mercoledì 4 aprile 2012

Eduardo De Filippo - ’na santarella, Commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta, Atto Primo


L'ARTE DELLA COMMEDIA

’na santarella
da Mam’zelle Nitouche, di Weilhac e Milland
Commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta

ATTO PRIMO



L’azione si svolge in Napoli verso il 1880. Il primo e il terzo atto nel convento delle Rondinelle. Il secondo sul palcoscenico del teatro del fondo.


ATTO PRIMO


La scena rappresenta una sala del «Convento delle Rondinelle» ai Ponti Rossi. Nel fondo grande apertura che lascia intravedere il giardino, col muro di cinta. Alle pareti laterali quattro porte: due a destra, due a sinistra. Le porte in primo piano sono un po’ più piccole delle altre. A sinistra, fra le due porte, vi è un piccolo organo. In fondo a destra un piccolo paravento ripiegato ed un tavolino. Sedie di legno distribuite per la scena. Sulla tavola vi è una grossa lanterna accesa. All’alzarsi del sipario la scena è quasi buia, giacché l’atto s’inizia alle prime ore del mattino. Gradatamente poi, nel corso dell’atto, col progredire del giorno, la scena viene illuminandosi sempre più.




SCENA PRIMA

Michele, poi Biase.

MICHELE (esce dalla prima a destra, con scopa in mano): E mò accummencia n’ata jurnata! Nun me ne fido proprio cchiù... Na vota me putevo sosere a chest’ora... ma mò nun lo pozzo fà cchiù... tengo sittant’anne, cinche mise e quatte juorne!... Eh!... E a chi lo cconto?... Appena me lagno nu poco, D.a Rachele, la Superiora, se fà afferrà chello d’è cane... «Mantenete pulito il convento... Alzatevi presto... » Eh! è na parola!... Io ajere mmatina me susette ambressa, ma pò... pe tramente me stevo vestenno me cuccaje nterra!... Ch’aggia fà, quanno nun me fido?... Che songh’io?... (Guarda verso il giardino.) Sta facenno juorno... stutammo la lanterna... (Esegue.) Aissera nce lo ddicette a lo cunfessore: Io non me fido de fà sta vita... comme aggia fà?... «Agge pacienza, Michè — me dicette — Nun te trapazzà... fallo chiano chiano... e nun ghiastemmà!...» Ma comme aggia fà?... Si lo ffaccio chiano, D.a Rachele allucca... Cielu mio aiutame tu! (Si mette a spazzare con molta calma.) Io pò dico accussì, putarria scupà n’ato... Nonsignore: haje da scupà tu!... Lo ffanno apposta pe me fa jastemmà! (Con proposito.) Ma io nun ghiastemmo, vì... Io moro, ma nun ghiastemmo!... (Continua a spazzare. Si lamenta:) Ah!... Ah!... Comme me fanno male li rine... nun me pozzo adderezzà cchiù! (Prende una sedia e siede in mezzo alla scena.) Apprimma dinto a n’ora me scupavo tutto lo cunvento... Mò no: mò l’aggia fà chiano chiano e senza jastemmà! Làsseme scupà nu poco vicino a la porta de lo maestro... si no chillo pò allucca! (Si alza e prende la sedia.) Sti ssegge, và trova pecché, giorno pe giorno se fanno sempe cchiù pesante... Sarà l’umidità, forse! (Siede di nuovo e stando seduto spazza intorno a sé. Poi si sposta sempre con la sedia dall’altro lato e continua a spazzare seduto.)
BIASE (dalla prima a destra, con giacca e berretto da cuoco): Michè... (Lo vede che scopa seduto e ride.) Uh! Mamma mia!... Tu che stai facenno?
MICHELE: Sto scupanno... nun lo vvide?
BIASE: E ched’è... scupe assettato?
MICHELE: E che vuò da me, quann’io nun me fido?... Lo ccafe ll’haje fatto?...
BIASE: Gnorsì, sta tutto pronto.
MICHELE (alludendo al suo compito): Biase mio... è vita che nun la pozzo fà cchiù.
BIASE (a parte, squadrandolo): Qmmo co la scopa mmano. (Apre un libro che aveva con sé e legge. è la cabala del giuoco del lotto.) Ommo co la scopa mmano... 67... 
MICHELE (accortosi della manovra di Biase): Lo vì lloco, lo vì... E chesto fa sempe!...
BIASE (misterioso) Michè... si sta vota faj chello che te dico io, cagnammo pusizione tutte e dduje!... Tengo tre nummere proprio a licchetto!... Cinche lire pedòno a terno sicco, pigliamme cinquantamila franche... facimmo cinquantamila zumpe!...
MICHELE (rettificando): Cioè... zumpe tu... Io comme zompo cchiu?
BIASE: Statte zitto, nun. pazzià... Sabato simme ricche!
MICHELE (incredulo): Bià, vattenne, famme stu piacere... Tu sempe chesto haje ditto e mai nu nummero avimmo pigliato!
BIASE (convinto): Ma mò è certo! (Racconta:) Stanotte, all’una e mezza, io stevo affacciato a lo fenestone de la strada... nun se senteva manco na mosca... quanno tutto nzieme è passato n’ommo a cavallo a nu ciuccio che diceva: «Me parene mill’anne che me mengo dinto a lo lietto!...». Ommo a cavallo a lo ciuccio: 54... e lietto: 5... Doppo na mez’ora è passata ne femmena e ha ditto: «Tenevo 59 solde... n’aggiu spise cinche, so’ rimaste 54. Dunque: 5 lo lietto, 21 la femmena e 54 ommo a cavallo a lo ciuccio!».
MICHELE: Ma comme, uno parla e tu faje li nummere?
BIASE: Se capisce! E accussì se pigliano li tierne... le quaterne... Lo mese passato io comme pigliaje l’ambo? Venette la Superiora dinto a la cucina e me dicette: «Munzù, quanno facite la pummarola, mettitiece nu poco de zucchero si no è aspra ». Io facette: 27 lo zzucchero e 46 la pummarola!
MICHELE: Tu che dice?
BIASE: Eh, che dico!... Me pezzecai vinticinche piezze!... Tu qualunque cosa siente che te facesse nu poco de mbressione, fà e nummere e pò vide si nun piglie lo terno!...
MICHELE (interessato): Overo?
BIASE: Guè, chillo dice: Overo?... (Racconta:) Na vota nu cumpagno mio cuoco ne fuje cacciato da lo padrone sujo pecché nun se truvaje na pusata d’argiento... Lo pover’ommo era innocente: jette addo lo signore pe cuntà le rragione soje e chillu le dicette: «Si viene n’ata vota te piglio a mazzate! Tu sì mariuolo e nun t’aggia fatto j dinto a lo ccarcere, pecché songo nu signore nobbele!». Chillu se nejette... e facette: 38 le mazzate, 44 lo ccarcere, 69 lo signore nobele e 79 lo mariuolo... Quanno fuje lo sabato... ppà... tutte e quatte...: sissantamila piezze!...
MICHELE (stordito dalla cifra): Uh! Mamma mia... Bià, tu mò me fai murì...
BIASE Eh, te faccio murì... Chiste songo fatte, amico mio!
MICHELE (deciso): Va buono, nun te ne ncarricà. Da oggi in poi qualunque cosa sento faccio li nummere!
BIASE: Bravo!... E sti ccinche lire me le vuò dà pe trasì mpurzione?...
MICHELE: Cinche lire?... Bià... pecché nun ce mettimmo ddoje lire pedono?
BIASE (sprezzante): Ddoje lire? E che pigliammo cu ddoje lire? Lo butto o adda essere buono o niente! (Perentorio:) Damme cinche lire, nun me fà jastemmà...!
MICHELE (subito, premuroso): Nonsignore, nun ghiastemmà! (Cava di tasca una calza, la svolge, ne tiro fuori cinque lire e le dà a Biase, rimettendo in tasca la calzo.) Tiene!
BIASE (intasca il danaro): Va buono, mò ce penz’io pe ghiucà lo biglietto. Jammo dinto mò... E gguaglione s’hanna piglià lo ccafè...
MICHELE (mettendosi sotto il braccio a Biase): Bià... che fortuna si pigliasseme lo terno!
BIASE (sicuro): Lo pigliammo, lo pigliammo... nun te ne ncarricà! (Si avviano. Si sentono sette rintocchi d’orologio.) Zitto! (si ferma e conta i rintocchi)... ddoie... tre... quatte... cinche... sei... e sette!... (A Michele:) Ogge quanto n’avimmo?
MICHELE: Dicennove...
BIASE: Sette e dicennove! (Deciso:) Damme na lira!
MICHELE: E pecché?
BIASE: Damme na lira, nun me fà jastemmà...
MICHELE: No, senza jastemmà, pe ammore de lo cielo! (Prendela solita calzo e dà la moneta richiesta.) Tiene!
BIASE: Jammuncenne!
MICHELE (che non ha capito): Ma che vuò fà? Ch’è stato? Ched’è?...
BIASE (contraffacendolo): Che vuò fà?... Ch’è stato? Ched’è... Haje ntiso la campana?... E nun te ne ncarricà!
MICHELE: Aveva sunà la campanella a tiempo pe perdere n’ata lira a mmano a mmano!... (Esce con Biase dalla prima a destra.) (La scena rimane un attimo vuota. Improvvisa mente si sentono abbaiare diversi cani internamente. Ormai è giorno fatto.)





SCENA SECONDA

Felice, poi D. Rachele, indi Felice di nuovo.

FELICE (compare sul muro di cinta del giardino, al di là della porta di fondo. Scavalca il muro cadendo nel giardino e viene avanti. è in frak, sul quale porta un soprabito, e un cilindro): Passa llà... passa llà... Puzzate sculà... Vì quanta cane che stanno dinto a sta massaria!... Ma che bellu càucio ch’aggiu avuto... m’ha ntrunato tutta la persona!... Nun voglia mai lo cielo e lo ssapesse la Superiora!... Mò me vaco a vestì subito da organista... Sperammo che nun m’avesse visto nisciuno!... Che nuttata ch’aggiu passato!... (si avvia verso la prima porta a sinistra.) ...e che bellu càucio ch’aggiu avuto!... (Via.)
RACHELE (dalla seconda a sinistra, di dentro): Va bene... va bene... vengo subito! (Fuori.) Già incomincia a venì gente nella cappella per sentir cantare le mie pensioniste! Ma si capisce... di tutti i conventi, questo delle Rondinelle è quello dove si fa miglior musica... Convento di cui ho il piacere di essere la Superiora! Bisogna anche dire che abbiamo per organista un giovane di gran talento... il signor D. Felice... il quale dà a tutte le ragazze delle lezioni eccezionali... è proprio un bravissimo giovane... (Alla porta di Felice:) Signor organista?... Signor organista?...
FELICE (di dentro): Chi è?
RACHELE: Sono io, la madre Superiora...
FELICE (sempre di dentro): Ah, siete voi, sorella?...
RACHELE: Sicuro! Vengo a ricordarvi che ad un altro poco le vostre scolare debbono cantare!
FELICE (di dentro): Ah! Sicuro... è ora. Mi vesto e vengo subito... Ma non entrate, sorella... chè io sto indecente!...
RACHELE: Ma no... ma no... non entro! Fate col vostro comodo!
FELICE (di dentro): Vengo subito, vengo subito!
RACHELE: Senza fretta!... (Viene avanti.) Che buon giovane, s’ha da dì la verità... è proprio una perla! Nun fa ato tutta la jurnata che leggere, scrivere e dà lezioni... (Si avvia a sinistra.) è proprio un sant’uomo, quest’organista... un sant’uomo! (Esce per la seconda a sinistra.)
FELICE (dalla sua camera. è vestito da organista: scarpine con fibbia, nere; calze lunghe nere, pantalone corto nero stretto al ginocchio, giacca della foggia di quelle indossate dai pastori evangelici, cioè chiusa al collo su colletto da sacerdote: ha in testa una papalina nera:) Eccomi quà, signora Superiò... (Si accorge che D. Rachele non c’è...) Ch’ha fatto?... Se n’è ghiuta? Meglio accussì! (Sospira di sollievo.) Ah! Mò aggiu pigliato fiato!... Si quaccheduno me vedeva correre pe dinto a le mmassarie, co lo tubo, co la sciassa... io l’organista delle Rondinelle... mamma mia... E addò me jeva a mettere co la Superiora... co lo Governatore?... Quando n’ero pigliato e n’ero cacciato senza pietà! Senza pietà!... Nun voglia mai lo cielo e ccà se sapesse che io aggiu scritto un’operetta per il teatro del Fondo, intitolata: «La figlia dell’Imperatore» e che stasera va in iscena... Mamma bella!!... Eh, ma io però so’ stato preveggente... Vicino lo cartiello nun aggiu fatto mettere lo nomme mio... aggiu fatto mettere: «...del maestro Arturo Maletti». La partitura sta cca... mmiezo a sti ccarte... (Indica l’organo.) Nisciuno sape niente! Ajere ssera se facette la prova generale e stasera finalmente va in iscena! Aggiu avuto nu càucio?... E che me ne preme?... (Parlando al pubblico.) A prpposito... vuj mò vulisseve sapé io da chi aggiu avuto stu càucio? è vero?... Ecco qua: dovete sapere che ieri sera, dopo la prova generale... la quale fenette nientemeno li ddoje doppo mezzanotte... la primma donna, chella che fa la parte de la figlia de l’Imperatore, una certa Cesira Perella, ma... (Con gesto significativo.) ...na sciasciona!... pe forza me vulette fà cenà cu essa a la casa soja... Io credo che si sia innamorata di me... non lo so’ certo... Basta, jètteme a casa, cenajeme... e doppo vulette fà un’ultima prova del duetto finale del secondo atto, quando il paggio si getta ai piedi di Flora e le chiede amore. Io facevo lo paggio... Mentre stevo dicenno: (Accenna cantando:) «Flora, mia bella Flora... tu non rispondi ancora?...» me sento arrivà nu càucio arreto, ma proprio numero uno! Nu caucio tanto forte che me so’ truvato mmiezo a li ggrade senza addunarmene! Lo guardaporte m’ha ditto: «Fuìte, fuìte... pecché si lo maggiore v’have dinto a li mmane, chillo v’accide!». E chi è lo maggiore?... «E lo nnammurato de la signurina!». Scuse!... Fortunatamente che essa, vedendolo trasì ha stutato lo lume e nun m’ha potuto vedé... e si no stasera chi ce jeva a lo teatro? Io nun ce jevo certo!





SCENA TERZA

D. Angelo, Michele e detto.

ANGELO (di dentro, seconda porta a destra): Grazie, grazie,... A me non piacciono tante cerimonie!
FELICE (impaurito): Ma chesta me pare la voce de lo maggiore... Sissignore, è isso!... Cielo mio, aiutame tu!
ANGELO (fuori, seguito da Michele): Dite alla Superiora che il maggiore D. Angelo Cannone desidera parlarle!
MICHELE: Subito. (Via seconda a sinistra.)
FELICE (a parte): (Uh, chisto è lo frate de la superiora!...).
ANGELO (saluta Felice, burbero): Buongiorno!
FELICE (umile): Salute e bene!
ANGELO: Voi pare che siete l’organista di questo convento?
FELICE: Indegnamente, signor maggiore, indegnamente!...
ANGELO: Mi hanno detto che siete un bravo maestro!
FELICE: è bontà di chi lo dice, signor maggiore!...
ANGELO: Avvicinatevi!... (Pausa.) Avvicinatevi!
FELICE (a parte): (Eh, mamma, mò!... Aiutame tu!...). (Si avvicina timidamente.)
ANGELO: Ditemi na cosa... Conoscete per caso un maestro di musica chiamato Arturo Maletti?
FELICE: Arturo Maletti?... No, signor maggiore!...
ANGELO: Veramente lui non è un maestro di musica del vostro genere... compone delle operette... delle bestialità!... Non lo conoscete? Eppure fra maestri di musica v’avarrisseva conoscere...
FELICE: Eh! Che volete, signor maggiore... siamo tanti. E poi, voi dite che scrive le operette... e l’operetta non è per noi... l’operetta non è per noi!...
ANGELO: Già... sicuro... Va bene! Ll’aggia ncuccià... Io nun song’ommo che me faccio passà la mosca pelo naso! (Alzando la voce:) Aggiu fatto tridece battaglie... tengo 43 ferite!... Ll’aggia ncuccià... ll’aggia ncuccià! (Minaccioso.)
FELICE (a parte, piano): (Io aggiu passato lo guajo!...).
ANGELO (impaziente): Ma sta Rachele vene e nun vene? Io nun me fido de aspettà!... Nun aggiu aspettato mai a nisciuno!... Me sento frìere le ggamme!... (A Felice:) Maestro, fatemi il piacere di dire a mia sorella che io aggio che fà e che non pozzo aspettà cchiù!
FELICE: Subito, signor’maggiore... (A parte.) (Io chesto jevo truvanno de me ne j!...). (Forte:) Vi servo subito!... (Via seconda a sinistra.)
ANGELO (solo): Sangue de Bacco! Nun ce pozzo penzà... A me se fà chesto? A me?!... (Racconta:) Alle tre dopo mezzanotte, l’autore dell’operetta in casa di Cesira!... Il signor Arturo Maletti! Essa ha truvato la scusa che stevene pruvanno lo duetto finale... A chell’ora se prova lo duetto? Nun lo ppozzo mai credere!... (Minaccioso:) Stasera... stasera, signor autore ce vedimmo a lo Fondo... Voglio fà cose de pazze! Mò capisco pecche da na quinnicina de juorne Cesira nun me tratta cchiù comme me trattava!... Dinto a lo palco mio poco ce guarda cchiù.... La sera nun vò cchiù cenà cu mmico pecché dice che nun se fida! è stato isso! è stato isso, l’autore, che me l’ha fatta cagnà!... Pe mò ha avuto nu buonu càucio... Stasera po’ parlammo!... Aggiu fatto tridice battaglie... cu mmico nun se pazzéa!




SCENA QUARTA

Rachele, Michele e detto.

RACHELE (dalla seconda a sinistra): Guè, Ngiulì... stai ccà?
ANGELO: Sora mia cara... t’aggia parlà de n’affare importantissimo!
RACHELE (premurosa): Comme staje? Staje buono?
ANGELO: Eh! Non c’è male... (A Michele:) Voi potete andarvene!
RACHELE: Michè, sta rroba miettela llà ncoppa.
MICHELE: Sissignore. (Depone sul tavolo i due pacchi che aveva in mano.) Donna Rachè, scusate... chistu signore v’è frate?
RACHELE: Sì, bello mio. Simmo sulamente io e isso de famiglia!
MICHELE: Io nun lo ssapevo... è proprio nu bellu signore!
ANGELO: Grazie, grazie! Eh! Io sarría cchiù bello, mio caro! La vita militare m’ha sciupato... Io aggiu fatto tridice battaglie... lo cuorpo mio è chino de pertose!
MICHELE (a parte): (Comme fosse na scolamaccarona!...). Permettete... (Via seconda porta a destra.)
RACHELE: Dunque, Ngiulì... dimme na cosa: pecché nun t’haje fatto vedé tantu tiempo?
ANGELO: Cara Rachele, io sono occupatissimo, sai...
RACHELE Hai ragione, hai ragione... Io t’aggiu purtato sti dduj cartocce. (Indica quelli poco prima deposti da Michele sul tavolo.) Uno è di frutte sceruppate... ll’ato so’ pastarelle co lo zucchero e butirro, che facimmo nuje stesse ccà dinto. Te piacene le frutte sceruppate?
ANGELO: Eh, accussì accussì... (Ricordando, a denti stretti, a parte:) (Frutte sceruppate!... Quante ce n’aggiu purtate a chell’assassina!... L’attaccavo a chile!...).
RACHELE: Che staje dicenno?
ANGELO: Niente, n’affare mio...
RACHELE: Quanno te ne vaje, te le ppuorte, haje capito?
ANGELO: Sì, sì... te ringrazio tanto tanto!... (Cambiando argomento:) Dimme na cosa, Rachè... fra le guaglione che tieni, ce sta na certa Fiorelli?
RACHELE: Nannina? Sì.
ANGELO: Embè, haje da sapé che lo zio e la zia sono miei strettissimi amici!
RACHELE: E ponno essere cuntente de la nepote! è proprio n’angelo, la più istruita de tutte le guaglione... Suona il pianoforte magnificamente, conosce la musica a perfezione... ubbidiente, educata, modesta... Pe soprannome tutte quante a chiammano «’a Santarella!... ».
ANGELO: Va bene, chesto nun me preme... Se tratta de farla spusà nu buonissimo giovine... ufficiale... il contino Eugenio Porretti, di distintissima famiglia. Io lo voglio molto bene pecché se lo merita. Isso, sapendo che te so’ frate, m’ha mannato a pregarte che le faje vedé la guagliona!
RACHELE: Nce la faccio vedé?... E comme nce la faccio vedé?
ANGELO: Comme nce la faje vedé? Vene ccà e la vede!
RACHELE: Vene ccà? Ngiulì, tu che dice?... Ccà uommene nun ce ne ponno trasì!...
ANGELO: E ched’è, io nun so’ trasuto?
RACHELE: Che c’entra... tu sì n’ata cosa... tu me sì frate!
ANGELO: E comme facimmo? Io mò me so’ compromesso cu chillo... Che figura faccio? (Contrariato sta per dire un improperio:) Mannaggia...
RACHELE (subito, scandalizzata): Eh!! Ngiulì!...
ANGELO (c.s.): Sangue...
RACHELE: Zitto!
ANGELO: Maledetto...
RACHELE: Sssst... pe carità!...
ANGELO: Rachè... famme stu piacere... in linea eccezionale...
RACHELE (perplessa): Che te pozzo dicere... questi sono i regolamenti! Sà che vuò fà? Dì a stu giovine che venesse... lo faccio parlà cu Nannina, ma senza vederlo!
ANGELO: E comme, ce parla senza vederla?
RACHELE: Trovo io nu mezzo... nun te ne ncarricà!
ANGELO: Nun può fa niente cchiù de chesto?
RACHELE: Niente cchiù! E lo faccio per te, fratello mio!
ANGELO: Va bene. E io ti ringrazio! Mò passammo a n’ata cosa! Cunuscisse nu certo Arturo Maletti, maestro di musica?
RACHELE: Arturo Maletti? No.
ANGELO: Manco tu lo cunusce!... Già, a chillo chi lo cunosce? Nu strascinafacenne qualunque!
RACHELE: Ma pecché, chi è?
ANGELO: No... niente... e uno che ll’aggia taglià lo naso, aggia fà parè na capa de morte!
RACHELE: Ma pecché, che t’ha fatto?
ANGELO: Che m’ha fatto?... Mi ha tolto tutto! (Patetico:) Essa non mi ama più!...
RACHELE: Chi?
ANGELO: Cesira... la mia Cesira!
RACHELE: E chi è sta Cesira?
ANGELO: La primma donna de lo teatro a lo Fondo!
RACHELE (scandalizzato): E me lo vviene a dicere a me, neh Ngiulì?
ANGELO: E a chi ce lo vaco a dicere?... Io tengo sulo a te, sora mia... Tu sei tutta la mia famiglia!
RACHELE (con gli occhi al cielo): Cielo mio dalle le lume!
ANGELO: Rachè... ma si vide quanto è aggraziata... specialmente quanno fa «Les cloches de Comeville...».
RACHELE: Che cosa?
ANGELO: Le ccampane de Corneville!... (Accenna comicamente apassi di danza, canticchiando:) «Guardate un po’... di qua e di là... siam graziose in verità...».
RACHELE: Zitto... pe carità! Cielo mio assistilo tu!
ANGELO: Hai ragione... Me songo troppo trasportato!... M’aggia vendicà de chella carogna!... Stasera parlammo... Rachè, statte bbona... scusa, sa...
RACHELE (con ammonimento): Bada a chello che faje, frate mio!
ANGELO: Nun te ne ncarrica... Dunque, io pozzo dicere a chillu giovine che po’ venì?
RACHELE: Sì, ma non per vederla... Pe ce parlà!
ANGELO: Pe ce parlà, va bene! (Per andare.) Statte bbona...
RACHELE: Aspetta... mò te scurdave le frutte sceruppate e le ppastarelle... (Gli dà i due pacchetti.) Tiene.
ANGELO: Grazie tante... Statte bbona!
RACHELE: Statte buono!
ANGELO (a parte, avviandosi) (A n’ommo ch’ha fatto tredici battaglie se fa chesto?... Va bene! Ma si lo ncoccio, povero a isso... povero a isso!). (A Rachele:) Scusa, Rachè, si me so’ trasportato ma che vuo... quanno penzo a chella femmena, nun ragiono cchiù! L’avissa sentì dinto a «Mascotte»...: (accenna c.s.) «Vò bene ai miei piccioni...». (E saltellando comicamente esce dalla seconda a destra.)
RACHELE: Povero frate mio... se vede proprio che ha perzo la capa!




SCENA QUINTA

Felice e detta, poi Michele, indi Nannina.

FELICE: Signora Superiora, è l’ora del passeggio in giardino... non hanno dato ancora il segnale...
RACHELE: Ah, sicuro! (Chiama:) Michele?... Michele?
MICHELE: Comandate?
RACHELE: Il segnale per il passeggio!
MICHELE: Subito! (Per andare.) (Passeggio!... Và trova «passeggio» quanto fa... Mò nce lo vvaco a addimmannà a Biase!). (Per andare a destra.)
RACHELE: Dove andate?
MICHELE: Jevo a addimmannà na cosa lo cuoco...
RACHELE: Che cuoco, e cuoco... Andate a fare quello che vi ho detto! Una cosa vi si deve dire sempre due volte! Ma che diavolo!
MICHELE (alludendo alle parole testè pronunciate da Rachele): (Ddoje e sittantasette!...). (Via per il fondo a sinistra. Dopo breve pausa si sente suonare una campanella.)
FELICE (che nel frattempo è stato a cercare tra le carte che sono sull’organo, sempre più allarmato): (Io nun trovo la partitura de l’operetta... Chi se l’avarra pigliata?...).
RACHELE: E così, maestro?... Come si portano le ragazze?
FELICE: Benissimo, signora superiora... C’è specialmente la signorina Fiorelli che è proprio un portento!
RACHELE: Ah! La santarella?... Che angelo di figlia!... Oh, eccola qua! E come? Non è scesa in giardino?
NANNINA (dalla seconda a destra. è severamente vestita da educanda, in grigio. Ha gli occhi bassi e atteggiamento compunto. Appena fuori va a baciare la mano a Rachele): Signora Superiora...
RACHELE (materna): Benedetta, figlia mia... benedetta!
NANNINA (bacia la mano a Felice): Maestro...
FELICE (con comica gravità): Benedetta, figlia mia... benedetta!
RACHELE: Avete inteso il segnale e non andate in giardino?
NANNINA: Madre, se permettete, vorrei chiedervi una grazia!
RACHELE: Una grazia? E quale, figlia mia?
NANNINA: Invece di andare a passeggiare, vorrei passare questo tempo a studiare col signor organista...
RACHELE: (Che angelo!...). Ma voi amate troppo lo studio, figlia mia... troppo!
NANNINA: Sì, è vero... perché sò che alla fine dello studio vi è la ricompensa!
RACHELE: E quale?
NANNINA: Una parola d’incoraggiamento dettami da voi, mia buona madre!
RACHELE: E questa voi la chiamate ricompensa?
NANNINA: Preziosa ricompensa... ed io farei qualunque cosa per meritarla!...
RACHELE: (Che perla! Che perla!). Brava! Brava! Figlia mia, voi siete l’orgoglio di questo convento!... Siete una vera Santarella! (La bacia sulla fronte.)
NANNINA: Grazie, madre mia!




SCENA SESTA

Michele e detti.

MICHELE (dalla seconda a destra): Fore ce sta nu giovene... M’ha dato stu biglietto de visita. (Lo dà a Rachele.)
RACHELE (legge): «Conte Eugenio Porretti»... (Già è venuto!...) (A Michele:) Addò ll’haje fatto aspettà?
MICHELE (che a parte almanaccava tra sé numeri del lotto): Comme?
RACHELE: Addò ll’haje fatto aspettà?...
MICHELE: Fora a la saletta de lo parlatorio.
RACHELE Va bene. Dincello che aspettasse nu mumento.
MICHELE: Sissignore. (Via a destra.)
RACHELE: Dunque, signor organista, voi darete a Santarella una lezione straordinaria!
FELICE: Sì, signora superiora.
RACHELE: Permettete un momento... torno subito... Benedetta, figlia mia... benedetta! (Via a destra.)
FELICE: Io credo, ragazza mia, che avreste fatto meglio ad andare a passeggiare in giardino... Il moto fa bene alla salute!
NANNINA: Sì... ma io preferisco studiare... studiare sempre!
FELICE (a parte): (E io passo lo guajo!...).
NANNINA Maestro, si nun ve dispiace... me vularria passà nu poco lo «Gloria in excelsis» ch’aggia cantà domenica.
FELICE: Il «Gloria in excelsis?...».
NANNINA: Sissignore...
FELICE: E poi andate a passeggiare?
NANNINA: Sissignore...
FELICE: Lo passiamo due o tre volte?
NANNINA: Sissignore...
FELICE: E ghiammuncenne! (Siede all’organo ed attacca il «Gloria in excelsis» che Nannina canta, con atteggiamento ispirato.)
NANNINA (canta): Gloria in excelsis
gloria in excebsis deo...
Et in terra
et in terra pax hominibus...
(A questo punto Felice attacca un motivo di polka.) Maestro... che state facenno?... (Ride.)
FELICE: Eh!... Ferma... ferma... Scusate, ho sbagliato!... Ma chi cancaro m’ha mbrugliato sti ccarte?... (A parte.) (Aggiu pigliato lo finale de lo primm’atto!...). Ricominciamo da capo! (Riattacca il «Gloria» che Nannina canta come prima. Dopo poche battute attacca però un valtzer.)
NANNINA (ridendo): Maestro?... Che facite?...
FELICE: Eh!!... Ferma... ferma, ch’aggiu pigliato n’ata chicchera!... Io nun saccio che diavolo hannu cumbinato cu sti ccarte!... Quaccheduno certo me l’avrà mbrugliate!... Vurria sapé proprio chi è stato...
NANNINA (tradendosi): Io... (E subito si ferma mordendosi le labbra.)
FELICE (Stupito) Voi?!... Siete stata voi?!...
NANNINA (riprendendosi): No... stavo dicendo...: Io... nun ne saccio niente... (E abbassa gli occhi ridendo maliziosamente.)
FELICE: Eh!... Siete stata voi... ne sono sicuro, state redenno!
NANNINA (confessa): Embè sì, maestro! Ve dico la verità: so’ stata io! Siccome m’ero accorta che vuje annascunniveve sempe cierti ccarte de musica, me venette lo gulìo de vedé de che se trattava!
FELICE (contrariato): E stu gulìo nun v’ha da venì!
NANNINA: E nu juorno, mentre vuje nun ce stiveve, io trasette dinto a la cammera vosta e truvaje nientemeno «La figlia dell’Imperatore!...».
FELICE: Zitta, pe carità!
NANNINA: Ogne sera po’, quanno tutte quante se so’ ghiute a cuccà, io vengo zitto zitto... me piglio la partitura e me metto a sunà!...
FELICE: Bravissimo! Questa, per esempio, è una cosa che non si fa! Una buona ragazza non lo fa!
NANNINA: Pecché, che ce sta de male?
FELICE: Tutto il male possibile? Ed io lo dirò subito alla madre superiora!
NANNINA (incredula): Voi lo dite alla madre superiora?... (Ride.)
FELICE: No, piccere... nun ridere cu mmico, che me tuocche li nierve! Col maestro non si ride!
NANNINA: Allora avita dicere alla madre superiora che voi, l’organista del Convento delle Rondinelle, avete scritto un’operetta per il teatro del Fondo, che è intitolata «La figlia dell’Imperatore» e che stasera va in iscena!
FELICE: Statte zitta, mannaggia ll’arma de mammeta! E dimme na cosa: tu comme lo ssaje che stasera va in iscena?
NANNINA (furba): Eh!... Lo ssaccio! Aieressera truvaje la partitura arravvugliata a nu giurnale... io lo liggette e truvaje l’annunzio pe stasera... è overo che se fa stasera?
FELICE: Sissignore, è overo... Ma per carità, non dite niente!
NANNINA: Oh! Vi pare!... Allora vuje stasera avita j a lo teatro?
FELICE: E se capisce!
NANNINA: E comme facite pe ascì da ccà senza dà nisciuno sospetto?
FELICE: Io te lo dico, ma tu mi prometti di non dir niente?
NANNINA: Oh, ve lo giuro!
FELICE: Mi posso fidare?
NANNINA: Fidatevi pure!
FELICE: Sul tuo onore?
NANNINA: Sul mio onore!
FELICE: Psss... basta! Comme aggiu fatto pe nu mese de seguito!
NANNINA (meravigliato): Pe nu mese?...
FELICE: Già... Scavalco chillu muro... cammino tutta la massaria... po scavalco nu secondo muro e me trovo mmiezo a la strada. Me metto dinto a na carruzzella e vaco o Fondo. Dimane matina faccio lo stesso e me trovo ccà a li sette!
NANNINA: Bravissimo! Avite truvato nu bellu mezzo!... Scavalcanno dduje mure... (Assorta:) Si putesse io pure... Già, io nun lo ppozzo fà... io tengo la veste... (Contrariata:) Mannaggia la vesta!
FELICE: Pecché, che vulive fà?
NANNINA: Niente... m’era venuto nu penziero!... Vulevo venì cu vuje lo teatro pe sentì l’operetta!
FELICE (sbalordito): Tu?!... Lo teatro?!... Figlia mia, mò sei pazza, mò!
NANNINA: Pecché?
FELICE: Perché sei pazza, te lo dico io! Come?... Una fanciulla del convento delle Rondinelle se mette a scavalcà dduje mure... E si appura la madre Rondinella... cioè, la madre superiora?... (Scandalizzato:) Questo che cos’è?... Non lo dire più! E che si direbbe dite domani mattina?... (Con ironia:) Oh! Che santarella... che angioletto... che perla... scappa di sera, scavalca dduje mure e va nientemeno a nu teatro!... No, no, no... lèvate stu pensiero la capo, si no dico tutte cose alla madre superiora, e a chello che ne vene vene!
NANNINA (con rammarico): Sì... avete ragione, maestro! Capisco che è na cosa impossibile!... Non fa niente... Avevo tanto piacere de sentì... chella bella musica!
FELICE (lusingato): Te piace?
NANNINA: Assai assai! Ll’aggiu letta quinnice, sidece vote... e nun me stanco mai... Che musica!...
FELICE (con falsa modestia): Sì... ce stanno delle cose indovinate!
NANNINA: Delle cose?... Ma tutta!
FELICE: Per esempio: l’uscita dell’Imperatore...
NANNINA: Ah! Bellissima... E lo duetto co la principessa?... L’aria del paggio?...
FELICE: Ah, l’aria del paggio! Sì, quella m’è riuscita na cosa nuova!
NANNINA: Sì, ma a me me piace cchiù lo duetto co la principessa Flora!
FELICE: E grazie, quello è il capolavoro dell’operetta!
NANNINA: Sulamente al finale ce sta na nota che nun aggiu pututo capì buono!
FELICE: Ah! La nota al finale del duetto? E quella non deve essere cantata, deve essere starnutata!
NANNINA: Starnutata?... E comme?
FELICE: Sternutata! E llà sta l’effetto!
NANNINA: Quanto è aggraziata... quanto me piace... Nun pare mai che l’avite scritta vuje...
FELICE: Neh, grazie della bella opinione che tieni di me!
NANNINA: Che c’entra... dico: nun pare mai che l’avita scritta vuje che site abituato a fà musica sacra; pare scritta da nu maestro del genere!
FELICE: Ah, mò va bene!
NANNINA (pregando) Maestro... cantammola nu poco...
FELICE: Tu che dice?... Si quaccheduno ce sente?
NANNINA: Nonsignore, nun avite paura, nun ce sente nisciuno! Nuje cantammo zitto zitto... Jammo, maestro...
FELICE (cedendo): Mi tocchi sulla musica ch’aggiu scritto io... (Informandosi:) ’E ppiccerelle addò stanno?
NANNINA: Dinto a lo giardino.
FELICE: E la superiora?
NANNINA: Dinto a la saletta de lo parlatorio.
FELICE: E ch’haje ditto che vuò sentì?
NANNINA: Lo duetto co la principessa!
FELICE: Te lo sì mparato a mente?
NANNINA: Sulo lo duetto? Io saccio tutta l’operetta a memoria!
FELICE (ammirato): Ma guardate!... Già, quando la musica è bella s’impara presto!
NANNINA: Bella! Ma quella è una musica sublime, una musica divina... (Impaziente:) E ghiammo, maestro!
FELICE (raccomandandosi.) Nannì... zitto zitto... e avvisami subito si vene quaccheduno!
NANNINA: Nun ce penzate, me sto attienta io! (Felice siede all’organo e suona il duetto, cantandolo con Nannina.)
FELICE (canta): Come, tu... mia bella Flora!
NANNINA (canta): Sì! Son io che qui ti aspetto!
FELICE: M’ami dunque?
NANNINA: E non ancora
sei convinto dell’amor!
Qui fermata nel boschetto,
qui fermata nel boschetto
per te presi un raffreddor!
Qui fermata nel boschetto...
per te presi un raffreddor!
Ah!
FELICE: Me lo giuri?
NANNINA: Te lo giuro!
Più non posso respirare...
ma che fa, ti voglio amare
sempre sempre mio tesor!...
(Ripetono a due: «Melo giuri?». Arrivati alla fine Nannina si accorge dell’avvicinarsi di Rachele e ne avverte Felice.) Maestro... la Superiora!... (Felice immediatamente cambia la musica e attacca il «Gloria» che Nannina, ponendosi in atteggiamento estatico, con le braccia incrociate al seno e lo sguardo rapito rivolto al cielo, prende a cantare.)
Gloria in excelsis...
gloria in excelsis deo! Et in terra
et in terra pax hominibus!...




SCENA SETTIMA

Rachele e detti, indi Michele ed Eugenio.

RACHELE (dalla destra. Si ferma e guarda la coppia con tenerezza.) Brava! Brava figlia mia!... Ma basta adesso! Il troppo studio vi può far male seriamente!
NANNINA: Come volete voi madre mia!
RACHELE: Come si è portata, maestro?
FELICE: Magnificamente, signora superiora!... (Chesta overo va bello!).
RACHELE: Ora, maestro, scusate... lasciateci un momento sole! Debbo dire una cosa a Santarella!
FELICE: Subito, signora superiora!... (Eh! Santarella!... Si sapesse chesta che tene ncuorpo!...). (Via.)
NANNINA: Che volete dirmi madre mia?
RACHELE: Ecco qua... dovete sapere... (Chesta mò certo se spaventa!)... Fuori vi è una persona che desidera parlarvi!
NANNINA: Una signora?
RACHELE: No, un signore!
NANNINA (sorpresa): Un signore?... (Gridando con esagerato spavento.) No... no... madre mia!
RACHELE: (Io l’aggiu ditto!...). Non vi mettete paura... è un Ispettore del Ministero... un vecchio...
NANNINA: Un ispettore?... Un vecchio?...
RACHELE: Sì! E venuto per interrogare la migliore allieva del convento delle Rondinelle... e questa siete voi, cara Nannina!
NANNINA: Oh, madre mia!
RACHELE: Sì! Così ho detto all’ispettore... egli sta per entrare!
NANNINA: Ma, madre mia... le regole del convento?
RACHELE: Non dubitate: voi non lo vedrete ed egli non vi vedrà! Ascolterete la sua voce e egli ascolterà la vostra... voi risponderete a tutte le sue domande!
NANNINA: Come volete voi, madre mia!
RACHELE: (Che angelo! Che angelo!). (Chiama.) Michele?
MICHELE: Comandate?
RACHELE: Piglia subito chillu paravento e miettelo ccà!
MICHELE: Sissignore. (Esegue mettendo il paravento nel mezzo.)
RACHELE: Così, bravo! Fate entrare il signor Ispettore.
MICHELE: Subito. (Via a destra.)
RACHELE: Voi non vi muoverete da quà e rispondete esattamente!
NANNINA: Sì madre mia!
RACHELE: (Che perla! Che perla!).
MICHELE (introduce Eugenio): Favorite, favorite... (E via.)
EUGENIO (elegante nella sua divisa. Pantaloni azzurri a bande rosse; giubba nera; guanti bianchi; sciabola. Porta il chepì in mano.) Grazie. (A Rachele:) Ebbene, signora?
RACHELE: Essa è là... (Indica il paravento. Eugenio ha un moto istintivo per andare di là dal paravento.) Eh! Eh!... Scusate... ricordate il nostro convenuto!
EUGENIO (frenandosi): Va bene, non dubitate! (Si avvicina al paravento e facendo una voce da vecchio si rivolge a Nannina che è dall’altra parte.) Perdonate signorina del disturbo! Non vi spaventate: io conosco la solennità di questa santa casa... sò che nessun uomo vi entra mai... ma io lo posso perché sono il più vecchio dei professori... sono proprio il decano degli ispettori!
NANNINA (ingannata dalla falsa voce da vecchio di Eugenio): (Mamma mia! Ha da tené per lo meno ottant’anni!).
EUGENIO: In questo giorno il Ministero mi ha comandato di fare un’ispezione in questo convento... Qui mi hanno indicato voi come modello di virtù, d’intelligenza e di candore! Ditemi dunque, come passate l’esistenza in questo convento?
NANNINA (a Rachele che è in disparte e presenzio al colloquio): Debbo rispondere, madre mia?
RACHELE: Sicuro, rispondete!
NANNINA: Signor Ispettore, io vi giuro che non perdiamo mai tempo: dalla mattina fino alla sera, non facciamo altro che studiare e pregare! Alle sette e mezza preghiera del mattino. Dalle otto alle nove: passeggiata in giardino, ove raccogliamo rose e viole per la nostra buona superiora! Dalle 9 alle 12 si studia sempre. Nell’ora di ricreazione, cioè dalle 12 all’una, ci occupiamo a fare confetture, dolci e altre cose squisite! Dall’una alle due si studia musica, si prova qualche coro per cantarlo la domenica! Dalle tre alle quattro si pranza: i cibi sono squisiti, ottima la cucina: tre piatti e la minestra. Alle 4 e mezza si prega. Alle cinque passeggiata in giardino. Dalle sei alle otto si studia, dalle otto alle nove si prega... poi un poco di cena e si va a letto dopo aver baciato la mano alla nostra buona superiora! Siamo tutte istruite abbastanza... conosco la musica, canto discretamente, suono il pianoforte benino, per quello che mi dicono, e parlo mediocremente il francese: «Nôtre bonne mère la superieure rien nous fait desirer... Elle nous trait très bien; je vous assure monsieur l’Inspecteur que dans ce convent on vit hereuses et tranquilles! Nous nous aimons comme des seures: jamais des disputes, d’agaceries... toujour d’accord! Nous ne connaissons que trois choses: la prière... l’etude et l’obeissance!».
EUGENIO (a Rachele): Ma che bella voce, che bella voce... che bei sentimenti!... Voglio vederla!
RACHELE: Ah, no! scusate... E la promessa?...
EUGENIO: Avete ragione... ma che volete... ha una voce che rapisce! Permettete che continui a parlarle?
RACHELE: Questo si!
EUGENIO (riprende a parlare con voce da vecchio): Signorina?
NANNINA: Signor Ispettore?
EUGENIO: Avete pensato qualche volta che un giorno dovrete uscire dal convento?
NANNINA: Sì, qualche volta! Ma questo pensiero mi ha talmente rattristata che subito ho cercato di distrarmi!
EUGENIO (a Rachele): (Non ci credo!...) E dite un po’... Avete mai pensato al matrimonio?
NANNINA (con esagerata sorpresa): Al matrimonio?... Al matrimonio?... Madre mia, avete inteso?... Ha detto «matrimonio!...».
RACHELE (con rimprovero a Eugenio): Perché avete detto matrimonio? (A Nannina:) è niente, figlia mia, è niente... non ti mettere paura!...
NANNINA (piagnucolosa): No... no... me ne voglio andare!
RACHELE: Nonsignore, aspettate... deve andar via prima l’Ispettore! (A Eugenio, piano:) (Comme v’è venuto ncapo de dì matrimonio?).
EUGENIO (piano): (E m’è scappato!...).
RACHELE: (E nun ve l’aviveva fà scappà!...).
EUGENIO: (Ma come, debbo andare via senza vederla?...).
RACHELE: (Si capisce! è stato il nostro convenuto!...).
EUGENIO: (Ma almeno fatemi vedere una piccola cosa...).
RACHELE: (è impossibile, signore... Queste sono le regole del convento!...).
EUGENIO: (Va bene... la vedrò a Roma in casa di suo zio! Intanto, signora superiora, prendete questa lettera... e suo zio che vi scrive... (La dà.) Vi ringrazio di ciò che avete fatto per me!).
RACHELE: (Ma niente... per carità!...).
EUGENIO (forte): Vi giuro che ho provato una grande soddisfazione interrogando la signorina Annina Fiorelli! (Si volta verso il paravento e s’inchino.) Signorina...
NANNINA (che durante il dialogo di Eugenio e Rachele ha cercato inutilmente di guardare al di sopra del paravento, s’inchino a sua volta): Signor Ispettore...
EUGENIO (a Rachele): Vi ringrazio di nuovo, madre! (Esce a destra. Rachele legge la lettera: il suo viso esprime rammarico.)
NANNINA (a parte): (Nun aggiu pututo vedé comm’era!... Ma io nun credo che era viecchio... Si era viecchio nun mettevene lo paravento!...
RACHELE (che ha letto): Lo zio me scrive che se vò retirà la guagliona da lo convento... e oggi stesso ha da partì pe Roma!... Quanto me dispiace!... (Chiama:) Michele?... Michele?...




SCENA OTTAVA

Michele e dette, poi Felice.

MICHELE (dalla destra): Signora Superiora?...
RACHELE: Leva stu paravento... nun serve cchiù!
MICHELE: Subito. (Esegue e via.)
NANNINA: Se n’è andato il vecchio ispettore?
RACHELE: Sì, figlia mia... se n’è andato... e m’ha rimasto stu biglietto di tuo zio col quale mi dice che te vò ritirà dal convento delle Rondinelle...
NANNINA: Possibile?... (È contenta, ma non vuoi darlo intendere.)
RACHELE: E mi prega di farti accompagnare da una persona di fiducia fino a Roma!... E oggi stesso devi partire!...
NANNINA: Oggi stesso?
RACHELE: Sì, col treno delle 2 e 30... così dice la lettera!
NANNINA (con falso rammarico): Alle due e trenta? E pecché accussì ambressa?...
RACHELE: (Povera innocente... ma io nun le voglio dicere che se tratta de matrimonio!...). Da qualche parola che mi ha detto l’ispettore, credo che zizìo avesse l’intenzione di chiuderti in qualche convento di Roma!...
NANNINA (questa volta il suo disappunto è autentico): N’atu convento?!
RACHELE (continuando nella bugia): Forse pe farte piglià lo voto, figlia mia!... Non ti affliggere... bisogna ubbidire a zizìo!
NANNINA (a parte): (N’atu convento?... Seh!... E stai fresca!...).
RACHELE: La lettera è precisa: tu haje da partì ogge assolutamente... Ma da chi te faccio accompagnà?... Ce vularria na persona de fiducia... Ah!... Aggiu penzato! Te faccio accompagnà da D. Felice l’organista! Sicuro... e addò lo trovo meglio de chillu llà?... (Alla porta.) D. Felice?... D. Felice...
FELICE (dalla prima a sinistra): Chi è?... Eccomi quà, signora superiora!
RACHELE: Signor organista, voi mi dovete fare un grandissimo favore! Nannina è stata chiamata dallo zio a Roma... e con questa lettera mi prega di farla accompagnare da una persona di fiducia! Io ho pensato subito a voi!...
FELICE (contrariato): A me?...
RACHELE: Sì, a voi! E sarete tanto buono di consegnarla questa sera allo zio e ritornerete domani al giorno! Ecco!
FELICE (a parte): (Stateve bene! E io comme faccio co la prima rappresentazione?...). (Cerca pretesto.) Ma vedete, signora superiora, io...
RACHELE: Voi che?... Voi siete l’unico che potete accompagnarla! Non dubito affatto dei vostri princìpi e della vostra bontà!
FELICE: Vedete, signora superiora... non era per questo... vi volevo far riflettere che le ragazze poi come fanno a stare 24 ore senza lezione?... (Il pretesto è meschino, ma in mancanza di meglio Felice vi conta.)
RACHELE: Di questo m’incarico io! Io voglio assolutamente che mi facciate questo favore! (Piano a Felice:) (Si tratta di matrimonio, capite?...).
FELICE: (Ah! Si marita la ragazza?...).
RACHELE: (Si marita per gloria del Signore!...).
FELICE: (E allora sia benedetta... sia benedetta... sia benedetta!!..).
RACHELE (a Nannina): Sei contenta figlia mia che ti accompagna il maestro?
NANNINA (umile): Come volete voi, madre mia!...
FELICE (a parte): (Ma che assassina che è chella!...).
RACHELE: Dunque siamo intesi?
FELICE (rassegnato) Va bene... vi servirò!
RACHELE: Grazie! (A Nannina:) Io te vaco a preparà la rrobba... c’è poco tempo da perdere: il treno parte alle due e trenta... nun vularria scumparì cu zizìo! Quando un parente mi dà un ordine, lo debbo subito eseguire! Permettete! (Via a sinistra seconda porta.)
NANNINA (non appena esce Rachele cambia atteggiamento: l’aria compunto, il contegno serio, cedono ad una irrefrenabile vivacità. Gli occhi le brillano di malizia. Scoppia in una gran risata e additando Felice gli si rivolge con grande ilarità): Voi, signor maestro, mi accompagnerete fino a Roma!... Ce ne jammo nzieme! (Si stropiccio le mani contenta.) Oh, che piacere... oh, che piacere!... (Presa da euforia saltella per la scena.)
FELICE (avvilito): E io aggiu passato lo guajo! Comme faccio co la primma rappresentazione?... Per lo meno se crederanno che io me sò messo paura d’essere fiscato!... E po’... llà sta annunziato vicino o manifesto: «L’autore assisterà alla rappresentazione!». Che figura faccio? E Cesira che m’aspetta immancabilmente!... Voi vedete la combinazione!...
NANNINA (colpita da un’idea): Psss... stateve zitto... stateve zitto... stateve zitto....
FELICE: Chi sta parlanno?...
NANNINA: Aggiu fatto na magnifica penzata! Vedite si ve persuade! Noi all’una ce ne jammo e facimmo vedé che ghiammo a la stazione... Invece de j a la stazione, jammo a mangià ncoppa a na bella trattoria... Certamente pe mangià se ne passa n’ora! Doppo mangiato ce mettimmo dinto a na bella carrozza e ce facimmo na cammenata... Ogge po’ ce jammo a piglià nu bellu gelato! Quanno so’ ll’otto, me mettite dinto a nu bello palco a lo Fondo... Vuje ve ne jate ncoppa a le scene e io me sento cuieta cuieta lo primmo e lo second’atto de chella bella musica! Quanno songo de diece me venite a piglià e tutte e dduje tantu bello ce mettimmo dito a na bella carruzzella, jammo a la stazione e partimmo pe Roma colo treno de le 10 e 40. Dimane mmatina me cunsignate a zizìo tantu bello e ve ne jate!.. Comme ve pare?
FELICE: Ma sei un tipo, sà!... Sei un gran tipo!... Chillo po’ zizìo, vedennoce arrivà dimane mmatina, tantu bello, invece de stasera, come lui ha ordinato... piglia nu bellu bastone, e ce fa na bella mazziata!... Comme te pare?...
NANNINA: Ma che mazziata... Nuje truvammo na scusa qualunque... (Altra idea.) Ah! Sentite: dicimmo che la superiora ce aveva fatto partì a li ddoje e trenta, ma po’ a me m’è venuta na convulsione, e simmo state fino a la sera dinto a la stazione!...
FELICE: Ma sei tremenda, sà! Vì quanta mbroglie sai cumbinà! Mannaggia ll’arma de la santarella!...
NANNINA: Dunque che dicite?... Vulite fà comme aggiu ditto io?
FELICE: è impossibile! Io non mi posso mettere nella posizione de passà nu guajo!
NANNINA: E comme lo passate stu guajo?
FELICE: Lo passo... se capisce! Te pare... te metto dinto a nu palco... te porto a nu teatro a sentì l’operetta... E si quaccheduno te vede?
NANNINA: Chi m’ha da vedé?... A me nun me cunosce nisciuno!
FELICE: Non posso, Nannì... non posso! Tu me fai truvà dinto a nu guajo!... Mo dico tutte cose a la superiora e stateve bene! (Chiama.) Signora Superiò...
NANNINA: No, no, no!... Nun ve pigliate collera... nun ce penzammo cchiù! Quanno songo le ddoje e meza partimmo pe Roma!... Facite na bella figura, veramente!... «L’autore assisterà alla rappresentazione!...» Bravo!... Tutto il pubblico va vedenno l’autore addò sta... «Neh?... L’autore addò sta?»… e nun lo trova!... Finisce il primo atto, vengono gli applausi...: «Fuori l’autore! Fuori l’autore!...» (Batte le mani.) E l’autore addò sta? L’autore nun ce sta!... E pecché non è venuto?... Pecché s’è miso paura de li fische!... E allora pecché l’ha fatto mettere vicino a lo manifesto?... Quanno nun vuleva venì pecché l’ha fatto annunzià? Pe che sta cosa lo pubblico s’indispone e a lo second’atto accummencia a fiscà: «Giù la tela! Giù la tela! Nun vulimmo sèntere niente cchiù!». ...Bella cosa! Bell’onore per voi! Addò jate a mettere cchiù la faccia?... (Scaltro.) La penzata ch’avevo fatto io era bona, pecché se salvava l’uno e l’altro! Stasera eravate autore, domani organista! Io stasera ve sbatteva li mane... e dimane mmatina ve vasavo li voste pe l’ultima vota! Vuje dìreve contento io ero soddisfatta, zizìo era ubbidito, la superiora vi ringraziava... ed il pubblico vi applaudiva! (Con rimpianto, ma già sicura di aver convinto Felice con la sua argomentazione.) Ma vuje avite ditto che non potete... e allora partimmo a le ddoje e trenta e nun ce penzamrno cchiù!
FELICE (ha seguito con interesse il discorso di Nannina, assumendo diverse espressioni, ora di approvazione, ora di esaltazione, ora di abbattimento. Alla fine è quasi vinto): (Chesta nun è na femmena: chesta è na diavola! Comme ha ditto essa sarría buono... io nun mancarria la primma rappresentazione... a essa la metto dinto a nu palco a quarta fila... Che diavolo, hanna guardà justo a essa?...).
NANNINA: Dunque, pigliate lo cappiello e ghiammuncenne! (Fa per andare.)
FELICE: Aspetta, cappiello!... Viene ccà!
NANNINA: Che vulite?
FELICE: Va bene... io alla penzata ch’haje fatto tu... acconsento!
NANNINA (trionfante, grida lieta): Acconsentite?
FELICE: Psss... statte zitta! Ca tu me fai perdere o ppane!... (Ammonendo:) Ma tu però m’haje da promettere ca nun cacce la capa da fora lo palco e nun te faje vedé!...
NANNINA: Nun ce penzate... io me metto dinto dinto!
FELICE: Allora va bene!
NANNINA: Me purtate a lo teatro?
FELICE: Psss!... Te porto a lo teatro!
NANNINA: Ah! Che piacere... che piacere... Vaco a vedé l’opera! Vaco a sentì la musica!... Bene! Bene!... (Mentre ilare salta per la scena, si sente di dentro la voce di Rachele. Nannina istantaneamente cambia atteggiamento, fingendo di piangere dirottamente.)




SCENA NONA

Rachele e detti, poi Michele, indi Biase, poi di nuovo Michele.

RACHELE (di dentro): Va bene... va bene... verrà a salutarvi subito. (Esce dalla destra.)
NANNINA (Fingendo di piangere a singhiozzi): Ah! Madre mia!... Madre mia!... Perché vi debbo lasciare?... Io vi amo troppo!...
RACHELE (commossa): Figlia mia nun chiagnere... me faje venì na cosa dinto a lo stommaco!... (Piange abbracciata con Nannina.)
FELICE (a parte): Io n’aggiu visto guaglione assassine, ma comme a chesta nun ce ne stanno!... (Chiamando:) Michele?... Michele?...
MICHELE: Comandate?
FELICE: Lo cappiello e lo bastone... subito!... (Michele si avvia con lentezza.) No... tu haje da correre!...
MICHELE: Subito! (Via prima a sinistra poi torna.)
NANNINA (sempre col finto pianto nella voce): Vuje po’ me screvite?...
RACHELE: Se capisce! Nun me scurdarraggio cchiù de te! (Piange:) Figlia mia!... Figlia mia!...
BIASE (uscendo dalla seconda a destra): Ch’è stato?... Ch’è succieso? (A Felice:) Prufessò... ch’è stato?
FELICE (con finto pianto anche lui): La più buona ragazza se ne va dal convento!
MICHELE (dalla prima a sinistra con cilindro e bastone di Felice): Ecco servito.
NANNINA: Voglio vasà a tutte le cumpagne meje!
RACHELE: Sì, ma nun chiagnere, figlia mia!
MICHELE (commosso): Povera criatura... me fa na pena!... Se ne va!... Se ne va!... (Piange.)
BIASE: M’ha fatto spartere lo core!... (Piangendo prende per mano Michele e lo porta avanti.) Cinche e sissantàcinche!...
FELICE: Fatevi coraggio, fanciulla celeste!...
NANNINA } (piangendo): Ih!!...

(Mentre tutti piangono, calo la tela.)

Fine dell’atto primo






Nessun commento:

Posta un commento