mercoledì 28 novembre 2012

Eduardo De Filippo, Natale in casa Cupiello - Primo Atto

L'ARTE DELLA COMMEDIA

Cuncè,  fa  friddo  fora?
NATALE IN CASA CUPIELLO


Natale in casa Cupiello, nato come atto unico (l’attuale secondo atto), andò in scena al Kursaal di Napoli nel corso della stagione 1930-311. Il primo atto fu aggiunto dall’autore la stagione successiva. Infine, nella forma definitiva, la commedia apparve per la prima volta il 9 aprile 1934 sulle scene del teatro Olimpia, a Milano.Queste date ci riportano alla prima fase della produzione teatrale di Eduardo De Filippo, quella cioè anteriore alla guerra e all’impegno più aperto e problematico assunto dal commediografo-attore a partire dal 1945 e concretatosi per la prima volta in Napoli milionaria!Il De Filippo di questo periodo è tutto estro festoso, giocosità paradossale, invenzione prorompente e sempre insospettabile come quella del prestigiatori, e, ad un tempo, umori popolari, osservazione arguta e affettuosa, venata di un’indulgenza che non di rado s’increspa in commozione. La tradizione teatrale napoletana rivive in lui con fiorente ed esuberante letizia creativa, in un perfetto accordo tra scrittore e attore.Di questo teatro, sorridente, ricco dì una fertilità naturale e di una autentica, pudica poesia, Natale in casa Cupiello è uno dei momenti più belli. Ma già qui, come ad esempio nel successivo, ammirevole Non ti pago (1940), i confini dialettali sono largamente superati e attraverso il luccichio del gioco è possibile scorgere, forse ancora inconscia, quella partecipazione umana alla vita, non intellettualisticamente ma sentimentalmente intesa, che porterà più tardi Eduardo al dramma.

[ Fra le commedie di Eduardo, Natale in casa Cupiello è quella che ha avuto la gestazione più lunga e singolare. Lui stesso la definisce «parto trigemino con una gravidanza di quattro anni». Nacque infatti come atto unico (il secondo attuale), al cinema-teatro Kursaal di Napoli, dove debuttò il 25 dicembre 1931, aprendo una stagione che doveva durare pochi giorni e durò invece diversi mesi. Il secondo atto (attualmente il primo) venne scritto circa un anno più tardi, quando la compagnia del Teatro Umoristico “I De Filippo”, reduce dai successi conseguiti nell’avanspettacolo, si trasferì nell’elegante sala del Teatro Sannazaro e dovette dotarsi di un repertorio di maggiore ampiezza. Due anni più tardi, in occasione della prima tournée al Nord Italia, fu aggiunto il terzo atto. Nato quasi come uno sketch da avanspettacolo rimpolpato dall’improvvisazione comica degli interpreti (l’esilarante invenzione della lettera di Nennillo al secondo atto si deve probabilmente a Peppino), il testo si arricchì nel tempo di particolari realistici e di momenti addirittura drammatici, senza mai perdere però la sua natura comico-umoristica. Eduardo definiva Natale in casa Cupiello “una commedia affatata”, magica, perché ogni volta che gli capitava di riprenderla, cosa che, in un arco di tempo di quasi cinquant’anni (dal 1931 al 1977), si è verificata moltissime volte, il gradimento del pubblico è stato sempre altissimo. Una frequentazione così prolungata con la commedia e con il suo protagonista, Luca Cupiello, pater familias senza autorità, che, non volendo, mette a nudo segreti di famiglia che la moglie Concetta fa di tutto per tenere nascosti, ha reso nel tempo l’interpretazione di Eduardo davvero magistrale. A proposito di una delle ultime edizioni, il grande critico letterario Cesare Garboli scrive che Eduardo «uccide il copione e lo fa rinascere, improvvisando [...], rallentando i ritmi degli “show” fino a non “recitarli”, pago del teatro che si manifesta ugualmente, radiosamente, nella sua taciturna presenza».]

Natale in casa Cupiello (1931-34)
Commedia in tre atti di Eduardo De Filippo
Edizione televisiva colore 1977 - durata 132’


Regia: Eduardo De Filippo
Scenografia: Raimonda Gaetani
Costumi: Raimonda Gaetani e Clelia Gonsalez
Luci: Davide Altschüler




Personaggi e interpreti in ordine di apparizione:

Concetta Cupiello: Pupella Maggio
Luca Cupiello: Eduardo
Tommasino, detto Nennillo: Luca De Filippo
Pasquale: Gino Maringola
Ninuccia: Lina Sastri
Nicola: Luigi Uzzo
Rafele: Franco Folli
Vittorio: Marzio Onorato
Carmela: Linda Moretti
Olga Pastorelli: Marina Confalone
Luigi Pastorelli: Sergio Solli
Alberto: Bruno Marinelli
Armida Romaniello: Maria Facciolà
Rita: Marisa Laurito
Maria: Lidia Ferrara
Il dottore: Antonio La Raina




ATTO PRIMO






CONCETTA
(col tono monotono di chi sa in anticipo che dovrà chiamare chi sa quante volte prima di essere ascoltata) Lucarie’... Lucarie’... Scétate, so’ ‘e nnove. (Pausa. Luca continua a dormire. Concetta c. s. ma un poco più forte) Lucarie’... Lucarie’... Scétate, so’ ‘e nnove. (Luca ha un grugnito di sotto le coperte gira» ‘ dosi dall’altro lato. Pausa. Concetta c. s., sempre con lo stesso tono) ...Lucarie’... Scétate, so’ ‘e nnove. Pigliate ‘o ccafè.
LUCA
(senza capire, ancora mezzo addormentato) Ah?... ‘O ccafè? (Mormorando qualche cosa mette fuori prima la testa che ha avvolta completamente in uno scialle di lana, poi siede in mezzo al letto, stende un braccio come per prendere il caffè, ma piano piano lo abbandona, reclina la testa e riprende a dormire. Tutta l’azione è stata eseguita da lui ad occhi chiusi).
CONCETTA
(vedendo che si è riaddormentato, riprende calma) ... Lucarie’... Lucarie’... Scétate, so’ ‘e nnove. (Piccola pausa). Lucarie’...
LUCA
(aprendo gli occhi infastidito, ripete con lei) Lucane’... Ah! E comme si’ scucciante! Lucarie’... Lucarie’... E famme durmi’!...
CONCETTA
Pigliate ‘o ccafè...
LUCA
(di malavoglia) ‘O ccafè... Sissignore. Miette ccà.
CONCETTA
(dandogli la tazzina) Tie’...
LUCA
Che or’è?
CONCETTA
T’aggio ditto: so’ ‘e nnove.
LUCA
(sbadiglia) Già ‘e nnove?... È un affare serio, sapete... Nun te può’ cucca’ casùbbeto se fanno ‘e nnove. Fa friddo?
CONCETTA
(completando il suo abbigliamento e senza voltarsi) Haie voglia, Lucarie’... Fa friddo assaie.
LUCA
(tremando al pensiero che deve alzarsi) Assaie... Brrr... Embe’... Ci siamo: è Natale... Brrr. (Beve un sorso di caffè, ma storce la bocca disgustato) Che bella schifezza!...
CONCETTA
Lucarie’, tu che vaie truvanno? Ringrazia a Dio.
LUCA
E ringraziamo a Dio. (Mette la tazza sul tavolino) Nun è questione d’ ‘o ccafè... Alle volte è pure come se fa... Chesto sape ‘e pimmece.
CONCETTA
(girando appena la testa occupata a vestirsi) Lucarie’... tu te si’ scetato spiritoso stammatina? Viato a tte!
LUCA
Eh... spiritoso... (Di soprassalto, ricordandosi) ‘O presebbio addo’ sta?
CONCETTA
(mostrandolo con un gesto) Lia sta, sta llà! Lucarie’, nun te mettere appaura ca nisciuno t’ ‘o tocca.
LUCA
E ‘a colla The’ scarfata?
CONCETTA
(impaziente) Lucarie’, io mo’ me so’ scetata.
LUCA
E vali’ ‘a scàrfa... Io aggi’ ‘a fa’ o presebbio...
CONCETTA
(prendendo la lattina dalla sedia e andando a destra) Ecco ccà. Avimmo accumminciato: ‘a colla, ‘e chiuove, ‘o martello, ‘e fforbice... A primma matina; nun avimmo manco apierte ll’uocchie... (Esce).
LUCA
(si alza. Sempre battendo i denti per il freddo e strofinandosi le mani, comincia a vestirsi. Mette un paio di scarpe tagliate ad uso di pantofole, un pantalone stinto, poi va dietro il paravento e comincia a lavarsi. Riappare asciugandosi le mani. Mette la giacca e parla a Nennillo mentre incomincia il suo lavoro al presepe) Guè... Scétate ca songo ‘e nnove. (Nennillo non risponde). E chesto vuo’ fa’... All’età toia io me susevo ‘e notte pe’ ghi’ a fatica’. Sùsete. È meglio ca nun te dongo audienza ca si no me faccio ‘a croce a primma matina. (Indispettito dal silenzio di Nennillo, grida forte) Susete! He’ capito, Sùsete?
NENNILLO
(da sotto le coperte) ‘A zuppa ‘e latte.
LUCA
E a chesto pienze. Sùsete e va’ t’ ‘o piglia dint’ ‘a cucina ca nun tiene ‘e serviture, he’ capito?
NENNILLO
(C. S.) Si nun m’ ‘o purtate dint’ ‘o lietto non mi soso.
LUCA
No, tu ti sosi. Si no te sciacco e te faccio rimane’ na settimana dint’ ‘o lietto pe’ piacere mio.
CONCETTA
(entrando) Ccà sta ‘a colla. (Mette la lattina sul tavolo del presepe. Luca torna al lavoro). Io nun capisco c’ ‘o faie a ffa’ ‘stu presebbio... Na casa nguaiata, denare ca se ne spénneno e almeno venesse buono...
NENNILLO
(comodamente sdraiato e con le braccia incrociate dietro la testa) Overo... venesse buono almeno...
LUCA
Pecché? Chi ha ditto ca nun vene buono?... ‘O ssape isso!... (Sgranando gli occhi) Nun te piace? Nun ti piace ‘o presebbio?
NENNILLO
(dispettoso) Nun me piace.
LUCA
Ma come, il presepio piace a tutti... A chi è che non piace il presepio? C’è cosa più bella...
NENNILLO
(c. S.) Non mi piace...
LUCA
Ma se non è finito ancora... ce manca ancora tutte cose... Questo è appena il fusto... Quando ci metto l’erba, i pastori...
NENNILLO
(c. S.) Non mi piace. Voglio ‘a zuppa ‘e latte.
CONCETTA
Sùsete, Nenni’, sùsete!
LUCA
(con rabbia) Embe’, si Ile puorte ‘o llatte dint’ ‘o lietto, ve mengo ‘a coppo abbascio a tutt’e duie. ‘O staie crescenno p’ ‘a galera. Guardate llà... nun se mette scuorno. A chest’ora ancora dint’ ‘o lietto.
CONCETTA
Ma nossignore, chillo mo’ se sose... (Fa dei cenni come per dirgli: «Comincia ad alzarti ed io ti porto il latte») Sùsete, mèh...
NENNILLO
No! Voglio ‘a zuppa ‘e latte.
LUCA
Embe’, mo’ te mengo ‘a colla nfaccia!
CONCETTA
(intervenendo) Sùsete bell’ ‘e mamma... te lave tantu bello, e pe’ tramente io t’appriparo nu bello zuppone. Lavate apprimma.
LUCA
Pasqualino s’è susuto?
CONCETTA
(mentre rifà il letto) S’è susuto, s’è susuto chillo scucciante ‘e fràteto. Cu’ nu catarro c’ha tenuto s’è fidato ‘e sta na settimana dint’ ‘o lietto.
NENNILLO
(attento) S’è susuto? E sapite si esce?
CONCETTA
Sì. Ha ditto ca se vo’ fa’ na passeggiata, pecché doppo ‘a freve c’ha tenuto, vo’ piglia’ primma nu poco d’aria e po’ se retira.
NENNILLO
E sapite si se veste?
LUCA
E che d’è, nun se veste?... Iesce annuro... Ma pecché, che d’è?
NENNILLO
NO, niente. Io dicesse è meglio ca nun ghiesce... Po’ essere che cade malato n’ata vota...
PASQUALINO
(dalla comune, in abito per uscire ma in pantofole) Lucarie’, è permesso?...
LUCA
Trase, Pasca’, trase...
PASQUALINO
Buongiorno, buongiorno, donna Cunce’.
LUCA
Comme staie? Nu poco sciupatiello ma è rrobba ‘e niente... Sa dint’ ‘a quanto te rimiette... (Gli piglia il polso) Freva ne tiene?
PASQUALINO
No. No. Sto meglio. È passato tutto. (Guarda sospettoso Nennillo) È passato tutto. (Poi a Concetta) Donna Cunce’... io nun aggio pututo truva’ ‘e scarpe...
Nennillo si sprofonda sotto le coperte.
CONCETTA
E ‘e vulite ‘a me?
PASQUALINO
(c. s.) Io so’ stato sette giorni con la febbre e ho domandato se le avete viste.
LUCA
Tu quanno te cuccaste addo’ ‘e mettiste?
PASQUALINO
A pied’ ‘o lietto.
CONCETTA
E vedite buono ca llà stanno.
PASQUALINO
Nun ce sta niente. ‘Onna Cunce’... llà ‘e scarpe so’ sparite. Addimmannate a Nennillo...
NENNILLO
(di scatto, venendo fuori a metà dalle coperte) Nun accumminciammo, he’ capito?... Nennillo e nun Nennillo... Io nun ero proprio ‘o tipo ‘e mme vénnere ‘e scarpe toie!...
LUCA
(a Concetta, comprendendo subito) S’ha vennuto ‘e scarpe! (A Pasquale) Aggie pacienza, Pasca’...
PASQUALINO
(su tutte le furie) Ma che aggie pacienza, Lucarie’... Ma comme, io mme cocco cu’ ‘a freva, pover’ommo, e chillo se venne ‘e scarpe?... Queste sono cose dell’altro mondo, sapete?... So’ cose ‘e pazze! Io mo’ comme faccio, comme iesco?!...
NENNILLO
Guè, tu è inutile c’allucche tanto!
PASQUALINO
Ma che vuo’ ave’ ragione appriesso, neh, galiota?...
NENNILLO
Se capisce che ho ragione. Pecché io parlaie cu’ ‘o miedeco, capisce?... E chillo dicette che tu dovevi morire, che non c’era nessuna speranza... e allora... Io me so’ vennuto pure ‘o cappotto!
PASQUALINO
Pure ‘o cappotto?! Oh, Madonna!... E che mme vuo’ fa’ muri’ a me povero disgraziato?... (Disperato gira per la scena) ‘O cappotto scozzese cu’ ‘a mantellina!... ‘O cappotto e ‘e scarpe!... E io comme iesco, povero ommo? Comme iesco?
LUCA
(dandogli un paio di scarpe che sono sotto il letto) Miéttete ‘e scarpe meie... Quanno è dimane te n’accatte n’atu paro e t’ ‘o pavo io. Ma che pozzo dicere?... (A Nennillo) Aggio ubbligazione a te ca me sento a fraterno; he’ capito? Ca io nun ce vulesse ave’ maie che fa’...
PASQUALINO
Ma comme, chillo se venne ‘e scarpe e ‘o cappotto...
LUCA
(deciso) Pasca’... trovate na cammarella ammubigliata, na casa qualunque pecché ccà è addiventata na cosa impossibile!...
PASQUALINO
Ma tu capisce ca chillo s’ha vennuto ‘a rrobba primma ca murevo? E famme muri’ apprimma, dich’io!
LUCA
Ma che ce vuo’ fa’... so’ cos’ ‘e guaglione... Chillo se venne ‘a rrobba... (A Nennillo) Senza parlare che io sono il fratello. La roba sua spetta a me.
PASQUALINO
Chisto n’è n’ato... Io nun tengo niente, Lucarie’... Io so’ nu pover’ommo!...
LUCA
Che c’entra... Io dicevo: ove mai... Ove mai...
PASQUALINO
Eh, sì! Dàlie forte. Mo’ ‘e vulesse ccà gli amici miei del Banco Lotto: «Beato a voi, don Pasquali’... state in casa di parenti, vi vogliono bene...» Bella cosa! Ll’avessen’ ‘a sape’ io che passo dint’ ‘a ‘sta casa!...
LUCA
(risentito) Pasca’, famme ‘o piacere!... Ma pecché, che vuo’ dicere?... Staie dint’ ‘a casa nosta; cu’ cinche lire ‘o iuorno che daie a chella povera scòrteca ‘e muglierema, mange, vive, e ‘a cammisa pulita, ‘o rinaccio, ‘e cazettielle... Ih’... E mo’, pecché ‘o ragazzo ha scherzato nu mumento...
PASQUALINO
Ha scherzato?...
LUCA
E si, Pasca’... Tu comme ‘a tire a luongo!...
PASQUALINO
(ironicamente) Abbiate pazienza, sapete, don Lu’, scusate tanto se vostro figlio m’ha rimasto senza cappotto e senza scarpe...
LUCA
(punto anche lui, imita il suo tono) No... scusate voi se il ragazzo si è permesso... (Togliendosi il berretto ed inginocchiandosi davanti a Pasqualino).
PASQUALINO
(inginocchiandosi anche lui) Scusate voi... Per carità, se vi ho dato tanto fastidio...
LUCA
(di scatto, arrabbiatissimo) Stàteve buono, don Pasca’!...
PASQUALINO
(c. s.) Statevi bene! Mamma mia, che cattiveria! Io nun me faccio capace... E chiste songo ‘e pariente!... Ih, che belli pariente!... Tengo chisti pariente!... (Esce rinchiudendo la porta).
LUCA
(a Nennillo) Ma ch’ ‘e va vennenno ‘e pariente? (Pensandoci) Ma è cosa c’a chest’ora staie ancora dint’ ‘o lietto? (Tirandogli a forza le coperte) Sùsete!... He’ capito che so’ ‘e nnove?!...
CONCETTA
(intervenendo) Eh!... Ma ch’ ‘o vuo’ fa’ piglia’ nu colpo d’aria?...
LUCA
Si deve alzare. Avanti. Mo’ vedimmo si se sose.
NENNILLO
Voglio ‘a zuppa ‘e latte.
CONCETTA
Susete apprimma, mèh... mo’ te vaco a piglia’ ‘a zuppa... (Andandosene fa dei segni a Nennillo, alle spalle di Luca, esortandolo ad alzarsi).
LUCA
(che se ne accorge) Per la galera lo stai crescendo. (Concetta esce. Luca riprendendo a lavorare al presepe) Nu guaglione gruosso... Nun capisco che vuo’ fa’. ‘A scola te n’hanno cacciato; arrivato ‘a terza elementare nun è stato cchiù cosa... Ogni uomo nella vita deve rappresentare qualche cosa. Mpàrate n’arte... Io ‘o ddico per te... (Ammirando il suo lavoro) Qua poi vengono i pastori... Qua vene ‘a grotta... Devi vedere come viene bene... Te piace?...
NENNILLO
(freddo) No.
LUCA
(dominandosi cerca di rabbonirlo) T’aggi’accatta’ nu vestito... Chisto ca tiene nun è buono cchiù... T’accatt’ ‘e ccammise... nu paro ‘e cravatte... (Sempre lavorando) Ccà po’ ce faccio l’osteria... ‘a fontanella cavotta ll’acqua veramente... Metto l’enteroclisma adderete, he’ capito? E chella l’acqua seenne overamente... Devi vedere come viene bella... Ce faccio tutt’ ‘e scesulelle, ‘e ssagliutelle... Te piace ‘o presebbio, è ove’?
NENNILLO
(c. s.) Non mi piace.
LUCA
(arrabbiatissimo) Ma se quello non è finito ancora! Fosse finito, e va bene, ma non è finito, come puoi dire che non ti piace?...
NENNILLO
(gridando) Ma ch’aggi’ ‘a fa’ se non mi piace? È colpa mia? (Andando davanti al presepe) Ecco... (Lo guarda, poi deciso) Non mi piace.
LUCA
E io te ne caccio. Iesce, vatténne ‘a dint’ ‘a casa mia! Va’ fatica, va’, nun putimmo tene’ nu magnafranco dint’ ‘a casa!
NENNILLO
E me ne vaco. Me ne vaco! Ma so’ cos’ ‘e pazze, sapite!... A me nun me piace ‘o presebbio, m’ha da piace’ pe’ forza!... Me ne vaco, ‘o ‘i’: me magno primma ‘a zuppa ‘e latte e po’ mme ne vaco.
CONCETTA
(con bicchiere di latte e pane) Ccà sta ‘a zuppa ‘e latte. (Mette tutto sul comodino. Nennillo, diggià vestito, va a mangiare). Lucane’, che vuo’ mangia’ stammatina? (Va all’attaccapanni e indossa il cappotto, il cappellino, ecc.,
preparandosi per andare a fare la spesa).
LUCA
Cunce’, che m’addimanne a fa’?... Io t’ ‘o dico, tu po’ faie n’ata cosa. Sa che vuo’ fa’? Dimane è vigilia... È meglio ca ce mantenimmo ‘o stommaco liggiero. Faie nu poco ‘e brodo veggetale e ce mine duie tubette ‘a dinto.
NENNILLO
A me ‘e tubette nun me piaceno.
LUCA
Tu non c’entri. Tu he’ ditto ca te nne vaie? E allora?... Sono tubetti che non ti riguardano.
CONCETTA
(aprendo il tiretto del comò e prendendo del denaro, poi chiude a chiave) Senza frutta. Dimane è chella Santa Iurnata e se nne vanno nu sacco ‘e denare. ‘O ‘i’... vinte lire. Cinche lire t’ ‘e tiene tu dint’ ‘a sacca, chisà te serve quacche cosa: chiuove, cartone... e quinnice lire se spenneno pe’ mangia’.
NENNILLO
(che ha finito di mangiare la zuppa) Ecco fatto. L’ultima colazione nella casa paterna... Mammà mi hai perduto... Questo padre snaturato mi ha cacciato da dentro al focolare. Cara madre, tuo figlio se ne va. (Prende le cinque lire di Luca che Concetta aveva messe sul comodino e le intasca) La tua creatura è sparita!... È sparita!... La tua creatura non c’è più. (Esce).
CONCETTA
(chiamando) Nenni’ viene ccà! (A Luca) Ma c’ha ditto?...
LUCA
(accorgendosi che Nennillo ha portato via le cinque lire) S’ha pigliato ‘a cinche lire. (Andando in fondo, per dove è sparito Nennillo) T’ ‘a benedico ‘sta cinche lire, abbasta ca nun tuorne cchiù!... Apriti una strada e nun te fa’ vede’ cchiù! (Tornando al presepe) Galiota!
CONCETTA
Ma insomma, io nun pozzo sape’ ch’è stato?
LUCA
Ll’aggio cacciato, Cunce’. Ll’aggio cacciato d’ ‘a casa... Ha da fatica’.
CONCETTA
Ma comme, ‘e chesti sante iurnate...
LUCA
Embe’, ‘e chesti sante iurnate.
CONCETTA
(dandogli uno spintone che lo butta di colpo sul presepe) Ma se po’ sape’ che l’he’ ditto?!
LUCA
(con grande cautela mette a posto il presepe che ha barcollato) Mo’ mme facive scassa’ tutte cose... (Gridando) Voglio sta’ sulo. Aggi’ ‘a sta’ sulo, capisce? Aggi’ ‘a fatica’. Aggi’ ‘a fa’ ‘o presebbio!...
CONCETTA
Lucarie’, ma tu stisse facenno ‘o Parco d’ ‘a Rimembranza? E miettece dduie pasture ncoppo lloco... Esce pazzo isso e ‘o presebbio! (Campanello. Concetta va ad aprire. Ninuccia viene a sedersi imbronciata a sinistra. Concetta seguendola meravigliata) E tu che faie ccà a chest’ora?
Ninuccia non risponde.
LUCA
(vedendola) Guè, tu staie ccà?
NINUCCIA
Buongiorno, papà.
LUCA
(guarda Concetta, poi) Te si’ appiccecata n’ata vota cu’ mariteto?... Ma io nun capisco pecché... Chillo te vo’ tanto bene. È tanto buono... Pecché ve site appiccecate? (Ninuccia non risponde. Luca ripete) Pecché ve site appiccecate? (Ninuccia come sopra. Luca, dopo piccola pausa, domanda ancora) Pecché ve site appiccecate? (Ninuccia come sopra. Luca a Concetta, rinunciando alla 
risposta)
Questo è un altro capolavoro tuo! (Concetta prende una sedia e l’accosta a quella di Ninuccia. Con gesti e parlando sottovoce l’interroga sull’accaduto. Ninuccia racconta tutto alla madre facendo dei gesti esasperati. Concetta cerca di calmarla. Luca nota il parlottare, vorrebbe capire anche lui qualche cosa, ma le due donne, senza mostrarlo, lo escludono dalle loro confidenze, parlando assieme e sempre a bassa voce. Luca prendendo la lattina della colla ed avviandosi a destra) Insomma io nun aggi’ ‘a sape’ niente?!
CONCETTA
Ma ch’he’ ‘a sape’? Che vuo’ sape’?... Fa ‘o presebbio...
LUCA
Ah?... Aggi’ ‘a fa’ ‘o presebbio?... E io ‘o faccio ‘o presebbio. ‘O ‘i, mo’ vaco a scarfa’ ‘a colla... Quanno po’ succedono ‘e guaie nun venite addu me... Tanno io faccio ‘o presebbio. Embe’... (Le due donne riprendono il parlottio. Luca cerca di tendere l’orecchio; infine, allargando le braccia, va via dicendo) Niente!... È un parlare speciale!... Iate a muri’ e sùbbeto mamma e figlia!... (Esce).
CONCETTA
(vedendo che Luca è uscito) E accussì?...
NINUCCIA
...Me so’ miso ‘o cappiello e me ne so’ ghiuta...
CONCETTA
Giesù, ma che si’ pazza?... E chillo mo’ vene ccà...
NINUCCIA
Io nun me ne fido cchiù! Chillo me sta turmentanno cu’ ‘a gelusia.
CONCETTA
Ma cara mia, tu aviss’ ‘a cammena’ nu poco cchiu deritta. Io te so’ mamma e t’ ‘o pozzo dicere...
NINUCCIA
Ma pecché, che faccio io?... Che faccio?... E stateve zitta, faciteme stu piacere!... È quistione ca io faccio sule chiacchiere; io avess’ ‘a fa’ ‘e fatte... E io ‘e ffaccio ‘e fatte!... ‘O ‘i’. (Mostra una lettera) ‘O lasso e me ne vaco. (Legge) «Per il signor Nicola Percuoco. Urgente». (Legge il foglio) «Il nostro matrimonio fu un errore...» (S’interrompe. Alla madre) Non è vero forse?... Fu un errore!... «Sono innamorata di Vittorio Elia e fuggo con lui questa sera. Addio, Ninuccia».
CONCETTA
(al colmo dello spavento) Ma che si’ pazza?... E che ‘o vuo’ fa’ muri’ a chillo pover’ommo?... Faccia tosta ca nun si’ ata! Damme sta lettera!
NINUCCIA
No, nun v’ ‘a do’!...
CONCETTA
(strappandogliela per forza) Damme sta lettera te dico!... (Andando al comò dove c’è l’immagine sacra) Ah, Madonna mia, e chi sa comme fernesce stu fatto!... (A Ninuccia, minacciosa) Beh!... Si dice n’ata vota chello ch’he’ ditto, ll’uocchie mieie tu nun ‘e vide cchiù! Chillo t’è marito, ch’è fatto uno qualunque?! Quanno nun ‘o vulive bene ce penzave primma!
NINUCCIA
(eccitatissima) Io nun ‘o vulevo... Vuie m’ ‘o vulisteve da’ pe’ forza.
CONCETTA
E mo’ è fatto e nun ce sta niente ‘a fa’.
NINUCCIA
E io me ne fuie!
CONCETTA
E io te mengo na cosa nfaccia!
NINUCCIA
(dispettosa, arrabbiata con voce soffocata) E vattiteme! Vattiteme pure appriesso... Ah!... Ma pecché aggi’ avut’ ‘a essere accussì disgraziata?!... (Con forza) Ma badate ca io nun so’ cchiù scema comm’a na vota. Io mo’, comme stongo cu’ ‘e nierve, scasso tutte cose! (Presa da un accesso di collera, gira per la camera rompendo quello che le capita sott’occhi: la tazza col piattino che è sul comodino, un portafiori, un bicchiere; infine si ferma davanti al presepe, lo
guarda, indi butta tutto all’aria con gesto isterico. Mentre Concetta la esorta a calmarsi, tra spaventata e piangente, essa siede nascondendo la testa tra le braccia, convulsa, scossa da singulti).
LUCA
(entra girando il pennello nella lattina della colla) Che è stato?...
CONCETTA
(con voce fievole, tanto per dire qualche cosa) Niente.
LUCA
Niente?! Ccà mme pare Casamicciola! (Sussulta guardando il presepe) Gué... ‘O presebbio?... (A Concetta gridando) Chi l’ha scassato? Ma cheste so’ cos’ ‘e pazze!... Aggio faticato ‘e chesta manera... Chi è stato?
CONCETTA
(con stanchezza e disperazione assieme) Tu che vuo’ ‘a me... È stata figlieta ‘a vi’... pigliatella cu’ essa!
LUCA
(riaggiustando come può i pezzi del presepe) M’aggi’ ‘a piglia’ cu’ essa? No. Io m’aggi’ ‘a piglia’ cu’ te. Capisce?
CONCETTA
(c. s.) Cu’ me?...
LUCA
Sì. Sì. Cu’ te. Tu ce haie colpa. A chesta ll’he’ purtata sempe appesa nganno! Colpa tua! Po’ te lamiente quanno m’ ‘a piglio cu’ tico... I figli non l’hai saputi educare!...
CONCETTA
Cu’ me, è ‘ove’?... Sempe cu’ me! E tutte quante v’ ‘a pigliate cu’ mmico! E io stongo mmiezo. (Mostra Ninuccia) Chella cu’ ‘o marito... (A Luca) Tu cu’ ‘o presebbio... (Battendo coi pugni stretti sul letto in un principio di convulso) Io nun ne pozzo echidi... Io nun ne pozzo cchiù!... (Luca la guarda stupito e incredulo. Concetta c. s.) E tutte quante contro a me! Io mme mengo ‘a copp’ abbascio! M’avite distrutta! (Le mancano le forze e cade di peso lasciandosi sfuggire dalle dita la lettera di Ninuccia diretta al marito).
NINUCCIA
( accorre a lei ) Mammà !...
LUCA
È morta Concetta!... È morta mia moglie! (Assieme a Ninuccia la solleva e la mette sul letto) Parla. Conce’! P’ammor’ ‘o cielo!... (Corre alla porta di fondo e chiama) Pascali’! Pascali’, curre ccà! (Tornando accanto a Concetta) Uh!... È morta mia moglie!... (Rivolto al quadro) Mado’, famme ‘a grazia! (Riandando alla porta di fondo) Nu poco ‘acito... Fa’ ampressa!
PASQUALINO
(di dentro) Mo’, mo’, Lucarie’... Chillo tuo figlio s’ha arrubbato pure ‘e bretelle!...
LUCA
(impaziente) Ma è mumento ‘e penza’ ‘e bretelle? Sta murendo muglièrema! Curre!
PASQUALINO
(entra in fretta tenendosi la cinta dei pantaloni) È morta?
LUCA
Non credo, s’è fatta fredda fredda.
PASQUALINO
Mo’ vaco a piglia’ nu poco ‘acito. (Esce).
LUCA
(piangendo quasi) Cunce’, parla! Songh’io, so’ Lucariello!
CONCETTA
(rinvenendo pian piano) Ah!...
LUCA
Zitto, zitto, arape ll’uocchie... Cunce’, parla... Faie un bel discorso. Comme te siente?...
CONCETTA
(con voce debole) Nu poco meglio.
LUCA
Mannaggia ‘a morte, m’he’ fatte mettere na paura!... Tu he’ ‘a vede’ comme he’ fatto brutto!... (A Ninuccia) Ma ch’è stato?
NINUCCIA
Niente.
PASQUALINO
(con bicchiere con aceto) Ecco ccà ‘acito.
LUCA
Nun serve. Sta meglio.
PASQUALINO
Ma se po’ sape’ ch’è succieso?
NINUCCIA
Niente. Niente.


LUCA

No, è inutile c’addimanne pecché in questa casa non si deve sapere mai niente.






PASQUALINO
Lucarie’, chillo ‘o guaglione s’ha arrubbate pure ‘e tirante.
LUCA
Tu che vuo’ ‘a me, Pasca’?! Téccate ‘a cinta mia. Trovate na cammarella ammubbigliata... che te pozzo dicere?...
PASQUALINO
S’ha da vede’ comme s’ha da fa’... chillo è troppo mariuolo. (Esce).
Campanello di dentro.
LUCA
Mo’ vaco ‘arapi’ io ‘a porta... (A Ninuccia) Statte attienta a mammeta. (A Concetta) Staie bona mo’? (Concetta accenna di si). Vedite nu poco... Ha fatta ‘a faccia bianca bianca... (Guardando il presepe) Eh!... E mo’ miettete a fa’ ‘o presebbio n’ata vota da capo!
NINUCCIA
(con rimprovero) Papà, vuie penzate ‘o presebbio?!...
LUCA
Dicevo accussi... tanta fatica! (Fa per andare ad aprire ma si ferma davanti al comò dove c’è l’immagine della Madonna e togliendosi il berretto) Grazie! (Esce).
NINUCCIA
(mormora con tenerezza) Mammà...
CONCETTA
(sollevandosi sui guanciali) Tu me vuo’ vede’ morta. Ma comme, tu scrive chella lettera a mariteto dicénnele ca te si’ nnammaruta ‘e n’ato e ca te nne vuo’ fui’! Tu ‘o saie... Tu ‘o cunusce: chillo pazzea poco. Quanno ha avuto ‘a certezza ‘e na cosa ‘e chesta, chillo t’accide! No, viene ccà. Giura ca chella lettera tu min ce ‘a manne, ca faie pace e ca fernesce tutte cose. Giuramméllo, figlia mia! (L’implora con lo sguardo).
NINUCCIA
(intenerita, commossa) V ‘o ggiuro, mammà.
LUCA
(entrando seguito da Nicola) Stava morendo mia moglie.
NICOLA
Vuie che dicite? (Si avvicina a Concetta premuroso).
LUCA
Tutto nzieme s’è ntiso male... (Il suo sguardo è attirato da un lembo di camicia che sorte fuori dalla giacca di Nicola) Io l’avevo ditto che v’ireve appiccecate... Ma nun aggio pututo sape’ ch’è stato. (Prendendo Nicola confidenzialmente per un braccio) Cu’ me può parla’... Chelle ‘e femmene, sa’... Tu a me m’ ‘o può dicere. Ma ch’è stato?
NICOLA
(lo guarda) No... Niente.
LUCA
(fra sé) Chisto è della stessa chenca! È una società...
NICOLA
(a Ninuccia) Insomma, avimm’ ‘a fa’ l’opera?... Ce avimm’ appicceca’ comme si fosseme ‘e nnammuratielle?... Io songo n’ommo serio!
LUCA
(guardando sempre la camicia) Ma io chesto dico... tu si n’ommo serio...
CONCETTA
(scendendo dal letto) È stato nu malinteso, meh... facite pace.
NICOLA
Pe conto mio io so’ pronto. Chella è essa ca nun se po’ capi’ ‘e nisciuna manera.
Nennillo entra senza parlare.
LUCA
(vedendolo) Tu staie lloco? Che d’è, si’ turnato?
NENNILLO
Faccio prima Natale e poi me ne vado. (Va a sedere sul letto).
LUCA
Chisto n’è n’ato, ‘o’i’!... Nicolino mio, io sono stato sfortunato con i figli. (A Concetta) Agge pacienza, Cunce’, nun te fa’ veni’ niente, ma la colpa è tua!... È stata troppo attaccata ai figli... Io... Pur’io, la verità, debbo confessare, sono stato un poco debole... E accussì, se n’hanno pigliato... Ed ecco i frutti. Iammo, meh... Facite pace, nun facite ridere ‘a gente! (A Ninuccia) A te, fa pace cu’ mariteto!
Nicola si avvicina alla moglie che risponde freddamente al suo bacio.
NENNILLO
Ma na vota ca nun ve putite vede’, pecché nun ve spartite?
LUCA
Statte zitto tu. E nun risponnere sempe mmiezo.
NENNILLO
(vedendo anche lui il lembo di camicia che sorte dalla giacca di Nicolino) Uh... Niculino cu’ ‘a péttola ‘a fora! (Ride).
Nicola sussultando, porta subito le mani indietro e scappa nella prima a destra per rimettersi in ordine.
LUCA
(a Nennillo) Ma insomma, ti vuoi stare zitto o no?


NENNILLO

Quanto è bello... Chillo teneva ‘a péttola ‘a fora, nun ce l’avev’ ‘a dicere?...







LUCA
Ma nun se dice accussì. È cattiva educazione. Si dice: senta, lei ci ha la péttola da fuori.
NICOLA
(uscendo perfettamente in ordine, accenna a Ninuccia) Ma quanno chella nun me fa concludere più!...
LUCA
E si capisce. Vi sarete appiccecate a primma marina, è ‘ove’?... Mentre te vestive nun he’ cunchiuse cchiù niente. (A Ninuccia) Tu lo devi lasciare stare a questo pover’uomo... chill’ha da fatica’! Niculi’, tu pure l’he’ ‘a cumpati’, chella è guagliona; è stata sempe nu poco romanziera... Leggeva sempe rumanze e è venuta, come si dice, romanziera. Ce vò pacienza. Saccio io chello che m’è custata... l’aggio tenuta cu’ ‘o tifo. Piccerella Steve sempe malata... E ‘o dispiacere c’avette quanno se spusaie a te... Nico’, qua la notte non si dormiva più!
NICOLA
E pecché?... Che se spusava a nu delinquente, neh papà?
LUCA
P’ammore ‘e Ddio, e c’he’ capito? Tu sei la corona della mia testa. Pe’ carità. No. Dicevo: sai... l’unica figlia femmena... se ne andava di casa... Perché te vuliste mettere ‘a casa... E non ti dico i pianti miei e di questa povera scòrfana... (Mostra Concetta) Nella mia casa c’era un lutto!... Eh! (Accennando a Nennillo) Te putive spusa’ a chillo... Te facevo na statua d’oro!
NICOLA
(ride) Ma che state dicendo, neh papà?!
LUCA
Dico per dire... era un’altra cosa...
NENNILLO
Già... Io po’ mme spusavo a isso...


LUCA

Che c’entra... Se tu eri femmina, io te dicevo: «Sposatillo». E tu t’ ‘o spusave...





NENNILLO
Già. M’ ‘o spusavo...
LUCA
(serio) Se io ti dicevo: «Ti devi sposare Nicolino»?
NENNILLO
Io ti avrebbe risposto: « Non lo voglio ». Ecco.
LUCA
Se io volevo che tu te spusave a chisto, tu t’ ‘o spusave! He’ capito?
NENNILLO
«Non mi piace»! Ti avrebbe risposto io.
LUCA
(scoraggiato) È inutile. Quello mi deve contraddire pure con le cose impossibili! Basta, nun ne parlammo cchiù. Dimane a sera è ‘a vigilia ‘e Natale, ve ne venite ccà e stammo ngrazie ‘e Dio. Cuncetta ha preparato nu pranzo ca nun ce manca niente: capitone, aragoste, vruòccole...
CONCETTA
Eh, ogni anno Dio ‘o cumanna.
LUCA
‘O cunto ‘o pagammo miezo pedóne...
NICOLA
Ma che c’entra questo... Pago tutto io...
LUCA
Nossignore, che c’entra... Tu hai lavorato, sei un faticatore e perciò Dio ti deve sempre aiutare... Tu lavora tu, e nun te ne ncarrica’!... Ca po’ avraie la giusta ricompensa dal Signore.
CONCETTA
Mbè... Io allora mo’ scengo a fa’ stu poco ‘e spesa...
LUCA
(togliendole la borsa dalle mani) Ma che si’ pazza? Chella mo’ s’è ntisa male... Mo’ scengo io.
NICOLA
Ma nonsignore, ch’avit’ ‘a fa’? Mo’ ce manno io ‘o garzone mio, ve faccio fa’ ‘a spesa e ve manno io tutte cose. Accatto na bella gallina e ve facite nu poco ‘e brodo ‘e pollo.
LUCA
No, grazie... Io avevo ditto a Concetta ‘e fa’ nu poco ‘e brodo vegetale... Sa... a me me piace...
NICOLA
Ma che avit’ ‘a fa’ cu’ stu brodo vegetale? Ve manno io ‘a gallina e ve facite nu bello brodo ‘e pollo.
LUCA
(storcendo la bocca) Ma io preferivo ‘o brodo vegetale... ‘O desideravo ‘a tanto tiempo.
NICOLA
Ma nossignore... Che sustanza ve po’ dà ‘o brodo vegetale? Sentite a me... Mangiateve ‘a gallina.
LUCA
(fisso nella sua idea) Va buo’: tu me manne ‘a gallina... (quasi fra sé) ...e io mme faccio ‘o brodo vegetale.
NINUCCIA
E ghiammo allora. Papà, ce vediamo dimane a sera.
LUCA
Statte bbona. E nun fa’ piglia còllera a mariteto.
NINUCCIA
Va bene. (Esce con Concetta).
LUCA
(trattenendo la mano di Nicolino) Agge pacienza... che faggi’ ‘a dicere?... (Mostra il pavimento) Guarda ccà, ha scassato tutte cose... pure ‘o vaso ‘e fiore...
NICOLA
Quanno è dimane accattammo n’ata vota tutte cose... Ma che ce vulite fa’?
LUCA
Niculi’, tu l’he’ ‘a cumpati’...
NICOLA
Papà, ma a me ‘o dicite?... (Con sincerità profonda) Io ‘a voglio tanto bene!... (Si asciuga una lacrima).


LUCA

(lo abbraccia) Figlio mio!... Va’, statte buono... ce vedimmo dimane a sera...





NICOLA
Stateve buono. (Esce).


LUCA

(guardando per terra vede la lettera di Ninuccia lasciata cadere da Concetta.
Ne legge l’indirizzo. Chiama)








Niculi’.
NICOLA
( ritornando ) Papà ?...
LUCA
(consegnandogli la lettera) Niculi’, chesta è rrobba toia.
NICOLA
(la intasca) Grazie. A domani sera.
LUCA
A domani sera e starnino ngrazia ‘e Dio! (Lo bacia) Te’, t’ ‘o mimerete. (Ritorna al presepe).

Cala la tela.
stu  cafè, sape e  pimmice....

Nessun commento:

Posta un commento