giovedì 13 dicembre 2012

Filumena Marturano - Il monologo con l'avvocato....

L'ARTE DELLA COMMEDIA
Clicca su Tutto su Filumena Marturano


In dialetto

E chi si' tu, ca me vuó mpedì 'e dicere, vicin' 'e figlie mieie, ca me so' ffiglie?
(A Nocella) Avvoca', chesto 'a legge d' 'o munno m' 'o permette, no?...
(Più aggressiva che commossa) Me site figlie! E io so' Filomena Marturano, e nun aggio bisogno 'e parlà. Vuie site giuvinotte e avite ntiso parlà 'e me. (I tre giovani rimangono impietriti: Umberto sbiancato in volto, Riccardo gli occhi a terra come vergognoso, Michele con la sua aria imbambolata per la meraviglia e la commozione. Filumena incalza) 'E me nun aggi' 'a dicere niente! Ma 'e fino a quanno tenevo diciassett'anne, si.
(Pausa). Avvoca', 'e ssapite chilli vascie... (Marca la parola) I bassi... A San Giuvanniello, a 'e Virgene, a Furcella, 'e Tribunale, 'o Pallunetto! Nire, affummecate... addò 'a stagione nun se rispira p' 'o calore pecche 'a gente è assaie, e 'a vvierno 'o friddo fa sbattere 'e diente... Addò nun ce sta luce manco a mieziuorno... Io parlo napoletano, scusate... Dove non c'è luce nemmeno a mezzogiorno... Chin' 'e ggente! Addò è meglio 'o friddo c' 'o calore...
Dint' a nu vascio 'e chille, 'o vico San Liborio, ce stev'io e' 'a famiglia mia. Quant'èramo? Na folla! Io 'a famiglia mia nun saccio che fine ha fatto. Nun 'o vvoglio sapé. Nun m' 'o rricordo',.. Sempe ch' 'e ffaccie avutate, sempe in urto Il'uno cu' ll'ato... Ce coricàvemo senza di': «Bonanotte!». Ce scetàvemo senza di': «Bongiorno!» Una parola bbona, me ricordo ca m' 'a dicette patemo... e quanno m' 'arricordo tremmo mo pe' tanno... Tenevo tridece anne. Me dicette: «Te staie facenno grossa, e ccà nun ce sta che magna, 'o ssaje?» E 'o calore!... 'A notte, quanno se chiudeva 'a porta, nun se puteva rispirà. 'A sera ce mettévemo attuorno 'a tavula... Unu piatto gruosso e nun saccio quanta furchette. Forse nun era overo, ma ogne vota ca mettevo 'a forchetta dint' 'o piatto, me sentevo 'e guarda. Pareva comme si m' 'avesse arrubbato, chellu magna!...
Tenevo diciassett'anne. Passavano 'e ssignurine vestite bbene, cu' belli scarpe, e io 'e guardavo... Passàveno sott 'o braccio d' 'e fidanzate. Na sera ncuntraie na cumpagna d' 'a mia, che manco 'a cunuscette talmente steva vestuta bbona... Forse, allora, me pareva cchiù bello tutte cose... Me dicette (sillabando): «Cosi... così... cosi...» Nun durmette tutt' 'a notte... E 'o calore... 'o calore... E cunuscette a tte! (Domenico trasale). Là, te ricuorde?... Chella «casa» me pareva na reggia...
Turnaie na sera 'o vico San Liborio, 'o core me sbatteva. Pensavo: «Forse nun me guardaranno nfaccia, me mettarranno for' 'a porta!» Nessuno mi disse niente: chi me deva 'a seggia, chi m'accarezzava... E me guardavano comm' a una superiore a loro, che da suggezione... Sulo mammà, quanno 'a iette a salutà, teneva ll'uocchie chin' 'e lagreme... 'A casa mia nun ce turnaie cchiù! (Quasi gridando) Nun ll'aggio accise 'e figlie! 'A famiglia... 'a famiglia! Vinticinc'anne ce aggio penzato!
(Ai giovanotti) E v'aggio crisciuto, v'aggio fatto uommene, aggio arrubbato a isso (mostra Domenico) pe' ve crescere!

Traduzione in italiano.

E chi sei tu che mi vorresti impedire di dire ai miei figli che mi sono figli?
(A Nocella) Avvocato, questo la Legge me lo permette, no?...
(Più aggressiva che commossa) Mi siete figli! Io sono Filumena Marturano, non ho bisogno di presentarmi. Voi siete uomini e avete sentito parlare di me (I tre giovani rimangono impietriti: Umberto sbiancato in volto, Riccardo gli occhi a terra come vergognoso, Michele con la sua aria imbambolata per la meraviglia e la commozione. Filumena incalza) Di me non devo raccontare niente. Ma di quando ero ragazza si.
(Pausa) Avvocato, conoscete quei bassi... (Marca la parola) I bassi...A San Giovannello, ai Vergini, a Forcella, ai Tribunali, al Pallonetto!
Neri, affumicati, dove d'estate non si respira per il calore, perchè la gente è tanta, e d'inverno il freddo fa sbattere i denti. Dove non c'è luce nemmeno a mezzogiorno... Io parlo napoletano, scusate... Dove non c'è luce nemmeno a mezzogiorno... Pieno di gente! Dove il freddo si fa preferire al calore...
In uno di questi bassi, al vicolo San Liborio, viveva la mia famiglia. Quanti eravamo? Una folla! Non so che fine abbia fatto la mia famiglia! Non lo voglio sapere! Non mi ricordo...Sempre con le facce storte, sempre in urto uno con l'altro...Andavamo a dormire senza dire "Buonanotte!". Ci svegliavamo senza dire "Buogiorno!". Una parola buona me la disse mio padre...e quando me lo ricordo tremo adesso per allora...Avevo tredici anni. Mi disse: "Stai crescendo, e qua non c'è da mangiare. Lo sai?".
E il calore!...Di notte, quando chiudevamo la porta, non si poteva respirare. La sera, intorno alla tavola...Un piatto grande e non so quante forchette. Forse non era vero, ma ogni volta che mettevo la forchetta nel piatto, me sentivo osservata. Mi sembrava di averlo rubato, quel mangiare!...
Avevo diciasette anni. Vedevo passeggiare signorine vestite bene, con belle scarpe, e io le guardavo...
Passavano sottobraccio ai loro fidanzati. Una sera incontrai una mia amica, vestiva così bene che non l'avevo riconosciuta. Forse allora le cose mi sembravano più belle... Mi disse (sillabando): «Cosi... così... cosi...».
Non dormii tutta la notte. E il caldo...il caldo...E conobbi te!! (Domenico trasale). Là, ti ricordi?...Quella casa mi sembrava una reggia.
Tornai una sera a casa mia, il cuore mi batteva forte. Pensavo:"Forse non miguarderanno nemmeno in faccia, non mi faranno nemmeno entrare ina casa!". Nessuno mi disse niente: chi mi offriva una sedia, chi mi accarezzava...E mi guardavano come una persona a loro superiore, che dà soggezione...
Solo mamma, quando l'andai a salutare, vidi che piangeva...
A casa mia non ci sono più tornata! (Quasi gridando) Non li ho uccisi i miei figli! La famiglia...la famiglia! Ci ho pensato venticinque anni.
(Ai giovanotti) E vi ho cresciuto, vi ho fatto diventare uomini, ho rubato a lui (mostra Domenico) per tirarvi su!


Nessun commento:

Posta un commento