venerdì 14 dicembre 2012

Filumena Marturano - il video del 1951- completo

 L'ARTE DELLA COMMEDIA




IL SOGGETTO

Filumena Marturano, ex prostituta, da più di vent'anni mantenuta e praticamente moglie di Domenico Soriano, riesce a farsi sposare, fingendosi in punta di morte. Ma ora Domenico furibondo, malgrado I'affetto e la convivenza ventennale, malgrado essa abbia sempre, come una vera moglie, curato la sua persona e i suoi interessi. Nel suo orgoglio si sente giocato dalla ex prostituta, che forse ai suoi occhi non si era ancora riabilitata abbastanza, e non è 
 disposto a subire l'inganno.
Filumena si era fatta sposare per dare un nome ai tre figli, che aveva avuto quando era nel postribolo e dei quali non si era voluta sbarazzare. Siccome pero il Soriano, irrernovibile, vuole fare annullare il matrimonio, Filumena, esasperata, durante uno scontro drammatico gli rivela che uno dei figli è suo. Dopo di che se ne va con i figli.
Al terzo atto sono passati dieci mesi; la rivelazione di Filumena ha radicalmente trasformato I'animo egoista di Domenico Soriano. Ha fatto annullare il matrimonio con Filumena rna ora è pentito e deciso a risposarla per amore suo e del figlio. Vorrebbe pero scoprire, naturalmente, quale dei tre figli di Filumena è il suo: il camiciaio, l stagnino, 0 I'impiegato-scrittore e cerca in tutti i modi di convincere Filumena a dirglielo.

Ma Filumena, che capisce le ovvie intenzioni di Domenico di privilegiare il proprio figlio, si rifiuta di rivelarglielo perche non vuole che egli faccia differenze tra di loro: "E figlie so' ffiglie ... E so' tutte eguale ".
Eduardo dice di aver trovato lo spunto di questa commedia in un [atto di cronaca: «L'ide« di Filumena Marturano [...] mi nacque alIa lettura di una notizia: una donna, a Napoli, che conviveva con un uomo senz'esserne la moglle, era riuscita a larsi spossre soltanto fingendosi moribonda. Questo era il fatterello piccante, ma minuscolo: da esso trassi la vicenda ben più vasta e patetica di Filumens, la più cara delle mie creature». (Vittorio Buttafava, Oggi, Milano, 5 gennaio 1956).
Non contento dell'interpretazione che i critici avevano dato a Filumena Marturano, in uri'intervista Eduardo specifica Ie inten.zioni che I'avevano guidato nello scriverla:<< Secondo me non si è entrati nella spirito, si sono fermati al fatto della commedia, E sfuggito quello che era il mio proposito, I tre figli di Filumena rappresentano le tre forze dell'Italia: I'opereio, il commerciente, lo scrittore. “E figlie so' chille che se teneno 'mbraccia, quanno so' piccerelle... Ma quanno so' gruosse, quanno song'uommene, 0 so' figlie tutte quante, 0 so' nemice": Pensavo con quella commedia di aver messo in evidenza questa situazione ai governsnti, pensavo che svrebbero preso dei provvedimenti»: (lAnonimo}, Sipario, Roma, n. 3-4, 1956).

Titolo originale Filumena Marturano
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1951
Durata 98 min
Genere Commedia
Regia Eduardo De Filippo
Soggetto Eduardo De Filippo
Sceneggiatura Sergio Tellini,Eduardo De Filippo 

Produttore Luigi De Laurentiis Casa di produzione Arco Film Distribuzione (Italia) Variety Film
Fotografia Leonida Barboni Musiche Nino Rota Scenografia Piero Filippone


Interpreti e personaggi
Titina De Filippo: Filumena Marturano
Eduardo De Filippo: Domenico Soriano
Tamara Lees: Diana
Tina Pica: Rosalia
Luigi De Filippo: Umberto
Gianni Glori: Riccardo
Aldo Giuffré: Luigi
Pasquale Campagnola
Rosita Pisano: Lucia
Maria Campore: Giulia
Domenico Modugno: Avvocato Nocella
Vittoria Crispo: Portinaia
Pietro Carloni
Pamela Metthews
Carlo Pennetti: Alfredo
Francesco Penza






1 commento:

  1. L'attore accanto a Eduardo non è Ugo D'Alessio ma Enzo Petito.

    RispondiElimina