lunedì 18 marzo 2013

’NO PASTICCIO di Eduardo Scarpetta


L'ARTE DELLA COMMEDIA

’NO PASTICCIO
Da Le carnaval d’un merle blanc, di Durn e Chivot
Commedia in quattro atti in collaborazione con Eduardo Minchini

Personaggi
D. Pasquale Brasciola, notaio
Giulietta, sua figlia
Mariuccia, sua figlia
Giovannino, marito di Giulietta
Eduardo, nipote di Pasquale
Felice Sciosciammocca
Attanasio Pirosicco
D.a Nunziata
Cecilia, sua nipote
Faustina,ballerina, gemella di cecilia
ngiolella, serva di Pasquale
Bettina
Teresina
Gparrugghiere
Ciccillo,giovane di restaurant
Alberto
Un Servo  


 
ATTO PRIMO

 
Camera in casa di Pasquale. Una porta in fondo e quattro laterali. Mobilia di mogano, sedie, ed un tavolino con occorrente e campanello
.

SCENA PRIMA

Giulietta ed Angiolella.

GIULIETTA
(dalla sinistra): E accossì Ngiulè, che me dice?
ANGIOLELLA
(dalla destra): Co la chiavetella fauza, ch’avimmo fatto fa, aggio aperta la scrivania de lo marito vuosto, e aggio revutato tutte le carte.
GIULIETTA
: E haje trovato qualche lettera, qualche cosa?
ANGIOLELLA
: Niente, ma ve pare, signorina mia, chillo po’ era tanto scemo de farcela trovà. Li marite so’ fine assaje quanno se tratta de mbruglià le mugliere.
GIULIETTA
: Ma Ngiulè, tu te fusse ngannata l’ata sera, avisse pigliato nu sbaglio?
ANGIOLELLA
: Che sbaglio signorì, io l’uocchie li tengo buoni. Lo marito vuosto, giovedì a sera, passiava cu na madamosella pe sotto lo vraccio, dinto a la villa Comunale.
GIULIETTA
: E chi poteva essere?
ANGIOLELLA
: E che ne saccio.
GIULIETTA
: Ah, birbante! E me fa tanto lo buono, tanto l’affezionato e papà ca lo crede nu modello.
ANGIOLELLA
: Signorina mia, l’uommene quanto cchiù fanno vedé che so’ gatte morte, tanno v’avite da mettere cchiù paura.
PASQUALE
: Nfame, nfame, birbante!
ANGIOLELLA
: Signurì, ma vuje nun v’avite da piglià collera, io pe tanto ve l’aggio ditto, pecché ve voglio bene, e me sento currivo c’avita da essere ngannata, vuje senza che v’arraggiate, senza che ve fragnite ncuorpo, quanno avite scoverta na cosa de certo, nun le dicite niente, aspettate che se corca, e quanno s’è addurmuto, pigliate nu staccariello, e le facite na bona mazziata.
GIULIETTA
: Vattenne Ngiulè, che dice, te voglio fa vedé c’aggia fà, voglio fà revotà a casa.

SCENA SECONDA

Eduardo e dette, poi Pasquale di dentro.

EDUARDO
: Giuliè, buongiorno.
GIULIETTA
: Buongiorno. (Di male umore.)
EDUARDO
: Che d’è, staje de cattivo umore?
ANGIOLELLA
: Lassatela ì, sta ncuitata co lo marito.
EDUARDO
: Tazza solita Ngiulè, Mariuccia addò sta?
ANGIOLELLA
: Pe carità, nun l’annummenata manco, sta comme a na vipera cu buje, ha ditto che non ve vò vedé, e nun ve vo sentere cchiù.
EDUARDO
: Ah! chesto ha ditto e bravo cheste so’ le femmene, fanno vedé che morene, che se perdene pe nu giovene, e po’ tutto nzieme s’arrefreddano, e intanto nu povero giovene rimmane cu na passione.
GIULIETTA
: Vattenne, povero giovene e passione, vuje site tutte de na manera, mare chella figliola che nce capita.
EDUARDO
: Ma tu può dicere che io a soreta nun la vuleva bene?
GIULIETTA
: Sì la vulive bene veramente, te sarrisse assoggettata a la prova che voleva papà.
EDUARDO
: Ma io a chella prova, non poteva resistere Giulietta mia, te pare che io poteva fà 2 mise de chella vita.
ANGIOLELLA
: E la faciveve, aggiate pacienza; chi vò bene, fà tutto, embè, D. Giovannino, lo marito de la signorina, nun la facette?
EDUARDO
: E forse le piace de la fà.
GIULIETTA
: E cu tutto che l’ha fatto, doppo spusato, è addeventato tanto birbante.
EDUARDO
: Ma addò sta zi Pasquale, nce voglio parlà, alla fine le so’ nepote, a Mariuccia le songo frate cugino, me la putarria dà senza farme fà la prova.
GIULIETTA
: No, Eduà, è impossibile, nun nce penzà, nce pierde lo tiempo, tu saje papà quanto è stravagante, e quanno se mette ncapo na cosa, chella adda essere, sta jurnata s’aspetta lo sposo de Mariuccia, nu certo D. Felice Sciosciammocca di Nocera, ce l’ha proposto Giovannino maritemo, ch’è amico suo e collega.
ANGIOLELLA
: Già, dice che pure è miedeco.
EDUARDO
: Vuje che dicite, tutte chesto nce sta! Comme dinto a na settimana, che so’ stato fore, chesto m’hanno combinato?
GIULIETTA
: Statte zitto!
EDUARDO
: Ah, sta jurnata arriva lo sposo, e bravo, e si assoggetta a la prova che l’impone zi Pasquale?
GIULIETTA
: Certo.
ANGIOLELLA
: Ve pare, se tratta de se piglià chella guagliona, e 80 mila lire di dote.
EDUARDO
: No, vi giuro che stu matrimonio nun s’addà fà. Mariuccia, ha da essere mia, mia a qualunque costo!
ANGIOLELLA
: Zitto pe ccarità!
EDUARDO
: Ritenete, che io faccio cose de pazzo, io revoto la casa, io accido lo sposo, accido a essa, accido a ziemo, e pò me mengo dinto a lu puzzo!
GIULIETTA
: Eh, che staje dicenno.
EDUARDO
: Che sto dicenno, te lo faccio vedé co li fatte, a me a capa nun troppo m’aiuta, Mariuccia la voglio troppo bene, o me la danno co lo buono, o so’ capace de qualunque cosa. (Gridando.)
PASQUALE
(di dentro): Giulietta, Giulietta?
GIULIETTA
: Papà!
ANGIOLELLA
: Lo Padrone! (Eduardo scappa pel fondo.)
GIULIETTA
Eccome ccà papà. (Entra a sinistra.)
ANGIOLELLA
: Gue, chillo pareva ca se vuleva mangià lo munno, e pò, sentenno la voce de lo patrone, se n’è scappato de chella manera. Intanto la signorina che pretenne che io stongo sempe appriesso a lo marito? Povera signorina, have ragione, chillo quanno nce faceva ammore, pareva nu cuniglio, appena se l’ha sposata, va facenno chelli quatte mbroglie; co la scusa che isso è miedeco, che va facenno visite, esce a la matina, e se ritira a la sera. Ah! Uommene uommene! Faccio buono io che nun ne voglio proprio sapé de me mmaretà. Io nun capisco quanno na figliola, tene mangià, vestite, durmì, neh, stu marito a che serve? (Guarda in fondo.) Uh! E chillo chi è che sta assettato fore a la sala, comme è curiuso, fosse lo sposo che aveva da venì, e che fa llà fore? Pecché nun trase? neh, sapete, voi chi siete, pecché nun trasite?

SCENA TERZA

Felice e detta.

FELICE
(di dentro): E nessuno me dice niente.
ANGIOLELLA
: E trasite, che nce facite lloco fore?
FELICE
(uscendo): Grazie tanto. Capite, me pareva brutto, io so’ venuto da paricchio, lo servitore m’ha fatto assettà ncoppa a lo bancone, e m’ha lasciato.
ANGIOLELLA
: Ah! V’ha lasciato ncoppa a lo bancone?
FELICE
: (Eh, a uso de nu duje solde).
ANGIOLELLA
: Ma vuje chi site?
FELICE
: Sono D. Felice Sciosciammocca di Nocera.
ANGIOLELLA
: Vuje site lo sposo?
FELICE
: Sissignore.
ANGIOLELLA
: Ah, io l’aveva ditto!... accomodatevi... aspettate (Io mò nun saccio si aggio fatto buono che l’aggio fatto trasì a pe me, l’aveva prima annunzià) neh, scusate, aggiate pacienza, jatevenne n’ata vota fore.
FELICE
: E pecché?
ANGIOLELLA
: V’aggia annunzià capite, si no chillo lo patrone se piglia collera.
FELICE
: E fà ambressa, agge pacienza, che io nun me fido d’aspettà. (Via pel fondo.)
ANGIOLELLA
(p.a.a.s. poi torna): E si chillo le dice che ha aspettato assaje fore, sà che cancariata che m’abbusco; quanno lo trove ccà è n’ata cosa, mò lo faccio trasì. Sapite, trasite.
FELICE
(entra): Rispettabilissimo... la padrone addò sta.
ANGIOLELLA
: No, io nun l’aggio chiamato ancora. Accomodatevi. (P.a.c.s.) (E silo padrone lo vuleva fà passà dinto a la galleria, dice comme t’è venuto ncapo de lo fà trasi ccà, cullo è tanto arragiuso.) Neh, scusate, jatevenne n’ata vota è meglio c’aspettate fore.
FELICE
: Bella figliò, tu se pò sapé che me vuò fa fà, e damme pace…
ANGIOLELLA
: Capite, po’ essere ca lo patrone, ve vò fà passà dinto a la gallaria.
FELICE
: Nò, nun fa niente, io aspetto qua, è l’istesso.
ANGIOLELLA
: Vuje me facite ncuità.
FELICE
: Nonsignore, nun te ncuietà, io sono amico di D. Giovannino, il padrone di casa.
ANGIOLELLA
: Ma D. Giovannino, non è proprio lo padrone de casa, chillo che commanna ccà dinto, è D. Pasquale Brasciola, padre de chella che v’avita da spusà vuje, cioè, cioè, si ve l’arrivate a spusà, si ve l’arrivate a spusà!
FELICE
: Perché, che nce sta quacche ntuppo?
ANGIOLELLA
: Ntuppo comme a ntuppo no, ma capite, avimma vedé si ve fidate de fà chello c’avite da fà?
FELICE
: Vedremo... c’aggia fà?
ANGIOLELLA
: Eh, c’avita da fà, na piccola co lo limone. Primme e ttuto, vuje fumate?
FELICE
: Qualche volta.
ANGIOLELLA
: Niente! Nun avita da fumà cchiù, pe 2 mise. Vino ne’ bevite?
FELICE
: Nu poco a tavola,
ANGIOLELLA
: Niente, manco nu surzo! (Ridendo:) Ah! Ah!... E chesto che d’è, chesto è niente, vuje avite voglia, io songo sicura, che vuje ve ne so’ scappate, come se ne scappate ll’ate doppo 3 ghiuorne... Ah! Ah! Mò vedite, aspettate che mò chiamo lo patrone... vuleva fumà, se voleva fà lo bicchieriello, niente proprio niente, ah, ah, ah. (Ridendo via.)
FELICE
: E che sarrà, c’avaraggia fà. Nun aggià fumà, nun aggia vevere vino, e comme faccio? Chelle so’ doje cose che me piacene assaje. Vuje vedete la combinazione.

SCENA QUARTA

Giovannino e detto.

GIOVANNINO
(dalla destra): Guè, Felì, tu staje ccà?
FELICE
: Guè, Giovanni, all’arma de mammeta.
GIOVANNINO
: E io nun ne sapeva niente, quanno sì arrivato? assettete! (Seggono.)
FELICE
: So’ venuto da na mez’ora, steve fore a la sala, e na figliola m’ha fatto trasì ccà.
GIOVANNINO
: Ah, Ngiulella a la cammarera. Tu comme staje, staje buono?
FELICE
: Eh, non c’è male.
GIOVANNINO
: E comme vai co la professione medica?
FELICE
: Non c’è male.
GIOVANNINO
: Hai ricevuta la lettera mia?
FELICE
: Sì, e subeto so’ curruto, capirai, se tratta de 80 mila lire.
GIOVANNINO
: E na guagliona scicca.
FELICE
: Giovine?
GIOVANNINO
: 19 anni.
FELICE
: Bella?
GIOVANNINO
Nu bisciù, è la sora de muglierema.
FELICE
: Ah! Tua cognata?
GIOVANNINO
: Già. Chella da quanto tiempo se sarrìa mmaritata; ma chillo stravagante de lo padre, ha ditto che chi se l’adda spusà, ha da fà 2 mise de prova.
FELICE
: Ah! Sì, lo ssaccio nun ha da fumà nun ha da vevere vino.
GIOVANNINO
: Eh, e si arrivato.
FELICE
: Pecché, che ato ha da fà?
GIOVANNINO
: Mò nun te pozzo dicere niente, te dico solamente che si te vuò abbuscà sta bella dote, haje da fà tutto chello che te dice isso, comme facette io, pe 2 mise me sacrificaje, e appena spusato, m’aggio scuntato tutte cose.
FELICE
: Ma Giovanni, parlammoce chiare, tu pecché l’haje proposto a me, nce ha da essere nu scopo.
GIOVANNINO
(con precauzione): Lo scopo nce sta, tu sai che a me, m’è piaciuto sempe de me spassà, de j a teatro, a campagnate, a divertimenti, de j appriesso a le figliole...
FELICE
: Eh, comme nun lo saccio. Me ricordo a Nocera, me faciste avè chella mazziata pe causa toja.
GIOVANNINO
: E io pò nun nce le sunaje a chillo che te vattette a te, l’arapette la capa cu nu mazzatone.
FELICE
: A chi? Tu aviste na mazziata peggio de me.
GIOVANNINO
: Vattenne che nun te ricuorde buono.
FELICE
: Giovanni statte zitto, pecché nuje avimmo abbuscato sempe.
GIOVANNINO
: Te ricuorde, a la sera faceveme chelle pazzie, e che vuoi, quella vita, io non l’ho potuta dimenticare, e quanno pozzo fà quacche scappatella la faccio, lo padre de muglierema è nu curazzone, e doppo la prova che m’ha visto fà pe 2 mise, si me vedesse abbracciato cu na femmena, diciarria che s’è ingannato, io co la scusa de la professione medica, me vaco spassanno a meglio a meglio.
FELICE
: E mogliereta?
GIOVANNINO
: A muglierema nun nce ne faccio addunà; capisce, le cose s’hanna sapé fà, ora mò, si sta figliola se la spusava n’ato, un’estraneo qualunque, chillo traseva dinto a la casa, e capirai, io feneva de fà lo speziale.
FELICE
: Aggio capito, chillo scommigliava tutte e mbroglie toje.
GIOVANNINO
: Perfettamente. Na vota che te la spuse tu, tutte e duje nce putimmo spassà a piacere nuosto.
FELICE
: Ma sta prova che chillo me vò fa fà?
GIOVANNINO
: è niente, si la vuò fà, la può fà, e pò, l’aggio fatt’io, nun la può fà tu, tu l’haje da fà afforza, per tutte le ragioni, primme pe te piglià na guagliona scicca, pò pe te piglià 80 mila lire, e pò pe nce spassà tutte e duje ogne ghiuorno. Guè, te voglio fà conoscere na sartolella che io nce faccio a corte, ma na guagliona scicca assaje.
FELICE
: è bona?
GIOVANNINO
: Haje d’alzà l’idea, na sciasciona, stasera te nce presento... no, mò che nce penzo, addo chella nun te nce pozzo purtà. (io a chella l’aggio ditto che me chiammava Felice Sciosciammocca).
FELICE
: Che haje ditto, Sciosciammocca, pecché?
GIOVANNINO
: No, dico che si te porto llà, quaccheduno te po’ cunoscere.
FELICE
: Sì, sì, io nun me voglio compromettere.
GIULIETTA
: Te porto a n’ata parte, da na certa Faustina, na ballerina.
FELICE
: Pure na ballarina, mannaggia l’arma toja. (Di dentro voce di Pasquale.)
Chi è?
GIOVANNINO
: Zitto, è D. Pasquale lo suocero. Felì, fà tutto chello che dice isso e nun te n’incarricà!
FELICE
: Ma comme la penza.
GIOVANNINO
: E molto austero... Zitto.

SCENA QUINTA

Pasquale, Mariuccia, Giulietta e detti, poi Angiolella.

FELICE
(vedendo uscire Pasquale): (All’arma de la capo d’annecchia).
PASQUALE
: Mio caro genero.
GIOVANNINO
: Vi bacio la mano, suocero mio, cara Giulietta... che d’è ch’è stato?
GIULIETTA
: Niente.
MARIUCCIA
: Addimmannate pure!
GIOVANNINO
: Papà ch’è stato?
PASQUALE
: Che saccio, dice che ieri sera ti sei ritirato tardi, io nce l’aggio ditto, forse aviste che fà.
GIOVANNINO
: Andai ad una conferenza medica.
PASQUALE
: Haje visto?
GIULIETTA
: E già, vuje le date sempe ragione, ve credite che facite buono?
PASQUALE
: Se capisce che faccio buono, che m’haje pigliato pe quacche stupido, io sò conoscere le persone. D. Giovammo è un buon giovine.
GIULIETTA
: D. Giovannino, è un birbante!
PASQUALE
: Pss. Zitto!
GIOVANNINO
: Io birbante!
PASQUALE
: E che significa questa parola? Quando mai avete parlato così. (Felice va sotto la porta difondo.) Mi dispiace che quel giovine...
GIOVANNINO
: Uh! addò è ghiuto? (Lo vede.) Felì viene ccà, embè pecché te ne sì ghiuto lloco?
FELICE
: Per non sentire gli affari vostri.
PASQUALE
: Pecché a llà, nun le sentiveve. Venite ccà.
GIOVANNINO
: Abbi pazienza. Sono piccole questioni di famiglia, ti presento il sig.r D. Pasquale Brasciola, padre di mia moglie, e di quest’altra ragazza Mariuccia. Papà, vi presento D. Felice Sciosciammocca di Nocera, Dottore in medicina, giovine di illibatissima condotta, e di belle speranze.
PASQUALE
: Piacere tanto di conoscerlo.
FELICE
: Anzi sono io fortunato. (Dice altre parole a soggetto.)
GIOVANNINO
: Basta. (Te staje zitto).
PASQUALE
: Eh, non mi dispiace, e vorreste sposare mia figlia Mariuccia?
FELICE
: Se credete; sarei troppo fortunato di poter essere il marito di una ragazza figlia di un uomo tanto onesto, tanto bravo, e vi giuro che se succede questo matrimonio. (Altre parole come sopra.)
PASQUALE
: Pss, basta, troppe chiacchiere, a me mi piacciono gli uomini che non parlano. Sapete voi a quale prova vi dovete assoggettare? Non lo sapete? (A Giovannino.) Nun lo ssape?
GIOVANNINO
: No, non sa niente ancora. (Pasquale suona il campanello.)
ANGIOLELLA
(esce): Comandate?
PASQUALE
: Sedie.
ANGIOLELLA
: Subito.
FELICE
: (Che ha ditto?).
GIOVANNINO
: (Sedie).
FELICE
: (Lo aveva capito 6!). (Angiolella dà le sedie.)
PASQUALE
: Chiunque viene, non lo fate entrare, avete capito?
ANGIOLELLA
: Va bene eccellenza. (Via lazzi nel sedersi.)
PASQUALE
: Dunque, signor D. Felice Scioscia... Scioscia... non me ricordo addò scoscia.
GIOVANNINO
: Sciosciammocca!
PASQUALE
: Ah! Sciosciammocca. Sentite bene questo che vi dico. D. Giovanni, sembra l’altro giorno che feci l’istesso discorso a voi, e sono passati 10 anni.
GIOVANNINO
: Nun fosse mai venuto chillojurno. (Felice va via e si nasconde dietro la porta di fondo.)
PASQUALE
: Zitto, ma mò me pare che tiene a faccia tosta mò, me pare che sto parlanno io, nun sta parlanno nu servitore. Dunque...
ANGIOLELLA
: Uh! Felice addò è ghiuto, se n’è ghiuto una vutata. (Va alla porta in fondo.) Felì, Felì, viene ccà. (Esce con Felice.)
PASQUALE
: Pecché ve ne siete andato?
FELICE
: Mò me credevo che feneva a mazzate.
PASQUALE
: In casa mia non vi sono mazzate.
FELICE
: (Eh, nce vò tanto). (Tossisce.)
PASQUALE
: Dunque sig.r D. Felice Sciosciammocca, vi prego di sentirmi bene. Tutti i padri che hanno figlie da maritare, tengono l’uso che quando si presenta un giovine qualunque, dopo di essersi appena appena informati, lo ammettono in casa, e lo fanno sposare. Io no, io tengo un’altro sistema, chi si vuole sposare mia figlia, deve fare 2 mesi di prova in casa mia. Prima di tutto, non deve fumare, capirete na giovinetta bene educata, il fumo non lo può soffrire. 2° non deve bere vino, perché il vino, prima di tutto fà male, e poi l’uomo che beve vino, a me non mi piace.
FELICE
: Nu poco miscato cu l’acqua.
PASQUALE
(gridando): Niente!
FELICE
: (Puozze murì de subito)!
PASQUALE
: 30 la mattina s’ha da sosere priesto, in punto alle 5, deve fare il cafè per tutta la famiglia; la stanza che io v’assegno per questi 2 mesi, ve l’avite d’arricetta vuje, vuje v’avita fà lo lietto e vuje v’avita scupà. Dovete tirare 6 cati d’acqua al giorno... (Felice s’alza e vuole andar via.) Che cos’è, perché vi siete alzato?
GIOVANNINO
: No, papà, diceva se sbaglia e ne tira più assai.
PASQUALE
: Non fa niente, meno di 6 no, ma se ne tira 10, 12 nun fa niente.
FELICE
: (Sì, 30, 40, aggio venuto ccà a tirà l’acqua per i bagni).
PASQUALE
: Oh, dovete pulire le scarpe a me e D. Giovannino; tenta, scovette, tutte cose sta dinto a la cucina. La sera non potete uscire, tranne qualche volta con mio genero, qui presente. Qualunque cosa io vi dico, dovete ubbidire. Il giorno dopo pranzo, siccome io fumo me caricate la pipa e me la portate. Siccome io sono Notaio, tutte quelle carte che si devono copiare, le dovete copiare voi. In ultimo poi, colle donne dovete essere freddo, impassibile, insensibile, insomma se vi capita di parlare con qualche bella figliola, nun ve n’avita j de capo, nun v’avita movere, e questa è la prova la più essenziale. Quando avete fatto questo per lo spazio di 60 giorni, sposerete mia figlia con 80 mila lire di dote, altrimenti ne siete cacciato fora a la porta come diversi altri. Che rispondete?
FELICE
: Ecco qua io...
GIOVANNINO
: Ma che deve rispondere, l’amico mio è un uomo modello, sono sicuro che questa prova non lo sgomenta, è vero che non ti sgomenti?
FELICE
: No, io non mi sgomento.
PASQUALE
: Accetta?
GIOVANNINO
: Accetti?
FELICE
: Accetto.
PASQUALE
: Bravissimo. Accetto. (S’alzano.)
FELICE
: (Ncape!).
GIULIETTA
: (Mariù, e tu te spuse a chillo mamozio?)
MARIUCCIA
: (A me, manco si me sparene; e chillo nfame d’Eduardo che nun s’ha fatto vedé cchiù).
PASQUALE
: Sta benissimo, restiamo intesi, e daremo principio da questo momento la prova. Giulietta, Mariuccia, D. Giovannino, venite. (I 3 entrano, Felice li segue.) Pe sapé addò jate?
FELICE
: Vado con loro.
PASQUALE
. E chi ve l’ha detto.
FELICE
: Non debbo andare?
PASQUALE
: Nonsignore, io ho chiamato a nome quelli che debbono entrare.
FELICE
: Perdonate D. Pasquale credeva che doveva entrare pur’io.
PASQUALE
: Statevi attento. Dunque all’opera, all’opera.
FELICE
(s’avvia pel fondo): Debbo andar solo, o aspettare a loro?
PASQUALE
: Per che fare?
FELICE
: Per andare all’opera.
PASQUALE
: Quale opera, io vi ho detto all’opera, all’opera per dar principio alla prova.
FELICE
: Scusate, io credeva che si doveva andare all’opera.
PASQUALE
: State attento, perché una mancanza di questa, uscite fuori di casa io non transiggo. (Via.)
FELICE
: Cheste so’ cose de pazze, e io comme faccio 2 mise de sta vita, tire 6 cate d’acqua a lo juorne, pulizze le scarpe, e che me so’ mise a 20 lire lo mese, e a lo magnà. Cu li femmene nun me n’aggia j de capo, vedite che ragionamento, pare che so’ io, chello è lo sanche che saghe a la via de la capo. (Mentre dice queste parole, inavvertitamente tira fuori un mezzo sigaro, l’accende e si mette a fumare.) Dall’auta parte pò, si arrivarria a fà chesto pe 2 mise, avarria fatto lo colpo, si tratta di 80 mila lire, la sposa è bona assaje, e pò che d’è, Giovannino nun l’ha fatto, come l’ha fatto isso, l’aggia fà pur’io, quanno pò so’ passate li 2 mise parlammo. Ma vedete nu poco che stravaganze.

SCENA SESTA

Pasquale e detto, poi Eduardo.

PASQUALE
(da dentro tossisce).
FELICE
: D. Pasquale! Sangue de Bacco! M’avevo scurdato che nun aveva fumà.(Spegne il sigaro e se lo mette in tasca.)
PASQUALE
(fuori fiutando) : Sento na puzza de sicario.
FELICE
: E io pure.
PASQUALE
: Avete fumato?
FELICE
: Io no.
PASQUALE
: Come no, io sento la puzza. Pardò. (Mette le mani nelle tasche di Felice e trova una quantità di mozziconi.)
FELICE
: (Stateve bene aggio perzo 80 mila lire).
PASQUALE
: Chiste che songo?
FELICE
: So’ muzzune.
PASQUALE
: Dunque fumate?
FELICE
: Sissignore, io fumo, ma da oggi in poi non fumo più. Quando so’ venuto io non lo sapeva.
PASQUALE
: Va bene quando non lo sapevate, avete ragione, ma stateve attento, chisti ccà, me li piglio io, servene pe dinto a la pippa. Ve raccomando. (Via a sinistra.)
FELICE
: No, io nun nce duro ccà dinto e che boglio murì, s’ha pigliato nu quarto de muzzune, gruosse de chesta manera. Chillo cancaro de Giovannino, vì che m’ha combinato! (Eduardo esce, guarda Felice poi guarda intorno.) (E chisto chi è?)
EDUARDO
: Voi a chi aspettate?
FELICE
: E io che ne saccio, m’anno rimasto ccà, poi non sò!
EDUARDO
: Ma voi chi siete?
FELICE
: D. Felice Sciosciammocca di Nocera.
EDUARDO
: Ah, voi siete D. Felice Sciosciammocca — e bravo, n’aggio tanto piacere. Vuje site lo sposo.
FELICE
: Sissignore.
EDUARDO
: E proprio ve vulite spusà a Mariuccia?
FELICE
: Sissignore.
EDUARDO
: Oh, che piacere. Che bella festa che volimmo fà, vulimmo fà venì l’orchestra, vulimmo abballà, nce vulimmo sfrenà, no che sera vuje avita abballà.
FELICE
: Eh, abballo. (Chisto chi sarrà, aggio capito, mò me ne vaco io, sarrà quacche auto pazzo.) Permettete?
EDUARDO
: Addò jate?
FELICE
: Qua, nella stanza dell’amico mio. (Via, Eduardo appresso.)

SCENA SETTIMA

Mariuccia, poi Felice ed Eduardo.

MARIUCCIA
: Vuje vedite c’aggio passato, papà vò che io faccio cerimonie a lo sposo, pe vedé che fà, si se ne và de capo; e addò è ghiuto? Ah, eccolo ccà. Che beco! sta unito cu Eduardo. (Si mette vicino al tavolino voltata con le spalle ai due. Felice ed Eduardo escono dalla sinistra viano pel fondo, poi tornano ad uscire.)
FELICE
: Voi siete venuto appresso a me?
EDUARDO
: Sì, che volete, mi siete simpatico.
FELICE
: Ma però non mi avete detto ancora chi siete, io pozzo cammenà cu uno appresso che nun lo conosco.
EDUARDO
: è giusto. Volete sapere chi sono io? Ah! Llà sta la signorina, domandatelo a lei. (Va in fondo e siede arrabbiato.)
FELICE
: Signorina.
MARIUCCIA
: Carissimo D. Felice.
FELICE
: Scusate, quel giovine chi è?
MARIUCCIA
: Ah, quello là, quello è un povero giovine che soffre un poco con la testa.
FELICE
: è nu poco pazzo?
MARIUCCIA
: Sissignore, sbarea, capite.
FELICE
: E lo tenite sciuoveto pe la casa? Menumale che siete venuta voi a tempo, io nun melo potevo levà da tuorno. Dunque signorina, sperianio che dopo i 2 mesi... Ma scusate pecché nun se ne và da llà?
MARIUCCIA
: Nun lo date retta, parlate.
FELICE
: Speriamo che dopo questi 2 mesi di prova, posso essere vostro marito, e così godere con voi per tutta la vita.
MARIUCCIA
: Io aspetto questo momento con gran piacere, mi sembrano mille anni di chiamarvi marito mio caro caro!
FELICE
: Oh, signorina, queste parole mi consolano, quando saremo sposati, io non sarò vostro marito, sarò il vostro schiavo, sarò il vostro cacciuttiello, e voi per me sarete na pupatella, non mi staccherò mai da vicino a voi, basta però che mi volete bene.
MARIUCCIA
: Ve pare, e co lo dicite a fà chesto, io appena v’aggio visto, m’aggio ntiso sbattere mpietto, e me sento che nun pozzo stà senza de vuje.
EDUARDO:
E chesto sape fà ma femmena!
MARIUCCIA
: Quanno ma femmena se vede tradita, è capace de qualunque cosa.
EDUARDO
: Tradita da chi?
MARIUCCIA
: Da te, birbante assassino!
EDUARDO
: Da me?
MARIUCCIA
: Sì da te, songo 8 juorne che nun te si fatto manco vedé.
EDUARDO
: So’ stato a Roma pe ma commissione.
MARIUCCIA
: Ed era meglio che nun nce turnave cchiù.
EDUARDO
: Ah, era meglio che nun nce turnava cchiù?
MARIUCCIA
: Sì, e si te ne vaje faje meglio.
EDUARDO
(gridando): Si me ne vaco faccio meglio?
MARIUCCIA
: Guè, nun alluccà, statte zitto, si vene papà tu me faje ncuità.
EDUARDO
: Ma comme... (A Felice:) Aggiate pacienza, mettiteve ccà, facite la spia, vedite si vene D. Pasquale. (Lo situa vicino alla porta a sinistra.) Ma famme capì, tu me vulive tanto bene, mò pecché te sì cagnata de chesta manera?
MARIUCCIA
: Pecché sì nu birbante, a papà nun te l’avive maje disgustà, chella sera te faciste truvà dinto a lo bigliardo, n’ata sera te ne veniste mbriaco, pò nun vuliste fà la prova, tutte sti cose, anno talmente indispettito a papà, che mò nun vò sentere manco lo nomme tujo!
EDUARDO
: Io ti giuro Mariuccia mia, che da oggi in poi, nun farraggio cchiù chello c’aggio fatto, te vularraggio bene cchiù de prima; ma dimme, dimme che nun te spuse a chillo mamozio, dimme che me vuò bene?
MARIUCCIA
: Ma sì, ma sì, te voglio bene, tu sì lo core mio, e primme de me spusà a chillo turzo de carcioffele, mejetto dinto a lo puzzo.
EDUARDO
: Ah! Mariuccia mia, tu cu sti parole me faje turnà a nascere, dimane vengo a parlà cu pateto n’ata vota, me nce mengo de piede, e so’ sicuro che nce farrà cuntento.
MARIUCCIA
: Mò vattenne pe carità!
EDUARDO
: Statte bona, sciasciona mia!
MARIUCCIA
: Uh! papà, vattenne. (Eduardo le bacia forte la mano, e via pel fondo.)

SCENA OTTAVA

Pasquale, Giulietta, Giovannino, Angiolella dal fondo e detti.

PASQUALE
: Che so’ sti bace, Mariuccia, parla!
MARIUCCIA
: E c’aggia parlà, c’aggia parlà, che nun me fido nemmeno de dirlo, chisto era lo sposo che me vuliveve dà, chisto era lo buono giovene che aviveve truvato, so’ asciuta ccà fore, e mentre io steva parlammo, m’ha afferrata, e m’ha baciata, quanno maje a me m’è succiesa ma cosa de chesta, quanno maje nu giovene s’ha pigliato l’ardire de baciarme, a me, scostumato, lazzaro, ineducato. Mamma mia! Che scuorno, che scuorno. (Via a destra.)
FELICE
: (All’arma de mammeta!).
PASQUALE
: Signore, uscite dalla mia casa, e non v’azzardate di metterci mai più il piede, mi meraviglio di voi che me l’avete presentato. Uscite! (Via a sinistra.)
GIULIETTA
: Ringraziate lo Cielo che papà non v’ha pigliato a cauce. (Via.)
GIOVANNINO
: Mannaggia l’arma toja! Voglio vedé si lo pozzo fà capace. Tu pecché te ne sì ghiuto de capo! (Via.)
FELICE
: Chi se ne ghiuto de capo!
ANGIOLELLA
: Ma scusate, aggiate pacienza, vuje mò site venuto, se pò dì, nun la canuscite ancora; vuje la signurina mia pe chi l’aviveve pigliata, quella è carta bianca, è carta rasata!
FELICE
: Tu che carta bianca e carta rasata! la signorina tua, saje a che qualità de carta appartiene, a quella carta che teme Maria a tavernara ncoppa a li uartiere, e saje che nce arravoglia da dinto?
ANGIOLELLA
: Che nce arravoghia?
FELICE
: Lo pesce!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

 
ATTO SECONDO

 
Studio di Giovannino con scrivania, libri, sedie, porta in fondo e porte laterali, occorrente e campanello
.

SCENA PRIMA

Pasquale poi Mariuccia indi Giulietta.

PASQUALE
(accomodando i libri sulla scrivania): Oh! bravo, ecco qua, tutto all’ordine, questa è una stanza proprio fatta per uno studio, qua stanno bene. (Chiama.) Neh, Mariuccia, Mariuccia?
MARIUCCIA
(nervosa): Che bolite.
PASQUALE
: D. Felice che sta facenno?
MARIUCCIA
: Nun lo saccio.
PASQUALE
: Piccerè, nun me risponnere accussì, che me faje fà lo pazzo, ricordati che sono tuo padre. Che te pienze che me so’ scurdato lo fatto dell’altro iere, mortificai tanto quel povero giovine di D. Felice, mentre i baci te l’aveva date cullo scapestrato di Eduardo, intanto si nun era per qual bravo giovine di D. Giovannino, mio genero, chillo se ne sarrìa juto senza dirme niente.
MARIUCCIA
: Ma vuje pecché me vulite da nu giovene che nun me piace?
PASQUALE
: Nun te piace mò, te piace appriesso, sicuro, te vuleva dà Eduardo, nu giocatore, nu mbriacone, un dissutolo.
MARIUCCIA
: Ma chillo ha ditto, che mò fà tutto chello che vulite vuje.
PASQUALE
: Troppo tardi, mia cara, adesso ti ho promesso a D. Felice Sciosciammocca, e la mia parola non va indietro, quel povero giovine da 2 giorni sta facendo esattamente la prova.
MARIUCCIA
: Afforza me vulite sacrificà comm’avite fatto cu Giulietta.
PASQUALE
: Perché, che vuoi dire, D. Giovannino è la perla dei mariti.
GIULIETTA
(con lettera): Papà, vedite vuje c’avita fà stammatina, assolutamente me voglio spartere da mariteme.
PASQUALE
: Come! E che parole sono queste?
GIULIETTA
: So’ parole che le dico e le sostengo. Il sig.r D. Giovannino, da voi tanto protetto, il giovine di buona morale, teneva conservata nella sua scrivania questo biglietto, liggite. (Lo dà.)
PASQUALE
(legge): «Caro D. Giovannino. Sapete che ho tanto bisogno di vedervi, di aprirvi l’animo mio, e voi non vi fate vedere, venite subito, ma però quando non c’è mio padre. Vi aspetto. Emilia».
GIULIETTA
: Che, che ne dicite?
MARIUCCIA
: Chisto è lo buono giovene, c’avite dato a sorema.
GIULIETTA
: E chesto è niente, stanotte s’è ritirato a li 2, mbriaco.
PASQUALE
: Mbriaco!?
GIULIETTA
: Sì, mbriaco, mbriaco, e dinto a lo suonno ha ditto, n’ato bicchiere, n’ato bicchiere, Teresì, nun pazzià!
PASQUALE
: Teresì nun pazzià!
GIULIETTA
: Pò dinto a la sacca de lo suprabeto, aggio truvato sta pettenessa, credo che tutte sti cose v’abbastene, credo che mò site convinto, ch’è nu birbante, ch’è n’assassino! Niente, nun lo voglio vedé cchiù, nun lo voglio sentere manco annummena, me voglio spartere, e mò proprio.
MARIUCCIA
: Have ragione.
PASQUALE
: Zitto, cerchiamo di sapere prima, di chiarire...
GIULIETTA
: Che chiarire, nun voglio chiarire niente, le prove so chiare abbastanza.
PASQUALE
: Nu mumento. (Suona il campanello) calma, calma, le cose non si debbono precipitare.

SCENA SECONDA

Angiolella e detti, poi Felice.

ANGIOLELLA
: Comandate?
PASQUALE
: D. Giovannino che sta facenno?
ANGIOLELLA
: Signò, mò se sarrà susuto, pecché l’aggio visto affacciato a la fenesta.
PASQUALE
: D. Felice?
ANGIOLELLA
: S’ha arricettata ha cammera soja, s’ha fatto lo lietto, mò sta pulezzanno le scarpe voste. Ah! Lo vedite ccà, sta venenno.
PASQUALE
: Va bene, di a D. Giovannino che venisse mò proprio ccà, ca lo voglio io.
ANGIOLELLA
: Subito. (Via.)
PASQUALE
(va in fondo): Vedete quanto è esatto stu giovine, che bella cosa.
FELICE
(con una scarpa sotto il braccio, ed un’altra che sta pulendo).
PASQUALE
: Bravo, bravo D. Felice, vedo proprio che siete un buon giovine.
FELICE
: Grazie.
PASQUALE
: Eh, io sono fisonomista, sono sicuro che sposando mia figlia, la vorrete bene assai.
FELICE
: Più degli occhi miei, è così graziosa.
MARIUCCIA
: (E staje frisco!).
PASQUALE
: Li 6 cate d’acqua, l’avite tirate?
FELICE
: Non ancora, sempre verso le 10 li vaco a tirà.
PASQUALE
: Bravo!
FELICE
: Vi assicuro, ch’è l’unica cosa che io lo fo a stento, so’ 27 canne de fune, aiere sera, le braccie e lo pietto, nun me le senteva.
PASQUALE
: Eh, mio caro, bisogna sacrificarsi... quando l’avete fatto per 60 giorni...
FELICE
: (Me ne vaco a lo spitale).
PASQUALE
: Perché?
FELICE
: Pecché doppo tanta fatica llà m’attocca, e vuje me venite a truvà, che sto curcato dinto a nu lettino de chille.
PASQUALE
: Vulite pazzià.
FELICE
: Eh, pazzeo.
PASQUALE
: Basta, levammo lo scherzo adesso vi debbo parlare, io vi ho assegnato questa stanza, ne ho fatto uno studio per le visite in casa; e per farvi acquistare nome aggio fatto mettere n’avviso pe tutta Napoli, così concepito. Giovanni Pastella e Felice Sciosciammocca, Dottori specialisti, il 10 per le malattie nervose, e il 20 comme me dicisteve vuje, per la cura della verruca, o sia porro.
FELICE
Sissignore, io levo i porri.
PASQUALE
(Felice posa le scarpe): Fenite de pulizzà. Essi danno consultazioni gratuite, dalle 10 alle 12 nel loro studio. Strada Guantai vecchi N. 2. Tutto questo l’ho fatto per farvi fare una bella clientela, per farvi acquistare nome, però, voglio la riconoscenza, voglio che voi mi parlate chiaro.
FELICE
: Sissignore.
PASQUALE
: La sera andate sempre unito con D. Giovannino, ditemi la verità, dove andate?
FELICE
: Come dove andiamo?
PASQUALE
: La verità.
FELICE
: Andiamo... andiamo facendo visite.
PASQUALE
: Proprio visite?
FELICE
: Embè si no dove dobbiamo andare.
PASQUALE
: Ierisera però, vi siete ritirato ubbriachi.
FELICE
: Ubbriache?
GIULIETTA
: Sì, mbriache! mbriache!
PASQUALE
: Zitta tu!
FELICE
: (Sangue de Bacco! Chiste sanno tutte cose!). Ah! Ecco ccà Giovannino mò vi dice lui stesso.

SCENA TERZA

Giovannino e detto.

GIOVANNINO
: Che cos’è?
FELICE
: Cheste so’ cose curiose, dice che nuje ieri sera nce simme ritirate mbriache.
GIOVANNINO
: Oh! E chi l’ha ditto?
FELICE
: D. Pasquale.
GIOVANNINO
: Voi?
PASQUALE
: Sì, io. D. Giovannino, guardateme nfaccia... e sentite bene quello che vi dico.
GIOVANNINO
(a Felice): (Ch’è stato!).
FELICE
: (Chiste sanno tutte cose).
PASQUALE
: Voi sapete che io vi ho stimato, vi ho voluto bene, e vi ho creduto sempre un buon giovine, però ho saputo delle cose che fanno vergogna, che toccano troppo l’amor proprio, e il decoro d’una famiglia.
GIOVANNINO
: Queste parole non credo di meritarle, la mia condotta, è illibatissima.
PASQUALE
: Leggete e discolpatevi se potete. (Dà la lettera.)
GIOVANNINO
: (Mamma mia, à lettera d’Emilia!). (Legge piano.) Sentite, caro suocero, io vi parlo francamente, se Giulietta seguita a darmi tanta collera, sarà meglio dividerci una volta per sempre. Fino a che era lei che mi diceva delle parole insultanti, io non ci faceva caso, perché era una donna, ma essere mortificato da voi, che stimo tanto, che voglio tanto bene, scusate, è troppo, è troppo. Che cos’è questa lettera? Chi è che la scrive? Lo volete sapere? è una povera giovinetta, che si trova in uno stato interessante, e non vuole farlo sapere al padre, a chi volete che si rivolga la poveretta? Al medico. E che scrive? (Legge:) «Caro D. Giovannino. Sapete che ho tanto bisogno di vedervi, di aprirvi l’animo mio, e voi non vi fate vedere. Venite subito; però quando non c’è mio padre. Vi aspetto. Emilia». Dilemma, volete che faccio il medico e debbo visitare uomini e donne; non debbo visitare le donne, allora non faccio il medico.
PASQUALE
(a Giulietta): (M’haje fatta fà chesta figura).
FELICE
: (Mamma mia! E che mbruglione!).
GIULIETTA
: Ma aissera pecché puzzaveve de vino?
GIOVANNINO
: Nuje puzzaveme de vino?
FELICE
: Oh, v’ingannate.
GIOVANNINO
: Aspettate, si, mò me ricordo, quell’alito sembrava vino, ma invece che cosa sorbimmo?
FELICE
: Nce accatajeme nu soldo de sorve.
GIOVANNINO
: Che sorve.
FELICE
: Nu soldo de nespole.
GIOVANNINO
: Che nespole e pere ’e masse. Nel ritirarmi, siccome mi sentiva un poco di dolore di stomaco, entrai qui alla farmacia nella cantonata, e mi bevetti 2 gocce di liquore anodino sopra una pietra di zuccaro, voi sapete che fà tanto bene allo stomaco. (Felice ripete con lazzi quello che ha detto Giovannino.)
PASQUALE
: Haje pigliato chesta chicchera.
GIULIETTA
: E dinto a lo suonno, pecché diciste n’ato bicchiere, n’ato bicchiere, Teresì nun pazzià.
GIOVANNINO
(ridendo): Ah, ah, ah! Feliciè, racconta tu, racconta addò jetteme aissera.
FELICE
: (E c’aggia dì!).
GIOVANNINO
: Ierisera andammo a casa d’una signora, che tiene una ragazza ammalata chiamata Teresina, e tiene 8 anni, la quale invece di prendersi la bevanda, voleva scherzare con la pupatella, io le disse n’atu bicchiere, n’atu bicchiere, Teresì nun pazzià, posa la pupatella, forse stanotte l’ho ripetuto nel sonno, ah! ah! ah!... te ricuorde Felì?
FELICE
: Sicuro. Ah, ah, ah. (Ripete con lazzi.)
GIOVANNINO
: Ma Giulietta mia, levati questi pensieri, io a te voglio bene.
PASQUALE
: Ma io lo sapeva.
GIULIETTA
: Vorrei sapere un’altra cosa.
GIOVANNINO
: (Vò sapé n’ata cosa?).
FELICE
: (Tanto adda fà che nce fà abbuscà).
GIULIETTA
: Dinto a lo suprabito vuosto stammatina, aggio truvato chesta pettenessa, non credo che sia de qualche ammalata.
GIOVANNINO
(la prende): Diavolo! La pettenessa de Teresina!
FELICE
: (E che buò arreparà mò).
GIOVANNINO
(ride, ride): Ah, ah, ah.
FELICE
: Ah, ah, ah.
GIOVANNINO
: Felì, mò haje da parlà tu.
FELICE
: D. Pasquà, questa è una pettenessa.
PASQUALE
: Grazie de la nutizia.
GIOVANNINO
: Questa, è il modello di una scoperta che ho fatta io, questo è acciaio e rame, misto ad una composizione galvanica, e appena qualunque donna se la mette, le passa immediatamente il dolore di testa, io mò ne faccio fare un migliaio e le metto in vendita. (Felice ripete con lazzi:) Ierisera ncapo a chi la mettetteme?
FELICE
: Ncapo a nu cane.
GIOVANNINO
: Che cane. La mettetteme ncapo a nu cantante, e llà per là, le passaje lo dulore de capo.
PASQUALE
: Sta scoverta l’haje fatta tu?
GIOVANNINO
: Io!
PASQUALE
: E nun m’avite ditto niente?
GIOVANNINO
: Ve vuleva fà na sorpresa.
PASQUALE
: Vurria che mò me venesse nu dulore de capa pe la pruvà.
FELICE
: (E avisse voglio de lo tené lo dulore de capo!)
PASQUALE
: Che bravo giovane, che intelligenza, perdonami se ti ho detto quelle parole. D. FeIì scusate.
FELICE
: Niente. Si capisce, quando si pigliano dei sbagli.
PASQUALE
: Povera Giulietta, quella lo fà per troppa affezione.
GIOVANNINO
: Ditecelo voi, che noi dobbiamo fare delle invenzioni, è vero Felì?
PASQUALE
: Inventate... inventate.
FELICE
: Non dubitate, non dubitate.
PASQUALE
(a Giulietta): Te sì fatta capape mò?
GIULIETTA
: Sì, sì, me so’ fatta capace.

SCENA QUARTA

Angiolella e detti.

ANGIOLELLA
: Signò, fore nce sta nu signore che vò parlà cu buje.
PASQUALE
: Chi è?
ANGIOLELLA
: Nun m’ha vuluto dicere, ha ditto che si nun lo jate a ricevere vuje, nun trase.
PASQUALE
: Va trova chi sarrà, neh, permettete. (Via pel fondo.)
ANGIOLELLA
(a Felice): Neh, vuje li 6 cate d’acqua quanno li tirate. Llà nun nce ne sta manco nu poco dinto a la cucina.
FELICE
: Mò, chesta cu sti 6 cate d’acqua, me tocca li nierve. (Angiolella via.)
GIOVANNINO
: Giuliè, ma che d’è, staje ancora in sospetto?
GIULIETTA
: Giovanni, tu a me nun me puorte pe li viche, tu a me nun me mbruoglie, statte attiento, e cammina dritto, tu te cride che io so’ papà, che se fà mpapucchià facilmente, io capisco, io te leggo dinto a l’uocchie, statte attiento, che na vota de chesta me ne vaco de capo, e te faccio nu paliatone nummero uno! Ve site mise d’accordo, tu e stu turzo de carcioffele... tu dicive na cosa, e isso risponneva a proposito, lo dulore de stommaco, lo liquore anodino, vuje pure teniveve lo dulore de sto mmaco? La pettenessa, l’invenzione galvanica, Teresina che invece de bevere la bevanda, vuleva pazzià co la pupatella; v’aggia fà a tutte e duje na pupatella ncoppa all’uocchie comme dico io! (Via a sinistra.)
MARIUCCIA
(a Felice): Ma vuje a chi site venuto arricchì? Chist’ato che se n’è venuto a fà la prova, che me vò spusà, ma io sapite che le combino, ha primma notte de lo spusalizio, ve metto sti doje detelle nganna, e ve strafoco, avite capito? (Via a sinistra.)
FELICE
: E io ve ringrazio tanto tanto, ci vediamo la prima notte.
GIOVANNINO
: Nun a dà udienza, chella dice accussì.
FELICE
(dà una spinta a Giovannino): Vattenne che nun la voglio cchiù, la notte pozzo stà cu chillo penziero, o pure m’avarria fà nu cannale largo 4 dita.
GIOVANNINO
: A uso de cane, pò te porto appriesso facenno li gioche pe Napule.
FELICE
: No, cu nu catenaccio, la sera chiudo e m’addormo, almeno stongo sicuro.
GIOVANNINO
: Vattenne ciuccione, tu overo te lo cride. Io nun saccio comme aggio arreparato a tutte chelli mbroglie.
FELICE
: Tu sei il padre di tutti gl’imbroglioni.
GIOVANNINO
: Chella lettera steva dinto a la scrivania, comme l’ha trovata?
FELICE
: E la pettenessa come la tenive dinto a la sacca?
GIOVANNINO
: Fuje quanno steveme abballanno, Teresina me dicette tieneme chesta si no la perdo, quanno nce ne jetteme, me scurdaje de nce la dà.
FELICE
: Io pe me stasera me sto ccà, me metto paura de D. Pasquale, chillo m’ha fatto nu discorso...
GIOVANNINO
: Statte zitto, stupido, nuje stasera avimma j addu Faustina, teh, liegge stu biglietto che truvaje a lo cafè aissera.
FELICE
: Guarda si vene quaccheduno... Chisto mò nun m’ha da fà ncuietà. (Legge:) «Domani sera ti aspetto immancabilmente a casa, ho ricevuto un invito ad una festa da ballo, e voglio essere accompagnata da te. Faustina». E chesta chi è?
GIOVANNINO
: è chella ballerina, che io te dicette, na guagliona scicca assaje.
FELICE
: Abbasta che una de sti guaglione na vota de chesta nun veneno ccà.
GIOVANNINO
: Ah! è impossibile, io la casa nun l’aggio mparata a nisciuna. Dunche stasera tu haje da venì.
FELICE
: Vengo, c’aggia fà.
GIOVANNINO
: Nce vulimmo spassà, io me vaco a cambià soprabito, c’aggia ascì.
FELICE
: E io me vaco a tirà sti 6 cate d’acqua.
GIOVANNINO
: Guè, nun te fà scappà nisciuna parola da la vocca, nun te fà scanaglià.
FELICE
: Che m’haje pigliato pe na criatura.
GIOVANNINO
: Purtammece sempe accussì. (Via a destra.)
FELICE
: E si no comme jammo ngalera. (Via.)

SCENA QUINTA

Pasquale e Attanasio.

PASQUALE
: Favorite, favorite, signore.
ATTANASIO
: Grazie tanto.
PASQUALE
: Accomodatevi.
ATTANASIO
: Grazie, io sto sempre all’impiedi.
PASQUALE
: Ma scusate, voi chi siete?
ATTANASIO
: Questo non ve lo voglio dire ancora. Sono un povero disgraziato, sono un uomo colpito da una passione, ho perduto pace, riposo, appetito, tutto!
PASQUALE
: Forse una donna?
ATTANASIO
: Una donna, un angelo, un bisciù, la quale, dopo 8 mesi d’amore, di promesse, di giuramenti, stammatina ho scoverto, che mi tradisce, infame, birbante, briccona! (Lazzi col bastone.)
PASQUALE
: Chi io?
ATTANASIO
: No, lei.
PASQUALE
: Ma questa tale chi è?
ATTANASIO
: Si chiama Faustina Cochelicò, una delle 8 ballerine di 1a linea di S. Carlo.
PASQUALE
: Ah, è ballerina?
ATTANASIO
: Si ballerina, ballerina, ho sciupata tutta la mia fortuna per lei.
PASQUALE
: Ma voi lo sapete di certo che vi ha tradito? Avisseve pigliato nu sbaglio?
ATTANASIO
: Sbaglio! sbaglio! Vulesse lo Cielo, ma non è sbaglio. Con 10 franchi che ho dato alla serva, mi ha detto che la signorina stasera va ad una festa da ballo con un giovanotto, figuratevi, appena aggio saputo chesto, ho comprato 2 revolver.
PASQUALE
: A 2, a 2!
ATTANASIO
: Eccoli qua. (Li caccia e mostra a Pasquale.)
PASQUALE
: So’ belli, mò l’avita caricà.
ATTANASIO
: So’ già caricati.
PASQUALE
: E me l’haje mpustate nfaccia. (Li scosta.)
ATTANASIO
: Stasera me metto sotto a lo palazzo, appena li veco scennere, bù, sparo.
PASQUALE
: Statevi attento, pecché si nun li cuglite, chillo bù, e ve spare isso a buje.
ATTANASIO
: E io a questo ci ho penzato, per ciò sono venuto da voi, per fare testamento.
PASQUALE
: (Chisto è proprio nu pazzo!). Ma nonsignore, riflettete bene le cose.
ATTANASIO
: Non nc’è che riflettere, ho deciso, o l’uccido, o so’ acciso.
PASQUALE
: Fate come vi piace.
ATTANASIO
: Ma stasera me secca de murì a verità, justo stasera ha avuta nascere sta combinazione, poteva essere dimane.
PASQUALE
: Perché?
ATTANASIO
: Perché stasera io so’ aspettato in casa di D. Nunziata Caramella.
PASQUALE
: D. Nunziata Caramella! La signora che abita al largo della Carità?
ATTANASIO
: Perfettamente, e come la sapete?
PASQUALE
: La sò perché Gaetano, il mio parrucchiere, ch’è parrucchiere anche suo, me la propose come cliente, ed essa mi parlò d’un contratto matrimoniale, da stipularsi tra sua nipote Cecilia, e un certo D. Attanasio Pirosicco.
ATTANASIO
: E Pirosicco son’io.
PASQUALE
: Siete voi? (Lo cognome le sta adattato.)
ATTANASIO
: Sì, io antico amico di D. Nunziata; sua nipote Cecilia, stava a Roma, in casa di un suo parente, ieri mattina è venuta in Napoli, e sua zia m’ha invitato pe sta sera, onde farmela conoscere.
PASQUALE
: Ah! Voi non la conoscete?
ATTANASIO
: No, nun l’aggio vista mai. Né la sposerò. Riguardo altestamento ci metteremo d’accordo. Io me ne vado, si non mi vedete più, è segno che so’ stato acciso, e dite è morto quel povero giovinotto. (Via.)
PASQUALE
: Povero giovinotto de primo pelo. Io n’aggio viste pazze, ma comme a chisto nce ne stanno. (Via a sinistra.)

SCENA SESTA

Angiolella e Bettina.

ANGIOLELLA
: Trasite bella figliò, vuje vulite lo miedeco, ma ccà nce ne stanno duje, D. Giovanni, e D. Felice Sciosciammocca.
BETTINA
: Chisto lloco vaco trovanno. D. Felice Sciosciammocca.
ANGIOLELLA
: Assettateve, che mò ve lo vaco a chiammà, vuje forse nun ve fidate?
BETTINA
: No, io sto bona de salute, quanto dico doje parolelle al Sig. Dottore, e me ne vaco.
ANGIOLELLA
: (Chesta parla de na manera, mbruoglio nc’è sotto). Ma bella figliò, si nun se tratta de malatia, è meglio che ve ne jate, pecché ccà sta de casa chella che isso s’ha da spusà, e si ve vede, capite?
BETTINA
: Chella che isso s’ha da spusà. D. Felice Sciosciammocca sposa?
ANGIOLELLA
: Sissignore, se piglia la figlia de lo patrone mio.
BETTINA
: Ah! Nfame! Scellerato! Chesto ha saputo fà, lo voglio accuncià io lo voglio.
ANGIOLELLA
: Ma che è stato neh, bella figliò.
BETTINA
: Comme che è stato, chillo ha fatto mettere na passione a chella povera sora mia Concetta, la quale fà la sarta, e campa co la fatica, mò sta dinto a lo lietto co la freva, m’ha mannata a chiamma, e m’ha cuntato che chillo birbante, s’è mise a fà ammore cu na ballerina, na certa Faustina, mò appura e ntienne, sposa pure, io me lo voglio magnà vivo, addò stà?
ANGIOLELLA
: Aspettate, mò lo faccio venì, ma vuje comme avite appurato che steva de casa ccà?
BETTINA
: L’aggio letto nfaccia a li manifeste che stanno pe Napule.
ANGIOLELLA
: E vuje nun lo cunuscite?
BETTINA
: No, io nun l’aggio visto maje, pecché io nun stongo unita cu sorema, io so’ mmaretata, capite, e si steva dinto a la casa, isso nun nce metteva lo pede, s’approfittaje de la bontà de chella povera piccerella.
ANGIOLELLA
: Vi che chiappo de mpiso!
BETTINA
: Addò sta, addò st?
ANGIOLELLA
: Zitto, lo vedite ccà, sta venenno.

SCENA SETTIMA

Felice e dette, poi Giovannino.

FELICE
: Mamma mia mò moro! Lo pietto nun me lo sento.
BETTINA
: (Chisto è D. Felice Sciosciammocca?).
ANGIOLELLA
: (Chisto è isso). D. Felì, sta figliola va trovanno a buje.
FELICE
: A me?
ANGIOLELLA
: Sissignore, io me ne vaco. (Via pel fondo.)
FELICE
: (Non c’è male!).
BETTINA
: Voi siete D. Felice Sciosciammocca?
FELICE
: Per servirla.
BETTINA
: Favorirmi sempre, me pare che mò spusate.
FELICE
: Sissignore, me piglio D. Mariuccia, la figlia del padrone di casa.
BETTINA
: Ah! La figlia del padrone di casa! Bravo!
FELICE
: Ma voi avete una faccia, che sò... che ve sentite?
BETTINA
: Che me sento? Me sento movere tutta la nervatura.
FELICE
: Allora vi siete diretta malamente, il dottore Pastetta, e quello che dovete consultare, lui cura le malattie nervose, io levo i porri.
BETTINA
: Io ho bisogno del Dottore Sciosciammocca.
FELICE
: Ah, va bene. (Allora tenarrà qualche puorro.) Dunque, nu ve mettete soggezione, ditemi addò lo tenite?
BETTINA
: Che cosa?
FELICE
: Lo puorro.
BETTINA
: Lo puorro de ll’arma de mammeta. Te voglio levà io nun puorro comme dic’io, io songo Bettina, la sora de Cuncettella la sarta.
FELICE
: Io nun conosco, né a voi, né a D. Concettella.
BETTINA
: Uh! Birbante assassino, comme, doppo che l’haje fatte mettere chella passione, doppo che s’è fatta meza pe causa toja, tu dice che nun la cunusce? Siente, nfame assassino, tu lo vide stu curtelluccio, si nun viene mò proprio cu mmico addò sorema, te lo mpizzo tutto ncuorpo.
FELICE
: Mannaggia l’arma de mammeta!
GIOVANNINO
: Che cos’è?
FELICE
: Chesta è pazza, io nun la conosco.
BETTINA
: Me cunusce appriesso.
GIOVANNINO
: Ma voi chi siete?
BETTINA
: Io songo Bettina, la sora de Cuncettella la sarta, che stu nfame ha ngannata!
GIOVANNINO
: (Sangue de Bacco, la sora de Cuncettella!).
BETTINA
: Viene cu mmico.
FELICE
: Addò?
GIOVANNINO
: D. Bettì, voi avete preso uno sbaglio, l’innamorato di vostra sorella sono io.
BETTINA
: Vuje!
GIOVANNINO
: Sissignore, mi cambiai nome per certi affari miei, ma io la voglio bene, e vi giuro che la sposerò.
FELICE
(Mamma mia! Che mbruglione!).
BETTINA
: Nun è overo, voi m’ingannate.
GIOVANNINO
: Ma che ingannarvi, questa è la verità.
BETTINA
: E allora, venite cu mmico.
GIOVANNINO
: Mò non posso venire, perché tengo un consulto, stasera verrò senza meno, non dubitate jatevenne.
BETTINA
: E buje comme ve chiammate?
GIOVANNINO
: Il mio vero nome, è Luigi Finocchietto.
BETTINA
: Veramente?
GIOVANNINO
: Parola d’onore. Felì, quanno dico parola d’onore io?
FELICE
: Oh!
BETTINA
: Allora D. Luì, sentite, io mò me ne vaco e zitto, aspetto fino a stasera, si nun venite a la casa de sorema, comme m’avite ditto, dimane io vengo ccà, e revoto la casa.
GIOVANNINO
: Io sono un galantuomo, e la mia parola non va indietro.
BETTINA
: Va bene. (A Felice:) Neh, scusate si v’aggio ditto chelle parole.
FELICE
: Niente, per carità.
BETTINA
: Dunque io aspetto, stateve bene. (Via pel fondo.)
FELICE
: Mannaggia l’arma toja, tu quanta mbroglie faje, comme vaje a dicere a chella che te chiamme Felice Sciosciammocca.
GIOVANNINO
: Seh, mò le diceva lo nomme mio.
FELICE
: E nce vuò dicere lo mio!!
GIOVANNINO
: Ma comme cancaro ha appurato la casa.
FELICE
: Comme l’ha appurata, chillo D. Pasquale, ha mise li manifeste pe tutta Napole.
GIOVANNINO
: Ah già dice buono, mannaggia l’arma soja!

SCENA OTTAVA

Angiolella e detti, poi Faustina.

ANGIOLELLA
: Signò, fore nce sta na giovene che bò parlà cu buje, chisto è lo biglietto de visita che m’ha dato.
GIOVANNINO
(legge): «Faustina Cocolicò». (Mannaggia l’arma soja, e comme l’è venuto ncapo e venì ccà.) Ah, ho capito questa è una giovane ammalata, che mi viene raccomandata da una mia cliente. Felice, lasciami solo, sai sono cose delicate.
FELICE
: Ah, si capisce, fà gli affari tuoi, io mi ritiro. (Mannaggia l’arma toja! Chisto le tene a duzzine!) (Via a destra.)
ANGIOLELLA
: La pozzo fà trasì?
GIOVANNINO
: Sicuro, fatela entrare.
ANGIOLELLA
: Favorite, favorite.
FAUSTINA
: Grazie tanto.
ANGIOLELLA
: Signò, io me ne vaco.
GIOVANNINO
: Andate. (Angela via.) Faustì, comme t’è venuto ncapo de venì ccà?
FAUSTINA
: Pecché, che male nce sta?
GIOVANNINO
: Niente de male, ma capisce, io aggio che fà questa è l’ora delle visite gratis.
FAUSTINA
: Io aggio avuta venì pe forza, pecché D. Attanasio Pirosicco, chillo viecchio che me vò spusà, nun ha creduto che io stasera jeva addò ziema, comme l’aggio ditto, se n’è ghiuto nfuriato, e songo sicura che stasera me fà la spia, perciò so’ venuta pe dirte, che invece de me venì a piglià a casa stasera, m’aspiette dinto a la trattoria a lo largo de la Carità, io scengo, me piglio na carrozzella e vengo.
GIOVANNINO
: Va buono, aggio capito, ma addò avimma j stasera?
FAUSTINA
: A na festa de ballo, aggio avuto l’invito fino a casa, questi sono i biglietti, conservali tu.
GIOVANNINO
: Va buono, allora nce vedimmo a la trattoria. Vattenne, che mò aggio che fà.
FAUSTINA
: Ma che saccio, tu staje tutto stralunato.
GIOVANNINO
: Aggia fà nu cunsulto, capisce, sto tutto stunato.
FAUSTINA
: Allora statte buono, nce vedimmo stasera. (Per andare.)
VOCE
: Favorite, favorite.
FAUSTINA
: Uh! Venene gente, io nun me voglio fà vedè, pò essere che me cunoscene.
GIOVANNINO
: Allora trase ccà dinto, mò te ne faccio j. (Viano a destra.)

SCENA NONA

Nunziata, Cecilia e Angiolella poi Pasquale.

ANGIOLELLA
: Favorite, mò ve vaco a chiamà lo patrone. (Mamma mia, sta figliola, rassomiglia tale e quale a chella ch’è venuta poco prima. (Via a sinistra.)
NUNZIATA
: Ma Cecilia mia, lascia una volta questo male umore, chesto che cos’è nun saccio cchiù c’aggia fà pe te vedé allegra, nun fosseme maje jute a S. Carlo, ma me pare c’aggio fatto quello che tu desideravi, stasera dò una festa da ballo, prima per farti vedere quella giovanetta, e poi per farti conoscere il tuo futuro sposo. Dunque statte allegramente.
CECILIA
: (Staje fresca. Alberto è lo core mio, e a chillo m’aggia spusà).
PASQUALE
: Oh, rispettabilissima signora.
NUNZIATA
: Caro D. Pasquale.
PASQUALE
: Accomodatevi. (Seggono.)
NUNZIATA
: Grazie.
PASQUALE
: Questa qua forse è quella figliola che si deve maritare?
NUNZIATA
: Sissignore, stava a Roma, in casa di un mio fratello, il quale siccome ha dovuto partire per affari suoi, così, me la sono ritirata in casa mia, comme ve pare, è na bella giovane?
PASQUALE
: Bellissima, come si chiama?
CECILIA
: Cecilia Fiorelli, ai vostri comandi.
PASQUALE
: Preghiere sempre.
NUNZIATA
: Essa non se poteva mai credere che io le faceva trovare lo sposo a Napoli, quando ce lo dissi. si meravigliò, ed è un buon partito, un certo D. Attanasio Pirosicco, ricco, di buona famiglia, non è brutto, solamente che non è tanto giovine, ma che fa, il marito non deve essere giovine.
PASQUALE
: Ah, si capisce... e quando si farà il matrimonio.
NUNZIATA
: Subito. Stasera si conosceranno, e per il mese entrante si può effettuire tutto.
PASQUALE
: Bravissimo. (E sta fresca!)
NUNZIATA
: E intanto sta di un umore così cattivo che voi non potete credere. Stanotte se l’ha fatto a piangere tutta la nottata.
PASQUALE
: Uh! E perché?
NUNZIATA
: Mò vi dico io: dovete sapere che mia sorella buon’anima, diede alla luce 2 ragazze gemelle, a una pose nome Cecilia, e all’altra Faustina. Cecilia è questa. Faustina, 7 anni fa si mise a far l’amore con un giovine, e siccome non teneva niente, era uno spiantato qualunque, mia sorella era ostinata a non darcelo. Un bel giorno, piglia Faustina, afferra Faustina, non c’era più Faustina.
PASQUALE
. Oh, e dove era andata?
NUNZIATA
Eh, chi lo sà, credo che dovette andare nel pozzo. (Se ne fuggì con l’innamorato!)
PASQUALE
: (Ho capito). Ma non piangete.
NUNZIATA
: Cecilia basta mò, me che ne volete pigliare una malattia.
CECILIA
: Era lei, era lei, ne sono sicura.
PASQUALE
: Che dice?
NUNZIATA
: Ecco qua, mò ve dico io, ieri sera la portai a S. Carlo per farla vedere il ballo nuovo, mentre stavamo tanto bello, uscirono 8 ballerine, tra le quali ce n’era una, che colpì tanto Cecilia, le somigliava perfettamente, incomiciò a dire che quella la sua sorella, che quella era Faustina, e che assolutamente ci voleva parlare. Io francamente D. Pasquà, vi dico rimasi stordita pur’io. Fra le altre cose, domandammo ad un signore, che stava cu nuje, e ci disse che si chiamava Faustina Cocolicò, vedete che combinazione a confrontarsi perfino il nome.
PASQUALE
: Ah, ah, questa è bella.
NUNZIATA
: Insomma per non tirarvela alla lunga, per farla contenta, stammatina mi sono informata dove abitava, e l’ho mandata ad invitare per la festa che dà questa sera.
PASQUALE
: Ah, bravissimo.
NUNZIATA
: Così la vedrà, ci parlerà, e chi sa, può essere che sia lei veramente con un altro cognome.
CECILIA
: Ah, è lei, è lei. (Piangendo.)
PASQUALE
: E non piangete più, questo che cos’è, tenite zi zia che vi vuoi tanto bene.
NUNZIATA
: E poi non voglio che sta così, lo sposo vedendola di quella maniera chi sa che si può credere.
PASQUALE
: Dice bene zi zia.
NUNZIATA
: D. Pasquà, voi stasera ci dovete onorare con le vostre figlie.
PASQUALE
: Oh, grazie, l’onore sarà nostro.
NUNZIATA
: Dove stanno le vostre ragazze, le voglio far conoscere a Cecilia.
PASQUALE
(alzandosi): Con piacere, ma passiamo nell’altra stanza.
NUNZIATA
: Quanto le salutiamo ed andiamo via, perché abbiamo tanto da fare.
PASQUALE
: Favorite, signorina. (Viano a sinistra.)

SCENA DECIMA

Felice, Giovannino e Faustina, poi Angiolella e Teresina, poi Pasquale.

FELICE
: Nun nce sta nisciuno, mò ve ne putite j.
GIOVANNINO
: Nce vedimmo stasera. Vattenne.
FAUSTINA
: A la trattoria. (Via fondo a destra.)
GIOVANNINO
: Felì, haje visto quanto è bona?
FELICE
: L’aggio vista, intanto tu spuzzulìe, e io tengo la cannela.
GIOVANNINO
: Stasera ne vulimmo fà zumpe.
FELICE
: Io n’aggio visto mbrugliune, ma comme chisto nun nce ne stanno.
ANGIOLELLA
: Trase, trase bella figliò, chisto è lo studio.
FELICE
: N’ata figliola!
ANGIOLELLA
: Signurì chesta va truvanno a buje. (Via.)
GIOVANNINO
: Teresì, che buò?
TERESINA
: D. Giovanni, chella mammà, m’ha fatta na mazziata pecché nun teneva la pettenessa, io p’abballa aissera la dette a tené a buje, datemella.
GIOVANNINO
(a Felice): Fa la spia llà. (Comme faccio, chella la tene D. Pasquale dinto a la sacca!) Teresì, vattenne, te la porto io stasera.
TERESINA
: è impossibile, nun me pozzo ritirà senza la pettenessa.
GIOVANNINO
: Ma sta cosa comme l’haje appurata?
TERESINA
: L’aggio letto nfaccia a li manifeste.
GIOVANNINO
: All’arma de li manifeste!
TERESINA
: Datema a pettenessa.
GIOVANNINO
: Mò nun te la pozzo dà, la tene lo padre de muglierema, io so’ nzurato, capisce?
TERESINA
: Nzurato! (Gridando.)
GIOVANNINO
: Statte zitto!
TERESINA
: E dateme la pettenessa. (Gridando.)
FELICE
: Vene D. Pasquale, vene D. Pasquale.
GIOVANNINO
: Sangue de Bacco! Dì che tiene dolore de capo. (Esce Pasquale.) Che vi sentite?
TERESINA
: Me fà male la capa. Ah, ah! (Lamentandosi.)
GIOVANNINO
: Papà, dateme la pettenessa.
PASQUALE
: Eccola qua. (La dà.)
GIOVANNINO
(la mette in testa a Teresina): Come vi sentite?
TERESINA
: M’è passato, grazie tanto. (Via correndo.)
GIOVANNINO
: Benissimo.
PASQUALE
: Che pettenessa magica!
FELICE
: (Che piezzo de caulicchione! Ah! Ah! Ah!)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

 
ATTO TERZO

 
Il palcoscenico, è diviso in 2 compartimenti. A sinistra la sala d’una trattoria con porta in fondo e porta a sinistra, tavola preparata per 2. Un armadio in fondo, sedie ecc. A destra sala di parrucchiere, in fondo porta d’entrata su cui si legge «Ingresso al salone» e più sotto «Si fittano abiti per maschere». A destra una porta, ed a fianco piccolo finestrino praticabile. 2 specchiere, sedie. Un attaccapanni con appese, barbe, nasi finti e diverse maschere. Pettini, scovette, vasetti per pomata e saponette, tovaglie bianche ecc. Fra la divisione, porta di comunicazione. Nella sala del parrucchiere un giornale la «Follia». Lumi elettrici accesi.

SCENA PRIMA

Gaetano poi Ciccillo
.

GAETANO
(lavorando ad una parrucca): E nisciuno se vede ancora, sentite la combinazione, justo stasera.
CICCILLO
(dalla sinistra): D. Gaetà, ha ditto lo frate vuosto che nce mannate nu dito de sapunetto.
GAETANO
: Pigliatello tu stesso, nun me fà perdere tiempo.
CICCILLO
: State vuje sulo?
GAETANO
: E già, de li 3 giuvene mieje, uno sta malato e 2 stanno a fà barbe in casa.
CICCILLO
: E comme facite, justo stasera ch’è Giovedì de Carnevale e la gente va a la Società, a li vigliune.
GAETANO
: Aggio dato incarico lo senzale de truvarme duje straordinarie, m’ha prummiso che m’è mannava, e fino a mò, nun s’è visto nisciuno ancora. Aggio mannato a chiamrnà a mugliererna Bettina, chi sa venene gente pe se mmesurà l’abete de maschera, e manco s’è vista ancora; sto sulo comme a nu cane.
CICCILLO
: Ma l’affare comme vanno?
GAETANO
: Comme hanna j Ciccì, na vota se puteva fà lo parrucchiere, ma mò no, io pozzo tirà nnanze, pecché non pago pesone.
CICCILLO
: Ah! Vuje nun pagate pesone?
GAETANO
: No, frateme s’affittaje stu 1° piano, e vedenno ch’era troppo località pe la trattoria soja, me cedette sta cammarella, e si no comme faciarria?
CICCILLO
: Aggio capito. A proposito D. Gaetà, diciteme na cosa, chi è chella figliola che ogne matina s’affaccia a chillo fenestiello cu buje?
GAETANO
: Ah! Chella è na figliola, ca da poco è venuta da Roma, se chiamma D. Cecilia, è nepota de na certa D. Nunziata, che sta de casa a lo palazzo appriesso. Siccome a zia le vò fà spusà nu viecchio, essa nun lo vò, pecché fà l’ammore cu nu giovinotto, e me lo vene a cuntà sempe a me.
CICCILLO
: E vuje la cunuscite?
GAETANO
: Sì, pecché io songo lo parrucchiere de la zia.
CICCILLO
: E chillo fenestiello appartiene a la casa loro?
GAETANO
: Già, corrisponne fore all’asteco, ogne matina me vene a fà na chiagnuta.

SCENA SECONDA

Cecilia e detti.

CECILIA
(dal finestrino): Gaetano?
GAETANO
: (La vì llà, la vi, e che puteva mancà?) Comandate.
CECILIA
: Mia zia è ancora ostinata di farmi sposare quel tale, io non ho coraggio di dirle che amo un altro, come debbo fare?
GAETANO
: Signorina mia che v’aggia dicere, io compatisco, ma che pozzo fà?
CECILIA
: Io vi dico la verità, vorrei morire.
GAETANO
: E murite, che vulite da me.
CECILIA
: Gaetano, vorrei essere fatto un favore da voi. Alberto stasera verrà nella trattoria di vostro fratello, fatemi il piacere di dargli questa lettera.
GAETANO
: Ma signorina mia, io nun lo cunosco.
CECILIA
: Si chiama Alberto Cicirello, e poi lui stesso verrà a domandarvela.
GAETANO
(prende la lettera): Va bene, ve servo, avete detto Alberto?
CECILIA
: Cicirello. Non vi dimenticate, scusate tanto del disturbo, che volete, non sò di chi fidarmi, vi raccomando. Vi lascio perché mia zia mi tiene d’occhio. A rivederci. (Entra.)
GAETANO
: Vuje vedite a me che me succede.
CECILIA
: Chesta è na cosa proprio curiosa. (Ridendo.)
GAETANO
: Ciccì, agge pacienza, pigliatella tu sta lettera e quanno vene stu giovene, nce la daje, io pozzo penzà da chesto?
CICCILLO
: Va bene, ve servo io. (La prende.) Comme ha dittto, Alberto?
GAETANO
: Cicirello.
CICCILLO
: Va bene. (Dalla sinistra si sente bussare.) Eccome cca... Permettete. (Via.)
GAETANO
: E vì si se vede nisciuno. (Entra.)
SCENA TERZA

Felice e Giovannino, poi Eduardo.

GIOVANNINO
(dalla sinistra): Trase Feliciè, tu che cancaro aje, me pare na criatura.
FELICE
: Tu diciarraie buono, ma io me metto paura, tu si sapisse stammatina D. Pasquale che discurzo m’ha fatto, ha ditto ca isso nun vò essere burlato che si se n’addona de quacche cosa me ne caccia, capisce, nun vularria che doppo 18 cate d’acqua c’aggio tirato, 6 pare de scarpe c’aggio pulizzate, e co la scopa mmano ogne ghiurno, avessa perdere tutto cose.
GIOVANNINO
: Nun avè appaura, statte zitto, io acconcio tutto cose.
FELICE
Ai ditto miettete nu suprabitino pecché avimma j a na festa de ballo, io sulo chisto teneva, e chisto m’aggio puosto.
GIOVANNINO
: Te va nu poco luongo, te l’haje da fà accurtà. Dunche, chesta è la trattoria, trasimmo dinto, vedimmo si è venuta. (Mentre entrano a sinistra compare Eduardo.)
EDUARDO
: Seh, me piace, i signori dottori vanno facenno visite pe dinto a le trattorie, e zì Pasquale che nega Mariuccia a me pe la dà a chillo mamozio; a D. Giovannino lo tene pe lo modello de li marite, e chillo se ne vene ccà ncoppa; a quaccheduno aspettene... Ve voglio accuncià io. (Via.)

SCENA QUARTA

Giovannino e Felice, poi Ciccillo.

GIOVANNINO
: Nun è venuto ancora, Felì, tu mò, m’avissa fà nu piacere, aspette ccà, chi sa vene Faustina, le dice che io songo juto accattà nu pare de guante e mò vengo.
FELICE
: Mò me lasse sulo a me.
GIOVANNINO
: E che fa, pe na mez’ora, io mò vengo subeto subeto.
FELICE
: Fà ampressa, si no io me ne vaco.
GIOVANNINO
: Mò proprio vengo, tu haje ntiso che t’aggio ditto? Te raccomanno. (Via.)
FELICE
: Io mò che nce faccio ccà, nun tengo manco nu soldo, basta mò m’assetto, alla fine mez’ora aggio aspettà.
CICCILLO
: Che comanda il signore?
FELICE
: Io? Niente. So’ venuto qua pe me riposà nu poco.
CICCILLO
: Non volete mangiare?
FELICE
: No.
CICCILLO
: Volete bere?
FELICE
: No, non tengo né sete, né appetito (e né denare).
CICCILLO
: (Chisto fosse lo nnammorato de D. Cecilia?). Scusate l’ardire, vuje fusse l’innammorato di D. Cecilia?
FELICE
: (D. Cecilia?). Ah, sissignore, io sono l’innammorato di D. Cecilia.
CICCILLO
: Voi siete D. Alberto Cicirello?
FELICE
: (D. Alberto Cicirello?) Sissignore, io sono D. Alberto.
CICCILLO
: Allora tenite, chesta è na lettera ve la manna la signorina D. Cecilia.
FELICE
: Ah, si. (La prende.) Grazie tanto, poi ti regalo.
CICCILLO
: Vi ringrazio; chella puverella ha ditto che vò murì.
FELICE
: E perché?
CICCILLO
: Comme perché, pe causa vostra.
FELICE
: Ah! Ho capito. Va buono po’ se ne parla. (Si sente bussare.)
CICCILLO
: Eccomi qua. Permettete. (Via.)
FELICE
: Va trova chi so’ sta D. Cecilia, e stu D. Alberto Cicerenella... Vuje vedite comme m’è pruduta la capa, va trova sta lettera che dice, mò l’arapo. (Apre e legge:) «Mio unico bene. Mia zia, vorrebbe assolutamente farmi sposare ad un altro, ma io non lo farò giammai, o sarò tua, o della morte. Non potrò mai dimenticarmi di quelle belle serate passate a Roma nel Colosseo, quando tu giuravi d’esser mio, ed io di esser tua. Sta sera, vieni alla festa, cerca di parlare con mia zia, anzi ci parleremo insieme, la pregheremo, la commuoveremo, e se sarà dura fuggiremo. Ama la tua Cecilia». Scuse. Io mò nun saccio c’avarria a fà, m’avessa ncuità cu sta lettera.

SCENA QUINTA

Attanasio e detto, poi Ciccillo.

ATTANASIO
(batte il bastone sul tavolino): Cameriere?
FELICE
: (Quanto è bello chisto).
ATTANASIO
: Voi chi siete?
FELICE
: Io? So’ uno, sono un signore.
ATTANASIO
Aspettate a quaccheduno?
FELICE
: Aspetto n’amico mio.
ATTANASIO
: N’amico vostro. Va bene. (Batte di nuovo.) Cameriere?
CICCILLO
: Comandate.
ATTANASIO
: Na butteglia de rum, e na butteglia de Cognac.
CICCILLO
: Subito. (Via poi torna.)
ATTANASIO
: Accomodatevi. (Seggono lazzi.) Io mo me mbriaco.
FELICE
: Ah! neh!
ATTANASIO
: Sicuro, e io chello c’aggia fà, si nun sto mbriaco nun lo faccio.
CICCILLO
(con bottiglia): Ecco servito.
ATTANASIO
: Queste 2 bottiglie quanto costono?
CICCILLO
: 12 lire.
ATTANASIO
(a Ciccillo): Tenete. (Gli dà il danaro Ciccillo via.) Sturate. (A Felice:) Versate e bevete.
FELICE
: (E io mò sturava si nun pagava, io nun tengo manco nu centesime).
ATTANASIO
: Mo me bevo tutte cose.
FELICE
: E ma voi vi rovinate, vuje v’allummate ncuorpo.
ATTANASIO
: E che me ne mporta a me.
FELICE
: (Haje a vedé a me!)
ATTANASIO
: Bevete. (Bevono.) Io, dovete sapere che faceva l’amore con una ballerina, una certa Faustina, questa birbante, che m’ha combinato neh. (Felice fa il lazzo del canto.) Io sta sera me la voleva portare a cenare cu me, quella ha trovata la scusa che doveva andare dalla zia ammalata; per mezzo della cameriera, ho appurato che non è vero, e che invece va ad una festa da ballo con un giovanotto; e la stessa cameriera, poco prima, mediante 20 lire che le ho date, m’ha detto che l’appuntamento con quel giovinotto l’ha fatto in questa trattoria. Figuratevi, so’ venuto subeto qua, tengo 2 revolvere appena venene (fa il lazzo dello sparo pi pi pi cantando la bella Elena dei revolver) le rimane fridde nterra.
FELICE
(alza): Permettete?
ATTANASIO
: Ve ne andate?
FELICE
: Sì, ho che fare.
ATTANASIO
: Stateve n’altro poco.
FELICE
: Non posso, tengo n’affare de premura.
ATTANASIO
: Aspettate, sto pensanno na cosa, Faustina fosse già venuta, stesse dinto?
FELICE
: Chesto pure po’ essere.
ATTANASIO
: Permettete. (Prende le 2 bottiglie e via a sinistra.)
FELICE
: Me ne voglio fuì, si no songo acciso pur’io! (p.a.) Che beco! D. Giulietta e D. Eduardo, e chille mò me trovene ccà, comme faccio. Mò m’annasconne ccà. (Entra nell’armadio e chiude.)

SCENA SESTA

Eduardo e Giulietta, poi di nuovo Eduardo.

EDUARDO
: Trase, trase, Giuliè.
GIULIETTA
: Nfame assassino! Addò sta?
EDUARDO
: Stanno dinto tutte e duje, aspetta lloco ca mò le faccio ascì. (Via a sinistra.)
GIULIETTA
: Ncoppa a na trattoria a chest’ora, chi sa cu chi D. Petrosina sarrà venuta, le voglio caccià l’uocchie a fore! Vedete a che deve stare soggetta na povera figliola quando si marita, l’aveva sape... ma mò vedimmo si sta sera nun la faccio fenuta!
EDUARDO
: Sangue de Bacco, dinto nun nce stanno.
GIULIETTA
: E addò stanno?
EDUARDO
: E che saccio, io poco prima l’aggio viste trasì cu l’uocchie mieje. Mò vaco a vedé da chesta parte, aspetta Giuliè. (Via fondo a sinistra.)
GIULIETTA
: Se ne fossene scise? Mò vaco addimmannà a lo guardaporta. (Via fondo a destra.)
FELICE
: Mamma mia, io mò moro! Vedite chillo dinto a che guaio m’ha miso, e comme faccio, pe dò fuje, si lo cammariere me trova ccà dinto me piglia pe mariuolo, putesse truvà na fenesta corta, me mengo da coppa abbascio. (Via a sinistra.)
GAETANO
: E vì si se vede nisciuno, so’ muorte tutte quante.

SCENA SETTIMA

Bettina, poi Giulietta, indi Attanasio.

BETTINA
(dal fondo a destra): Eccome ccà Gaetà, tu m’haje mannato a chiammà?
GAETANO
: Ah! Sì venuta finalmente, si vene quaccheduno che se vò affittà abete le maschere chi nce mesure! Io sto sulo.
BETTINA
: Agge pacienza, che vuò da me, io so’ stata addò Concettella: sorema che sta malata pe causa de lo nnammorato, lo quale sta sera, è venuto a trovarla, la puteva rimané sola cu chillo, tanno me ne so’ ghiuta quanno se n’è ghiuto pur’isso.
GAETANO
: E c’ha ditto, che se la sposa?
BETTINA
: Che saccio, ha vuluto n’anno de tiempo; ma a me me pare nu mbruglione a la verità, ma l’ha lassata de pressa, dice che teneva nu malato pe murì.
GAETANO
: Ah, è miedeco?
BETTINA
: Già.
GIULIETTA
(traversa il fondo ed entra a sinistra): Lo guardaporta m’ha ditto, che so’ sagliute 2 giovinotte poco prima pò, chillo cchiù guosso è sciso, chisto è maritemo, ha rimasto D. Felice ccà, e isso va trova addò è ghiuto; certo turnarrà, io aggio fatto na bella penzata, dinto a stu salone s’affittano abete de maschera, mò m’affitto nu vestito, accussì isso nun me po’ cunoscere, e io veco addò và. (Via fondo ed entra fondo a destra.) Scusate, favoritemi un abito da maschera.
GAETANO
: Subito, che costume vi piace?
GIULIETTA
: (Na cosa che pozzo correre nelle occasioni). Nu pagliaccetto.
GAETANO
: Sissignore, favorite, mò ve faccio vedé lo meglio che tengo. Viene Bettì. (Viano porta a destra.)
ATTANASIO
: Nun nce sta nisciuno, ancora ha da venì, l’appuntamento l’avesse fatto dinto a lo palazzo de la trattoria, mò me vaco a mettere abbascio. (Via.)

SCENA OTTAVA

Giovannino, poi Eduardo, indi Pasquale e Mariuccia.

GIOVANNINO
: Feliciello addò sta? Vuò vedé ca chillo se n’è ghiuto. (Guarda in fondo.) Sangue de Bacco, Eduardo lo frate cucino de muglierema, comme faccio? Ah, ccà dinto a lo salone. (Entra dalla porta di comunicazione. Di dentro si sente la voce di Pasquale.)
PASQUALE
: Saglie, saglie, Mariù, simme arrivate. (D.d.)
GIOVANNINO
: D. Pasquale! (Prende una barba finta e se la mette.)
EDUARDO
: E nun nce stanno. Addò cancaro so’ ghiute? Giulietta addò sta?
PASQUALE
. Trase, mò me petteno nu poco e nce ne jammo. Buonasera. Assettete. (Mariuccia siede.)
EDUARDO
. Se n’è ghiuta essa sola. Stesse abbascio a lo palazzo. (Via.)
PASQUALE
: D. Gaetano nce sta. (Giovannino fa segno di non saper niente.) è uscito? (Giovannino come sopra.) Chisto sarrà muto.

SCENA NONA

Gaetano, poi Felice, indi Faustina.

GAETANO
: Oh, D. Pasquà, state ccà?
PASQUALE
: Si, so’ venuto a pettenarme nu poco, perché debbo andare alla festa da ballo di D. Nunziata, stava dimandando a quest’uomo qua, se ci eravate, ma non mi ha saputo dire niente.
GAETANO
: Voi chi siete? (Giovannino fa cenno d’essere muto.) Ah, siete muto? (Giovannino fa segno di sì.) Aspettate, qua v’avesse mandato il sensale? (Giovannino come sopra.) N’avevano da venì 2, e n’è venuto uno, nun mporta, pettinate al signore. (Gridando Giovannino fa segno di si.) D. Pasquà, questa è la ragazza vostra?
PASQUALE
: Sissignore, Mariuccia.
GAETANO
: Bravo, è na bella giovine. Pe nun ve seccà, Signurì, tenite, liggiteve la Follia. (Le dà il giornale. Mariuccia legge.)
MARIUCCIA
: Grazie.
PASQUALE
(a Giovannino): Neh, piano piano sa.
FELICE
: Nun aggio potuto truvà nun purtuso pe me ne fuì.
FAUSTINA
(vestita da pagliaccio col mascherino in mano): Mamma mia! sta D. Attanasio abbascio lo palazzo, comme faccio. Uh! Vuje state ccà?
FELICE
: Sì, ma mò me ne vaco, ccà mò simme sparate tutte quante.
FAUSTINA
: Nun avite appaura, aspettate ccà. (Mò me cagno lo vestito). Vedite si vene quaccheduno. (Entra nel salone per la porta di comunicazione.) Padrone un domino presto.
GAETANO
: Subito, favorite con me. (Via a destra. Faustina nell’entrare si sarà voltata, e Giovannino la vede.)
GIOVANNINO
: (Che beco! Faustina!).
PASQUALE
: Ah! Giovinò, piano, piano!
FELICE
: Io mò me ne fuje, tengo na paura ncuorpo ca mò more. Che veco! D. Eduardo n’ata vota! (Entra nell’armadio.)
SCENA DECIMA

Eduardo, poi Attanasio, indi Giulietta.

EDUARDO
(entra nella trattoria): Nun sta manco abbascio a lo palazzo, e addò è ghiuta essa sola, fosse trasuta ccà. (Via a sinistra.)
FELICE
(esce dall’armadio): Io mò moro, lassaterne fuì. (P.a.)
ATTANASIO
(dalla destra): Sangue de Bacco, aggià vedé si è essa.
FELICE
: Mamma mia! Mò lo viecchio me trova ccà ncoppa! E comme la combino? (Apre la porta di comunicazione ed entra.) (Mariuccia!)
GIOVANNINO
: (Guè, Felì?).
FELICE
: (Giovanni. Puozze passà nu guaio!).
GIOVANNINO
(Tiene, miettete chesta nfaccia!). (Gli dà una maschera che Felice mette in fretta.)
ATTANASIO
(traversa il fondo ed entra nella trattoria col revolver in mano): M’è passato pe nnanze nu Pagliaccio, scappava comme a che, essa aveva essere, mò vedimmo si nun la ncoccio! (Via a sinistra.)
PASQUALE
: Giovinò, vuje m’avite rovinato, vuje nun sapite fà niente. (S’alza.) Và, Mariù, jammoncenne, salutateme a D. Gaetano, chillo mò sta affarato. Felice sera. (Felice e Giovannino salutano.) Chiste quanto so’ brutte! (Via con Mariuccia pel fondo.)
GIOVANNINO
: Felì, ch’è stato? E muorto?
FELICE
: Io nun tengo cchiù sango ncuollo!
GIOVANNINO
: Ma pecché?
FELICE
: Dinto a la trattoria sta lo nnammurato de Faustina.
GIOVANNINO
: Tu che dice?
FELICE
: Facimmo la spia si se n’è ghiuto. (Si mettono a guardare nella serratura della porta di comunicazione.)
GIULIETTA
(da pagliaccetto con mascherino in mano): Accussì sto bona. (Vede i 2.) Ah! gente! (Si copre il volto.)
GIOVANNINO
(vede Giulietta): Guè, Faustì, io sto ccà! (Si leva la barba.) Jammoncenno, fuimmo. (Viano pel fondo.)

SCENA UNDICESIMA

Gaetano, poi Eduardo, poi Faustina, indi Attanasio e detto.

GAETANO
(a Felice): Chi è, voi chi siete?
FELICE
: Io? Come chi sono.
GAETANO
: V’avesse mannato lo sensale, fusseve l’ato giovene?
FELICE
: Sissignore, m’ha mannato lo sensale.
GAETANO
: (Meno male, chisto tene la lengua). E chill’ato addò sta?
FELICE
: è andato a fà nu servizio, ha detto che mò viene.
GAETANO
: Va bene, nun ve muvite da ccà.
EDUARDO
: Niente, nun nce sta, lasseme j a vedé la casa, io sto mpensiero. (Via.)
FELICE
: (Sangue de Bacco! S’è spezzato lo filo de lo mustaccio!).
GAETANO
: Pighiateve lo pettine, e date na pettinata a chella trezza.
FELICE
: Sissignore.
GAETANO
: E quanno? Ma che d’è, tenite la mano nfaccia. Che beco! Chisto è nu mustaccio e mosca finta, dunche tu sì nu mariuolo, mò t’acconcio io. Mariuolo! Mariuolo! (Gridando.)
FAUSTINA
(da domino con mascherino sul volto): D. Felì, fuimmo.
FELICE
: (E chesta chi è?).
FAUSTINA
: Fuimmo. (Fanno per fuggire pel fondo.)
GAETANO
: Nun ve muvite. Mariuolo! Mariuole. (Felice e Faustina fuggono nella trattoria per la porta di comunicazione.)
ATTANASIO
: Che! Na maschera! Giù quella maschera, o pur sparo! (Impugna il revolver.)
FAUSTINA
(si toglie la maschera): No, per carità, perdono.
ATTANASIO
: Questo, è il tuo innammorato. Morite tutte e due!
FAUSTINA
: Ah, aiuto! (Faustina e Felice fuggono nel salone, poi Faustina fugge pel fondo. Felice vorrebbe fuggire, Gaetano non lo fa passare, egli rientra nella trattoria dalla porta di fondo. Attanasio e Gaetano gli corrono dietro. Felice entra di nuovo nel salone per la comunicazione, sempre fuggendo, si arrampica pel muro e sta per buttarsi dal finestrino. Attanasio e Gaetano arrivano ad afferrargli una gamba per uno, Felice si sbottona il calzone e glielo lascia nelle mani. Attanasio e Gaetano cadono a terra.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

 
ATTO QUARTO

 
Sala illuminata a festa, mobilia dorata con specchiere e candelabri accesi, porte laterali e finestra un tondo con tappeto sul davanti a sinistra sedie ecc. All’alzarsi della tela si sente suonare un valzer a pianoforte.

SCENA PRIMA

Nunziata, Pasquale e Mariuccia dalla destra in abito da festa.

NUNZIATA
: No, D. Pasquà scusate, voi mi dovete dire perché l’altra vostra figlia col marito, non sono venuti stasera.
PASQUALE
: Signora mia, ve l’ho detta la ragione, verso le 9, l’è afferrato un dolore di testa così forte, che non potete credere, ve pare, quella n’avrebbe avuto piacere di venire a questa festa.
NUNZIATA
: E mi pare che mi avete detto, che questa ragazza anche si marita?
PASQUALE
: Sissignore, si piglia un buonissimo giovine di Nocera.
NUNZIATA
: E perché non avete portato anche a lui?
PASQUALE
: Eh, quello non può venire a quest’ora, starà assieme a D. Giovannino, il marito di mia figlia, facendo visite.
NUNZIATA
: Ah, sono medici?
PASQUALE
: Sissignore, due bravi Professori.
NUNZIATA
: Benissimo, e la ragazza lo vuol bene?
PASQUALE
: Assai.
NUNZIATA
: E intanto mia nipote Cecilia, è tanto avverso a sposarsi quel tale D. Attanasio Pirosicco.
PASQUALE
: Ma perché?
NUNZIATA
: Perché... perché... qualche altro chiovetiello le sarrà trasuto in cuore.
PASQUALE
: Ah! Nientemeno!
NUNZIATA
: Cioè, io non sò niente ancora, sono mie supposizioni, ma se m’accorgo di qualche cosa...
PASQUALE
: Forse perciò sta sempre di cattivo umore.
NUNZIATA
: No, la ragione di quel cattivo umore, è per causa di quella tale ballerina chiamata Faustina, che vedette a S. Carlo, s’ha messo in testa che quella è la sorella.
PASQUALE
: Ma voi mi diceste, che l’avete invitata?
NUNZIATA
: Si, e ancora ha da venì, sta sera vedremo. Basta D. Pasquà, andiamo al buffè, venite a prendere qualche cosa.
PASQUALE
: Oh! Grazie. (Viano seconda sinistra.)
SCENA SECONDA

Felice, poi Attanasio, indi Nunziata.

FELICE
(dal fondo in calzonetto): Mamma mia mò moro, aggio passato lo guaio, me so’ truvato primme ncoppa a n’asteco, po’ dinto a la cucina, e mò me trovo ccà, chesta è na festa de ballo, comme faccio, io stongo sulo cu lo cazonetto. Vi chillo cancaro de viecchio comme s’era nfucato, vuleva sparà afforza, si nun faceva la pensata de le lassà lo cazone mmano, chilo a chest’ora overo m’avarria acciso. Vedite pe causa de chillo mbruglione de Giovannino, io mmiezo a che mbruglio me trovo. Intanto aggia vedé c’aggia fà, pozzo sta de chesta manera?
ATTANASIO
(dalla destra): L’aggia truvà, l’aggia truvà!
FELICE
: Sangue de Bacco! Chillo è venuto appriesso, e addò m’annasconno, a ccà stanno gente, da llà pure. Ah! Ccà. (Si nasconde sotto il tavolino.)
ATTANASIO
(con calzone di Felice e revolver): Dinto a sta casa ha da sta, nun nce stanno chiacchiere, m’è fuiuto da dinto a li mmane. Va trova sta casa de chi è, nce sta na festa da ballo.
NUNZIATA
: Che beco, D. Attanasio!
ATTANASIO
: D. Nunziata! E io doveva venire a casa vostra, come state qua?
NUNZIATA
: Come sto qua? Scusate, questa è la casa mia.
ATTANASIO
: Casa vostra?
NUNZIATA
: Sissignore.
ATTANASIO
: (Vuje vedite addò aveva capità, justo a casa de chesta).
NUNZIATA
: Siete entrato, e non vi siete fatto annunziare?
ATTANASIO
: No, io so’ trasuto pe la cucina.
NUNZIATA
: Pe la cucina?
ATTANASIO
: Già perché...
NUNZIATA
: Ma D. Attanà, io nun saccio comme ve veco, tenite na faccia accussì stralunata, tenite nu cazone a na mano, nu revolver a n’auta mano.
ATTANASIO
: (Io paro che vaco vennenno rrobe vecchie!). D. Nunziata, voi siete una donna di moda, voi pure avete amato, voi pure avete provato i dardi d’amore.
NUNZIATA
: Eh, lo so’ io che ho passato!
ATTANASIO
: Quando si ama, non si ragiona.
NUNZIATA
: L’amore toglie i sentimenti.
ATTANASIO
: Avvilisce.
NUNZIATA
: Fa delirare.
FELICE
(da sotto il tavolino): (Ve ne jate o no!).
ATTANASIO
: D. Nunzià, stammece zitte, ccà avimma da cucca.
NUNZIATA
: Nun l’hanno avuto con noi. Dunque stiveve dicenno?
ATTANASIO
: Stava dicenno, che per causa di amore, per causa d’una donna che amo, mi sono presentato così innanzi a voi.
NUNZIATA
: Per causa di una donna che amate? Ma voi parlate di mia nipote Cecilia?
ATTANASIO
: No, non è vostra nipote che io amo, è un’altra che m’ha portato talmente per i vichi, che dopo d’avermi fatto mettere una passione, m’ha tradito.
NUNZIATA
: Che sento! Allora quann’io ve proponetto la mano di mia nipote, pecché nun me dicisteve niente?
ATTANASIO
: Perché non avetti il coraggio, io so’ pieno di suggezione.
FELICE
: (Povera criatura!).
ATTANASIO
: Guè nun pazziate che io tengo 3 ore de fuoco.
NUNZIATA
: Ma stu cazone, stu revolver...
ATTANASIO
: Ecco qua, vi dirò, ho sorpreso la mia tiranna, col suo innamorato nel salone che sta vicino al vostro palazzo, voleva uccidere il mio rivale, ma chillo se n’è scappato pe nu fenestiello, io sono andato per afferrarlo, e il birbante m’ha rimasto lo cazone mano, po’ asteche pe asteche, è trasuto ccà, e io pe lo stesso fenestiello lo so’ venuto appriesso.
NUNZIATA
: Possibile! E mò stà dinto a la casa mia?
ATTANASIO
: Si nun s’ha rotte le gamme, ccà ha da stà. Vedete che cos’è la donna, lasciare me per mettersi con un miserabile, che tiene questo calzone. (Mostrandolo, e tenendolo capovolto cade una lettera).
NUNZIATA
: Uh! D. Attanà, è caduta na lettera.
ATTANASIO
: Na lettera. (La prende e legge:) «Mio unico bene».
FELICE
: (Uh! La lettera de cicerenella).
ATTANASIO
: Chi è? (Legge:) «Mia zia vorrebbe assolutamente farmi sposare ad un altro; ma io non lo farò giammai, o saro tua, o della morte. Non potrò mai dimenticarmi di quelle belle serate passate a Roma nel Colosseo, quando tu giuravi di esser mio, ed io di esser tua. Stasera, vieni alla festa, cerca di parlare con mia zia, anzi ci parleremo insieme, la pregheremo, la commuoveremo, e se sarà dura fuggiremo! Ama la tua — Cecilia».
NUNZIATA
: Come, come. Dice proprio Cecilia!
ATTANASIO
: Cecilia. Faceva l’amore con vostra nipote, e cu Faustina!
NUNZIATA
: Ah, infami birbanti! E nepotema, chesto teneva ncuorpo, a voglio accuncià io la voglio e me faceva la gatta morta, me faceva l’ingenua, e bravo: Mia zia se sarà dura fuggiremo! Datemi questa lettera, vediamo a chi è diretta. (Legge sopra:) «Al sig. Alberto Cicerello, sue mani», Ah... si chiama Alberto Cicirello, va bene. (Nel camminare vede Felice.) Uh! D. Attanà, n’ommo sotto a lo tavolino.
ATTANASIO
: Fosse isso! Sissignore, è isso! è il mio rivale, è l’innamorato di vostra nipote.
NUNZIATA
: Possibile!
ATTANASIO
: Esci! Infame!
FELICE
: Nonsignore, io...
NUNZIATA
: Zitto! Debbo chiamare mia nipote, e avanti a lei mi dovete dire, comme ve site conosciute, addò ve site viste, io debbo dar conto a mio fratello.
FELICE
: Ma voi capite, che io...
NUNZIATA
: Zitto! Non voglio sentire niente, non voglio sentire discolpe, per ora andate a comporvi, jateve a mettere lo cazone, llà, in quella stanza, quanno avite fatto ascite! (Da il calzone, e Felice via con tutto il tavolino.)
ATTANASIO
: Che miserabile! Non nc’è che dire, la donna sempre al peggior s’appiglia.
NUNZIATA
: Ah! Essa vene da chesta parte, D. Attanà, lasciatemi per un momento, voglio sentì a me che me dice.
ATTANASIO
: Sissignore, anze mò me vado a bere nu bicchiere d’acqua, tengo la gola secca comme a l’esca. (Via fondo a sinistra.)

SCENA TERZA

Cecilia e detta.

CECILIA
(da dentro in abito da festa): Zi zi, chella tale ballerina nun è venuta ancora?
NUNZIATA
: No, credo che venarrà cchiù tarde.
CECILIA
: Me parene 1000 anne che la veco.
NUNZIATA
: E sulamente chella ballerina aspettate, non aspettate nessun altro che vi preme?
CECILIA
: No, chi volete che aspetto.
NUNZIATA
: (Che faccia tosta!). Come non aspettate il vostro sposo D. Attanasio Pirosicco?
CECILIA
(fredda): Ah, si.
NUNZIATA
: Questo nome non vi piace tanto, è vero? Sarebbe stato meglio se lo sposo se fosse chiamato Alberto?
CECILIA
: Alberto!
NUNZIATA
: Lazzarella! Chisto servizio stiveve combinanno a zi zia «Se zi zia sarà dura fuggiremo». Questa lettera tutto m’ha fatto scoprire.
CECILIA
: (Ah! Lo barbiere m’ha tradita!).
NUNZIATA
: Mò proprio, scrivo na lettera a frateme, le conto tutte cose, e dimane te ne manno n’ata vota addu isso.
CECILIA
: Ah! No, zia mia, vuje nun l’avite fà chesto, io ve voglio troppo bene, e nun me fido de lasciarve, si, è overo, a Roma cunuscette Alberto, pecché abitava de rimpetto a casa mia, nu juorno me mannaje na lettera, addò me diceva che me vuleva spusà, io le dicette c’avesse parlato cu papà mio, isso acconsentì, e me dicette, che lo juorno appriesso nce jeva a parlà. Siccome isso, è commesso viaggiatore, avette nu telegramma de pressa, e avetta partì pe Livorno. Doppo 2 juorne, papà pure avette partì, e m’accompagnaje a Napole a casa vosta. Appena arrivato le screvette la direzione mia, e aiere, jette pe m’affaccià, e lo vedette a lo puntone de lo vico. La colpa mia è stata de nun dirve niente, pe paura che nun ve fosse dispiaciuto; ma na vota che vuje me ne vulite mannà, che nun me vulite vedé cchiù io so’ pronta a lassarlo, e fà chello che vulite vuje. (Piange.)
NUNZIATA
: (Povera figliola, m’ha fatto compassione). (Piange.) Dimme na cosa, tu me vuò bene veramente.
CECILIA
: Oh, assaje assaje.
NUNZIATA
: Stu D. Alberto te vò bene?
CECILIA
: Oh, ne so’ certa.
NUNZIATA
: E pecché è venuto de lo fenestiello e l’asteco e lo secutava D. Attanasio chillo che io te voglio fà spusà?
CECILIA
: Ah, forse veneva pe vedé a me.
NUNZIATA
: No, fujeva, pecché D. Attanasio l’aveva trovato co la nnammorata soja.
CECILIA
: Possibile!
NUNZIATA
: Possibilissimo, anzi aspetta. (Alla porta di Felice.) A voi, potete uscire, venite.

SCENA QUARTA

Felice e detto.

FELICE
: Eccomi qua. Che veco! D. Faustina!
CECILIA
: Questo signore chi è?
NUNZIATA
: Comme chi è. E lo nnammorato tujo. D. Alberto Cicirello.
CECILIA
: Voi che dite! Nun è isso!
NUNZIATA
: Comme, vuje nun site D. Alberto?
FELICE
: Nonsignore!
NUNZIATA
: E non m’avete detto niente?
FELICE
: Non m’avite dato tempo de parlà.
NUNZIATA
: E chi siete?
FELICE
: Io sono Felice Sciosciammocca.
NUNZIATA
: E sta lettera comme la tenite vuje?
FELICE
: Fuje na pazzia che facette, dicette lo cammariere che io me chiammava D. Alberto.
CECILIA
: Mò aggio capito.
FELICE
: Vuje stiveve vestuta da pagliaccetto, ve site cagnato vestito?
CECILIA
: Io?
FELICE
: Giovannino addò sta?
CECILIA
: Chi Giovannino?
FELICE
: Si ve trova D. Attanasio facite marenna.
CECILIA
: Che saccio che state dicenno, chi ve cunosce.
FELICE
: Guè, mò nun me cunosce.
NUNZIATA
: Neh, mio signò, vi prego di finirla, noi non sappiamo chi siete, perciò vi prego d’uscire!
FELICE
: Va bene, la signorina non mi conosce, non fa niente.
NUNZIATA
: Uscite!
FELICE
: Ma io...
NUNZIATA
(gridando): Uscite!
FELICE
: Signora vi prego di credere, che io sono un galantuomo, sono di Nocera, sono venuto in Napoli per sposarmi la figlia di un certo D. Pasquale Brasciola!
NUNZIATA
: D. Pasquale Brasciola! Che sento! Voi siete lo sposo della figlia, lo miedeco!
FELICE
: Sissignore.
NUNZIATA
: Uh! Chillo se credeva che stiveve facendo visite, che combinazione, D. Pasquale sta a lo buffè nzieme co la figlia, stanno qua, jammolo a truvà, venite.
FELICE
: Ah! D. Pasquale sta dentro? Ah! che piacere! (Aggio passato lo guaio!)
NUNZIATA
: Venite, e stasera voglio conoscere lo vero D. Alberto.
CECILIA
: Ah, zia mia! (Viano a sinistra.)
FELICE
: D. Pasquale ccà ncoppa, avarria essere pazzo a trasì dinto, mò me ne vaco.

SCENA QUINTA

Alberto, poi Faustina, poi Pasquale, Mariuccia, Nunziata, Cecilia, indi Attanasio.

ALBERTO
: Signore, scusate, debbo domandarvi una cosa.
FELICE
: Vado di fretta.
ALBERTO
: Un momento, sapete Cecilia dove stà?
FELICE
: (Guè, chisto ha da essere lo nnammurato de chella tale D. Cecilia). Voi siete D. Alberto Cicirello?
ALBERTO
: Per l’appunto, e come sapete il mio nome?
FELICE
: Eh, sappiamo tutto! Nel Colosseo che facisteve cu D. Cecilia?
ALBERTO
: Come!
FELICE
: Eh, siete stato scoverto, mio caro.
ALBERTO
: E la zia che ha detto?
FELICE
: La zia sta comme a na diavola, voi parlate della padrona di questa casa?
ALBERTO
: Sissignore.
FELICE
: Bravissimo, ma la nipote non si chiama Cecilia, quella s’ha cambiato nome, si chiama D. Faustina.
ALBERTO
: Voi che dite?
FELICE
: Eh, che dico, e che ve credete che fà l’amore solo con voi, ne tene n’ati duje, un amico mio, ed un vecchio, un certo D. Attanasio.
ALBERTO
: Oh, è impossibile!
FAUSTINA
(col domino senza la maschera): D. Felì, vuje state ccà.
FELICE
: Mò me cunuscite mò?
ALBERTO
: Cecilia con un domino! Spiegami, traditrice!
FAUSTINA
: Neh, a vuje chi ve cunosce.
ALBERTO
: Come! Nun me cunusce?
FELICE
: Accussì ha fatto pure cu me!
ALBERTO
: Ah, dunque, è overo chello che m’ha ditto stu signore? Infame, birbante! Voglio passà nu guaio! (Tira fuori il revolver.)
FAUSTINA
: Ah! (Fugge a destra, Alberto la segue correndo.)
FELICE
: E si, quanno nce vò, nce vò. (Escono dalla sinistra Pasquale, Nunziata, Mariuccia e Cecilia.)
NUNZIATA
: Eccolo qua.
PASQUALE
: Dove sta? D. Felice, voi qua?
FELICE
: D. Faustina! Chesto che cos’è?
PASQUALE
: E come vi trovate qua?
FELICE
: D. Pasquà, nce avuto colpa tutto Giovannino, chillo mbruglione, isso m’ha fatto passà nu zuffunno de guaje da stammatina.
PASQUALE
: Va bene, domani parleremo.
FELICE
: Ma scusate, vuje ve chiammate D. Cecilia o D. Faustina?
CECILIA
: Io mi chiamo Cecilia.
FELICE
: Sangue de Bacco, nce sta una ch’è tale e quale a vuje.
CECILIA
: Dove sta?
FELICE
: D. Alberto, lo nnammorato vuosto, pigliannola pe buje, l’ha sucutata co lo revolver pe dinto a chelli cammere.
CECILIA
: Possibile! (Corre a destra.)
FAUSTINA
(dal fondo a sinistra): Aiuto! Aiuto. Per carità! (Fugge a destra.)
ALBERTO
: Tu nun me scappe.
ATTANASIO
: L’aggio ncucciata!
NUNZIATA
e PASQUALE: Fermatevi. (Li trattengono.)
ALBERTO
: Quella è una perfida!
ATTANASIO
: è una tiranna!
CECILIA
(dal fondo a sinistra): Addò sta, io nun la pozzo truvà?
ATTANASIO
: Eccola quà.
ALBERTO
: S’ha levato lo domino!
NUNZIATA
: Ma nonsignore, questa è mia nipote, quell’altra le somiglia perfettamente.
ATTANASIO
: Possibile!
ALBERTO
: Veramente?
CECILIA
: Ma si Alberto mio, e te dico che tanto aggio pregato a ziema, che finalmente acconsente a farce spusà.
ATTANASIO
: Veramente dice?
NUNZIATA
: Si, domani m’informerò di voi, e si combinerà il tutto.
ATTANASIO
: E quell’assassina di Faustina addò sta?
CECILIA
: Jammo, jammola a truvà. (Via con Alberto e Attanasio a destra.)
PASQUALE
: E D. Giovannino addò sta?
FELICE
: E chi lo ssape.

SCENA ULTIMA

Eduardo e detti, indi Giovannino e Giulietta, poi Attanasio, Cecilla e Alberto.

EDUARDO
: D. Giovannino io nun l’aggio lassato li pede, mò sta saglienno li grade, e si vulite vedé cu chi sta v’avite annasconnere nu poco.
NUNZIATA
: Chi è?
PASQUALE
: Niente, è mio genero.
FELICE
: Mò se scummoghie lo fenucchio.
EDUARDO
: Annascunniteve. (Tutti si nascondono. Pasquale prende Felice per l’orecchio e lo fa nascondere. Escono dal fondo Giovannino e Giulietta sempre da pagliaccetto e col mascherino sul volto.)
GIULIETTA
: Faustì, ma che saccio, tu nun dice na parola, nun t’haje voluto levà la maschera, ma che haje? Pecché staje accussì? Che forse t’aggio fatto qualche cosa, sciasciona mia, Faustina mia!
PASQUALE
(viene avanti con gli altri): Ah, non ne posso più! Birbante assassino!
GIOVANNINO
: D. Pasquale!
FELICE
: Arrepara, arrepara.
PASQUALE
: Mi dispiace che sto in casa di questa signora e non voglio far chiacchiere, ma domani mi darete conto di un procedere tanto vergognoso! (Giovannino rimane avvilito.) E voi, signora mascherina, sappiate che quest’uomo, è ammogliato!
GIULIETTA
(si toglie la maschera): Lo sò!
PASQUALE
Che! Giulietta!
GIOVANNINO
: Muglierema!
FELICE
: Chisto che mbruoglie è!
PASQUALE
: Eduardo tu sposerai Mariuccia. (Eduardo bacia la mano a Pasquale.)
FELICE
: Chisto guaio aveva passà e l’aggio passato. (Esce Attanasio, Alberto e Cecilia.)
CECILIA
: Zi zi, è sorema Faustina, m’ha ditto tutte cose.
ATTANASIO
: Sì, ed ha promesso di sposarmi. (D.d. si sente suonare il pianoforte.)
NUNZIATA
: Un valzer, andiamo a ballare. D. Pasquà, stasera non si penzano a guai, chello che è stato è stato, stasera ci dobbiamo spassare.
PASQUALE
: Oh, ci spasseremo.
GIULIETTA
: Balleremo.
FELICE
: E domani abbuscheremo.
ATTANASIO
: Al ballo, al ballo. (Tutti viano a destra, rimane solo Felice dal fondo esce un servo in ricca livrea, in mano ha un grosso pasticcio, sta per traversare la scena, Felice lo ferma.)
FELICE
: Scusa, questo che cos’è?
SERVO
: Nu pasticcio.
FELICE
: Chi l’ha fatto.
SERVO
: Lo cuoco.
FELICE
: Comme se chiamme?
SERVO
: D. Eduardo Scarpetta.
FELICE
: Lo cunosco. E allora ha da essere buono!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto quarto

FINE DELLA COMMEDIA

Nessun commento:

Posta un commento