giovedì 28 marzo 2013

Eduardo De Filippo - è cos’e nient”,

L'ARTE DELLA COMMEDIA


Tratto dall'opera di Eduardo De Filippo
Peppino Girella 


“Che vuoi fare: è cos’e nient”,

“Pure questa è cos’e nient. È sem­pre cos’e nient.
Tutte le situ­azioni le abbi­amo sem­pre così risolte. È cos’e nient.
Non teni­amo che man­giare: è cos’e nient.
Ci manca il nec­es­sario: è cos’e...
nient.
Il padrone muore e io perdo il posto: è cos’e nient.
Ci negano il diritto della vita: è cos’e nient’.
Ci tol­gono l’aria: è cos’è nient, che vvuò fa.
Sem­pre cos’e nient.
Quanto sei bella.
Quanto eri bella.
E guarda a me, guarda cosa sono diven­tato.
A furia di dire è cos’e nient siamo diven­tati cos’e nient io e te.
Chi ruba lavoro è come se rubasse danaro.
Ma se ones­ta­mente non si può vivere, dimmi, dimmi “vab­buò è cos’e nient.
Non pian­gere è cos’e niente.
Se io esco e uccido a qual­cuno è cos’e nient.
E se io impazz­isco e finisco al man­i­comio e ti chiedono per­ché vostro mar­ito è impazz­ito tu devi dire: è impazz­ito per niente. È cos’e nient. È niente”.


 


Nessun commento:

Posta un commento