venerdì 29 marzo 2013

Eduardo De Filippo - Tua Madre non Serve.

L'ARTE DELLA COMMEDIA



Tommasino (testardo)
A me non mi piace
Luca
Questo lo dici perché vuoi fare il giovane moderno che non ci piace il Presepio…. Il superuomo. Il presepio che è una cosa commovente, che piace a tutti quanti…..
Tommasino (testardo)
A me non mi piace. Ma guardate un poco, mi deve piacere per forza?
Luca (per ritorsione, scuote violentemente la spalliera del letto, intimando al figlio)
Sùsete! Hai capito sùsete?
Tommasino (dispettoso)
‘a zuppa e latte!
Concetta (indifferente all’atteggiamento del marito, si rivolge dolcemente al figlio)
Alzati, bello di mammà, alzati!
Luca (a Concetta)
Embè, si le puorte ‘a zuppa ‘e latte dint’ ‘o lietto ve mengo ‘a coppa abbascio a tutte e due!
(alludendo alla cattiva educazione che Concetta dà a Tommasino)
Lo stai crescendo per la galera!
Concetta (conciliante)
quello mo si alza!
 
(e con gesti mimici, curando di non farsi scorgere da Luca, invoglia Tommasino ad alzrsi; il dialogo muto tra Concetta e Nennillo viene sorpreso e interrotto da Luca)
Luca
E’ incominciato il telegrafo senza fili
.
Tommasino (spudorato insiste)
‘a zuppa ‘e latte
 
Luca (irritato)
embè, mo te mengo a’ colla nfaccia.
Concetta
Alzati, bello ‘e mammà. Ti lavi tanto bello, e mammà intanto ti prepra nu bello zuppone.
Luca
Niente affatto. ‘O zuppone s’ ‘o va a piglia in cucina.
(a Tommasino)
che l’hai presa per una serva, a tua madre?
Eh?
Tua madre non serve!
 



Nessun commento:

Posta un commento