lunedì 20 agosto 2012

Come nasce Antonio Barracano, Sindaco del rione Sanità.

L'ARTE DELLA COMMEDIA


Scampati alla repressione successiva al processo Cuocolo dei primi del Novecento, Michele Aria e Giuseppe Barraccano scelsero entrambi la via dell’America come prosecuzione della loro carriera criminale.
Il primo, Aria, detto ‘o capraio, era attivo soprattutto nel campo della prostituzione e dell’usura. Vantava nella sua carriera di camorrista numerosissimi scontri a fuoco, risse e ferimenti. Scappò da Napoli ricercato dalla polizia per avere indotto al suicidio un commerciate suo debitore. Scelse la via dell’America dove subito si inserì nei mercati illeciti del contrabbando di alcool e droga aperti dal proibizionismo americano, della prostituzione e del gioco d’azzardo, formando uno dei primi nuclei di malavita organizzata napoletana negli States insieme con altri due camorristi, Salvatore Santaniello e Raffaele Schettini.
Anche Giuseppe Barraccano, brillante carriera di camorrista alle spalle, era un nome già noto nel mondo criminale napoletano quando decise di partire per l’America. Qui incontrò Aria, col quale già aveva avuto alterchi in passato. Entrambi a New York finirono per scontrarsi con i siciliani, nettamente più forti. Aria, prima, e Barraccano poi, finirono uccisi dai siciliani, sconfitti nel tentativo di tenere testa ai loro cugini siculi ben più forti in terra americana. Aria e Barraccano restarono però nella memoria collettiva come i due più famosi e forti camorristi dell’era fascista.

A lui si ispirò Eduardo De Filippo nella famosa commedia Il sindaco del Rione Sanità.


Fonte: Biblioteca camorra Altervista

Nessun commento:

Posta un commento