lunedì 14 gennaio 2013

Eduardo Scarpetta - Tre pecore viziose - Il copione

L'ARTE DELLA COMMEDIA






Tre pecore viziose
Da Le procés Veauradieux, di A. N. Hennequin e Delacour
Commedia in tre atti


personaggi

FeliceFortunatoCamilloCiccilloErricoBiaseMatteoCarluccioGiuliettaVirginiaBeatriceRosinaMariucciaConcettella


ATTO PRIMO


Camera nobile in casa di Beatrice. Porta in fondo. Tre laterali e finestra. Due mensole di mogano, con orologi. Sette sedie.

scena prima

Beatrice, Concettella e Biase.

CONCETTELLA (esce correndo e gridando): Aiuto!... Aiuto!
BEATRICE (trattenuta da Biase): Lassame, Bià, la voglia addecrià comme dico io!
BIASE: Fermateve, signò... Chella non lo ffà cchiu!
BEATRICE: Muzzecutola, faccia tosta! N’auta vota che te veco affacciata a la fenesta, a ffà le smorfie cu chillo D. Liccardo, t’afferro pe li capille, me te metto sotto, e tanno te lasso, quanno t’aggio rimasta scucciata!
CONCETTELLA: E che me mporta a me? Io me faccio la parrucca, comme la tenite vuje!
BEATRICE (a Biase): Uh, tengo la parrucca, io?
BIASE: E io saccio l’affare vuoste?
BEATRICE: Comme, nfaccia a tua zia, tu dici questa parola? Te l’aggia fà nturzà nganna! Mò che viene tuo padre, te voglio accuncià io! T’aggia fà chiudere dinto a quatte mure!
CONCETTELLA: Mò che vene papà, le dico tutto chello che me facite vuje... Tutte le figliole fanno ammore, sulamente io aggia essere priva de m’affaccià nu poco a la fenesta! Io non dico che voglio fà ammore tutta la jurnata, ma almeno ddoje ore a lo juorno me le vulite dà?
BIASE: E dice bene! Ddoje ore che studio, è regolare!
BEATRICE: Te voglio dà ddoje ore le schiaffe! Lassame, Bià!
BIASE: Aspettate, chella la signorina pazzea... È vero che pazziate?
CONCETTELLA: No, io nun pazzeo, dico veramente. Errico me piace e me lo voglio spusà.
BIASE: E mò ve prode la capa, mò!
BEATRICE: Haje ntiso? Vuò sentere niente cchiù? Ah, no, no questa ragazza non può stare più in casa nostra! Jesce, vattenne dinto a la cammera toja! Mò che vene patete, parlammo. Cammina dinto!
CONCETTELLA: Sì, me ne vaco, me ne vaco. (Fa una smorfia a Beatrice e via seconda a sinistra.)
BEATRICE: Uh, chella m’ha cuffiata! Lassame, Bià. (Biase la trattiene.)
BIASE: Avite visto comme ha fatto bello?
BEATRICE: E io so’ femmena d’essere cuffiata da essa? Va buono, nun te ne ncarricà scostumata lazzarella!
BIASE: Ma, signò, vuje pecché nun la vulite mmaretà?
BEATRICE: Che mmaretà? Quello è uno spiantato, non tiene niente... Che vulimmo fà? Comme ll’ata nepota mia, Virginia, che s’è sposata a D. Felice? Non si sa chi era, nce mbriacaje de chiacchiere... che teneva, possedeva... E comme è ghiuto a fernì? Che nce l’avimma avuta mettere dinto a la casa a tutte e dduje, e l’avimma dà a mangià e tutto chello che le serve... E tu lo ssaje!
BIASE: Comme, nun lo saccio! Ma vedite, pò essere che stu giovane sta buono, che tene bone ntenzione...
BEATRICE: Ah, e pecché nun è venuto a parlà cu li genitore suoje? Fortunatino, maritemo, doppo la seconda vota che me vedette, jette subito da papà e da mammà!
BIASE: Chi?
BEATRICE: Fortunatino, mio marito.
BIASE: (Me lo chiamma Fortunatino! Chillo è nu passabrodo!). E forse stu giovane, si nun è venuto fino a mò, po’ essere che vene dinto a sti juorne.
BEATRICE: No, Bià, non me faje capace! Essa nun l’ha da vencere. Fra l’ati ccose, nun saccio pecché Fortunato trica tanto... È asciuto da stammatina... Che va facenno nun lo saccio. Quanno vene, l’arraggia che tengo me l’aggia scuntà cu isso!
BIASE: E ma pure D. Camillo, lo frate vuosto, è asciuto a primma matina.
BEATRICE: Ah fratemo? E chillo è ghiuto per affari, è ghiuto per esigere... Sarrà juto a la massaria a Miano... Fossero tutte comme a chillo... Si mancasse na jurnata, comme se faciarria dinto a sta casa? Nun me pozzo fidà de nisciuno, Biase mio! Maritemo nun è buono a niente, è nu stupido, Feliciello, peggio... Dunque, de chi m’aggia fidà? Sulo Camillo, fratemo, tengo.
BIASE: E che vulite fà? Nce vò pacienza!
BEATRICE: Bià, va me piglia nu poco de cafè, ca tengo la vocca amara comme lo ffele!
BIASE: Subito. (P.a.) Uh, signò sta venenno D. Fortunatino, lo marito vuosto.
BEATRICE: Isso! Va buono, vattenne. (Biase via.) Io aggia sapè addò è stato fino a mò!

SCENA SECONDA

Fortunato e detta, poi Biase.

FORTUNATO (con involto di polpi): Beatrice mia...
BEATRICE: Ah, vi siete ritirato, finalmente?
FORTUNATO: Beatrice mia, mi è successa una disgrazia... Siccome tu ieri dicesti che tenive gran desiderio de mangiarte quatte purpetielle vive vive, così io stamattina non ce aggio perzo tiempo! So’ ghiuto e m’aggio pigliato seje purpetielle che zumpavano dinto a l’acqua... M’aggio pigliato lo tram e me ne stevo venenno. Quanno è stato lo largo lo Castiello, na carretta che veneva de faccia è ntuppata nfaccia a lo tram e l’ha fatto j sotto e ncoppa! Nuje tutte quante simme jute nterra... Convulsione da ccà, convulsione da llà, li cavalle che correvano e se strascenavano lo trammo appriesso... Na rovina!
BEATRICE: E nun ce so’ state muorte?
FORTUNATO: Muorte? Sicuro: quatte muorte e quindici ferite.
BEATRICE: E tu nun t’haje fatto niente?
FORTUNATO: Sicuro!... Me so’ fatto male ccà, nfaccia a la gamma.
BEATRICE: E dinto a chella ammuina, li purpetielle nun l’haje perze.
FORTUNATO: Niente! Io li ttenevo stritte stritte! E te pare? Io l’aveva purtà a te!
BEATRICE: È pe chesto haje tricato tanto?
FORTUNATO: Già. E si no perché aveva tricà?
BEATRICE: Basta! Zitto! Io nun ne credo niente! Tutte chiacchiere! Lo trammo, la carretta, li purpetielle! Siente, D. Fortunà, si appuro nu tanto de quacche mbroglia ca me faje, povero a te, povero a te, sì fritto!
FORTUNATO: Ma io...
BEATRICE: Zitto, nun me risponnere! Assettate llà!
FORTUNATO: Ma...
BEATRICE: Llà!... Coccia llà! (Fortunato siede a sinistra.)
FORTUNATO: (E chiste se cocene, sti purpetielle...). (Vorrebbe parlare, ma Beatrice gli impone silenzio.)
BEATRICE: Brutto vizioso! A quella età, non se mette scuorno! Cu chesta mugliera nnanze! Un altro uomo mi terrebbe dentro le carte veline, e isso invece cerca di imbrogliarrni sempre! Psss! Zitto!... Se n’è venuto cu la scusa de li purpetielle, credennose po’ che io ero na ciuccia comme so’ stata sempe! Na vota era na stupida, ma mò no!
FORTUNATO: Insomma, nun pozzo parlà?
BEATRICE: Niente, nun voglio sentere niente!
BIASE (con caffè): Ecco servita.
BEATRICE: Bià, viene me lo puorte dinto a la cammera mia... (A Fortunato.) Senti, vecchio vizioso, n’ata matina che te retire a chest’ora, te chiudo fore a nu balcone e llà te faccio stà tutta la nuttata! Ti voglio far morire tesico tesico... Mò vedimmo si mantengo la parola! (Via seconda a destra.)
BIASE: Ah, ah, ah... D. Fortunà, avita essere curiuso fore a lo balcone, na nuttata sana sana! E vuje, cu chisto friddo, la matina addeventate nu cicolo!
FORTUNATO: Tu sei un servitore e questi affari non ti appartengono.
BIASE: Lo ssaccio, ma vedite... Me pare na cosa curiosa... Fore a lo balcone! E si vene a chiovere?
FORTUNATO: Si nun te ne vaje, te mengo li purpetielle nfaccia!
BIASE: Ah, ah, ah! (Ridendo, via appresso a Beatrice, poi torna.)
FORTUNATO: Chella è capace da me chiudere fora a lo balcone... Me l’ha fatto cchiù de na vota! (Biase ritorna.)
BIASE: Ah, ah, ah!... Fore a lo balcone!... Ma che v’ha pigliato pe cane de presa? (Via pel fondo.)
FORTUNATO: Te ne vaje, o no? Sangue de la morte, nun l’aggio potuto mbruglià de nisciuna manera! L’avarria sapè che so’ stato da Rosina, la modista! Non volia mai lo cielo! Chella, lo cchiù poco me spararria!... Intanto stasera aggià j a cenà llà... E comme faccio? Che scusa trovo? (Guardando in fondo.) Uh, vene d. Camillo, lo frato... Mò ce vò na tirata de mente!

SCENA TERZA

Camillo e detto, poi Carluccio.

CAMILLO (affannando, con carte sotto il braccio): Ah, eccome ccà a me! Guè, Fortuna, staje ccà?
FORTUNATO: Sto qua. (Passeggia.)
CAMILLO: Ched’è, nun saccio comme te veco! Te sì contrastato cu Beatrice, certo.
FORTUNATO: D. Camillo mio, nun me ne fido cchiù! Quella donna mi tratta come se io fossi un servitore! Per avere tricato nu poco, perché lle so’ andato a comprà quatte purpetielle, quella m’ha fatto na cancariata che non si sarebbe fatto nemmeno a nu facchino... Nemmeno a voi!
CAMILLO: E io so’ lo facchino de la casa?
FORTUNATO: No... dico... Nemmeno a voi che le siete fratello. L’altra sera, per esempio, io vulevo stà fore a la loggia, che c’era un bel plenilunio... Quella invece me voleva fà j a cuccà pe forza... E và te cocca, ca io mò vengo... Nonsignore, t’haje da venì a cuccà mò!... E mò vengo... E viene... E mò vengo... e viene... Me dette nu schiaffo accussì forte, che me ntrunaje tutta la faccia! è vita questa che può andare avanti così?
CAMILLO: Hai ragione, Fortunato mio, ma che ce vuò fà? Bisogna compatire il carattere... Chella così fà, ma il fondo è buono.
FORTUNATO: Sì, il fondo è buono... Ma ve pare che io me posso soffrì chelli cancariate nnanze a la gente?
CAMILLO: Hai ragione, hai ragione.
FORTUNATO: Alla fine, io che faccio di male? Ditemi che cosa faccio di male? Significa proprio approfittarsi della bontà di un uomo! Io nun lle faccio mancà niente, quello che vò, lle porto. Lle faccio passà ogni desiderio... Quella si è messa in testa che io la tradisco.
CAMILLO: Eh?! (Facendo smorfia con il viso.)
FORTUNATO: Che io, quanno trico, vaco a ffà l’ammore cu n’ata femmena!
CAMILLO (c.s.): Eh?!...
FORTUNATO: (Ma chisto è brutt’overo, sà!). Và, ditemi voi se io sono uomo di questo?
CAMILLO: Oh, che dici? Sarebbe una vergogna!... Un uomo ammogliato... A questa età...
FORTUNATO: All’età nostra, il mondo è finito!
CAMILLO: E che c’entra l’età mia? Noi stiamo parlando dell’età vostra.
FORTUNATO: No, perché anche voi andate nella classe dei professori giubilati.
CAMILLO: Se capisce, e chi ce penza cchiù a certe cose? Questa è l’età in cui si pensa alla famiglia, agli affari...
FORTUNATO: D. Camì, parlateci voi, fatela capace una volta per sempre.
CAMILLO: Va buono, nun te ne ncarricà. Ce penzo io.
FORTUNATO: Ve raccomando... Pò chillo vizio che tene de menà li mmane, non sta, abbiate pazienza... Ajssera, pe tricà nu poco a ghirme a cuccà, pigliaje la cucchia m’acalaje lo calzone e... Ma addò simme arrivate! (Via.)
CAMILLO: Ave ragione! Chisto è nu buon’ommo... Chella lo tratta proprio comme nu servitore... Intanto so’ ghiuto da Mariuccia, ma nun l’aggio trovata... Nun ce steveno manco le compagne soje...
CARLUCCIO (di dentro): È permesso?
CAMILLO: Guè, Carlù, trase.
CARLUCCIO (entra con precauzione): Vuje me dicisteve che si arrivava qualche lettera lo cafè, ve l’aveva purtà subito mmane a vuje. Mò proprio l’ha portata nu guaglione, e chesta è essa. (Gliela dà.)
CAMILLO: Ah, bravo. Grazie tante... Tiene. (Gli regala.)
CARLUCCIO: Mille grazie.
CAMILLO: Carlù, me racomanno, silenzio!
CARLUCCIO: Oh, ma ve pare! (Via.)
CAMILLO: È la calligrafia de Mariuccia mia... Và trova che me scrive! Comme me sbatte mpietto! (Legge:) «Carissimo D. Camillo, voi mi avete parlato di voler cenare una sera con me. Se volete, questa sera, possiamo farlo; ci siamo unite alcune compagne e c’è da passare una serata divertentissima. Ognuna di noi porta un piatto; se venite, portate anche voi il vostro. Voglio sperare che verrete senz’altro, e salutandovi caramente, mi dico la vostra affezionatissima Mariuccia...». Sangue de la morte, st’occasione non me la faccio scappà! È stato buono che aggio avuto sta lettera mà... Mò trovo subito la scusa pe stasera. Come mi voglio divertire! Angelo, angioletto, angioluccio mio!... (Via seconda a destra.)

SCENA QUARTA

Felice e Biase.

BIASE (di dentro): Ma ch’è stato? Dicitemello a me.
FELICE (di dentro): Niente, Bià... Ma tu come sei seccante!
BIASE (uscendo): Ma nun pozzo sapè chi è stato?
FELICE (con valigetta e ombrello): Nisciuno, chi aveva essere?
BIASE: Ma dicitemmello a me.
FELICE: Dalle, dà... Ti dico che non è stato niente.
BIASE: Ma nun pò essere, caro D. Felice; vuje state tutto arruvinato! Certo ve site appiccecato cu quaccheduno.
FELICE: Vide, stongo scucito da dietro? (Si volta.)
BIASE: Scucito? Lloco ce vò na matassa de spago... Ma che v’è succieso?
FELICE: Bià, te dico tutto... ma, pe ccarità, zitto!
BIASE: Vuje pazziate? M’avite pigliato pe nu piccerillo?
FELICE: Zi Beatrice, ajere, me mannaje a Salierno per esigere certi soldi. Quanno è stato stammatina, al ritorno, dinto a lo treno, rimpetto a me, steva assettata na figliola, ma na cosa troppo bella! Vicino a essa steva n’ommo cu tanta na barba, che doppo aggio saputo che era lo marito; io me credevo che era lo padre. Chesta tale me guardava fitto fitto... Ca chello è stato; tu pecché me guarde? Fatte i fatti tuoi! Me ne so’ ghiuto de capa, e che aggio penzato de fà? Aggio stiso lo pede e l’aggio tuppuliata nu poco. Chella s’è stata, s’ha tenuta la posta! Ncapo n’ ato ppoco s’è misa a tuppulià pur’essa! Sangue de Bacco, aggio ditto, aggio fatto lo colpo! Quanno è stato sotto a lo traforo, sai che a Vietri ce sta lo traforo, lo momento che simme rimaste all’oscuro, che aggio penzato de fà? Me so’ susuto e l’aggio dato nu vaso!
BIASE: Bravo!
FELICE: Eh, bravo! Io so’ vivo pe miracolo! E già, pecché, invece de vasà a essa, aggio vasato lo marito!
BIASE: Uh! E comme?
FELICE: E comme; chillo lo treno cammenava, m’ha fatto traballà, m’ha vuttato da chella parte... Haje da dicere che io, ncapo a me, aggio penzato: Ma ched’è, la signora è pelosa? Figurate! Lo marito ha ditto: mò che arrivammo a Napoli, ti insegnerò la creanza! Arrivati a Napoli, mmiezo a la folla dei viaggiatori io l’avevo spèrzo... Chillo cancaro de guardia doganale, pe causa de chella balicella, tanto m’ha trattenuto che alla fine chillo m’ha visto e m’ha fatto nu paliatone nummero uno!
BIASE: Ah, ah, ah, chesta sì che è curiosa! Ma stateve attiento, D. Felì. Cu stu vizio vuosto, na vota de chesta putite passà nu guaio.
FELICE: No, no, ti giuro che non ci capito più! Bià, te raccumanno, tu avissa dì quacche cosa a quaccheduno?
BIASE: Mò me lo tturnate a dicere? State a penziero cuieto, che nisciuno saparrà niente.
FELICE: Intanto si muglierema, si zizia me vede accussì stracciato, io che lle dico?
BIASE: Dicite che avite abbuscato.
FELICE: E già, lle dico chello ch’è stato! Famme lo piacere, pigliame n’ato soprabito e portammillo. Ma te raccomanno, a uocchie a uocchie, nun ne fà addunà a nisciuno. Io t’aspetto ccà.
BIASE: Mò ve servo, non dubitate. (Via prima a sinistra.)
FELICE: Ah, mamma mia! M’ha dato ddoje ponie ccà dinto... Mò moro! M’ha miso sotto, e ndrunghete, ndranghete! Io, da sotto, aggio ditto: s’ha da stancà!... Intanto sto penzanno, và trova che ha ditto Giulietta, la modista, che nun m’ha visto j a casa da duje juorne! Quanno ce vaco, sà che se fà afferrà! Chella sape che io so’ scapolo, l’aggio fatto mille promesse, mille giuramenti. Aggio ditto che me la sposo!... Me sento scennere pe dinto a li rime che, quanno se scummoglia stu fatto, aggio na mazziata cchiù forte de chesta!
BIASE (con soprabito): Tenite, mpezzateve chisto.
FELICE (levandosi il soprabito scucito e indossando l’altro): Grazie, Biase mio; quello che fai a me, il Cielo te lo rende... Io poi ti regalo.
BIASE: Nonsignore, ve ringrazio. Io lo ffaccio pecché ve voglio bene e pecché me ricordo che facevo pure io lo stesso comme a vuje, quanno ero giovane.
FELICE: Ah, pure a te è succieso?
BIASE: Zitto, vene la mugliera vosta.
FELICE: Muglierema! (Prende la valigia e ritorna in fondo.)

SCENA QUINTA

Virginia e detti.

VIRGINIA: Guè, Feliciè.
FELICE: Virginia mia.
VIRGINIA: E comme, ire venuto e nun me facive sapè niente?
FELICE: Mò proprio so’ arrivato, e la primma cosa aggio ditto: Virginia mia comme sta? Addà sta? Sta qua o sta llà? È vero, Bià?
BIASE: Sicuro!
VIRGINIA: Staje stanco! Te vuò cambià? Staje tutto arrossito.
FELICE: Ma se capisce, mugliera mia, e comme vuò che stongo? Na giornata sana pe tutta Salierno, currenno da ccà, currenno da llà... E nun aggio potuto esigere li denare... Si sapisse ch’aggio passato!
BIASE: Chello che l’è succieso sotto a lo traforo!
VIRGINIA: Uh, e che t’è succieso sotto a lo traforo?
FELICE: Ah, sotto... lo fatto... Sicuro, sotto a lo traforo... c’era na piccerella che se metteva paura de stà a lo scuro... E comme alluccava! (Puozze passà nu guaio!) Dunque, comme steveme dicenno, nun aggio potuto esigere li denare...
BIASE: Chillo se credeva ch’era pelosa...
VIRGINIA: La pelosa?... Felì, e ched’è sta pelosa?
FELICE: Ah, la pelosa?... Dinto a lo treno ce steva nu furastiere... che teneva na valigia pelosa... Si vide comm’era curiosa! (Quanno è doppo, te scommo de sango!) Dunque, ti stavo dicendo...
BIASE: Chella canchera de guardia doganale...
VIRGINIA: Uh, mamma mia! Ch’è stato co la guardia doganale?
FELICE: Mò me sento stanco, Virginia mia.
VIRGINIA: Haje ragione, povero Feliciello. Bià, falle fà na tazza de brodo.
FELICE: No, che brodo, io tengo fame... Se se potesse avè nu piezzo de carne...
BIASE: E llà è quase pronto; anze, mò vaco dinto a la cucina a sollecità.
FELICE: E và, và... (Và ietta lo sango.) (Biase via.)
VIRGINIA: Assettate, Feliciè. Ma comme, io po dico, zizia afforza a te ha da mannà a fà sti servizie?
FELICE: Virginia mia, è una vita che io non posso più sopportare! Vengono certi momenti che io non mi fido di lasciarti, che vorrei stare sempre vicino a te, e invece debbo correre a qualche paese, come un facchino, come un servitore qualunque!
VIRGINIA: Lassa fà lo Cielo! Tu sì giovane, e chi sa che nu juorno...
FELICE: Nu juorno, sì, nu juorno! (Gridando:) Ma quanno sarà stu juorno?
VIRGINIA: Psss! Zitto!
FELICE (piano): Ma quando sarà stu juorno? Intanto mò faccio questa vita infame... E perché?... Perché... perché... perché...
VIRGINIA: Ma nu te disperà, siente a Virginia toja che te vò tanto bene.
FELICE: Virginia mia, io me lo tengo in corpo e non faccio mai una bella sfocata per non darti dispiacere... Ma io soffro... Io patisco assai! Quella si approfitta che io non ho niente, che ti ho sposata e non ti ho messa in una bella posizione!
VIRGINIA: Hai ragione.
FELICE: E io debbo ingottare, debbo agliottere veleno ogni giorno. E perché? Per un poco di mangiare... (Eh, nu poco!)... Ma io soffro, e soffro per te, Virginia mia, perché se fossi solo, io disprezzerei questa carità, questo pane impastato col veleno e con l’umiliazione!
VIRGINIA: E va buono mò... M’haje fatto venì na cosa dinto a lo stommaco. Hai ragione, Felice mio; ma tu, s vuò, pe te fà vedè quanto te voglio bene... iammoncenne mò proprio da dinto a sta casa... Jarrammo cammenanno, starrammo sempe aunite, ce murimme de famme nzieme...
FELICE: Uh, chesto no!
VIRGINIA: E quanno non ce fidammo cchiù, ce mettimmo a servì, mangiammo cu li fatiche noste; ce assettammo a tavola e si tenimmo pane e formaggio, nce lo mangiammo cu piacere, pecché dicimmo: è pane e formaggio faticato!
FELICE: Sì, dici bene! Vale più un pezzo di pane faticato che cento piatti senza sapè da dove vengono! Jammoncenne!
VIRGINIA: Lo Cielo ce aiutarrà!
FELICE: Lo Cielo ce aiutarrà!
VIRGINIA: Quanno faticammo, mangiammo!
FELICE: E quanno nun faticammo?
VIRGINIA: Diune tutte e dduje! Jammoncenne!
FELICE: Jammoncenne! (P.a.)

SCENA SESTA

Biase, poi Concettella, poi Biase ed Errico.

BIASE: La tavola l’aggio misa, li maccarfune mò se menano... Nu ragù scicco, D. Felì... V’alliccate li ddete! (Via.)
VIRGINIA: Jammo!
FELICE: Virgì, io direi... mangiamo prima!
VIRGINIA: E te fide de mangià?
FELICE: Farò forza a me stesso!
VIRGINIA: Ma tu non tieni orgoglio!
FELICE: Ma tu non tiene famma!
CONCETTELLA (entrando): Guè, Virgì, Feliciè, non sapite chi sta saglienno?
VIRGINIA, FELICE: Chi?
CONCETTELLA: Errico, lo nnammurato mio. M’ha fatto segno che viene a parlà cu zizia e cu papà.
VIRGINIA: E chesta penza sempe a na cosa!
FELICE: Ma figlia mia, statte attienta, vide buono stu giovane chi è, si te pò dà da mangià.
CONCETTELLA: Vì chi parla! Chillo sta all’ultimo grado della paccariazione!
FELICE: (E voglio parlà afforza!).
BIASE (introducendo Errico): Favorite, favorite. Vaco a avvisà la padrona. (Via.)
ERRICO: Grazie tante.
FELICE: Che vedo? Errico Passetiello, lo cumpagno mio de scola!
ERRICO: Guè, caro Feliciello! (Si abbracciano.)
VIRGINIA: Ve cunuscite?
FELICE: Ce cunuscimmo? E tu che nne saje! E dimme, dimme, tu ti vuoi sposare Concettella?
ERRICO: Sì, so’ venuto a parlà co lo padre e co la zia.
FELICE: Oh, questo è un matrimonio che si farà. Tu, me pare, che sei capo commesso...
ERRICO: Della Casa Giusti e Compagni.
FELICE: Pigli nu buono mensile?
ERRICO: Mille e cinquecento lire, poi ci sono i lucri, il tanto per cento sulla vendita... Mi vengono altre quattro, cinquecento lire.
FELICE: E so’ duemila! E bravo! Me pare che tenive nu zio tanto ricco...
ERRICO: Zì Luigi, sì; quanno more chillo, io sarà l’erede universale di tutte le sue ricchezze.
FELICE: Allora sperammo che muresse ambressa.
ERRICO: No, e perché?
FELICE: Per vederti ricco!

SCENA SETTIMA

Biase, poi Beatrice, Camillo, Fortunato e detti.

BIASE (entrando): D. Felì, stanno venenno la signora, D. Fortunato e D. Camillo.
FELICE: Oh, avimmo fernuto! Mettetevi in linea... Mò vide la vita che menammo cca.
BEATRICE (esce senza parlare).
FELICE: (La mamma de Lucrezia Borgia!).
FORTUNATO (esce senza parlare).
FELICE: (Fratello zuoppo!).
CAMILLO (esce senza parlare).
FELICE: (Lo guardaporte de lo vico de le campane!). (Fortunato vuol salutare Errico.)
BEATRICE: (Deve salutare primma lui a noi).
FORTUNATO: (Chillo non saluta, e nuje stammo ccà, comme tanta statue!).
BEATRICE: Il signore chi è?
ERRICO: Errico Passetiello, ai vostri comandi.
BEATRICE: Desiderate parlarmi?
ERRICO: Sì, tanto a voi quanto al signor Fortunato e al signor Camillo.
BEATRICE: D. Camillo e D. Fortunato dipendono da me! Tutto quello che voglio io, fanno loro.
FORTUNATO: (Che bell’onore!).
CAMILLO: (Nun ve ne ncarricate... Che avimma fà?).
FORTUNATO: (È nu fatto! Quanto cchiù pe mazze de scopa simme trattate, meglio è!).
ERRICO: Allora parlerò con voi.
BEATRICE: Volete rimanere da solo a sola?
ERRICO: Non c’è bisogno. Ciò che debbo dirvi lo possono sentire tutti; non è un affare segreto.
BEATRICE: Benissimo... restate tutti!
FELICE: (E chi se sta muvenno?).
BEATRICE: Biase?
BIASE: Comandate?
BEATRICE: Sedie... (Numera le persone.) Sette sedie.
BIASE: (Sette guastiedde alla siciliana!) (Tutti seggono. Biase via.)
BEATRICE: Dunque, parlate.
ERRICO: Signora mia, mi sbrigo in due parole: vostra nipote mi piace e me la voglio sposare. Informatevi di me...
CONCETTELLA: A me m’è simpatico, me piace e me lo voglio spusà!
BEATRICE: Silenzio, voi! Che vuol dire questo rispondere in mezzo? Chi vi ha insegnato questa creanza? Nun lo ffà n’ata vota, che te metto a dovere! (A Camillo.) E non sò come voi, che siete il padre, non le dite niente.
CAMILLO (mettendosi con la sedia in mezzo): Concettella, un’altra volta che rispondete, vi faccio una brutta mortificazione! Statevi al posto vostro, perché se no...
BEATRICE: Va buono, mò sì troppo luongo. (Camillo si ritira al suo posto.)
FELICE: Ma quella la ragazza...
BEATRICE: Silenzio!
FELICE: (Ccà stammo a scola!).
BEATRICE: Signore, il vostro parlare non mi piace. Voi precipitate troppo il discorso. Parlate meglio.
ERRICO: (E comme aggia parlà?)... Un mese fa vidi vostra nipote alla finestra, me ne innamorai e giurai di farla mia! Mi sono diretto a voi come sua zia, ed ero venuto anche a parlare con suo padre e suo zio. Ma na vota che non contano niente, che sono due esseri che, o ci sono o non ci sono, è l’istesso, così dico tutto a voi. Sono capo commesso della Casa Giusti e Compagni, e mi vengono duemila lire fra lucri e mesata. Domandate di me; sono un giovane onesto, di buona famiglia, e posso renderla felice.
BEATRICE (a Fortunato e a Camillo): (Che vulite fà? Vulite parlà?).
FELICE: (D. Camì, che parlammo a ffà? Nuie avimmo fatto chella figura!).
CAMILLO: (Beatrì, parla tu).
BEATRICE: Sentite, signore... Oggi siamo in un’epoca che, per riguardo a matrimonio, bisogna spaparanzare tanto un paio di occhi... È vero D. Felì?
FELICE: Sicuro! (Ecco l’umiliazione!)
BEATRICE: Un giovane, quando si presenta, vi dà a credere tante bugie, tante falsità!... Non parlo già per voi, parlo al generale.
FELICE: (Parla co lo capotammurro!).
BEATRICE: Vi dice che tiene mille e tre, mille e quattro, mille e cinquecento lire al mese, che tiene, che possiede... e poi non è vero niente! Intanto, che succede! Che la giovane piglia una passione, i genitori, per non farla ammalare, la fanno contenta. Dopo il matrimonio mancano i mezzi, e i genitori sono costretti a pigliarseli in casa e dar loro da vivere... Non è vero, D. Felì?
FELICE: Sicuro!
VIRGINIA: (Sti pparole veneno a nuje!).
FELICE: (Mannaggia li maccarune co lo rragù!).
BEATRICE: Poi debbo dirvi, caro signore, che ciò che voi avete, anche se fosse vero, è troppo poco per mia nipote. Che cosa fate con duemila lire al mese? E anche se fossero duemilacinquecento, che cosa ne fareste? Mia nipote tiene una dote e, scusate se ve lo dico, non può sposare un capo commesso con duemila lire al mese... (Tutti si alzano.)
ERRICO: Ma io tengo uno zio ricchissimo che, a morte sua, lascia tutto a me.
BEATRICE: Ah, a morte sua? Ma mo è vivo ancora. Lasciate che more, e po’ ve la sposate.
CONCETTELLA: No, papà, io lo voglio!
BEATRICE: Silenzio!
CAMILLO: Zitta tu!
ERRICO: Sentite, signora, io non potevo mai credere che avreste agito così! Io mi sono regolato da gentiluomo, perché volevo bene a Concettella cchiù de qualunque cosa. E aggio ditto la verità, aggio ditto chello che tenevo, e credo che ogni madre, ogni padre, ogni zio, vedendo questo modo di pensare, acconsentirebbero a far felice una ragazza. Io non sono uno di quelli che avete detto voi, quelli che si presentano in una famiglia, raccontano mari e monti, ingannano una figliola, e, quanno se l’hanno sposata, s’abboccano dinto a la casa de li pariente de la mugliera, e mangiano, veveno e se spassano senza fare niente... Non è vero, D. Felice?
FELICE: Sicuro! (Mò accumencia chisto, mò!)
ERRICO: Io vi ho parlato da galantuomo e non credevo mai che mi avreste data questa risposta. Ma vi giuro, da quel giovane onesto che sono, che Concettella sarà mia a qualunque costo! (Via.)
CONCETTELLA: Vuje avite voglia de fà, avite voglia de dicere, che io a Errico m’aggia spusà! (Via seconda a sinistra.)
BEATRICE: T’haje da spusà chi dico io!
VIRGINIA: Ma zizì, nuje me pare che tenimmo ancora a papà!
BEATRICE: Papà non c’entra! Sono io la padrona della casa, sono io che comando!
VIRGINIA: Comandate, se capisce, pecché tutte avimmo bisogno de vuje, tutte quante avimma mangià, e voi ce date a mangià, pecché... nuje nun tenimmo niente... Papà se sta zitto, pecché è la posizione che nun lo fà parlà. Zì Fortunato nun parla, pecché la sacca nun lo fà arapì la vocca, e fanno fà a vuje, dipendono da vuje. Pecché? Pecché s’ha da mangià! Ma si lloro se fidano de suffrì ancora, nuje tenimmo sango dinto a li vvene! Mò proprio me vaco a piglià la rrobba mia e ce ne jammo da dinto a sta casa! Io sò mmaretata, e nisciuno me lo ppo’ impedì, pecché la legge dice che la moglie deve seguire il marito. Accussì vuje ve levate lo fastidio e nuje fenimmo de suffrì! Pecché a essere rinfacciato ogni tanto nu muorzo de magnà che ce date, è troppo, è troppo! (Via prima a sinistra.)
FELICE (pausa): Troppe umiliazioni, troppe sofferenze. E ogne tanto na parola mazzecata, ogne tanto nu buttizzo! Ma sì, ce ne jammo, ce ne jammo, vi leviamo il fastidio!

SCENA OTTAVA

Biase e detti.

BIASE (dal fondo): Lo pranzo è pronto! Li maccarune stanno in tavola!
FELICE: È impossibile!... Io non posso lasciare questa famiglia! (Si getta nelle braccia di Camillo e Fortunato.)

(Cala la tela.)
Fine dell’atto primo


ATTO SECONDO


Camera semplice. Tre porte laterali e una finestra prima a destra. In fondo, porta che si chiude con due battenti, con campanello, a vista del pubblico. In fondo, a sinistra, vetrina con cappelli da donna. A destra, tavolino a quattro piedi, con scatole da cappelli. A destra, fra la finestra e la porta, altro tavolino con pacco di carte da gioco, sedie, ecc.

SCENA PRIMA

Mariuccia e Rosina, poi D. Matteo.

(All’alzarsi della tela, il campanello della porta di fondo suona. Mariuccia esce dalla seconda a sinistra e va ad aprire a Rosina.)

ROSINA: Mariù, bonasera.
MARIUCCIA: Eh, bonasera! A chest’ora ve ne venite? Aggio avuto fà tutte cose io!
ROSINA: Tu, po’ sì curiosa! Capisce che, pe fà capace a mammà, c’è voluto lo bello e lo buono! Chella nun me voleva fà venì.
MARIUCCIA: Uh, e comme è pettemosa, neh! Alla fine, sì venuta dinto a la casa mia! Io vularria che D. Fortunato te sposasse subito, pe dà na risposta a mammeta, come si conviene.
ROSINA: Mariù, ma che saccio... Chillo D. Fortunato è troppo viecchio!... A me non me piace!
MARIUCCIA: Viecchio? Ma addò sta sta vicchiaia? è un uomo fatto, è uno de chillo che, quanno avvicinano na figliola, fanno overamente. Embè, D. Camillo, chillo che me vò spusà a me, nun è pure viecchio? Sora mia, oggigiorno, na figliola, chiunque lle capita, o viecchio o giovane, se l’ha da spusà. Stammo a nu brutto momento! E po’, sà ched’è la cosa? Pecché sogno viecchie, ce vonno bene assai!
MARIUCCIA: Comme! Chille nun ponno stà nu momento senza vederce.
ROSINA: Stasera ce n’avimma fà resate! Ce avimma spassà proprio!
MARIUCCIA: Comme va che Giulietta nun è venuta ancora?
ROSINA: La verità, chesto po’ nun sta! Vò venì proprio quanno s’è miso a tavola?
MATTEO (entrando): Piccerè, buona sera.
MARIUCCIA: Oh, caro D. Matteo.
MATTEO: Ch’è stato! V’aggio viste tutte ammuinate sta jurnata... Che avete società, stasera?
MARIUCCIA: No... Accussì... na cenulella fra cumpagne.
MATTEO: Ve raccumanno, però, zitto zitto, senza fà tanto fracasso. Lo mese passato, quanno aballasteve, avette n’osservazione da lo padrone de casa, che sta proprio cu la cammera de lietto, ccà sotto a vuje.
ROSINA: No, e che chiasso putimmo fà? Nuje avimma cenà sulamente.
MARIUCCIA: Oh, non dubitate, stasera nun s’abballa.
MATTEO: Io v’aggio affidato sti ddoje stanze pe poco e niente, e ghiate pure attrasso na mesata... Io ve aspetto, è cosa de niente.
MARIUCCIA: D. Mattè, pe tanto nun ve l’aggio data ancora la mesata, pecché aggia cagnà nu cupone.
MATTEO: Lo saccio che nu cupone me vulite fà!
MARIUCCIA: Comme nun me credite?
MATTEO: Vi credo, vi credo; io ho scherzato! Basta, la mesata me la date a vostro comodo, ma non voglio che lo padrone de casa se lagna cu me.
MARIUCCIA: Oh, non dubitate, non dubitate.
MATTEO: Bravo.
MARIUCCIA: D. Mattè, m’avisseva fà nu piacere, m’avisseva prestà quatte salviette.
MATTEO: Quatte salviette?
MARIUCCIA: Io saccio che li ttenite. Io po’ ve le ttorno pulite pulite, comme me’ le ddate.
MATTEO: Va bene. Per voi qualunque cosa. Io tengo na cascia de biancheria che mi rimase mia moglie; mò la vaco a arapì, le ppiglio e ve le pporto.
MARIUCCIA: E io vi ringrazio tanto tanto! (D. Matteo a soggetto via sospirando.) All’ossa de mammeta!
ROSINA: Ah, ah, ah, comme è curiuso!
MARIUCCIA: No, chillo have ragione... Chella dummeneca nuje ce sfrenajemo proprio! (Campanello.) Chi è?

SCENA SECONDA

Giulietta e detta.

GIULIETTA (di dentro): Aprite, aprite, sò io.
ROSINA: è Giulietta.
MARIUCCIA (va ad aprire): Ah, sì venuta finalmente!
GIULIETTA: Vuje nun sapite che m’è succieso!
LE DUE: Ch’è succieso?
GIULIETTA: Primma de tutto, avita sapé che ziema nun me voleva fà ascì assolutamente, pecché lle sò ghiute a dicere che io, la sera, faccio ammore ccà. Io l’aggio ditto: ma nonsignore, sò chiacchiere, sò gente che me vonno male. Niente, tu da ccà nun jesce... Ha chiuso la porta cu la chiave e s’è ghiuta a cuccà.
MARIUCCIA: Uh, e comme haje fatto?
GIULIETTA: Quanno aggio visto che essa durmeva a suonno chino, zitto zitto m’aggio pigliata la chiave da sotto lo cuscino e, ntela, me ne sò scappata per non mancare all’appuntamento. E comme potevo stà stasera, senza vedè a vuje?
ROSINA: Cioè, cioè, pe vedè a nuje... Pecché nun dice pe vedé a D. Feliciello?
GIULIETTA: La verità, primma pe vedé a isso, e po’ a vuje. Oggi l’aggio mannato nu biglietto lo solito cafè, dicennole che stasera ccà ce steva na cena, che fosse venuto senza meno e che avesse portato lo piatto sujo.
MARIUCCIA: E lo stesso aggio fatto io cu D. Camillo.
ROSINA: A D. Fortunato io nce lo dicette da ieri. Ma, sapite che sto penzanno? Chille nun sanno che veneno tutte e tre ccà. Ognuno se crede ch’è isso sulo.
GIULIETTA: E che fà? Stasera faranno la loro conoscenza.
MARIUCCIA: Ah, ah, ce ne vulimme fà resate! Neh, io vaco a sciuscià lo ffuoco... Vuje affacciateve, vedite si veneno. (Via seconda a sinistra.)
ROSINA: Neh, Giuliè, e tu ch’haje fatto cu Ciccillo lo guantaro? Te ncuieta cchiù?
GIULIETTA: Uh, e che ne saje, Rusina mia! Quanno è la dummeneca, nun fà ato, tutta la jurnata, che passià sotto a lo balcone mio! Ma nun ne caccia niente cchiù, però.
ROSINA: Ma pecché t’appiccecaste?
GIULIETTA: Non era cosa, Rusina mia! Nu fruscione... nu jucatore... Pe nu niente s’appicceca, pe nu niente caccia lo revolvere... È stato carcerato ddoje vote... Te pare che me spusavo a isso? Appunto dummeneca passata lle sbattette lo balcone nfaccia! Io credo che se sarrà fatto capace.
ROSINA: Haje fatto buono, haje fatto buono... (Bussa il campanello.)
GIULIETTA: Chi sarrà?
ROSINA: Chi è?

SCENA TERZA

Fortunato e dette poi Errico.

FORTUNATO (di dentro): Sono io, bellezza mia, apri!
ROSINA: Uh, è D. Fortunato, lo nnammurato mio. (Va ad aprire.)
FORTUNATO (con involto e mellone): Buona sera!
GIULIETTA: Felice sera!
ROSINA: Finalmente site venuto! V’avite fatto aspettà nu poco.
FORTUNATO: Angioletto mio, ho avuto tanto da fare... (A Giulietta.) Voi permettete?
GIULIETTA: Servitevi. (Fortunato bacia Rosina.)
FORTUNATO: Capite, è primo amore...
GIULIETTA: (Se n’è addonato ambressa!).
ROSINA: Io aggio ditto fra di me: mò vide che me fà aspettà e nun vene!
FORTUNATO: E come hai potuto solamente immaginare una tale cosa? Ti pare che io non venivo? E come potevo stare senza vederti? Tu sei l’unico mio pensiero, la sola mia felicità!
ROSINA: Neh, e che avite portato?
FORTUNATO: Rosina mia, io non sapevo come regolarmi... Ho portato sette costate... na fellata de caciocavallo e nu mellone de pane co la prova, proprio na bellezza. Comme ve pare?
GIULIETTA: Bravissimo.
ROSINA: Bravo, bravo. Jammo a portarlo dinto a la cucina.
FORTUNATO: Vengo, vengo, zuccariello mio!... (A Giulietta.) Permettete? (Via seconda a sinistra.)
GIULIETTA: Servitevi... Ah, ah, comme è curiuso!
ERRICO (entrando): Scusate, qui abita... Che veco? Giulietta?
GIULIETTA: D. Errico? E che ghiate facenno da chesta parte?
ERRICO: So’ venuto pe n’affare... E tu comme te truove ccà? Te ne sì ghiuta e casa addò stive?
GIULIETTA: Nonsignore sto sempe llà. So’ venuta a truvà la compagna mia. E mammà comme sta? Sta bona?
ERRICO: Eh, non c’è male.
GIULIETTA: Dimane appunto l’aggia purtà nu cappiello che lo tengo mmane da quinnice juorne... Ma io nun saccio comme ve veco... Che site venuto a fà ccà!
ERRICO: (Io mò che l’aggia dicere a chesta?)... Dimme na cosa Giuliè... Ma a me m’haje da dicere la verità.
GIULIETTA: Parlate.
ERRICO: Poco primma, ccà è trasuto nu viecchio, nu certo D. Fortunato Precepizio, cu na mappata e nu mellone mmano?
GIULIETTA: Ah, sissignore. Sta dinto.
ERRICO: E chi è, chi è?
GIULIETTA: E vuje non lo sapite?
ERRICO: Sì, lo saccio, ma dico: che è venuto a ffà dinto a sta casa?
GIULIETTA: Chillo vene tutte li juorne. E lo nnammurato de Rusina.
ERRICO: Ah?
GIULIETTA: Ch’è stato?
ERRICO: Niente, niente... tengo nu frungoletto ccà, ncoppa a lo cuollo... Ce tocca lo colletto, capisce? Dunque, vene a ffà ammore?
GIULIETTA: Ma vedite, onestamente... Chillo vene pe fine de matrimonio.
ERRICO: Ah, vene pe fine de matrimonio?
GIULIETTA: Sissignore... Ma scusate, vuje pecché l’avite vuluto sapé?
ERRICO: No, pe niente... Siccome stu D. Fortunato m’ha da dà cierti solde da tanto tiempo, nun aggio potuto mai appurà addò steva de casa... L’aggio visto mpizzà dinto a stu palazzo, e me credevo che ccà abitava.
GIULIETTA: Nonsignore, ccà vene a truvà la nnammurata. Me dispiace che chesta nun è casa mia, si no ve diciarria stateve...
ERRICO: Grazie tanto. Ma pecché vi divertite stasera?
GIULIETTA: No, ce sta na piccola cena, simmo tre compagne: Mariuccia, la padrona de casa, Rusina, chella figliola che v’aggio ditto, e io.
ERRICO: E credo che, come ce sta lo nnammurato de sta Rosina ce starranno pure li nnammurate vuoste, dì la verità!
GIULIETTA: Sissignore, ma sempe pe fine dirette!
ERRICO: Sempe co lo diretto!
GIULIETTA: Pe fine de matrimonio. Lo nnammurato de sta Mariuccia è n’ommo pure fatto, un uomo dabbene... Un certo D. Camillo Pacchione...
ERRICO: Ah!...
GIULIETTA: Ch’è stato?
ERRICO: Lo frungoletto... Se chiamma D. Camillo Pacchione?
GIULIETTA: Sissignore. Ha ditto che lo mese entrante se la sposa.
ERRICO: (Alla faccia mia!...). E il tuo innammorato sarebbe il terzo vecchio?
GIULIETTA Vuje che dicite? Sicuro! Me mbarcavo pure io pe Civitavecchia! Lo nnammurato mio è n’ata cosa! Lo nnammurato mio è giovane, simpatico e friccecariello. Sentite, io nun saccio comme ponno fà ammore cu chilli viecchie! Va bene che se tratta de na posizione... Ma quanno lo matrimonio se fà senza genio, pe me dico che è n’infelicità!
ERRICO: Se capisce! Lo giovane sempe giovane è... E comme se chiamma stu nnammurato tujo simpatico, giovane e friccecariello?
GIULIETTA: Se chiamma Felice Sciosciammocca.
ERRICO: Ah!!...
GIULIETTA: Ch’è stato?
ERRICO: S’è crepato!
GIULIETTA: Meno male!
ERRICO: E ha ditto che te vò spusà?
GIULIETTA: Sissignore, ha pigliato de tiempo fino a maggio.
ERRICO: (E staje fresca!). Bravissimo! (Vì che assassino!) E sti duje, ancora hanna venì?
GIULIETTA: Nonsignore, ma chille mò veneno.
ERRICO: Allora lassammenne j, nun me voglio fà truvà ccà.
GIULIETTA: Ve torno a ripetere, si fosse casa mia...
ERRICO: Grazie tanto, vale lo stesso... (Mò ll’aggia cumbinà nu bello piattino a tutte e tre; aggià fà vedé a chella vecchia chi tene attuorno e chi song’io!...) Giuliè, statte bona. Ti auguro buona fortuna, ma arape ll’uocchie, però, e statte attienta, statte attienta!
GIULIETTA: Non dubitate. Vuje sapite che io nun so’ scema!
ERRICO: E mme ne so’ accorto! (Via.)
GIULIETTA: Chisto m’è venuto sempe appriesso; l’ha avuto nu poco dinto a li diente chello che l’aggio ditto!

SCENA QUARTA

Rosina e detta, poi Camillo, indi D. Matteo.

ROSINA (uscendo): Ah, ah, ah, Giuliè, viene te fà quatte resate tu pure cu nnuje!.. D. Furtunato steva taglianno lo mellone a fella a fella, ha sgarrato co lo curtiello e s’ha tagliato lo dito! Si vide quanto è curiuso! Mò Mariuccia nce lo sta medecanno!
GIULIETTA: E tu ride? No, bell’ammore che le puorte, overamente!
ROSINA: Ch’aggia fà, io nun lo pozzo guardà nfaccia, che me scappa a ridere!
GIULIETTA: E nun ridere. Si chillo se ne addona... (Campanello.) La porta! Chi è?
CAMILLO (di dentro): Aprite, sono io.
ROSINA: Ah, è lo nnammurato de Mariuccia.
GIULIETTA: è D. Camillo, apre.
ROSINA (va ad aprire): Favorite, favorite.
CAMILLO (entra con involto da cui cola acqua; sotto il braccio altro involto con camicia): Grazie tante, mie belle ragazze... E D. Mariuccia?
GIULIETTA: Sta dentro, mò la vado ad avvisà. Accomodatevi. (Via.)
ROSINA (dandogli la sedia): Accomodatemi.
CAMILLO: Grazie. (Siede.)
ROSINA: Permettete?
CAMILLO: Servitevi. (Rosina via appresso a Giulietta.) Che bella cosa! Stasera, mmiezo a tre figliole una cchiù bbona de ll’ata, me voglio fà ciuotto ciuotto!
MATTEO (con quattro salviette): D. Mariù, chesti ccà songo li salv... Buona sera... (E chisto chi è?)
CAMILLO: Felice notte! (Va trova chisto chi sarrà...)
MATTEO: Vi sono servo!
CAMILLO: Padrone mio!
MATTEO: Scusate, voi chi siete?
CAMILLO: Sono un amico di casa. E voi chi siete?
MATTEO: Io sono D. Matteo Pagliuchella, il padrone di casa.
CAMILLO: Forse siete parente di D. Mariuccia?
MATTEO: Nonsignore, a D. Mariuccia le ho fittato queste due stanze.
CAMILLO: Ah, bravissimo.
MATTEO: Neh, ma vuje scurrite da sotto! Ma ched’è na gatta che tenite dinto a sta mappata? Ma cacciatela, chella è la paura, capite...
CAMILLO Nonsignore, che gatta! (Jevo cammemanno cu la gatta dinto a lo fazzuletto!...) Quelli sò puparuole in aceto.
MATTEO: Ah, perciò scorrono... Volevo dire!
CAMILLO: Chille s’abboccano, capite?
MATTEO: E vuje a chesto avita stà attiento; non avita fà abbuccà lo puparuolo, pecché si no, se ne esce tutto l’aceto, e vuje ve li mangiate sicche. Guardate llà, vuje me state arruvinanno tutto lo pavimento.
CAMILLO: No, non fà niente, quello è aceto... Si rinforza, anzi, il pavimento.
MATTEO: Sicuro! Basta, faciteme lo piacere de dà sti quatte salviette a D. Mariuccia.
CAMILLO: Va bene, vi servo.
MATTEO: Raccomandatele che non facesse chiasso, si no me ncojeto co lo padrone de casa.
CAMILLO: Scusate, ccà quanta padrune de casa ce stanno?
MATTEO: Nonsignore, questo è subaffitto, capite?
CAMILLO: Ah, va bene.
MATTEO: Vuje state scurrenno ancora! Se sarrà abbuccato quacche ato puparuolo... Vuje me state facenno na rovina, lloco! Permettete?
CAMILLO: Servitevi. (D. Matteo ride sconciamente.) (Vì quanto è bello!) E perché ridete?
MATTEO: No, sapete, rido pecché me credevo che dinto a lo fazzoletto purtaveve la gatta... Capite, questi animali, quando si vedono chiusi, fanno... (Ridendo, via.)
CAMILLO: Mannaggia all’arma de li puparuole! Si sapevo, nun li ppigliavo!

SCENA QUINTA

Mariuccia e detto, poi Giulietta, poi Felice, indi Matteo.

MARIUCCIA: D. Camì.
CAMILLO: Bellezza mia!
MARIUCCIA: Comme, a chest’ora?
CAMILLO: Mariuccia mia, ho avuto tanto da fare.
MARIUCCIA: Vuje diciveve sempe che vuliveve cenà cu mme, e stasera ce vulimmo spassà!
CAMILLO: Sì, sì, sciascioncella mia! Io, quando sto vicino a te, me sento cunzulà, addevento nu giuvinotto de vint’anne... Lassame vasà chella manella...
MARIUCCIA: Nun sta bene, me vedono li compagne meje.
CAMILLO: Nu poco poco, faccio subito subito!
MARIUCCIA: Baciate. (Porge la mano.)
CAMILLO (la bacia): Che bella cosa!
MARIUCCIA: Basta, diciteme che avete portato?
CAMILLO: Aggio portata na cosa spicciativa e stuzzicante: alice salate, aulive, chiapparielle e otto puparuole in aceto.
MARIUCCIA: Bravissimo, la nzalata de rinforzo! E ccà, che tenite?
CAMILLO: Ah, ccà ce sta la cammisa pe me cambià. Mariuccia mia, pe correre, sto una zuppa! E io, si nun me cambio, piglio subito lo raffreddore.
MARIUCCIA: Allora jatevenne dinto a la cammera de lietto mia. (Prima a sinistra.) Chiudeteve da dinto e facite l’affare vuoste.
CAMILLO: Grazie tanto, vita mia, sangue mio!... A proposito, stu D. Matteo, lloco dinto, m’ha dato sti quatte salviette, ha ditto che l’aveva dà a vuje.
MARIUCCIA: Ah, s va bene. Jate, jateve a cambià. Appena avite fatto, ascite.
CAMILLO: Io mò faccio lesto lesto, zuccariello mio! (Le caccia la lingua e via.)
MARIUCCIA: Ah, è na cosa proprio che nun se ne po’ scennere!
GIULIETTA (entrando): Guè, Mariù, sta saglienno Feliciello, l’aggio visto da dinto a la cancellata.
MARIUCCIA: Allora ce sirnme tutte quante. Spicciammoce.
GIULIETTA: E D. Camillo?
MARIUCCIA: Se sta cagnanno la cammisa dinto a la cammera de lietto. (Via - campanello.)
GIULIETTA: Lo vì lloco isso. Aspetta, lo voglio fà sbarià nu poco! (Mette tre sedie a terra vicino alla porta, spegne la luce e apre la porta, nascondendosi a seconda a sinistra.)
FELICE (entra con due tortani di pane, un ruoto e un fiasco di vino. Vede la scena oscura, ritorna fuori e bussa di nuovo il campanello. Poi entra e inciampa nelle sedie): E ched’è, neh, ccà sta tutte cose all’oscuro?... E la porta, chi me l’ha aperta? (Fa per camminare e inciampa di nuovo nelle sedie.) Mamma mia, mò rumpevo tutte cose!... Giuliè?... Giulietta?... (Entra Matteo.)
MATTEO: Chi è?
FELICE: D. Giuliè?... D. Giuliè?...
MATTEO: Ah, vuje a D. Giulietta chiammate?
FELICE: Sissignore.
MATTEO: Scusate, allora. Io avevo ntiso: D. Mattè, D. Mattè!
FELICE: Capite, sto all’oscuro...
MATTEO: Felice notte, buon divertimento. (Via.)
FELICE: La faccia de mammeta! Comme si avesse ditto: tenite, chisto è nu lume... E stu D. Matteo, chi è? Giuliè?... Giuliè?...
GIULIETTA (accende la luce): Cucù!
FELICE: Giuliè, cheste nun sò pazzie che se fanno! Mò me facive rompere tutte cose!
GIULIETTA: L’aggio fatto pe ridere nu poco.
FELICE: Vì che sfizio!
GIULIETTA: Ch’haje purtato?
FELICE: Na turtiera d’alice che m’aggio fatto fà mò mò da lo pizzajuolo a lo puntone, dduje tortane de pane fresco e nu fiasco de vino zagarese.
GIULIETTA: Bravissimo, pure lo zagarese!
FELICE: Stasera avimma fà le l’arma de la cummedia!
GIULIETTA: Galantò, mò assettate, che avimma parlà nu poco! (Prende due sedie.)
FELICE: Eccomi a te, bellezza mia!
GIULIETTA: Senza che te ne viene bellezza mia e bellezza toja! Io voglio sapé pecché nun sì venuto né ajere né l’autriere!
FELICE: Giulietta mia, nun aggio potuto venì... Sò stato dinto a lo lietto cu la febbre.
GIULIETTA: E pecché nun me l’haje mannato a dicere? Va trova addò sì stato!
FELICE: Addò aveva j? Nun sò stato a nisciuna parte, te lo giuro!
GIULIETTA: Veramente?
FELICE: Veramente!
GIULIETTA: Allora va buono... Feliciè, siente, te voglio cuntà lo suonno che m’aggio fatto stanotte. Siente che cosa stravagante... No, ma nuje avimma fà li nummere.
FELICE: Sicuro, alle volte na combinazione de chesta...
GIULIETTA: Siente. Pare che io steva fora a lo balcone de la cammera mia e te stevo aspettanno. Doppo tanto tiempo, finalmente, sì venuto tu, dinto a na bella carrozza grande... M’haje fatto segno, e io sò scesa cu na bella vesta tutta bianca... Che saccio, pare comme fossemo jute a spusà...
FELICE: Io e te?
GIULIETTA: Sì. Ma però dinto a la carrozza, cu nuje, ce steva na bella nutriccia cu nu bello piccerillo mbraccio, comme fosse stato nu battesemo... ma, che saccio, nun era battesemo, pecché, appriesso a nuje, stevene tanta cunfrate...
FELICE: Chisto che mbruoglio è? Era battesimo, spusarizio, morte?
GIULIETTA: Basta, avimmo cammenato e simme jute pe la strada nova de lo corso. Quanno è stato vicino da Pastafina, simme scise, simme trasute, e llà ce steva na bella tavola priparata. Ce simmo assettate e ce simmo mise a mangià.
FELICE: Cu tutte le cunfrate?
GIULIETTA: No, le cunfrate se ne sò ghiute.
FELICE: No, me credevo che s’erano ammuccate appriesso. E ce ne vulevano maccarune!
GIULIETTA: Mentre steveme mangianno, è trasuta na signora cu na faccia che pareva che se voleva mangià lo munno... Che facite lloco, birbante assassine? Comme, che facimmo, haje ditto tu, stammo mangianno... Ah, e me lo ddice nfaccia, galiota birbante?... Allora aggio risposto io: Neh, bella fè, tu chi sì che dice sti pparole nfaccia a lo nnammurato mio? Lo nnammurato tuojo? Chisto è maritemo, io songo la mugliera! La mugliera?!... Ah, nfamo che sì, e tu a me m’haje ditto ch’ire scapolo! Dunque, m’haje ngannata? E cu qua core haje potuto lassà chella povera mugliera toja? Cu qua core haje potuto farme tanta giuramente? Che te credive, che non s’appurava? Tutte cose vene nchiaro a sto munno! Co lo tiempo se scopre lo birbante. E già ch’haje fatto chesto, tiene... aggio pigliato nu curtiello da la tavola e t’aggio acciso! Chella signora, che diceva che era mugliereta, ha chiammato la guardia... Tanta è stata la paura, che, mmieze a chilli strille, me sò scetata!
FELICE: (Vuje vedite chesta che se va sonnanno!). Ma sti suonne sò proprio na cosa curiosa!
GIULIETTA: Cose che uno non ce penza manco! Te pare, pozzo penzà che tu s nzurato?
FELICE: Ma si capisce, che lo ppienze a ffà? (Chello accussì è!)
GIULIETTA: Io vularria fà proprio li nummere.
FELICE: (E ccà li nummere se fanno!).
GIULIETTA: E tu me vuò bene?
FELICE: Ma non me lo domandare più! Io ti amo assai!
GIULIETTA: Evviva chillo Feliciello mio! Va, jammo dinto a vedè chelle che fanno. (Per andare.)

SCENA SESTA

Rosina, Mariuccia, Fortunato, Camillo e detti.

ROSINA (entrando): Poc’ato e simme pronte.
MARIUCCIA (entrando): È n’affare de diece minute.
FORTUNATO (con grembiule, ventaglio e dito fasciato): Mò esce a vollere! (Vedendo Felice.) Uh!!...
CAMILLO (dalla prima a sinistra): Ah, mò me sciasceo! (Vedendo i due.) Uh!!... (Sorpresa dei tre.)
GIULIETTA: Eh, noi ce l’aspettavamo sta sorpresa, ma na vota aveva essere... Mò faccio io la presentazione: D. Camillo Pacchione, innamorato e prossimo sposo di Mariuccia... D. Fortunato Precipizio, promesso sposo di Rosina... (Fortunato e Felice si scambiano il biglietto da visita; Giulietta prende per mano Felice.) D. Felice Sciosciammocca, che fra breve sarà mio marito!
ROSINA: Ma chesto che cos’è? Senza soggezione, senza cerimonie... Tenite. (Prende il tavolino con le carte da gioco e lo mette in mezzo.) Cheste sò le ccarte da gioco, assettateve e faciteve na bella calabresella?
MARIUCCIA: Rusì, pigliammo sta rrobba e purtammola dinto. (Prendono la roba portata da Felice e viano seconda a sinistra. I tre si mettono a giocare. Felice, nel distribuire le carte, ne fa cadere una parte a terra.)
GIULIETTA (raccoglie le carte): Eh, che faje?
FELICE: No... Quello è il morto!
FORTUNATO (con le carte in mano): Chiamo!
I DUE: Chiamate, chiamate!
MARIUCCIA (di dentro): Giulietta? Giulietta?
GIULIETTA: Me chiammano dinto; permettete? (Via, pausa.)
CAMILLO: Seh!
FELICE: Seh!
FORTUNATO (con voce rauca): Seh!
FELICE: Chisto mò more! Vivo nun nce lo purtammo a casa!
CAMILLO (a Felice): Tu haje ditto a sorema che ghive a trovà lo comparo che steva malato.
FELICE (a Camillo): E vuje avite ditto che ghiveve da lo notaio.
CAMILLO (a Fortunato): E tu haje ditto che ghive dall’avvocato.
FORTUNATO: E invece tutti e tre simmo venuti ccà!
CAMILLO (a Felice): E tu vieni qua sopra a fare l’amore!
FELICE: Vengo a fare quello che venite a fare voi.
FORTUNATO: Ma che c’entra, figlio mio; quello è vedovo e tu sì nzurato.
FELICE: E vuje nun site nzurato?
FORTUNATO: Ah, m’ero scordato che tenevo muglierema a casa!
CAMILLO (battendo la mano sul tavolino): Vergogna! Duje uommene nzurate, che fanno ammore!
FORTUNATO: E voi, e voi, invece di pensare agli affari di vostra sorella… mia moglie... (Mostrando il dito fasciato.)
FELICE: Ma ched’è, na pupatella?
FORTUNATO: Ve venite a fruscià ccà tutte li denare!
FELICE: Sentite, D. Camì, per questa sera non facciamo una cattiva figura con quelle ragazze che hanno preparato la cena, se no noi diciamo a zizia che voi ci avete portato qua sopra, che noi non ce volevamo venire e voi per forza ci avete voluto portare.
CAMILLO: Vuò sapé la verità? Mò ce truvammo, mò; chello ch’è stato è stato, nun ne parlammo cchiù! (Stretta di mano.) Alleanza!
I DUE: Alleanza!

SCENA SETTIMA

Giulietta, e detti, poi Ciccillo.

GIULIETTA (con tovaglia): Ched’è, avite fernuto de jucà?
CAMILLO: Sì, pecché ce seccammo. Nuje vulimmo mangià.
GIULIETTA: E llà è quase pronto. Jate a dà na mano vuje pure.
FORTUNATO: E ghiammo, jà!
CAMILLO: Muvimmece! (Via con Fortunato seconda a sinistra.)
GIULIETTA: Aiutame a aizà ccà. (Mettono il tavolino in mezzo e vi stendono la tovaglia.) Và dinto, fatte dà salviette e pusate.
FELICE: Salvietti! Posate! (Via seconda a sinistra.)
CICCILLO (esce senza parlare).
GIULIETTA: (Uh, Ciccillo! Steva la porta aperta!).
CICCILLO: Felice sera.
GIULIETTA: Felice notte.
CICCILLO: Ve ne ascite da la casa e non ve ritirate fino a chest’ora?
GIULIETTA: So’ affare che nun ve riguardano.
CICCILLO: So’ affare che nun me riguardano? Avete ragione... E stasera, ccà, c’è tavola?
GIULIETTA: Sissignore, na cena.
CICCILLO: E bravo, n’aggio tanto piacere.
GIULIETTA: (Comme avarria fà pe ne lo fà j a chisto?).
CICCILLO: Nzomma, nfra de nuje, nun ce sta niente cchiù?
GIULIETTA: Me pare che ve l’aggio ditto tanta vote. Ve putite fà capace.
CICCILLO: Me putevo fà capace, hai ragione, io mò che t’aggia dicere... Hai ragione... Comme, doppo sette mise che avimmo fatto ammore, pe na cosa de niente, tu me dice: fatte capace! A me ? A me, che me ne jette da dinto a li guantare e lasciaje trentacinche quaranta lire a lo juorno pe venì a faticà vicino la casa toja quase pe niente!... A me che me songo arruvinato pe tte! A me? Ah!!...
GIULIETTA: Guè, tu senza che faje lo guappo! (Aggio fatta la penzata!) Io nun te pozzo dà udienza... Io sò mmaretata! Maritemo steva fore... Stammatina è turnato e mò sta dinto.
CICCILLO: Mmaretata?
GIULIETTA: Si nun t’aggio ditto mai niente è stato pe paura de stu carattere tujo che tiene. Ma mò nun lo pozzo tené cchiù nascosto; mariteme sta dinto e, si chillo te vede, facimmo n’acciso e nu mpiso.
FELICE (con salviette e posate): Ecco qua le posate.
GIULIETTA (a Ciccillo): (Chisto è isso, vattenne).
FELICE: Chi è questo giovane?
GIULIETTA: Chisto ccà?... Chisto ccà m’è frato... Era militare e da poco ha avuto lo congedo... Tu sì stato fore e nun lo cunusce.
FELICE: Già, io so’ stato fore. E voi siete il fratello?
CICCILLO: Sissignore, io songo lo frato... Facevo lo suldato, capite?
FELICE: E bravo.
CICCILLO E bravo! (Gira intorno a Felice.) Dimane, si vengo, ve trovo ccà?
FELICE: Io so’ stato fuori, non abito qua.
GIULIETTA: E no, chesta è la casa de la cumpagna mia... Dimane vedimmo d’affittà na casa. Chillo stammatina è turnato, e mò stammo senza casa.
CICCILLO: Ah, non abita qua?
FELICE: Nonsignore, questa è la casa di una compagna sua... moglie di un carabiniere che mò sta dentro... sta nu poco sopra a lo lietto.
CICCILLO: Ah, la cumpagna soja è moglie de nu carabiniere che mò sta dentro, sopra a lo lietto?
FELICE: Sissignore.
CICCILLO: Ma è carabiniere a piede o a cavallo?
FELICE: Quanno se stanca, saglie a cavallo.
CICCILLO: E bravo! E addò ve pozzo truvà dimane mmatina?
FELICE: Io so’ stato fuori... Addò me putite trovà?... per dentro Napoli.
CICCILLO: E già, ve vaco trovanno co lo campaniello! Dateme nu biglietto de visita.
FELICE: Ah, sissignore, tenete! (Gli dà il biglietto da visita di Fortunato.)
CICCILLO: Grazie.
FELICE: (L’aggio dato lo biglietto de visita de zì Fortunato! A chello che ne vene vene!).
CICCILLO: Dimane nce vedimmo! Te voglio fà j a cascetta all’omnibus! Stateve bene, cenate forte e divertiteve!
FELICE: Grazie... Se volete cenà con noi...
CICCILLO: No, grazie, me ne vaco... A proposito, sosò, che arte fà mariteto?
GIULIETTA: Ah... è... è... coso... llà... Come se chiamma? è... è... commesso viaggiatore.
FELICE: Sicuro, commesso viaggiatore.
GIULIETTA: Lo padrone va nnanze, e isso appriesso.
FELICE: (Comme fosse nu cane!).
CICCILLO: E... che negoziate?
FELICE: Muzzune de sicarro!
GIULIETTA: Muzzune de scurriate, corde... Chincaglieria, insomma... è chincaglierie.
CICCILLO: Ah, ecco... Chincaglierie! E sta bene! Sosò, stateve bbona! E di nuovo cenate forte e divertiteve. (Sotto la porta, poi, a Felice.) (Carugnò, t’aggia chiavà na palla mmocca!) (Via.)
FELICE: Aiutateme! Io mò moro... M’è passata famma, sete, tutte cose! Ma chi è chisto?
GIULIETTA: Chisto è uno che pe fforza vuleva fà ammore cu me, nu guantaro... E le prode la capa de na mala manera! Chillo pe nu niente accide a uno! Io l’aggio ditto che ero maritata, e che tu ire maritemo! Quanno vene dimane, dì tu pure la stessa cosa.
FELICE: Tu che mbruoglio haje fatto! E domani na mazziata nisciuno me la leva!
GIULIETTA: Non te ne ncarricà, penzammo li maccarune mò! (Viano.)

SCENA OTTAVA

Rosina, poi Biase e Beatrice, poi Mariuccia, Giulietta, Camillo, Fortunato e Felice.

CAMILLO (di dentro): Jammo, jammo! Tutto è pronto!
ROSINA (con due bottiglie di vino): Jammo jammo! Oh, che vermicelle scicche! (Campanello.) Chi è?
BIASE (di dentro): Aprite, amici! (Rosina apre.) Scusate, qui abita la modista D. Mariuccia Perella?
ROSINA: Sissignore.
BIASE: Signò trasite.
BEATRICE: Dove sta la principale?
ROSINA: Sta dinto. Aspettate nu momento che mò ve la chiammo... (Per andare.) Ah, la vedite ccà, sta venenno.
MARIUCCIA (con maccheroni): Jammo jammo!
ROSINA: Jammo, jà! (Scopre la zuppiera.)
GIULIETTA: A tavola, a tavola! (Escono Camillo, Fortunato e Felice.)
I TRE (vedendo Beatrice): Che!!...
BEATRICE: Ah, la lettera anonima non mi aveva ingannata! (I tre vorrebbero parlare.) Zitti! A casa! A casa! (A concerto viano.)

(Cala la tela.)
Fine dell’atto secondo


ATTO TERZO


La stessa scena del primo atto.

SCENA PRIMA

Biase, poi Virginia, indi Concettella.

BIASE (dalla seconda a destra): Mamma mia, e comme sta D. Beatrice! Me pare na leonessa! Stanotte nun ha durmuto, sbariava pe tutta la cammera..; E D. Fortunato, D. Felice e D. Camillo, che hanno passata la nottata ncoppa all’asteco! Stanotte faceva chillo viento, sà comme se so’ recreate!
VIRGINIA (dalla prima a sinitra): Bià, che ore sarranno?
ROSINA: È fatto giorno da poco, saranno le sei e mezza.
VIRGINIA: Uha mamma mia! E quanno se decide zizia a farle scennere da llà ncoppa a chilli puverielle?
BIASE: (Eh, puverielle!).
VIRGINIA: E tu pure, Bià, staje muscio muscio... Che bello core che tiene veramente! Fà ambressa, và nce lo ddice a zizia!
BIASE: A me? Signurì, ma che site pazza? Me vulite fà avé na cancariata? Chella sta comme na tigre!
VIRGINIA: Ma comme, io aggia vedé suffrì nu marito, pe li stravaganze de na vecchia?
BIASE: Vedite, sta vota nun è stravaganza... Sta vota have ragione!
VIRGINIA: Ma comme, nun pozzo appurà ajessera che facettero? Venette na lettera diretta a zizia, essa la liggette, po’ se chiammaje a te, e tutte e dduje ve ne jsteve. Doppo n’ora turnasteve, e, tanto papà quanto zì Fortunato e Feliciello, fujeno chiuse ncoppa all’asteco, senza che io putette appurà pecché. Ato nun sentette da zì Beatrice che: birbante! assassine! Domani mi dovete dare delle spiegazioni!... Po’, comme na gatta stizzita, è stata tutta stranotte.
BIASE: Signurì, have ragione!
VIRGINIA: Ma ch’è stato? Bià, dimmello!
BIASE: Nun ve lo ppozzo dicere, a n’ato ppoco lo ssapite.
BEATRICE (di dentro, chiamando): Biase?... Biase?...
BIASE: Eccome ccà! (Via.)
VIRGINIA: E che ha potuto essere?... Eh, quacche cosa de serio sarrà stato!
CONCETTELLA (dalla seconda a sinistra): Virgì, haje appurato niente?
VIRGINIA: Niente! Biase lo ssape e nun me l’ha voluto dicere!
CONCETTELLA: Intanto chilli poverielle hanno fatto chella nottata, cu chillo viento che faceva stanotte! E si papà piglia nu raffreddore, si more, comme se fà? Nuie sulo a chillo padre tenimmo!
VIRGINIA: E nun dì bestialità!... Io stongo proprio ncoppa a li spine!
CONCETTELLA: Io pe chesto me voglio mmaretà, pe nun stà cchiù dinto a sta casa e vedé sti nfamità!
VIRGINIA: Io ajere me ne vuleva j, ma Feliciello afforza se vulette restà, e mò ben fatto!
CONCETTELLA Oh, zitto, vene zizia!

SCENA SECONDA

Beatrice, Biase e dette, poi Camillo, Fortunato e Felice.

BEATRICE (esce con Biase. Scena a concerto).
ROSINA: (è accumminciata la mimica!). (Accomoda, nel mezzo, tavolino e sedie. Beatrice, Virginia e Concettella seggono intorno al tavolino, poi Biase esce pel fondo a sinistra e torna con Camillo, Fortunato e Felice che seggono di fronte a Beatrice. Biase resta in piedi sul fondo.)
BEATRICE: Eccoci qua, voi di fronte a me e io di fronte a voi. Quanto sarei contenta se là ci fosse molta gente estranea, da poter sentire quello che io vi dico e quello che voi mi rispondete! Lo currivo mio è che nun ce sta nisciuno!... Ma non fà niente. Mi basterà Biase, il servitore, al quale io prego di rendere pubblico questo fatto. Mentre io parlo, non vi azzardate a rispondermi, altrimenti piglio lo calamaro e ve lo mengo nfaccia!... Che bello onore che vi siete fatto! Ma dove andrete a mettere la faccia? In quale parte del mondo potrete vivere, dopo quello che avete fatto ieri sera? Io non ho il coraggio di guardarvi! Arrossisco io per voi! Tremo io per voi! (A Virginia e Concettella:) Volete sapere che cosa hanno fatto questi tre che ci sono di fronte? (A Concettella:) Tu non puoi sentirlo! (Vedendo che Concettella non vuole andar via e cerca di parlare.) Pss! Zitta! (Fa segno a Biase di accompagnarla alla prima a sinistra; i due eseguono. Concettella via, Biase chiude la porta e torna al suo posto.) Niente di meno sono andati in casa di certe modiste a fare l’amore!
VIRGINIA: Che?! Ah!
BEATRICE: Pss! Zitta! A fare l’amore! Non ci sarebbe pena bastante per questi tre... questi tre... sti tre puorce! D. Camillo, invece di badare agli interessi miei, agli affari della sorella, di quella donna che lle fa jenchere la panza ogni giorno, se ne va facenno lo nnammuratiello! E forse, per lui, non sarebbe tanto grave la colpa, perché non è ammogliato. D. Felice che dovrebbe essere riconoscente a questa zia, la quale gli ha levata la famma da la vocca, l’ha vestito, gli ha dato a mangiare fino a ieri, D. Felice, che dovrebbe pensare che ha una moglie e che, facendo delle mancanze, dà diritto alla moglie di fare altrettanto, è quindi una rovina, un precipizio!... Invece di pensare a tutto questo, D. Felice se ne va dalla modista! E pure... e pure si potrebbe dire: è giovane, ha potuto mancare, non aveva esperienza... Ma D. Fortunato, mio marito, oh, quanto è pesante la sua colpa! Quanto è terribile la sua mancanza! Per poterlo punire, non basta la galera, non bastano i lavori forzati! Soltanto la morte sarebbe castigo degno da potergli dare! Ma sta morte chi nce la dà? Se lo faccio sapere ai tribunali, se ne fanno una risata... A chi debbo ricorrere?... Chi mi farà giustizia? Ebbene, me la farò io stessa! O vi discolpate e mi dite perché stavate in quella casa, a quell’ora, oppure uscirete dalla mia casa e andrete cercando l’elemosina!... Parlate uno alla volta.
FORTUNATO (alzandosi): O Beatrice...
BIASE (cantando): O Beatrice, tu sei degna di stare in cornice...
BEATRICE: Silenzio!
FORTUNATO: O Beatrice mia, tu sai come ti ho trattata, per anne e anne e anne...
BIASE (c.s.): E quanno è bello lo paparascianno...
BEATRICE: Silenzio, dico!
FORTUNATO: (Nuje stammo cu chisti guaje, e chillo mette lo paparascianno mmiezo!). Tu sai come ti ho trattata per anni e anni, sai che non sono stato mai capace di tradirti... Non sò come hai potuto solamente immaginare che io, in quella casa, mi trovavo per fare l’amore.
BEATRICE: E allora, perché ci siete andato?
FORTUNATO: Mò te lo dico... Ieri al giorno, come tu sai, stavo andando dall’avvocato, per quella causa che tieni pendente... Mentre camminavo, al largo della Carità, vidi D. Felice, qui presente, che correva, correva e se mpizzava dinto a la Pignasecca. Allora io dissi fra me: Come? È ghiuto a trovà lo compare malato, che sta a Costantinopoli, e invece va dinto a la Pignasecca? Ccà mbruglio ce sta sotto! Voglio vedé addò va! Me mettette appriesso e vedette che traseva nel palazzo numero diciannove. Infatti, dopo pochi momenti che isso era trasuto, trasette pure io, per coglierlo in flagrante! Mi pare che, come zio, come vostro marito e come uomo probo, non ho fatto che il mio dovere! (Siede.)
FELICE: (Uh, puozze muri de subbeto!).
VIRGINIA: T’aggia sceppà tutt’a faccia!
BEATRICE: Silenzio! E voi, signor D. Camillo, perché vi trovavate in quella casa? (Camillo si alza.)
FELICE: (D. Camillo, aiutateme voi! Quello mi ha rovinato!).
CAMILLO: Ieri al giorno io calai per andare dal notaio e portargli quella carta che gli serviva per quell’affare. Mentre stavo camminando per Toledo, mi venne di faccia un amico mio e mi disse queste parole: No, veramente tua figlia ha fatto un bel matrimonio!... E perché, risposi io... Sai D. Felice, tuo genero, dove è entrato poco primma? Dove è entrato? Nel palazzo numero diciannove alla Pignasecca, ed è entrato in casa di una modista che sta là. E per tanto l’ho visto, perché mi trovavo calando dal terzo piano... Allora, senza perdere tempo, corsi in quella casa per sorprenderlo... Mi pare che, come padre della moglie, come tuo fratello, ho creduto di fare il mio dovere! (Siede.)
FELICE: (E chisto uno è Chiavone e n’ato è Pilone!).
VIRGINIA: Birbante, assassino!
BEATRICE: Psss! Silenzio! E voi, D. Felice, come potete discolparvi?
FELICE (si alza): (Mannaggia all’arma de li mamme voste!). Commosso... commosso fino al dito pezzillo, dalle deposizioni fatte da questo micco e da questo rangotango, rispondo con la nervatura tutta in oscillificazione, e non dico che la verità! (Sputa in faccia ai due.)
CAMILLO: Lo vedite, nce ha sputato nfaccia!
FELICE: Eh, e chesto che è? Chesto è niente!
BEATRICE: Silenzio, dico!
FELICE: Fin dall’età di tredici anni mi è produta sempre la capa e, sempre che ho visto una guagliona bbona, me songo allummato e me ne sono andato de capa. Tutti gli uomini hanno un vizio: chi bevitore di vino, chi giocatore accanito, chi celebre fumatore... Il mio vizio è stato chillo de correre appriesso a li femmene! Il bevitore di vino beve, si ubriaca, cade e si sciacca. Il giorno dopo fà giuramento di non bere più... Dopo un paio di giorni passa per una cantina, la guarda, la torna a guardare, vorrebbe fuggire, ma non lo può! Quell’odore di vino, quella freschezza lo attrae, lo magnetizza, e quel pover’uomo, senza nemmeno saperlo, se trova assettato a nu scanno, cu nu litro mmano... Questo successe a me; per correre appriesso alle donne, trovai mia moglie, la presente, mi ubriacai di amore, la volli sposare, e così caddi e mi sciaccai. Dopo sposato, feci giuramento di non guardare nfaccia a nessuna donna, e stette cujeto per molto tempo. Ma che volete, un giorno vidi una modista. Era bbona, bbona dinto a l’arma de la mamma! Quella sua camminatura, quella sua corporatura, facevano incantare! La guardai, la tornai a guardare, e, al pari della cantina, quegli occhi, quella freschezza, quell’odore de carne fresca mi magnetizzarono, mi affascinarono e macchinalmente le jette appriesso... Il giorno dopo, senza nemmeno saperlo, me trovaje assettato dinto a la casa soja!... Ieri questa tale mi invitò a cenare con lei... Sì, è vero, io andai in quella casa, ma quale fu la mia sorpresa? Quella di trovare questi due vecchi peccatori nella stessa abitazione: uno amante di una certa Mariuccia e l’altro di una certa Rosina. Si venne a un accordo, si fece alleanza e, mentre tutto era pronto per la cena, vuje venisteve e nce rumpisteve ll’ova mmano! Ciò che loro hanno asserito sono calunnie e bricconate! Quello che ho detto io, è la pura verità, ve lo giuro sul mio onore! Verba ligant homines, tautorum cornua funes!
FORTUNATO E CAMILLO: Non è vero! Non è vero!
BEATRICE: Silenzio! A chi credere adesso?
FELICE: A me! A me!
FORTUNATO E CAMILLO: A noi! A noi!
BEATRICE: Silenzio! Fortunato, potete provare la vostra innocenza?
FORTUNATO: Sissignore! Domandate all’avvocato e vedrete che quello vi dirà che io, ieri là non ce stette.
FELICE: E già, pecché jettè là!
BEATRICE: E che prova è questa? Anzi, questo più vi accusa! Io voglio sapere se potete provare che là non siete andato a fare l’amore!
FORTUNATO: E questo come lo posso provare? Col tempo...
FELICE: . . .E colla paglia se stanno ammaturanno certi nespole!
FORTUNATO: ...Col tempo il Cielo tutto mette in chiaro.
BIASE: E voi, D. Camillo, avete prove?
CAMILLO: Avite voglia! Io vi posso portare...
FELICE: I peperoni in aceto!
CAMILLO: E che ne fà chella de li puparuole in aceto?
FELICE: E chesto può purtà!
CAMILLO: Io vi posso portare quell’amico mio che vide entrare D. Felice là dentro.
BEATRICE: Anche questa non è una prova. D. Felice, e voi?
FELICE: Io tengo due prove fortissime, e li tteneno loro stesse ncuollo! D. Camillo uscì co la camicia stirata e quando andò in casa della bella, siccome stava sudato per correre, si levò la camicia stirata e se mise una di tela che aveva portato con lui... Eccola qua! (La fa vedere.) Mio zio, D. Fortunato, poi, aveva portato alla bella nu mellone de pane co la prova. Per tagliarlo a fette, sbagliò e si tagliò un dito. (A Fortunato:) Caccia lo dito, caccia lo dito! La vì la pupatella, la vì la pupatella!
CAMILLO: La camicia io...
FORTUNATO: Il dito me lo sono tagliato...
BEATRICE: Basta, basta! (Si alza.) Chiamate Concettella! (Biase esegue.)
FELICE: (De che morte avimma muri?).

SCENA TERZA

Concettella e detti.

BEATRICE (afferrando per le mani Virginia e Concettella): Virginia, Concettella, voi starete con me, non vi mancherà niente! Andate in quella stanza. (Le due viano seconda a destra.) Biase?
BIASE: Comandate.
BEATRICE: Preparate tre letti sopra a lo suppegno. (Poi ai tre.) Serviranno per voi. Vi dò due giorni di tempo per trovarvi delle occupazioni! (A Fortunato:) Voi non avete più moglie! (A Camillo:) Voi non avete più sorella! (A Felice:) Voi non avete più zia! (Via seconda a destra.)
FORTUNATO: Uh, che arruvina! Che arruvina!
CAMILLO: E come si ripara?
FELICE: Ah, ben fatto! Io mò me recreo!
FORTUNATO: Infame, birbante!
FELICE: No, vuje site nfame e birbante, voi che avete rotta l’alleanza.
CAMILLO: Però essa si crede di avvilirmi? No, io non mi avvilisco! Mò vado dal notaio, me metto d’accordo cu isso, chiammo n’avvocato e lle faccio na causa comme dico io! Se io mi trovo in questa posizione è stata la disgrazia! La mia porzione non l’ho frusciata, l’ho perduta in piazza, pecché fallette co lo negozio! Essa, come sorella, deve alimentare il fratello! Mò te faccio vedé che piattino lle combino! (Via seconda a sinistra.)
FELICE: Io so’ giovane e me ne rido; male chi è viecchio! Mò vaco a cascetta all’omnibus! (Via seconda a sinistra.)
FORTUNATO: E io che faccio? Io nun saccio fà manco la vrenna pe li galline! (Vedendo ridere Biase.) E st’imbecille ride! Ma pecché ride, vurria sapé? Che c’entra sta resata?
BIASE: M’è scappata, che vulite da me! Basta, io vaco a piglià li lenzole pe ve fà lo lietto ncoppa a lo suppigno... Avite passata chella nuttata, è buono che v’arrepusate nu poco! (Via pel fondo ridendo.)
FORTUNATO: St’animale m’attacca li nierve! Uh, mamma mia, e che arruvina! E io che faccio? Che vaco facenno? Io so’ abituato a non far niente! Mannaggia quanno maje me venette ncapo!

SCENA QUARTA

Ciccillo e detti.

CICCILLO (di dentro): È permesso?
FORTUNATO: Favorite. Chi è.
CICCILLO (fuori): Vostro servo.
FORTUNATO: Padrone mio.
CICCILLO: Scusate, qua abita un certo Fortunato Precipizio?
FORTUNATO: Sissignore, perché?
CICCILLO: Me fate lo favore de me lo chiammà? Quanno lle dico una e ddoie parole... una e ddoje parole!
FORTUNATO: Ma vedete, mò non c’è... Non sta in casa.
CICCILLO: Ah, non ce sta?
FORTUNATO: Nonsignore.
CICCILLO: Arrivederci... (p.a.)
FORTUNATO: Arrivederci.
CICCILLO: Scusate, non sapete quando si ritira?
FORTUNATO: No, non tiene ora. Alle volte si ritira presto, e alle volte sta fuori di casa pure un paio di giorni.
CICCILLO: D. Fortunato?
FORTUNATO: D. Fortunato.
CICCILLO: Arrivederci.
FORTUNATO: Tanti rispetti alla sorella!
CICCILLO (p.a., poi torna): Ma almeno vorrei...
FORTUNATO: Uh, e mò site seccante, mò! Me parite na mignatta! Vi ho detto che non sò quando si ritira, e basta.
CICCILLO: Perdonate! E pecché ve bruttiate?... Arrivederci!
FORTUNATO: Arrivederci!
CICCILLO (prende una sedia e siede in mezzo mettendo in mostra un revolver).
FORTUNATO: (Mamma mia! E che è chill’uosso de presutto?).
CICCILLO: E io l’aspetto cca.
FORTUNATO: (E già, chisto è lo cafè de lo cummercio!). Ma, scusate, non mi potete far sapere che gli dovete dire?
CICCILLO: E che ve lo ddico a ffà? Vuje ve spaventate, chiammate gente, facimmo nu poco d’opera... E pecché?
FORTUNATO: Facimmo l’opera? Ma che v’ha da dà quacche cosa?
CICCILLO: Quacche cosa? M’ha da turnà la cosa cchiù cara ca io tenevo! M’ha levata na femmena che io volevo troppo bene... La mugliera, alle corte! Chella nfama, chella scellerata che aiere, doppo sette mise che ce aggio fatto ammore, me dicette che me fosse fatto capace, pecché essa era mmaretata e che nun me l’aveva ditto primma pe paura che io accedevo a essa e lo marito! E mò chesto ne vene! Me l’aggio miso ncapo! O stu D. Precipizio me dice: tiene, pigliatella, nun ne parlammo cchiù, o pure ccà stanno sei colpi... (Mostra il revolver.) Io li levo da ccà e li metto ccà! (Mostra il petto di Fortunato.)
FORTUNATO: Lasciatele stà lloco! (Mamma mia, che sento? Beatrice capace di questo? Ah, birbante assassina! Cielo mio, ti ringrazio, mò m’aggia piglià la rivincita!) Ditemi na cosa, signore, voi siete capace di dircelo in faccia col marito presente, che nce avite fatto ammore?
CICCILLO: Se capisce! E che me metto paura?
FORTUNATO: Embè, allora favorite in questa stanza, che mò ve manno a tutte e dduje: marito e mugliera.
CICCILLO: Addò vulite che traso? Llà dinto? E va bene, io llà aspetto, pecché si no io esco e faccio lo pazzo! (Via prima a sinistra.)
FORTUNATO: Non dubitate, io mò ve servo. Ah, nfame! Ah, traditrice! Dunque a me me teneva proprio comme nu papurchio! Ah, la debbo finire, la debbo totalmente finire. (Via seconda a destra.)

SCENA QUINTA

Biase, Giulietta, poi Felice.

BIASE (entrando con Giulietta): Ma vuje me vulite fà ncuità? Vuje capite che facite nu guaio?
GIULIETTA: E ca io pe chesto so’ venuta! Addò sta? Me lo voglio mangià vivo! Nfame! Assassino! Ngannarme de chesta manera!
BIASE: Non alluccate, pe ccarità!
GIULIETTA: No, io voglio che me sentono, pecché debbo giustificarmi, aggia dimostrà che io ero na figliola onesta, che nun sapevo che era spusato!
ROSINA: Ma po’ comme l’avite saputo?
GIULIETTA: Stammatina io, nzieme cu li cumpagne meje, simmo jute a lo cafè addò lle mannaveme li lettere, pe sapé quacche cosa, quacche notizia de lo fatto di ieri sera, e lo cafettiere m’ha ditto: belli figliole meje, nun le trattate, nun ve conviene, chilli so’ nzurati! Bell’ommo mio, sentenno chesto, n’ato ppoco jevo nterra! Assassino! E pe chi m’aveva pigliata a me? Io voglio mettere in chiaro tutto! Si ll’ate cumpagne meje so’ state debole, e nun ne so’ ncarricate, io no! Io, si nun sfoco, mme vene na cosa!
BIASE: Avite ragione... Ma sentite a me, senza che facite tanto chiasso, senza che ve facite sentere da la zia che sta arraggiata comme na cana, senza che facite pubblicità, calmateve cu li nierve, turnate dimane e parlate cu tutte quante.
GIULIETTA: Dimane? Tu sarraje pazzo! Io tengo tutto lo sango ncapo! Tengo nu nuozzolo nganna ca mò moro!
FELICE (entrando): Guè, Bià, io me ne vaco... (Vedendo Giulietta.) (Oh, mò aggio passato lo guaio!)
GIULIETTA: Ah, state qua? Aggio avuto proprio piacere de vedé a vuje primma de ll’ate! Io sà pe quanto non t’afferro e te caccio ll’uocchie da fora?... Pecché me ricordo chi songo e pecché penzo, doppo, che tenarriano da dicere de me! Ma che t’haje creduto cu chello ch’haje fatto? Haje fatta la solita bravura che fanno tant’ate birbante: lusingano na figliola, la fanno allummà, e quanno è doppo lle diceno: sà io non te pozzo da audienza pecché so’ nzurato! Credennose, facenno chesto, d’avé fatta na guapparia, d’avé fatta na conquista... d’essere ommo buono! No! Chi fà chesto è nu birbante e, senza cumpassione, meritarria d’essere esiliato, pe farle suffrì chello che soffre na povera figliola, quanno se vede barbaramente ngannata!
FELICE: Ma Giuliè...
GIULIETTA: Statte zitto che te dongo na seggia ncapo! Io so’ stata troppo accorta e nne ringrazio lo Cielo! (A Biase:) Avita dicere, bell’ommo mio, che io me sunnaje tutto lo fatto... me sunnaje tutto chello che po’ è succieso!
FELICE: E lo suonno non è fernuto ancora! Ce sta ancora lo fatto de le cunfrate! Tu statte lloco, e vide comme venene li cunfrate!
GIULIETTA: Li vvoglio fà venì io li cunfrate!... Ma addò sta la mugliera? Nce voglio parlà, lle voglio dicere che io nun sapevo niente! Ah, aiutateme... Me sento mancà lo fiato... Nun ce veco cchiù! (Sviene.)
BIASE: Uh, mamma mia! E a chella ll’è venuta na cosa! (La fa sedere.)
FELICE: Oh, mò veramente aggio passato lo guaio!

SCENA SESTA

Fortunato, Beatrice, Virginia, Concettella, indi Ciccillo, Felice, Biase e Giulietta.

FORTUNATO (di dentro): Niente! Non sento ragioni!
FELICE: Uh, stanno venenno tutte ccà fore! Piglia, Bià! (Prendono Giulietta e la portano prima a sinistra.)
FORTUNATO (fuori): Tutto potevo credere, fuorché chesto! Non vi bastava il marito? Avete voluto pure il soprannumero, donna imperfetta! Andate! Andate in quella stanza dove vi sta aspettando l’uomo da voi preferito!
BEATRICE (vezzosa): Ma tu sì pazzo.
FORTUNATO: Sì, fui pazzo quanno me mettiste la primma vota co la capa dinto a lo matarazzo! Ora vedrete, signora, se sono pazzo! (Alla prima a sinistra.) Uscite, signore uscite!
CICCILLO (di dentro): Carugnò, scinne abbascio!
GIULIETTA (di dentro): Ah! Gente! Currite!
CICCILLO (fuori, trattenuto da Biase): Lassame! (Col revolver impugnato.)
BIASE: Fermateve, pe ccarità!
FELICE: Mettete la sicura! (Scappa sotto la porta.)
GIULIETTA: Io nun so’ mmaretata, chillo nun è maritemo! Aggio mmentata sta buscia, acciocché tu nun me ncuitasse cchiù. So’ venuta ccà ncoppa pe me discolpà cu la mugliera de chillo briccone, che io non ne sapevo niente che era nzurato, si no nun lo guardavo manco nfaccia! La mugliera chi è?
VIRGINIA: Songh’io, songh’io, disgraziatamente!
GIULIETTA: Signò, chillo me dicette che era scapolo come pure. (A Fortunato:) stu mandrillo alla compagna mia!
BEATRICE: Bravissimo!
FORTUNATO: Aspettate, voi avete detto che avete fatto l’amore con mia moglie? (A Ciccillo.)
CICCILLO: Chi è vostra moglie?
FORTUNATO (mostrando Beatrice): Questa qua.
CAMILLO: Jatevenne, faciteme stu piacere!
FORTUNATO: E voi avete detto la moglie di D. Fortunato... D. Fortunato sono io.
CICCILLO: Nonsignore, D. Fortunato è chisto signore ccà. (Mostra Felice) e chisto è lo biglietto de visita che isso me dette. (Lo dà a Fortunato.)
FORTUNATO: E chisto è lo biglietto mio. Pecché nce lo diste?
FELICE: E chillo me venette mmano!
FELICE: Puozze passà nu guaio!
CICCILLO: Giuliè, che me dice?
GIULIETTA: Si te puorte buono e cagne carattere, io me te sposo.
CICCILLO: Bellezza mia! (L’abbraccia.)

SCENA ULTIMA

Camillo e detti, poi Errico.

FELICE: Ah, vene zì Camillo... (Camillo esce dalla seconda a sinistra con bastoni, ombrello, involto di panni su di un bastone, valigia, gabbia con uccello e due lunghe pipe in tasca.) Sapò!!...
CAMILLO: Beatrice, io me ne vado... (Errico compare infondo.) Bada a quello che fai! Pensa che sono tuo fratello!
FORTUNATO: Ed io tuo marito!
FELICE: Ed io marito e nipote!
CAMILLO: Dove andremo?
FORTUNATO: Che faremo?
FELICE: Moriremo!
CAMILLO: Non lo faremo più!
FORTUNATO: Mai più!
FELICE: Mai più!
BEATRICE: Mai più?
I TRE: Mai più!
BEATRICE: Ebbene, per questa unica volta, perdoniamo!
I TRE: Ah!...
FORTUNATO: Sul’io saccio chesta che tene ccà dinto! (Mostra il cuore di Beatrice.)
BEATRICE: Ma io vurria sapè proprio chella lettera anonima chi me la mannaje...
ERRICO (facendosi avanti): Io!
FELICE: Enrico?
ERRICO: A me faceva rabbia veder trattare le mogli in quel modo! E vi scrissi la lettera per farvi scoprire la verità.
FELICE: E nuje te ringraziammo tanto del favore che ci hai fatto! Nce haje fatto passà na nuttata ncoppa all’asteco!
BEATRICE: Bravissimo! E in ricompensa, vi accordo la mano di mia nipote.
CONCETTELLA: Ah, finalmente, Enrico mio! (Va vicino ad Errico.)
VIRGINIA (a Felice): Siente, io, pe mò, me stongo zitta e non dico niente ma stasera parlammo! T’aggia fà sentì lo sapore de li schiaffe!
FELICE: Lo sapore de li schiaffe? E io pure so’ contento... Però il sapore da te, il rumore... da voi!

(Cala la tela.)
Fine dell’atto terzo

Fine della commedia

Nessun commento:

Posta un commento