fà, passianno pe lu largo S. Ferdinando me venne lo desiderio de beverme nu bicchiere di vino e me mpizzaie dinto a la trattoria a lo vico rotto S. Carlo, llà dinto me truvaje due amice miei che beveveno nzieme a tre figliole, non appena me vedettero, me fecero assettà vicino a lloro e me volettero fa bevere afforza cu lloro, e saje, da un bicchiere passanno a n’auto, se fece mezanotte. Dopo ognuno de lloro se mettette a na figliola pe sotto a lo vraccio e convenne fare anche a me l’istesso con la terza figliola. Basta per fartela breve, io che avevo bevuto nu poco supierchio, che saccio comme diavolo fuje le vaco a fà na dichiarazione amorosa.
FELICE
: Ah!... a sta capozzella?
LIBORIO
: A sta Capozzella! Le promettette che la mattina la jevo a truvà pe cumbinà lo matrimonio... ma pò la mattina diggerenno lo vino, non me ne incaricai e chella non fa auto che a scrivere lettere e letterecele, io me metto paura che quacche lettera de chesta non va mano a muglierema e io so’ rovinato, non saccio comme avarria da fà?
FELICE
: Va bene, dateme a me sta lettera.
LIBORIO
: E che vuo fà?
FELICE
: Vi leverò io questa seccatura. (La conserva.)
LIBORIO
: Guè, ma t’arraccomanno Felì...
FELICE
: Non ve n’incaricate, lassate fà a me, me credeva che era nu guaio cchiù gruosso! Chesta è cosa da niente.

SCENA UNDICESIMA

Angiolina, Marietta e detti.

ANGIOLINA
: è permesso? (Felice si alza.)
LIBORIO
(alzandosi): Ah! Bravo! Felì ti presento mia moglie Angiolina, tua seconda madre (Felice va a baciare la mano con lazzi), questa è mia figlia Marietta, tua sorella. (Felice c.s. e nel ritornare indietro cade su d’una sedia.) Felice Sciosciammocca, figlio del mio più grande amico ed è venuto per stabilirsi con noi e fare una famiglia.
ANGIOLINA
: Tanto piacere.
LIBORIO
: (Mariè, è nu bello giovane?).
MARIETTA
: (Sì, è simpatico).
FELICE
: Signora mia, io non sò cosa dirvi, solo vi dico che io sono pronto a fare qualunque cosa per voi, comandate, disponete, che troverete sempre un servo pronto a morire per voi... (Soggetto.)
ANGIOLINA
: Ah! Siete troppo gentile!
FELICE
: La stanza mia addò sta?
LIBORIO
(indica a sinistra): Sta da llà. Mò t’accompagno io...
FELICE
: Non è necessario vado da me.
LIBORIO
: Allora mò chiammo a Pascale.
FELICE
: Ma che Pascale... Ma comme te l’aggia dì? Ma comme te l’aggia dì?
LIBORIO
: Che carattere tiene tu? (Nell’istesso tono di Felice.)
FELICE
: Libò io te l’aggio ditto che con me non haje da fà cerimonie si no aizo ncuollo e me ne vado. Io sto ccà per servire, qualunque servizio volite me comannate ed io vi servo. S’adda scopà, scopo io, s’adda scioscià lu fuoco me chiammate e lo scioscio io. Figlieta have bisogno de nu servizio, me chiamme e ce lo faccio io lu servizio a figlieta! Signora mia, se sapeste quest’uomo che ha fatto!... ha accompagnato mio nonno quando era cieco e io voglio mostrargli tutta la mia gratitudine. Starò in questa casa e aspetterò quanno passate nu guaio!... (Entra e via.)
LIBORIO
: (Afforza me vò fà passà nu guaio!).
ANGIOLINA
: Neh, pecché nce vò fà passà nu guaio?
LIBORIO
: No, chillo dice accussì, lo fa per troppa affezione, Mariè te piace?
MARIETTA
: Eh! Non c’è male.
LIBORIO
: Eh! non c’è male, dì la verità, te lo pigliarrisse pe marito?
MARIETTA
: Io! (Mammà risponnite!)
ANGIOLINA
: (Ma che sì pazza!).
LIBORIO
: Basta, de chesto pò ne parlammo, io vaco a vedé dinto a la cucina lo cuoco a che sta, vi raccomando si esce ccà fore facitele molte gentilezze.
ANGIOLINA
: E se capisce, si no che figura nce facimmo.
LIBORIO
: Brava! Io vaco... (p.p.)

SCENA DODICESIMA

Ciccillo e detti.

CICCILLO
(si presenta sotto la porta).
LIBORIO
: Lo vì lloro, me pare Marcoffo dinto a la luna! Che volite?
CICCILLO
: Lo pianoforte sta scordato assai e perciò...
LIBORIO
: Venite ccà, assettateve (lo fa sedere vicino al piano:) accordatelo subeto e ghiatevenne.
CICCILLO
: Va bene, vi servirò.
LIBORIO
: (Io me vengo lo pianoforte pe non vedé cchiù a chisto). (Via pel fondo.)
CICCILLO
: Signò, io so’ venuto pe parlà cu Luisella. (Si alza.)
ANGIOLINA
: Sì, ma vuje nujuorno o n’auto me facite ncuità cu Liborio, sta cosa s’adda fernì, assettateve vicino a lo pianoforte che mò ve la vaco a chiammà. (Via.)
CICCILLO
: Signorì, mò aggio avuto pure na cancariata!
MARIETTA
: Agge pacienza Ciccì, chella mammà se mette paura.
CICCILLO
: Va bene, ma...
MARIETTA
: Tu hai ragione, ma mammà manco have tuorto... Zitto ecco ccà mammà cu Luisella.

SCENA TREDICESIMA

Angiolina, Luisella e detti poi Felice.

ANGIOLINA
: La vì ccà Luisella, parlate e facite priesto.
LUISELLA
: Ciccillo mio... (Ciccillo si alza.)
ANGIOLINA
(lo fa sedere di nuovo): Mettiteve a sunà e parlate, fa vedé che accuorde... Mariè jammo dinto. (Via.)
MARIETTA
: Vengo. (Ai due:) Spicciateve lesto, lesto. (Via.)
LUISELLA
: Dunque che m’haje da dì?
CICCILLO
(seduto): Luisè io aggio avuto na lettera de la nutriccia che me dice... (Fa per cacciare la lettera.)
LUISELLA
: Zitto, zitto pe carità, sta venenno l’amico de lo padrone. (Si allontana, Ciccillo accorda.)
FELICE
(a Luisella): Liborio addò sta?
LUISELLA
: È ghiuto dinto a la cucina.
FELICE
: C’è tempo pe mangià?
LUISELLA
: Nonsignore eccellenza, pochi minuti, si vulite che io ve vaco a chiammà lo padrone?
FELICE
: Non fa niente, mò nce vaco io. (p.p.)
LUISELLA
: (Meno male, mò se ne va).
FELICE
(arriva sotto la porta): Neh, che nce vaco a fà? (Ritorna, Ciccillo accorda, Felice lo guarda, lazzi.) Chi è l’accordatore?
LUISELLA
: Sissignore eccellenza.
FELICE
: Nce vo tiempo pe fernì?
LUISELLA
: N’atu poco.
FELICE
: è meglio si se ne va, me fà male nu poco la capa.
LUISELLA
: Chillo mò fernesce.
FELICE
(a Ciccillo): Vi raccomando, zitto zitto, perché me fà male nu poco la testa.
CICCILLO
: Non dubitate. (Seguita ad accordare.)
FELICE
: Bella figliò, damme nu fiammifero.
LUISELLA
: Subito. (Lo va a prendere sul tavolino, Felice va alla ribalta.)
FELICE
: Aggio ditto a Liborio, senza cerimonie, e chillo ha apparecchiato doje stanze manco pe nu principe. Io pe isso starria pure dinto a na pagliara, quell’uomo che ha accompagnato mio nonno cieco. (Luisella col cerino acceso glielo dà, lui accende la sigaretta e guarda da sott’occhio Luisella.) Dimme na cosa, tu sei la serva?
LUISELLA
: Sissignore.
FELICE
: Non ci avevo badato, ma vedo che sei una simpatica ragazza.
LUISELLA
: Bontà vostra. (Pianoforte.)
FELICE
: No, quello che è... (Neh, questa quanto è bona!...). Tu sei proprio bella, sei una sciasciona. (Azione di Ciccillo.)
LUISELLA
: So’ belle l’uocchie vuoste!
FELICE
: Mentre se prepara la tavola, parlammo nu poco, siedi vicino a me. (Mette due sedie vicino al tavolino, Luisella siede, lui va per sedere e Ciccillo batte forte sui tasti dei bassi.) Mamma mia lu terramoto! (Va da Ciccillo.) Neh, amico, io v’aggio pregato piano piano!
CICCILLO
: Pecché, ch’è stato?
FELICE
: Comme, vuje m’avite fatto fà nu zumpo, non sapeva che era succiesso, bu, bu, bu... e vuje accossì lo scassate lo pianoforte invece d’accordarlo!
CICCILLO
: Capite, chille li basse stanno scordate... non dubitate, mò faccio piano piano.
FELICE
: Vi raccomando. (Va a sedere vicino a Luisella.) E dimme na cosa, staje da parecchio tiempo dinto a sta casa?
LUISELLA
: Da n’anno signò.
FELICE
: E ti trovi bene?
LUISELLA
: Eh! Non me pozzo lagnà.
FELICE
: E brava! (Si volta verso Ciccillo:) Pss, pss... (Gli fa cenno di uscire.)
CICCILLO
(con lazzi): Non posso, io aggia accordà lu pianoforte.
FELICE
: Ah, neh, e statte lloco stà! (A Luisella:) E dimme na cosa, faje l’amore co nessuno?
LUISELLA
Nonsignore, io aggia penzà a faticà.
FELICE
: E brava... (La carezza, Ciccillo batte forte sui tasti, Felice fà un salto.) (Eppure io m’appicceco cu chillo solachianiello). (Va vicino a Ciccillo.) Vulite nu paro de mazzarelle, nu tammurro, ma che l’avite pigliato pe grancascia lu pianoforte? Quanno non me volite sentì, mò chiammo lu padrone de casa e nce lo dico.
CICCILLO
: Nonsignore, mò accordo più piano.
FELICE
: Vuje vedite che se passa. (Va a sedere vicino a Luisella.) Dunque non faje l’amore?
LUISELLA
: Nonsignore, ve pare.
FELICE
: Peccato però, una bella ragazza come te... (Ciccillo si alza e va vicino ai due.) Tu tieni tutte le qualità per innamorare, sei una vera coscetta di agnello al forno. (Ciccillo mette la testa in mezzo ai due seduti.)
CICCILLO
: Io ho finito, sapete.
FELICE
: E saluteme a mammeta! Vì che accordatore seccante! (Felice e Luisella si alzano.)
LUISELLA
: Uh! A proposito, a la signorina v’ha da parlà de nu pianoforte nuovo, aspettate, mò ve la vaco a chiammà. (Entra a dritta.)
FELICE
Avite visto, l’avite fatto j.
CICCILLO
: Embè, io avevo finito d’accordà.
FELICE
: E non potivene accordà n’atu poco? Basta, ve raccomanno, non dicite niente a nisciuno che m’avite visto vicino alla serva, capite?
CICCILLO
: (E chesto nce mancarria che lo ghiarria dicenno io stesso!). Non dubitate.
FELICE
: E bona assai, è nu vero barattolo di percocata.
CICCILLO
: (All’arma de mammeta! Me lo dice nfaccia!). Ve piace?
FELICE
: Proprio il mio tipo, anze voglio vedé se pozzo combinà quacche cosa. (Entra seconda porta a dritta.)
CICCILLO
: Puozze passà nu guaio! chillo veramente se n’era juto de capa e chell’ata che s’è assettata pure vicino e io pover’ommo aggio avuta fà li cacciuttielle ncuorpo, no, sta cosa adda fernì assolutamente.

SCENA QUATTORDICESIMA

Marietta e detto poi Felice.

MARIETTA
: Neh, che avite fatto, nce avite parlato?
CICCILLO
: Che volite parlà, signorina mia, chillo è venuto l’amico de papà vuosto e non aggio potuto dì manco na parola.
MARIETTA
: Uh! Mamma mia, e mò ve n’avita j, ccà non ce potite stà.
CICCILLO
: Ma io nce aggià parlà assolutamente pe lo piccerillo nuosto.
MARIETTA
: No, è impossibile, Ciccì agge pacienza, vattenne. Aspè, sa che buò fà, annascunnete dinto a lo stanzino fore a la sala, nuje mò jammo a mangià, sta cammera resta all’oscuro, tu viene zitto zitto, io faccio venì a Luisella accussì nce parle e te ne vaje. (Esce Felice in osservazione.)
CICCILLO
: Sì, quanto site bona, io ve ringrazio assaje assaje.
MARIETTA
: Io faciarrie de cchiù, ma me metto paura che non se n’addone papà.
CICCILLO
: Non avite appaura che io le cose le saccio fà.
MARIETTA
: Si papà l’appura, ccà se revota la casa.
CICCILLO
: Lo capisco; ma alla fine na vota l’ha da sapé.
MARIETTA
: Chesto ccà me lo veco io, non ce penzà, vattenne.
CICCILLO
: Va buono, io me ne vaco e quanno è l’ora de mangià, che sta cammera resta oscura, io vengo zitto, zitto... oh! Quanto ve voglio bene. (Le bacia la mano.) Stateve bene.
MARIETTA
: Statte buono. (Ciccillo via.) Non voglia maje lo cielo e lo sapesse papà! (Entra prima porta dritta.)
FELICE
(facendosi avanti): Oh! Che ho inteso, s’hanno dato l’appuntamento dinto a sta cammera all’oscuro. Ah! Povero Liborio, povero amico mio! Lo vi ccà lu guaio che ha passato Liborio! Ma sto io ccà, io salverò, io lo salverò. (Corre per la porta del fondo e trovando Liborio di faccia gli salta addosso.)
LIBORIO
: Guè! (Lo porta a proscenio.) E che facimmo li gioche?
FELICE
: No, io stavo venendo da voi e vi ho trovato di faccia.
LIBORIO
: E me zumpe ncuollo? Feliciè lo pranzo è pronto, t’aggio fatto fà certe brasciole, proprio a licchetto, te voglio fà alliccà li deta...
FELICE
: (E si vide che brasciole t’hanno combinato ccà!).
LIBORIO
(chiama): Angiolina, Marietta?

SCENA QUINDICESIMA

Angiolina, Marietta e detti poi Pasquale indi Ciccillo infine Liborio.

ANGIOLINA
: Libò che buò?
LIBORIO
: Jammo a mangià che lo pranzo è pronto.
ANGIOLINA
: E ghiammo jà.
LIBORIO
: Feliciè jammo.
FELICE
: Andate avanti che adesso vengo, aggio da piglià na cosa dinto a la cammera mia.
LIBORIO
: E ghiammo a mangià pò se ne parla.
ANGIOLINA
: Sì, sì, venite.
FELICE
: Vi ho detto andate avanti e andate avanti. (Alterato.)
LIBORIO
: Allora abbiammece nuje. Vieni presto.
ANGIOLINA
: Noi vi aspettiamo, con permesso. (Via con Liborio.)
MARIETTA
: Con permesso. (Via.)
FELICE
: Serviteve, sorella mia, all’arma de la sorella! Guardate che ingenuità, guardate che cosa sono le donne! Che franchezza! Che impostura! Ingannare suo padre, disonorare la sua famiglia. Povero Liborio! Ma per fortuna sto io qua per salvarlo e lo salvero! (Corre di nuovo pel fondo e incontra Pasquale di faccia.) (Mo jevo mbraccio a chisto mò!) Che cosa volete?
PASQUALE
: So’ venuto a stutà la luce. Llà lo pranzo è pronto.
FELICE
: Embè stutate la luce e ghiatevenne, io mò vengo.
PASQUALE
: E pò restate all’oscuro?
FELICE
: Non fa niente, io so’ comme a li gatte nce veco pure all’oscuro.
PASQUALE
: Quanno volite accossì. (Smorza la luce e via, la scena resta all’oscuro.)
FELICE
: Oh! Mò non nce veco mò! ma non me ne importa. Sto pensanno na cosa, chillo mò stanno assettate tutte a tavola, la figlia non vedennome pure a me a tavola, non vene ccà, ma non fa niente, è l’accordatore che io voglio dinto a sti mane.
CICCILLO
(a tentoni): Pss, ps...
FELICE
: Sento rumore, chisto adda essere isso!
CICCILLO
: Psss, pss... non sarrà venuta ancora... pss, pss... ah! Ma io stasera non me movo da ccà, stasera non me ne vaco se non ce parlo.
FELICE
: (Stasera è l’ultima tua serata!). (Lo afferra:) Infame seduttore!
CICCILLO
: Mamma mia, aiuto!...
FELICE
: Zitto, birbante assassino!...
CICCILLO
: Io so’ l’accordatore.
FELICE
: Eh! Me fa tanto piacere.
CICCILLO
: Lassateme pe carità.
FELICE
: Niente... io so’ l’amico di Liborio... che accompagnava mio nonno quando era cieco!
CICCILLO
: Lassateme!... (Si sono avvicinati alla finestra.)
FELICE
: Non te lasso.
CICCILLO
(tocca la finestra): Ah! La fenesta! (Siede sulla stessa.)
FELICE
: La fenesta!... (Lo precipita giù.)
CICCILLO
(di dentro dà grido prolungato): Ah!...
FELICE
(spaventato e con i capelli irti si avvicina al tavolino esterefatto): Liborio! Ho salvato tua figlia!
LIBORIO
: Ccà sta oscuro? (Accende la luce:) Feliciè, tu vieni o non viene?
FELICE
(tira il tappeto dal tavolino, fà cadere tutto quello che vi è sopra a terra): Vengo, vengo, vengo!...

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

 


 

Nessun commento:

Posta un commento