mercoledì 26 dicembre 2012

LE VOCI DI DENTRO Tre atti di EDUARDO DE FILIPPO - il copione - terzo atto

ATTO TERZO


L'indomani mattina. La stessa scena del secondo atto. Nulla è mutato. Soltanto il mezzanino appare in disordine pietoso e inconsueto. Gli stracci che lo nascondevano sono ammassati da una parte, in modo da lasciarne visibile l'interno. Zio Nicola non c'è più. Il suo rifugio squallido, con tutte le sue inutili cose, tanto care a lui, ricorda con tenerezza gli sputi e le «chiacchierate» pirotecniche.
All'alzarsi del sipario, Alberto cammina agitato, in largo e in lungo. Ogni tanto si ferma per rivolgersi a Michele, il quale, in piedi presso la comune, ascolta e approva tutto ciò che Alberto dice.

ALBERTO Giesù, ma questa è la fine di tutto! Questa è la fine del mondo! Il giudizio universale! Qui si sta facendo il giudizio universale e non ce ne accorgiamo. Ma io mi vergogno di appartenere al genere umano. Io vulesse essere na scigna, nu pappavallo. Il pappagallo parla senza sapere quello che dice... è compatibile.

MICHELE Vuie state dicenno 'e stesse cose che io penzo e che non riesco a dire.

ALBERTO     Ma tu capisci dove arriva la falsità, la vigliaccheria?

MICHELE Io ve l'ho detto per farvi stare in guardia, e per farvi difendere
.
ALBERTO     Ma lo hai sentito proprio tu?

MICHELE Con queste orecchie. Che il Padreterno me le deve far cadere 
fràcete, se non è vero. Questa persona è venuta pure ieri, ed è rimasta con don Carluccio vostro fratello più di un'ora e mezza. Stammatina poi parlavano tutti e due fuori al portone. Io, dal casotto, sentivo tutto quello che dicevano. Vostro fratello ha detto precisamente: «Stammatina ho incontrato il brigadiere,  e mi ha detto che è stato spiccato il mandato di cattura, e che Alberto sarà arrestato in giornata. Se siete d'accordo sulla cifra, prima di sera mandate il carretto, e io vi consegno le sedie e tutto il resto».

ALBERTO Tu capisci? Tu capisci: un fratello che aspetta che t'arrestano per spogliarti completamente di questi quattro stracci?

MICHELE E che vi credete, don Albe'? L'uomo è carnivoro: nfaccia 'e denare, non guarda nemmeno il proprio sangue. Non vi prendete collera, ma vostro fratello è antipatico a tutti quanti. Qua, nel palazzo, è una voce: « Don Alberto è un buon uomo, ma il fratello è troppo "fatto mio". Quando saluta, pare che te fa nu piacere 'a vota. Po' va 'a chiesia... »

ALBERTO Ma qua' chiesia... 'O ssaccio io perché ci va: fa le cattive azioni, se pente, se confessa, ave l'assoluzione e accumencia 'a capo n'ata vota. Ma sta vota ha sbagliato. Mo' assodo primma tutt' 'e fatte mieie, po' saccio io chello c'aggi' 'a fa'.

MICHELE Non mi nominate, perché non ci voglio avere a che fare. Io me ne scendo. (Fa per andare, poi torna) Volevo sapere una cosa: il mezzo portone lo devo chiudere o no?

ALBERTO     Ma perché, non lo avete chiuso ancora?

MICHELE (incerto)    No...

ALBERTO     E lo dovete chiudere. Ma ch'è muorto nu cane?

MICHELE   P' 'ammore 'e Dio, chi dice chesto... Siccome ieri sera lo portammo al pronto soccorso, e là è morto...

ALBERTO     E che vuoi dire? Qua abitava.

MICHELE No, vedete... Quello è stato 'o signurino 'e De Ferraris, al primo piano. Ha detto: «Miche', è meglio che nun 'o chiude... Tu saie mammà comme sta combinata...» Voi lo sapete, la povera signora ci ha un cuore che è una schifezza... giustamente, passa, vede 'o mezzo portone chiuso, e va longa longa nterra. Che faccio, 'o chiudo?

ALBERTO     Miche', lascialo aperto.

MICHELE Chillo, zi' Nicola, non ci teneva. Era superiore a queste formalità.

ALBERTO Sì, hai ragione. Era superiore. Mo' capisco come la pensava e perché si regolava così. Era un saggio. Quanto avrà sofferto nella sua vita per aver deciso di non parlare più... llaggi' 'a purta' duie garofani.

MICHELE (insiste) Non ci teneva... Nun date retta. Niente fiori: opere di bene. Io vado. (Esce).

Si ode picchiare ripetuti colpi, dall'interno, alla porta di sinistra.

ALBERTO (accorrendovi) No. Mi dovete fare il piacere: dovete aspettare, e non dovete picchiare. Si tratta di dieci minuti. (Campanello interno. Alberto esce per la prima a destra, poi torna seguito da Maria) Ch'è stato, Mari'?

MARIA (reca con sé una vecchia valigia, malamente chiusa e legata con una cordicella. Un involto, e qualche pacco. Appare emozionata) Mo' vi spiego, signo'... Mo' vi spiego. Chiudete bene la porta.

ALBERTO     L'ho chiusa. Ma che faie? Parte?

MARIA M'hanno licenziata. E si nun 'o ffacevano lloro, l'avarria fatto io. E chi puteva maie penza' che mme capitava a ghi' a servi' dint' 'a chella casa.

ALBERTO     Ma ch'è stato?

MARIA Mo' sentite. Faciteme assetta', però, Pecché stanotte non ho dormito nemmeno dieci minuti. (Siede) A mme, quanno m'avite levato 'o ddurmi', m' 'avite distrutta.

ALBERTO     Allora?

MARIA Ve ne dovete andare. Avit' 'a scappa'. E si nun 'o ffacite ampresso, nun site cchiu a tiempo. Che gente... Giesu, che gente! Io mo' ve dico tutte cose, ma pe' carità... non mi nominate... perché se quelli appurano che siete stato informato da me, chille so' capace 'e me veni' a truva' 'o paese mio, e me fanno 'a pelle.

ALBERTO     Ma ch' 'e saputo?

MARIA Quando ieri sera mancò la luce... ve ricurdate... ca donna Rosa purtaie 'e ccannéle?

ALBERTO     Comme, nun me ricordo?

MARIA Succedettero cos' 'e pazze. Io, d' 'a cammarella mia, sentevo tutte cose. Strillavano tutte quante. Don Pascale dette nu schiaffo 'a mugliera... 'a signurina Elvira avette nu svenimento... Donna Rosa piangeva... «Si' stata tu!»... «No, tu!»... «È stato Luigi!»... «Io nun ne saccio niente!»... Don Albe', l'inferno! Un inferno che continuò per più di due ore. Po', se vede che avètten' 'a fa' pace... e se mettéttero a piangere tutte quante. A un certo punto, sentette: «Qua nessuno vuole confessare?»...  «Ma lo capite che don Alberto tene 'e documente?»... Poi un silenzio. Doppo nu poco, bussarono vicino 'a porta d' 'a cammera mia. E mme veco nnanze 'a signora Matilde. «Signo', che volete?»... «Te ne devi andare. Fatte 'a valigia, e vattenne!»... «E addo' vaco, signo'?»... «Dove vuoi tu!»... «Va bene. Domani mattina...» «È meglio che esci adesso. È ancora presto, e puoi cercarti un posto». «Ma comme, a quest'ora?» «Sono le sei, fino alle nove... tiene tre ore 'e tiempo». Allora, io penzaie: ccà ce sta quacche cosa sotto. Dicette: «Va bene, signo', mo' me levo 'o mantesino e scendo». Zitto zitto arapette 'a porta d' 'e scale e po' 'a chiudette n'ata vota pe' fa' vede' ca ero scesa. Po' ncopp' 'e ppònte d' 'e piede, me ne iette n'ata vota dint' 'a cammera mia e me mettette a senti' che dicevano.

ALBERTO     E che dicevano?

MARIA Da quello che ho capito vi vogliono uccidere. Pecché siccome vuie tenite 'e documente, e chi sa pe' qua' ragione nun 'e vvulite caccia', l'unico mezzo pe' se salva' lloro avit' 'a muri' vuie.

ALBERTO     Aggi' 'a muri'?... Ma l'hanno detto chiaramente?

MARIA Così sospetto io, da quello che ho potuto sentire. Vengono ad invitarvi per portarvi in campagna con loro, e là certamente ve fanno 'a pelle.

ALBERTO (niente affatto impressionato)    Sì?

MARIA E 'o ffanno, don Albe', 'o ffanno. Don Pasquale diceva: «Dopo mangiato m' 'o porto a ffa' na passeggiata p' 'a campagna... e quanno veco ca stammo sule...» E po' nun aggio capito! Don Luigino diceva: «Niente affatto. 'O purtammo a mare a ffa' na gita in barca...» «Ma nossignore», diceva donna Rosa, «ce penz'i'». Che significa questo?

ALBERTO Che forse mi vogliono convincere a consegnare i documenti a loro?

MARIA E perché mi hanno licenziata? Perché vi vogliono portare a mare? Perché parlavano zitto zitto?

ALBERTO     Ma non credo...

MARIA     Il sospetto mio questo è.

ALBERTO E va buono, nun fa niente. Te vuo' piglia' collera? Vuoi dire che se mi vengono ad invitare, ci andrò volentieri.

MARIA Ma che site pazzo? Vuie ve n'avit' 'a scappa'. O si no, facitele arresta': presentate 'e documente. Ma vuie sti documente 'e tenite o no?

ALBERTO (sicuro di sé) Mo' si, mo'. Mo' 'e ttengo. Tengo pure i documenti.

MARIA     E allora a chi aspettate?

ALBERTO Aspetto che mi vengono ad invitare per il pranzo in campagna.

MARIA Io ve l'aggio avvertito pe' scrupolo 'e cuscienza. Po' regulateve come volete voi.

ALBERTO     Hai fatto bene. (Si copre il volto con le mani) Che schifo! Mamma mia, che schifo! Tu si' piccerella... che brutto mondo che stai vedendo. E addo' te ne vaie mo'?

MARIA E che nne saccio. 'O paese mio nun ce pozz' 'i'... 'a famiglia mia nun me po' da' a mangia'... Mo' vaco all'agenzia, e vedo si me pozzo piazza'.

ALBERTO Che vita curiosa che faci te pure vuie... Capitate in una casa che non conoscete... in una famiglia che nun sapite chi è... nun sapite che ve succede... (Riflette un poco) ... 'A famiglia non sa quello che le succede con voi altre... Be', mo' vattenne: 'o signore te benedice.

MARIA     Ma vuie, nun ve ne scappate?

ALBERTO     No, 'e documente 'e ttengo, mo'.

MARIA Io ve ll'aggio avvertito... Stateve buono. (Prende la sua roba e si avvia) Chella ca m'era overamente antipatica, era donna Rosa. Guè, chella 'a matina nun me faceva durmi', sa'!

ALBERTO 'A porta lasciala aperta, così se mi vengono ad invitare non hanno nemmeno il fastidio di suonare il campanello.

MARIA Io nun ve facevo accussì curaggiuso... a me ll'uommene accussì me piacene. (Esce).

ALBERTO (riflette un poco, poi esclama) E va bene. (Esce per la prima a sinistra).

Dopo una piccola pausa, entra Pasquale dalla destra. Ha un aspetto sereno, gioviale. Indossa unabito nuovo e ha messo un fiore all'occhiello della giacca.

PASQUALE Ma che d'è, qua non c'è nessuno? (Chiamando) Don Albe'.

ALBERTO (dalla prima a sinistra) Don Pasquale! Caspita... come stiamo elegante...

PASQUALE (modesto) Elegante? Non sia mai, don Albe'... Ho voluto rompere la iettatura. Ieri sera, dopo tutto quel veleno e quella collera che ci prendemmo, dopo un'altra litigata... (mostrando la mano destra) vedete, per battere la mano sul tavolo, mi si è gonfiata tutta quanta... sapete come succede?... dopo il temporale viene il sereno... facemmo pace, si calmarono gli animi, assodammo che, in fondo, si trattava di una cosa tutta campata in aria... Voi, benedetto Iddio, vi andate a fare quel sogno...

ALBERTO Ah, vi siete convinto finalmente che si trattava di un sogno?

PASQUALE     Ma certo. Ieri sera, un poco la stanchezza, un poco che si accumula, si accumula... poi viene il momento che si coprono gli occhi... e quando gli occhi sono coperti, si capisce che non si vede niente più. Allora, stammatina, m' 'aggio chiammata 'a famiglia, chella povera sora mia, che non vede mai luce di libertà... e ho detto: «Sapite che vulite fa'? Vestiteve e andiamocene a mangiare in campagna. 'O sole ce sta...»

ALBERTO     E fate bene. Buon divertimento.

PASQUALE     E 'o povero zi' Nicola?...

ALBERTO     Ci ha lasciato.

PASQUALE (guardando in alto sul mezzanino) Già se l'hanno portato?

ALBERTO No, se lo portarono ieri sera. Perché non era morto. Il dottore che andò a chiamare Carluccio in farmacia, lo fece trasportare al pronto soccorso; e là morì.

PASQUALE     Tanto una brava persona...

ALBERTO Quello? Solo adesso lo capisco. Teneva ottantadue anni...

PASQUALE     Parlava solo con i fuochi artificiali...

ALBERTO E io capivo tutto. Lui parlava solamente con me. Povero zi' Nicola... Era uno spasso...

PASQUALE Don Albe', mi viene un'idea. Vuie mo' che ci fate qua? Non è meglio che vi distraete un poco? Venitevene con noi, ce ne andiamo dopo Pozzuoli, a Bàcoli. Oggi non fa l'ombra del freddo... chesto tene stu paese nuosto... Dopo mangiato ce facimmo na bella passeggiata in barca, io e voi soli; v' 'aggi' 'a raccunta' nu fatto ca ve fa' schiatta' d' 'e rrise: ve fa schiatta'. Anzi voi fate così: noi ce ne andiamo, e vi aspettiamo alla Riviera, all'angolo di San Pasquale. Perché se vi vedono uscire con noi, dicono: «Guè, 'o zio è muorto, e lui si va a diverti'»... Sapete la gente com'è.

ALBERTO     Eh sì. La gente è fatta proprio male.

PASQUALE     Che fate, venite allora?

ALBERTO E perché no? Un invito così spontaneo. Io però non mi vesto... vengo così.

PASQUALE     Ma naturale; a chi vulite da' cunto?

ROSA (entrando)    Sono pronta.

LUIGI (dalla destra, seguito da tutta la famiglia, sono tutti vestiti a festa)    Papà, ce ne iammo?

MATILDE     Non fa l'ombra del freddo.

ELVIRA     Andiamo?

LUIGI     Io me porto a zia Rosa sott' 'o braccio.

ROSA     Eh, facciamo i fidanzati!

PASQUALE   Allora, vi dò un'altra buona notizia: don Alberto viene con noi.

TUTTI     Bravo! 

LUIGI     Allora, lascio a zia Rosa e me porto a don Alberto: lo sfizio lo voglio avere io. 

PASQUALE     Va buo', lo sfizio ce 'o pigliammo nu poco pedono. Noi andiamo. Non dite a nessuno che venite con noi... 

ALBERTO     Ma vi pare. 

PASQUALE     Non per noi, ma per voi... non lo dite nemmeno a vostro fratello.

ALBERTO     Ma certo. A Carluccio lle dico che mi vado a fare una passeggiata solo, perché non voglio vedere gente.

PASQUALE     Proprio così. (Avviandosi con gli altri) Don Albe', noi aspettiamo. Ce avissev' 'a penza' meglio? 

ALBERTO     Non vi preoccupate, è interesse mio. Fra dieci minuti sarò all'angolo di San Pasquale.

LUIGI     Se fra un quarto d'ora non vi vediamo arrivare, vi vengo a prendere io. 

ALBERTO     Non c'è bisogno.

La famiglia fa per andare, quando dalla sinistra entra Carlo seguito da Capa d'Angelo.

CARLO     Che c'è, riunione?

PASQUALE Siamo venuti a salutare don Alberto e ce ne andiamo in campagna.

CARLO     Bravi.

ALBERTO Io invece mi vado a fare una passeggiata per conto mio, perché non voglio veder gente.

CARLO   E hai ragione.

ALBERTO (indicando Capa d'Angelo)    Chi è?

CARLO È un amico mio, che si è contrastato con la fidanzata, e si trattiene un poco qua, perché non la vuole incontrare. (A Capa d'Angelo) Aspetta qua, se no dove vai? Staie nervoso; io te faccio nu poco 'e compagnia. Quando poi ti sarai calmato, e sei sicuro che la fidanzata è passata, te ne vai.

CAPA D'ANGELO    Sì, cosi faccio. (Attende in disparte).

LUIGI (agli altri)    Vulimm' i'?

Si avviano. Ma entra il brigadiere seguito da Michele.

BRIGADIERE    Don Albe', si è avverata quella cosa che dissi io: siccome non si è trovato Aniello Amitrano...

ALBERTO     È stato spiccato mandato di cattura contro di me. 

BRIGADIERE     Precisamente.

Tutti danno segni d'impazienza.

ALBERTO (avvicinandosi a Carlo) Carlu', è venuto 'o mumento... damme chella carta, e io t' 'a firmo.

CARLO (ipocrita) Qua' carta? Eh! mo' aggi' 'a vede' si 'a tengo ancora! (Si cerca nelle tasche. Dopo poco finge di trovarla) Eccola qua... (Gliela porge) Cos' 'e pazze!

ALBERTO (firma il foglio e lo consegna di nuovo a Carlo) Mi raccomando, Carlu'!

CARLO     Fa conto che stesse io 'a dinto e tu 'a fora!

ALBERTO Brigadie', scusate, ma io che cosa dovrei fare per sfuggire?

BRIGADIERE Sfuggire non potete. O aspettate con santa pazienza l'esaurimento delle indagini in un carcere preventivo, o presentate i documenti che diceste di avere nelle vostre mani, e sarete libero.

ALBERTO     Ma io i documenti ce li ho, e li voglio presentare.

La famiglia Cimmaruta si fa attenta.

BRIGADIERE     E allora a chi aspettate?

ALBERTO Aspettavo questo momento con un'ansia che non vi potete immaginare. Aspettavo la gioia di dire a questa gente di qual crimine si sono macchiati e si macchiano giorno per giorno. Assassini, siete, e ve lo provo subito. (Apre la porta di sinistra e chiama) Venite. (Dalla sinistra entrano Teresa e Aniello Amitrano). Ecco qua: questo è Aniello Amitrano con sua moglie.

BRIGADIERE     Aniello Amitrano?

ANIELLO Sissignore, brigadie', sono io. Questa è la mia carta d'identità. (Gliela mostra).

BRIGADIERE (l'osserva)    E dove siete stato?

ANIELLO Sono stato a Caserta, da una mia zia. Il giorno stesso che arrivai mi venne la febbre a quaranta. Dissi alla zia: «Nun fa sape' niente a mia moglie, se no si spaventa». Stavamo pure in urto... Pure altre volte mi sono contrastato e non sono rincasato per un paio di notti...

TERESA E se non veniva il portiere a dirmi il fatto, io non ci avrei proprio pensato.

BRIGADIERE Sta bene. Però voi, don Albe', sempre dovete venire con me. Anzi se viene con noi pure il signor Amitrano, è meglio. Si tratta di una semplice formalità; cosa di una mezz'ora e ve ne tornate a casa vostra.

ANIELLO     Io sono pronto.

BRIGADIERE     Così torneremo pure la stima ai signori Cimmaruta.

PASQUALE Oh... questo dobbiamo assodare. (Ad Alberto) Voi avete detto delle cose enormi, ormai superate dal fatto che Amitrano sta là, vivo; ma voi avete detto poco fa al brigadiere: «I documenti ce l'ho, per dimostrarvi di quale crimine si sono macchiati questi assassini». Assassini di chi, ce lo volete spiegare?

ALBERTO Come no? Si sapisseve come ho aspettato questo momento! Però dovete avere ancora cinque minuti di pazienza; sono subito a voi. (Si avvicina a Carlo e, fulmineamente, senza che questi abbia il tempo di evitarlo, gli tira uno schiaffo, che riecheggia sinistro nello stanzone, e che ammutolisce tutti i presenti. Carlo guarda il fratello sorpreso e smarrito. Dopo una piccola pausa) Se non hai capito, te lo spiego un'altra volta. (Carlo tira fuori la carta firmata da Alberto un momento prima e la consegna al fratello. Poi si apparta camminando lentamente verso il fondo) E questa si può strappare. (Lacera il foglio. Poi rivolgendosi a Capa d'Angelo) Capa d'Angelo, voi potete andare. Ci dispiace di non potervi confortare oltre. Scendete sicuro perché la fidanzata non la incontrerete!

CAPA D'ANGELO    Buona giornata. (Esce).

ALBERTO Mo' volete sapere perché siete assassini? E che v' 'o dico a ffa'? Che parlo a ffa'? Chisto, mo', è 'o fatto 'e zi' Nicola... Parlo inutilmente? In mezzo a voi, forse, ci sono anch'io, e non me ne rendo conto. Avete sospettato l'uno dell'altro: 'o marito d' 'a mugliera, 'a mugliera d' 'o marito... 'a zia d' 'o nipote... 'a sora d' 'o frate... Io vi ho accusati e non vi siete ribellati, eppure eravate innocenti tutti quanti... Lo avete creduto possibile. Un assassinio lo avete messo nelle cose normali di tutti i giorni... il delitto lo avete messo nel bilancio di famiglia! La stima, don Pasqua', la stima reciproca che ci mette a posto con la nostra coscienza, che ci appacia con noi stessi, l'abbiamo uccisa... E vi sembra un assassinio da niente? Senza la stima si può arrivare al delitto. E ci stavamo arrivando. Pure la cameriera aveva sospettato di voi... La gita in campagna, la passeggiata in barca... Come facciamo a vivere, a guardarci in faccia? (Esaltato, guardando in alto verso il mezzanino) Avive ragione, zi' Nico'! Nun vulive parla' cchiù... C'aggia ffa', zi' Nico'? (Più esaltato che mai, implorante) Tu che hai campato tanti anni e che avevi capito tante cose, dammi tu nu cunziglio... Dimmi tu: c'aggia ffa'? Parlami tu... (Si ferma perché ode come in lontananza la solita chiacchierata pirotecnica di zi' Nicola, questa volta prolungata e più ritmata) Non ho capito, zi' Nico'! (Esasperato) Zi' Nico', parla cchiù chiaro! (Silenzio. Tutti lo guardano incuriositi). Avete sentito?

TUTTI     E che cosa?

ALBERTO     Comme, non avete sentito sparare da lontano?

TUTTI     No.

ALBERTO (ormai calmo e sereno) M'ha parlato e nun aggio capito. (Amaro, fissando lo sguardo in alto) Non si capisce! (Poi rivolto al brigadiere) Brigadie', possiamo rimandare questa formalità in questura a più tardi? Me voglio arrepusa'.

BRIGADIERE     Vuol dire che vi vengo a prendere nel pomeriggio.

ALBERTO (affranto siede)    Grazie.

PASQUALE Andiamo, va'... tante emozioni... 'o zio muorto... Andiamo.

Parlottando fra loro escono. Rimangono in iscena Alberto, Carlo e Michele.

MICHELE (dopo una lunga pausa) Io non mi sogno mai niente. 'A sera mi corico stanco che Iddio lo sa. Quando ero ragazzo, mi facevo un sacco di sogni... ma belli. Certi sogni che mi facevano svegliare così contento... Mi parevano spettacoli di operette di teatro. E quando mi svegliavo, facevo il possibile di addormentarmi un'altra volta per vedere di sognarmi il seguito. Me ne scendo, perché ci ho il palazzo solo... (Va per andare, poi come ricordando qualche cosa) Ah! il mezzo portone, poi, l'ho chiuso... Perché De Ferraris ha detto che la madre non esce, sta poco bene. È sempre un rispetto... Permettete. (Ed esce).

I due fratelli sono rimasti soli, l'uno di spalle all'altro. Alberto seduto al tavolo, in primo piano a sinistra, col capo chino sulle braccia. Carlo, accasciato su di una sedia, in fondo allo stanzone. Alberto, dopo una piccola pausa, solleva il capo lentamente, e con uno sguardo pietoso cerca il fratello. Dopo averlo fissato per un poco, per non prorompere in lacrime, con gesto che ha della disperazione, comprime fortemente le mani aperte sul suo volto. Il sole inaspettatamente, dal finestrone in fondo, taglia l'aria ammorbata dello stanzone e, pietosamente, vivifica le striminzite figure dei due fratelli e quelle povere, sgangherate sedie, le quali, malgrado tutto, saranno ancora provate dalle ormai svogliate «feste» e «festicciolle» dei poveri vicoli napoletani.


F  I  N  E

Nessun commento:

Posta un commento