giovedì 13 dicembre 2012

Filumena Marturano - Secondo Atto - il copione

L'ARTE DELLA COMMEDIA
Clicca su Tutto su Filumena Marturano



ATTO SECONDO


L'indomani. La medesima scena del primo atto. Per pulire il pavimento la serva ha spostato tutte le

sedie: qualcuna portandola sul terrazzo, altre adagiandole, capovolte, sul tavolo, altre, ancora, confinandole nello «studio» di Domenico. Il tappeto, sul quale fa centro il tavolo da pranzo, è piegato su se stesso ai quattro lati. Luci normali di una bella mattina di sole. Lucia è la serva di casa: simpatica e sana ragazza sui ventitré anni. Ha completato il suo lavoro. Strizza per l'ultima volta lo strofinaccio nel secchio dell'acqua sudicia, quindi va a riporre tutti gli arnesi di pulizia sul

terrazzo.


ALFREDO (stanco, assonnato, entra dalla comune, mentre Lucia si accinge a rimettere a posto il tappeto) Luci', buongiorno. !
LUCIA (fermandolo con il tono risentito della voce e col gesto) Nun accuminciate a cammenà cu' 'e piede!

ALFREDO Emo cammino cu 'e mmane!

LUCIA Io, mo ho finito di buttare il sangue... (Mostra il pavimento ancora in parte bagnato) Vuie ve presentate cu sti ppedagne!
ALFREDO 'E ppedagne? ...Io sto acciso! (Siede presso il tavolo) He capito che significa acciso? Tutt' 'a notte appriesso a don Dummineco, senza chiudere uocchie, assettato ncopp' 'o parapetto d' 'a Caracciolo. Mo accumencia a fa' pure frischetto... Ca il Padreterno mi doveva far capitare proprio a me alle dipendenze di lui! No ca mi lamento, p'ammor' 'a Madonna! Io ho campato, mi ha dato a vivere, e abbiamo avuto anche momenti di fasti, io con lui e lui con me. 'O Signore lo deve far campare mille anni, ma cuieto, tranquillo! Tengo sissant'anne, mica un giorno! Chi 'e pò ffa' cchiu 'e nnuttate appriesso a isso... Luci', damme na tazzulella 'e cafè.
LUCIA (che ha rimesso a posto le sedie, senza dare ascolto allo sfogo di Alfredo, con semplicità) Non ce n'è!
ALFREDO (contrariato) Non ce n'è?
LUCIA Non ce n'è. C'era quello di ieri: una tazza me la sono presa io, un'altra donna Rosalia non l'ha voluta e l'ha portata a donna Filumena, e un'altra l'ho conservata a don Domenico, caso mai viene...

ALFREDO (fissandola poco convinto) Caso mai viene?

LUCIA Eh, caso mai viene. Donna Rosalia 'o ccafè nun l'ha fatto.

ALFREDO E nun 'o pputive fa' tu?

LUCIA E ssaccio fa' 'o ccafè, io?

ALFREDO (sprezzante) Manco'o ccafè saie fa'. E pecché nun l'ha fatto Rosalia?

LUCIA È uscita presto. Dice che doveva portare tre lettere urgenti di donna Filumena.
ALFREDO (sospettoso) ...Di donna Filumena? Tre lettere?

LUCIA Eh, tre: una, due e tre.

ALFREDO (considerando il suo stato di esaurimento) Ma io nu surzo 'e cafè me ll'aggia piglià. Sa' che vuo fa', Luci'?.. 'A tazza 'e don Domenico la dividi in due e dint' 'o ssuio ce miette ll'acqua.
LUCIA E si se n'addona?

ALFREDO Chillo è difficile ca vene. Steva nquartato 'e chella manera... E po', si vene, aggio cchiu abbisuogno io ca so' viecchio, ca lui. Chi ce l'ha fatto fa' 'e sta' mmiez' 'a via tutt' 'a nuttata?
LUCIA Io mo v' 'o scarfo e v' 'o pporto. (S'avvia per lo comune a sinistra, ma vedendo giungere Rosolia dal lato destro, si ferma e avverte Alfredo) Donna Rosalia... (Vedendo che Alfredo la guarda senza parlare) Che ffaccio? V' 'o pporto 'o ccafè?
ALFREDO Tanto piu che sta venenno donna Rosalia! Fa il caffè fresco per don Domenico. Meza tazza ne voglio! (Lucia esce. Rosalia entra dalla comune e s'accorge della presenza di Alfredo. Finge però di non averlo visto e, tutta compresa in una sua missione, s'avvia alla camera da letto di donna Filumena. Alfredo a cui non è sfuggito l'atteggiamento di Rosalia, la fa giungere fin quasi al limitare della porta sinistra, poi, ironicamente, la richiama) Rosali', ched'è... he perza 'a lengua?

ROSALIA (indifferente) Nun t'aggio visto.

ALFREDO Nuh t'aggio visto? E che sso' nu pòlice ncopp' i 'a sta seggia?'

ROSALIA (ambigua) Eh, nu pòlice c' 'a tosse... (Tossicchia).

ALFREDO (che non ha compreso l'allusione) C’ ‘a tosse? ...(Cercando di indagare) Si' asciuta ampressa?
ROSALIA (enigmatica) Già.

ALFREDO E addò si' ghiuta?

ROSALIA A messa.

ALFREDO (incredulo) A messa?! E po' he purtato tre lettere 'e donna Filumena...

ROSALIA (come colta in fallo, dominandosi) E una volta che lo sapevi, perché hai domandato?
ALFREDO (simulando anch'egli indifferenza) Così, a titolo di esportazione. E a chi ll'he purtate?

ROSALIA Te l'ho detto prima: si' nu p6lice c' 'a tosse.

ALFREDO (impermalito, per non aver compreso, torvo) 'A tosse? Ma che ce trase sta tosse?
ROSALIA (come per dire: «Non sai mantenere un segreto») Parle, vaie parlanno. E po': si' spione!

ALFREDO Pecché, quacche vota aggio spiunato a tte?

ROSALIA A me? E a me nun ce sta niente 'a spiunà. Limpida comm' all'acqua surgiva surgente. 'E fatte mieie so' chiare, titò. (Come una cantilena che, ormai, per averla ripetuta chissà quante volte, conosce a memoria) Nata il '70. Fatt' 'o cunto quant'anne tengo. Da poveri ed onesti genitori. Mia madre, Sofia Trombetta, faceva 'a lavannara, e mio padre, Procopio Solimene, 'o maniscalco. Rosalia Solimene, ca sono io, e Vincenzo Bagliore che aggiustava mbrelle e cufenatore, contrassero regolare matrimonio addì due novembre 1887...
ALFREDO '0 iuorno d' 'e muorte?

ROSALIA Avévem’ ‘a da' cunto a te?

ALFREDO (divertito) No. (lnvogliandola a parlare) Iamme nnanze.

ROSALIA Da questa riunione vennero al mondo tre figli in una sola volta. Quando la levatrice portò la notizia a mio marito che stava al vicolo appresso, intento al suo lavoro, 'o truvaie c' 'a capa dint' a na scafaréa...
ALFREDO S’ ‘a steva sciacquanno!

ROSALIA (con tono marcato, ripete la frase, come per fargli intendere l'inopportunità dello scherzo) ...cu 'a capa dint' a na scafaréa per sincope sopravvenuta che, immaturamente, lo rapiva. Orfana di genitori, ambodue...
ALFREDO E terno 'e tre...

ROSALIA (c. s.) ...ambodue e con tre figli da crescere, andai ad abitare al vicolo San Liborio, basso numero 80, e mi misi a vendere sciosciamosche, cascettelle p' 'e muorte e cappielle 'e Piererotta'. 'E sciosciamosche li fabbricavo io stessa e guadagnavo quel poco per portare avanti i miei figli. Al vicolo San Liborio ebbi a conoscere donna Filumena, che, bambina, giocava ch' 'e tre ffiglie mieie. Doppo vintun'anno, 'e figlie mieie, nun truvanno lavoro, se n'andaiene uno in Australia e duie in America... e nun aggio avuto cchiu nutizie. Rimanette io sola; io, 'e sciosciamosche e 'e cappielle 'e Piererotta. E nun ne parlammo, si no me va 'o sango ncapo! E si nun fosse stato pe' donna Filumena che mi prese con lei, in casa, quando si arriunì con don Domenico, sarei finita a chiedere l'elemosina sopra le scale di una chiesa! Arrivederci e grazie, è fernuta 'a pellicola.
ALFREDO (sorridendo) Domani nuovo programma! Ma a chi he purtato 'e tre lettere, nun s'è pututo sapé!
ROSALIA Questa incombenza delicata che mi è stata profferta, non la posso sprofferire per farla diventare di dominio pubblico.
ALFREDO (deluso, con dispetto) Quanto si' antipatica! 'A malignità t'ha sturzellata tutta quanta. E quanta vote si' brutta!

ROSALIA (sostenuta) Non devo trovare il partito!

ALFREDO (dimenticando lo scambio di offese, col tono abituale di confidenza) M'he'a còsere stu bottone vicino a sta giacchetta. (Mostra il punto).
ROSALIA (avviandosi in camera da letto, con lieve senso di ritorsione) Domani, se tengo tempo.

ALFREDO E m'he 'a cosere pure na fettuccia mpont' 'a mutanda!

ROSALIA Comprate la fettuccia e ve la còso. Permesso. (Dignitosa esce per la porta di sinistra).
Dal fondo a sinistra entra Lucia recando una tazzina riempita a metà di caffè. Si ode il campanello.
Ella, che era diretta verso Alfredo, torna indietro ed esce per la comune.
DOMENICO (dopo una pausa, pallido, assonnato, entra dal fondo seguito da Lucia. Scorge il caffè) È ccafè, chesto?
LUCIA (dando un'occhiata d'intenzione ad Alfredo che, alla venuta di don Domenico, si è alzato) Sissignore.
DOMENICO Damme ccà. (Lucia porge la tazza a Domenico che ne beve il contenuto quasi d'un fiato) '0 ddesideravo nu poco 'e cafè!

ALFREDO (rabbuiato) Io pure.

DOMENICO (a Lucia) Portale na tazza 'e cafè. (Siede al tavolo, il volto tra le mani, assorto in cupi pensieri).

Lucia fa comprendere ad Alfredo, con i gesti, che l'altra metà della tazza di caffè che dovrà portargli, è già stata diluita in acqua.

ALFREDO (spazientito, rabbioso) Portalo'o stesso.

Lucia esce per il fondo a sinistra.

DOMENICO Ch'è stato?

ALFREDO (sorridendo forzatamente) Ha ditto c' 'o ccafè è friddo. Aggio ditto: portalo 'o stesso.
DOMENICO Lo riscalda e lo porta. (T ornando al suo pensiero) Si' stato dall'avvocato?

ALFREDO Comme no.

DOMENICO E quanno vene?

ALFREDO Appena tene tiempo. Ma in giornata senz'altro.

Lucia entra dal fondo recando un'altra tazza di caffè. Si avvicina ad Alfredo e gliela porge guardandolo ironicamente, quindi, divertita, esce per il fondo. Alfredo, sfiduciato, si accinge a sorbire la bevanda.


DOMENICO (completando ad alta voce il suo pensiero, con apprensione) ...E si è malamente?
ALFREDO (credendo che Domenico alluda al suo caffè, con rassegnazione) C'aggia fa', don Dummi', nun m' 'o ppiglio. Vo' dicere ca quanno scengo m' 'o ppiglio 'o bar.

DOMENICO (disorientato) Che cosa?

ALFREDO (convinto) '0 ccafè.

DOMENICO Che me ne mporta d' 'o ccafè, Alfre'. Io dico: si è malamente chello ca sto facenno... nel senso che l'avvocato me dice ca nun se pò ffa' niente...
ALFREDO (dopo di aver sorbito un sorso di caffè con una smorfia di disgusto) Non è possibile... (Va a deporre la tazza su di un mobile, in fondo).

DOMENICO Che ne sai, tu?

ALFREDO (da intenditore) Comme che ne saccio? È una schifezza!

DOMENICO Bravo: è una schifezza. Proprio cosi. L'ha fatto male. Nun l'ha saputo fa'...

ALFREDO Don Dummi', nun l'ha saputo maie fa'!

DOMENICO Ma io ricorro in tribunale, in appello, 'a Corte suprema!

ALFREDO (sbalordito) Don Dummi', p'ammor' 'a Madonna! Pe' nu surzo 'e cafè?

DOMENICO Ma tu che vvuo cu' stu ccafè? Io sto parlanno d' 'o fatto mio!

ALFR.EDO (non ha ancora compreso, vago) Ecco... (comprende divertito l'equivoco) Ah!... (Ride) Eh... (Poi temendo l'ira di don Domenico, diviene d'un tratto come partecipe alla gravità dello stato d'animo del padrone) Ah... eh... Perdio!
DOMENICO (al quale non è sfuggita la metamorfosi spirituale del suo interlocutore, s'intenerisce, rassegnato ad accettare l'incomprensione di Alfredo) Che parlo a ffa' , cu' te? 'E che pozzo parlà cu' te? D' 'o ppassato... Ma te pozzo parlà d' 'o ppresente? ...(Lo guarda come se allora lo avesse conosciuto. La sua voce assume un tono di sconforto) Guarda llà, gua'... Alfredo Amoroso, come sei ridotto! 'A faccia appesa, 'e capille ianche, ll'uocchie appannate, miezo rimbambito...
ALFREDO (ammettendo tutto, anche perché non oserebbe mai contraddire il padrone e come rassegnandosi ad una fatalità) Perdìo!
DOMENICO (considerando che anch'egli, in fondo, ha subito le metamorfosi dell'età e delle vicende umane, rievoca) Gli anni passano e passano per tutti quanti... T' 'o ricuorde a Mimi Soriano, don Mimi, t' 'o ricuorde?
ALFREDO (colto soprappensiero, falsamente interessato) , Gnernò, don Dummi', è muorto?

DOMENICO (con amarezza) È muorto, proprio accussi. Don Mimi Soriano è morto!

ALFREDO (comprendendo a volo la gaffe) Ah... vuie dicìveve... Don Mimì… (Serio) Ma…perdìò!
DOMENICO (come rivedendo la sua immagine giovanile) 'E mustaccielle nire! Sicco comm' a nu iunco! 'A notte 'a facevo iuorno... Chi durmeva maie?

ALFREDO (sbadigliando) M’ ‘o ddicite a me?

DOMENICO T' 'a ricuorde chella figliola ncoppo Capemonte? ...Che bella guagliona: Gesummina! -« Fuimmencenne», -'a tengo dint' 'e rrecchie... E 'a mugliera d' 'o veterinario?
ALFREDO Comme... Ah, che me facite ricurdà! Chella po' teneva na cainata ca faceva 'a capera. Io mi ci misi appresso ma nun se facevano 'e carattere...
DOMENICO 'E meglio attacche, quanno scennevo abbascio 'a Villa! Tanno ce steva ancora 'o truttuarre.

ALFREDO Iveve nu figurino!

DOMENICO O «nuasetto» o grigio: chille erano 'e culure mieie. Cappello duro, 'a cravascia mmano... 'E meglie cavalle erano 'e mieie. T'arricuorde «Uocchie 'argiento» ?
ALFREDO Comme nun m' 'a ricordo? ...Perdìo! «Uocchie 'argiento », 'a storna? ...(Con nostalgia) Che grande cavalla! Ci aveva un di dietro che era una luna piena! Quanno se guardava 'e faccia il di dietro, sembrava una luna piena nel momento del risorgimento! Io me n'annammuraie 'e chella cavalla! E pirciò me lassaie cu 'a capera. E quanno v' 'a vennìsteve, Alfredo Amoroso , ebbe un grande dolore.
DOMENICO (abbandonandosi al volo dei suoi ricordi) Parigi, Londra... 'e ccorse... Me sentevo nu Padreterno! Me sentevo ca putevo fa' chello ca vulevo io: senza règula, senza cuntrollo... (Infervorandosi) Ca nisciuno, maie, manco Dio, me puteva levà 'a copp' 'o munno! Me sentevo padrone d' 'e muntagne, d' 'o mare, d' 'a vita mia stessa... E mo? Mo me sento finito, senza vuluntà, senza entusiasmo! E chello che ffaccio, 'o ffaccio pè dimustrà a me stesso ca nun è overo, ca songo ancora forte, ca pozzo ancora vencere l'uommene, 'e ccose, 'a morte... E 'o ffaccio accussì naturale, ca ce credo, me cunvinco, me stono... e cumbatto! (Risoluto) Aggia cumbattere! Domenico Soriano non si piega. (Ripigliando il suo tono deciso) Ch'è succiesso ccà? He saputo niente?
ALFREDO (reticente) Eh... «He saputo niente?» Qua mi tengono all'oscuro. Donna Filumena, 'o ssapite, nun me pò vedé. Vulesse sapé che ll'aggio fatto... Rosalia, pe' ditto 'e Lucia e confermato da Rosalia medesima, dice che ha purtato tre lettere orgente pe' cunto 'e donna Filumena.
DOMENICO (ruminando, ma sicuro delle sue supposizioni) A chi?
Alfredo fa per rispondere qualcosa, ma si arresta vedendo entrare, da sinistra, Filumena.
FILUMENA (in abito da casa, un po' in disordine, seguita da Rosalia che reca delle lenzuola e finge di non vederli. Chiama verso la comune) Luci'... (A Rosalia) Dateme 'a chiave.

ROSALIA (porgendo le chiavi) Eccomi a voi.

FILUMENA (intascandole, spazientita, alludendo a Lucia che ritarda) E vvi' si vene chella... (Chiama con un tono di voce un po' piu forte e perentorio) Luci'!
LUCIA (entra dal fondo a sinistra, premurosa) Ch'è stato, signo'?

FILUMENA (tagliando corto) Pigliete sti lenzole. (Rosalia consegna la biancheria). 'O saluttino, vicino 'o studio, ce sta n'ottomana, l'accuonce a lietto.
LUCIA (un po' sorpresa) Va bene. (Fa per andare).

FILUMENA (fermandola) Aspetta.' A cammera toia me serve. (Lucia cade dalle nuvole). Cheste so' 'e llenzole pulite: doie mute. Tu te faie 'a branda dint' 'a cucina.
LUCIA (visibilmente contrariata) Va bene. E 'a rrobba mia? Aggi' 'a levà pure 'a rrobba mia?

FILUMENA T'aggio ditto ca me serve 'a cammera!

LUCIA (alzando un po' il tono della voce) E 'a rrobba mia addò 'a metto?

FILUMENA Te piglie 'o stipo dint' 'o curridore.

LUCIA Va bene. (Esce per il fondo a sinistra).

FILUMENA (fingendo di scorgere solo allora Domenico) Tu stive lloco?

DOMENICO Si, stevo ccà nterra... (Freddo) Se pò ssapé ched'è sta trasformazione in casa mia?
FILUMENA Comme no? E che ci sono sicreti fra marito e moglie? Mi servono altre due camere da letto.

DOMENICO E pe' chi servono?

FILUMENA (categorica) P' 'e figlie mieie. Sarebbero state tre, ma siccome uno è ammogliato e tene pure quatto guagliune, se sta 'a casa soia, p' 'e fatte suoie.
DOMENICO Ah, mbè?! Ce stanno pure 'e niputine? ... (Provocatore) E comme se chiamma sta tribu che tenive astipata?
FILUMENA (sicura del fatto suo) Pe' mo portano 'o nomme mio... Più in là purtarranno 'o nomme tuio.

DOMENICO Senza'o cunsenzo mio, nun credo!

FILUMENA Ce 'o daie, Dummi'... ce 'o daie! (Esce per la porta di sinistra).

ROSALIA (a Domenico con ostentato senso di rispetto) Permesso. (Segue Filumena).

DOMENICO (con un incontenibile scatto grida attraverso la porta a Filumena, alludendo ai figli) N’ ‘e ccaccio! He capito? N' 'e ccaccio!
FILUMENA (dall'interno, con voce ironica) Nchiudite 'a porta, Rusali'.

La porta si chiude sul muso di Domenico.


LUCIA (entra dal fondo e si rivolge a Domenica con tono riservato) Signo', fore ce sta 'a signurina Diana, con un altro signore.
DOMENICO (interessandosi) E falla trasì.

LUCIA Nun vo' trasì. Io ho insistito, ma ha ditto che andate voi for' 'a sala. Se mette appaura 'e donna Filumena.
DOMENICO (esasperato) Vuie vedite 'o Pateterno! Aggio miso 'o cammurrista dint' 'a casa! (Alludendo a Diana) Dincello che tràseno perché ci sono io qua.

Lucia esce.


ALFREDO Chella si 'a vede... (accompagnando la parola col gesto, come per dire: «la picchia»)... 'a scutuléa...
DOMENICO (gridando in modo da farsi ascoltare anche oltre la porta chiusa della camera da letto, come per prevenire il caso) C'ha dda scutulià, Alfre'?! Ma ccà, overamente facimmo? ...Io songo 'o padrone! (Alludendo a Filumena) Essa nun è niente! Facìmmece capace tutte quante dint' a sta casa!
LUCIA (ritorna dal fondo e a Domenico) Signo', non ha voluto entrare. Dice che lei non risponde dei suoi nervi.

DOMENICO Ma chi ce sta cu essa?

LUCIA Nu signore. Essa l'ha chiamato avvocato. (Considerando) Ma me pare ca se mette appaura pur'isso...
DOMENICO Ma comme? ...Siamo tre uomini!
ALFREDO (sincero) A me non mi contate... Pecché, comme stongo stammatina, vaco tre sorde! (Deciso) Anzi, vuie avit' 'a parlà... Me vaco a ffà na sciacquata 'e faccia dint' 'a cucina. Se mi volete, mi chiamate... (Senza attendere risposta, esce per il fondo a sinistra).

LUCIA Signo', c'aggi' 'a fa'?

DOMENICO Mo ce vaco io! (Lucia esce per il fondo a sinistra, Domenico per il fondo a destra, introducendo subito dopo, Diana e l'avvocato Nocella) Non lo dite neanche per ischerzo! Questa è casa mia.
DIANA (ferma sotto la soglia, con alle spalle l'avvocato, in preda ad evidente orgasmo) No, caro Domenico, dopo la scenata di ieri non intendo assolutamente di ritrovarmi a faccia a faccia con quella donna.
DOMENICO (rassicurandola) Ma vi prego, Diana, mi mortificate. Entrate, non dovete avere paura.

DIANA Paura, io? Ma neanche per sogno! Non voglio giungere a degli eccessi.

DOMENICO Non è il caso. Ci sono io qua.

DIANA Ieri sera pure, c'era lei.

DOMENICO Ma fu cosi all'improvviso... Ma vi assicuro che non dovete temere niente. Entrate, avvoca', accomodatevi.
DIANA (avanzando di qualche passo, allude a Filumena)

DOMENICO Vi ripeto: non vi preoccupate. Accomodatevi, sedetevi. (Porge le sedie. I tre seggono intorno al tavolo: Nocella nel mezzo, Domenico a destra, Diana a sinistra. Ella non perde d'occhio la camera da letto). Dunque?
NOCELLA (è un uomo sui quarant'anni, normale, insignificante. Veste con una certa eleganza sobria. Si trova li a parlare del caso Soriano perché vi è stato trascinato da Diana. Si nota, infatti, nel tono della voce, un certo disinteresse) Io abito nella pensione dove abita la signorina. E là ci siamo conosciuti tempo fa.
DIANA L'avvocato può dire chi sono e che vita faccio.
NOCELLA (che non vuole immischiarsi) Ci vediamo la sera, a tavola. Io, poi, in pensione ci sto raramente... Tribunale, clienti; e, di solito, non m'interesso.
DIANA (non riuscendo a trattenere la sua apprensione, dopo aver guardato ancora una volta a sinistra la porta donde ha timore debba uscire Filttmena da un momento all'altro, a Domenico) Scusi, Domenico... Preferisco sedere al posto suo. Ha difficoltà? ...

DOMENICO Vi pare...

I due cambiano posto.


DIANA (ripigliando il discorso iniziato da Nocella) E proprio a tavola, ieri sera, io raccontai il caso suo e di Filomena.
NOCELLA Già... ci facemmo un sacco di risate...

Sguardo significativo di Domenico.

DIANA Oh, no, no, io non ne risi per niente.

Nocella la guarda con intenzione.

DOMENICO La signorina si trovava qua, perché io la feci fingere infermiera.

DIANA Mi fece fingere? Ma neanche per sogno! Sono infermiera, e come: con tanto di diploma! Non gliel'ho mai detto, Domenico?
DOMENICO (sorpreso) No, veramente.

DIANA Bah, in fondo, perché avrei dovuto dirglielo? ... (Ripigliando il discorso) Dissi il suo stato d'animo e la sua preoccupazione di dover rimanere legato ad una donna, senza averne avuto mai il minimo desiderio. E l'avvocato spiegò esaurientemente...

Campanello interno.

DOMENICO (preoccupato) Scusate, vi dispiace di passare nello studio? Hanno suonato il campanello.
Lucia attraversa il fondo da sinistra a destra.

DIANA (alzandosi) Si, forse è meglio.

Nocella si alza anche lui.

DOMENICO (mostrando loro lo «studio») Accomodatevi.

NOCELLA Grazie. (Esce per primo).

DOMENICO Ci sono novità?

DIANA (a Domenico con intimità) Sentirai... (Domenico è impaziente). Sei palliduccio... (Cosi dicendo, Diana accarezza la guancia di lui ed esce. Domenico interdetto, la segue).
LUCIA (introducendo Umberto) Accomodatevi.

UMBERTO (è un giovane alto, ben piantato. Veste con dignitosa modestia. Ama lo studio con convinzione. Il suo modo di parlare, il suo sguardo acuto da osservatore, dànno un senso di soggezione. Entrando) Grazie.
LUCIA Se vi volete sedere... nun saccio si donna Filumena esce subito.

UMBERTO Grazie, si, mi seggo volentieri. (Siede a sinistra al limitare del terrazzo. Si mette a scribacchiare su di un quaderno che ha recato con sé. Lucia si avvia verso la porta di sinistra ma sentendo trillare il campanello d'ingresso torna sui suoi passi ed esce dal fondo a destra. Dopo una breve pausa ritorna introducendo Riccardo)
LUCIA Entrate.
RICCARDO (è un giovane svelto, simpatico, vestito con vistosa eleganza. Nell'entrare guarda l'orologio da polso) Nenne', na cosa 'e ggiorno... (Lucia fa per raggiungere la porta di sinistra. Riccardo che l'ha sbirciata, la ferma con una scusa) Neh, guè, siente... (Lucia gli si avvicina).'A quanto tiempo staie ccà?

LUCIA È un anno e mezzo.

RICCARDO (galante alla buona) 'O ssaie ca si' na bella piccerella?

LUCIA (lusingata) Si nun me guasto c' 'o tiempo...

RICCARDO Viene 'a part' 'o magazzino mio...

LUCIA Tenite 'o magazzino?

RICCARDO Numero 74, a Chiaia, dint' '0 purtone... Te faccio 'e ccammise.

LUCIA Overo? E che mme mettite 'e ccammise 'a ommo? Iatevenne!

RICCARDO Eh! Io servo uomini e donne... All'uommene, ce metto 'e cammise, a 'e ffemmene comm'a tte... ce le levo! (Dicendo quest'ultima battuta fa per abbracciare la ragazza).
LUCIA (divincolandosi, offesa) Neh, neh! (Riesce a liberarsi) Vuie fusseve pazzo? Pe' chi m'avite pigliata? Io ce 'o ddico 'a signora. (Alludendo ad Umberto che ha seguito la scena senza attribuire ad essa alcun peso) Cu' chillo llà...

Campanello interno. Lucia si avvia verso il fondo.

RICCARDO (osservando Umberto, divertito) Guè, overo... Io non l'avevo visto.

LUCIA (risentita) E vuie nun vedite manco 'e ffigliole per bene ca se fanno 'e fatte lloro... (Si avvia).
RICCARDO (insinuante) Ce viene 'o magazzino?

LUCIA (sostenuta) A' nnummero 74? ...(Guardando il giovane con ammirazione, sorride).
RICCARDO (con un cenno che vuoi significare: «ti aspet.to») A Chiaia...

LUCIA Eh... e ce vengo! (Ed esce per il fondo a destra lanciando a Riccardo un ultimo sorriso d'intesa).
RICCARDO (passeggia un po' per la camera, guarda Umberto e vistosi fissato sente il bisogno di giustificare il suo modo di comportarsi nei riguardi di Lucia) È carina...

UMBERTO E a me che me n'importa?

RICCARDO (un po' risentito) Ma pecché, facite 'o prevete, vuie.

Umberto non risponde e continua a scribacchiare.


LUCIA (dal fondo, introducendo Michele) Trase Miche', 'a chesta parte.
MICHELE (in tuta blu da stagnino e con la borsa dei ferri, avanza semplicemente, È un giovane di buona salute, florido e grassoccio. Ha un carattere semplice e gioviale. Si sberretta) Luci', ma ch'è stato? 'O bagno scorre n'ata vota? Io ce facette chella saldatura.

LUCIA No, funziona.

MICHELE E allora che ato ve scorre?

LUCIA Oi ni', a nuie nun ce scorre niente. Aspetta, mo vaco a chiammà a donna Filumena. (Esce a sinistra).
MICHELE (a Riccardo, rispettoso) Servo. (Riccardo risponde al saluto con un lieve cenno del capo). Tengo 'a puteca sola... (Trae dalla tasca una cicca) Tenete un cerino?

RICCARDO (superbo) Nun'o tengo.

MICHELE E nun fumammo. (Pausa). Voi siete parente?

RICCARDO E voi siete 'o giudice istruttore?

MICHELE Come sarebbe?

RICCARDO Vuie tenite genio 'e parlà, io no.

MICHELE Ma nu poco 'e maniera 'a putansseve pure tené. Fùsseve o' Patetemo?

UMBERTO (intervenendo) No, nun è 'o Patetemo... è scostumato.

RICCARDO Come sarebbe?

UMBERTO E scusate, voi siete entrato e, senza badare che vi trovate in casa d'altri, ve site menato ncuoll' 'a cammarera... Trovate a mme, manco p' 'a capa... Mo ve mettite a sfottere a chillu povero Dio...
MICHELE (risentito, a Umberto) Oh, ma pecché, secondo te, io songo 'o tipo 'e me fa' sfottere... Tu vide 'o Pateterno... Uno iesce d' 'a casa pè fatte suoie... (A Riccardo) Avite ragione ca stammo ccà ncoppa.

RICCARDO '0 ssaie ca m'he scucciato? Mo te dongo nu bbuffo ccà ncoppo stesso...

MICHELE (diviene pallido d'ira. Lascia cadere in terra la borsa e si avvicina lentamente, minaccioso) Famme vedé.
RICCARDO (gli va incontro con la stessa calma apparente) Ma pecché? ...Me mettesse appaura 'e te?
Umberto si è avvicinato ai due per intervenire e prevenire l'iniziativa dell'uno o dell'altro.
MICHELE (rabbioso) Stu piezz' 'e... (Con gesto rapido fa per dare un manrovescio a Riccardo, ma costui lo previene, anche per l'intervento di Umberto. Ad Umberto) Let' 'a miezo, tu...

Ha inizio la zuffa fra Michele e Riccardo, nella quale si trova coinvolto Umberto. Volano calci e manrovesci che non raggiungono mai gli obiettivi. I tre giovani piu si accaniscono, mormorando, fra i denti, parole d'ira e di offesa.


FILUMENA (dalla sinistra, entrando, interviene in tono energico) Ch'è stato? ...(Rosalia che l'ha seguita si ferma alle sue spalle. I tre giovanotti, al richiamo, si compongono assumendo un atteggiamento d'indifferenza, si schierano al cospetto della donna). Che ve credite? Che state mmiez' 'a via?
UMBERTO (toccandosi il naso dolorante) Io dividevo!

RICCARDO Io pure.

MICHELE Anch'io.

FILUMENA E chi deva?

I TRE (all'unisono) Io no...

FILUMENA (deprecando) Purcarie! L'uno contro all'ato! (Pausa. Filumena ripiglia il suo atteggiamento abituale) Dunque, guagliu'... (Non trova il modo per iniziare il suo dire) Gli affari come vanno?
MICHELE Ringraziammo a Dio!

FILUMENA (a Michele) E i bambini?

MICHELE Bene.' A settimana scorsa ci ebbi il mezzano con un poco di febbre. Ma mo sta bene. Se mangiaie duie chile d'uva 'e nascosto d' 'a mamma. Io non c'ero. Fece una panza tosta che sembrava un tamburo. Sapete, quattro bambini... o l'uno o l'altro vi dànno sempre da fare. Pè furtuna ca l'olio di ricino piace a tutt'e quatto. Figuràteve ca, quanno purgo a uno, ll'ati tre arrevòtano 'a casa: pianti, strilli... E si nun purgo pure a lloro nun 'a fernésceno. Se mettono tutt'e quatto, in fila, sopra 'e rinalielle... So' bambini.
UMBERTO Signora, io ho ricevuto un suo biglietto. Il suo nome, sic et simpliciter, non mi diceva niente. Per fortuna c'era l'indirizzo e mi sono ricordato che, questa donna Filomena, l'incontro quasi ogni sera, quando esco per andare al giornale, e che, una volta, ebbi il piacere di accompagnarla proprio a questo indirizzo perché non ce la faceva a camminare, a causa di un piede che le doleva. Cosi ho ricostruito e...

FILUMENA Già, me faceva male 'o pede.

RICCARDO (piu esplicito) 'E che se tratta?

FILUMENA (a Riccardo) '0 negozio va bene?

RICCARDO E pecché avess' 'a ji' malamente? Certo che se avessi tutte clienti come voi, dopo un mese, dovrei chiudere. Quando venite voi dentr' 'o magazzino mio aggio na mazzata ncapo. Mi fate prendere tutte le pezze di stoffa: questa no, quella no... ci debbo pensare... E lasciate un negozio ca p' 'o mettere a posto ce vonno 'e facchine.
FILUMENA (materna) Vuol dire che non vi darò piu fastidio.

RICCARDO Che c'entra, voi siete la padrona, ma io sudo na cammisa 'a vota!

FILUMENA (quasi divertita) Dunque, io vi ho mandato a chiamare per una cosa seria. Se volete entrare un momento qua... (indica la prima a sinistra) stiamo piu tranquilli.
DOMENICO (dallo studio, seguito dall'avvocato Nocella, interviene. Ha ripreso il suo tono normale di uomo sicuro del fatto suo. Si rivolge a Filumena con energia bonaria) Lascia sta' Filume', non è il caso d'imbrogliare! maggiormente le tue cose... (All'avvocato) Io, senza essere avvocato, lo dissi prima di voi. Era chiaro. (Filumena lo guarda dubbiosa). Dunque, qua c'è l'avvocato Nocella che può darti tutti gli schiarimenti che vuoi. (Ai tre ragazzi) La signora si è sbagliata. Vi ha incomodati inutilmente. Vi chiediamo scusa e... se volete andare...
FILUMENA (fermando i tre che si avviano) Nu mumento... Io nun me so' sbagliata. Ll'aggio mannate a chiammà io. Che c'entri tu?

DOMENICO (con intenzione) Avimm’ ‘a parlà nnanz' 'a gente?

FILUMENA (ha compreso che qualcosa di serio è avvenuto, per cui l'andamento delle cose è completamente mutato. Il tono calmo della voce di Domenico le ha dato conferma di ciò. Si rivolge ai tre giovanotti) Scusate, cinque minuti... Volete aspettare for' 'a loggia?
Umberto e Michele si avviano un po' interdetti.
RICCARDO (consultando l'orologio) Sentite! Ma a me mi pare che si abusi della cortesia altrui! Io ho da fare...
FILUMENA (perdendo la calma) Guè, ccà se tratta 'e na cosa seria, t'aggio ditto! (Trattandolo da moccioso, con un tono che non ammette replica) Cammina for' 'a loggia. Comme aspettano ll'ate, aspiette pure tu.
RICCARDO (sconcertato dal tono deciso di Filumena) Va bene! (Segue gli altri due, sempre, però, a malincuore).

FILUMENA (a Rosalia) Dalle na tazza 'e cafè.

ROSALIA Subito. (Ai tre) Iate for' 'a loggia. Ve mettite là bbascio... (Indica un punto) Mo ve porto na bella tazza 'e cafè. (Esce per il fondo a sinistra mentre i tre giovanotti escono fuori al terrazzo).
FILUMENA (a Domenico) Dunque?

DOMENICO (indifferente) Qua sta l'avvocato, 'o vi'? ...Parla cu isso.

FILUMENA (spazientita) Io cu 'a legge ce tengo poca amicizia. Ad ogni modo, 'e che se tratta?
NOCELLA Ecco qua, signora. Ripeto, io in questa faccenda non c'entro.

FILUMENA E allora, che ce si te venuto a ffa'?

NOCELLA Ecco, non c'entro, nel senso che il signore qua non è mio cliente, né mi ha mandato a chiamare.
FILUMENA Allora ce si te venuto?

NOCELLA No...

FILUMENA (ironica) Ve ce hanno mannato?

INOCELLA No, signo'. È difficile ch'io consenta a qualcheduno di mandarmivici.

DOMENICO (a Filumena) '0 vuo fa' parlà?

NOCELLA Di questo fatto me ne ha parlato la signorina... (Non vedendola dietro di sé, guarda verso lo studio) Dove sta?
DOMENICO (impaziente di riportare la discussione nei suoi termini essenziali) Avvoca', io... lei... chi ve ne ha parlato, non ha importanza. Venite alla conclusione.
FILUMENA (alludendo a Diana con sarcasmo feroce ma contenuto nel tono dell'interrogazione) Sta llà dinto, è ove'? Nun tene 'o curaggio d'ascì ccà fore. Iammo nnanze, avvoca'.
NOCELLA Per il caso espostomi da lui... dall'altra... insomma... p' 'o fatto ch'è succieso, c'è l'articolo 101, che io ho trascritto qua. (Trae di tasca un foglio e lo mostra) Articolo 101: Matrimonio in imminente pericolo di vita. «Nel caso di imminente pericolo di vita... ecc...» spiega tutte le modalità. Ma l'imminente pericolo di vita non c'è stato, perché la vostra, secondo la versione del signore qua, è stata una finzione.

DOMENICO (pronto) Tengo i testimoni: Alfredo, Lucia, 'o guardaporta, Rosalia...

FILUMENA L'infermiera...

DOMENICO L'infermiera! Tutte quante! Appena 'o prèvete se n'è ghiuto, s'è alzata dal letto... (mostra Filumena) e ha detto: «Dummi', simmo marito e mugliera!»
NOCELLA (a Filumena) E allora c'è a suo vantaggio l'articolo 122: Violenza ed errore. (Legge) «Il matrimonio può essere impugnato da quello degli sposi il cui consenso è stato estorto con violenza o escluso per effetto di errore». L'estorsione c'è stata: in base all'articolo 122, il matrimonio viene impugnato.

FILUMENA (sincera) Io nun aggio capito.

DOMENICO (convinto di dare una interpretazione giusta all'articolo del codice, a Filumena, volendo soverchiarla) Io ti ho sposata perché dovevi morire...
NOCELLA No, il matrimonio non può essere sottoposto a condizioni. C'è l'articolo... mo nun m' 'o ricordo... Insomma dice: «Se le parti aggiungono un termine o una condizione, l'ufficiale di stato civile, o il sacerdote, non può procedere alla celebrazione del matrimonio».

DOMENICO Voi avete detto che l'imminente pericolo di vita non c’è stato...

FILUMENA (brusca) Statte zitto, ca manco tu he capito. Avvoca', spiegateve 'a napulitana.
NOCELLA (porgendo il foglio a Filumena) Questo è l'articolo. Leggetelo voi stessa.

FILUMENA (strappa il foglio senza neanche guardarlo) Io nun saccio leggere e po' carte nun n'accetto!
NOCELLA (un po' offeso) Signo', siccome nun site stata mpunt' 'e morte, 'o matrimonio s'annulla, nun vale.

FILUMENA E 'o prèvete?

NOCELLA Ve dice 'o stesso. Anze, ve dice ch'avite oltraggiato il sacramento. Non vale!
FILUMENA (livida) Nun vale? Avev' 'a muri?

NOCELLA (pronto) Ecco.

FILUMENA Si murevo...

NOCELLA Allora sarebbe stato validissimo.

FILUMENA (mostrando Domenico che è rimasto impassibile) E lui si poteva ammogliare un'altra volta, poteva avere dei figli...
NOCELLA Già, ma sempre da vedovo. Quest'altra probabile donna avrebbe sposato il vedovo della defunta signora Soriano.

DOMENICO Lei sarebbe diventata la signora Soriano...Morta!

FILUMENA (ironica, ma con amarezza) Bella soddisfazione! Allora io aggio spiso na vita pè furmà na famiglia, e 'a legge nun m' 'o permette? E chesta è giustizia?
NOCELLA Ma la legge non può sostenere un vostro principio, sia pure umano, rendendosi complice di un espediente perpetrato ai danni di un terzo. Domenico Soriano non intende unirsi in matrimonio con voi.
DOMENICO E ci devi credere. Se hai qualche dubbio, chiama un avvocato di tua fiducia.
FILUMENA No, ce credo. No pecché m' 'o ddice tu che hai tutto l'interesse... No pecché m' 'o ddice l'avvocato, pecché io ll'avvucate nun 'e ccunosco... Ma guardànnote nfaccia. Te pienze ca nun te cunosco? He pigliato n'ata vota 'a stess'aria 'e padrone. Te si' calmato... Na buscia me l'avarrisse ditta senza me guardà nfaccia, cu ll'uocchie nterra... pecché tu buscie nun n' he sapute maie dicere. È overo...

DOMENICO Avvoca', voi procedete.

NOCELLA Se mi date mandato.

FILUMENA (rimane per un attimo assorta. D'un tratto risponde all'ultima frase che le aveva rivolto Nocella. Il suo tono è altero, ma va crescendo di fervore, fino alto scatto) E io manco! (A Domenico) Io nemmno te voglio! (A Nocella) Avvoca', procedete. Nun ' voglio nemmeno io. Nun è overo ca stevo mpunt' 'e morte. Vulevo fa' na truffa! Me vulevo arrubbà nu cugnome! Ma cunuscevo sulo 'a legge mia: chella legge ca fa ridere, no chella ca fa chiagnere! (Grida verso il terrazzo) A vvuie, venite 'a ccà!
DOMENICO (accomodante) Ma'a vuo fernì?

FILUMENA (Inviperita) Statte zitto! (Dal terrazzo ricompaiono i tre giovanotti un po' disorientati ed avanzano di qualche passo nella camera. Dal fondo, quasi contemporaneamente, Rosalia entra recando un vassoio con tre tazze di caffè, comprende la delicatezza del momento e, dopo aver appoggiato il vassoio su di un mobile, si pone in ascolto avvicinandosi quindi a Filumena, la quale, rivolta ai figli, cosi apertamente parla loro) Guagliu', vuie site uommene! Stateme a senti. (Mostra Domenico e Nocella) Ccà sta 'a ggente: 'o munno. '0 munno cu' tutt' 'e llegge e cu' tutt' 'e diritte... '0 munno ca se difende c' 'a carta e c' 'a penna. Domenico Soriano e l'avvocato... (Mostrando se stessa) E ccà ce sto io: Filumena Marturano, chella ca 'a leggia soia è ca nun sape chiàgnere. Pecché 'a ggente, Domenico Soriano, me l'ha ditto sempe: «Avesse visto maie na lacrema dint' a chill'uocchie!» E io senza chiagnere... '0 vvedite?! Ll'uocchie mieie so' asciutte comm' all'esca... (Fissando in volto i tre giovani) Vuie me site figlie!
DOMENICO ...Filume’!

FILUMENA (risoluta) E chi si' tu, ca me vuò mpedì 'e dicere, vicin' 'e figlie mieie, ca me so' ffiglie? (A Nocella) Avvoca', chesto 'a legge d' 'o munno m' 'o permette, no? ...(Piu aggressiva che commossa) Me site figlie! E io so' Filumena Marturano, e nun aggio bisogno 'e parlà. Vuie site giuvinotte e avite ntiso parlà 'e me. (I tre giovani rimangono impietriti: Umberto sbiancato in volto, Riccardo gli occhi a terra come vergognoso, Michele con la sua aria imbambolata per la meraviglia e la commozione. Filumena incalza) 'E me nun aggi' 'a dicere niente! Ma 'e fino a quanno tenevo diciassett'anne, si. (Pausa). Avvoca', 'e ssapite chilli vascie... (Marca la parola) I bassi... A San Giuvanniello, a 'e Virgene, a Furcella, 'e Tribunale, 'o Pallunetto! Nire, affummecate... addò 'a stagione nun se rispira p' 'o calore pecché 'a gente è assaie, e 'a vvierno 'o friddo fa sbattere 'e diente... Addò nun ce sta luce manco a mieziuorno... Io parlo napoletano, scusate... Dove non c'è luce nemmeno a mezzogiorno... Chin' 'e ggente! Addò è meglio 'o friddo c' 'o calore... Dint' a nu vascio 'e chille, 'o vico San Liborio, ce stev'io c' 'a famiglia mia. Quant'èramo? Na folla! Io 'a famiglia mia nun saccio che fine ha fatto. Nun 'o vvoglio sapé. Nun m' 'o rricordo! ...Sempe ch' 'e ffaccie avutate, sempe in urto ll'uno cu' ll'ato... Ce coricàvemo senza di': «Buonanotte! » Ce scetàvemo senza di': «Bongiorno! » Una parola bbona, me ricordo ca m' 'a dicette pàtemo... e quanno m' 'arricordo tremmo mo pè tanno... Tenevo tridece anne. Me dicette: «Te staie facenno grossa, e ccà nun ce sta che magnà, 'o ssaje? » E 'o calore! ...'A notte, quanno se chiudeva 'a porta, nun se puteva rispirà. 'A sera ce mettévemo attuorno 'a tavula... Unu piatto gruosso e nun saccio quanta furchette. Forse nun era overo, ma ogne vota ca mettevo 'a furchetta dint' 'o piatto, me sentevo 'e guardà. Pareva comme si m' 'avesse arrubbato, chellu magnà! ...Tenevo diciassett'anne. Passàveno 'e ssignurine vestite bbene, cu' belli scarpe, e io 'e guardavo... Passàveno sott' 'o braccio d' 'e fidanzate. Na sera ncuntraie na cumpagna d' 'a mia, che manco 'a cunuscette talmente steva vestuta bbona... Forse, allora, me pareva cchiù bello tutte cose... Me dicette (sillabando): «Così... Così... Così...» Nun durmette tutt a notte... o calore... 'o calore... E cunuscette a tte! (Domenico trasale). Là, te ricuorde?.. Chella «casa» me pareva na reggia... Turnaie na sera 'o vico San Liborio, 'o core me sbatteva. Pensavo: «Forse nun me guardaranno nfaccia, me mettarranno for' 'a porta!» Nessuno mi disse niente: chi me deva 'a seggia, chi m'accarezzava... E me guardavano comm' a una superiore a loro, che dà soggezione... Sulo mammà, quanno 'a iette a salutà, teneva ll'uocchie chin' 'e lagreme... 'A casa mia nun ce turnaie cchiù! (Quasi gridando) Nun ll'aggio accise 'e figlie! 'A famiglia... 'a famiglia! Vinticinc'anne ce aggio penzato! (Ai giovanotti) E v'aggio crisciuto, v'aggio fatto uommene, aggio arrubbato a isso (mostra Domenico) pè ve crescere!
MICHELE (si avvicina alla madre commosso) E va bbuono, mo basta! (Si commuove sempre piu) Certo ch'avivev' 'a fa' cchiù 'e chello ch'avite fatto?!
UMBERTO (serio, si avvicina alla madre) Vorrei dirvi tante cose, ma mi riesce difficile parlare. Vi scriverò una lettera.

FILUMENA Nun saccio leggere.

UMBERTO E ve la leggerò io stesso. (Pausa).

FILUMENA (guarda Riccardo in attesa che le si avvicini. Ma egli esce per il fondo senza dire parola) Ah, se n'è andato...
UMBERTO (comprensivo) È carattere. Non ha capito. Domani, passo io per il suo negozio e gli parlo.
MICHELE (a Filumena) Voi ve ne potete venire con me. 'A casa è piccola, ma c'entriamo. Ce sta pure 'a luggetella. (Con gioia sincera) Chille, 'e bambine, domandavano sempe: 'A nonna... 'a nonna... e io mo dicevo na fessaria, mo ne dicevo n'ata... Io quanno arrivo e dico: , a nonna! (come dire.. «Eccola!») llà siente Piererotta! (Invogliando Filumena) Iammo.

FILUMENA (decisa) Si, vengo cu' tte.

MICHELE E ghiammo.

FILUMENA Nu mumento. Tu aspettame sott' 'o purtone. (A Umberto) Scendetevene insieme. Dieci minuti. Aggia dicere na cosa a don Domenico.
MICHELE (felice) Allora, ampressa ampressa. (A Umberto) Voi scendete?

UMBERTO Si, scendo, ti accompagno.

MICHELE (sempre allegro) Signori a tutti. (Avviandosi verso il fondo) Io mi sentivo una cosa... Perciò volevo parlare... (Esce con Umberto).
.FILUMENA Avvoca', scusate, duie minute... (Mostra lo «studio»).

NOCELLA No, io me ne vado.

FILUMENA Duie minute sulamente. Me fa piacere che ci siete pure voi, dopo che ho parlato con don Domenico. Accomodatevi. (Nocella, a malincuore, esce per lo «studio». Rosalia, senza lasciarselo dire, esce per prima a sinistra. Filumena, posando le chiavi sul tavolo) Io me ne vaco, Dummi'. Di' all'avvocato che procedesse per vie legali. Io non nego niente e ti lascio libero.
DOMENICO '0 ccredo! Te pigliave na somma 'e denare senza fa tutte sti storie...

FILUMENA (sempre calmissima) Dimane me manno a piglià 'a rrobba mia.

DOMENICO (un po' turbato) Si', na pazza, chesto si'. Hai voluto guastare la pace di quei tre poveri giovani. Chi te l'ha fatto fa'? Perché glielo hai detto?
FILUMENA (fredda) Pecché uno 'e chilli tre è figlio a te!

DOMENICO (rimane con lo sguardo fisso su Filumena inchiodato a quell'assurda verità. Dopo una pausa, cercando di reagire alla piena dei suoi sentimenti) E chi te crede?
FILUMENA Uno'e chilli tre è figlio a te!

DOMENICO (non osando gridare, con gravità) Statte zitta!

FILUMENA Te putevo dicere ca tutt'e tre t'erano figlie, ce avarrisse creduto... T' 'o ffacevo credere! Ma nun è overo. T 'o pputevo dicere primma? Ma tu ll'avarrisse disprezzate all'ati duie... E io 'e vvulevo tutte eguale, senza particularità.
DOMENICO Nun è overo!

FILUMENA È overo, Dummi', è overo! Tu nun te ricuorde. Tu partive, ive a Londra, Parigge, 'e ccorse, 'e ffemmene... Na sera, una 'e chelli tante, ca, quanno te ne ive, me regalave na cart' 'e ciento lire… na sera me diciste: «Filume', facimm' avvedé ca ce vulimmo bene», e stutaste 'a luce. Io, chella sera te vulette bène overamente. Tu, no, tu avive fatto avvedé... E quanno appicciaste 'a luce n'ata vota, me diste 'a soleta carta 'e ciento lire. Io ce segnaie 'a data e 'o giorno: 'o ssaie ca 'e nummere 'e ssaccio fa... Tu po' partiste e io t'aspettaie comm' a na santa!... Ma tu nun te ricuorde quanno fuie... E nun te dicette niente... Te dicette c' 'a vita mia era stata sempe 'a stessa... E, infatti, quanno me n'addunaie ca nun avive capito niente, fuie n'ata vota 'a stessa. .
DOMENICO (con tono perentorio che maschera il suo inconsapevole orgasmo) E chi è?

FILUMENA (decisa) E... no, chesto nun t' 'o ddico! Hann' 'a essere eguale tutt' 'e tre... .

DOMENICO (dopo un attimo di esitazione, come obbedendo ad un impulso) Nun è overo... Nun pò essere overo! Me l'avresti detto allora, per legarmi, pe' me tené stritto dint' a na mano. L'unica arma sarrìa stata nu figlio... e tu, Filumena Marturano, di quest'arma te ne saresti servita subito.
FILUMENA Me l'avarrisse fatto accìdere... Comm' 'a penzave tu, allora... E pure mo! Tu nun te si' cagnato! No una, ma ciento vote, me l'avarrisse fatto accidere! Me mettette appaura 'e t' 'o ddicere! Sulo per me, è vivo 'o figlio tuio!

DOMENICO E chi è?

FILUMENA Hann’ ‘a essere eguale tutt' 'e tre!

DOMENICO (esasperato, cattivo) E songo eguale!... So' ffiglie tuoie! E nun 'e vvoglio vedé. Nun 'e ccunosco... nun 'o cunosco... Vatténne!
FILUMENA Te ricuorde, aiere, quanno te dicette: «Nun giurà, ca murarisse dannato, si nu iuorno nun me putisse cercà 'a lemmòsena tu a mme»? Perciò t' 'o ddicette. Statte bbuono, Dummi'. E ricuordate: si chello ca t'aggio ditto 'o ddice a 'e figlie mieie... t'accido! Ma no comm' 'o ddice tu, ca me l'he ditto pe' venticinc'anne... comme t' 'o ddice Filumena Marturano: t'accido! He capito!??.. (Verso lo «studio» energica) Avvoca', venite... (Alludendo a Diana) Viene pure tu, nun te faccio niente... He vinciuto 'o punto. Me ne vaco. (Chiamando verso sinistra) Rosali', viene. Me ne vaco. (Abbraccia Rosalia che entra e a lei) Dimane me manna a piglià 'a rrobba mia. (Dallo studio» compare Nocella, seguito da Diana, mentre dal fondo, senza parlare, entra Alfredo). Statevi bene, ve saluto a tutte quante. Pure a vvuie, avvoca', e scusate. (Dal fondo viene anche Lucia). He capito, Dummi'... (Con ostentata giovialità) T' 'o ddico nnanz' 'a ggente: nun dicere niente 'e chello che t'aggio ditto. A nisciuno! Tienatello pe' te. (Prende dal seno un medaglione, lo apre e ne estrae, ripiegato diverse volte, un consunto biglietto da cento. Ne strappa un pezzetto, poi a Domenico) Ci avevo segnato sopra un conticino mio, nu cunticiello ca me serve. Tiene. (Poggia il biglietto sul tavolo e, con tono quasi allegro, ma profondamente sprezzante, gli dice) 'E figlie nun se pàvano! (Esce per il fondo a sinistra dicendo) Bona iurnata a tutte quante.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento