lunedì 26 marzo 2012

IL Teatro San Ferdinando

L'ARTE DELLA COMMEDIA
 
 

Al San Ferdinando si giunge percorrendo tutta via Foria, lasciandosi alle spalle il popolare quartiere della Sanità, quello in cui nacque Totò, quello in cui Eduardo fece vivere tanti suoi personaggi, quello i cui suoni ed i cui colori ispirarono la scrittura di questo grande autore ed attore. Si prosegue avanti, verso le palme dell'Orto Botanico, fiancheggiando palazzi malandati i cui cortili celano magnifici giardini segreti semiabbandonati. Si passa oltre la mole severa della Caserma Garibaldi e  la via Fridiano Cavara. La traversa successiva è via Giuseppe Antonio Pasquale, in fondo vi si vede la sagoma del Teatro.
Eduardo aveva aperto il suo teatro ricostruendone le macerie acquistate subito dopo la guerra. Voleva saggiamente far rivivere la storia di un teatro glorioso e popolarissimo, sorto nel cuore della sezione Vicaria alla fine del millesettecento. La data dell'apertura dell'antico Teatro San Ferdinando, chiaramente dedicato al Re Borbone, non trova concordi tutti gli storici. Benedetto Croce la fissò al 1790 mentre Vittorio Viviani dice della sua inaugurazione nella stagione invernale 1797-98.
A promuovere la costruzione del nuovo teatro fu secondo Benedetto Croce il notaio Gaetano Francone in società con Pasquale Pignata e Giuseppe Di Giovanni, attori del San Carlino, Vittorio Viviani l'attribuisce invece al principe Ripa Francesconi di Columbrano, mentre Giovanni Artieri sostiene che fu costruito per volontà dei principi Ripa Franconi di Colobrano, Fiorino, Santobuono e Torchiarolo.



Una leggenda popolare invece vuole che il teatro sia stato fatto costruire per volontà dello stesso re Ferdinando IV, Re nasone, unitamente ad un palazzo in cui alloggiare una sua figlia malata e bisognosa dell'aria salubre di quei siti lontani dalla città, o addirittura per una sua amante.
Certo è che quando il 4 agosto del 1790 fu proposto di chiamare il futuro edificio Teatro Ferdinando IV la Deputazione dei Teatri diede parere negativo sentenziando che "non è stato costruito per il Real comando e a spese Regie" e propose invece di imporre, come era abitudine in quegli anni, il nome di un santo.
A realizzare il progetto fu chiamato l'architetto Camillo Lionti e la spesa per realizzarlo fu di circa 39.000 ducati. Il San Ferdinando aveva una vasta platea ellittica, quattro ordini di palchi, cinque per ogni fila, arredati con tredici poltrone, ed un palco reale. Un secondo palco era riservato alla famiglia del sovrano che lo frequentò con assiduità.
Per inaugurare il teatro fu data un'opera di Domenico Cimarosa, e per lungo tempo il teatro fu prestigiosa meta delle serate dei nobili napoletani.
Il San Ferdinando fu poi sede del teatro di Adamo Alberti che invano cercò di legarlo a commedie di teatro in lingua; decadde rapidamente e nel '48 diventò un teatro per filodrammatici.
Fin quando vi si insediò, scritturato dagli impresari Bartolomeo e Golia, "don Federico Stella" attore popolarissimo che vi debuttò con Tenebre e amore , un dramma di Crescenzo Di Maio.
Federico Stella rimase incontrastato padrone di quel palcoscenico per quasi quarant'anni, cedendo il passo soltanto per poche sere, durante il periodo natalizio alla Cantata dei pastori, durante il periodo pasquale alle Sacre Rappresentazioni della passione e morte di Cristo, e durante il carnevale alla irresistibile comicità di Antonio Petito.


Durante quegli anni Federico Stella fu un vero maestro di teatro per più generazioni di attori, la sua inventiva non conosceva limiti, la sua capacità di improvvisare e risolvere le situazioni impreviste era leggendaria, così come la sua gentilezza e la sua capacità di ridere degli scherzi. Come in ogni compagnia che si rispetti infatti erano all'ordine del giorno gli scherzi che gli attori si facevano durante le recite. Una volta Crescenzo Di Majo gli fece saldare la spada al fodero ed attese che venisse il momento della "scena madre" in cui lo Stella furibondo doveva sguainarla per trafiggere il collega Giuseppe Pironi. Dopo aver tentato invano di estrarre la sua spada Federico Stella con uno sguardo furibondo gli voltò le spalle dicendogli "anche alla mia spada ripugna il tuo sangue".
Il Pironi d'altra parte fu un "cattivo" odiatissimo dal suo popolarissimo pubblico che, durante gli spettacoli gli tiravano contro ogni sorta di oggetti o lo apostrofavano con terribili insulti minacciandolo di aspettarlo 'a parte 'e fore per fargli jettà 'o sango. Qualche volta, dopo lo spettacolo, dovette intervenire addirittura lo Stella per placare la folla inferocita che assediava il San Ferdinando.
Stella, che riuscì come nessun altro ad eccitare e trascinare il suo pubblico in una vertiginosa altalena di sentimenti, fu dunque il re di quel teatro fino al 20 settembre del 1926, ultima sua rappresentazione in La bella di Portacapuana. Aveva allora ottantaquattro anni, ed in quegli anni il San Ferdinando fu, come scrive Giovanni Artieri, "arena di vicende e passioni sceniche nelle quali la plebe di Napoli, attanagliata nella lotta tra il bene e il male per sette o otto atti, veniva liberata dal vindice intervento del "dito di Dio ".
Il San Ferdinando continuò a mantenere il suo carattere di teatro popolare, dando spazio ad altri attori come Amedeo Girard o come Salvatore De Muto, leggendario Pulcinella che fu vicino ad Eduardo De Filippo il giorno dell' apertura del ricostruito San Ferdinando.
Intanto il teatro era passato dalla sceneggiata, dove primeggiava la Compagnia Cafiero-Fumo, al cinematografo, perdendo il suo prestigio e il suo nome. Diventò teatro Principe e vide impoverire il suo pubblico. Fino all'agosto del 1943 quando un bombardamento lo ridusse ad un cumulo di macerie.



Quelle macerie cariche di storia e di passione le comprò Eduardo De Filippo, il 25 febbraio del 1948, per la somma di tre milioni. I lavori di abbattimento di quei ruderi e quelli di ricostruzione durarono fino al 22 gennaio del 1954, quando Eduardo presentò al suo pubblico Palummella zompa e vola di Antonio Petito.
Fu finalmente il teatro di Eduardo: un teatro tra i più belli e moderni della città. Un accogliente ridotto, capace di ospitare mostre, dibattiti e soprattutto di accogliere un numeroso pubblico prima e dopo lo spettacolo è disposto su tre livelli raccordati da una doppia scala di marmo. Incassato nella parete sinistra del livello centrale fa bella mostra un grande Pulcinella di marmi policromi disegnato da Titina De Filippo.
Quattro scalinate portano alla sala, una platea molto accogliente, in leggero declivio verso il palcoscenico, come per un abbraccio che leghi pubblico ed attori, sopra una fila di palchetti che invece dell'abituale numerazione hanno i nomi di personaggi del teatro napoletano, Stella, Cammarano, Petito, Trinchera, più in alto la balconata.
In compagnia con Eduardo e, naturalmente Titina, c'erano attori come Luisa Conte, Tina Pica, Amedeo Girard, Ugo D'Alessio, Pietro Carloni, Gennarino Palumbo, Thea Prandi, Nino Veglia.
La prima "stagione" del ricostruito San Ferdinando iniziò dunque con la Palummella dell'inaugurazione, furono poi messe in scena Miseria e nobiltà di Scarpetta, Signorine e Addio mia bella Napoli! di Ernesto Murolo, Monsignor Perrelli di Starace, 'A pace d'a casa di Domenico Petriccione, Mese mariano di Di Giacomo, 'O professore di Libero Bovio, Pronti vengo di Rocco Galdieri, 'O cumitato di Costagliola e Chiurazzi, Montevergine di Domenico Romano, Don Giacinto e 'A figliata di Viviani, Sarà stato Giovannino di Paola Riccora e Natale in casa Cupiello.
Un panorama a tutto tondo insomma, a cui si aggiunsero negli anni i titoli meravigliosi di tanti autori italiani e stranieri ma soprattutto quelli che hanno formato il teatro di Eduardo amatissimo dal pubblico napoletano.


Il San Ferdinando oggi
Il Mercadante Teatro Stabile di Napoli, dall’ottobre 2007, lavora alacremente per riportare il San Ferdinando ad un’attività “ordinaria” nel tempo più breve possibile, ma contemporaneamente senza deludere le aspettative della città sulle ambizioni di quel Teatro, così carico di storia e di prestigio.
Il percorso immaginato per la stagione 2008-09 prevede ulteriori tappe di avvicinamento all’obiettivo finale, un tragitto che, opportunamente aggiornato, sulla scorta dell’esperienza fin qui fatta, tiene conto delle opportunità creative e di programmazione già avviate.
È opportuno ribadire quanto più volte sottolineato, circa la “vocazione naturale” del Teatro di Eduardo, in relazione anche alla complessità sociale del quartiere circostante per confermare la necessità di cercare fin dall’inizio una relazione positiva con la città che lo accoglie, attraverso iniziative laboratoriali, di promozione e di informazione che coinvolgano la collettività in maniera ancor più diretta della programmazione spettacolare.
L’ambizione del Teatro Stabile di Napoli è quella di collocare il Teatro San Ferdinando al centro di una fitta rete di relazioni creative, sociali, umane: aprire, insieme all’apertura fisica del Teatro, uno “spazio pubblico”, una “casa” della città, laboratorio permanente di creazione artistica che si relazioni quotidianamente con le persone, i gruppi, le associazioni che a vario titolo e a diversi livelli di impegno hanno ugualmente improntato la propria attività alla promozione civile e alla crescita culturale della comunità.



L’attenzione sarà inizialmente concentrata sulle potenzialità espresse dal quartiere, per poi allargarsi verso uno “sconfinamento” nei quartiere Sanità da una lato e Borgo Sant’Antonio Abate dall’altro, entrambi molto prossimi al San Ferdinando e a via Foria.
Un’attività alla quale il Mercadante dedicherà notevoli energie e che vede già impegnati in maniera forte e diretta i nuovi componenti del Comitato Artistico, Valeria Parrella, Lorenzo Pavolini e Francesco Saponaro, che contribuiranno, ognuno per il proprio specifico, a qualificare e arricchire la proposta complessiva.
Dopo l’inaugurazione del 1° ottobre 2007, con La tempesta di Shakespeare tradotta da Eduardo De Filippo e interpretata dalla Compagnia Marionettistica dei Fratelli Colla, le attività del Teatro San Ferdinando sono proseguite, sempre in ottobre, con alcuni spettacoli compresi nel programma del Prologo del “Teatro Festival Italia” e - tra dicembre 2007 e gennaio 2008 - con la ripresa di Falstaff. Un laboratorio napoletano, diretto da Mario Martone e interpretato da Renato Carpentieri e da un gruppo di giovani attori e alcuni ragazzi del carcere minorile di Nisida.
Sempre nel corso del 2008 il San Ferdinando è stato sede dei laboratori di preparazione dello spettacolo ‘A sciaveca di Mimmo Borrelli, per la regia di Davide Iodice (produzione del Mercadante che ha debuttato alla 51a edizione del Festival dei due Mondi di Spoleto) e di due rappresentazioni dello spettacolo finale del terzo movimento del progetto Arrevuoto. Scampia | Napoli. Nel mese di giugno, infine, il Mercadante, in occasione della prima edizione del Napoli Teatro Festival Italia, ha presentato nella storica sala eduardiana due coproduzioni: L’inseguitore di Tiziano Scarpa per la regia di Arturo Cirillo e Chie Chan e io adattamento di Giorgio Amitrano, da un romanzo di Banana Yoshimoto per la regia di Carmelo Rifici.

Nessun commento:

Posta un commento