giovedì 29 novembre 2012

Eduardo De Filippo, Natale in casa Cupiello - Secondo Atto


L'ARTE DELLA COMMEDIA




ATTO SECONDO
Una piccola camera da pranzo borghese. Comune in fondo. Il presepe ormai completato, troneggia a destra. A sinistra un buffet sul quale vi sono piatti di dolci, frutta ecc. La tavola è imbandita. Un lampadario è nel mezzo acceso. Le «catenelle» di carta colorata si avvolgono intorno ad esso dando una nota caratteristica ed allegra all’ambiente. Concetta è seduta e pulisce della verdura che ha raccolta in grembo e che va mettendo man mano che è pulita nell’insalatiera che è a tavola. Raffaele è vicino a lei col berretto fra le mani.

CONCETTA (continuando un discorso già cominciato) Don Rafe’, me credite? M’è venuto ‘o scunfido.
RAFFAELE Ma che ‘o dicite a fa’? Io saccio tutte cose...
CONCETTA Ma ch’avit’ ‘a sape’... ch’avit’ ‘a sape’... Io songo na povera martire. ‘Ò cielo m’ha vuluto castiga’ cu’ nu marito ca nun ha vuluto e nun ha saputo fa’ maie niente. In venticinque anni di matrimonio m’ha nguaiata na casa. E che so’ cchiù chella ‘e na vota? E si nun era pe’ me, sapite quanta vote sta casa sarrfe iuta sotto e ncoppo?!
RAFFAELE Vuie avivev’ ‘a nascere cu’ ‘o cazone! Io cu’ muglierema chesto dico sempe! ‘A signora ncoppo avev’ ‘a nascere cu’ ‘o cazone!
CONCETTA Mo’ avite ditto na santa cosa! Vedite si è pussibile: n’ommo a chell’età se mette a fa’ ‘o presebbio. So’ ghiuta pe’ dicere: «Ma ch’ ‘o faie a fa’? Nuie nun tenimmo criature... Me pare na spesa e nu perdimiento ‘e tiempo inutile! » Ha ditto: « ‘O faccio pe’ me! Ce voglio pazzia’ io! » Che ne vulite spera’?! Mo’ è sciso ‘e pressa p’accatta’ cierti pasture ca se so’ rutte.
RAFFAELE Vuie putarrisseve sta’ dint’ ‘a pace ‘e ll’angele. ‘A figlia vosta s’è sistemata... sulo Tummasino ve da’ nu poco ‘e fastidio...
CONCETTA Fosse tutto po’ ‘o màsculo... Se capisce: è giuvinotto, fa quacche pazzarfa, ma è l’età... tutto è perdonabile!... ‘O guaio ‘e dint’ ‘a sta casa è maritemo.
RAFFAELE Ce vo’ pacienza. E ‘a figlia vosta fa Natale cu’ vuie?
CONCETTA Se capisce. Cchiù tarde ‘a vedite ‘e veni’ assieme a ‘o marito.
RAFFAELE Pe’ cient’anne, e cu’ salute. Io me ne scengo pecché sta ‘o palazzo sulo. Si mme vulite me chiammate. (Fa per andare, poi torna) Siete rimasta cuntenta d’ ‘e capitune?
CONCETTA Belle! Belle assaie!... A me me fanno schifo, ma maritemo ce va pazzo!
RAFFAELE Tanti auguri. E vi ripeto: si mme vulite, me chiammate.
CONCETTA Stateve buono.
Raffaele esce.
PASQUALINO (di dentro) E basta mo’! Mo’ me so’ seccato, mo’!
CONCETTA Ch’è stato?
PASQUALINO (fuori) È sparita n’ata cinche lire. E che vaco arrubbanno? Io pe’ m’abbusca’ na dieci lire aggi’ ‘a ceca’ na settimana a fa’ nummere dint’ ‘o Banco Lotto. Ma ‘sta vota ‘o trovo ‘o mariuolo... Sta vota ‘o trovo! Aieressera facette nu segno ncopp’ ‘a tutt’ ‘e solde. Si trovo ‘a cinche lire c’ ‘a croce, me faccio attacca’ pe’ pazzo.
CONCETTA (un poco offesa) Ma ccà chi vulite che se pigliava ‘a cinche lire vosta.
PASQUALINO Donna Cunce’, ccà sti servizielle ‘e fa Nennillo...
CONCETTA Don Pascali’, badate comme parlate; Nennillo denare nun ne tocca.
PASQUALINO Donna Cunce’, chillo è nu brigante! Aiere nun cunfessaie ca se pigliale ‘e scarpe e ‘o cappotto?...
CONCETTA Va buo’, che c’entra... chella fuie na cumbinazione...
PASQUALINO Na cumbinazione?... Ma insomma, ve pare? Io song’ ‘o zio, è figlio di mio fratello, ‘o pozzo vule’ male?... È quistione ca io na vota ‘o ncucciaie cu’ ‘a mana dint’ ‘a sacca d’ ‘o gilè mio...
CONCETTA Va bene. Comme vulite vuie.
NENNILLO (di dentro) Trase, Vitto’, trase...
PASQUALINO ‘O vi’ lloco, stu bello mobile.
NENNILLO (fuori) Trase, Vitto’... te staie n’ato poco cu’’ me e po’ te ne vaie.
VITTORIO (saluta Concetta e Pasqualino) Buonasera.
Concetta fissa Vittorio atterrita.
NENNILLO Mammà... ccà sta Vittorio. (Concetta fa un cenno di saluto con la testa. Nennillo guardando Pasqualino) Zi’ Pascali’... ccà sta Vittorio.
PASQUALINO Piacere. (È accigliato, guarda Nennillo).
NENNILLO (sospettando qualche cosa, ma cercando di essere disinvolto) L’amico mio...
PASQUALINO (lo interrompe violento) Tu t’he’ pigliato cinche lire ‘a copp’ ‘a culunnetta... Non negare!
NENNILLO (fingendo una grande meraviglia) Io?... Quanno maie?
PASQUALINO O puose ‘a cinche lire o te ntòsseco Natale...
NENNILLO Ma io nun m’aggio pigliato niente! È cos’ ‘e pazze!... Ma è cosa ca nnanz’a n’amico aggi’ a essere pigliato pe’ mariuole?... (Piange).
CONCETTA (prendendo le sue difese lo abbraccia mentre Nennillo, con la mano libera le fruga nella saccoccia) Don Pascali’, mo’ me pare c’ ‘a putarrìsseve ferni’. Mo’ ‘o facite chiagnere a sennuzze a sta povera criatura... Viene ccà, bello ‘e mammà... (Lo accarezza).
NENNILLO (ritirando la mano dalla saccoccia di Concetta dove ha tastato solo il fazzoletto) Chi sa qua’ vota ‘e cheste... (Guarda bieco Pasqualino che si impressiona).
PASQUALINO Gué, quello minaccia... Io sono il fratello di tuo padre, sa’! E mo’ che
vene lle dico tutte cose. Pos’ ‘a cinche lire!
CONCETTA Vedite buono, fosse caduta a terra?
PASQUALINO Io aggio fatt’ ‘a cammera spingola spingola. Eppure ve voglio fa’ cuntenta. Mo’ vaco a vede’ sotto ‘a culunnetta. (A Nennillo) Prega a Dio ca ‘a trovo; si nun ‘a trovo, mbe’ ti giuro sulla vita del Direttore del Banco Lotto di Napoli ca ngalera te manno! Mo’ vedimmo. (A Vittorio) Permettete?
NENNILLO E ghiammo a vede’. E si ‘a truove, ti giuro... una querela ti faccio. Po’ vedimmo. (A Concetta) Permetti mamma? Permetti? (Esce per il fondo).
Pausa. Concetta volta le spalle a Vittorio.
VITTORIO (amaramente) ...Donna Conce’... mi avete accolto proprio freddamente.
CONCETTA (ironica) Pecché, m’avev’ ‘a mettere a zumpa’?
VITTORIO No... ma che saccio...
CONCETTA (decisa, severa) Voi ve ne dovete andare!... Pecché stasera viene mia figlia cu’ ‘o marito a fa’ Natale cu’ nuie e nun ce vulimmo ntusseca’ ‘a serata.
VITTORIO (fìngendo di non capire) Ma perché?
CONCETTA È inutile che facite ‘o scemo! E mo’ ce tengo io ll’uocchie ncuollo a chella faccia tosta di mia figlia! E... stateve attiente pecché ‘o marito sape tutto, pe’ cause ‘e na lettera che Lucariello senza sape’ niente ce ‘a dette mmano a isso. E saccio io che nc’è voluto per farli rappaciare... ‘e llacreme mieie!...
VITTORIO (sincero, disperato) Donna Conce’, io ‘a figlia vostra ‘a voglio bene!
CONCETTA (atterrita, con le mani sul viso) Uh!... Bene mio... chillo m’ ‘o dice nfaccia. Comme si chella fosse zetella; chella è mmaretata!... Ma vuie a chi site venuto a nguaia’?! (Amaramente) Eh, vuie avite ragione ca io songo sola:... figliemo è guaglione e maritemo comme si nun ‘o tenesse... Pecché si io tenesse n’at’ommo vicino, ‘a faciarrie ferni’ io sta storia!
VITTORIO (serio) Nun ve pigliate còllera... Io me ne vaco. (Con l’affanno nella voce) Si vuie sapisseve che stammo suffrenno io e ‘a figlia vosta, nu parlarrisseve accussi... (Con gioia soffocata) Nun ‘o vo’ bene ‘o marito! Nun ‘o vo’ bene!
CONCETTA (con forza) ‘O vo’ bene! E ghiatevénne! (Mostrandogli la porta) Uscite immediatamente! (Esce per fare strada a Vittorio ma torna subito facendo cenno a questi di non andare).
Luca segue Vittorio ed entrando si toglie il cappello appendendolo all’attaccapanni.
LUCA (a Concetta) Che d’è, scinne?
CONCETTA (imbarazzata) No. Aggio apierto ‘a porta pecché me credevo che tu avive tuzzuliato...
LUCA Io? No. Non ho tuzzuliato e tu he’ aperta ‘a porta...
CONCETTA E si... Pecché me pareva... Me so’ truvata venenno... E aggio penzato: «Chisto è Lucariello». E aggio apierto.
LUCA Ah, ecco. Io nun aggio tuzzuliato e tu he’ creduto... (Convinto) Telepatia... (Vedendo che Concetta non gli dà ascolto) Sai che significa telepatia?
CONCETTA No.
LUCA È quann’io nun tuzzuléo e tu viene ‘arapi’ ‘a porta! (Vede Vittorio) Chi è?
CONCETTA (premurosa che Vittorio vada via) È n’amico ‘e Nennillo... se ne steva ienno... (A Vittorio) Andate, andate... Buonasera...
LUCA Un momento. Chesto che cos’è... È questo il modo di trattare la gente?... (Guarda Vittorio compiaciuto) Siete amico di mio figlio? Bravo. Mi fa piacere che s’ ‘a fa’ con persone degne... Come si dice? Fattélla cu’ chi è meglio ‘e te e fance ‘e spese... (Sempre più ammirato) Tenete pure i guanti... bravo! E avete visto il presepio?
VITTORIO No...
LUCA (con rimprovero a Concetta) Nun ce l’he’ fatto vede’, è ove’?
CONCETTA (gli volta le spalle con un gesto d’impazienza) Lucarie’, mo’ penzavo ‘o presebbio...
LUCA (orgoglioso lo mostra a Vittorio) Ecco qua. Bello, eh? Questo l’ho fatto tutto io...
VITTORIO (per compiacerlo, ma assente completamente) Possibile?
LUCA Sicuro. Sano sano...
VITTORIO (c. s.) Tutto voi?...
LUCA Tutto, tutto. E contrastato in famiglia. Qua non mi capiscono... Io faccio il presepio perché quando avevo i figli piccoli, lo facevo... Sapete, era un’allegrezza... E anche adesso che sono grandi, io ogni anno debbo farlo... Mi sembra di avere sempre i figli miei piccoli... Sapete... anche per religione. È bello fare il presepio... E l’ho fatto senza l’aiuto di nessuno...
VITTORIO (sempre indifferente e leggermente ironico) E tutta quest’erba, voi pure l’avete messa?
LUCA (compiaciuto e orgoglioso) Io.
VITTORIO (c. s.) Bravo.
LUCA (è incerto se Vittorio parla sul serio o lo prende in giro e sorride) Già...
VITTORIO (c. s.) E tutta questa neve... sparsa così bene... l’avete messa voi?... senza l’aiuto di nessuno?
LUCA (c. s.) Io la metto e io la levo. Quando sono passate le feste conservo tutto: sugheri, pastori, erba... e quando viene un’altra volta Natale, prendo tutta la roba e faccio il presepio un’altra volta...
VITTORIO Bravo!
LUCA (lo guarda, poi a Concetta piano) Chisto me pare che me sfruculea...
CONCETTA (seccata) E si capisce...
LUCA E chi ce ‘o fa fa’?... Io ‘o metto a posto... (Ritornando a Vittorio ripreso dalla sua mania per il presepio) Mo’ so’ ghiuto accatta’ i «Re Magi» che s’erano rotti... (Prende l’involtino che uscendo ha messo sul buffet e lo apre con attenzione) Guardate quanto so’ belli... Gaspare, Melchiorre e Baldassarre... (Li mostra a Vittorio tenendoli delicatamente fra le dita) Gaspare e Melchiorre erano ancora buoni, ma questo qua, vedete... questo è Baldassarre... s’era rotta ‘a manella... E allora sembrava brutto un pastore nuovo e due vecchi... Così li ho comprati tutti e tre. Ma guardate con che precisione sono fatti... Io ci tengo na
passione, che volete...
VITTORIO Bellissimi. E... questi pure li avete scelti voi?...
LUCA Io proprio. Li ho scelti in mezzo a centinaia di pastori. Chi teneva na cosa, chi ne teneva n’ata... sapete: ‘a curona scurtecata, ‘o mantiello cu’ na macchiulella... Ma questi che ho scelti sono perfetti. Guardate...
VITTORIO Bravo!
LUCA (lo guarda, poi) Va bene. Voi siete amico di mio figlio, è vero?... Ho capito tutto. (A Concetta) Ninuccia cu’ ‘o marito so’ venute?
CONCETTA No.
LUCA (a Vittorio) Ninuccia è l’altra figlia mia, maritata... Ha fatto un buonissimo matrimonio. Ha sposato un commerciante in tutta roba di corno. Sapete... Bottoni, ecc. Un certo Nicola Percuoco. Ma... eh... non vanno molto d’accordo. (A Concetta, con un sospiro) Chi sa comme fernesce cu’ chilli dduie! (Di nuovo a Vittorio) Noi non stiamo uniti, no... Loro ci hanno la casa. Una bellissima casa a stile novecento... Ogni tanto ci vengono a trovare... Insomma ci vediamo raramente. Però a Natale... Eh, a Natale non deve mancare nessuno... Ogni anno noi ci... (vorrebbe dire: «Ci riuniamo» ma non ci riesce) ...rinu... rinu... Ci rimiriamo... (Cambiando discorso) Volevo dire insomma che loro stanno bene, tengono una casa magnifica... Una cucina tutta di mattonelle bianche che è una bellezza!... Tengono il pianoforte... Non lo sanno suonare, ma che vuol dire?... Si può dare una combinazione, non so... una festa, una nascita, viene qualche invitato che sa suonare e suona... Dicevo: noi ci vediamo raramente, sapete io lavoro... Sto tutta la giornata in tipografia... Sono tanti anni che sto là... Prima ero tipografo, adesso sono l’uomo di fiducia... A me mi consegnano migliaia e migliaia di lire, sapete?... E dunque, dicevo... lavoro tutto il giorno. Con mia figlia mi vedo raramente... Ma quando è Natale, io, mia figlia, il marito... insomma... (È di nuovo alle prese con la difficoltà di pronunciare: «Ci riuniamo») Noi ci... ci rinu... Ci rinuniamo... Ci... riomeriamo... (Si ferma, si distoglie da Vittorio ripetendosi mentalmente e muovendo appena le labbra la difficile parola. Infine crede di poterla pronunciare. Si gira di nuovo sorridente e ripete) Ci... rinunciamo... (Niente. Non ci riesce. Si gratta la testa, ride per nascondere il suo imbarazzo. Tenta ancora) Ci... rinuniniamo... Ci... (Rinunciandoci con un respirone) Vengono e mangiamo assieme!!!... Ah! (A Concetta) E Nennillo?
CONCETTA Sta dinto cu’ fràteto, ‘o quale va truvanno na cinche lire e dice che se ll’ha pigliata Nennillo.
LUCA Nun dicere chesto ca ccà overo spariscene ‘e solde. Ma si ‘o ncoccio a Nennillo ‘o faccio fa’ marenna. Mariuolo no... Ladro poi no.
NENNILLO (entrando seguito da Pasqualino) Ma vedite... Chillo nun ha truvato niente e s’ ‘a piglia cu’ mme!...
PASQUALINO (andando difilato da Luca con accento accusatore) Lucarie’, chisto s’ha pigliate cinche lire, fancelle pusa’.
LUCA Un momento. Calma, calma. Adesso assodiamo subito la cosa. (A Nennillo) Viene ccà a tte... fàmmete vede’ dint’ ‘e sacche... (A Vittorio) Voi scuserete, ma
si tratta di una piccola faccenda di famiglia... (A Nennillo) Ti debbo perquisire, avanti.
NENNILLO (ribellandosi e gridando) Ma insomma, me l’aggi’avut’ ‘a piglia’ pe’ forza io?
PASQUALINO E chi s’ ‘e pigliava, neh, galante’?... Chi vene dint’ ‘a ‘sta casa?...
NENNILLO (gettando un’occhiata furba dalla parte di Vittorio che non sente perché girato con le spalle) E che ne so?... Vengono tanti amici miei qua sopra...
LUCA (obbligandolo a farsi rovistare nelle tasche) Poche chiacchiere, andiamo. Si te l’he’ pigliata, ccà ha da sta’... (Nennillo passivo e provocante, non fa un gesto tutto il tempo che Luca gli visita la tasca a destra e quella a sinistra dei pantaloni. Luca sentendo sotto le dita qualche cosa) E che d’è, ccà?... (Mette fuori dello spago, poi una trottolina di quelle che usano gli scugnizzi per divertirsi sui marciapiedi, e mille altre cianfrusaglie che pone sul tavolo man mano. Infine, toccando la saccoccia a destra della giacca, ha un sospetto: introduce la mano, afferra qualche cosa, prima di metterla fuori però fissa Nennillo, e sottovoce, disposto a venire a patti, con la sicurezza di piegarlo, mormora in modo che gli altri non sentano) ...Te piace ‘o presebbio?
NENNILLO (lo guarda, poi caparbio, ostinato, dispettoso) No!
LUCA (mostrando le cinque lire) Ccà sta ‘a cinche lire! Mariuolo che non sei altro!
NENNILLO Ma non mi piace però!
PASQUALINO Aspe’, Lucarie’... Famme vede’ si ce sta ‘a croce. Si ce sta ‘a croce, è ‘a cinche lire mia... (Guarda la moneta) ‘O vi’! ‘A croce!... ‘A vi’ ‘a croce?! È essa. È ‘a cinche lire mia. Mariuolo!
LUCA Aspe’, Pascali’... ca io pure ce aggio fatto ‘o segno ‘e solde mieie... Famme vede’... (Guarda anche lui) ‘A stella, ‘a vi’!... ‘A stella ca ce facette io! (A Pasqualino) Allora tu arruobbe a me e isso a te? ! Pasca’, lasseme sta’ ‘e solde, famme ‘o piacere! Chille assaie ne so’!...
PASQUALINO Ma nossignore...
LUCA Io cagnaie cinquanta lire ll’atu iuorno... E mettette chelli cinche lire ncopp’ ‘a culunnetta...
PASQUALINO Perfettamente. Tu ‘a mettiste ncopp’ ‘a culunnetta... Io ce facette...
LUCA ...’a posta e te l’he’ pigliata.
PASQUALINO Nossignore. Ce facette ‘o segno. Forse ‘mmiez’ ‘o resto che m’he’ dato l’altro giorno, è capitata sta cinche lire...
LUCA E va bene, va. È Natale, non mi voglio prendere còllera.
PASQUALINO (severo, a Nennillo) Non lo fare più!
LUCA (rettificando) Non lo facciamo più!...
VITTORIO Mbe’, io me ne vado. Vi tolgo il fastidio.
LUCA Già ve ne andate?
CONCETTA (con premura) Sì, deve andar via.
NENNILLO (a Vittorio, insistente) E pecché, statte n’atu poco.
PASQUALINO E Natale dove lo fate?
VITTORIO Io sono solo a Napoli, la mia famiglia sta a Milano. Mo’ me ne vaco dint’ ‘a na trattoria e poi mi ritiro.
LUCA (spontaneo) E restate con noi.
CONCETTA (dandogli uno spintone) Puozze scula’!... Ne facisse una bona!
LUCA (andando quasi addosso a Vittorio) Cunce’! (A Vittorio) Abbiate pacienza... (A Concetta) Tiene sempe ‘a faccia d’ ‘a miseria! Che se po’ mangia’ chillo?... Chillo è signore, mangia poco. (A Vittorio) Restate, ci farete proprio piacere.
PASQUALINO Restate. Mio fratello ve lo dice con tutto il cuore.
LUCA Si capisce. Non posso permettere che un amico di mio figlio va a fa’ Natale dint’ ‘a na tratturia.
PASQUALINO Accettate, signor Vittorio...
NENNILLO (togliendo il paltò a Vittorio quasi a forza) Ha accettato, meh...
Campanello di dentro.
LUCA (felice) Chesta è mia figlia col marito. Nenni’, va’ arape ‘a porta.
Nennillo esce.
CONCETTA (piano a Vittorio, a denti stretti) Voi siete un mascalzone!
VITTORIO (giustificandosi) Signo’, io non mi potevo rifiutare.
NINUCCIA (entra con Nicola. Andando verso la madre e salutandola) Buonasera, mammà e auguri.
NICOLA Auguri a tutti. (Tutti si baciano. Vittorio si è appartato voltando le spalle). Pascali’, come iammo ‘o Banco Lotto?
PASQUALINO Eh, non c’è male. Tengo na capa chiena ‘e nummere. ‘E chesti ghiurnate ognuno gioca l’ambo, ‘o ternicciullo...
NICOLA Ci siamo tutti, neh?
LUCA Sissignore. Anzi. Nico’, tu mi devi scusare se mi sono permesso di invitare un amico di mio figlio...
NICOLA (che non ha visto ancora Vittorio) Ma vi pare, papà... quello che fate voi sta tutto bene.
LUCA No, che c’entra... anche tu devi sapere... (Chiama Vittorio) Don Vitto’, venite qua... Il signor Vittorio Elia... mio genero Nicola Percuoco...
I due si fissano con ostilità. Abbassano la testa in un saluto freddo rimanendo rigidi. Pasqualino e Nennillo si guardano in viso senza capire niente. Ninuccia abbassa gli occhi turbatissima. Concetta suda freddo guardando Ninuccia piena di angoscia.
NICOLA (dopo pausa, stringendo forte il braccio della moglie) Nun sapive niente tu.,. Nun ne sapive niente!
NINUCCIA (con un grido soffocato per il dolore) Ah! E statte fermo cu’ ‘e mane!
LUCA (s’accorge della scena ma non arriva a spiegarsi il contegno dei due. Domanda a Concetta) Ch’è stato?
CONCETTA Niente.
LUCA (insistendo più forte) Ch’è stato?
CONCETTA (con più forza, ma sempre evasiva) Niente.
LUCA (grida esasperato) Ch’è stato?
CONCETTA (C. S. e tagliando corto) Niente.
LUCA E vide si se po’ sape’ maie niente.
CONCETTA (a Ninuccia) Ninu’, vieneme a da’ na mano dint’ ‘a cucina.
NINUCCIA SÌ, sì, iammo. Iammo. (Esce a sinistra).
Concetta prende l’insalatiera con la verdura dal tavolo e si avvia.
NENNILLO (fermandola) Ma ch’è stato?
CONCETTA (più dolce) Niente, Nenni’...
NENNILLO (imitando Luca) Ch’è stato?
CONCETTA Niente. Niente.
NENNILLO (mandando in frantumi un piatto) Ch’è stato?
Concetta scuote la testa e segue Ninuccia.
NICOLA (si è avvicinato a Vittorio e gli mormora concitato) Mi darete spiegazione.
VITTORIO (fingendo di non capire) ‘E che cosa?
NICOLA Vuie ‘o ssapite meglio ‘e me.
LUCA (mostrando i pastori a Nicola) Questi sono i Re Magi: Gaspare, Melchiorre, e Baldassarre...
NICOLA (pensando ad altro) Piacere. Mangiano pure ccà?
LUCA Eh?!... Niculi’, tu cumme staie stunato?!... Certamente he’ fatto storie cu’ mugliereta... (A Vittorio) Non vanno mai d’accordo perché mia figlia, sapete, vorrebbe che lui si mantenesse la linea; dice che mangia troppo... Lei vorrebbe che mangiasse sempre verdura... A lui invece lle piaceno ‘e maccarune... E fanno sempe storie... l’he’ mangiato ‘e maccarune, è ove’?
NICOLA (marcato, fissandolo) No, v’ingannate. Mai come in questo momento, vedo che c’è un accordo completo.
LUCA (sempre senza capire l’ironia) E questo mi fa piacere, perché fra marito e moglie deve sempre regnare la pace, la concordia. Io, per esempio, me faccio sempre manco ‘e cane cu’ muglierema, ma po’ ce vulimmo bene... E così ho educato anche mio figlio. Lui ogni anno scrive la lettera alla madre e la mette sott’ ‘o piatto. (A Nennillo) Fance senti’ ‘a lettera ch’he’ scritto...
NENNILLO (la mette fuori) Sì, ma non si deve dire niente perché è una sorpresa. (Legge) «Cara madre, tanti auguri per il Santo Natale. Ti prometto che sarò sempre buono e rispettoso. Questo ti dissi l’anno passato e questo ti dico anche adesso. Cara madre, ho deciso, mi voglio cambiare; preparami...»
PASQUALINO (ironico) ... ‘a maglia, ‘a mutanda e ‘e cazettielle...
Nennillo, alzandosi, tenta di scagliargli la sedia.
LUCA (trattenendolo) Pasca’, lass’ ‘o leggere...
NENNILLO E chillo fa ‘o spiritoso. Chi ce ‘o fa fa’?... Mo’ vedimmo! (Riprende a leggere) ...«Preparami un bel regalo. Cara madre, che Iddio ti possa far campare cento anni assieme a papà, a mia sorella, a Nicolino e a me ».
PASQUALINO (piccato) Io non esisto, è vero?
NENNILLO E tu che ce trase?
PASQUALINO Ma perché, non sono io pure della famiglia? (Incrociando le braccia) Mietteme pure a me dint’ ‘a nota d’ ‘a salute. Andiamo. Fa ambressa.
NENNILLO Ma perché, t’aggi’ ‘a mettere pe’ forza? Nun te voglio mettere.
PASQUALINO (minaccioso brandendo una forchetta dal tavolo) Mietteme dint’ ‘a nota, ca si no te dongo na furchetta nganno. Mo’ vedimmo.
LUCA (seccato) Uh! Pasca’!... Tu comme t’appiccie ambressa! Aveva ragione paterno ca te chiammava ‘o fiammifero.
PASQUALINO (fermo nella sua idea) Embe’... ‘o fiammifero. Pecché mme fido ‘e m’appiccia’! (A Nennillo) Mietteme dint’ ‘a nota, he’ capito?
NENNILLO No. Nun te voglio mettere! (Deciso, agli altri) Quando lo volete sapere, io mi sono seccato ‘e zi’ Pascalino!
PASQUALINO (agitandosi per la stanza) Vedite! Vedite che galiota! A nu zio. (Luca ha un sorrisetto divertito). E ‘o paté ca ride... Cheste so’ cos’ ‘e pazze!
LUCA (a Nennillo, conciliante) Va buo’, miette pure a isso, si no chisto nun ‘a fernesce cchiu. Iammo, meh.
NENNILLO (a malincuore, riprende a leggere) «Che Iddio ti possa far campare cento anni assieme a papà, a mia sorella, a Nicolino e a me... (esita) ...e sessantacinque anni a zi’ Pasqualino».
PASQUALINO Insomma, io aggi’ ‘a perdere trentacinc’anne a mano a mano?
NENNILLO Ma pecché, non t’abbàstano?
PASQUALINO Nun m’abbàstano, embe’. Voglio campa’ cient’anne! Mo’ vedimmo.
LUCA Pasca’, ma insomma?... Tu campasse overamente quanto dice chisto? Ma fossene sentenze ca Ile ièscene ‘a vocca?
PASQUALINO Nun me mporta. ‘O tengo pe’ buon augurio! Ha da mettere cient’anne.
LUCA (a Nennillo) Va buo’... che vuo’ fa’? Miette cient’anne... Ca chillo po’ ‘o Pateterno sape chello che fa.
PASQUALINO (protestando) Ih, che bella cosa, teh... Ih, che pariente! Mamma mia!
NENNILLO (riprendendo a leggere) «...che ti possa far campare cento anni assieme a papà, a mia sorella, a Nicolino, a me e a zi’ Pasqualino...» (Pasqualino approva con soddisfazione. Nennillo continuando) «... Però... con qualche malattia...» (Chiude la lettera).
PASQUALINO (girando per la scena) Niente. Si’ galiota! Vedite... con qualche malattia...
LUCA (calmandolo) Ma insomma, nun he’ capito ca chillo te sfruculea? (A Vittorio) E fanno sempre chesto, ‘e vvedite?... Però si vogliono bene... Fanno queste cose, ma il fondo è buono. Eh... ci abbiamo sempre tenuto alla famiglia. Ogni festa, ogni Natale ci facciamo i regalucci... E a mia moglie non ho mai mancato di comprarle qualche cosa quando sono queste sante giornate... L’anno passato le spegnorai l’orecchino... Essa che piacere che n’ebbe! E pure quest’anno... Ho
pegnorato l’orecchino e l’ho comprato... (A Nennillo) Vide si avess’ ‘a veni’ màmmeta. (Nennillo va ad origliare a sinistra. Luca misterioso e sorridente) ...Ho comprato una cosetta...
PASQUALINO E io pure. ‘A tengo dinto. Sapete... io sto in casa, donna Concetta mi accudisce...
LUCA (a Pasquale) Va’, Pasca’. Va’, piglia chillo cartoccio che sta sott’ ‘o lietto... (Pasqualino esce per il fondo). Sono sciocchezze, ma quella ne ha tanto piacere... Si nota il pensiero... Ogni anno... come si dice?...
VITTORIO Certo.
PASQUALINO (portando due oggetti avvolti in carta velina) Ecco qua.
LUCA (prendendo uno dei due oggetti e liberandolo dalla carta) ... Un bell’ombrello. (Lo mostra) Guardate... Tutta seta. Questo, mi ha detto il negoziante, è buono pure per quando c’è il sole; è un colore che si adatta a tutto. Ha detto così: «Qualunque cosa succede, aprite ‘o mbrello» ...Sapete quando è inverno, con questi tempi, chella scenne a fa’ ‘a spesa... Così si ripara.
VITTORIO Bellissimo.
PASQUALINO (mostrando anche lui il suo regalo) E io ho preso questa borsa. Vi piace? Tutta pelle di cuoio finissimo.
VITTORIO Bene. Bene.
LUCA Questa robba, prima di metterci a tavola, ci presentiamo e ce la diamo. Ci presentiamo come i Re Magi... Chella avit’ ‘a vede’ come ride... (A Pasquale e a Nennillo, stringendoli a sé per non farsi udire dagli altri) Quando ci mettiamo a tavola, ci presentiamo cantando... (Accennando a mezza voce la «Pastorale» di Natale)
Tu scendi dalle stelle,
Concetta bella...
e io faggio purtato quest’ombrello!...
PASQUALINO Bravo!... E io po’... (Canta anche lui) Tu scendi dalle stelle, o mia Concetta... E io t’aggio comprato na bursetta.
NENNILLO (indispettito, piagnucoloso) E io che porto?... (Mostra Luca) Isso ‘o mbrello... (Mostra Pasqualino) Chill’ato ‘a bursetta, e io niente.
LUCA Ma tu si’ guaglione, che c’entra. Chella ‘o ssape ca tu nun tiene denare.
NENNILLO No. Io voglio purta’ ‘a burzetta.
PASQUALINO E già... chella l’aggio accattata io e ‘a porta isso!
NENNILLO E che me ne mporta a me? ‘A voglio purta’ io!
LUCA Ma nossignore. Ecco qua (Va al buffet e prende un piatto con un’arancia) Tu puorte ‘a lettera e ‘o purtuallo. E quanno nuie dicimmo: «... e t’aggio cumprato sta burzetta» tu viene appriesso e faie: «Tara, tara, taratarata...» He’ capito?
CONCETTA (di dentro, chiama affannata) Lucarie’!... Lucarie’!...
LUCA Ch’è stato?
NINUCCIA (spaventata, uscendo) Papà, se n’è scappato nu capitone...
LUCA Eh?!... e pe’ cchesto alluccate ‘e chesta manera?... Che ce ne mporta?...
NINUCCIA Eh... ma chella mammà, p’acchiappa’, è tuzzata c’ ‘a capa nfacci’ ‘o fuculare e s’è fatta male.
LUCA (allarmato) Tu che dice? E ‘o capitone l’avit’acchiappato?
NINUCCIA Addo’... Venite, papà!
LUCA Iammo, iammo. Vieni Ninu’. (Nicolino e Nennillo vanno a sinistra seguiti da Pasquale. Escono subito, portando Concetta fra le braccia, la quale ha un fazzoletto legato in fronte, e la fanno sedere presso la tavola. Tutti sono accanto a lei). Te fa male?
CONCETTA (toccandosi la fronte) Haie voglia...
LUCA Vedite, vedite... chella se puteva schiatta’ n’uocchio! Sì invece ‘e ccà... (mostra la fronte) ...era ccà... (mostra la tempia) ... mureva sott’ ‘o colpo! Ma nun ‘o vuo’ capi’ ca cierti servizie nun ‘e può’ fa’ cchiu? (Dandole uno scappellotto) Si’ vecchia, t’ ‘o vuo’ mettere ncapo o no?! (Altro scappellotto).
CONCETTA Ah! Lucarie’, me faie male...
LUCA Qua ci vuole una cameriera. Na figliola forte, ca se fida ‘e fatica’... Na bella pacchiana...
NENNILLO (subito) Se capisce. Ce vo’ na bella pacchiana.
PASQUALINO E quattro carabbiniere pe’ te!
LUCA Ma ‘o capitone l’avite pigliato? Addo’ è scappato?
CONCETTA Mmiez’ ‘e gravune, sott’ ‘o fuculare.
LUCA (agli altri) Vedimmo si ‘o putimmo acchiappa’. Viene Nenni’. (Va con Pasqualino e Nennillo a sinistra).
NINUCCIA (preoccupata, alla madre) Ve fa male assaie?
CONCETTA E comme! (Di dietro si sentono le voci dei tre che inseguono l’anguilla. Un primo rumore di stoviglie rotte, poi un secondo fortissimo spaventa Concetta). Nun date retta! Vuie mme scassate tutte cose! Venite ccà!
LUCA (esce toccandosi un ginocchio. Contrariato, dice a Nennillo che lo segue e che si palpa una spalla) Ma si’ nu cavallo, sapete? N’atu ppoco, me facive spezza’ na gamba!
NENNILLO Io?... Chillo è stato zi’ Pascalino ca pe’ se piglia’ n’auliva...
PASQUALINO (con il fazzoletto si tappa un occhio) N’auliva?... Tu he’ menata tutt’ ‘a scanzìa nterra.
CONCETTA (si alza) Va buo’, mettimmece a tavola e facimmo ferni’ sta serata! (A Nennillo) Va’ te lava sti mmane ca staie tutto spuorco...
NICOLA Pur’io se permettete, mi vorrei lavare le mani.
CONCETTA Sicuro, viene cu’ mme.
Vanno a sinistra.
LUCA (a Pasqualino e a Nennillo) Iammo a piglia’ ‘e regale e ce lavammo pure ‘e mmane. Pe’ piglia’ ‘o capitone me so’ spurcato sano sano. (A Vittorio) Noi adesso veniamo. Torniamo subito. Fate voi compagnia a mia figlia.
Vanno per il fondo.
VITTORIO (dopo pausa, si guarda intorno e si avvicina a Ninuccia che è rimasta
appoggiata al tavolo) Io non volevo rimanere... È stato papà che ha insistito. (Vedendo che Ninuccia non risponde) Ma io me ne posso pure andare...
NINUCCIA (dominando i suoi sentimenti) Mo’ sarria peggio. Ma io l’aggio capito: tu mme vuo’ fa’ passa’ nu guaio cu’ maritemo. Tu te si’ miso ncapo ‘e fa’ succedere chello ca nun ha da succedere.
VITTORIO (con amarezza) Haie ragione. (Mostra una lettera) È mammà. Vo’ sape’ pecché nun vaco a fa’ Natale cu’ lloro...
NINUCCIA (cercando di essere fredda) E pecché nun si’ partuto?
Nicola entra. Osservando i due che parlano, s’irrigidisce.
VITTORIO (rispondendo alla domanda di Ninuccia) Pecché? (Con gesto disperato) Embe’, quanno parie accussì, me faciarrisse fa’ cos’ ‘e pazze! (Appassionato, stringendole un braccio) Insomma, io pe’ te nun songo niente? Nun songo niente cchiù?
NINUCCIA (abbandonandogli la testa sulla spalla) Vitto’... io nun saccio io stessa c’aggi’ ‘a dicere...
Vittorio la stringe a sé.
NICOLA (lanciandosi su Vittorio) Tu si’ n’ommo ‘e niente! (Gli dà uno schiaffo).
VITTORIO Carogna!
NICOLA (minaccioso, con voce soffocata) Scinne ambascio! Mo’, ‘o vi’, mo’!
VITTORIO E quanno? (Fa per lanciarsi fuori).
NINUCCIA (trattenendolo e facendogli scudo del suo corpo) No, Vitto’, nun scennere!
VITTORIO (sorride cattivo, stringendo Ninuccia alle braccia) Nun te vo’ bene mugliéreta! Non te vo’ bene.
NICOLA (terribile, violento) Scinne!
CONCETTA (entra con insalatiera fumante) Mettimmoce a tavola... ngrazia ‘e Dio... (Vedendo i tre le muore la parola sulle labbra).
NICOLA (a Concetta, concitato, affannoso) Chest’ è ‘a figlia vosta! ‘A vedite... difende ‘o nnammurato suio. E vuie sapìveve tutte cose. (Le butta lo sfregio) Ruffiana!
CONCETTA (colpita come da un pugno, si abbatte su di una sedia) A me?!!
NICOLA (a Vittorio, mostrandogli la porta) E quanno scinne? Iammo! Vittorio si slancia fuori. Nicola a Ninuccia che è rimasta senza fiato) Cu’ te parlammo doppo! (Esce correndo).
NINUCCIA (afferra un braccio di Concetta, cercando di trascinarla con sé) Mammà! Chille s’accideno! Mammà, venite!
CONCETTA (senza forze, la guarda con gli occhi sbarrati accennando alle gambe che non la reggono) ... ‘E gamme... ‘e gamme...
NINUCCIA (lasciandola e correndo fuori) Eh, e mo’ se move mammà!... (Grida) Niculi’!... Niculi’! (Uscendo, continua a gridare) Niculi’... (La voce si perde).
Pausa.
Luca dal fondo, con un lungo tappeto sulle spalle che fa le veci di un manto regale, una corona di carta dorata sulla testa, ha in mano l’ombrello e nell’altra un bengala a stelline. Vede Concetta, sorride e fa cenno agli altri due di avanzare.
Nennillo e Pasqualino anche loro camuffati da Re Magi, vengono avanti, recando ciascuno il proprio regalo. Circondano Concetta che li guarda con occhio vuoto, inebetito, e cantano la «Pastorale» di Natale, rigirandole sul viso le stelline luccicanti.
LUCA
Tu scendi dalle stelle
Concetta bella...
E io t’aggio comprato quest’ombrello...
PASQUALINO (contemporaneamente)
Tu scendi dalle stelle,
o mia Concetta...
E io t’aggio comprato sta bursetta...
NENNILLO (c. s.)
Tara, tara, tarataratà...
Mentre continuano a cantare e s’inginocchiano davanti a Concetta, cala la tela.

Nessun commento:

Posta un commento