giovedì 29 novembre 2012

Eduardo De Filippo, Natale in casa Cupiello - Terzo Atto

L'ARTE DELLA COMMEDIA



ATTO TERZO

Ancora la camera da letto di Luca Cupiello. Tre giorni dopo quella disastrosa Vigilia di Natale. Luca è a letto quasi privo di sensi. La realtà dei fatti ha piegato come un giunco il provato fisico dell’uomo che per anni aveva vissuto nell’ingenuo candore della sua ignoranza. Con la schiena sostenuta da quattro o cinque guanciali, con il mento puntellato al centro del petto, Luca Cupiello si è da poco appisolato, dopo una notte passata completamente in bianco.
Concetta siede a destra, sulla poltrona, circondata da Donna Carmela, Olga e la signora Armida Romanello: tutte amiche, che evidentemente l’hanno confortata per tutta la notte.
A sinistra, seduti sul letto di Tommasino, si troveranno Rita, Maria e Alberto, anch’essi coinquilini volenterosi e solidali. Mentre le donne raggruppate a destra parlano sommessamente dell’accaduto, con interesse e comprensione, il gruppo più giovanile a sinistra, bisbiglia qualche cosa di superficiale e generico, che evidentemente interessa loro personalmente. Dopo una breve pausa, la porta di fondo si apre e appare Raffaele, il portiere. Reca una guantiera con sei tazze spaiate, cucchiaini e piattini. Avanza con passo accorto, perché stringe nell’altra mano una caffettiera colma di caffè, il cui manico è stato ricoperto da un piccolo straccio che ha funzione di isolatore. Raffaele si avvicina al gruppo di destra per iniziare la distribuzione della bevanda.

RAFFAELE Questo l’ho fatto fresco...
CARMELA Stiamo andando avanti a caffè.
RAFFAELE (rivolgendosi ad Olga) M’ha chiamato vostro marito da sopra la finestra d’ ‘a cucina.
OLGA Che vuole?
RAFFAELE Non ho capito bene perché proprio in quel momento stavo girando la caffettiera... Ha detto che adesso scende. (Porgendo una tazzina a Concetta) ‘Onna Conce’, un sorso...
CONCETTA (affranta, distrutta) Non posso, non posso...
CARMELA Ma un sorso di caffè ve lo dovete prendere, se no come vi sostenete?
Concetta assaggia appena e allontana subito da sé la tazza.
ARMIDA (rivolgendosi sommessamente al gruppo di sinistra) Piccere’, pigliateve nu poco ‘e cafè.
Raffaele muove verso il gruppo, lo raggiunge e serve il caffè.
ALBERTO Io si nun me piglio nu poco ‘e cafè, m’addormo allerta.
Nella guantiera vi sono due tazze: una di esse la prende Rita.
Maria vorrebbe prendere la seconda.
RAFFAELE Aspettate... chesta ce ‘a dammo a don Pascalino. (Si avvicina a Pasqualino. Pasqualino si è isolato al balcone chiuso, e guarda fuori attraverso i vetri). Don Pascali’, ‘o ccafè.
Pasqualino prende la tazza dalle mani di Raffaele e, sempre guardando fuori, sorseggia il liquido.
ALBERTO (rivolgendosi a Raffaele) Portane altre due tazze.
RAFFAELE Addo’ ‘e ppiglio? Dint’ ‘a cucina quatto ce ne stevano, due le ho messe io pecché due ne tenevo...
RITA (mostrando la sua tazza) Bevi qua, io ho finito.
Raffaele riempie di nuovo la tazza offerta da Rita.
MARIA Aspetta, bevo prima io. (Infatti beve).
LUIGI (è il marito di Olga Pastorelli. Un uomo anziano, dabbene. Entra svelto perché ha fretta, deve raggiungere l’ufficio: uno studio di rappresentanze) Buongiorno. (Si avvicina al gruppo delle donne) Donna Concetta, buongiorno.
Concetta accenna un saluto col capo.
OLGA (alludendo all’imbasciata che le ha fatto il portiere da parte del marito) Che volevi?
LUIGI Volevo sapere se resti qua, se sali. Io me ne debbo scappare. (Porgendo una chiave a sua moglie) Questa è la chiave di casa... Nun m’aggio pigliato manco ‘o ccafè.
RAFFAELE (mostrando la caffettiera a Luigi, lascia in asso Alberto che in quel momento gli porgeva la tazza che era servita a Maria, per farla riempire di nuovo) Qua... qua... (Si avvicina al gruppo di destra, prende la tazza dalle mani di Olga e la riempie) Qua ci ha bevuto vostra moglie.
Luigi beve.
ALBERTO (reclamando la parte di caffè che toccherebbe a lui) Rafe’, a me.
RAFFAELE È finito. (Capovolge la caffettiera affinché Alberto si convinca di ciò che gli ha detto) Mo’ ne vaco a fa’ na machinetta piccola per voi.
Alberto si rassegna. Ripiglia a conversare con le ragazze. Raffaele esce per il fondo.
LUIGI Don Luca come passa?
CONCETTA Ieri sera venne il dottore, ‘o guardaie e facette na brutta faccia.
LUIGI La notte come l’ha passata?
CONCETTA E chi ha dormito. Chiamava Nicolino... voleva a Nicolino... ha fatto un’arte.
CARMELA Io tengo nu buono presentimento. Ieri sera don Luca stava peggio, stava veramente male... ma mo’ sta riposando bene.
CONCETTA No, no... Lucariello non mi persuade. ‘O braccio sinistro nun ‘o move cchiu... ‘a lingua s’è tirata... e parla accussi...
LUIGI Ma riconosce?
CONCETTA Qualche volta sì e qualche volta no. Ierisera me so’ avvicinata, ll’aggio ditto: «Lucarie’, so’ io, so’ Cuncetta...» Indovinate pe’ chi me pigliaie? Me guardaie nu poco e po’ dicette: «Tu sei don Basilio». È rimasto impressionato perché na ventina di giorni fa, ietteme a vede’ ‘O Barbiere ‘e Siviglia al San Carlo.
Il gruppetto di sinistra ride per ciò che ha detto Concetta.
ALBERTO (piano alle ragazze) E chella overo me pare don Basilio.
Le ragazze ridono più forte. Il gruppo di destra rileva e sottolinea con la mimica quella inopportuna risata.
ARMIDA Piccere’, ch’è stato?
MARIA (rimediando alla meglio) No, Alberto è rimasto senza cafè.
NINUCCIA (entra dalla cucina con una scodella di brodo fumante nelle mani. Ha sul volto i segni inconfondibili di un dolore recente, profondo e riservato) Mammà, ce ‘o vvulimmo da’ nu poco ‘e brodo ‘e pollo... è caldo caldo.
CONCETTA Io diciarria lassammo sta’, chillo mo’ s’è assopito nu poco... Vuie che dicite, donna Carme’?
CARMELA È meglio che lo fate riposare.
OLGA Quando si sveglia glielo riscaldate un’altra volta.
Ninuccia mette via la scodella ricoprendola con un piatto.
CONCETTA ‘O duttore quanno adda veni’?
NINUCCIA Già avesse avut’ ‘a sta’ ccà.
CONCETTA E Tummasino?
NINUCCIA È gghiuto a ffa’ n’atu telegramma a Nicolino. Mo’ ‘o vedite ‘e veni’.
LUIGI (guardando l’orologio) Io dovrei scappare. Ma vorrei aspettare che si sveglia don Luca. Mo’ aspetto ca se sveglia, po’ me ne vaco.
CONCETTA (rivolgendosi a Ninuccia, con un tono di rimprovero) Mo’ si’ cuntenta mo’... A chistu posto ccà t’ ‘o ddicette: «Giurarne ca faie pace con tuo marito e
finisce tutte cose...» He’ visto ch’ he’ fatto succedere?
Ninuccia abbassa lo sguardo, avvilita.
CARMELA E nun ce ‘o dici te cchiù. Chella poteva maie immagina’ che succedeva chello ch’è succieso?
CONCETTA Ha tenuto ‘a capa tosta. E siccome io a Lucariello nun ll’avevo fatto sape’ mai niente, ‘o fatto ‘e tre ssere fa è stato comm’ ‘a na mazzata ‘ncapo... Se sentette male e mo’ sta dint’ ‘o lietto cchiù ‘a llà ca ‘a ccà... Non fa altro che chiamare Nicolino... vuole vedere Nicolino, e intanto è ‘o terzo telegramma c’ ‘avimmo fatto, e Nicolino non si vede.
CARMELA Ma perché, il marito l’ha lasciata?
CONCETTA Immediatamente. Se n’è andato da certi parenti suoi a Roma, e ha detto che non la vuole vedere più. (Piagnucolando) Na casa distrutta...
LUIGI Io me n’avess’ ‘a scappa’...
OLGA E che aspetti? Se te ne devi andare, vattene... Sei sempre l’eterno indeciso...
LUIGI No, me pare che t’aveva dicere n’ata cosa... (Poi ad un tratto ricorda) Ah, sì. Io che faccio, torn’a casa pe’ mangia’?
OLGA Se vuoi tornare, torna. Faccio un po’ di pasta al burro.
LUIGI Io resterei, ma devo mostrare il campionario ad un cliente, uno di Milano...
NENNILLO (dal fondo a destra. Entra svelto e fila diritto verso sua madre) Aggio fatto ‘o telegramma... (Consegna a Concetta la ricevuta e dei soldi spiccioli) Ccà sta ‘o riesto. Comme sta papà?
CONCETTA Sta riposando nu poco, nun te fa’ sèntere. (Esaltando l’attaccamento che suo figlio ha dimostrato verso il padre nella tragica circostanza) E sta criatura, sulo a isso m’ ‘aggio truvato... Guardate che faccia ca tene. So’ tre notte che sta scetato vicino ‘o lietto d’ ‘o padre... Nun ave cchiù che ffa’; ‘e scale d’ ‘o palazzo ‘e fa venti, trenta volte al giorno... a d’ ‘o farmacista, a d’ ‘o duttore... Figlio mio... e dicevano ch’era disamorato.
Infatti Tommasino si è seduto ai piedi del letto, accanto al padre.
LUIGI Basta, mo’ me ne vaco...
LUCA (si sveglia di soprassalto e chiede balbettando) Niculino è venuto?
Tutti si fanno attenti e muovono verso il letto come per circondarlo.
CONCETTA S’è scetato. Ch’ha ditto?
CARMELA Vo’ sape’ si è venuto don Nicolino.
CONCETTA E sempe cu’ Niculino sbaréa. LUCA (con voce robusta e sproporzionata al suo stato d’infermità chiede seccamente) Nicolino!
Tutti sussultano allarmati e sorpresi.
CONCETTA Madonna, che paura! (Poi rivolgendosi a Luca dolcemente) Mo’ vene Niculino, più tardi arriva.
NINUCCIA Papà, pigliateve nu poco ‘e brodo.
CONCETTA E riscaldalo, ca s’è fatto freddo.
Ninuccia prende la scodella ed esce per la sinistra.
NENNILLO (premuroso) Papà, ‘a bevanda...
CONCETTA Più tardi, il dottore ha detto ogni ora...
NENNILLO E mo’ è passata.
PASQUALINO (con sufficienza) Nonsignore, ce vo’ tiempo.
NENNILLO (sempre ostile nei confronti di suo zio) Tu, statte zitto.
PASQUALINO Io sono il fratello e posso parlare.
NENNILLO (minaccioso) Mo’ vedimmo...
PASQUALINO (di rimando con lo stesso tono di Tommasino) E mo’ vedimmo!
CARMELA Ma ve pare chisto ‘o mumento ‘e v’appiccecà’?
RAFFAELE (dal fondo, recando una guantiera con una tazza e una piccola caffettiera, annunzia) Donna Cunce’, ‘o duttore.
DOTTORE (entrando) Buongiorno a tutti. Come si va?
CONCETTA Dotto’, aspettiamo a voi con ansia. (Intanto Raffaele ha riempito la tazza di caffè e la sta porgendo ad Alberto). Rafe’, ‘o ccafè ‘o duttore.
Raffaele sottrae la tazza dalle mani di Alberto, il quale si rassegna di nuovo, si avvicina al dottore ed esegue l’ordine di Concetta.
DOTTORE Grazie, lo piglio volentieri perché sono uscito in fretta. (E beve).
Raffaele muove verso Alberto, ma Tommasino lo ferma, porgendogli a sua volta una tazza.
CONCETTA Bive, Tummasi’... bive ca te fa bene. (Gli dà la tazza).
ALBERTO (alle due ragazze) Io mo’ scengo e m’ ‘o vaco a piglia’ ‘o bar.
DOTTORE (porgendo la tazza vuota a Concetta) Ha riposato stanotte?
CONCETTA Ce ha tenuto svegli a tutte quante... (Prende un foglietto dal comodino e lo porge al dottore) Questa è la febbre.
DOTTORE (dando una scorsa al foglietto, chiede all’infermo) Don Lu’, come andiamo? Voi state una bellezza.
LUCA (articolando con difficoltà le parole, ribatte ironico) Così spero sentire di voi. (Poi fìssa lo sguardo su Luigi ed esclama felice) Niculi’...
CONCETTA Non è Nicolino. È Pastorelli... don Luigi Pastorelli. Ce sta pure donna Carmela, ‘a signora Armida cu’ ‘a figlia... Te so’ venute a truva’ tutte quante.
TUTTI Don Lu’, buongiorno.
DOTTORE Ma c’è troppa gente qua dentro. Ve lo dissi pure ieri.
CARMELA No, ma queste signore so’ venute da poco. Io sola ho fatto compagnia a
donna Cuncetta, stanotte.
ARMIDA E usciamo, usciamo.
DOTTORE Sì, sì, è meglio sfollare.
Tutti si avviano verso l’uscita.
ALBERTO Io me vaco a piglia’ na tazza e’ cafè abbascio.
RITA Aspetta, damme na sigaretta.
MARIA E pure a me.
Alberto distribuisce le sigarette ed esce seguito dalle ragazze.
LUIGI (mentre si avvia verso l’uscita con sua moglie) Mo’ aspetto quello che dice il dottore, po’ me ne scappo. (Invita la moglie ad uscire ed esce a sua volta).
NINUCCIA (dalla sinistra, recando di nuovo la scodella con il brodo, chiede a sua madre se può servirlo al padre) Mammà...
CONCETTA (chiede a sua volta consiglio al dottore) Dotto’, nu poco di brodo di pollo...
DOTTORE Aspettate, voglio visitarlo prima. (Osserva le pupille di Luca, poi solleva le coperte e le lenzuola per altre osservazioni del caso; ma si ferma interdetto perché le sue mani han toccato qualche cosa d’insolito, di sgradevole. Cerca di capire al tatto, poi si decide e tira fuori un paio di scarpe, e le mostra, come per chiedere una spiegazione).
CONCETTA (mortificata) Uh... scusate, dotto’.
PASQUALINO Le ha nascoste perché se no il figlio se le vende.
DOTTORE Addirittura?
NENNILLO Già, io po’ me vennevo ‘e scarpe ‘e papà...
PASQUALINO Pecché, te mettive paura?
Questa volta la lite fra i due si risolve mimicamente.
DOTTORE (dopo aver osservato il cuore di Luca, poco convinto, dice un po’ a tutti) Bene, bene... andiamo meglio.
CONCETTA Lassa fa’ ‘a Madonna! (Rianimata si volge a Luca) Lucarie’, e che d’è, mo’ nun dice niente? L’altra volta, quando sei stato malato, parlave sempe tu. (Mostrando donna Carmela) Ce sta donna Carmela... Racconta a donna Carmela ‘o fatto dei fagioli.
CARMELA (volutamente pettegola) Uh, veramente... qual’è ‘o fatto dei fagioli? Voglio sape’...
LUCA Il fatto dei fagioli è importante... (Divertito al ricordo vorrebbe raccontare, ma il suo pensiero è discontinuo, e converge soprattutto verso un’idea fissa che è quella in fondo che lo ha colpito) Niculino è venuto?
CONCETTA No ancora.
CARMELA Cuntatece ‘o fatto d’ ‘e fagiole.
LUCA (sorride, ma non riesce che ad imprimere una smorfia tragica alla sua bocca tirata verso sinistra) Io stavo malato da otto giorni e ‘o dottore me fece stare digiuno... Non mangiavo da otto giorni, tenevo na famma! Cuncetta quel giorno aveva fatto i fagioli con la pasta. Si era sparso un profumo per tutta la casa... perché Concetta li fa come piàceno a me: nu poco azzeccate sotto. Quanno fuie ‘a notte... (Ride di nuovo al pensiero del tiro giuocato al dottore) dormivano tutti quanti. Io so che quando Concetta fa i fagioli ne fa na quantità che basta per tre giorni... (E chiede di nuovo ansioso) Ma Niculino quando viene?
CONCETTA Mo’ vene, stive dicenno?
LUCA M’alzai, iette dint’ ‘a cucina e me mangiai tutt’ ‘e fagiole che stevano dint’ ‘o tiano... Me facette nuovo nuovo. ‘O giorno appriesso nun tenevo manco nu poco ‘e febbre! Venette ‘o duttore e dicette: «Avete visto? Se mangiavate non vi passava la febbre...»
CARMELA (con compiacimento) Vedete che ciuccio...
DOTTORE Io me ne vado perché ho delle visite importanti. Domani se ci sono novità mi mandate a chiamare. (Si alza).
Concetta si adopera per aggiustare il letto del marito, aiutata da donna Carmela.
NINUCCIA (traendo in disparte il dottore) Dotto’, come sta?
PASQUALINO (avvicinandosi ai due) Vorremmo sapere qualche cosa.
DOTTORE Cara Ninuccia, io ti conosco bambina... non ti posso ingannare. Luca Cupiello è stato sempre un grande bambino che considerava il mondo un enorme giocattolo... quando ha capito che con questo giocattolo si doveva scherzare non più da bambino ma da uomo... non ha potuto. L’uomo in Luca Cupiello non c’è. E il bambino aveva vissuto già troppo.
NINUCCIA Non ho capito, dotto’...
DOTTORE Povera Ninuccia... sei proprio sua figlia.
NINUCCIA Ma si può salvare?
DOTTORE Non bisogna disperare. Certo la batosta l’ha avuta piuttosto pesante... Ma ho visto dei casi peggiori che si sono risolti abbastanza bene...
PASQUALINO E domani non venite?
DOTTORE Una corsa la faccio. Buona giornata.
Tutti rispondono al saluto e accompagnano il dottore.
CONCETTA Ninu’, levammo sti tazze ‘a miezo. (Ninuccia esegue). Mo’ vide ca trase n’ata vota tutta chella gente. In tre giorni se n’è andato più di un chilo e mezzo di cafè.
NENNILLO E chille perciò so’ venute.
PASQUALINO Sì, ma io mo’ ce ‘o dico...
CARMELA È naturale... Ci tolgono l’aria a quel poveretto. (Va a posare le tazze e torna).
PASQUALINO Mo’ ce ‘o vaco a di’ io... (E si avvia verso l’uscita, ma si ferma perché
s’imbatte in Vittorio che sopraggiunge in quel momento).
CONCETTA (alla vista di Vittorio rimane allibita. Dopo breve pausa lo affronta) E voi che fate qua?
VITTORIO (sinceramente addolorato) Donna Cunce’, non me ne cacciate. Voi non sapete da tre giorni quello che sto soffrendo. Lo so, tutta la colpa è mia... ma credetemi, me vularria truva’ sotto terra. Da tre notti passeggio sotto il palazzo... Mo’ è sceso il dottore... Volevo baciare la mano a don Luca... l’ho voluto vedere. Donna Conce’ non mi negate questa grazia.
LUCA (nel delirio della febbre ha ravvisato nelle sembianze di Vittorio quelle di suo genero Nicolino. Con un lampo di gioia negli occhi esclama) Gue’, Niculi’... (Sporge dal letto e riesce ad afferrare il braccio di Vittorio) Me credevo ca nun facive a tiempo... (Nessuno osa intervenire, lo stesso Vittorio rimane immobile, con gli occhi a terra. Luca trae a sé Vittorio il più che può per parlargli con tenera intimità) Chillo me vo’ bene a me, Niculino, è overo? (Ninuccia, riversa sul letto, è come trasognata. Tommasino è il solo a comprendere tutta la tragedia. Sul suo volto passa il dolore, e di tanto in tanto la collera). Addo’ sta Ninuccia?
NINUCCIA (in lagrime) Sto qua, papà.
LUCA Damme ‘a mano... (Riesce a prendere la mano di Ninuccia e la unisce a quella di Vittorio. Il suo volto si rischiara, riesce a parlare con più forza e più chiarezza) Fate pace in presenza mia, e giurate che non vi lasciate più. (E visto che i due non parlano, insiste testardo) Giurate, giurate!
Dall’interno giunge un parlottare sommesso e concitato. Poi si sente la voce di Nicolino.
TUTTI (di dentro) Buongiorno, don Niculi’.
NICOLA Addo’ sta...
Concetta è la prima ad accorrere terrorizzata verso l’uscita. Gli altri la seguono con lo stesso stato d’animo.
RAFFAELE (s’affaccia sulla porta e annuncia grave) ‘On Nicolino.
Infatti appare Nicolino, il quale muove diritto verso il letto. Nel vedere sua moglie, Vittorio e Luca in quella scena patetica ha come una furia di sangue al cervello. Vorrebbe scagliarsi furente, ma viene trattenuto e sospinto a viva forza dai famigliari. Intanto il gruppo degli inquilini si è riversato alle spalle di Nicolino e con parole sommesse esortano l’uomo ad avere comprensione per quel caso singolare e tragico. E tutti insieme riescono ad allontanarlo. Nicolino a volte soccombe, a volte si ribella. Sovrasta il ridere soddisfatto di Luca, che in certi momenti diventa addirittura uno sghignazzare. Appena fuori Nicolino, Luca riprende.
LUCA Voi siete nati l’uno per l’altro. Vi dovete voler bene... Non fate prendere collera
a Concetta, che ha sofferto assai... (Ninuccia e Vittorio allentano la stretta della mano. Luca delirante, farfuglia qualcosa di incomprensibile, agitando lentamente il braccio destro, come per cercare qualcosa nell’aria. È soddisfatto, felice di aver contribuito alla conciliazione di sua figlia con quello che egli crede sia suo genero. Ora vaga lo sguardo intorno, come per cercare qualcuno, e chiede) Tommasi’, Tommasi’...
NENNILLO (sprofondato nel suo dolore si avvicina al padre, mormorando appena) Sto qua!
LUCA (mostra al figlio il braccio inerte; lo solleva con l’altra mano e lo fa cadere pesantemente come per dimostrare l’invalidità dell’arto. Poi chiede supplichevole) Tommasi’, te piace ‘o Presebbio?
NENNILLO (superando il nodo di pianto che gli stringe la gola riesce solamente a pronunziare il sospirato monosillabo) Sì...
Luca ottenuto il sospirato « Si » disperde lo sguardo lontano, come per inseguire una visione incantevole: un Presepe grande come il mondo, sul quale scorge il brulichio festoso di uomini veri, ma piccoli piccoli, che si danno un da fare incredibile per giungere in fretta alla capanna, dove un vero asinelio ed una vera mucca, piccoli anch’essi come gli uomini, stanno riscaldando coi loro fiati un Gesù Bambino grande grande, che palpita e piange, come piangerebbe un qualunque neonato piccolo piccolo. Perduto dietro quella visione, annuncia il prodigio a se stesso.
LUCA Che bel Presepe! Quanto è bello!

Nessun commento:

Posta un commento