giovedì 13 dicembre 2012

Filumena Marturano - Terzo Atto - il copione


L'ARTE DELLA COMMEDIA
Clicca su Tutto su Filumena Marturano




ATTO TERZO

La medesima scena degli atti precedenti. Fiori un po' da per tutto. Non mancano cesti ben confe-

zionati con, appuntati in cima, i biglietti dei donatori. I fiori saranno di colore delicato, non rossi, ma nemmeno bianchi. Un'aria di festa traspira da ogni angolo della casa. La tenda, che divide la camera da pranzo dallo studio, è completamente chiusa. Sono trascorsi dieci mesi dal secondo atto. È quasi sera. Rosalia entra dal fondo a destra in abito da festa. Contemporaneamente dallo studio entra Domenico: è completamente mutato. Non un gesto, non una intonazione che caratterizzavano la sua natura autorevole, si scorgono in lui. È divenuto mite, quasi umile. I capelli sono un po' piu bianchi. Vedendo Rosalia che si avvia a sinistra, la ferma.

 

DOMENICO Ched'è, site asciuta, vuie?

ROSALIA Sono andata a fare una commissione per donna Filumena.

DOMENICO Che commissione?

ROSALIA (insinuante, bonaria) Ched'è, site geluso? Sono andata al vicolo San Liborio...
DOMENICO A ffa' che?

ROSALIA (scherzosa) Guè, chillo overamente è geluso!

DOMENICO Ma che geluso. Me ne so' addunato ampressa.

ROSALIA Io scherzo. (Guardando con circospezione verso la stanza di Filumena) Io v' 'o ddico... ma nun dicite niente a donna Filumena, pecché nun 'o vo' fa' sapé.
DOMENICO E allora nun m' 'o ddicite.

ROSALIA E no... Io, po', penso che faccio bene a dirvelo, perché è una cosa che le fa onore. M'ha fatto purtà mille lire e cinquanta candele 'a Madonna d' 'e rrose 'o vico San Liborio. E m'ha fatto da' l'incarico a navecchia d' 'o vico, che provvede sempre p' 'e fiore, p' 'a lampa, p' 'a cerca, di accendere le candele alle sei precise. E sapite pecché? Pecché alle sei è fissato 'o matrimmonio. Mentre spusate ccà, s'accendono'e candele nnanz' 'a Madonna d' 'e rrose.
DOMENICO Ho capito.

ROSALIA Na santa, ve pigliate, na santa. E s'è anche ringiovanita. Pare na figliulella: quant'è bella! E io ce 'o dicevo: «Ve pare che don Dummìneco se scorda 'e vuie? Ha vuluto annullà 'o matrimonio pe' puntiglio... Ma io 'a funzione è comme si 'a tenesse nnanz' all'uocchie».
DOMENICO (un poco infastidito dalla cicalata di Rosalia) Va buo', donna Rosali', iate dint'addu Filumena.
ROSALIA Sto andando. (Ma, quasi suo malgrado, continua a parlare) E si nun era per lei... finivo male, io. Mi prese in casa e qua so' rimasta, e qua resto, e qua moro.

DOMENICO Fate voi!

ROSALIA Io tengo tutto pronto. C'aggi' 'a fa'? ...(Alludendo al suo ultimo abbigliamento) 'A camicia bianca lunga cu' 'o pezzotto 'e merletto, 'a mutanda, 'e ccalze bianche, 'a cuffia. Sta tutto dint' a nu tiretto conservato. E lo sappiamo io e donna Filumena. Essa mi deve vestire. Embè, io nun tengo a nisciuno. Si turnassero 'e figlie miei, che io ci tengo sempre la speranza... Permettete. (Ed esce a sinistra).
DOMENICO (rimasto solo, gira un po' per la stanza, osserva i fiori, legge qualche biglietto, poi, macchinalmente, completa ad alta voce il suo pensiero) E va bene!

Dal fondo a destra si udranno le voci confuse di Umberto, Riccardo e Michele.

MICHELE (dall'interno) Alle sei. La funzione è alle sei.

RICCARDO (c. s.) Ma quando uno dà un appuntamento...

UMBERTO (c. s.) Ma io sono stato puntuale.

I tre giovanotti entrano sempre parlando.

MICHELE Ma noi abbiamo detto alle cinque. Io tre quarti d'ora ho tardato.

RICCARDO E he ditto niente!

MICHELE E va bene, ma l'appuntamento s'intende sempre una mezz'ora dopo. Se è alle cinque... alle cinque per le cinque e mezza, le sei meno un quarto...
RICCARDO (ironico) ...'o giorno appresso, 'o mese che trase...

MICHELE Oi ni', io tengo quattro figlie e orologge nun n'accatto cchiu... Pecché chille ca tenevo l'hanno scassato tuttu quante!
UMBERTO (scorgendo Domenico saluta rispettosamente) Don Domenico, buonasera.

RICCARDO (con lo stesso tono rispettoso) Don Domenico...

MICHELE Don Domenico...

E tutti e tre si schierano di fronte a Soriano, in silenzio.

DOMENICO Buonasera. (Lunga pausa). Mbè, e non parlate piu? Stiveve parlanno.

UMBERTO (un po' confuso) Già...

RICCARDO Embè... si parlava e poi... così.

MICHELE Na vota avévem' 'a ferni 'e parlà.

DOMENICO Appena m'avite visto... (A Michele) Si' arrivato tarde all'appuntamento?

MICHELE Sissignore, don Dome'.

DOMENICO (a Riccardo) E tu si' arrivato in orario.

RICCARDO Sissignore, don Dome'.

DOMENICO (a Umberto) E tu?

UMBERTO In orario, don Dome'.

DOMENICO (ripete come parlando a se stesso) In orario, don Dome'... (Pausa). E sedetevi. (I tre giovanotti seggono). La funzione è alle sei. Il tempo c'è. Alle sei viene il sacerdote. E... noi siamo fra di noi. Filomena non ha voluto nessuno. Vi volevo dire... io ve l'ho detto pure un'altra volta... Mi sembra che questo «don Dome'»... A me nun me piace.
UMBERTO (timido) Già.

RICCARDO (c. s.) Già.

MICHELE (c. s.) Già.

UMBERTO Ma non ci avete detto come vorreste essere chiamato.

DOMENICO E non ve l'ho detto perché avrei voluto che l'avesseve capito vuie. Stasera sposo vostra madre; ho già preso l'appuntamento con l'avvocato per la pratica che vi riguarda. Domani vi chiamerete come me: Soriano...

I tre giovani si guardano interrogandosi vicendevolmente sul modo di come rispondere. Ciascuno aspetta che l'altro si decida a parlare per primo.


UMBERTO (facendosi coraggio) Ecco, vedete... rispondo io, perché penso che tutti e tre siamo pervasi dallo stesso sentimento. Non siamo dei bambini, siamo degli uomini... e non possiamo, con disinvoltura, chiamarvi come, giustamente e generosamente, ci proponete di chiamarvi. Certe cose... bisogna sentirle dentro.
DOMENICO (con ansia interrogativa) E tu, dentro, non senti questo... diciamo bisogno... questa necessità di chiamare a uno... a me, per esempio, papà?

UMBERTO Non vi saprei mentire e non lo meritereste. Almeno per il momento: no!

DOMENICO (un po' deluso, rivolgendosi a Riccardo) E tu?

RICCARDO No, io nemmeno.

DOMENICO (a Michele) Allora tu?

MICHELE Io nemmeno, don Dome'!

DOMENICO Già, col tempo, uno ce fa l'abitudine. Mi fa piacere, sono contento di trovarmi con voi, sopratutto perché siete tre bravi ragazzi. Ognuno di voi lavora, chi in un campo, chi in un altro; ma con la stessa buona volontà, con la stessa tenacia. Bravi. (A Umberto) Tu sei impiegato e, per quanto mi risulta, svolgi il tuo lavoro con serietà ed orgoglio. Scrivi degli articoli.
UMBERTO Qualche novelletta.

DOMENICO Già, la tua ambizione sarebbe quella di diventare un grande scrittore.

UMBERTO Non ho questa pretesa.

DOMENICO E perché? Sei giovane. Capisco che per riuscire in questo campo si deve avere trasporto, ci si deve nascere...
UMBERTO E io non credo di esserci nato. Sapeste quante volte, preso dalla sfiducia, dico fra me e me: «Umbe', hai sbagliato... La tua strada è un'altra ».
DOMENICO (interessato) E quale altra potev'essere? Voglio dire, che ata cosa te sarria piaciuto 'e fa' nella vita?

UMBERTO Chi lo sa: sono tante le aspirazioni di quando si è ragazzi.

RICCARDO Quella poi, la vita, è tutta una combinazione. Io, per esempio, comme me trovo 'o negozio a Chiaia? Perché facevo l'amore con una camiciaia!
DOMENICO (cogliendo a volo) He fatt' 'ammore con molte ragazze, tu?

RICCARDO Così... non c'è male... (Domenico si alza interessato, scrutando ogni atteggiamento di Riccardo per scorgere in lui un gesto, un accento, ricollegabile alla sua giovinezza). Sapite ched'è? Non arrivo a trovare il tipo mio. Veco a una, me piace e dico: «Chesta è essa...» E subito penzo: «M' 'a sposo». Poi, veco a n'ata e me pare ca me piace cchiu assaie. Nun me faccio capace: ce sta sempe na femmena meglio 'e chella ca uno ha cunusciuto primma!
DOMENICO (a Umberto) Tu, invece, sei piu calmo, piu riflessivo, in materia di donne.

UMBERTO Fino ad un certo punto. Con le ragazze di oggi, c'è poco da essere riflessivo. Vuie, p' 'a strada, addò v'avutate vedete belle ragazze. La scelta è difficile. C'aggi' 'a fa', tante ne cambio fino a che trovo chella che dich'i'.
DOMENICO (rimane turbato nel constatare anche in Umberto la medesima tendenza di Riccardo. A Michele) E , tu? ...A te pure te piàceno 'e ffemmene?
MICHELE Io me nguaiaie ampressa ampressa. Conobbi a mia moglie e... ti saluto. Adesso devo stare con due piedi in una scarpa, con mia moglie non si scherza... E allora, capite, mi faccio i fatti miei. Non perché le ragazze non mi piacessero... ma perché mi metto paura!
DOMENICO (scoraggiato) Perché pure a te te piàceno 'e ffemmene... (Pausa. Poi tentando ancora di scrutare) Io quando ero giovane cantavo. Ci univamo sette, otto amici... Allora era l'epoca delle serenate. For' 'a loggia, si cenava e poi finiva sempre a canzone: mandolini, chitarre... Chi canta 'e vuie?

UMBERTO Io no.

RICCARDO Io nemmeno.

MICHELE Io si.

DOMENICO (felice) Tu cante?

MICHELE Comme! E si no, comme facesse a lavorà? Dint' 'a bottega canto sempe.

DOMENICO (ansioso) Famme senti quacche cosa.

MICHELE (schivo, pentito della sua ostentazione) Io? E che ve faccio senti?

DOMENICO Chello che vu6 tu.

MICHELE Sapete ched'è? ...Ca me metto scuorno.

DOMENICO E tu dint' 'a puteca nun cante?

MICHELE Ma è n'ata cosa... 'A sapite: «Munastero 'e Santa Chiara»? Quant'è bella! (Comincia ad accennare la canzone con voce incolore e stonata) «Munastero 'e Santa Chiara -tengo' o core scuro scuro -ma pecché pecché ogne sera -penzo a Napule comm'era...»
RICCARDO (interrompendolo) E accussi saccio cantà pur'io... Addò 'a tiene 'a voce?

MICHELE (quasi offeso) Chesta nun è voce? ...

UMBERTO Con questa voce posso cantare anch'io.

RICCARDO E io no?

DOMENICO Con questa voce può cantare chiunque. (A Riccardo) Famme senti tu.

RICCARDO Ma io non mi permetto. Nun tengo 'a faccia tosta 'e chisto. Appena, appena... (Accenna il motivo) «Munastero 'e Santa Chiara -tengo 'o core scuro scuro... Ma pecché, pecché ogne sera -penzo a Napule comm'era...» (Umberto continua la frase insieme alui). Penso a Napule comm'è... (Michele canta anche lui). No... nun è overo... No nun ce crero...
Ne nasce un coro scordato e inumano.
DOMENICO (interrompendoli) Basta, basta... (I tre zittiscono). Stateve zitte: è meglio... State emozionati... Non è possibile... Tre napulitane ca nun sanno cantà!
FILUMENA (entra da sinistra in un vistosissimo abito nuovo. Pettinatura alta «alla napole!ana», due file di perle al collo. Orecchini a «toppa». Il suo aspetto è diventato quasi giovanile. Parla a Teresina, la sarta, che la segue con Rosalia e Lucia) Tu qua' impressione, Teresi', ' difetto ce sta!
TERESINA (è una di quelle sarte napoletane che non disarmano: nel senso che le offese delle clienti deluse non la sfiorano nemmeno. La sua calma è addirittura irritante) Ma'o vedite vuie stu difetto, donna Filumena mia. Io, mo nce vo, so' tant'anne ca ve servo...

FILUMENA Tu tiene 'a faccia tosta! Si' capace 'e negà a faccia a ffaccia.

TERESINA Allora aggi' 'a dicere ca ce sta 'o difetto?

MICHELE Buonasera, mammà.

RICCARDO Buonasera e auguri.

UMBERTO Buonasera e auguri.

FILUMENA (lietamente sorpresa) Vuie state lloco? Bonasera! (A Teresina, cocciuta) E ssaie pecché ce sta 'o difetto? Pecché quanno haie nu taglio 'e stoffa mmano, he 'a fa' asci 'o vestetiello p' 'a piccerella toia...
TERESINA Uh, guardate!

FILUMENA Io già ce capitaie.., 'A vedette io, 'a piccerella toia, cu' nu vestito fatto cu' 'a stoffa ca faciste rimmané 'a nu vestito mio.
TERESINA Si dicite accussi, me facite piglià collera. (Con altro tono) Certo quanno 'a stoffa resta... (Filumena la guarda con rimprovero). Ma nun sacrifico maie 'a cliente. Nun sarria cuscienza.

ROSALIA (ammirata) Donna Filume', vuie state na bellezza! Site proprio 'a sposa! TERESINA Ma comme avev' 'a veni stu vestito?

FILUMENA (livida) Nun t 'aviv , 'a arrubbà 'a rrobba; he capito?

TERESINA (un po' offesa) E accussi nun avit' 'a dicere... Allora faccio 'a mariola? Aggio avé 'a mal a nutizia si è rimasta tanto 'e rrobba... (Fa il gesto per indicare una quantità irrisoria)
DOMENICO (che fino a quel momento ha assistito alla scena con impazienza, tutto assorto in una sua idea fissa e corrucciante, a Filumena) Filume', io t'aggi' 'a parlà nu mumento.
FILUMENA (fa qualche passo verso Domenico, ma zoppica a causa delle scarpe nuove che le fanno dolore) Madonna... sti scarpe...

DOMENICO Te fanno male? Levatelle e te ne miette n'atti paro.

FILUMENA Che m'he'a dicere?

DOMENICO. Teresi' se ve ne andate ci fate piacere.

TERESINA Comme no? Mo me ne vado. (Piega un panno nero che aveva con sé e lo mette sul braccio) Auguri e buona fortuna. (A Lucia avviandosi per il fondo) Neh, e comme avev' 'a ji', chillu vestito? (Esce seguita da Lucia).
DOMENICO (ai tre giovanotti) Vuie iate dint' 'o salotto a trattené 'o cumpare e 'a cummara. 'E ddate a bere qualche cosa. Rusali', accumpàgnale.

ROSALIA (annuisce) Gnorsi. (Ai tre giovanotti) Venite. (Esce per lo studio).

MICHELE (ai fratelli) Iammo, venite.

RICCARDO (irridendolo) Tu he sbagliato professione. Aviv' 'a ji' a San Carlo.

Ridendo, i tre giovanotti escono per lo studio.


DOMENICO (guarda Filumena} fammira) Comme staie bene, Filume'... Si' turnata n'ata vota figliola... E si stesse , tranquillo, sereno, te diciarria che tu puo' fa' ancora perdere 'a capa a n'ommo.
FILUMENA (vuole evitare, a tutti i costi, l’argomento che sta a cuore a Domenico e del quale ella ha intuito il tenore. Evade) Me pare ca nun manca niente. So' stata accussi stunata, ogge.

DOMENICO lo invece nun stongo tranquillo e nun stongo sereno.

FILUMENA (fraintendendo ad arte) E che vuo sta' tranquillo? Uno pò fa' affidamento sulo su Lucia. Alfredo e Rosalia so' duie viecchie...
DOMENICO (riprende il discorso iniziato) Nun cagnà discorso, Filume'; nun cagnà discorso pecché tu staie penzanno chello che sto penzanno io... (Continuando) E sta tranquillità, sta serenità, m' 'a puo' da' tu sola, Filume...

FILUMENA Io?

DOMENICO Tu he visto c'aggio fatto chello ca vulive tu. Dopo l'annullamento del matrimonio te venette a chiammà. E no una vota ma tanta vote... pecché tu facive dicere ca nun ce stive. So' stato io, ca so' venuto addu te e t'aggio ditto: «Filume', spusàmmece ».
FILUMENA E stasera ce spusammo.

DOMENICO E si' felice? ...Almeno, credo.

FILUMENA Comme no?

DOMENICO E allora m'he 'a fa' sta' felice pure a me. Asséttate, stamme a senti. (Filumena siede). Si tu sapisse quanta vote, in questi ultimi mesi, ho cercato di parlarti e non ci sono riuscito. Ho tentato con tutte le mie forze di vincere questo senso di pudore e me n'è mancato il coraggio. Capisco, l'argomento è delicato e fa male a me stesso metterti di fronte ll'imbarazzo delle risposte; ma nuie ce avimm' 'a spusà. Tra poco ci troveremo inginocchiati davanti a Dio, non come due giovani che ci si trovano per aver creduto amore un sentimento che poteva essere soddisfatto ed esaurito nel piu semplice e naturale dei modi... Filume', nuie 'a vita nosta ll'avimmo campata... io tengo cinquantaduie anne passate e tu ne tiene qurantotto: due coscienze formate che hanno il dovere di comprendere con crudezza e fino in fondo il loro gesto e di affrontarlo, assumendone in pieno tutta la responsabilità. Tu saie pecché me spuse: ma io no. Io saccio sulamente che ti sposo pecché m'he ditto che uno 'e chilli tre è figlio a me...
FILUMENA Sulo pe' chesto?

DOMENICO No... Pecché te voglio bene, simme state nzieme vinticinc'anne, e vinticinc'anne rappresentano una vita: ricordi, nostalgie, vita in comune... l'ho capito da me che mi troverei sbandato... e po', pecché ce credo; sono cose che si sentono, e io lo sento. Ti conosco bene e perciò te sto parlanno accussl. (Grave, accorato) Io 'a notte nun dormo. So' diece mise, 'a chella sera, te ricuorde? …che nun aggio truvato cchiu pace. Nun dormo, nun mangio, nun me spasso... nun campo! Tu nun saie dint' a stu core che tengo... Na cosa ca me ferma 'o respiro... Faccio accussl... (come per respirare una boccata d'aria) e 'o respiro se ferma ccà... (mostra la gola) e tu nun me può fa' campà accussl. Tu tiene core, si' na femmena c'ha campato, che capisce e m'aviss' 'a vulé pure nu poco 'e bbene. Nun me po fa' campà accussì! Te ricuorde quanno me diciste: «Nun giurà...» e io nun giuraie. E, allora, Filume', t' 'a pozzo cercà l'elemosina... E t' 'a cerco comme vuo tu: inginocchiato, baciannote 'e mmane, 'a vesta... Dimmello, Filume' dimme chi è figliemo, 'a carne mia... 'o sango mio... E me l'he 'a dicere, pe' te stessa, pe' nun da' l'impressione che staie facenno nu ricatto... Oo te sposo 'o stesso, t' 'o giuro!
FILUMENA (dopo una lunga pausa, durante la quale ha lungamente guardato il suo uomo) '0 vvuo sapé? ...E io t' 'o ddico. A me basta che te dico: «Tuo figlio è chillu là». Allora tu che faie? Cercherai di portartelo sempre con te, penserai a dargli un avvenire migliore e, naturalmente, studierai tutti i modi per dare piu denaro a lui che agli altri due...

DOMENICO Bè?

FILUMENA (dolce, insinuante) E aiutalo allora: ha bisogno, tene quatto figlie.

DOMENICO (con ansia interrogativa) L'operaio?

FILUMENA (assentendo) L'idraulico, comme dice Rosalia.

DOMENICO (a se stesso, man mano esaltandosi nei suoi ragionamenti) ...Un buon ragazzo... ben piantato... di buona salute. Perché si è ammogliato così presto? Con una piccola bottega che pò guadagnà? ...È un'arte anche quella. Con un capitale a disposizione pò mettere una piccola officina con operai, lui fa da padrone: un negozio di apparecchi idraulici moderni... (D'un tratto guarda Filumena con sospetto) Guarda, guarda... proprio 'o stagnaro... l'idraulico! E già, quello ammogliato, il piu bisognoso...
FILUMENA (fingendo disappunto) E na mamma ch'ha da fa'? ...Deve cercare di aiutare il piu debole... Ma tu nun l'he creduto... Tu, si' furbo, tu... È Riccardo, 'o commerciante.

DOMENICO '0 camiciaio?

FILUMENA No, è Umberto, 'o scrittore.

DOMENICO (esasperato, violento) Ancora... ancora me vuò mettere cu' 'e spalle nfaccia 'o muro? ...Fino all'ultimo!
FILUMENA (commossa per il tono accorato e affranto con cui Domenico ha pronunciato le sue parole, cerca di raccogliere tutti i suoi sentimenti più' intimi per trarne, in sintesi, la formula di un discorso persuasivo, che finalmente dia all'uomo delle spiegazioni concrete e definitive) Siénteme buono, Dummi', e po' nun ce turnammo cchiu ncoppa. (Con uno slancio d'amore da lungo tempo contenuto) T'aggio vuluto bene cu' tutt' 'e ftorze d' 'a vita mia! All'uocchie mieie tu ire nu Dio... e ancora te voglio bene, e forse meglio 'e primma... (Considerando d'un tratto l'inavvedutezza e l'incomprensione di lui) Ah, c he fatto, Dumml ! ...'E vuluto suffrì afforza... '0 padreterno t'aveva dato tutto p'essere felice: salute, presenza, denaro... a me: a me, ca pe' nun te da' nu dulore, me sarrìa stata zitta, nun avarìa parlato manco mpunt' 'e morte... e tu, tu sarrisse stato ll'ommo generoso c'aveva fatto bene a tre disgraziate.,. (Pausa). Nun m' 'addimannà cchiu pecché nun t' 'o ddico. Nun t' , 'o pozzo dicere... E tu devi essere galantuomo a non domandarmelo mai, pecché, p' 'o bbene che te voglio, in un momento di debolezza, Dummi'... e sarebbe la nostra rovina. Ma nun he visto che, non appena io ti ho detto c' 'o figlio tuio era l'idraulico, subito he cominciato a penzà ai denari... 'o capitale... il grande negozio... Pecché tu ti preoccupi e giustamente, pecché tu dice: «'E denare so' 'e mieie». E accumience a penzà: «E pecché nun ce 'o ppozzo dicere ca songo ' pate?» « E ll'ati duie chi songo?» « Che diritto tèneno?» L'inferno!... Tu capisci che l'interesse li metterebbe l'uno contro l'altro... Sono tre uomini, nun so' tre guagliune. Sarriano capace 'e s'accidere fra di loro... Nun penzà a te, nun penzà a mme... pienz' a loro. Dummi', 'o bello d' 'e figlie l'avimmo perduto!... 'E figlie so' chille che se teneno mbraccia, quanno so' piccerille, ca te dànno preoccupazione quanno stanno malate e nun te sanno dicere che se sènteno... Che te corrono incontro cu' 'e braccelle aperte, dicenno: «Papà! »... Chille ca 'e vvide 'e venì d' 'a scola cu' 'e manelle fredde e'o nasillo russo e te cercano 'a bella cosa... Ma quanno so' gruosse, quanno song'uommene, o so' figlie tutte quante, o so' nemice... Tu si' ancora a tiempo. Male nun te ne voglio... Lasciammo sta 'e ccose comme stanno, e ognuno va p' 'a strada soia!
Internamente si udranno i primi accordi di prova di un organo.
ROSALIA (dallo «studio» seguita dai tre giovani) È venuto... è venuto 'o ricco sacerdote...

MICHELE Mammà!...

DOMENICO (si alza dal tavolo e guarda tutti lungamente. Poi, come una decisione immediata) Lasciammo sta' e ccose comme stanno, e ognuno va p’ ‘a strada soia... (Ai ragazzi) Io vi devo parlare... (Tutti attendono sospesi). Sono un galantuomo e non mi sento d'ingannarvi. Stateme a senti...
I TRE Si, papà!

DOMENICO (commosso guarda Filumena e decide) Grazie. Quanto m'avite fatto piacere... (Riprendendosi) Allora... Quando due si sposano è sempre il padre cheaccompagna la sposa all'altare. Qua genitori non ce ne sono... Ci sono i figli. Due accompagnano la sposa, e uno accompagna lo sposo.
MICHELE A mammà 'accumpagnammo nuie. (Si avvia verso Filumena e invita Riccardo a fare altrettanto).

FILUMENA (improvvisamente ricordando) Che ore songo?

RICCARDO Mancano cinque minuti alle sei.

FILUMENA (si avvicina a Rosalia) Rosali'...

ROSALIA Nun ce penzate. Alle sei precise s'appìcceno'e ccannéle pure llà.

FILUMENA (appoggiandosi al braccio di Michele e a quello di Riccardo) Iammo...

(Ed entrano nello studio)

DOMENICO (a Umberto) E a me m'accumpagne tu...

Formano il breve corteo ed entrano nello «studio». Rosalia commossa, mite come sempre, rimane al suo posto battendo le mani e guardando la tenda. Internamente, l'organo intona la «Marcia Nuziale». Ora Rosalia piange. Poco dopo la raggiunge Alfredo, ed insieme seguono la cerimonia. Anche Lucia si unisce a loro. Le luci scendono in «resistenza» fino al buio completo. Dal terrazzo giunge lentamente un raggio lunare, e pian piano si accende la luce del lampadario. È passato

del tempo.


FILUMENA (seguita da Umberto, Michele e Rosalia entra dallo «studio» difilato, va verso sinistra) Che stanchezza, Madonna!
MICHELE E mo v'arrepusate. Ce ne iammo pure nuie. Dimane tengo 'a puteca.

ROSALIA (con una guantiera contenente dei bicchieri vuoti, verso Filumena) Auguri, auguri, auguri... Che bella funzione! Cient'anne he 'a campà, figlia mia, ca figlia me puo' essere!
RICCARDO (dallo «studio») È stata proprio na bella funzione.

FILUMENA (a Rosalia) Rusali', nu bicchiere d'acqua.

ROSALIA (marcando) Subito, signora... (Esce dal fondo).

DOMENICO (dallo «studio», recando una bottiglia di vino «speciale» con il tappo cosparso di ceralacca) Niente invitati, niente banchetto, ma na butteglia in famiglia, ce l'avimm' 'a vévere... (Prende il cavatappi sul mobile di fondo) Questo ci accompagnerà a dormire. (Stappa la bottiglia).
ROSALIA (ritorna con un bicchiere d'acqua in un piatto all'uso napoletano) Ecco l'acqua.

DOMENICO C'avimm’ ‘a fa' cu ll'acqua?

ROSALIA (come per dire: «Me l' ha chiesto donna Filumena») 'A signora.

DOMENICO Dincello,'a signora, che, di questa serata, l'acqua è malaugurio. E chiamma pure a Lucia... Mo me scurdavo... chiama pure Alfredo Amoroso: montatore e guidatore nonché conoscitore di cavalli da corsa.
ROSALIA (chiama verso il fondo a destra) Alfre'... Alfre', viene, viénete a bere nu bicchiere 'e vino cu 'o signore... Luci', viene tu pure.

ALFREDO (dal fondo, seguito da Lucia) Eccomi prisento.

DOMENICO (ha riempito i bicchieri ed ora li distribuisce) Teh, Filume', vive. (Agli altri) Bevete.
ALFREDO (trincando) 'A salute!

DOMENICO (guarda il suo fedele con tenerezza e nostalgia) Te ricuorde, Alfre', quanno 'e cavalle nuoste currevano?
ALFREDO Perdio!

DOMENICO Se so' fermate... Se fermaieno tantu tiempo fa. E io nun 'o vvulevo credere, e dint' 'a fantasia mia 'e vvedevo sempe 'e correre. Ma, mo, aggiu capito ca s'erano fermate già 'a nu sacco 'e tiempo! (Mostra i giovanotti) Mo hann' 'a correre lloro! Hann' 'a correre sti cavalle ccà, ca so' giuvene, so' pullidre 'e sango! Che figura faciarriamo si vuléssemo fa' correre ancora 'e cavalle nuoste? Ce faciarriamo ridere nfaccia, Alfre'!
ALFREDO Perdio!

DOMENICO Bive, Alfre'... (Tutti bevono). 'E figlie so' ffiglie! E so' pruvvidenza. E sempre, sempre... quando, in una famiglia, ce ne sono tre o quattro, sempre succede che il padre ha un occhio particolare, che so io, un riguardo speciale per uno dei quattro. O peèché è cchiu brutto, o pecché è malato, o pecché è cchiu prepotente, cchiu capuzziello... E gli altri figli non se l'hanno a male... lo trovano giusto. È quasi un diritto del padre. Fra noi questo non ha potuto accadere, perché la nostra famiglia si è riunita troppo tardi. Forse è meglio. Vuol dire che quel bene che io avrei avuto il diritto di volere ad uno dei miei figli... lo divido fra tutti e tre. (Beve) 'A salute! (Filumena non risponde. Ha preso, dal seno, un mazzolino di fiori d'arancio e, di tanto in tanto, ne aspira il profumo. Domenico si volge ai tre giovani, bonario) Guagliu', romane ve ne venite a mangià ccà.
I TRE Grazie.

RICCARDO (avvicinandosi verso la madre) Ora vi lasciamo perché è tardi e mammà se vo' arrepusà. Stàteve bbona, mammà. (La bacia) Auguri e ce vedimmo dimane.
UMBERTO (imitando il fratello) Stàteve bbona.

MICHELE Buonasera ed auguri...

UMBERTO (avvicinandosi a Domenico e sorridendogli teneramente) Buonanotte, papà...
RICCARDO Papà, buonanotte.

MICHELE Papà, buonanotte.
DOMENICO (guarda i tre giovanotti con riconoscenza. Pausa) Dateme nu bacio! (I tre, l'uno dopo l'altro, baciano con effusione Domenico) Ce vedimmo dimane.

I TRE (uscendo seguiti da Alfredo, Rosalia e Lucia) A domani.

Domenico li ha seguiti con lo sguardo, assorto nelle sue riflessioni sentimentali. Ora si avvicina al tavolo e si versa ancora da bere.


FILUMENA (si è seduta sulla poltrona e si è tolta le scarpe) Madonna, ma che stanchezza! Tutta mo m' 'a sento!
DOMENICO (con affetto comprensivo) Tutta la giornata in movimento... poi l'emozione... tutti i preparativi di questi ultimi. giorni... ma mo statte tranquilla e ripòsati. (Prende il bicchiere e avvicinandosi al terrazzo) È pure ‘na bella serata! (Filumena avverte qualche cosa alla gola che la fa gemere. Emette dei suoni quasi simili a un lamento. Infatti fissa lo sguardo nel vuoto come in attesa di un evento. Il volto le si riga di lacrime come acqua pura sulla ghiaia pulita e levigata. Domenico preoccupato le si avvicina) Filume', ch'è stato?

FILUMENA (felice) Dummi', sto chiagnenno... Quant'è bello a chiàgnere...

DOMENICO (stringendola teneramente a sé) È niente... è niente. He curruto... he curruto... te si' mmisa appaura... si' caduta... te si' aizata... te si' arranfecata... He penzato, e 'o ppenzà stanca... Mo nun he 'a correre cchiu, non he 'a penzà cchiu... Ripòsate! ...(Ritorna al tavolo per bere ancora, un sorso di vino) 'E figlie so' ffiglie... E so' tutte eguale... Hai ragione, Filume', hai ragione tu! ...(E tracanna il suo vino mentre cala la tela}.
 
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento