mercoledì 26 dicembre 2012

LE VOCI DI DENTRO Tre atti di EDUARDO DE FILIPPO - il copione -primo atto






LE VOCI DI DENTRO
Tre atti di EDUARDO DE FILIPPO
(1948)
PERSONAGGI
Rosa
Maria, cameriera
Michele, portiere
Alberto Saporito
Carlo, suo fratello
Pasquale Cimmaruta
Matilde, sua moglie
Luigi   loro figli
Elvira
Un brigadiere
Agenti di pubblica sicurezza
Zi' Nicola
Capa d'Angelo
Teresa Amitrano
Aniello Amitrano

ATTO PRIMO


Una luminosa e linda cucina in casa Cimmaruta. Primissime ore di un bel mattino di fine novembre.


ROSA (con tono di voce discreto, sommesso) Che ci vuole per farti svegliare, Iddio solo lo sa.

MARIA (entra sbadigliando. Una scarpa calzata e l'altra in mano. Pigra e assonnata siede per calzare anche l'altro piede) Io 'a matina nun me vulesse maie sósere... Me sento tutta spezzata... m'avota 'o stòmmeco...

ROSA Non hai il diritto di lamentarti. Tu 'a sera alle nove te ne vai a letto; mo' songo 'e sette e mmeza... hai dormito precisamente dieci ore e mezza. Che diavolo!

MARIA Nun m'abbàstano, signo'; nun m'abbàstano. Ognuno tiene la natura sua. E poi qualunque cosa, quando si comincia, si deve finire. Io la sera comincio a dormire, ma quando la mattina mi venite a svegliare, non ho finito ancora.

ROSA     Figlia mia... e a te t'ha muzzecata 'a mosca zè-zè!

MARIA E che v'aggi' 'a dicere, signo'. Certo ca io si fosse nata signora, mi avrei fatta una casa tutte camere da letto.

ROSA Invece sei nata cameriera, e se non ti alzi presto la mattina, pierde 'o posto.

MARIA No, signo', nun 'o ddicite nemmeno pe' pazzia. Io qua sto bene. 'O signore è tanto buono... 'A signora pure! Dormono tutte quante assaie. Sulamente vuie pare che 'o lietto v'abbrucia sotto. Si nun fosse pe' vuie...

ROSA Abbi pazienza, he' capito? Vuoi dire che pe' te fa piacere lascio 'a casa e me ne vado.

MARIA No... ma si pure vuie durmisseve comme dormono ll'ate, stéssemo dint' 'a pace 'e ll'angele.

ROSA E qua, si nun ce stesse io dint' 'a sta casa... (Prende da un tavolo presso la finestra dei pezzi di sapone e li osserva soddisfatta) Sta vota è venuto proprio bene: mi sto perfezionando.L'altra volta, quando si asciugarono, si spaccarono tutti quanti, e diventarono la terza parte... invece adesso... (Dallo stesso tavolo prende delle candele) E pure le candele. (Tastandole) Sono riuscita a farle diventare dure come le steariche di prima della guerra. Mari'... (Maria ha ripreso sonno a bocca spalancata). Mari'...

MARIA (come se si svegliasse per la prima volta)    Eh? È ora?

ROSA Oi ni', tu t'he' 'a sceta'! Io ce 'o ddico a mio fratello Pasquale e veramente te faccio licenzia'.

MARIA (convinta)  Non ho finito: non ho finito ancora!

ROSA E l'he' 'a ferni'! Alzati, vieni qua. (Maria di malavoglia le si avvicina). 

Guarda quanto è venuto bellu stu ssapone; e sti cannele...

MARIA     Veramente belle.

ROSA 'A guerra quacche cosa 'e buono l'ha fatto. Chi avrebbe mai pensato, prima della guerra, di fabbricare in casa candele e sapone...

MARIA     Oltre al risparmio, c'è pure soddisfazione.

ROSA Io mi sono proprio specializzata. Quasi quasi metterei un negozio. Tu, però, l'altro giorno, distratta, hai buttato il grasso della carne; non lo fare più, perché è un peccato. Tutti i grassi che restano, i rifiuti, l'olio della frittura... te l'ho detto tante volte, si devono conservare.

MARIA     M' 'avit' 'a perdona', signo'.

Campanello interno.

ROSA     Apri la porta.

Maria esce per la comune, poi torna con Michele.

MICHELE (seguito da Maria. Reca un piatto colmo di sorbe e una borsa per la spesa gonfia di generi alimentari) Donna Ro', bongiorno.

ROSA Bongiorno, Miche'. (Vedendo le sorbe) Uh... Grazie, te ne sei ricordato.

MICHELE E se no chi 'o senteva a don Pasquale. Ieri al giorno mi disse: «Se domani mattina non ti ricordi di comprarmi le sorbe, è meglio che nun te faie truva' sotto 'o palazzo». Tant'è vero che ieri sera, pe' nun me scurda' n'ata vota, primma 'e me cucca', mettette 'o piatto sopra 'a sedia appier' 'o lietto. Dicette: «Accussi dimane mmatina, 'o primmo pensiero, quanno passa chillo d' 'e ssorbe...» Donna Ro', sono al punto giusto di maturazione. Che so', prete 'e zucchero?

ROSA     Sì, so' belle. Sa' che piacere che nn'ave mio fratello.

MICHELE (mettendo la borsa sul tavolo)    E questa è la spesa.

ROSA     Ti sei ricordato tutto?

MICHELE Questa è la nota che mi avete dato ierisera: riscontrate voi stessa. Se ci manca qualche cosa non è colpa mia. È questione che 'a capa non è più quella di una volta: nu poco 'a miseria, nu poco 'a « tarantella » che faccio d' 'a matina 'a sera con gli inquilini!

MARIA (a sproposito) Neh, ma che bruttu suonno ca me so' fatto stanotte! Adesso me lo sto ricordando... Stavo qua, in cucina e pulivo i broccoli per la cena. Stavo seduta vicino 'a finestra cu 'e piede appoggiati sopra a un'altra sedia. Ammunnavo 'e broccoli e mettevo tutte 'e cemmetelle dentro 'a na nzalatiera. Quanno tutt'assieme, 'a dentro a na foglia, esce nu verme: nu verme bianco cu 'a capuzzella nera. Me guarda e mme dice: «E brava... io mo', pe' causa tua, so' rimasto senza casa. Nun fa niente, statte bona». «E dove vai?» aggio ditto io. «Addò aggi' 'a i', vado in chiesa, m'inginocchio e prego». «E allora vengo pur'io! t'accompagno». E siamo usciti insieme. Tutto in un momento è venuto a piovere, 'o verme m'ha guardato e ha ditto: «Tengo 'o mbrello». L'ha apierto, e dopo poco ce simmo truvate fuori alla chiesa. 'A porta grande era chiusa. Isso m'ha guardato e ha ditto: «Io entro lo stesso perché posso strisciare pe' sott' 'a porta». «E io?» «E tu rieste fora, c' 'aggi' 'a fa'? Aspetta che si apre la porta». «E sta piovendo». «Pigliate 'o mbrello e aspetta». È striscianno pe' sott' 'a porta è entrato in chiesa e non l'ho visto più. Aggio apierto 'o mbrello e mme so' mmisa a cammena'. Mentre camminavo, sempe cu 'o mbrello apierto, me sentivo na goccia d'acqua ca mme cadeva in mezzo alla testa, sempre allo stesso posto. Allora penzavo: «'O mbrello ha da essere sfondato... Ci deve essere nu pertuso». Alzavo la testa... guardavo, e 'o mbrello era sano. «Ma allora sta goccia da dove viene?» Penzavo ncap'a me: «Sperammo che arrivo presto... così 'o chiudo stu mbrello... » e avanzavo 'o passo. Quando tutt'assieme 'a goccia d'acqua è diventata n'aceniello 'e fuoco: m'ha fatto nu buco in testa e s'è intromesso dentro. Prima m'ha bruciato la lingua, poi lo stomaco, poi i polmoni... A un certo punto aggio ntiso 'e strilla': «A mme nun m'abbruce!» Era 'o core! Era il cuore mio che per non essere bruciato se n'è uscito dalla pancia e si è messo a correre. «Fermati!» strillavo io... «Fermati... Io comme campo senz' 'o core!...» Finalmente, tutta sudata e stanca, aggio girato pe' na strada e me so' truvata 'e faccia 'o verme n'ata vota. 'O quale m'ha ditto: «Si te vuo' salva', pigliate stu revòlvere e spara a chillu pezzente che sta assettato nterr' 'o marciapiede». Io l'ho sparato... Ma 'o bello sapite qual'è?... Che non appena l'aggio sparato, 'o pezzente è diventato una fontana... 'O verme ha ditto: «Tiene sete?... E bevi!» Io me so' misa a bévere... Signo', chella nun era acqua, era sangue... E io bevevo... bevevo... Che impressione!

MICHELE Vedite che razza 'e suonno! Si uno vulesse sta a sèntere i sogni... Io, per esempio, non mi sogno mai niente. 'A sera mi corico stanco che Iddio lo sa... Ragazzo, sì. Quando ero ragazzo mi facevo un sacco di sogni... Ma sogni belli... Certi sogni che mi facevano svegliare cosi contento, che mi veniva la voglia di uscire, di lavorare. Certe volte mi facevo dei sogni talmente belli che mi parevano spettacoli di operetta di teatro... e quando mi svegliavo, facevo tutto il possibile di addormentarmi un'altra volta per vedere se era possibile di sognarmi il seguito. Ma allora la vita era un'altra cosa. Era, diciamo, tutto più facile; e la gente era pura, genuina. Uno si sentiva la coscienza a posto perché anche se un amico ti dava un consiglio, tu l'accettavi con piacere. Non c'era, come fosse, la malafede. Mo' si sono imbrogliate le lingue. Ecco che la notte ti fai la fetenzia dei sogni, una specie di quello che ha raccontato Maria. Mo', se permettete, scendo perché ho da fare. (A Maria) E tu, sposati presto. Accussì, cu nu marito vicino, 'e suonne t' 'e ffaie color di rosa.

MARIA (divertita)  Allora s'ha da spusa' pure 'a signora Rosa?

MICHELE E pecché, si 'a signora vulesse... Ile mancarria un buon partito?

ROSA (tagliando corto)    Statte buono, Miche'.

MICHELE     Buona giornata. (Esce).

ROSA E tu, muoviti ca se fa tarde. Cominciamo a prepara' 'a colezione, ca mo' vide ca a uno 'a vota vengono i monaci al convento.

MARIA     'O primmo è don Pasquale.

ROSA Povero fratello mio. Lo vedo così sciupato. Giorno per giorno se ne scende da dentro al fodero.

MARIA So' 'e dispiacere, signo'. Don Pasquale non parla... ma ncuorpo a isso...

ROSA     Ncuorpo a isso che? Quali so' sti dispiaceri, pe' ssape'?

MARIA     Io che ne saccio... dico per dire. Ognuno tiene i dispiaceri suoi.

ROSA     E mio fratello non ne ha. (Comincia a macinare il caffè) Mentre io preparo 'o ccafè per Pasquale, tu prepara 'o zabaglione per Elviruccia. Prendi le due uova fresche che ho messo nella «zupperella» dentro 'a credenza. (Maria esegue). Mettici quattro cucchiaini di zucchero. (Accende il gas).

MARIA     Chella, 'a signurina Elvira, ll'ova nun lle piàceno.

ROSA     E se le deve prendere. Una ragazza di diciott'anni, che lavora tutto il giorno. E poi, quel genere di lavoro!

MARIA     Signo', ma io non ho mai capito che genere 'e lavoro fa'... (Comincia a battere le uova).

ROSA (mettendo sul gas un tegame di creta pieno di maccheroni avanzati il giorno prima) Che devi capire, tu. Fa la stenografa. L'avvocato parla e lei fa cierti scippetielli sulla carta che quando è dopo, siccome li capisce solo lei, legge e scrive a macchina tutto quello che l'avvocato ha detto. Un segnetiello così... (con l'indice della mano destra tratteggia velocemente nell'aria un piccolo segno ricurvo) significa per esempio: «Signori e signore, facciamoci coraggio tutti quanti: qua l'affare è serio...»

MARIA     Cu nu signetiello 'e niente?

ROSA Eh! E guadagna bene e si sta facendo una strada. 'E biscotte per mia cognata?

MARIA Stanno llà sopra (indica la credenza). 'A signora Matilde pure lavora... 'a sera sta tanto stanca ca nun se fida nemmeno 'e parla'.

ROSA Tu scherzi? Avere a che fare con tutta una clientela di gente stravagante. E vogliono sapere il passato... l'avvenire... Se Tizio, che sta in America, è morto... se la moglie è incinta... se fa il maschio, se fa la femmina... E io ce lo dico sempre: «Tu devi dire: Io leggo le carte, questo è tutto...»

MARIA (divertita) A mme me piace don Pasquale, 'o fratello vostro... quanno se mette fore 'a sala, e' 'o turbante ncapo, e fa entrare 'e cliente. (Ride).

ROSA (risentita) E ride n'atu ppoco, he' capito? Sia fatta 'a vuluntà 'e Dio! (Sente odor di bruciato) 'E maccheroni! Pe' parla' cu cchesta... (Con una forchetta rovescia in fretta i maccheroni nel tegame).

MARIA     Ma chillo 'o signurino accussì 'e vvo': abbruciate.

ROSA     Lle piaceno arruscatielle; ma no abbruciate.

MARIA     Io nun saccio comme po' ffa' a se mangia' 'e maccheroni appena se sveglia.

ROSA     È giovanotto. C'a famma se corica e c' 'a famma se sveglia.

MARIA     Vuie 'o vulite bene, e ove'?

ROSA     È l'unico nipote che tengo. E che pagasse p' 'o vede' a posto... ma... È troppo sbandato. La gioventù di oggi...

MATILDE (entrando dalla destra, in vestaglia)    Buongiorno.

MARIA     Buongiorno, signo'.

ROSA     Adesso ti venivo a svegliare.

MATILDE     Ho messo la sveglia sotto al cuscino e l'ho fermata sotto al cuscino stesso, così non ho dato fastidio a nessuno.

MARIA     Figuratevi se don Pasquale non l'ha sentita suonare pure da sotto il cuscino, col sonno leggero ca tiene... E po', quello pensa a voi pure quando dorme e sta sempre sul chi vive.

MATILDE     E a me che me ne importa? Peggio per lui.

ROSA     Pigliati un sorso di caffè.

MATILDE     No, è meglio che mi misuro prima il vestito.

MARIA     È meglio, se no, se viene don Pasquale, non potete fare niente più.

ROSA (toglie dal manichino un abito da Egiziana, ancora imbastito)    Eccolo qua. Ieri sera ci ho fatto le modifiche che volevi tu.

MATILDE (si toglie la vestaglia, rimanendo in sottoveste corta e scollata)  E il mantello? (Indossa l'abito) L'apertura davanti ce l'avete fatta?

ROSA     Fino a sopra al ginocchio.

MATILDE (indossato l'abito, siede)  Ma lo spacco lo dovevate fare in direzione della gamba sinistra, perché io quando mi siedo metto la gamba destra sotto la sedia e la gamba sinistra  la porto avanti. {Compie i gesti che descrive).

ROSA     E non mi sono ricordata. Vuol dire che metti la sinistra sotto la sedia e la destra la porti avanti.

PASQUALE (entra dalla destra, in pigiama; è un uomo malandato, i suoi cinquant'anni li porta malissimo) Vorrei un bicchiere d'acqua...

MARIA     Ieri sera ve ne ho messo un bicchierone così sulla colonnetta, v'avite bevuto tutte cose?

MATILDE (esasperata)    Hai sentito la sveglia?

PASQUALE     Ho sentito la sveglia...

MATILDE     E questo fai, lo spione.

PASQUALE     Ho i nervi a pezzi. Un piccolo rumore, un leggero fruscio, un niente mi fa saltare... Non faccio lo spione.

MATILDE Sei venuto a controllare la forma del vestito.

PASQUALE     E secondo te non ne ho il diritto? Non devo vedere come hai pensato di presentarti ai clienti? Non mi devo rendere conto di che altro hai escogitato insieme a quest'altra deficiente ruffiana per fare colpo su quei quattro fetenti che vengono a consultarti?

MATILDE     E secondo te mi dovrei presentare vestita da monaca?
ROSA     Un poco di mordente ci vuole.

MARIA     Gli uomini si passano la voce...

PASQUALE «Correte, andate a vedere le gambe e i seni della moglie di Pasquale Cimmaruta...»

MATILDE Ma quali seni? Questa (mostra il corpetto del vestito) è fodera di seta rosa.

PASQUALE     È color carne.

ROSA     E che significa?

PASQUALE     Tu statte zitta, sono affari che non ti riguardano.

MATILDE     E allora te lo domando io: che significa?

PASQUALE Significa che tu ti metti sulla poltrona dorata, in fondo alla stanza... crei la penombra, e il cliente che sta seduto di fronte a te se ne va di testa perché non capisce se si tratta di seta rosa o di carne vera e propria.

MATILDE (esasperata) E pensa quello che vuole lui! Quando non ti conviene il mestiere che faccio, fai tu qualche cosa e porta i soldi a casa! Madonna, che uomo! E che vita, che vita! (Esce).

PASQUALE E la mia vita? Porto i soldi a casa... e come? Sto pieno di dolori, pieno! A letto non mi posso girare...

ROSA Vatti a stendere e dormi un altro poco. Più tardi fai colazione.

PASQUALE Vado a dormire un altro poco... Vado a soffrire le pene dell'inferno un altro poco... Non ti dimenticare le gocce. (Esce).

ROSA     Povero Pasquale...

MARIA     Pure finisce al manicomio!

Campanello interno.

MARIA     Chi è?

ROSA     Apri.

Maria esce per la comune.

MARIA (tornando)   Signo': è don Carlo Saporito.

ROSA     Il fratello di don Alberto?

MARIA     Eh, chille ca stanno 'e casa affianco a noi.

ROSA     A quest'ora? E che vo'?

MARIA Non si deve sentire bene, perché appena è entrato ha ditto: «Famme assetta', Mari'». S'è mmenato ncopp' 'a na sedia, ha cacciato 'o fazzuletto e s' 'o passava pe' ffaccia.

ROSA (si avvicina alla comune e parla verso l'interno) Don Carlo... Don Carlo, che vi sentite? Entrate. (A Maria) Aiutalo.

MARIA (esce di nuovo, dopo poco torna sorreggendo Carlo, che cammina a stento)    Piano, piano. Ma che vi sentite?

CARLO E che ne so. Quelle cose che ti vengono così, quando meno te le aspetti... (E contìnua a sudare).

ROSA Sedetevi. (Aiutato da Maria, Carlo siede). Volete un bic chiere d'acqua?

CARLO No. Mi farebbe più male che bene: sto tutto sudato... Come una benda agli occhi. Da un momento all'altro, mentre mi accingevo a suonare il campanello di casa nostra... Sapete che noi ci abbiamo quella testa di leone di ottone, si spinge il naso del leone, e quello suona... Non sono arrivato a toccare il naso del leone, che ho visto tutto nero. Come se fossi sprofondato dieci metri sotto terra, e la tromba delle scale che mi girava vertiginosamente intorno. Se non mi reggevo a tempo alla ringhiera, andavo a finire con la testa dentro al secchio dell'immondizia, che ci abbiamo fuori alla porta.

ROSA     Deve essere imbarazzo di stomaco.

CARLO     Così credo anch'io.

MARIA     Ieri, che avete mangiato?

CARLO Io, figuratevi, sono di una parsimonia fantastica... Quello è mio fratello Alberto, che ogni tanto esce pazzo. Noi siamo soli, donne in casa non ce ne sono... capirete che cucinare, oltre ad essere un fastidio, sarebbe pure una spesa inutile. Voi, mo', siete donne di casa e lo potete sapere: altro è cucinare per sette otto persone e altro è cucinare per due... Due persone si arrangiano sempre. Noi compriamo tutto in rosticceria; si risparmia e si fa più presto. Ierisera mio fratello Alberto esagerò un poco. Tornò a casa con un pacco di mangiare, e facemmo scasso. Portò cento grammi di ulive, e un piede di porco. Ce mettètteme capa capa: un'uliva tu, un'uliva io... e ci mangiammo tutti i cento grammi... Poi attaccammo il piede... na parola io... na parola lui... «Carlu', ti ricordi?» «Albe', comme no?»: a stento rimasero le ossa del piede di porco.

MARIA E questo ve mangiasteve? cento grammi di ulive e un piede di porco in due?

CARLO     Di sera, che volete mangiare di più? Ecco che mi sono sentito male. Sono uscito presto, per la prima messa... io ogni mattina vado in chiesa; la prima messa non me la perdo mai... e quando sono tornato è successo quello che è successo. Ho suonato il vostro campanello, perché se mio fratello mi vede in queste condizioni si spaventa... mi scuserete...

ROSA     Vi pare. Voi siete il padrone.

CARLO Quello che vi chiederei è un bicchiere di vino. Un bicchiere di vino mi rimette su.

ROSA   Vi pare. Mari', piglia 'o vino.

Maria esegue.

MARIA Ecco qua. (Versa il vino in un bicchiere e lo porge a Carlo).

CARLO     Grazie.

ROSA (osservando i maccheroni) Guarda... guarda che sono diventati... e quello così non se li mangia...

CARLO (interessato)    Che so'? che so'?

ROSA So' maccheroni di ieri. Li ho riscaldati perché a mio nipote lle piaceno... ma si sono bruciati un poco.

CARLO     E che fate, 'e buttate?

ROSA     Mi sono distratta... (Toglie il tegame dal fornello).

CARLO Fateme vede'. (Osservando i maccheroni) Guarda ccà... che peccato! (Prendendo una forchetta) È pulita?

ROSA     Sì.

CARLO (alludendo ai maccheroni)    'E ppozzo assaggia'?

ROSA     E perché no?

CARLO (dopo aver mangiato una forchettata di maccheroni) Un poco bruciate so'. Se vostro nipote non se li mangia, me li mangio io volentieri. Perché, sapete che sto pensando? Che se mi bevo questo bicchiere di vino a digiuno, mi sento male un'altra volta.

ROSA Mangiateli. Accomodatevi. (Carlo prende il tegame, si avvicina al tavolo e comincia a mangiare avidamente. Rosa, scambiando occhiate significative con Maria) Vuol dire che a mio nipote gli faccio battere due uova.

CARLO (meravigliato) Due uova? Vi trattate bene. (Continua a mangiare, poi) Già, don Pasquale guadagna...

ROSA     Guadagna?... Tira a campa'.

CARLO (sempre mangiando) Vostra cognata ci ha una bella clientela: uno va l'altro viene... C' 'e putimmo mangia', io e mio fratello, due uova la mattina? No, che non ce le possiamo mangiare!

ROSA     E voi non guadagnate, facendo gli apparatori di feste?

CARLO Una volta. In mano a nostro padre, Tommaso Saporito. Allora sì. Allora se ballava una scimmia in mezzo alla strada, le sedie si affittavano da Tommaso Saporito. Non c'era Piedigrotta  senza le luminarie di Tommaso Saporito. Non si costruiva uno stabilimento di bagni a Santa Lucia, se non si affittavano le tavole da Tommaso Saporito. Ma mo'... mo' è n'ata cosa. Hanno industrializzato anche il mestiere dell'apparatore! 'O pesce gruosso se mangia 'o piccerillo! E di tutto il materiale che lasciò mio padre, vendi oggi, vendi domani... c'è rimasto qualche tappeto, nu centenaro 'e sedie... e ll'uocchie pe' chiagnere... Donna Ro', oggi i grandi soldi si fanno quando non si hanno tanti scrupoli. 'A ggente onesta, donna Ro', se more 'e famma...

ROSA Scusate, ma che mi venite a dire con questo discorso?... Che siccome ce pigliammo due uova sbattute, la mattina, siamo gente disonesta?

CARLO (mellifluo, fra lo scherzoso e l'ironico) E ched'è?... tenite 'a coda 'e paglia?

ROSA     Che c'entra, ma chiunque...

CARLO Non vi prendete collera... (Ha finito i maccheroni. Ora guarda ghiotto le sorbe) Una sorba non me la negate, donna Ro'?

ROSA (sgarbata) Mangiate, stanno ccà. (Prende il piatto e lo mette avanti a Carlo).

CARLO (scegliendo la migliore) Chesta è essa, 'a 'i. E perché partite?

ROSA     Partiamo?

CARLO Mi hanno detto che ieri sera avete fatto le valige, che partite tutti quanti.

ROSA     Vi hanno informato male.

CARLO     Non mi ricordo chi me lo ha detto...

ROSA (vedendo che Carlo imbocca la terza sorba, sgarbatamente gli toglie il piatto da vicino per metterlo al suo posto) Don... come vi chiamate... Mio fratello, so' tre giorni che le ha ordinate.

CARLO Avete fatto bene a togliermele da vicino, se no m' 'e mangiavo tutte quante.

MARIA     Sentite a me, vuie ve site ntiso male p' 'a debulezza.

Campanello interno.

ROSA     Vide chi è.

Maria via per la comune. Dopo poco torna seguita da Alberto. Alberto è un uomo piegato sotto il peso dei suoi travagliati cinquant'anni. Pallido, cadaverico. Indossa un abito scolorito e logoro. È in preda ad una interna agitazione che gli vieta di mostrarsi disinvolto. Sull'avambraccio sinistro ha collocato un nodoso bastone. Durante la scena che segue consulta spessissimo il suo orologio.

ALBERTO (entrando) Tu che dici. Manco si 'o penziero me l'avesse detto. (Accorrendo verso il fratello) Carlu', ch'è stato?

CARLO     Non ti preoccupare perché è passato tutto.

ALBERTO Buongiorno, donna Ro'. (A Carlo) Ma accussì, bello e buono?

CARLO     E le cose come vengono? Da un momento all'altro.

ALBERTO     Ma mo', comme te siente?

CARLO     Meglio, meglio.

ALBERTO Io poi, non vedendoti tornare, mi sono preoccupato un poco; me so' affacciato e ho domandato a Michele 'o guardaporta: « Sissignore don Albe', l'ho visto entrare». « Da quanto tempo?» «Sarà più di un quarto d'ora...» Allora ho suonato qua per domandare... Io non lo sapevo che lui stava qua... ho immaginato... Ma ch'è stato, un giramento di testa?

CARLO     Mi sono sentito venire meno e stavo cadendo.

ALBERTO Io pure non mi sento tanto bene. Ho dormito così male. T'he' pigliato na tazza 'e cafè?...

MARIA S'ha mangiato na purzione 'e maccarune scarfate, nu bicchiere 'e vino e tre sorbe... (Ed esce a sinistra).

Rosa esce per la comune.

CARLO Sì, ma oggi non mangio. Ho chiuso. (Al fratello) Che' fatto?

ALBERTO (assicurandosi di essere solo con Carlo) Ho fatto la denunzia e l'ho firmata. Il brigadiere ha detto: «Tratteneteli, non li fate uscire, fra dieci minuti saremo sul posto». (Rosa ritorna). Don Pasquale s'è svegliato?

ROSA     Non credo.

ALBERTO No? Viat 'a isso che po' durmi'. E vostra cognata, vostro nipote, la sorella... pure dormono?

ROSA     Ma 'o ssapite che songo 'e sette e meza? A chest'ora dint' 'e ccase d' 'a gente se dorme.

ALBERTO     No, dico che siccome dovete partire...

ROSA     Ma chi l'ha ditto stu fatto ch'avimm' 'a parti'?

ALBERTO   Io così avevo saputo. Sicché la famiglia Cimmaruta dorme felicemente, spensieratamente...

ROSA     Dorme come dormono tutte le famiglie. Ma perché, ve dispiace?

Rientra Maria.

ALBERTO A me?... No... Non manca una punta d'invidia... Questo sì. Io, sono anni che non dormo.

ROSA     Ma vuie, 'a cuscienza 'a tenite pulita?

ALBERTO Ah sì... 'A cuscienza mia è netta comm' 'o fazzuletto 'e mmano 'a Mmaculata.

ROSA     E allora se non dormite, vuol dire che state poco bene.

MARIA     V'avissev' 'a purga'.

ALBERTO Io non dormo per altre ragioni. Carluccio 'o ssape perché io nun dormo. 'E penziere so' assaie... 'A sera comme te vaie a cucca', 'a capa penza... penza... il pensare stanca più dell'agire stesso. Quando mori nostro padre, morì tranquillo perché pensava che il materiale che ci lasciava costituiva un capitale che avrebbe fatto vivere a noi e ai nostri figli. Noi, invece, siamo ridotti che nun saie si 'o giorno che ti svegli puoi arrivare fino alla sera o no. Dice: «E tu perché non cambi mestiere?...»  Cambio mestiere... e che faccio?... Con un sistema nervoso che vale tre solde... potete avere la calma di applicarvi ad un mestiere tranquillo, paziente?... Io 'e vvote, facesse scennere 'o paraviso nterra.

CARLO Albe', nnanz' 'a me, ti ho pregato, non bestemmiare, se no ti lascio e me ne vado.

PASQUALE (dalla destra, assonnato e torvo. In manica di camicia, porta con sé la giacca, la cravatta e il cappello) Rusi', pe' favore: guarda si me può leva' sta macchia... (Indica il bavero della giacca. Scorgendo i Saporito, un po' meravigliato) Buongiorno!

ALBERTO     Buongiorno.

PASQUALE Ieri sera mia figlia mi portò una di quelle cioccolattine con la ciliegia dentro... Io non lo sapevo... Dico, me vuo' avverti'?... Dette nu muorzo... Me scurrette tutto sopra il bavero della giacca... (Passando la cravatta a Maria) E pure 'a cravatta... Te', Mari', vide tu... (Sbadiglia. Ai Saporito) E a che dobbiamo la vostra visita a quest'ora?

ALBERTO     Non v'impressionate.

ROSA     Don Carluccio s'è sentito male mmiez' 'e scale...

PASQUALE (cupo) Ve lo dissi. Voi se non curate questa debolezza, ve ne andrete all'altro mondo.

CARLO     Speriamo di no
.
PASQUALE Eh, sperammo... e ccà campammo 'e speranze. (Prende il caffè che gli ha portato Rosa).

ROSA E come va che ti sei svegliato così presto? Non hai potuto ripigliare sonno?

PASQUALE Devo uscire per una cosa urgente. Tengo n'appuntamento 'a ferrovia...

Alberto e Carlo si scambiano un'occhiata.

ALBERTO     Allora partite...

PASQUALE     Chi parte?

ALBERTO Siccome ieri sera nel palazzo si diceva che dovevate partire, ho domandato a donna Rosa... Mi ha risposto: «No, non partiamo». Voi mo' dite che andate alla ferrovia... allora partite?

PASQUALE     No, non parto.

ALBERTO     E andate alla ferrovia?

PASQUALE Ma perché, chi va 'a ferrovia deve partire per forza? Ho un appuntamento alla ferrovia.

ALBERTO (rettificando) Avete un appuntamento a piazza Garibaldi. Adesso ho capito. Rimandate, sentite a me. È una giornata rigida... Sapete che freddo fa da quelle parti... chi v' 'o ffa fa'...?

PASQUALE     Ma pecché, ll'aggi' 'a dicere a vuie chi m' 'o ffa fa'?

ALBERTO No, ma vi consiglierei di riposare un poco. Io 'a matina sono felice quando mi posso papariare, fare cioè con comodoquelle cose inutili ma tanto necessarie nello stesso tempo... Che so: «Stu quadro mi piacerebbe più a quell'altra parete...» «Stu tappeto 'o vulesse mettere là...» «Stu mobile 'o mettesse dint' 'a cammera 'e pranzo...» «St'armadio starebbe meglio in quell'altro posto...»

PASQUALE E già, io 'a matina me sóso e me metto a cambiare 'e mobile d' 'a casa?

ALBERTO     Non dico questo, ma dei piccoli ritocchi. Per esempio: quella credenza (indica il mobile di fronte al fornello) non starebbe meglio ad angolo fra la parete e la porta?... Carlu', damme na mano... (Si avvicina alla credenza per spostarla).

PASQUALE Ma nossignore. Io studiai tanto, primma d' 'a mettere là. Quello è il posto più indicato.

ALBERTO Ah, non la volete spostare, la credenza... è vero??? Carlu', nun 'a vo' spusta'!

CARLO     'O ccredo.

PASQUALE Ma si capisce che non la voglio spostare. Io, in casa mia, i mobili li voglio tenere dove mi pare e piace. E quando mai io so' venuto a spusta' 'a rrobba in casa vostra?

ALBERTO E se venite, ve la faccio spostare. Perché in casa mia chiunque vuole spostare i mobili, lo può fare senza paura di arrecarmi danno. Venite, e spostate.

PASQUALE Don Albe', io non vi capisco. Tengo una nottata addosso che Iddio lo sa... Non ho chiuso occhio.

ALBERTO E questo dicevamo con donna Rosa, don Pasqua', dormire è diventato un lusso. Le agitazioni sono troppe, è vero don Pasqua'?... 'A capa ncopp' 'o cuscino volle... Chello che sta 'a dinto, 'a notte iesce fora...

PASQUALE (che comincia a trovare incomprensibile il parlare di Alberto) A me, nun esce 'a fore niente. Ho la coscienza tranquilla e se non dormo è perché... Chi 'o ssape pecché?

ALBERTO Pecché 'e muorte so' assaie. So cchiù 'e muorte ca 'e vive.

PASQUALE Lo credo. N'è morta gente, da quando è nato il mondo.

ALBERTO     Ma vuie, 'e quale muorte parlate?

PASQUALE (superficiale) 'E muorte... 'A ggente che more pecché ha da muri'.

ALBERTO Ah, ecco! Vuie parlate 'e chille ca mòreno c' 'a morte... Quelli sì. Quelli si mettono in santa pace e danno pace pure a noi. Ma chille c' 'avevan' 'a campa' ancora e che, invece, moreno per volontà di un loro simile, no. Quelli non se ne vanno... Restano. Restano con noi. Vicino a noi... Attuorno a nuie!.. Restano dint' 'e ssegge... dint' 'e mobile... 'A notte sentite: «Ta...» È nu muorto ca s'è mmiso dint' 'o llignamme 'e nu mobile. Na porta s'arape? L'ha aperta nu muorto. Sott' 'o cuscino...  dint' 'e vestite... sott' 'a tavula... Chilli muorte là restano... Nun se ne vanno. E strilleno comme ponno strilla'. Perciò nun putimmo durmi' 'a notte, don Pasqua'.

Campanello interno. Tutti sobbalzano richiamati da quel suono che li libera dall'atmosfera terrificante creata da Alberto. Pasquale esce.

ROSA     Apri Mari'... (Alludendo alla inopportunità di Alberto) E  ccà, 'a matina, ce scetammo allegre...

Maria esce seguita da Alberto.

ALBERTO (dopo poco si ode la sua voce)    Carlu', io so' pronto.

CARLO (repentinamente si alza e afferra Rosa per le braccia tenendola ferma. Grida)    Albe', entra.

Alberto entra tenendo ferma la cameriera. Lo segue Michele, un brigadiere di Pubblica Sicurezza e cinque agenti, tre dei quali bloccano l'ingresso. Sono tutti armati di mitra e pistole.

ROSA     Per la pace di Dio, che è successo?

CARLO (tenendola ferma) Non gridate. Raccomandatevi a Dio, che è grande e misericordioso.

BRIGADIERE (impugnando la pistola, a uno degli agenti) Tu nun te movere a ccà. (Agli altri) Voi venite con me. (Esce per la porta a destra seguito dagli agenti, anche essi con pistola in pugno).

ALBERTO Finalmente è finita! Il sangue di un innocente diventerà fuoco eterno che correrà nelle vostre sporche vene.

ROSA E MARIA (allibite)    Ma...

CARLO (calmo, mistico) A Dio... raccomandatevi a Dio, che è grande e misericordioso.

Internamente scoppia un fracasso d'inferno. Grida, strepiti di donne, misti alle energiche proteste degli uomini. Dopo poco, trascinati dalle guardie e dal brigadiere, entrano assonnati e sommariamente vestiti, Pasquale, Elvira, Matilde e Luigi. Chi in pigiama, chi in camicia, chi in maglietta.

PASQUALE (fuori di sé) Ma cheste so' ccose 'e pazze! Chi vi conosce?

BRIGADIERE     Ci conoscerai. Non fare resistenza.

MATILDE (coprendosi alla meglio) Io sto in camicia. Ho vergogna.

ALBERTO     Perché, tu conosci la vergogna che cos'è?

LUIGI (scagliandosi contro Alberto)   Tu si' na carogna!

Le guardie lo trattengono.

ALBERTO E tu sei un assassino. Come tuo padre, tua madre, tua sorella, tua zia e questa criminale di cameriera che tenete in casa. (La famiglia Cimmaruta rimane muta come di fronte a una enormità incredibile). Assassini! Signor brigadiere, la denuncia che ho fatto è precisa e documentabile. Questa è una famiglia di degenerati criminali. (Indicando Pasquale) Questo immondo individuo, con due figli, di fronte ai quali avrebbe dovuto sacrificare ogni sua aspirazione per educarli al bene, assiste sereno e contento alle tresche provvisorie e occasionali di sua moglie, la quale, con la scusa di leggere le carte, riceve clienti di giorno e di notte. (Luigi c.s.). Tu, è meglio che non ti agiti. Ho le prove, perciò parlo. Vi ho seguiti, v'aggio fatta 'a spia. E il sospetto è stato coronato dall'autenticità dei fatti. Ma ora la vostra miserabile esistenza è finita. Brigadie', questo branco di iene, questi vermi schifosi, hanno commesso il più atroce e raccapricciante dei delitti. Dopo aver attirato in casa il mio fraterno amico Aniello Amitrano, con l'arma della seduzione di questa donna, l'hanno sgozzato, derubato, e hanno fatto sparire il cadavere.

TUTTI     Noi?

ALBERTO Ma la mano di Dio è grande e toglie i lumi agli assassini. Le prove, i documenti, sono nascosti in casa e so io dove. Brigadie', portateli via questi miserabili... Io vi seguirò in questura con tutte le prove, e vedrete che non avranno più il coraggio di negare.

BRIGADIERE (autoritario)    Camminate, andiamo!

PASQUALE     Ma questo è un pazzo. Noi siamo gente per bene.

BRIGADIERE Cammina... (Gli agenti spingono fuori gli altri componenti della famiglia, i quali protestano energicamente. Carlo li segue confortandoli con parole mistiche). Fa' presto. (Ad Alberto) Noi vi aspettiamo in questura. (Esce spingendo Pasquale).

ALBERTO     Via, via, pulizia!

MICHELE (angosciato) Chi poteva mai pensare! Signo', e queste prove? Questi documenti, dove stanno?

ALBERTO (sicuro) Qua, dietro a quel mobile. Hanno tolto i mattoni e ci hanno messo dentro tutti i documenti, la camicia insanguinata e una scarpa. Non hanno avuto tempo di pareggiare il muro, volevano farlo stamattina, e partire. Damme na mano... (Tolgono il mobile dal muro, e osservato in lungo e in largo dietro ad esso, non scorgono nulla. Un po' deluso, si guarda intorno) No, là... (Indica un altro punto. Dal muro di sinistra stacca una grande mensola, alla quale sono attaccate pentole e tegami, e dopo aver osservato c.s. ) No, sott' 'e carboni.

MICHELE     E qua carboni non ce ne sono. Tengono la cucina a gas.

ALBERTO     E che ti posso dire... Forse, dentro a quella cesta. (Indica un altro punto).

MICHELE     Forse?...

ALBERTO (guarda nella cesta. Il risultato è il medesimo delle altre volte. Siede avvilito, passandosi una mano sulla fronte) Miche'!

MICHELE       Signo'.

ALBERTO     Miche', io me lo sono sognato...

MICHELE     Vuie che dicite...? E mo'?

ALBERTO     Ma così naturale..
.
MICHELE (insistendo con voce monotona)    E mo'?

ALBERTO (con un filo di voce)    Damme nu bicchiere d'acqua. (Quasi estasiato dalla visione fantastica, dice beato) Ma che bel sogno.



FINE PRIMO ATTO

Nessun commento:

Posta un commento