mercoledì 4 aprile 2012

Eduardo De Filippo - ’na santarella, Commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta, Atto Secondo


L'ARTE DELLA COMMEDIA
 
’na santarella
da Mam’zelle Nitouche, di Weilhac e Milland
Commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta

ATTO SECONDO





La scena rappresenta la parte posteriore del palcoscenico del teatro Fondo. Due porte a destra e due a sinistra. Sulla seconda a destra vi èscritto «Direzione», sulla prima a destra «Uscita» e sulla seconda a sinistra «Comparse». Nel fondo, in mezzo, grande apertura ad arco al di là della quale si vede il retro di una scena che si suppone sia il fondale della scena allestita per «La figlia dell’Imperatore». Sempre in fondo, a destra, vi è una porticina di camerino con un cartellino «Prima donna: Cesira Perella». Sparsi per la scena, quà e là vi sono diversi oggetti di uso teatrale: praticabili di legno, mobili uno sull’altro, attrezzi, scene ripiegate e ammonticchiate, sedie, poltroncine. Su di una sedia vi è un mantello. In fondo, a sinistra, un pianoforte. è l’ora dello spettacolo.





SCENA PRIMA

Nicola e Vincenzo, poi Cesira, poi Amelia, Elvira, Teresina, Carmela, Luigino, Carluccio e 4 comparse; indi Cicciilo. All’alzarsi del sipario si sentono internamente forti e prolungati applausi. Vincenzo è seduto accanto alla prima porta a destra e dorme.

NICOLA (è l’impresario del teatro. Viene dal fondo, in abito da sera): Che bella cosa! Che bella cosa!... A lo finale de lo primm’atto dduj bis!... E Feliciello non è venuto ancora! Ma questo non si chiama successo: si chiama successone!... (Altri applausi interni. Nicola va al fondo e grida.) Su... su... tirate la tela... Lo pubblico nun ha da aspettà... (Viene avanti.) E sò tre chiammate... tre chiammate a lo finale de lo primm’atto! Aggiu fatto lo colpo! (A Vincenzo che dorme.) Viciè... Viciè, scetate, sangue de la morte!
VINCENZO (svegliandosi di soprassalto): Chi è?... Io nun sto durmenno!
NICOLA: Nun fà passà a nisciuno ncoppa a lo palcoscenico, haje capito? Si no te multo!
VINCENZO: Va bene!
NICOLA: E sùsete!... Nun te sta assettato!
CESIRA (dal fondo, in abito di fantasia da operetta. Ha un fascio di fiori in mano): Signor impresario... furore... furore completo!
NICOLA: Io già lo sapevo! Vi ringrazio di tutto cuore... Avete cantato come un angelo!
CESIRA: Ma l’autore addò sta?
NICOLA: Mò vene... Mò lo vedarrate venì... Oh, pe mancà, nu manca... nun ce penzate... Quacche cumbinazione l’avrà trattenuto! (Escono Amelia, Elvira, Teresina, Carmela vestite in abiti di operetta; escono inoltre Carluccio, Luigino e 4 comparse vestiti da guerrieri. Ogni donna porta un mazzo di fiori.)
AMELIA: Impresà... ce simmo purtate magnificamente!
ELVIRA: Mò ce spettano li gelate!
TERESINA: Io voglio la limonata!
CARMELA: E io pure... Ce l’avite promesso!
AMELIA: E la promessa è debito!
NICOLA: Va bene... non dubitate... Ho promesso e mantengo la parola: dopo il secondo atto faccio venì li gelate e li llimunate!
CESIRA: Io voglio un arrosto ed un bicchiere di marsala, altrimenti mi si abbassa la voce!
NICOLA: No, voi che dite?... Per carità... nun voglia mai lo cielò! A n’atu ppoco ve manno l’arrosto e la marsala!
CARLUCCIO: Impresà... li ssigarette a nuje!
NICOLA: Va bene, va bene... jateve a travestì pe lo second’atto da spagnuoli!
CARLUCCIO: Sissignore, simmo pronte!
LUIGINO: Jammo, jammo... nun perdimmo tiempo! (Via con Carluccio e le quattro comparse nella seconda a sinistra.)
NICOLA (alle ragazze): Piccerè... aggio preparato na sorpresa all’autore, che nun se la po’ mai aspettà!
CESIRA: Che cosa, che cosa?
NICOLA: Aggiu fatto ddoje grosse corone d’alloro e l’aggiu fatto mettere sotto a lo cielo: quando è al finale del secondo atto che chiammano fore l’autore, lo machinista spezza li curdine e nce le ffa i proprio ncapo!...
LE DONNE: Benissimo!
NICOLA: Comme ve pare?
CESIRA: Bellissima idea!
NICOLA (chiamando): Ciccillo?... Ciccillo?... (Esce Ciccillo, il macchinista, dal fondo.) Ciccì nun te scurdà chello che t’aggiu ditto: quanno è lo finale de lo second’atto che chiammano fora l’autore... spezza li curdine, haje capito?
CICCILLO: Va bene. (Esce per il fondo.)
NICOLA (alle donne): Permettete nu momento... Vaco a vedé la scena comme sta... (A Cesira:) Prima dò... e voi quanno ve jate a travestì?
CESIRA: Mò... mò... aspettate... chesto che cos’è!... Mò è fenuto lo primm’atto!
NICOLA: Vi raccomando, sapete... il teatro è pienissimo... Vurria che tutte cose jesse buono!
ELVIRA: Nun ve scurdate e gelate!...
TERESINA: Ricordateve la limonata!
NICOLA: Va bene, va bene... Mò manno a ordinà tutte cose pe lo custode! Viciè, ricordate: nun fà passà a nisciuno, sino te multo! (Alla porta delle comparse.) Comparse, fate presto!... Macchinista?... Attrezzista?... Muovetevi!... (E sempre gridando ed affaccendandosi esce per il fondo.)
TERESINA (ridendo): Comme sta ammuinato lo mpresario!
ELVIRA: E se capisce! Quanno mai ha visto lo teatro accussì chino?
AMELIA: Dice che fino a mò ha rifoso ottomila franche!
CARMELA: S’è salvato co la «Figlia dell’Imperatore!...».
TERESINA: Si nun truvava st’autore, era proprio arruvinato!
AMELIA: A proposito, Cesì... comme va che Arturo nun è venuto ancora?
CESIRA: E io che saccio?... A me pure m’ha fatto meraviglia. Isso aveva sta ccà da la primma scena! Ma si vene te faccio sèntere!
AMELIA: Abbiamo saputo che ti fa la corte, non è vero?
CESIRA: No... v’ingannate... mi fa delle gentilezze... così, perché canto la sua musica!
CARMELA: No, no, no... nuje sapimmo che va pazzo pe vuje.
TERESINA: E sapimmo pure che stanotte ha avuto nu càucio da lo maggiore! (Tutte ridono.)
CESIRA: E scusate... chi ve l’ha ditto?
TERESINA: Vuje sapite che io abito dinto a lo stesso palazzo vuosto... a lo primmo piano... e stammatina Giuvanne lo guardaporta m’ha cuntato tutte cose!
CESIRA: Sì... è trasuto lo maggiore mentre stevemo pruvanno lo duetto finale... e l’ha dato nu càucio... Ma da na parte è stato buono, però... perché accussì aggiu truvato lo mezzo de me levà lo maggiore da tuomo!
AMELIA: L’haje licenziato, dì la verità?
CESIRA: No, licenziato non ancora... ma aggiu avvisato lo guardaporte che quanno vene nun lo facesse saglì!...
CARMELA: E scusa, chillo po’ vene ccà?
CESIRA: E ccà pure trova l’impedimento! (A Vincenzo:) Viciè... si vene lo maggiore, nun lo fà passà... di che l’impresario non vuole, haje capito?
VINCENZO: Va bene! (Sbadiglio.) L’impresario non vuole!
AMELIA: Ma siente, Cesì... tu sai che io te voglio bene comme a na sora... perciò te voglio dì na cosa! Tu pe causa de chist’Arturo forse te pierde na posizione co lo maggiore... Io saccio che lo maggiore è ricco... che te vò bene e che tene intenzione de te spusà... Mentre l’altro, il signor Arturo, ha fatto tanta ammuina cu ttico stu mese pecché tu aviva cantà l’operetta... e a prova te l’ha data stasera, che fino a mò nun s’è visto ancora... E oggi, quanno lo vuò sapé, steva dinto a lo cafè d’Italia e se pigliava lo gelato cu na bella signorina!
CESIRA: Tu che dice?... Possibile?...
AMELIA: Possibilissimo!... Carmè, dimme na cosa, ogge fratete addò ha visto l’autore?
CARMELA: Dinto a lo Cafè d’Italia nzieme cu na signorina!
CESIRA: Bravissimo! Avite fatto buono che me l’avite ditto... Lo voglio accuncià io, lo voglio!... E per vendicarmi che non è venuto ancora, mo nun me travesto... Faccio lo second’atto accussì!... E si pure lo faccio lo secondo atto! (Entra furiosa nel suo camerino.)
CARMELA (rampognando ad Amelia): Comme t’è venuto ncapo de nce lo ddicere?
AMELIA: Scusa, agge pacienza... Cheste sò ccose che s’avvisano!



SCENA SECONDA

Celestino e detti.

CELESTINO (entra con mazzo di fiori. Vincenzo cerca di respingerlo).
VINCENZO: Dove andate?
CELESTINO: Dentro!
VINCENZO: E nun putite trasì!
CELESTINO (altero): Io sono il Marchesino Sparice, sono entrato sempre!
VINCENZO: E mò nun putite trasì!
CELESTINO: Mò te dò nu schiaffone e felicenotte! Embè... e già!
CARMELA: Viciè, fallo passà... po’ parlo io co lo mpresario.
VINCENZO: Parlate vuje co lo mpresario... Io nun ne voglio sapé niente! Chillo pe niente mette multe!
CARMELA: Nun te ne ncarricà!...
CELESTINO: Qualunque multa te mette ne rispondo io!... Embè... e già!
CARMELA (a Celestino): M’avite purtato le castagne sceruppate?
CELESTINO: Si capisce! Eccole quà! (Le dà.) Il primo pensiero, quando sono uscito di casa, è stato quello di andare da Caflish e pigliare le castagne per te, cara mia!... Embè... e già!
AMELIA: (Ma quanto è bello!). (Ride con le altre.)
CARMELA (a Celestino): Mammà che fà? è sempre ostinata a nun dà lo cunsenso?
CELESTINO: Sempre, sempre, Carmela mia! E io perciò me sò fatto cchiù sicco... embè, e già... L’ata sera mi trovò co lo ritratto tujo mmano che me lo vasavo forte forte!... M’afferrò e me chiudette dinto a lo salotto dove stanno tutti i ritratti a olio dei nostri parenti... Io me mettete na paura che tu non puoi credere... embè, e già!.. Pecché chille sò a grandezza naturale, capisci... ce steva specialmente lo nonno che pareva che muveva ll’uocchie... Io alluccaje, chiagnette ma niente nisciuno me deva audienza... Me facette sta llà dinto fino a lo juorno appriesso!...
CARMELA: Ma io vularria sapé pecché ce l’have tanto cu mmico! Pe chi m’ha pigliata la mamma vosta? Lo ssape che io sò na. Figliola onesta?
CELESTINO: Embè...
LE DONNE: ...e già!... (Pausa)
CELESTINO: Embè...
LE DONNE: ...e già!...
CELESTINO: Carmè... chelle me cuffèano!
CARMELA: Nonsignore, nun l’hanno cu vvuje!
CELESTINO: L’hanno cu mme!... l’hanno cu mme!... Me ne sò addunato... Facimmice cchiù ccà, agge pacienza! (Si sposta verso destra con Carmela.) Io sò nervoso... po’ essere ca le risponno malamente... Embè, e già!... (Riprende il discorso:) Ecco qua, Carmela mia... tu devi sapere che mammà è la marchesa Sparice, conosciuta da tutta Napoli... e vularria che io me spusasse na nobile cu na forte dote... perché dice così che il nostro sangue è blu!
CARMELA: Tenite lo sangue blu?
CELESTINO: E io che ne saccio? Essa accussì dice! Io poi non mi posso tanto spingere, se no perdo la mezza lira al giorno che mi passa!
CARMELA (stupita): Ched’è, vuj chesto tenite? Meza lira lo juorno?
CELESTINO: Per adesso, ma quanno more mammà io sono ricchissimo, e faccio quello che voglio io... Embè... e già!
CARMELA: E me spusate?
CELESTINO: Si capisce, Carmela mia... pecché te voglio bene assai assai! Ma dimme na cosa, tu stasera pecché nun me guarde?
CARMELA: Ma vuje addò state? Io nun v’aggiu visto!
CELESTINO: Sto dentro a la platea... nona fila, numero 23!
CARMELA: Nientemeno? Nona fila, numero 23! Vicino a porta?
CELESTINO: Embè... e già! Nun aggiu trovato né poltrone né platea avanti, ch’aveva fà?...



SCENA TERZA

Eugenio e detti.

EUGENIO (dalla destra): è permesso?... Si può?... (Vincenzo, che dorme, non si è accorto dell’ingresso di Eugenio.)
AMELIA: Oh! Carissimo D. Eugenio... favorite, favorite...
EUGENIO: Grazie! Signorine, accettate i miei sinceri complimenti! Questa sera siete deliziose... il primo atto è stato un vero successo!
ELVIRA: Io v’aggiu visto: state dinto a le poltrone a prima fila, in corridoio!
TERESINA: E co lo binocolo ve state smiccianno chella signorina a seconda fila!
EUGENIO: Ma no... vi siete sbagliate... lo stasera non guardo che voi, solamente voi!
AMELIA: D. Eugè è vero che partite?
EUGENIO: Purtroppo!
ELVIRA: Come? Ci lasciate?
EUGENIO: Non ne posso fare a meno, cara mia! Debbo recarmi a Roma per un affare importante!
TERESINA: Forse cambiate di guarnigione?
AMELIA: Cambiamento completo! Io saccio che D. Eugenio se sposa.
ELVIRA: Ah! Ve spusate?
EUGENIO: Ebbene si! Perché ve lo debbo nascondere? Vado a Roma per ammogliarmi!
ELVIRA: Benissimo! Allora ce facite pruvà li cunfiette!
TERESINA: E com’è la sposa? è bella?
AMELIA: è bruna?
ELVIRA: è bionda?
AMELIA: è rossa?
LE DONNE: Com’è?... Com’è?...
EUGENIO: Piano... piano... Non ne sò proprio niente!
ELVIRA: Comme? Nun la cunuscite?
EUGENIO: No!
ELVIRA: Eh! Nun dicite bestialità!
EUGENIO: Eppure è così! Non la conosco! Sarà bruna, bionda, nera... sarà alta, sarà corta... avrà le gambe storte... Il certo è che io la sposo!
AMELIA: E ghiate a Roma pe la vedé?
EUGENIO: Perfettamente, cara... (Si volge a Carmela che frattanto faceva scena con Celestino.) E così, signorina Carmela, come state?
CARMELA: Non c’è male, grazie! (Stretta di mano.)
EUGENIO (galante): Questa sera siete più simpatica del solito!
CARMELA: E vuj chesto dicite sempre... vulite pazzià!...
EUGENIO: Ma che scherzare... io dico seriamente... Anzi, permettete?... (Bacia la mano.)
CELESTINO (che fremeva in disparte, si intromette impaziente): Oh sentite, signor generale...
EUGENIO (ridendo): Che generale?... Tenente appena...
CELESTINO: Tenente, sergente, trabbando... non me ne importa niente! E vi faccio riflettere che questa giovane è l’innamorata mia!... (A Carmela, trascinandola dall’altra parte:) Mittete ccà tu!
EUGENIO: L’innamorata vostra? Bravissimo! Vi faccio i miei complimenti! Avete saputo scegliere! è una simpatica ragazza!
CELESTINO: Questa non è una cosa che vi riguarda... embè... e già!... E non crediate che siete militare e mi fate paura, perché io non mi metto paura di nessuno!
EUGENIO (ride prendendolo in giro): Ah ah ah! Come siete grazioso! (Tutti ridono.)
CELESTINO (impermalito): Non ridete che vi faccio stà a dovere! Embè e già!... Io sono il marchesino Sparice, sono un nobile capite?... Tengo lo sangue blu... e non mi posso mettere con un soldato qualunque!
EUGENIO (serio, ammonendo): Sapete, ragazzo... state nei termini, altrimenti vi regalo uno schiaffo da farvelo ricordare per tutta la vostra vita!
CELESTINO: Tu me dai nu schiaffo a me?...
EUGENIO: Anche due!
CELESTINO: Due?!… (E mò basta, mò!). (E io non te piglio a càuce?).
EUGENIO: Oh! (Fa per gettarglisi contro; le donne lo trattengono.)
AMELIA: D. Eugè, nun lo date audienza... Nun vedite che chill’è nu guaglione?
EUGENIO: Avete ragione! Non sarebbe dignitoso per me mettermi con un imbecille di quella fatta!
CELESTINO: A me!... E ghiesce fora si sì ommo!
LE DONNE: Ma stateve zitto, finitela!
CELESTINO (gridando trattenuto da Carmela): Jesce fora! (Confusione.)



SCENA QUARTA

Nicola e detti.

NICOLA (dal fondo, attratto dal frastuono): Che cos’è neh? Ch’è sueccieso? E che ne parlammo a ffà... Aggiu aperta la birreria! E chillu piezz’animale che dorme! (A Vincenzo, gridando:) Viciè! Viciè, scètate!...
VINCENZO (svegliandosi di soprassalto, scambia Nicola per un intruso e fa per cacciarlo): Chi è? Nun putite passà!
NICOLA (adirato): Puòzze sculà! Chillu primma li ffa trasì e po’ dice che nun ponno passà! (A Celestino e Eugenio:) Signori, scusate... sul palcoscenico non si può stare! (A Celestino:) Voi chi siete?
CELESTINO (altero): Io sono il marchesino Sparice!
NICOLA: Me fa tanto piacere! E che volete?
CELESTINO Niente! Sono venuto a trovà la nnammurata mia!
NICOLA: E già, chill’è trasuto dinto a la casa soja! (Alle ragazze:) Piccerè, v’aggiu ditto tanta vote che sul palcoscenico nun voglio a nisciuno, càttera!
AMELIA: Eh! Vuje comme v’ammuinate? Comme fossero trasute sta quarantina de persone!
NICOLA: E tu quaranta ne vulive? Manco miezo! S’ha da fà chello che s’ha da fà, capite?
EUGENIO: Signor impresario, se è per me, lo dica francamente!
NICOLA: Caro tenente, scusate... non e per voi... è un ordine generale!
EUGENIO: Ah, non è per me? E per l’imbecille?... Io se gli ho risposto è stato perché mi ha provocato! (Ad Amelia:) Ma noi altri militari, quella gente lì sai dove l’abbiamo?
AMELIA: Dove?
EUGENIO: Sulla punta... degli stivali!... (Via con Amelia ridendo, per il fondo.)
CELESTINO: Ah! Per la divisa!... E lèvate nu poco la sciabola e po’ vide!... (A Nicola:) Io se vengo vengo per fini diretti!
NICOLA: O dirette o stuorte, a me nun me ne mporta niente! Ccà nun avita venì! (Alle ragazze:) Piccerè, jate addo lo trovarobe, faciteve dà li campanielle ch’avita purtà mmano pe lo primmo coro... Jate... jate! Amelia addò stà?
ELVIRA: Se n’è ghiuta dinto cu D. Eugenio!
NICOLA: E bravo! Pare che l’aggiu pregata... Facite ambressa. Jate!
TERESINA: Eccoce ccà!
CARMELA: Marchesì, stateve buono.
CELESTINO: Ci vediamo dopo la rappresentazione!
CARMELA: Embè...
CELESTINO: ...e già!... (Le donne escono per il fondo, ridendo.)
NICOLA (a Celestino): Dopo la rappresentazione, venite, trasite, ascite, facite chello che vulite vuje!... Ma mò, no!... Embè...
CELESTINO: ...e già!...
NICOLA: Io capisco... Vuje, comme nnammurato, la vulisseve tené sempe vicino, ma qua, in palcoscenico, non si può... embè...
CELESTINO: ...e già!...
NICOLA: Pecché si no sapite che succede? Che comme trasite vuje, vonno trasì ll’ate... embè...
CELESTINO: ...e già!...
NICOLA: Io po’ ch’aggia fà?... Aggia piglià la nnammurata vosta e l’aggia caccià... embè...
CELESTINO: ...e già!...
NICOLA: (Vì comme simme belle tutte e dduje!...) Perciò faciteme lo piacere, jatevenne!
CELESTINO: Oh, scusate diciteme na cosa... Io me ne vaco, va bene, perché è questo l’ordine! Ma facimmo pe nu caso che io da qua non me ne volessi andare... Vuje che faciarrisseve?
NICOLA: Ah, scusate... ch’avarria fà?... Ve pigliarria a càuce! Embè!
CELESTINO: ...e già!... (Via dalla prima a destra.)
NICOLA: Vuj vedite a me che me succede! (A Vincenzo:) Viciè, pe regola toja, dimane vaco ncoppa a lo Municipio e te ne faccio caccià!... Io nun me pozzo appiccecà co la gente! Quanno dongo n’ordine voglio essere ntiso!
VINCENZO: Ma ch’aggia fà?... Chille afforza vonno trasì!
NICOLA: Ah, afforza vonno trasì?... E mò t’acconcio io! Mò te vaco a mettere cinche lire de multa accussì te mpare! (Via appresso.)



SCENA QUINTA

Felice, poi Cesira.

FELICE (dalla prima a destra, in abito da sera, cilindro e guanti): Mamma mia che folla! Che pienone! Nu saccio comme sò arrivato a passà! M’hannu ditto che lo primm’atto ha fatto nu chiasso... N’ero sicuro! Certi signori vicino a lo cafè dicevano «Ma l’autore dove stà?... Deve essere un giovine di gran talento!» ...E io stevo vicino e m’è ssentevo! Intanto eccomi qua, sul palcoscenico del Fondo!... Che bel sito! Che allegria! Che vista!... Si nun fusse pe chelli treciento lire sicure, da quantu tiempo avarria lassato le tortorelle, le palummelle e le rondinelle!... Io nun me trovo llà dinto, ch’aggia fà?... Nun voglia mai lo cielo e lo sapesse la madre superiora!... Chella lo cchiù ppoco m’accedarria!... Vì che m’ha fatto fà chella canchera de Santarella! Chello ch’ha ditto ha voluto fà, sà?... Mangià... carrozziate... gelate... Lo bello è che nce avimmo spiso tutte li denare de li bigliette... Mò voglio vedé comme partimmo!... Io all’otto l’aggiu misa dinto a nu palco de quarta fila, e l’aggiu ditto: Nun te mmovere da ccà! Po’, siccomme stevo vestuto da organista, aggia avuta j da n’amico mio a Foria e m’aggiu fatto mprestà stu vestito... Lo tturnà nun aggiu pututo truvà na carruzzella, e me l’aggia avuta fà a ppede! Stongo una zuppa!... Ma nun me ne mporta niente però... voglio nun pure domani mattina, basta che stasera sto ccà!
CESIRA (dal suo camerino): Oh! Compitissimo signor autore! Come state? State bene?
FELICE: Non c’è male, grazie! L’ho fatta un poco tardi, mi dovete scusare... un amico mi ha trattenuto! Ma ho saputo però che il primo atto ha fatto un vero chiasso... e che voi particolarmente avete cantato come un angelo!
CESIRA: Oh! Che angelo, per carità... Sì al primo atto stavo bene di voce ed ho fatto tutto quello che potevo!
FELICE: E perché? Adesso vi sentite forse male?
CESIRA: No... mi sento un poco nervosa... annoiata,., ecco tutto... Anzi, sapete... al secondo atto non cambio abito: resto così!
FELICE (sbalordito): Restate così? E perché?... E come si fa?... Voi lo sapete che Flora al primo atto è contadina, poi diventa ricca perché l’imperatore se ne innamora... Per carità, prima donna, voi mi rovinate l’azione... si tradisce il libretto!
CESIRA: Oh, e tutta sta collera vi pigliate pecché se tradisce il libretto?... Che fa?... Che fa?
FELICE: Come, che fa?... Mi fate avere una critica!
CESIRA: Oh, alle corte! Io non mi voglio travestire!
FELICE: (Ma che diavolo sarrà succieso?). Ma Cesira...
CESIRA: Vi proibisco di chiamarmi Cesira!
FELICE: E come vi debbo chiamare?
CESIRA: Prima donna! Ricordatevi che vi ho chiamato «autore»!...
FELICE: Ma perché state così? Che vi ho fatto di male? Pe causa vosta stanotte aggiu avuto chillu càucio! E si lo maggiore m’afferrava, chillo m’accedeva! Dunque, vedete che per voi ho rischiato la vita!
CESIRA: E io sono stata una bestia che ho smorzato il lume! Dovevo farvi ammazzare!
FELICE: Ma perché?
CESIRA (scandagliando): Vi ha trattenuto un amico, è vero? Perciò siete venuto tardi?
FELICE: Sicuro, un amico!
CESIRA: Zitto! Sè tutto! Chi era chella figliola che se pigliava lo gelato con voi al caffè d’Italia?...
FELICE: (Scusa!...). Una figliola?... (Finge.) Che figliola? Io non so niente!
CESIRA: Come? Sareste capace di negare?
FELICE: Sicuro che lo nego! Perché non è vero... è tutta una calunnia!
CESIRA: Una calunnia?
FELICE: Si, una calunnia! Del resto, adesso che ho saputo la ragione per la quale voi state così, io ringrazio l’autore di questa calunnia, perché con questo mezzo ho potuto comprendere che voi mi amate come io vi amo!...
CESIRA (non ancora del tutto convinta): Dunque, voi negate di essere stato nel caffè d’Italia con una figliola?
FELICE: Sicuro! Lo nego cento volte!
CESIRA: Va bene... per ora non posso dirvi niente! Ma badate, signor autore...
FELICE: Non mi chiamate autore, per carità... chiamatemi Arturo, come io vi chiamerò Cesira! (Le prende la mano e gliela bacia.)
CESIRA: Va bene, Arturo!... Badate, signor Arturo, che per ora io non vi dico niente e facciamo passare il fatto per una calunnia; ma se mi accerto di qualche piccola cosa... guai a voi! Sono capace di tutto!
FELICE: Ma sì... fate quello che volete, io non ho paura di niente, perché vi amo e vi amerò fino alla morte!



SCENA SESTA

D. Angelo, poi Cesira, indi Celestino.

ANGELO (di dentro, prima a destra gridando): Levate da nanze... lassateme passà sangue de Bacco!
CESIRA: La voce de lo maggiore! (Fugge nel suo camerino.)
FELICE: Mall’arma de mammeta! E mò comme faccio? (Fugge nella seconda a destra e chiude.)
ANGELO (fuori. è adiratissimo): M’hannu ditto che il signor Arturo Maletti, l’autore, poco prima è venuto ccà, ncoppa a lo palcoscenico!... Benissimo! Stasera faccio correre la cavalleria!... Ogge sò ghiuto a casa de Cesira e lo guardaporta m’ha ditto che la signora aveva dato ordine de nun me fà saglì! A me!... Mentre io ero juto pe fà pace... l’avevo purtato pure sti ppastarelle... (Sono quelle che gli ha dato Rachele al primo atto.) Voglio sapé pecché la signora Cesira ha dato quest’ordine... Io nun sò nu papurchio, sangue de Bacco! Pe chi m’ha pigliato essa a me? Essa mi deve dire perché nun m’ha voluto ricevere!
CESIRA (che alle ultime parole di Angelo era apparsa alla porta del camerino): Perché quella è casa mia; e in casa mia intendo ricevere chi mi pare e piace!... (Si riscalda mano mano.) E se seguiterete a seccarmi, vi farò stare a dovere! Avete capito? Sia questa l’ultima volta che ve lo dico! Voi non avete nessun diritto su di me, perciò non mi seccate più! (Entra nel camerino.)
ANGELO (al colmo dell’ira per l’umiliazione subita): Va bene! Ce la vedremo, signora Cesira! Ce la vedremo!... E io che l’avevo portato pure le ppastarelle! (Scaglia a terra il cartoccio.) Si stasera aggiu l’autore dinto a li mmane, me lo magno a mmorze!... A mmorze!... (Si aggira furibondo per la scena.)
CELESTINO (esce dalla prima a destra): Io non capisco: s’hanna fà sempe particolarità! Chill’ufficiale ha avuta trasì dinto a lo palcoscenico e io no! Che forse l’ufficiale è meglio e me? (Legge il cartello apposto sulla seconda porta a sinistra.) «Comparse»... Aspetta!... Che bell’idea!... Mò sà che faccio? Me metto nu vestito qualunque e dico che sò na comparsa! Accussì pozzo stà tutta la serata vicino a Carmela mia! Embè... e già!... (Fa per entrare nella seconda a sinistra.)
ANGELO (lo ferma brusco): Chi siete voi? L’autore, forse?
CELESTINO: Nonsignore, io sono una comparsa...! Me vaco a vestì...
ANGELO: Ve jate a vestì?... E che ve vestite a ffà? Ccà a n’atu ppoco s’abbruscia tutte cose!
CELESTINO: E chiamate i pompieri!
ANGELO (esasperato): Jesce... vattenne... và te vieste!...
CELESTINO: Eh! Eccomi quà! (Chisto chi è?...) (Entra seconda a sinistra.)
ANGELO (rimuginando le parole di Cesira): Non tengo nessun diritto? Va bene! Lo vedremo!... Cielo mio, fa chiammà fore l’autore, almeno per vederlo... pe vedé chi è... Stesse vicino a li qquinte? Voglio j a vedé!... (Via fondo a sinistra.)





SCENA SETTIMA

Nannina, poi Eugenio, indi Cesira.

NANNINA (dalla prima a destra. è in un modesto abito da viaggio: spolverino e cappello): Mamma mia, che folla... Mò moro de la paura! Aggiu sciso cchiù de ciente scaline... vòta, gira... nun saccio io stesso addò vaco!... Mentre stevo cujeta cuieta dinto a lo palco addò m’ha lassato D. Felice, tutto nzieme è venuto n’ommo e m’ha ditto: «Uscite, il palco è fittato!». «Come, fittato? — aggiu ditto io — Ccà m’ha miso l’autore!» «Che autore e autore... Io nun saccio niente... il palco è fittato, debbono entrare questi signori, perciò uscite!» «E io mò addò vaco?» «Ve ne jate a casa, venite domani sera» ... Eh! Vengo a la fine de lo mese!... Me n’aggia avuta scennere, e scennenno scennenno, vutanno e giranno, me sò truvata ccà... Va trova ccà che d’è!... Si putesse truvà a D. Felice! Me metto na paura che nun se po’ credere... Si nun ce venevo era meglio!...
EUGENIO (dal fondo a sinistra): Che graziosa fanciulla! Signorina, cercate forse qualcuno? Volete parlare con l’impresario?
NANNINA: L’impresario?... E che cos’è l’impresario?
EUGENIO: Come, che cos’è?... è l’impresario di questo teatro... sta qui, in palcoscenico.
NANNINA: Ah, questo è il palcoscenico?
EUGENIO: Perfettamente!
NANNINA: Dove stanno gli artisti?
EUGENIO: Sicuro!
NANNINA: Allora... permettete, signore! (Fa per andare.)
EUGENIO: E adesso dove andate?
NANNINA: Me ne vado... Non posso rimanere qui, signore! Aspetterò fuori l’autore.
EUGENIO: Ah, è l’autore che cercate? Il signor Arturo Maletti?
NANNINA: Già, il signor Arturo Maletti, il mio maestro di musica!
EUGENIO: Ah! Brava... Voi siete sua allieva?
NANNINA: Sissignore.
EUGENIO: Ma egli non può tardare... e in questo frattempo, se posso esservi utile in qualche cosa, disponete pure di me!
NANNINA: No, no... signore... vi ringrazio!
EUGENIO: Ma se volete dire a me quello che dovete dire all’autore... chi sa... si possono dare dei casi...
NANNINA: Ecco qua, signore... io volevo chiedergli il favore di farmi vedere la sua operetta... è tanto graziosa!
EUGENIO: La conoscete?
NANNINA: Altro che la conosco!
EUGENIO: Ho capito: forse ve l’avrà insegnata per esercitarvi?
NANNINA: Già... appunto... per esercitarmi!
EUGENIO: E quale parte vi ha insegnato?
NANNINA: Tutte le parti! Conosco tutta l’operetta a memoria!
EUGENIO: Bravissima! Ma allora voi avete una gran vocazione per la musica! Avete la scintilla artistica!
NANNINA: E che cos’è la scintilla?
EUGENIO: Come, che cos’è?... Amate il teatro?
NANNINA: Sì! Non ci sono mai stata, ma l’amo assai!
EUGENIO: Ecco la scintilla! E pensate di debuttare subito?
NANNINA: Non lo sò, signore... Io faccio quello che dice il maestro! (Cesira esce dal suo camerino e rimane in ascolto non vista.)
EUGENIO: Amate molto il vostro maestro?
NANNINA: Oh, molto! Molto!
EUGENIO: Ma ditemi la verità: lo amate come maestro... o come Arturo Maletti?... (Movimento di sorpresa di Cesira.)
NANNINA: Io non so cosa dite, signore, Arturo Maletti e maestro è una sola cosa... ed io l’amo assai perché egli pure mi ama!
CESIRA (a parte): (Che sento?...).
NANNINA: Ha preso tanta cura di me che non potete credere... Oggi mi ha fatto pranzare con lui, m’ha fatto fare una bella passeggiata in carrozza, m’ha fatto prendere un gelato e poi mi ha messa in un palco di quarta fila!
EUGENIO: Bravissimo. E com’è che vi trovate qui?
NANNINA: Perché mi hanno cacciato! Hanno fittato il palco!
EUGENIO: Oh!... Guardate!... Quanto me ne dispiace!... Posso avere l’onore di offrirvi il mio braccio?
NANNINA: Il vostro braccio?
EUGENIO: Sicuro, che ci trovate di male? Vedremo di trovare un posticino.
NANNINA: Ma signore...
EUGENIO: Non abbiate paura: io sono un galantuomo! (Che simpatica ragazza!...) (Si presenta:) Conte Eugenio Porretti, tenente! E il vostro nome? (La prende sottobraccio.)
NANNINA: Oh... Il mio nome... Io mi chiamo... Flora!
EUGENIO: Flora? Oh, guardate che combinazione... lo stesso nome della prima donna dell’operetta!...
NANNINA (civettuoia): Non vi piace?
EUGENIO: Anzi... mi piace assai! (Che simpatica ragazza!). Venite... venite! (Escono a sinistra prima porta.)
CESIRA (viene avanti): Assassino... mbruglione! Dunque m’ha ingannata... Dunque era vero chello che m’avevano ditto?... Chesta era a figliola che se pigliava lo gelato cu isso? Benissimo! Mò l’acconcio io! (Entra furiosa nel camerino.)





SCENA OTTAVA

D. Angelo, poi Nicola, Cesira, indi Felice.

ANGELO (dal fondo a sinistra): Nun l’aggiu pututo truvà!... Aggiu girato pe tutte li qquinte... Distratto stevo ascenno fore a lo sipario... Si nun era pe nu servo de scena che m’ha trattenuto, facevo sta bella figura! Tengo lo vveleno ccà!... Cielu mio fammillo ncuccià!... Stesse da chesta parte? (Via prima a sinistra.)
NICOLA (dal fondo): In iscena... in iscena!... Comparse, spicciatevi!
CESIRA (esce dal suo camerino con mantello e cappello).
NICOLA: Signora prima donna... e che facite vestuta accussì?
CESIRA (nervosa): Me ne vado! Me ne vado! Non canto più! Non canto più! (Via per l’uscita.)
NICOLA (che era rimasto di stucco alle parole di Cesira): Uh! Mamma mia! E comme se fa? (Alla porta, gridando:) Signora prima donna!... Signora prima donna!...
FELICE (dalla seconda a destra): Ch’è stato?... Ch’è succieso?
NICOLA: Guè, Feliciè... stai lloco?...
FELICE: Sò venuto poco primma!... Ch’è stato?
NICOLA: Nu guajo! Na rovina!... La primma donna se n’è scappata! Non canta più!...
FELICE: Puozze sculà!...
NICOLA: Tu e essa!...
FELICE: Ma quanno se n’è scappata?
NICOLA: Mò. A chistu mumento...
FELICE: E pecché?
NICOLA: E chi lo ssape!...
FELICE: E tu la faje scappà?... Jammo! Arrivammola!... (A due gridando:) Prima donna!... Prima donna!... (Escono prima a destra.)



SCENA NONA

Celestino, poi Eugenio e Nannina, poi Luigi, Canluccio e 4 comparse; indi Amelia, Teresina, Carmela, Elvira e Celestino, poi il buttafuoni, poi Nicola, poi Luigi, Carluccio e le 4 comparse un’altra volta, infine il Delegato di P.S.

CELESTINO (dalla stanza delle comparse. è vestito con uno strano e buffo abito largo da guerriero, con elmo e lancia ed ha messo una barba ed un esagerato paio di baffi finti): Accussì cumbinato credo che stongo buono... nisciuno me po’ conoscere! Che bella cosa: mò stongo sempe vicino a Carmela mia... embè... e già!... (Via per il fondo a sinistra.)
EUGENIO (rientrando dalla prima a destra con Nannina): Sono proprio dispiaciuto, signorina...
NANNINA: Che peccato, non trovare nemmeno un posto!
EUGENIO: Il teatro è tutto pieno: Vi cederei volentieri la mia poltrona, ma come fate poi a stare sola in mezzo a tanti uomini?
NANNINA: Ah, no! Questo mai!... (Campanello elettrico interno.) Che cos’è?
EUGENIO: è il segnale che si dà principio al secondo atto... State con me... vedremo di trovare un posticino sul palcoscenico. (Delle comparse escono dalla loro stanza e vanno via per il fondo a destra.)
AMELIA (dal fondo, va verso il camerino di Cesira): Cesì... Cesì... in iscena! (Guarda nel camerino che trova vuoto.) Cesì?... e addò è ghiuta? Ccà nun ce sta!...
ELVIRA (che seguiva Amelia): E che se n’è fatta?
TERESINA (che seguiva Elvira): Comme?... Chella è di prima scena!
AMELIA: Vuè vedé che n’ha fatta una de li ssoje e se n’è ghiuta?
ELVIRA: Se n’è ghiuta? Tu che dice? E comme se faciarria? (Carmela e Celestino passeggiano verso il fondo.)
EUGENIO: Signorina Amelia, mi dovreste fare un grandissimo favore: trovateci un posticino sul palcoscenico da poter sentire l’operetta io e la signorina qui, presente, la quale è un’allieva dell’autore!
AMELIA: Tanto piacere!...
NANNINA: Signora... (Carmela ha trovato il pacco di biscotti a suo tempo gettato da Angelo, lo ha raccolto e, mangiandone con Celestino, si accosta algruppo di ragazze, Eugenio e Nannina.)
AMELIA (a Nannina): Siete un’allieva dell’autore? Bravissimo! (Ad Eugenio, con ironia:) Ma comme, D. Eugè, vuje nun la vulite fernì! Dimane matina avita partì pe... chill’affare, e ancora jate a accumpagnanno... allieve!...
EUGENIO: Oh! Credetemi... questa è la verità!...
AMELIA: Oh, vi credo... vi credo! Ragazze, questa signorina è un’allieva dell’autore!
ELVIRA: Bravissimo! è una bella ragazza!
TERESINA: Molto simpatica!
CARMELA: Avete fatto una bella coppia!
NANNINA: Grazie... grazie...
CARMELA: Accettate delle pastarelle?...
NANNINA: Grazie, troppo buona! (Ne prende e mangia. A parte.) (Guè... cheste sò li ppastarelle che aggiu fatto io dinto a lo cunvento! E comme se trovano ccà?...).
EUGENIO: Dunque ci potete situare in qualche parte?
AMELIA: Non saprei, veramente... Il palcoscenico è pieno di roba!
BUTTAFUORI (dal fondo): In iscena... in iscena, che si tira il sipario!
NICOLA (dalla prima a destra. Ha udito le parole del buttafuoni e grida): Nonsignore, non tirate lo sipario! La primma donna se n’è scappata... non canta più!
TUTTI (sbigottiti): Come?!...
NICOLA (affannato): La rappresentazione deve essere sospesa!... Mò lo pubblico vò essere restituite li denare!... Povera famiglia mia!... Poveri figli miei!
AMELIA: Ma pecché se n’è scappata?
NICOLA: E io che ne saccio?
TERESINA: E comme se fa?
CELESTINO (candido): Non ci vuol niente! Si taglia la parte della prima donna... oppure la fa un uomo!...
NICOLA (si volta inferocito): Chi è?... Chisto chi è?... Chisto chi è?...
CARMELA (subito): è na comparsa, nun la vedite?
NICOLA: Na comparsa? E se piglia l’ardire de risponnere mmiezo? Lèvate da lloco, vattenne! Quanno se piglia e se taglia da parte de la primma donna!... Come si fa?... Come si fa?... (Si sente internamente rumoreggiare il pubblico.) Siente lloco, siè! Povera casa mia!...
BUTTAFUORI: In iscena che si tira!...
NICOLA: Nun tirà... puozze sculà!
EUGENIO: Aspettate, impresario... mi viene un’idea! Solamente questa signorina, se vuole, vi può salvare!
NICOLA: Questa signorina? E come?
NANNINA: Io?!...
EUGENIO: Ma sì! Essa conosce tutta l’operetta a memoria, gliel’ha insegnata l’autore che è il suo maestro!
NICOLA: Possibile? E potrebbe rimpiazzare la parte di Flora?
EUGENIO: Ma sì! Lei soltanto può fare questo miracolo!
NANNINA: Ma voi che dite?... Per carità, io non lo posso fare!
NICOLA (implorante): Signorina, salvatemi! Io vi do tutto quello che volete... riparate voi questa rovina!
NANNINA: Ma è impossibile! Io non sono mai uscita sul teatro!
NICOLA (persuasivo): Ma che fa? Il pubblico vi applaudirà lo stesso quando saprà che si tratta di un rimpiazzo... si contenterà di tutto. E poi, voi avete una bella figura... (Implorante:) Fatemi questa grazia!
EUGENIO: Così salverete anche l’autore!... Egli ve ne sarà grato!
NICOLA: Salvate a me, salvate l’autore... salvate tutta questa gente, perché se stasera si sospende la recita, io domani debbo sciogliere l’intera compagnia!...
AMELIA: Via, fateci questo favore!...
TUTTI: Ve ne preghiamo!... (Di dentro si sente rumoreggiare il pubblico.)
LUIGI: Mpressà... chillo lo pubblico sta facenno chiasso... Che s’ha da fà?
NICOLA: Nu mumento!...
CELESTINO (che vuole rendersi utile ad ogni costo, perentorio): Nu mumento!...
LUIGI (a Celestino): Tu chi sì?...
NICOLA: Dunque, signorina, da voi dipende tutto!...
CELESTINO (intromettendosi ancora una volta): Signorina, fatelo per me!…
NICOLA (a Celestino): Te vuò levà da miezo o no?
NANNINA: Ma come faccio così vestita?
NICOLA: Llà, dinto a lo cammarino ce sta tutto... (Alle ragazze:) Accunciatela alla meglio!
AMELIA: Mò ce penzammo nuje. Venite, venite...
NANNINA: Ma io vorrei provare almeno l’aria di sortita...
NICOLA: Sissignore! Vestiteve primma. Mò faccio venì lo direttore d’orchestra e lesto lesto facimmo na prova!
EUGENIO: Bravo, andate!
LE DONNE (entusiasmate) Jammo, jammo!... (Spingono Nannina nel camerino di Cesira. Celestino, al solito, vuole infilarsi oppresso.)
NICOLA (a Celestino): Tu addò vaj?
CELESTINO: Volevo aggiustà pur’io...
NICOLA: Mò t’aggiusto nu càucio!... Vattenne! (Lo spinge a parte. Celestino via per il fondo.) Signor tenente, io vi ringrazio di tutto cuore!
EUGENIO: Ma niente, per carità!...
NICOLA: Mò s’avarria avvisà lo pubblico... E che dicimmo? Si dicimmo che la primma donna se n’è scappata, quelli d’indispongono... Aspettate... mò dicimme che llè venuto n’insulto... No... è peggio... chille se mettono de mal’umore... Mò dicimmo che tutto nzieme se n’è scesa la voce! Benissimo: se n’è scesa la voce, e la parte verrà rimpiazzata dalla signorina... comme se chiamma?
EUGENIO: Si chiama Flora.
NICOLA: E che cognome?
EUGENIO: Il cognome non lo so.
NICOLA: Va bene... dicimmo nu cognome qualunque... la signorina Flora... Flora... Provvidenza!
EUGENIO: Come?... Provvidenza?...
NICOLA: E ca chella na provvidenza è stata pe me! Luigi... famme lo piacere, tu tieni molto spirito... jesce tu fora a lo sipario e dì quatte parole lo pubblico dell’incidente che è succieso! E soprattutto ricordati che la parte della prima donna viene rimpiazzata dalla signorina Flora Provvidenza...
LUIGI: ...e bona speranza!... Va bene, mò ce penzo io! ( Via per il fondo a sinistra.)
NICOLA: Viciè, agge pacienza, và me chiamma a D. Gaetano lo direttore d’orchestra, dincello ch’ha da venì ccà!
VINCENZO: E me levate la multa?
NICOLA: Sissignore, te la levo... Ma mò ha da venì... mò ha da venì....
VINCENZO: E io mò lo faccio venì! (Via prima a destra.)
NICOLA: Che serata! Che serata! Lo dimane certo nun me soso!
DELEGATO (dalla prima a destra): L’impresario dove sta? Chi è l’impresario?
NICOLA: Sono io, che volete?
DELEGATO: Io sono il delegato di servizio. Vengo a dirvi che il pubblico fa chiasso... e giustamente, perché il sipario sta calato da mezz’ora... Che porcheria è questa?... Che l’avete pigliato pe lo teatro de li pupe? Questo è il teatro del Fondo... teatro municipale!
NICOLA: Signor delegato... dovete scusare... e nata una combinazione per la quale non si è potuto ancora tirare il sipario... La prima donna sta male!
DELEGATO: Che me ne importa della prima donna! Io voglio che si tiri subito il sipario!
NICOLA: E già... po’ ascite vuje llà ffora!...
DELEGATO: Esco io llà fora?
NICOLA: Ma scusate, un poco di logica ci vuole! Io comme lo tiro lo sipario senza la primma donna?
DELEGATO: Si fa rimpiazzare da qualche altra!
NICOLA: E chesto se sta facenno... Farà la parte un’altra giovine! Ho mandato ad avvisare pure il pubblico! (Di dentro si sentono urli e fischi.)
DELEGATO: Sentite... Sentite?... Quando mai al Fondo si è inteso questo?
NICOLA (esasperato): E mò se sente!
DELEGATO: Dunque, io vado... Fate presto. E non mi obbligate a tornare, se no ve faccio la contravvenzione! Eh! Con me si scherza poco! (Via dalla prima a destra.)
NICOLA (alla porta del camerino di Cesira): Piccerè... facite ambressa...





SCENA DECIMA

Celestino, poi le 4 donne con Nannina, poi Luigi e le comparse, indi Vincenzo e D. Gaetano, il maestro.

CELESTINO (di dentro): Impresario?... Impresario!... Dov’è l’impresario?...
NICOLA (allarmato): Chi è?...
CELESTINO (fuori, candido): Beh, che si dice?...
NICOLA (esasperato): Se dice che te piglio a càuce!!.
AMELIA (dal camerino di Cesira): Eccola qua!
ELVIRA (c.s.): Pare proprio bbona!
CARMELA: Quanto sta carella!
TERESINA: Venite... venite... (Esce Nannina in costume da operetta molto fantasioso, ampiamente scollato e molto corto. Cammina curva per non scoprire troppo le gambe e coprendosi il seno con ambo le mani perla vergogna. Vengono fuori anche le comparse dalla sinistra e Luigi dal fondo.)
NICOLA: Benissimo... Benissimo... State proprio magnifica!
EUGENIO: Facciamole un applauso! (Tutti battono le mani.)
NANNINA (pudica): Io me metto scuorno!
NICOLA: Ma che scuorno e scuorno!... Vuje state n’amore! (Incoraggiante:) Alzate la testa... così... dritta...
EUGENIO (avvicinandosi): Fate vedere... carina... (Le carezza il mento.)
NANNINA: Guè... Leva li mmane da lloco!... Nun me guardate!
EUGENIO: Signorì... non la guardiamo!
NANNINA: Mamma mia!... Mò sà che peccato aggiu fatto!...
NICOLA: Jate a chiammà lo suggeritore... presto... qualcuno...
NANNINA (cha già sta prendendo coraggio): No... io nun aggio bisogno de lo suggeritore... saccio tutto a mente... voglio solo l’entrata della musica.
NICOLA: Benissimo!
VINCENZO (dalla prima a destra precedendo Gaetano): Ecco ccà lo maestro.
GAETANO (dalla prima a destra. È un vecchietto vispo, arzillo e saltellante; porta occhiali a stanghetta. è in abito da sera. Reca con sé un fascio di carte da musica): Cosa c’è?... Cosa c’è?... Cosa c’è?...
NICOLA: D. Gaetà, scusate... accompagnate a sta ragazza l’aria di sortita del secondo atto...
GAETANO: Ah... è la signorina che rimpiazza? Piacere... piacere... piacere... (Al pianoforte e siede.)
NICOLA: Andiamo... Attenti al coro! (Nannina si pone nel mezzo della scena; tutti la circondano.)
NANNINA (canta):


Come son bella Non è più povera
Così abbigliata non è più quella!
Sembro una stella Come è simpatica,
Ah, sì! Sembro una sì, com’è bella!»
fata! Mi diè la sorte
Tutti mi dicono: tanto splendor…
«Oh, guarda Flora Mi diè la sorte
è potentissima tanto splendor…
ricca signora!
(Prosa)
E sapete perché?… Ma non lo dite a nessuno, per carità…
(Canto)
Mi fa la corte
l’imperator!…

NICOLA (che dirige, marca il tempo): Uno... due... (Dà l’entrata ai presenti che fanno da coro.)
TUTTI (in coro): Le fa la corte l’imperator!... (Tutti applaudono.)
NICOLA (entusiasta): Benissimo!... Voi siete un’artistona!... Voi siete una celebrità!... Andiamo in iscena!...
EUGENIO: Cesira è scappata?... Evviva Flora!...
TUTTI: Evviva Flora!... (Prendono in mezzo Nannina, ormai rinfrancata, festeggiandola.)
GAETANO (a Nicola): Neh, non date il segnale se prima non vado in orchestra... (Nell’andarsene verso la prima a destra urta in Celestino che, come al solito sta sempre in mezzo.)
CELESTINO (impermalito): Ma che sì cecato, neh pezzo d’animale?
GAETANO (offeso): Animale sarete voi!... Io sono un maestro conosciuto. (Esce.)
CELESTINO (gnidandogli dietro): Tu sì nu solachianiello!...
NICOLA: In iscena... in iscena... Buttafuori!... Il segnale!... Cielu mio fa j tutte cose buono!...
(Internamente si sente il campanello elettrico. Le donne con Nannina precedute da Eugenio, escono dal fondo. Le comparse si affrettano. è un momento di trambusto, nel quale Celestino mette maggior confusione poiché nella fretta lascia cadere ora l’elmo, ora la lancia, intralciando tutti. Nicola, esasperato, lo spinge fuori a calci. Finalmente tutti escono per il fondo. Pausa.)



SCENA UNDICESIMA

Felice e Cesira, poi Nicola.

CESIRA (dalla prima a destra seguita da Felice): è inutile... è inutile!... Voi non conoscete il mio carattere: ho detto che non canto più e non canto più neanche per un milione!...
FELICE (implorante): Signora prima donna... signora Cesira... per carità, non mi rovinate! Eccomi ai piedi vostri... Sì è vero, chella figliola s’ha pigliato ’o gelato cu mmico, ma senza nessun pensiero cattivo, ve lo giuro... Pensate che questo è il primo lavoro che ho scritto. Non mi fate fare una cattiva figura! Il pubblico, l’impresario, la stampa... tutti saranno contro di me!
CESIRA: Non me ne importa niente! Perché me l’avete negato, poco prima, che stavate nel caffè con una ragazza? Per ingannarmi? E tutte le gentilezze e le premure che avete avuto per me questo mese, l’avete fatte perché vi premeva l’operetta! Voi avete creduto di burlare Cesira per conservarvi la prima donna! Ma avete sbagliato, signore!
FELICE: Ma no... io vi amo... vi amo alla follia!
CESIRA: Adesso, in questo momento... perché avete bisogno di me!
FELICE: Ma no... oggi e sempre! Per voi farei qualunque cosa!
CESIRA: Benissimo! Allora datemi una prova del vostro amore!
FELICE: Una prova?... E quale?
CESIRA: Lasciamo l’operetta e andiamo via!
FELICE: Andiamo via? E come si fa col pubblico?
CESIRA: Insomma, alle corte: vi preme la prima donna o Cesira?
FELICE: Tutte e ddoje: Cesira e la primma donna!
CESIRA: Ah! no, signor Arturo! Vi sarà ben data una lezione! Voi altri per il fatto vostro, per i vostri interessi, credete di ingannare una povera donna! Io sò tutto! Oggi avete pranzato con lei, poi passeggiato in carrozza... ed in ultimo anche il gelato! Stasera poi siete venuto qui dopo il primo atto, mentre avevate promesso di venire dal principio, e siete venuto a trovare la prima donna, la quale deve farvi applaudire il lavoro, deve soddisfare il vostro amor proprio, i vostri interessi!... No... no... cento volte no!... Questa sarà la mia vendetta! E se sono ritornata qui è stato solo per sentire i fischi del pubblico e per vedere la vostra disperazione! (Di dentro si sentono frenetici applausi.)
FELICE (cadendo dalle nuvole): Che è stato?... Ch’è succieso?...
CESIRA (anche lei meravigliato): A chi s’applaudisce?... (Di dentro grida di «Autore! Autore!» e applausi prolungati.)
NICOLA (dal fondo. è soddisfatto. A Felice): Guè, tu stai lloco? Jesce fora, lo pubblico te vò!...
FELICE: E la parte de la primma donna chi l’ha rimpiazzata?
NICOLA: Na figliulella ch’è nu zuccaro!... Viene... Viene... (Di dentro grida come sopra. Felice sbalordito via per ilfondo. Nicola si rivolge con sarcasmo a Cesira.) Ah! Vuje site turnata? Avite fatta na bella azione! Adesso non abbiamo più bisogno di voi, perché la parte èstata rimpiazzata e va meglio!... Va meglio!... Va meglio!... (Marcando esce per il fondo.)
CESIRA (livida di rabbia): Possibile?!... E chi ha potuto rimpiazzà la parte mia dinto a nu mumento?... Chi è sta ciuccia che se permette d’ascì fora a li scene senza sapé chello ch’ha da fà?... (Scroscianti applausi in terni.) E bravo! Vì quant’applause... E dire che è lo stesso pubblico che poco primma applaudiva a me!... Mamma mia... m’avota la capa!... Mò si aggio dinto a li mmane chill’assassino de ll’autore, l’aggia rompere ll’osse!... (Entra furiosa nel suo camerino lasciando la porta socchiusa.)



SCENA DODICESIMA

Felice e Nannina, poi Nicola, indi D. Angelo, poi Eugenio, poi ancora Felice, indi di nuovo Nicola, D. Angelo e tutti gli altri attori e comparse con Celestino, indi un garzone di caffè.

FELICE (dal fondo, portando per mano Nannina che si schermisce. è costernato): Tu che arma de mammeta haje fatto?
NANNINA (scusandosi): Nun sò stata io... Me l’hanno fatto fà!...
FELICE (costatando): Li ggamme da fora... scollata... E se l’appura la madre rondinella tu me faje j ngalera!... Và te vieste!
NANNINA: Nun me lassate cchiù! Pe carità!... (Di dentro applausi e grida di «Fuori l’Autore».)
NICOLA: Feliciè... n’ata chiammata! (Lo spinge in fondo. Felice esce.) Mò è lo mumento de li ccorone!... (Chiama gridando e guardando verso la soffitta.) Ciccillo... Ciccillo... li curdine... li curdine... (Via pel fondo.)
ANGELO (dalla prima a sinistra): L’aggiu visto, sangue di Bacco! Mò nun me scappa! (Via pel fondo.)
EUGENIO (a Nannina): Signorina, voi siete un angelo... voi siete troppo bella... io vi amo... vi amo immensamente!!...
NANNINA (sbigottita): Per Carità, signore... lasciatemi...
EUGENIO: Io credevo di finirla con le attrici... ma voi non siete una attrice come le altre... Posso sperare che mi amerete un pochino?
NANNINA: Non posso, signore... io parto questa sera per Roma col treno delle 10 e 40.
EUGENIO: Le 10 e 40? Ma non farete più in tempo, signorina!
NANNINA: Allora partirò domani col primo treno!
EUGENIO: Benissimo! Lo pure debbo recarmi a Roma... Allora, a domani, signorina... a domani... (Le stringe le mani e via prima a destra.)
NANNINA: Quanto è simpatico!... Quanto me piace!...
FELICE (dal fondo, spaventatissimo): Pe carità, scappammo!... Lo maggiore me secuta co lo revolvere mmano!
NANNINA: E comme me ne vaco vestuta accussì?
FELICE: Tiene, miettete chisto ncuollo! (Le pone sulle spalle un mantello da comparsa che si trovava su una sedia.)
NANNINA: E li panne mieje?
FELICE Addò stanno?
NANNINA: Dinto a lo camerino de la prima donna, arravugliate a na mappata!
FELICE: Va buono... aspettame mmiezo a li gradde de la primma fila... mò piglio la mappata e vengo! (Spinge Nannina nella prima a sinistra, di dentro si sentono urla e fischi.) Cielo mio, aiutame tu!... (Entra nel camerino di Cesira.)
NICOLA (dal fondo spingendo Angelo): Fuori!... Fuori!... In palcoscenico non si può stare!...
ANGELO (è furioso. Ha infilate al collo e alle braccia due grosse corone di alloro. è armato di pistola. Eseguito da artiste e comparse che gli ridono e fischiano dietro burlandolo): Voglio l’autore!... Datemi l’autore!...
NICOLA: Sti ccurone non sò rrobba vosta!...
ANGELO (gridando): Me l’hanno menate!... Nun ne saccio niente!... Addò sta l’autore?... (Nel precipitarsi verso la prima a destra urta nel garzone di caffè che era in quel momento uscito recando un grosso vassoio con 12 gelati. Tutto va a finire a terra.) Mannaggia ll’arma de mammeta!... (Imprecando e urlando esce.)
NICOLA (gli corre dietro sulla porta gridando): Sapete, voi dovete pagare il caffettiere!... Afferrate a stu signore!... (Momento di tafferuglio: le comparse si sono precipitate sui gelati caduti, cercando di afferrarne e strappandoseli di mano a vicenda. Celestino è riuscito a raccoglierne diversi che pone nell’elmo. Nella confusione, si apre il camerino di Cesira e ne esce Felice: ha il naso insanguinato, il cappello schiacciato, il frak lacerato in più punti. Porta un involto con gli abiti di Nannina.)
FELICE: Mamma mia!... M’ha scummato de sango!... (Fra le grida di Nicola, la confusione delle comparse, l’invadenza di Celestino, cala la tela.)

Fine dell’atto secondo







Nessun commento:

Posta un commento