mercoledì 4 aprile 2012

Eduardo De Filippo - ’na santarella, Commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta, Atto Terzo


L'ARTE DELLA COMMEDIA
 

’na santarella
da Mam’zelle Nitouche, di Weilhac e Milland
Commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta


ATTO TERZO





La medesima scena del primo atto, l’indomani mattina presto.

SCENA PRIMA

Felice e Nannina.

NANNINA (vestita come al finale del secondo atto, col mantello addosso. Al levarsi della tela è appena discesa dal muro di cinta in fondo al giardino): Scennite... scennite, maestro... facite ambressa!
FELICE (è ancora sul muro. Anch’esso si trova nelle stesse condizioni del finale del secondo atto): Mannaggia ll’arma de mammeta! Vide si ce sta nisciuno!
NANNINA (viene cautamente avanti e guarda per la scena): Nonsignore, nun ce sta nisciuno... scennite!
FELICE (scende dal muro e viene avanti. Ha un cerotto sul naso): Mamma mia... io nun me fido cchiù! Tengo la freva ncuollo! Se la madre superiora me vede accussì cumbinato, aggiu passato lo guajo!
NANNINA: Dàteme sta mappata... io me vaco a vestì lesto lesto!
FELICE: Tiene ccà... (Le dà l’involto.)
NANNINA: E vuje che ve mettite mò? Certamente nun putite rimane accussì vestuto!
FELICE: E se capisce!
NANNINA (lo guarda. Pausa): Maestro... comme site curiuso! (Ride.)
FELICE: Mò te lo chiavo nu paccaro e felice notte! Guè, chella ride pure! Dopo chesta nuttata ch’avimmo passato, chella piglia e se mette a ridere pure!... Mò aggia vedé che m’aggia mettere. Io nun tengo niente ccà!
NANNINA (raccomandando): Maestro, ricurdateve tutto chello ch’avimmo cumbinato! Pe carità, nun ve scurdate niente!
FELICE: Io m’aggiu scurdato tutte cose! Io sto stunato... lo naso me fa male!...
NANNINA: Comme, chesto che cos’è! Nuje avimmo cumbinato accussì bello! (Riepilogando:) Aiere a li ddoje e trenta partetteme; arrivajeme a Roma all’otto e meza... Appena arrivate a Roma, vuje me dicisteve che se trattava de matrimonio e io facette case de lo diavolo e vulette partì n’ata vota pe Napule, cu l’ultimo treno. Arrivate a Napule simme venute ccà! Ve raccumanno, mò... nun ve mbrugliate!
FELICE: Che m’aggia mbruglià... comme fosse sta gran cosa! (Ripete:) Ajere partetteme a li ddiece e quaranta...
NANNINA: Nonsignore... a li ddoje e trenta!
FELICE: ... a li ddoje e trenta. Arrivajemo a lo Fondo all’otto e mmezza...
NANNINA: Che Fondo?... A Roma!...
FELICE: Ah già... a Roma. Arrivate a Roma, tu sentenno che se trattava de lo maggiore...
NANNINA: Quà maggiore?... Sentenno che se trattava de matrimonio,..
FELICE: Già... sentenno che se trattava de matrimonio, haje fatto casa de lo diavolo e m’haje scummato de sango...
NANNINA: Nonsignore... che state dicenno?... Aggiu fatto casa lo diavolo e aggiu vuluto partì n’ata vota pe Napule!
FELICE: Va buò... aggiu capito... làsseme sta mò... Tu capisci che lo naso me fa male?... Può fare pure cancrena e se ne cade lo naso!...
NANNINA: Io me vaco a vestì!... Stateve attiento! Dicite ch’aggiu chiagnuto tutta stanotte!... Che annummenavo sempe la superiora!
FELICE: Va buono, vattenne... Aspetta, aggiu fatto na penzata: dàmme stu mantiello... Mò veco de rimedià cu chisto!
NANNINA: Vulite lo mantiello?... E avutateve da llà!...
FELICE: Pecché?... Haje da sparà a fiaschelia?
NANNINA: Che fiaschella?... Io me metto scuorno!
FELICE: Mò te dongo lo cappiello nfaccia! Chella l’hanno guardata duimila perzune, mò se mette scuorno!...
NANNINA (insistendo): E vutateve da llà si no nun me lo levo!
FELICE: Ecco quà... (Si volta.) Fa ambressa che po’ ascì quaccheduno!
NANNINA: Facimmo uno, due e tre! Altre ve lo mengo ncuollo e me ne scappo!
FELICE: E ghiammo!
NANNINA: Nun me guardate!... E uno... e due... e due e mezzo...
FELICE: ... e tre manco nu quarto...
NANNINA: E tre! (Toglie rapidamente il mantello che getta addosso a Felice sempre voltato, poi scappa a seconda a sinistra gridando.) Ah... nun me guardate... (Esce.)
FELICE (solo): Mannaggio chi t’ha allattato! Pe causa soja aggiu passato sti quatte guaje! Nun saccio comme aggiu scanzato na palla dinto a li rine! Chella cànchera de primma donna appena me vedette trasì dinto a lo camerino sujo me mettette sotto e me facette nu paliatone numero uno! Niente m’avarria fatto impressione... ma chillu pùnio che me dette ccà ncoppa... (Il naso)... me dispiacette assai! Io me credevo che lo sangue asceva solo dall’interno, ma invece asceva dall’interno e dall’esterno... pecché cu ll’ogne me facette na ferita accussì! Meno male che lo farmacista melo medicaje alla meglio... (Disfatto.) Me sento li rine rutte!... E che se pazzèa. Doppo chella paura, doppo chella currera piglia e miettete a passià tutta la notte p’aspettà che se faceva giorno e ch’arapevano lo canciello de lo ciardino. Ah! Mamma mia!... Mò aggia vedé che m’aggia mettere! (Indossa il mantello e via prima a sinistra.)





SCENA SECONDA

Michele e Biase, poi Rachele.

MICHELE (dalla destra. È adirato): Io chello ch’aggiu ditto lo ddico n’ati ciente vote, pecché nun me metto paura de nisciuno!
BIASE (seguendolo): Michè, io te torno a ripetere... mmesura li pparole, si no ce ncuitammo!
MICHELE: Mariuolo! Sì, mariuolo!... Io nun lo credo che ce mettiste diece lire ncoppo lo terno... Te faciste dà cinche lire a me, po’ ce mettiste na lira e quatte lire te le cchiavaste dinto a la sacca!
BIASE: Io sti ccose nun le ffaccio!
MICHELE: E pecché nun me vuliste fa vedé lo biglietto jucato.... «Lo tengo io, nun te ne ncarricà... ogge simme ricche!» Doppo asciuta la strazione, che cos’è?... «Nun avimmo pigliato niente e pe l’arraggio aggiu stracciato lo biglietto!» E pecché? Quanno se joca mpurzione lo biglietto nun se straccia mai!
BIASE: Statte zitto, nun alluccà!
MICHELE: Voglio alluccà! Mariunciello!
BIASE: Mò me chiamme n’ata vota mariunciello... e vì si la vuò fennì... Tu hai ragione che sì viecchio e io cu ttico nun me pozzo mettere... Po’ stamme ccà dinto e nun me cunviene de fà chiacchiere!
MICHELE: Tu senza che truove la scusa che sò viecchio e che stamme ccà dinto! Jesce fora e vedimmo chi è cchiù viecchio!
BIASE: Vattenne, Michè, che tu me fai ridere! Nuje si ascimmo fora, cu nu sciuscio io te votto nterra!
MICHELE: Tu cu nu sciuscio me vutte nterra?... E ghiammo!...
BIASE: Va llà vattenne... facimmo chello ch’avimma fà!... Vuje vedite lo diavolo! Tutto chesto è succieso pecché nun è asciuto niente! La semmana che trase te faccio vedé lo biglietto primma, va buono?
MICHELE: La semmana che trase te voglio dà nu càucio dinto a li rine! (Fa il gesto di dare un calcio, ma perde l’equilibrio e sta per cadere.)
BIASE: Vi pè ttè, ca vaj nterra!... (Persuasivo:) Ma viene ccà, ragiunammo nu poco. Tu haje che sta vota pè punto e punto avimmo perzo lo terno... ce sò passate e ppalle pe capa... Nuje teneveme 5, è ovè?... e chillo è asciuto 6...; teneveme 21, e chillo è asciuto 31, la decina appriesso!... Tenevemo 54... e chillo è asciuto 45... s’è avutato! Teneveme 7 e 19?... E chisto l’avimmo pigliato...
MICHELE: L’avimmo pigliato?
BIASE: Cioè... come si l’avesseme pigliato, pecché sò asciute in figura...: sette, è asciute sidice... pecché da 16 lèvane 9 restano sette! 19, è asciuto 39: cadenza de nove!
MICHELE: Mò te chiavo nove pacchere e faccio cadenza de 38! Vuje vedite stu mbruglione nun me vò lassa j a me!.. Bià, io sa che te dico? Damme li ssei lire meje, si no overo facimmo fà li nummere!
BIASE: Vuè li ssei lire da me? Lo credo che starrai mbniaco, Michè!
MICHELE (alterandosi di nuovo): No io nun sto mbriaco... Damme li ssej lire... mariuolo!...
BIASE (alterandosi anch’esso): E n’ata vota mariuolo?... Mò me scordo ca sì viecchio e bonanotte a li sunature!
MICHELE (gridando): Pecché, che buò fà?
RACHELE (dalla seconda a destra): Che cos’è?... Che cos’è?...
MICHELE: Signora superiora, chisto m’ha da dà sej lire!
RACHELE: Silenzio!... Neh, Bià?... E che songo sti chiacchiere ccà dinto?
BIASE: Io nce aggiu ditto, signora superiora... Chillo è isso che allucca!
RACHELE: Ma ch’è stato, se po’ appurà?
BIASE: Avita sapé che ajere ce jucajeme nu bigliettiello in porzione. Mò che cos’è?... Pecché nun è asciuto niente, vò essere turnato li denane!
MICHELE: E se capisce, pecché lo biglietto nun me lo facette vedé!
RACHELE: Silenzio! V’aggiu ditto tanta vote che qua quistioni nun se n’hanno fà. E n’ata vota che vi trovo litigando, lo faccio sapere ai superiori e ve ne faccio caccià!
BIASE: Ma vedite...
RACHELE: Zitto! Vattenne dinto!
BIASE: Va bene! (Esce dalla destra scambiando segni di minaccia con Michele che lo segue.)
RACHELE (sola): Eh! Cu stu cuoco s’ha da vedé che s’ha da fà! Se joca tutto chello che s’abbusca! (Si sente rumore in camera di Felice.) Mamma mia... Nu rummore dinto a la cammera de l’organista! E chi ce po’ sta llà dinto?... Isso non po’ essere certo! (Alla porta.) Chi è che fa rummone dinta a sta cammera?
FELICE (di dentro): Sono io, sorella!
RACHELE: D. Felice?!... Possibile?... E comme ha pututo turnà accussì priesto?



SCENA TERZA

Felice e detta.

FELICE (dalla sua stanza): Sono io, signora superiora... proprio io! (Ha indossato un altro vestito da organista.)
RACHELE: E come avete fatto per tornare così presto?
FELICE: Signora superiora, io ho passato nu zuffunno de guaje! Nannina, appena arrivata a Roma... appena messo piede dinte Roma, là per là vulette partì n’ata vota pe Napoli!
RACHELE: Possibile. E mò addò sta?
FELICE: Sta dentro... Noi siamo arrivati alle sette, stanchi ed abbattuti!...
RACHELE: Ma pecché vulette parti n’ata vota?
FELICE: Ci ho colpa io signora superiora... ci ho colpa io!
RACHELE: Voi? E perché?
FELICE: Perché appena arrivati a Roma, mi scappò di bocca che i parenti l’avevano ritirata per maritarla! Non appena la ragazza intese questo non fece mai come una donna, ma come un ossesso! Fece proprio casa del diavolo! «Ah, per questo mi avete portato quà?... Io non vi voglio maritare! Conducetemi dalla madre superiora. Io non mi voglio più dividere da lei! Fuggiamo... fuggiamo!...» Vi assicuro proprio, cara sorella, che faceva compassione... mi sembrava una pazza... piangeva dirottamente... si strappava i capelli!
RACHELE: Povera figliola!
FELICE: Allora io ho creduto di ritornare a partire e portarla da voi!
RACHELE (approvando): Avete fatto benissimo, maestro. Né io la voglio forzare! Oggi stesso scriverò allo zio che la ragazza desidera prendere il voto... ed io la benedico perché sono sicura che, col tempo, quella ragazza diventerà badessa!
FELICE (con ironia): E questo ho detto pure io, signora superiora: quella, badessa diventa!
RACHELE: Ma voi, signor organista, che avete sopra il naso?
FELICE: Ah!... Sopra il naso?... E come?... Non ve l’ho detto?
RACHELE: No!
FELICE: Appena siamo arrivati alla stazione di Napoli, Nannina ha aperto lo sportello e s’è messa a scappare... Io allora... mi sono messo a correre appresso a lei gridando: Nannina... dove andate... per carità... fermatevi... il maggiore...
RACHELE: Il maggiore? Chi maggiore?
FELICE: Ho detto il maggiore? Già... il maggiore... dei marciappiedi che stava là... io non l’ho visto... Cesira...
RACHELE: Cesira?... E chi è questa Cesira?
FELICE: Non lo sapete?
RACHELE: No!
FELICE: E non lo potete sapere! (Spudoratamente.) Alla stazione hanno fatto quella bella strada... la più grande... l’hanno chiamata: strada Cesira... Là c’era il marciappiede maggiore... correndo io non l’ho visto, sono caduto e mi sono fatto questa fecozza sul naso!
RACHELE: Oh! Quanto me ne dispiace... Speriamo che sia cosa da niente!



SCENA QUARTA

Michele, D. Angelo e detti.

MICHELE (dalla destra, introducendo): Favorite... favorite... (A Rachele:) Madre superiò, lo frate vuosto! (Esce.)
RACHELE: Uh! Ngiulillo!
FELICE (a parte): (Vì che piacere, neh!). (Siede all’organo e di tanto in tanto ne trae degli accordi come studiando.)
ANGELO (dalla destra): Buongiorno, Rachè... Io sono venuto a parlarti di un affare interessante!
RACHELE: Primma de tutto, staj buono, frate mio?
ANGELO: Sto buono, sto buono! Collera nun me ne piglio cchiù! Ajere sera mannaje na lettera a Cesira chiena de maleparole... Nun la voglio cchiù vedé!
RACHELE: Bravo! è stato lo cielo che t’ha vuluto aiutà.... E sò state le preghiere meje!
ANGELO: Sulamente sò rimasto nu poco nguttuso che nun aggiu pututo piglià a càuce chill’autore!
FELICE (che ha sentito, abbassa la testa suila tastiera dell’organo e canta). Gloria in excelsis deo et in terra pax hominibus!...
ANGELO: Neh, Rachè... chillo justo mò ha da cantà?
RACHELE: Lassalo sta frate mio! Chillo chesto fa sempe... è nu sant’ommo! Dunque, che m’haje da dicere?
ANGELO: Devi sapere che chillu tale giuvinotto ufficiale da me raccomandato, tutto nzieme ha cagnato penziero e nun se vè nzurà cchiù!
RACHELE: Possibile? Tu che dice?
ANGELO: Eh! Nun se vò nzurà cchiù! Io nun aggiu avuto cchiù che dirle... nun sò stato capace de persuaderlo! Me dispiace sulamente che mò la guagliona è ghiuta a Roma senza cumbinà niente!
RACHELE: No, fratu mio! La guagliona sta ccà... se n’è turnata n’ata vota!
ANGELO: Veramente?
RACHELE: Già! Non appena sentette che se trattava de matrimonio facette comme a na pazza, se mettette a chiagnere e vulette turnà n’ata vota ccà! (A Felice:) Maestro, dite a mio fratello Nannina che facette quanno appuraje che s’aveva mmaretà!
FELICE (con voce alterata, alzando le braccia alcielo, ma senza voltarsi.) Uh! Cose tremende!... Cose tremende!... (Canta:) Gloria in excelsis deo...
ANGELO: Chill’organista la verità me tocca li nierve!... (Continuando il discorso:) M’è dispiaciuto però che s’è scumbinato stu matrimonio... Essa era na bella giovane... isso pure...
RACHELE: Ma io po’ dico accussì, Nannina l’ha fatto pecché non sapeva niente e pecché nun se fidava de me lassà... Ma isso po’ pecché s’è cagnato tutto nzieme?
ANGELO: S’è cagnato tutto nzieme pe causa de n’artista de teatro! Sangue de Bacco. L’avarriena abbruscià tutte quante!...
FELICE (a parte): (Puozze murì sotto a nu camion!...).
ANGELO: Aissera a lo Fondo jette in iscena n’operetta de nu stupido... na ciucciaria qualunque... (Felice pesta sull’organo.) Neh, sapete... stateve zitto... lassatece parlà!...
RACHELE: Dunque?
ANGELO: Na figliola rimpiazzaje la parte de la primma donna che se ne scappaje... na bella figliola, pe quanto m’hannu ditto, pecché io nun la putette vedé... Isso ne rimase talmente colpito, che ha deciso de nun se vulé cchiù nzurà. Io mò me l’aggiu purtato cu mmico e sta fore... sai pecché?
RACHELE: Pecché?
ANGELO: Vulevo fà l’ultimo tentativo per farlo ritornare in sé. Vulevo che tu nce avisse parlato e avisse fatto tutto lo pussibile pe capacitarlo... l’avisse fatto capì tutto lo male che fa jenne appriesso a na femmena de chesta! Insomma, in altri termini, che l’avisse cunvertito!
RACHELE: Oh! Io pe me sò pronta, te pare... Anze me fa piacere! Ah, ecco qua santarella!... Venite, venite... figlia mia benedetta!



SCENA QUINTA

Nannino e detti, poi Michele.

NANNINA (dalla sinistra, seconda porta. Esce e va di filata a inginocchiarsi presso Rachele cui bacia la mano. è vestita da educanda, come nel primo atto): Oh! Madremia... madremia... perdonatemi....
RACHELE: Alzatevi, buona fanciulla... Voi siete lo specchio della virtù e del candore! (Controscena di Felice, il quale ha bene sperimentato il candore e l’innocenza di Nannina.) La vosta non è stata una mancanza, ma un esempio di fede e di bontà! Non temete per i vostri parenti: io stessa scriverè a vostro zio che voi non avete voluto assolutamente sposare il conte Eugenio Porretti...
NANNINA (sorpresa): Come? Conte Eugenio Porretti? Così si chiama, madre mia?
ANGELO: Sicuro, signorina... conte Eugenio Porretti, ufficiale... Sta fuori, l’ho portato con me per farlo parlare con mia sorella che lo deve convertire!
NANNINA: Convertire?... E perché?
ANGELO: Perché ama un’altra donna... una donna che non è degna di lui... una attrice...
RACHELE (rimproverando): Ngiulì!...
NANNINA (candida) Un’attrice?... E che vuol dire attrice?... (Sorpresa di Felice, la cui espressione par voglio dire: «Che faccia tosta!».)
RACHELE: Niente, niente, figlia mia...
ANGELO (continuando): Una certa Flora che ha visto ieri sera e se ne è perdutamente innamorato!
NANNINA (moto di gioia repressa): Possibile?... E vuole sposarla?...
ANGELO: Vorrebbe, ma non può! Dunque Rachè... famme lo piacere, parlace e vide che può fà.
RACHELE: Io pe me faccio tutto lo pussibile...
NANNINA (che ha rapidamente almanaccato il suo piano): Madre... se voi lo permettete... vorrei parlare io con questo signore... senza vederlo, però!...
RACHELE: Voi?
ANGELO: Essa?
FELICE (a parte): (Mò và trova che ato vò cumbinà!...).
NANNINA (con candore): Io gli dirò tante cose... tante belle parole... e vi prometto di convertirlo!...
ANGELO: Sarria capace?
RACHELE: Altro che capace!... Tene na voce... tene na maniera che fa rimanè ncantate a gente... e na vera santarella!...
FELICE (a parte): (Mò va cunvertendo la gente, mò!...).
ANGELO: Benissimo! Allora noi ve lo permettiamo! Vedimmo che sapite fà... Mò lo faccio trasì!... (Via a destra.)
RACHELE: Brava... brava chella figlia mia! (Chiamando:) Michele?... Michele?...
MICHELE: Comandate?...
RACHELE: Il paravento, subito!...
FELICE (a parte): (Eh! E sì arrivata co lo paravento!... Pe chesta ce vurrìa nu muro de sette metre!...).
MICHELE (ha posto il paravento in mezzo, aperto): Ecco servita.
RACHELE: Bravo... accussì!... Vattenne fore tu. (Michele via.)
NANNINA: Adesso che viene, cara madre, lasciatemi sola con lui!
RACHELE: Sì, figlia mia benedetta... e che il Signore ti possa illuminare! Zitto... Eccolo quà!



SCENA SESTA

D. Angelo, Eugenio e detti.

ANGELO (dalla destra precedendo Eugenio): Venite, Eugenio... Prima di partire, la signorina Fiorelli desidera parlarvi!
EUGENIO: Son pronto!
RACHELE: Essa è là, signor Eugenio... Sentitela con attenzione ed apprezzate i suoi consigli... Maestro, scusate, ritiratevi un momento nella vostra camera!
FELICE: Obbedisco... (Piano a Nannina accostandolesi:) (Ma che vuò fà?...).
NANNINA: (Stateve zitto!...).
RACHELE (ad Angelo): Ngiulì... jammuncenne nu mumento fore... nun le dammo soggezione!
ANGELO: Sicuro, dice buono! Eugenio, fate tutto ciò che vi dice quella ragazza... è un angelo che vi ha mandato il cielo! (Via a destra.)
RACHELE: Sì!... un vero angelo! (Via dietro Angelo.)
FELICE (a parte): (Io voglio stà ccà, la verità!...). (Siede in modo da vedere i due.)
EUGENIO (s’inchina al paravento): Buongiorno signorina!
NANNINA (s’inchina anch’essa): Buongiorno, signore!
FELICE (in osservazione) (Quanto sò belle tutte e ddoje!...).
NANNINA: Io sò che voi volevate sposarmi così, senza neanche vedermi una sola volta... soltanto perché mio zio ve ne aveva parlato! Io non ero contenta affatto di questo matrimonio, perché non ci poteva essere amore fra due persone che non s’erano mai vedute! Ed infatti mentre voi eravate deciso a farmi vostra sposa... tutto ad un tratto vi siete innamorato di un’altra donna. Non è vero?
EUGENIO (a parte): (Come somiglia la sua voce a quella di Flora!).
FELICE: (L’ha pigliata pe una de fora!...).
EUGENIO: Sì... è vero, signorina... devo confessarlo: vostro zio, amico intimo di mio padre, voleva che si facesse questo matrimonio. Io, senza aver mai avuto la fortuna di vedervi, acconsentii... Ma adesso, signorina... debbo dirvi mio malgrado... che non posso più sposarvi! Non vi farei felice!...
NANNINA: E perché?... Ditemi la verità!...
EUGENIO: Perché amo un’altra donna... una donna che ho visto ieri sera e che sento di non poter più dimenticare! Non è una giovane come voi... oh, tutt’altro!... Ma che volete... i suoi occhi... la sua voce... m’hanno fatto perdere la testa!... Ecco la verità!
FELICE (piano a Nannina che alle parole di Eugenio esprime contentezza): (Neh, tu pecché te cunsuèle?... Chillo parla de n’ata femmena!…)
NANNINA: Oh, meglio così... meglio così, signore... perché io pure al pari di voi, amavo’un altro giovane!
EUGENIO: Un altro giovane?
NANNINA: Si! Verità per verità... chiarezza per chiarezza! Io vi confesso tutto! Non sarei stata per voi una moglie affezionata!... Ieri sera mancai... errai... peccai...
FELICE (a parte): (E nisciune te scannaje... e nisciune te squartaje!).
EUGENIO: Come?!... Peccaste?!...
NANNINA: Oh sì! Moltissimo! Ma non dite niente a nessuno per carità! (Racconta:) Invece di recarmi a Roma, andai sul palcoscenico del teatro Fondo... indossai un abito da operetta... dissi di chiamarmi Flora e rimpiazzai la parte della prima donna!...
FELICE: (Stateve bene!).
EUGENIO: Possibile! E questo giovine che voi amate?
NANNINA: è un ufficiale, un tale Eugenio Porretti!
EUGENIO: E sono io! Sono io!... Al diavolo il paravento!... (Fa cadere il paravento e abbraccia Nannina che gli si abbandona.)
FELICE (scandalizzato grida) Eh!... Eh!... Signora superiora... signora superiora... (Li divide.) Lassa a chesta... lassa a chesta!...



SCENA SETTIMA

Rachele, D. Angelo e detti, poi Michele.

RACHELE: Neh... neh... che cos’è?...
ANGELO: Ch’è stato?... Ch’è succieso?
EUGENIO: Signor maggiore, io amo questa ragazza e me la voglio subito sposare!
FELICE: Ma non dovete assaltare la fortezza!...
RACHELE (meravigliato per l’improvviso cambiamento di Eugenio): E come?...
NANNINA: Io ho convertito lui e lui ha convertito me!
RACHELE: E te lo vuoi sposare?
NANNINA: Sì... subito subito, madre mia!...
ANGELO: Benissimo!
RACHELE: Oggi stesso scriverò a vostro zio! Domani partirete... e il maestro vi accompagnerà!
FELICE: Io?!
ANGELO. Signor Organista, l’accompagneremo insieme!
FELICE: (Meglio!!). Come volete!
EUGENIO: E mi amerete dunque molto? Ditemelo... (Di dentro si sentono rintocchi di una campanella. Nannina abbassa la testa.)
MICHELE (dalla destra): Signora superiora... è l’ora della preghiera!
NANNINA: Adesso non posso dirvi nulla... ci vedremo domani!
ANGELO: è giusto!
RACHELE: Che angelo! Che angelo!...
EUGENIO: Allora... a domani, signorina...
NANNINA: A domani!... (A Felice in tono e con atteggiamento ispirato.) Maestro.. andiamo per il «Gloria in excelsis...».
FELICE (la guarda sorpreso come a voler dire: «Che faccia de corna»): Andiamo pure!... (E mentre gli altri fanno scena in fondo la prende per mano e portandola avanti si rivolge al pubblico, dicendo.) Signori miei... questa è Santarella... di tutto quello che ha fatto... perdonatela voi!...

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia



Nessun commento:

Posta un commento